close

Enter

Log in using OpenID

delgm.23 - Comune di Adrano

embedDownload
(PROVINCIA Dt CATANTA)
DELIBERAZIONE ORIGIN ALE DELLA GIUNT A COMIIN ALE
N.
L3
'l
itet
l Ft$,?014
Reg. Gen.
OGGETTTO: Recupero e valorizzazione
protocollo d'intesa.
L'annoduemilaquauordici
Arno2014
ilel centro storico - approaazione
ddìj^a^ltùkJ^:c-
det
mesedi
Abb)&;
uteor".L'3,'2L'
nella sala delle adunanze della SedE Comunale. si è riunita la Giunta Comunale convocata nelle
forme di legge.
Presiede I'adunanza
Signori
il Sig.
Ferrante Giuseppe nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti
:
P
1
2
3
4
5
6
7
Ferrante Giuseppe
Anzalone Angeln
Longo Clinrn
Gullotta Giosuè
Zignale Maurizio
Matticn Pietro
Scannqliei Brendn
Sindnco
Vice Sirdnco
{
Assessore
(
Assessore
K
Assessore
Assessore
Assessore
{
A
x
X
N7
TOTALT PRESENT/
N.'+-
Risultato legale il numero dei presenti il Presidente dell'adunanza dichiara aperta la
seduta ed invita i Convocati a deliberare sull'oggetto sopraindicato.
Partecipa
il
V. Segretaio Generale dott. Saloatore Valastro
LA GIIINTAMUNICIPALE
>
VISTA L'ALLEGATA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE;
PREMESSO CHE SULLA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE RELATIVA ALL'OGGETTO:
Recupero e ralorizzazione del centro storico
- approvazione protocollo
il'intesa.
IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO INTERESSATO, HA ESPRESSO PARERE PER QUANTO
CONCERNE LA REGOLARITA TECNICA;
-
IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE. HA ESPRESSO PARERE PER
QUANTO CONCERNE LA REGOLARITA' CONTABILE;
RITENUTO DI DOVER PROVVEDERE /N MERITO
:
AD UNANIMITA' DI VOTI ESPRESSI NELIE CONSUETE FORME DI LEGGE:
DELIBERA
- APPROVARE LA PROPOSTACONTRASSEGNATA CONrL N. 30 DEt
1.1/02/14
NELTESTO ALLEGATO, CHE FORMA PARTE INTEGRANTE E SOSTANZIALE DEL
PRESENTE P ROVVEDIMENTO;
ll
presente rcrbnle, dopo ln letturn ziene sottoscritto per confernn.
,i
COMUÀIE DIADRAAIO
PROYINCIA
DI
11,)
CATANTA
Propostan"3t
1 1 i:HB,?81,,
er
PROPOSTA DT DELIBERAZIONE
OGGETTO: Recupero e valorizzazione del centro storico
Prot
l
N'
-
approvazione protocollo d'intesa
deI
Fase - PROPONENTE:
2 Fase
SETTORE: Amministrazione Comunale
-
G. M.
-
DIRETTORE GENERALE:
tr vlsTo
IL DIRETTORE GENERALE
RISULTATO I§TRaIITORL{
1) PARERE
ffi
DI REML,ARIT( TECNICA
I
ravonwor-a
B
coNrRARro
tr
fir
PRC}T.N
DET-
IL DIRETTORÉ GENERALE
eenrnrol-nrcolARrrA,
z;
RICHIESTA SUPPLEMENTO ISTRUTTORIA
CoNTABILE
RITRASMESSA DAL SETTORE
PROT.N.
DEL
IL
AVOREVOLE
RESPONSABII-E DI
1 1 tEB.
O
PROSECUO
tr PARZIALE COPEKTURA PER
N
tr
DELL'rtE&
SPESA NON PREVISTA
-DEL-
tr IMPEGNO PROVUSORIO BII/.NCIO
N
CAP
]SERV.
IL DIRETTORE GENERALE
tM'
3
AL RESPONSABILE DI SETTORE PER IL PROSIEGUO
Fase-SEGRETARIOGENERALE
RICHIESTA STJPPLEMENTO ISTRUTTORIA
PRCn.
DEL[]ITER
PROT. N
PROT.
2OO
II RESPONSABILE DEL SERVIZ IO
TRASMESSA
SEGRETERIA PER IL
TRASMESSA ALLA
FINANZIARIA
o MANCA Lq. COPERTIIRA FINANZARIA
3) A.TTTSTAZIONE
N-',=__DEL_
DFT,
IL SEGRETARIO GENERALE
IL RESPONSABILE DI SETTORE FINANZARIO
tr !,ISTO
RITRASMESSA DAL SEITORE
PRC'T.N.
IL RESPONSABILE DI AREA
DET,
IL
TRASMESSA
DELL"ITER
PROT,
AL
N
DIRETTORE GENERALE PER
IL
PROSIEGUO
RESPONSABILE DI
AREA
DELIL RESPONSABII-E DEL SERVZIO
tr
TRASMESSA ALLA GIIjNTA COMUNALE
ADRANO Lì
tL SEGRETARIO GÉNÉRALE
La Giunta Municipale
Premesso:
-
che
-
essendo stato interessato da insediamenti umani fin dal neolitico;
che il nucleo abitato conserva ancora un centro antico di testimonianze ed emergenze storiche-
il
territorio del comune di Adrano è fortemente connotato da testimonianze storiche
architettoniche-ambiental i;
che detto nucleo riporta ancora visibile numerose tracce dell'impianto urbanistico di matrice
islamica, conservato prevalentemente nella gerarchia tra le strade principali, secondarie e
vicoli ciechi;
Considerato chc si rcnde necessario non disperdere qucsto patrimonio storico ed ambientale,
carico di valori nella memoria collettiva;
Preso atto che:
i processi di degra.do matorico e sociale, dovuto al progressivo abbandono ed in alcuni casi alle
attivita di alterazione e/o ristrutturazione secondo modelli e tipologie estranee alla tradizione,
assumono particolare criticità e minacciano la progressiva p€rdita dell'identita storica urbana;
si rende necessario rigenerare micro tessuto residenziale, produttivo, artigianale e
commerciale anche attraverso la ripresa delle attivita legate alla cultura del territorio in u1
processo di riqualificazione formale e funzionale;
Considerato che:
il centro storico rappresenta il frrlcro delle relazioni umane e culturali, ganeratore della città;
occorre attivare forme di tutela" salvaguardia e valoizzazione, capaci di dare corso ad una
conservazione guidata nel rispetto dei valori storici, tipologici ed ambientali presenti nel
nucleo storico;
constatata la necessità di rilanciare in quest'ambito processi di pianificazione e sviluppo,
coinvolgendo soggetti attivi e qualificati su queste problernatiche, attraverso collaborazioni ed
accordi specifici;
visto il protocollo d'intesa tra il Comune di Adrano, 'Associazione di Archit€tti "Iaboratorio
Simeto", L'Ordine degli Architetti P.P.C. della provincia di Catania e L'Universita degli Studi
di Catania Dipartimento di Architettura e Urbanistic4 La Soprintendenza ai BB.CC. AA.,
allegata al presente atto;
Viste le leggi urbanistiche vigenti in materia, ed in particolare la legge 1150142, la legge
457 178, il D.P.R. 380/01, la legge reg. 7 1 178;
Vista la strumentazione urbanistica vigente;
Visti i pareri favorevoli di regolarità tecnica e contabile espressi ai sensi dell'art. 1, lett
-
-
-
il
-
-
i
della legge reg. 48/9L come modificato da-ll'art. 12 della legge reg. 3O del
'23/12/2W allegati al presente atto;
a
voti unanimi espressi nei modi di legge
PROPOI\TE
1)
Approvare, per le motivazioni espresse in narrativa,
prcs€nte atlo per fame parte integrante e sostanziale;
il
protocollo d'intesa allegato al
il
2) Autorizzare
Sindaco alla sottoscrizione dell'allegato protocollo, demandando al
Responsabile del Settore Programmazione Urbanistica ogni successivo adempimento
cormesso all'attuazione del citato protocollo d'intesa;
3) Impegnare l'Amminishazione comunale per l'espletamento di tuue le procedure negessarie e
consequenziali, secondo i termini di legge vigenti.
PROTOCOLI,O DI INTESA PER
IL RECUPERO
E
LA RIQUALIFICAZIONE DEL CENTRO STORICO DI ADRANO
PROTOCOLLO DIINTESA PER ILRECUPERO E LA
RIQUALIFICAZIONE DELCENTRO STORICODIADRANO
TRA
II
sede legale in Adrano Via
Giuseppe Ferrante,
nato
Comune di ADRANO
A. Spampinato n.28, rappresentata dal Sindaco pro tempere
a
Catania
il
l4101/1961, codice
fiscale del
Comune
80001490871, domiciliato per la carica presso la sede sopraindicata;
L'Associazione diArchitetti'I-ABORATORIO SIMETO"
laboratorio per la quolità architettonica
con sede legale
in
Adrano Via Catena n. 5, P. IVA
ambientale
e
e
Codice Fiscale 93154720879,
rappresentata dal Presidente pro tempere Antonino Giuttari, nato ad Adrano
il
llll1949
e
domiciliato per la carica presso la sede sopraindicata;
L'Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti
e
Conservatori della
provincia di Catania
con sede legale in Catania, Largo Paisiello n. 5, P. IVA e Codice Fiscale 80011960871
rappresentato
dal Presidente pro tempere Luigi Longhitano, nato
a Brente
il
2511011958
domiciliato per la carica presso la sede soprindicata;
II Dipartimento di Architettura
e Urbanistica
dell'Università degli Studi di Catania
con sede legale in Catania, Viale Andrea
Doria,6,
95125 Catania, P. IVA e Codice Fiscale
02772010878, rappresentata dal direttore del DAU, prof. Paolo La Greca, nato a Catania
1610911957
domiciliato presso
il
il
Dipartimento di Architettura e Urbanistica della stessa
Università.
PREMESSO
chc l'attenzione al tema della rigenerazione urbana si è sviluppata
in Italia
nell'ultimo
decennio come esito di una graduale acquisizione di consapevolezza circa I'importanza che
IL RECUPERO
PROTOCOLLO DI INTESA PER
ricoprono
i
centri storici e
i
E
LA RIQUALIFICAZIONE DEL CENTRO STORICO DI ADRANO
tessuti urbani consolidati per la riduzione dell'impronta
ecologica delle città;
che ogni iniziativa intrapresa
o da intraprendere nel
ridisegno della città, secondo
i
campo della integrazione e del
linguaggi contemporanei dell'architettura, nasce dalla
crescente esigenza d'identità in continuità con la tradizione e con
i valori del paesaggio,
della storia e della qualità ambientale;
iir:'': -, ':,J\.
che l'incontro tra moderno ed antico, tra le nuove espressioni architettoniche e quelle del
r,l ,,i'-,.passato, rappresenta
un valore, etico ed estetico, di un possibile riscatto per le città, sia
'-lsotto il profilo ambientale. che culturale e sociale;
I
che tale riscatto può avvenire mediante un'attenzione costante all'ìntegrazione del nuovo
con I'antico, al ridisegno dello spazio pubblico e alla progettazione di nuove architetture
capaci di catalizzare affettività
e
socialità nei luoghi
e quindi di
conferire identità ai
luoghi stessi del paesaggio extraurbano e di quello urbano;
che nella fauispecie
il
Centro Storico di
Adruro
rappresenta un patrimonio edilizio di
grande valore storico, architettonico, sociale e culturale per la collettività;
che f'attuale configurazione del Centro Storico cli Adrano è
processo
il risultato di un complesso
di crescita nel tempo che ha generato un tessuto urbanistico articolato, tipico
degli impianti urbani medievali, in cui convivono una edilizia minore insieme a palazzi
nobiliari e monumenti
di
grande pregio, caratteri zzati dalla presenza dominante del
basalto lavico finemente lavorato;
che
il
Centro Slorico di Adrano con la peculiarità del suo tessuto e le specificità dei
suoi elementi, rappresenta I'immagine di riferimento in cui la collettività si identifica:
che
il
Centro Storico di Adruza può giocare un ruolo particolarmente rilevante nel
definire e dare valore allo spazio urbano, nell'essere elemento
di
aggregazione e di
accoglienza, nel contribuire a dare qualità alla città tutta e all'ambiente;
RILEVATO
che dal convegno organizzato
Dicembre del 2009,
a
dall'Associazione di Architetti " Laboratorio Simeto" nel
cui hanno partecipato I'Amm inistrazione del Comune di Adrano,
la Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Catania. I'Ordine degli Architetti
di
e il
di
e Urbanistica
dell'Università di Catania, è emerso che lo stato di degrado in cui versa Centro
P.P.C. della provincia
Catania
dipartimento
Architettura
Storico tli Adrona è frutto di una serie di concause tra cui la rnancanza dello strumento
PROTOCOLLO DI INTESA PER
IL RECUPERO I] LA RIQUALI}'ICAZIONE DEL CENTRO STORICO DI ADRANO
urbanistico (P.P. di Recupero del Centro Storico), un controllo carente od insufficiente
della attività edilizia, un atteggiamento di costante elusione da parte di proprietari e di
maestranze che operano con superficialità ed approssimazione;
che è necessario arginare tale stato di deriva che porta alla perdita degli elementi di
identità del Centro Storico di Adrano, affinché Esso tomi ad essere una componente
fondamentale per il recupero della coscienza sociale e della qualità urbana;
CONSIDERATO
che l'Amministrazione Comunale di Adrano ha manifestato I'interesse e la volontà di
awiare con l'Associazione
collaborazione finalizzato
al
di
Architetti "Laboratorio Simeto", un rapporto di
sostegno
di tutte quelle attività volte a
promuovere e
sviluppare azioni che hanno come scopo fondamentale la riqualificazione della città in
generale e del Centro Storico in particolare, "eleggendola" di fatto come organismo di
riferimento per
sé e
per gli Enti che hamo partecipato ai lavori del Convegno sul Centro
Storico di Adrano;
che nel sopracitato Convegno, l'Ordine degli Architetti P.P.C. della provincia di
Catania, quale organo di tutela, supporto e promozione di tutte le attività professionali
culturali correlate alla professione di Architetto, ha incoraggiato
a sostenere
che
il
e si è detto
e
disponibile
I'iniziativa emersa alla fine dei lavori;
Dipartimento
di
Architettura
e
Urbanistica, dell'Università di Catania, nella
persona del prof. Arch. Maurizio Spina, per fine
di istituto impegnato nell'attività di
studio e ricerca nel campo dell'architettura, del paesaggio e dell'urbanistica, nella stessa
circostanza ha manifestato interesse per tali iniziative
di ricerca, studio, progettazione
e
scambi scientifici;
a BB.CC. di Catania per la sua specifica competenza di
supervisore e di organo di controllo in materia di Centri Storici e Beni Culturali. in
linea con attività similari già avviate con altri Comuni, ha espresso in sede di
che
la
Soprintendenza
dibattito dei citati eventi. la sua piena disponibilità ad una attività di sostegno, guida
e
collaborazione. che sarà formalizzata in tempi successivi;
il
di ADRANO, I'Associazione Laboratorio Simeto, I'Ordine degli
Architetti P.P.C.della provincia di Catania. il Diparlimento di Architettura e Urbanistica
che
Comune
dell'Università degli Studi
di Catania. al fine di rendere pii.r agevolmente
realizzabili
PROTOCOLLO DI INTESA PER
IL RECUPERO
E
LA RIQUALIFICAZIONE DEL CENTRO STORICO DI ADRANO
tali collaborazioni, ritengono opportuno stipulare un Protocollo d'lntesa
di
reciproco
impegno e riferimento.
TUTTO CIO'PREMESSO
SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE
[..
'e
Aft.
1
'.;
:.ll'. . L"
:r
premesse costituiscono parte integrante del presente Protocollo
:
finalizzato al Recupero, alla Tutela e alla
Y
alorizzazione
Art.2
Il
di Architetti "Laboratorio Simeto" si impegnano a
definire, sostenere e realizzare un programma di collaborazione attraverso la istituzione di
un "Laboratorio Permanente" con il coinvolgimento ed il supporto, dell'Ordine degli
Architetti. Pianificatori, Conservatori e Paesaggisti della Provincia di Catania, del
Comune
di
Dipartimento
sinergia
Adrano
di
e
l'Associazione
Architettura
e sotto alta
e Urbanistica
Studi di Catania,
in
ai Beni Culturali ed Ambientali
di
dell'Università degli
sorveglianza della Soprintendenza
Catania, finalizzato in particolare:
alla elaborazione di un documento tecnico che produca le Iinee guida di riferimento per
a)
chiunque operi a qualsiasi titolo e livello nel Centro Storico di Adrano;
alla attivazione di un processo di sensibilizzazione culturale nei confronti della
b)
Cittadinanza. delle Associazioni culturali
e di
categoria, delle Scuole
e
delle
Maestranze, con conferenze, seminari, laboratori partecipati, visite guidate ed altro.
Art.3
In conforrnità a quanto specificato all'Art.2.
il
Comune di ADRANO, I'Associazione di
Architetti "Laboratorio Simeto", l'Ordine degli Architetti P.P.C. della provincia di Catania,
il
Dipartimento
di
Architettura
e
Urbanistica dell'Università degli Studi
sinergia e sotto alta sorveglianza della Soprintendenza a BB.CC.
favorire la collaborazione tra le parti nei settori
di
di
Catania, in
di Catania, intendono
interesse comune nelle forme sotto
ind icate:
Partecipazione congiunta a programmi
-.
ji
..
--:
individuazione
di ricerca nazionali ed internazionali
e proposta, per attività di monitoraggio. ricerca e studi sul
Stolico;
4
Centro
PROTOCOLLO DI INTESA PER II- RECUPERO E LA RIQUALIFICAZIONE DEL CENTRO STOR]CO DI ADRANO
-
assegnazioni di tesi di larrea frnalizzate allo studio del territorio di Adrano;
-
parlecipazione dell'Associazione
Laboratorio Simeto
ad attività di
ricerca
commissionate daterze parti al Comune di ADRANO;
-
commesse di ricerca affidate
dal Comune di ADRANO;
parlecipazione del Comune di ADRANO, e dell' Associazione 'I-aboratorio
Simeto" ad attività di ricerca commissionate anche da terze parti al D.A.U.;
-
attività di lormazione congiunta.
-.il
Il
Comune di ADRANO potrà erogare, in sinergia con
il
Dipartimento di Architettura
e
Urbanistica dell'Università degli Studi di Catania, borse di studio e indennità per laureandi
e neo-laureati, assegni
di ricerca e dottorati di ricerca
che partecipino alle attività oggetto
dell'accordo in cui si riconosca un comune interesse.
Le varie attività saranno di volta in volta definite mediante la stipula di appositi contratti
e/o convenzioni, che definiranno tecnicamente e operativamente I'esecuzione delle attività
stesse e che,
in ogni caso, richiameranno il presente Protocollo. Per il conseguimento delle
attività sopraccitate, si potranno utilizzare particolari attrezzatùre e specifici impianti di
proprietà delle parti. Qualsiasi modifica del presente Protocollo dovrà essere concordata
per iscritto tra le parti ed entrerà in vigore solo dopo la relativa approvazione e
sotloscrizione.
Art.4
I contratti, che le parti stipuleranno di volta in volta in relazione al manifestarsi di
specifi che esigenze, dovranno indicare:
gli obiettivi
da conseguire e le specifiche attività da espletare;
la durata;
i
corispettivi;
le modalità di pagamento; i responsabili scientifici.
Art.5
La titolarità dei risultati delle ricerche/studi e la proprietà intellettuale
saranno
regolamentate negli specifici contratti in relazione alle particolari caratteristiche degli
stessi-
PROTOCOI-I-O DI INTESA PER
IL RECUPERO
E
LA RIQUALIFICAZIONE DEL CENTRO STORICO DI ADMNO
Art.6
Le parti si impegnano, rispettivamente ad osservare e far osservare la riservatezza circa
tutte le informazioni, dati, fatti, documenti, disegni, elaborati, ect.,
paI1e
di cui
dovessero venire a conoscenza e/o
in
possesso
di
proprietà dell'altra
in relazione allo sviluppo
delle
attività di cui al presente Protocollo, salvo esplicita deroga per casi particolari.
ll
Comune di ADRANO e
gli altri soggetti
firmatari del presente protocollo, si impegnano,
inoltre, per effetto di accordi con terze pafii, qualora esistano vincoli di riservatezza,
§
d
ichiarane I'esistenza.
q_; ,
v:
a
Ar1.?
Le ricerche/studi oggetto del presente Protocollo si svolgeranno rispettivamente presso ilocali
del Comune di ADRANO e/o presso locali degli altri soggetti firmatari del
protocollo
e/o
presso locali concordati, previo accordo
tra le parti e in
presente
dipendenza
al personale
incaricato dalle altre pafti, il libero accesso alle aree che verranno individuate di volta in
volta, nel rispetto delle disposizioni vigenti. Il personale di uno degli Enti, che si rechi
dell'oggetto/finalità delle ricerche/studi/formazione. Ciascuna parte consentirà
presso una sede dell'altro Ente, per I'esecuzione delle attività di collaborazione, è tenuto ad
uniformarsi
ai
regolamenti disciplinari
di
sicurezza
e di
protezione sanitaria
in
vigore
nell'ente ospitante.
Art.
ll
presente Protocollo entrerà
8
in vigore dalla data della stipula e durerà 3 anni dalla
data; esso potrà essere rinnovato, per uguale durata,
previa richiesta scritta
da
stessa
una delle
pafti presente protocollo. Le parti si danno reciprocamente atto che, nel periodo di vigenza
del protocollo. avranno la facoltà di recedere dal presente Protocollo in qualsiasi momento,
con comunicazione scritta
da inviare alle altre pafti, a mezzo raccomandata A.R.
con
PROTOCOLLO DI INTESA PER IL RECUPERO E
I.A RIQTJALIFICAZION
E DEL CENTRO STORICO
DI ADRANO
preawiso di almeno 3 mesi. La parte che eserciterà tale facoltà non potrà, in ogni
estendere
il recesso ai contratti e/o alle convenzioni in
caso,
essere al momento della efficacia del
recesso, che andranno portati al loro compimento salvo
il
caso
di esplicito consenso
al
recesso dell'altraparte.
Art.09
Ciascuno degli Enti è sollevato da ogni responsabilità per qualsiasi evento dannoso che
possa accadere al personale dell'altra parte durante la permanenza presso
proprietà salvo
i
i
locali di
sua
casi di dolo o di colpa grave. Inoltre, ciascun Ente esonera e comunque
tiene indenne l'altra parte da qualsiasi impegno e responsabilità che, a qualsiasi titolo, possa
.
ad essa derivare dall'esecuzione di attività relative al presente Protocollo svolta dal proprio
personale dipendente nei confronti di terzi. Come già indicato nell'art.7, ciascuna parte
prowederà alla copertura assicurativa del proprio personale che,
Protocollo, verrà chiamato
a
frequentare
la
sede
di
in virtù del presente
esecuzione
dei lavori
oggetto
dell'accordo.
Art. l0
Le parti convengono di definire amichevolmente qualsiasi vertenza che possa nascere dalla
interpretazione dei presente Protocollo. Nel caso in cui non sia possibile raggiungere in
questo modo l'accordo, ogni eventuale vertenza che sorgesse tra le parti relativamente alla
vaìidità, interpretazione
o
esecuzione
del presente Protocollo sarà devoluta alla
giurisdizione ordinaria e le parti eleggono in via esclusiva quale foro competente il Foro di
Catania.
Art.
Il
presente Protocollo redatto
ai sensi degli at. 5.6.39
in bollo in
e 40 del
II
cinque copie è soggetto a registrazione
D.P.R. 131 del
2614186.
Le spese di bollo, in eguale misura, sono a carico della parte che lo richiede.
Adrano. lì
in
caso d'uso
ALLEGATI: protocollo d intesa
e Fr gli efftti di ati dl'ot. 6 ùlla l.r. 1q91 ii atbstt cle tulln lontulrzionc d?. a Foposh di delfumzrnp di ati all'osetto eio stab ulùab lc
condizioti di ,,,njr',issi'ilirà
ftquisiti
lzgifiin ità ed
?renrp?o*intenuti [email protected],ti per l'ossunzione &l yw*tlirctlo ed è §^ta vg.ira 14
[email protected]!Ìorys.ritt Mla vige c nomatioa di bgge e ÉSdatncfltare in r,areria.
Ai *nÉi
i
i
di
IL RESPONS/B ILE
P,4RERI;
. REGO
Si
eslrinc Fterc
a ne mzVita
ADRAN0
e
ia
od t
MIa
,ti
D
EL PROCEDIMENTO
dla rgolaità lecni.a della Wqtosla in oggetlo ai *nei de['aÀs3 dèlln lEgge n.14W c6'
.,1
.REGOLARTTÀ
5i esprirrÉ pÉre
Si alleslL la .eqtturo
,ffii.;*;f
ei*"tNo.n I
,
ziatia;
I
PiEir
in ordhz alla rcgolorità anùtbib ai *nsi dell'afl.153 del
Ft antplessioe e................ oiene a notato
il relati.a fuFgno di s,€sE,
D.Lgs.2672m
sal
Cep. .-..-..--.-.- CotL
tÉYffr\trr*ùatu..1&ttioorequitibtiofwnziotioboentrate ^oy***X,**inattoinqgnatc.
FEB,20
IL RE.SPON
DEL
FINANZIARIE
t4t:|l....ra,) GarOfala
CERTIFI CAT O DI PUBBLI CAZION E
ll
sottoscritto Segretnrio Contunale certifcn su confonne nttestnzione dell'nddetto clp ln presente
delibernzione è stnta nffissa all'Albo Prctorio on line il
consecutipi dnl
t 7 F§8,?0irr
Biory
15 gg.
?n*mblrtmarràper
i: 3 l-ififi,2014
Li
IL
/L RESPONSABILE
(
Atto immediatamente eseattizto (Art.12 - 2" c. L.r. n.44/9'l)
o
Atto ditrenuto esecutitto (Art.12 - c,l - L.r. n'44/91)
Attrano,tt/1,
Oi
Lr{i,
V.SECRETARIO GEN.LE
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
426 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content