close

Enter

Log in using OpenID

Anno XII n. 5 ottobre 2014 Congresso Effat 20-21

embedDownload
Anno XII 2014
N.5
Ottobre 2014
IV Congresso EFFAT (Vienna, 20 - 21 novembre 2014)
SOMMARIO
Insieme per un lavoro dignitoso e una giusta retribuzione
dai campi alla tavola
- Comunicato IV Congresso Effat 20-21 Novembre 2014
- Invito al Congresso (EN)
- Programma dei lavori 20-21 Novembre 2014 (EN)
- Ermanno Bonaldo candidato alla carica di
Deputy President dell'Effat (Fai Cisl)
- Programma di lavoro dell'Effat 2015-2019
Quotidiano di informazione
Reg. Trib. Roma 583/92 del 3.11.1992
€ 2,00
Direttore responsabile: Rando Devole
Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale
D.L. 353/2003 (conv. In L. 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 2, DCB Roma
Via Tevere, 20 - 00198 Roma
Tel. 06845691 - Fax 068840652
Associato
alla USPI
Si celebrerà a Vienna, dal 20 al 21 novembre 2014, il quarto Congresso dell'EFFAT
(la Federazione europea che si occupa dei Settori Agricoltura, Industria Alimentare
e Turismo)
L’EFFAT è la Federazione europea dei sindacati dell'alimentazione, dell'agricoltura e del
turismo, nata dalla fusione tra le due federazioni europee ECF-IUF ed EFA avvenuta l’11
dicembre 2000. L’EFFAT rappresenta 120 organizzazioni sindacali nazionali di 35 paesi
europei ed associa circa 3 milioni di lavoratori.
Il IV Congresso dell’EFFAT, segnato dalla grande crisi economica e finanziaria che in
questi anni ha colpito l'Europa con effetti catastrofici sulle condizioni di vita e lavorative di
tutti i cittadini, ha come slogan “Insieme per un lavoro dignitoso e una retribuzione equa”.
In questo contesto politico, dove i lavoratori sono tra coloro che maggiormente sono stati
penalizzati dalle politiche di deregolamentazione neoliberiste, sarà compito del Congresso
prendere le decisioni necessarie per intraprendere, nel corso dei prossimi cinque anni, una
maggiore ed efficace azione sindacale di tutela dei propri associati e di confronto
costruttivo con le Istituzioni europee, ovvero la creazione di un’ Europa che offra a tutti i
suoi cittadini e ai lavoratori non dell’Unione occupati in Europa, un futuro con condizioni di
vita e lavoro dignitose.
Il Congresso sarà preceduto, nelle giornate del 18 e 19 novembre, dalla Conferenza delle
Organizzazioni sindacali dell'Europa centrale, orientale e sud-orientale, aderenti all’EFFAT
e dalla Conferenza delle delegate donne al Congresso.
Inoltre, è prevista per il giorno 19 novembre l’Assemblea generale straordinaria del Settore
Industria Alimentare e il giorno 21 novembre la riunione del Comitato Giovani dell’EFFAT.
Candidato alla carica di “Deputy President” dell’EFFAT, Ermanno Bonaldo della Fai-Cisl,
la cui candidatura è stata presentata in modo unitario da Fai-Cisl, Flai-Cgil, Uila Uil e
votata all’unanimità dall’Esecutivo dell’EFFAT.
4th EFFAT Congress
20-21 November2014, Vienna
Together for decent work and fair pay
Brussels, 8 March 2014
• To all EFFAT member organisations
___________________________________________
Re:
INVITATION to the 4th EFFAT Congress
Vienna, 20-21 November 2014
Dear Colleagues,
We hereby cordially invite you to the 4th EFFAT Congress that will be held on 20 and 21
November 2014 in Vienna.
The Congress is marked by the greatest economic and financial crisis in Europe after the
war, with catastrophic effects on the living and working conditions of its citizens. Caused
by banks that cashed up their clients and gambled their savings, received State aid and
still refused loans to companies, workers had to bear the consequences of a policy that
the politicians are responsible for with their neoliberal deregulation policy.
Against this political backdrop, it will be the task of the Congress to take the necessary
decisions for our trade union work for the next 5 years. Therefore, we count on the
participation of all our member organizations in this central and important event of
EFFAT.
You will find the draft agenda and the timetable in Annexes 1 and 2.
Also this time we are inviting you to two events that take place before the Congress:
• a 2-day conference on 18 and 19 November 2014, in particular for the Congress
delegates of our member organisations in Central, Eastern and South-Eastern
Europe
• a 1-day Women's Conference on 19 November 2014, in particular for female
Congress delegates
For both events, we will send you separate invitations.
Both events are supported by EU funding, so that we can reimburse participants’ travel
expenses and part of the Congress and accommodation expenses. For the Congress
delegates from Central, Eastern and South-Eastern Europe, EFFAT will cover their full
travel, Congress and accommodation costs with our solidarity fund.
You will find more details about this in the Annex 3.
All events take place in the:
Venue
Hotel Intercontinental Vienna
Johannesgasse 28
AT- 1030 Wien
T: +43(0)1711220
F: +43(0)17134489
[email protected]
http://www.vienna.intercontinental.com/
The workers of the hotel are very well organised by our member organisation VIDA.
We have blocked rooms at this hotel. That is why we ask you to send us your registration
form for the Congress and the two events no later than 31 July 2014. We also ask you to
consider women and young members when nominating your delegates.
We have succeeded in negotiating with the Intercontinental Hotel in Vienna only a slightly
higher price than in 2009 with the Hotel Maritim Arte in Berlin.
We have asked the Commission for interpretation in the following languages:
Interpretation
Active: English, French, German, Italian, Spanish, Swedish,
Dutch
Passive: Danish, Finnish, Portuguese, Hungarian, Polish
(Interpretation is no yet finally confirmed by the European Commission)
We will also be offering Croatian.
Time
20 November 2014 from 9.00 a.m. to 6.00 p.m.
21 November 2014 from 9.00 a.m. to 5.00 p.m.
The Congress ends on Friday, 21 November at 5.00 p.m. To assure a proper
execution of the Congress, we strongly urge all delegates be present until the closure
of the Congress, and to plan the return journey at the earliest for the evening or the
next day. Vienna is set in these days already with attractive Christmas markets with a
pre-Christmas atmosphere.
Further information and documents will be sent to you in due course.
Sincerely yours
Harald Wiedenhofer
General Secretary
Annexes
Bruno Vannoni
President
4th EFFAT Congress
20-21 November2014, Vienna
Together for decent work and fair pay
Schedule
20 November 2014
8 am
Meeting of the Credentials Committee
9 am
4th EFFAT Congress
Session 1
Opening speeches
Constitution of the 4th EFFAT Congress
10.30 am
Coffee break
Session 2
Report of the activities of the secretariat 2010 - 2014
Financial report 2010 - 2014
12.30 pm
Lunch break
2 pm
Report of the Credentials Committee
Session 3
Elections
Proposed amendments to the Constitution
Areas of work 2015 - 2019
Budget 2015 - 2019
Resolutions
3.30 pm
Coffee break
4 pm
Continuation of Session 3
6 pm
End of the first Congress day
21 November 2014
9 am
Session 4: Enough of their crisis, back to our future!
Adoption of a pledge
Discussion
10.30 am
Coffee break
11 am
Session 5: Gender equality now!
Discussion
12.30 pm
Lunch break
2:30 pm
Session 6: Mastering the challenges of the future world of work
Discussion
4 pm
Closing words by the President
4.30pm
End of the EFFAT Congress
Ermanno Bonaldo nominated for election as Deputy Pesident of EFFAT (European
Federation of Trade Unions in the Food, Agriculture and Tourism) at the EFFAT Congress
2014 – Vienna 20-21 november 2014 -
Ermanno Bonaldo is a member of CISL since 1981
and is currently the General Secretary of the FaiCISL Lazio (Italian Agricultural, Environmental and
Food Industry Trade Union Federation - Member of
CISL); Coordinator of International Policies and
Relations for the national office of Fai -CISL; Member
of the National Executive Board of Fai-CISL; National
President of ASSO.LA.PA - Association of
Agricultural
Producers
/
Workers;
National
Observatory of the Food Industry; Member of the
Permanent Partnership RNN - National Rural
Network; Expert DG Agri - European Commission CAP Group called "International Aspects of
agriculture"; Member of the Central Commission for
assessment and collection of agricultural social
security contributions at INPS (National Social
Welfare Institution). He participates in the Comité de
Dialogue social sectoriel Alimentation et Boissons
and Sectoral Social Dialogue Committee for
"Agriculture" and is National Coordinator of both
national and multinational companies in the field of
agriculture and food sector.
He holds a degree in Social Sciences at the Pontifical University "Angelicum" in Rome and a
degree in
Administration, Management and Control of Complementary Pension Schemes University "Guglelmo Marconi" in Rome
-
Programma di lavoro dell’EFFAT
2015-2019
Insieme per un lavoro dignitoso
e una giusta retribuzione
dai campi alla tavola
4° Congresso dell’EFFAT
20-21 novembre 2014
Prefazione
Negli ultimi anni l’Europa è stata travolta dalla più lunga e difficile crisi finanziaria ed economica
del dopoguerra e dai suoi disastrosi effetti sulle condizioni di vita e di lavoro dei cittadini europei.
Tale situazione è stata in primis causata dalle banche, le quali hanno sperperato i soldi dei
propri clienti giocando male con i loro risparmi e, nonostante i copiosi aiuti economici ricevuti in
questi anni, hanno negato alle aziende il credito necessario per garantirne la sopravvivenza. In
tutto ciò, i lavoratori hanno altresì dovuto subire le drastiche conseguenze delle politiche
deregolatorie e neoliberiste di questi anni.
Lo stesso “Meccanismo Europeo di stabilità (MES)” ha aiutato principalmente banche ed
investitori, senza rappresentare un aiuto vero per le persone che soffrono realmente la crisi.
Sebbene infatti sia stato presentato come una grande operazione di solidarietà tra gli stati
membri, lo stesso ha diviso l’Europa più che mai, imponendo una politica basata sul risparmio e
l’austerità, fattori che nel momento della crisi bloccano la crescita aggravandone gli effetti
negativi.
Abbiamo bisogno di una politica europea determinata a chiudere i paradisi fiscali e a introdurre
un’imposta sulle transazioni finanziarie, una politica che provveda all’istituzione di un organo
supervisore di controllo e vigilanza e che si impegni a regolare il settore bancario e finanziario
con determinazione e fermezza.
Il movimento sindacale europeo è a favore di una politica di grandi investimenti, che stimolino la
crescita sostenibile e creino posti di lavoro di qualità. A tal proposito sono state presentate
concrete proposte che hanno definito precisi piani di investimento e le modalità di finanziamento
degli stessi.
La crisi ha portato anche ad un ulteriore segmentazione del mercato del lavoro europeo e a una
diffusione del lavoro precario, con il risultato che sempre più spesso lavoratori impiegati nello
stesso luogo di lavoro e che svolgono le stesse mansioni, ricevono stipendi e godono di diritti
assai diversi. Parallelamente alla creazione di nuove forme di occupazione, emergono infatti
nuove forme di discriminazione sul posto di lavoro.
Non accettiamo che ci siano imprenditori che scappino dalle proprie responsabilità attraverso la
creazione di società fittizie, l’utilizzo di falsi autonomi o il ricorso al subappalto che spesso
garantisce vantaggi competitivi grazie al “dumping sociale”. Non vogliamo un mercato del lavoro
europeo nel quale coloro che traggono i maggiori benefici risultano essere i più scaltri nel
trovare la soluzione più ingegnosa ed “elegante” per aggirare le leggi e le disposizione
contenute nei contratti collettivi.
2
Per noi, ciò che conta, è il luogo nel quale una persona lavora, non da dove proviene, se è
uomo o donna, rumeno o olandese, bianco o nero. Questa rappresenterà anche nei prossimi
anni una delle nostre principali sfide politiche.
Con il programma di lavoro 2015-2019 contenuto in questo documento, vogliamo presentare,
alla luce delle numerose sfide che ci attendono ed anche in considerazione delle limitate risorse
finanziarie ed umane di cui dispone l'EFFAT, ciò che consideriamo come una priorità politica
assoluta: ovvero la creazione di un’ Europa che offra a tutti i suoi cittadini un futuro con
condizioni di vita e lavoro dignitose.
Harald Wiedenhofer
Segretario generale
Bruxelles, marzo 2014
3
I. Introduzione
4
I Introduzione
1. Nel 2009, il 3° Congresso dell‘EFFAT (Congresso di Berlino) ha adottato una direzione
strategica precisa ed ha definito una priorità politica chiara per la nostra organizzazione: la
lotta al lavoro precario. Compito del 4° Congresso dell’EFFAT sarà quello di decidere le
priorità per il periodo 2015-2019, tenendo in considerazione le nuove sfide politiche che ci
troviamo ad affrontare, in particolare nel segno della crisi economica e sociale.
2. L’EFFAT concentrerà il proprio lavoro su quattro obbiettivi base:
-
la difesa e il miglioramento dei diritti dei lavoratori e dei sindacati e del diritto alla
rappresentanza e/o alla partecipazione;
-
il mantenimento dell’occupazione e la creazione di posti di lavoro migliori;
-
il miglioramento delle condizioni di vita e la prevenzione del “dumping“ sociale;
-
il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro.
3. Per raggiungere questi obbiettivi, l’Art.1 paragrafo 1 dello statuto dell’EFFAT definisce, tra gli
altri, i seguenti compiti:
-
la protezione e il rafforzamento della pace e della democrazia;
-
il rafforzamento della dimensione sociale;
-
la protezione dei diritti umani e del diritto fondamentale all’organizzazione e alla
partecipazione sindacale;
-
la promozione di un’occupazione scelta liberamente e produttiva per tutti;
-
l’abolizione di qualsiasi forma di discriminazione verso i lavoratori legata al sesso, origine
etnica, religione, ideologia, disabilità, età o orientamento sessuale;
-
il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro;
-
la protezione e il sostegno dell‘ambiente;
-
la promozione di uno sviluppo economico, sociale ed ecologico sostenibile nei settori
dell’agricoltura, dell’alimentazione e del turismo;
-
la garanzia degli stessi diritti, parità di condizioni e parità di trattamento per gli uomini e le
donne;
-
il rafforzamento della partecipazione delle donne negli organismi decisionali dei sindacati
a qualsiasi livello;
-
il miglioramento delle prospettive future per i giovani;
5
-
la creazione di un’economia più democratica;
-
il supporto attivo delle organizzazioni affiliate nell’Europa centrale, orientale e
meridionale;
-
il supporto al processo di collaborazione economica e sociale tra l’Unione Europea e gli
stati che si affacciano sulla riva meridionale del Mar Mediterraneo;
-
il supporto a favore dell’ampliamento dell’Unione Europea verso altri stati democratici;
4. Per l’effettiva attuazione degli obiettivi e delle mansioni menzionate, l’EFFAT deve assumere
in particolare quattro funzioni (due orientate “verso l’interno“ e due “verso l’esterno“).
L‘EFFAT ha verso l‘interno, ovvero nei confronti delle sue organizzazioni affiliate:
-
una funzione di servizio, nelle quali rientrano le informazioni e la consulenza per le
organizzazioni affiliate, l’assistenza ai comitati aziendali europei e lo scambio di
esperienze a livello europeo;
-
una funzione di coordinamento in caso di ristrutturazioni aziendali, durante la
contrattazione collettiva, in caso di lotta sindacale, nella lotta al “dumping” sociale e al
lavoro nero e precario in tutti i settori dell’EFFAT, nelle attività dei CAE (Comitati
Aziendali Europei), ecc.
L‘EFFAT ha verso l‘esterno
-
una funzione di rappresentanza nei confronti delle istituzioni europee, delle
organizzazioni industriali e datoriali europee e del management europeo delle aziende;
-
una funzione di negoziazione per il dialogo sociale o in occasione dell’istituzione di
comitati aziendali europei;
-
una funzione organizzativa per la gestione di mobilitazioni efficaci per promuovere
specifiche rivendicazioni nei confronti delle istituzioni europee e delle organizzazioni
datoriali europee di settore.
I destinatari del nostro lavoro sono:
-
le istituzioni europee, in particolare la Commissione e il Parlamento europeo;
-
le organizzazioni industriali e datoriali europee che operano nei nostri settori di
competenza;
-
il management europeo delle aziende transnazionali.
In tale contesto particolare importanza
trattative/negoziazioni con i datori di lavoro.
riveste
il
dialogo
sociale
europeo
e
le
6
II. Aree di lavoro e priorità
7
II Aree di lavoro e priorità
Durante il prossimo mandato (2015-2019), l’EFFAT si concentrerà soprattutto sulle seguenti
priorità, iniziative e progetti:
1. Adesione di nuovi iscritti
Progressi sociali concreti sono possibili solamente con sindacati forti. La forza dei sindacati
dipende dall’alto numero di iscritti presenti nelle aziende (aspetto quantitativo), ma altresì dalla
capacità di quest’ultimi di lottare per conseguire posti di lavoro dignitosi (aspetto qualitativo).
Considerando la perdita di molti iscritti verificatasi nel corso degli ultimi anni in diverse
organizzazioni affiliate all’EFFAT, il coinvolgimento di nuovi lavoratori è diventata pertanto una
delle priorità principali del nostro lavoro. Per questo, è da considerarsi come una questione di
assoluta urgenza l’”organizzazione” e la sindacalizzazione dei lavoratori giovani, delle donne e
di coloro che risultano impiegati nelle numerose forme di lavoro precario che si stanno tutt’oggi
diffondendo.
A tal proposito, l’EFFAT supporterà in modo attivo tutte le iniziative delle sue organizzazioni
affiliate volte a reclutare nuovi membri, in particolare perseguendo le seguenti iniziative:
-
utilizzo degli eventi organizzati dall’EFFAT per lo scambio di informazioni e “buone pratiche”
nell’”organizzazione” di nuovi membri;
-
promozione di progetti bilaterali sul proselitismo sindacale e il “mentoring”;
-
verifica della possibilità di promuovere l’iscrizione di nuovi lavoratori in particolari
aziende/industrie attraverso progetti;
-
sostegno solidale verso i militanti che a causa della loro attività sindacale sono minacciati
da sanzioni da parte dei datori di lavoro;
-
lotta alle liste nere, con cui i datori di lavoro bandiscono e discriminano i rappresentanti
sindacali;
-
utilizzo dei comitati aziendali europei per favorire l’adesione di nuovi iscritti;
-
ulteriore implementazione e continuazione della campagna iniziata nel 2014 dalle
associazioni sindacali europee per la sindacalizzazione dei giovani lavoratori;
-
proseguimento del supporto alle organizzazioni affiliate nell’Europa sud-orientale nell’ambito
dei progetti sullo sviluppo della sindacalizzazione;
-
utilizzo dei passaporti delle competenze per aumentare la sindacalizzazione nel settore
agricolo e in quello dell’ospitalità;
-
promozione dello scambio di esperienze tra le organizzazioni affiliate in merito alla
sindacalizzazione dei coltivatori diretti, soprattutto dell’Europa centrale e orientale e
dell’Europa sud-orientale;
-
impegno congiunto con la UITA affinchè tutti i sindacati siano membri di entrambe le
Federazioni.
8
2. Mantenimento dell’occupazione e creazione di posti di lavoro dignitosi
Non soltanto abbiamo bisogno di maggiore occupazione, ma anche di posti di lavoro migliori e
dignitosi. Per questo è necessaria una politica industriale europea sostenibile che crei le
condizioni strutturali per una politica imprenditoriale di successo ed una buona contrattazione
collettiva.
La sfida maggiore è costituita dalla crescente espansione di rapporti di lavoro precari a causa
della segmentazione del mercato del lavoro europeo. Per questo motivo, l’EFFAT ha adottato
durante il Congresso di Berlino del 2009, una “Carta contro il lavoro precario” e ha fatto della
sua implementazione una priorità chiave del proprio lavoro. La lotta contro il lavoro precario
rimarrà naturalmente una delle principali sfide anche durante gli anni a venire. Il lavoro è da
considerarsi precario quando lo stesso non é stato scelto liberamente dall’individuo e quando
non garantisce un’occupazione stabile, uno stipendio degno e i diritti e le prospettive del lavoro
a tempo indeterminato. EFFAT non persegue l'obiettivo di ottenere nel breve e medio termine
l'eliminazione di tutte le forme di lavoro atipico, ma bensì quello di migliorare le condizioni
lavorative dei tanti che si trovano oggi in occupazioni precarie. In alcune circostanze, i lavoratori
preferiscono forme più flessibili di occupazione, per esempio per conciliare meglio la famiglia e
la vita privata con la vita professionale; è chiaro però, che tali forme di lavoro debbano essere
anch’esse regolate da un preciso quadro di accordi collettivi.
In merito a ciò, l’azione dell’EFFAT si concentra su tre fronti:
-
la difesa del lavoratore precario;
-
la limitazione di forme contrattuali precarie, la loro regolamentazione secondo la legge e i
contratti collettivi, e la parificazione di tali forme atipiche di occupazione con altre
occupazioni più stabili;
-
la concreta prevenzione dell’abuso del precariato.
EFFAT e le sue organizzazioni affiliate si impegneranno sui seguenti compiti:
-
continuare ad implementare la “Carta contro il lavoro precario” adottata durante il congresso
di Berlino, i “10 punti chiave dell’EFFAT per la lotta contro il lavoro precario” e altresì la
“Guida dell’EFFAT sull’impiego di lavoratori tramite agenzia interinale”;
-
realizzare le rivendicazioni congiunte in materia di negoziazione collettiva, al fine di
perseguire la lotta al lavoro precario e proteggere i lavoratori interessati (tenendo in
considerazione gli esempi positivi già esistenti);
-
definire linee guida per la lotta al lavoro precario ad uso delle organizzazioni affiliate
all’EFFAT e dei comitati aziendali;
-
organizzare/sindacalizzare i lavoratori precari;
-
garantire l’iscrizione sindacale e il supporto ai lavoratori migranti nei paesi d’accoglienza,
oltre che il mutuo riconoscimento all’appartenenza sindacale;
-
continuare la stretta collaborazione con le altre federazioni sindacali europee.
9
Azioni per ridurre il lavoro precario:
-
assicurare l’effettiva attuazione nelle aziende del principio fondamentale del pari
trattamento;
-
lottare contro l’utilizzo improprio della libera circolazione dei lavoratori e (della direttiva
riguardante) la libera prestazione di servizi;
-
richiedere e promuovere la revisione urgente della direttiva europea sul distacco dei
lavoratori;
-
promuovere la piena parificazione sociale ed economica dei lavoratori migranti, nonchè la
loro integrazione nella società e nei sindacati;
-
stabilire criteri chiari sulla responsabilità nella catena di subappalti, stabilendo i limiti
nell’assegnazione degli stessi;
-
promuovere iniziative legislative europee volte a combattere il “dumping” sociale e la
concorrenza sleale;
-
lottare contro le agenzie di lavoro interinale che operano illegalmente e promuovere
l’introduzione di un procedimento di certificazione delle stesse;
-
migliorare l'efficienza dei servizi di ispezione sul luogo di lavoro per una migliore
implementazione delle vigenti norme nazionali ed europee in materia di lavoro;
La Commissione Europea deve:
-
assicurare la realizzazione di statistiche attendibili sullo sviluppo di nuove (atipiche) forme di
occupazione sul mercato del lavoro europeo;
-
proporre la revisione della direttiva europea sul distacco dei lavoratori;
-
proporre l’adozione di una direttiva europea per combattere il “dumping” sociale e la
concorrenza sleale;
L'implementazione di una politica industriale europea che, soprattutto per le piccole e medie
aziende di produzione, garantisca la ripresa sostenibile delle attività economiche, deve essere
accompagnata da misure di sostegno alla creazione di posti di lavoro di qualità, in particolare
attraverso:
-
la promozione delle competenze, delle qualifiche e della formazione dei lavoratori; in questo
senso va considerata come un prerequisito fondamentale la creazione di posti di lavoro di
qualità, mentre l’occupazione precaria è invece controproducente;
-
la promozione della ricerca, dello sviluppo e dell’utilizzo industriale di risorse rinnovabili,
senza tuttavia mettere a rischio la distribuzione globale, regionale o locale di alimenti sicuri,
a buon mercato e di qualità;
-
la valutazione sistematica d’impatto sulle iniziative presentate dalla Commissione europea,
analizzando le possibili conseguenze sociali delle stesse su lavoratori e occupazione;
10
Tale politica industriale deve inoltre fondarsi su:
-
l’ulteriore implementazione delle raccomandazioni del “Gruppo di alto livello Agrofood” che
promuovono lo sviluppo sostenibile nel settore agricolo ed alimentare;
-
la promozione di una politica alimentare europea salutare;
-
l’applicazione di aliquote fiscali uniformi in tutta Europa per imprese e società, la
cancellazione delle imposte sui prodotti alimentari e l'introduzione di una tassa sulle
transazioni finanziarie accompagnata da una seria lotta all'evasione fiscale e da strategie di
pianificazione fiscale per le imprese;
-
la promozione di prodotti alimentari innovativi realizzati in modo sostenibile. Le nuove
tecnologie come le nanotecnologie e le biotecnologie devono essere utilizzate solo quando
un'indipendente valutazione del rischio e una ricerca approfondita garantiscano la completa
sicurezza per i lavoratori e i consumatori. La fiducia di quest'ultimi nell'industria alimentare è
essenziale per la sicurezza dei posti di lavoro;
-
l’implementazione di una normativa che limiti il potere di acquisto dei dettaglianti e
favorisca la creazione di rapporti commerciali più equi nella catena della fornitura alimentare
(B2B, business-to-business);
-
l’aggiudicazione di appalti pubblici e sovvenzioni solamente per quelle aziende che
rispettano gli standard sociali e la contrattazione collettiva, assicurando il rimborso dei
finanziamenti ricevuti in caso di violazioni della normativa sul lavoro.
Al di là della propspettiva europea, EFFAT ritiene che una crescita globale sostenibile che abbia
come obiettivo quello di garantire il benessere delle persone e soprattutto di quelle più povere,
come, ad esempio, i piccoli agricoltori nei paesi emergenti e in via di sviluppo, debba basarsi su
giusti ed equi rapporti commerciali internazionali; il che implica:
-
accordi commerciali internazionali ed accordi di partenariato con l’UE che contengono
clausole che prevedono il rispetto degli standard internazionali sociali ed ambientali;
-
un parternariato trans-atlantico che rispetta gli standard sociali europei e la cultura
alimentare dei consumatori europei, senza invalidare le esistenti normative europee e
nazionali rimpiazzandole con arbitrati informali e non legali;
La cessazione delle negoziazioni del TTIP. Non dovranno svolgersi nuovi negoziati fino a
quando non saranno recepite le istanze e le esigenze poste dai Sindacati. L' EFFAT,
congiuntamente alla Ces, lavorerà per raggiungere tale obiettivo;
-
la cooperazione con le ONG e la mobilitazione dei consumatori nella lotta contro lo
sfruttamento dei lavoratori, al fine di spingere le imprese a rispettare normative ed accordi
nazionali ed internazionali;
-
continuazione del progetto dell‘EFFAT per la promozione della sostenibilità nel settore del
cacao, al fine di rafforzare ulteriormente la lotta al lavoro minorile e promuovere il lavoro dei
sindacati e il miglioramento delle condizioni di lavoro e di impiego nella catena di
distribuzione del cacao;
11
-
un accordo sugli standard mondiali di sicurezza alimentare che preveda controlli per
monitorarne la sua coerente applicazione;
-
l’introduzione di etichette di sostenibilità e denominazione di origine, controllate da
organismi pubblici di vigilanza;
-
il supporto all‘UITA per la conclusione di contratti globali con le società transnazionali
(STN).
Una politica industriale europea sostenibile è possibile solamente con l’ampliamento e il
rafforzamento del dialogo sociale a livello nazionale ed europeo. Il dialogo sociale settoriale
deve contribuire a raggiungere una vera coesione sociale che è essenziale per ricostruire la
fiducia dei lavoratori e dei cittadini nel futuro dell'Europa.
12
3. Favorire la formazione dei lavoratori
Al giorno d’oggi una formazione qualificata rappresenta un presupposto essenziale per la ricerca
di un posto di lavoro. Allo stesso modo, i lavoratori altamente specializzati e competenti sono la
risorsa più importante per garantire una strategia aziendale di successo per quanto riguarda
innovazione e qualità. In molti settori dell’EFFAT, tuttavia, manca la forza lavoro qualificata,
perché spesso le aziende non offrono nè la necessaria formazione iniziale, nè quella continua.
Inoltre, i posti di lavoro nel settore agricolo, alimentare e ricettivo, risultano spesso non
sufficientemente attraenti per i lavoratori. In tale contesto vi è poi da considerare che il dilagare
di forme precarie di lavoro risulta anch’esso contro producente, in quanto non garantisce la
formazione dei lavoratori. Dopo tutto, quale datore di lavoro sarebbe pronto ad investire in un
lavoratore che in poche settimane o in alcuni mesi non lavorerà più per lui?
Per raggiungere l’obbiettivo di Lisbona (2000), ovvero quello di rendere l’Unione europea
“l’economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo [–] ... con nuovi e
migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale”, sono indispensabili l’impegno teso al
miglioramento delle qualifiche e posti di lavoro “più attraenti” che offrano opportunità di sviluppo
professionale.
L’EFFAT in particolare cercherà di raggiungere i seguenti obbiettivi e di implementare le
seguenti misure:
-
attuazione delle raccomandazioni provenienti dal “progetto sulle qualifiche nel settore
alimentare” (2013), in particolare riguardo alla promozione e al miglioramento della qualità
della formazione iniziale e contuinua e dell’”occupabilità” dei lavoratori (con attenzione
particolare su quelli più giovani e più anziani);
-
identificazione di esempi di contrattazione collettiva e di buone pratiche di formazione
iniziale e apprendimento permanente;
-
adozione dei passaporti delle competenze attraverso il dialogo sociale nel settore
dell’agricoltura e dell’ospitalità;
-
nell’ambito del dialogo sociale nel settore alimentare, l’identificazione delle qualifiche e delle
competenze che saranno richieste ai lavoratori in 10-15 anni;
-
esecuzione di progetti per il miglioramento delle capacità occupazionali dei lavoratori
precari;
-
sviluppo di profili professionali europei nel settore agricolo e nel turismo;
-
un maggior utilizzo dei periodi di inattività (es. in caso di occupazioni stagionali o brevi) da
dedicare alla formazione;
-
utilizzo dei Comitati Aziendali Europei (CAE) per la promozione dell’istruzione e della
formazione occupazionale, in particolare per i giovani disoccupati;
-
esecuzione di un progetto sulle occupazioni logoranti insieme alla Federazione Europea dei
Lavoratori Edili e del Legno (FETBB).
13
4. Miglioramento della sicurezza e della salute sul posto di lavoro
La salute rappresenta il bene più importante e prezioso per i lavoratori. È stato fatto tanto, ma i
settori dell’EFFAT sono ancora esposti ad alti rischi per la salute. A causa della crescente
pressione lavorativa dovuta ad una concorrenza sfrenata, non solo le norme che garantiscono la
prevenzione spesso non vengono rispettate, ma altresìvrischi psicho-sociali come lo stress da
lavoro correlato aumentano in modo allarmante: un numero crescente di lavoratori soffre infatti
di stress, senza che ci sia ancora nelle aziende la giusta sensibilità e il know-how necessario per
poter affrontare tali patologie. E’ però importante sottolineare come la formazione mirata ad
aumentare la gestione dello stress non possa rappresentare comunque la giusta risposta
rispetto alla crescente pressione lavorativa.
L’EFFAT continuerà a portare avanti i progetti in corso e si concentrerà su quanto segue:
-
lotta contro i disturbi muscolo-scheletrici in tutti i settori dell’EFFAT;
-
protezione dei lavoratori dalle sostanze biologiche pericolose;
-
una maggior informazione in merito ai possibili rischi per la salute (valutazione dei rischi)
derivanti dall’impiego di nuove tecnologie come le nanotecnologie e le sostanze utilizzate
nel trattamento degli alimenti (ad esempio il diacetile);
-
promozione dell’accordo quadro siglato dalle Parti Sociali europee sullo stress lavorocorrelato;
-
iniziative per la gestione dello stress sul posto di lavoro nel dialogo sociale e nei Comitati
Aziendali Europei (CAE);
-
incorporazione degli standard di sicurezza sociali e industriali nella PAC (Politica Agricola
Comune);
-
scambio di comprovate buone pratiche per la lotta alle molestie e al mobbing sul posto di
lavoro;
-
scambio di buone e verificate pratiche per la difesa della salute nel settore della carne;
-
continuazione della cooperazione con l’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul
Lavoro (OSHA) di Bilbao.
14
5. Coperazione e coordinazione nella contrattazione collettiva
Il mercato interno comune, la moneta unica in 18 stati membri, il crescente controllo esercitato
sulla contrattazione e sugli accordi nazionali da parte del management aziendale europeo delle
aziende trans-nazionali e da parte delle associazioni industriali europee ed organizzazioni
datoriali come FoodDrinkEurope, rendono cruciale la necessità di una maggior cooperazione e
coordinazione tra le organizzazioni sindacali membre, nonostante la contrattazione collettiva e
continui ad essere regolata ad un livello prettamente nazionale.
La cooperazione in materia di contrattazione collettiva e la politica perseguita dall’EFFAT a
livello europeo, al momento, segue tre obbiettivi principali:
-
la difesa dell’autonomia delle parti nella contrattazione collettiva e il rafforzamento dei
sistemi nazionali di contrattazione collettiva (in particolare nelle zone del centro ed est
Europa e del sud est europeo); è necessario garantire che tutti i lavoratori siano coperti dal
contratto collettivo.
-
Il miglioramento delle condizioni lavorative e di vita attraverso lo scambio e la diffusione di
buone pratiche nella contrattazione collettiva (per esempio in materia di sicurezza sul
lavoro, di rafforzamento del sistema dei diritti, di pari opportunità, di lotta al lavoro precario,
di consolidamento del lavoro a tempo indeterminato, di incremento dell’occupazione, di
istruzione e formazione continua, di prevenzione dell’outsourcing), ivi comprese le
esperienze di welfare contrattuale che, in alcuni paesi, hanno dato vita a sistemi di
assistenza sanitaria, di previdenza integrativa e di sostegno al reddito molto qualificanti;
-
la prevenzione del “dumping“ sociale e della pratica spesso adottata dai datori di lavoro di
“mettere in concorrenza” gli uni contro gli altri i lavoratori. Per raggiungere tale obiettivo
sono necessari accordi tra di noi e lo sviluppo di un approccio congiunto alla contrattazione
collettiva, oltre che il supporto reciproco in caso di azioni sindacali come gli scioperi.
Purtroppo, la collaborazione sulla contrattazione collettiva delle organizzazioni affiliate negli anni
passati non si è sviluppata in modo molto rapido.
L’EFFAT nei prossimi anni si concentrerà sulle seguenti misure:
-
attuazione delle priorità comuni relative alla contrattazione collettiva in tema di regolazione
del lavoro precario e di prevenzione dell’outsourcing;
-
verifica e sviluppo continuo del sistema per il doppio monitoraggio (“two way reporting”)
della contrattazione collettiva;
-
ulteriore sviluppo della collaborazione con la federazione IndustriALL;
-
promozione della collaborazione per quanto attiene alla contrattazione collettiva nelle
aziende trans-nazionali;
-
mantenimento ed attuazione del “codice di condotta industriale dell’EFFAT” in caso di
ristrutturazioni transfrontaliere;
15
-
organizzazione di azioni di solidarietà transfrontaliera in caso di controversie sindacali;
-
sviluppo continuo della cooperazione riguardo alla contrattazione collettiva in particolare nei
settori della carne e caseario;
-
sviluppo di proposte comuni per la promozione e il miglioramento della qualità della
formazione iniziale e continua e dell’apprendimento permanente;
-
creazione di un quadro giuridico europeo per la contrattazione transnazionale nelle aziende
multinazionali.
16
6. Parità di genere
La parità tra uomini e donne è un diritto fondamentale e uno dei principi fondatori dell'Unione
Europea. Tale principio è stato fissato nei tratratti UE sin dal 1957 insieme al diritto alla stessa
retribuzione per lo stesso lavoro. In oltre cinquant'anni, l'Europa ha compiuto dei passi avanti
importanti nella parità di genere, per esempio approvando legislazioni importanti in materia di
pari retribuzione, parità di diritti sul posto di lavoro e congedo di maternità.
La realtà mostra tuttavia che:
-
solo il 63 per cento di tutte le donne hanno accesso al mercato del lavoro, mentre per gli
uomini si tratta invece del 75 per cento;
-
il 32 per cento delle donne lavora in regime part-time, rispetto all'otto per cento degli uomini;
-
sebbene le donne siano spesso in possesso di titoli di studio superiori a quelli conseguiti
dagli uomini, esse in media guadagnano meno e solo di rado ottengono mansioni
dirigenziali;
-
le donne guadagnano in media il 16 per cento in meno rispetto agli uomini;
-
solo il 16 per cento dei membri dei consigli d'amministrazione delle maggiori imprese
europee è costituito da donne;
-
le pensioni delle donne nella media UE sono del 39 per cento inferiori a quelle degli uomini,
il "divario pensionistico legato al sesso" comporta per le donne un maggiore rischio di
povertà nella terza età.
Le donne sono state colpite in modo particolarmente duro dalla crisi economica e finanziaria e
dai programmi di austeritá, oltre ad aver patito fortemente lo smantellamento dei servizi pubblici
essenziali e l’aumento della precarietà nei rapporti di lavoro
Il raggiungimento della parità di genere in Europa rimane tuttora una grossa sfida per tutti gli
attori operanti sia a livello nazionale che internazionale. La stessa rappresenta una grande
responsabilità per tutti, uomini e donne. La partecipazione paritaria delle donne e degli uomini
rappresenta un elemento fondamentale della democrazia sul posto di lavoro e nella società e
contribuisce a migliorare la competitività e il benessere in Europa. I sindacati devono occuparsi
maggiormente degli interessi delle donne, anche per migliorare l’”attrattività” del mondo
sindacale rispetto alle lavoratrici.
EFFAT a tal fine:
-
sosterrà l'abbattimento delle differenze salariali tra uomini e donne nei settori nei quali la
nostra organizzazione opera;
-
sosterrà la ratifica della convenzione OIL n. 189 sul lavoro dignitoso per i lavoratori
domestici, rafforzerà l'organizzazione sindacale e incentiverà lo sviluppo delle relazioni
industriali per i lavoratori domestici;
17
-
supporterà l'adozione della direttiva riguardante il miglioramento dell’equilibrio di genere fra
gli amministratori senza incarichi esecutivi delle società quotate in Borsa;
-
continuerà a promuovere in tutte le attività dell’EFFAT l’inclusione degli aspetti relativi alle
pari opportunità e alla dimensione di genere, in particolare nel dialogo sociale, nei comitati
aziendali europei e nel lavoro portato avanti nei diversi settori;
-
promuoverà ulteriormente l'attuazione degli obiettivi della politica paritaria dell’EFFAT e del
piano per la parità di genere;
-
continuerà a promuovere la partecipazione equilibrata di uomini e donne negli organi
decisionali dei sindacati;
-
continuerà a raccogliere e divulgare informazioni sulle pratiche di successo adottate dalle
organizzazioni membre nel campo della parità di genere;
-
terrà regolarmente riunioni del comitato delle donne ed eventi sui temi riguardanti la parità di
genere;
-
rafforzerà la collaborazione con i comitati delle donne della CES e delle altre federazioni
sindacali europee.
18
7. Lavoro per i giovani
Secondo il Comitato dei Giovani dell‘EFFAT la disoccupazione giovanile è la più grande sfida
che l’Europa deve affrontare attualmente (gli ultimi dati emessi dall’Eurostat parlano di una
disoccupazione giovanile pari al 23,6% in Europa). Tutte le nazioni europee hanno cifre riguardo
alla disoccupazione giovanile che sono di due o tre volte superiori rispetto a quelle dei lavoratori
più anziani. Ulteriori aspetti comuni tra i diversi settori sono una scarsa programmazione del
turnover e la mancanza di politiche del lavoro attive per investire nei lavoratori più giovani che
necessitano di formazione e competenze.
Per molti giovani che si affacciano sul mercato del lavoro, un’occupazione dignotosa e un
salario equo rimangono fuori portata e le poche opportunità di impiego si concentrano per lo più
in lavori precari, come tirocini, contratti di somministrazione o contratti a zero ore.
L’”organizzazione” dei giovani lavoratori rappresenta pertanto una priorità per assicurare loro un
lavoro dignitoso e di qualità.
Per questi motivi il Comitato dei Giovani dell’EFFAT si impegna per le seguenti priorità lavorative
per il periodo 2015-2019:
-
scambio di buone pratiche e sviluppo della capacità dei sindacati di organizzare in modo
migliore i lavoratori più giovani;
-
incoraggiare i sindacati affinchè non solo assumano giovani e attirino giovani militanti, ma
altresì affinchè permettano loro di partecipare attivamente agli organismi decisionali delle
organizzazioni sindacali e nel lavoro quotidiano delle stesse (piuttosto che solamente in
quello specifico per i giovani);
-
promuovere il rispetto del dialogo sociale e mantenere il diritto alla contrattazione collettiva
(specialmente nelle nazioni in cui i sindacati sono sotto crescente pressione);
-
inserire nell’agenda di tutti i dialoghi sociali di ogni settore l’occupazione giovanile,
includendola altresì nell’attività dei CAE;
-
garantire all’interno dei contratti collettivi la presenza di disposizioni che riflettono i bisogni
dei giovani lavoratori;
-
promuovere campagne a favore del diritto dei giovani ad un lavoro dignitoso ed a un salario
equo;
-
porre fine a ogni forma di lavoro precario, incluso quei tirocini attraverso i quali i giovani
vengono sfruttati;
-
fare pressioni alle istituzioni europee affinchè si promuova la coesione sociale, così che la
mobilità dei giovani all’interno dell’Unione Europea sia una scelta e non più una necessità
per trovare lavoro altrove;
-
lottare per un accesso paritario alla formazione continua per i giovani lavoratori, un fattore
chiave per garantire migliori prospettive occupazionali e per tutelare il futuro dell’Europa;
-
cooperare con altre federazioni europee di sindacati per campagne comuni ed eventi, dato
che la maggior parte delle questioni che affrontano i lavoratori più giovani nell’Europa di
oggi trascendono i confini nazionali e settoriali.
19
8. Rafforzare l’azione delle organizzazioni affiliate all’EFFAT nelle aziende trans-nazionali
Sempre più spesso, decisioni che hanno un impatto significativo sui nostri iscritti impiegati
all’interno di gruppi transnazionali vengono prese a livello europeo (se non addirittura globale)
piuttosto che a livello nazionale. Pertanto, per l'EFFAT e le sue organizzazioni affiliate è
indispensabile giocare un ruolo più influente al livello più alto, dove tali decisioni vengono prese.
Per conseguire questo obiettivo in modo efficace, dobbiamo quindi consolidare la nostra identità
di sindacato europeo, promuovendo la cooperazione, il pari trattamento e la solidarietà
transfrontaliera.
Le principali sfide che ci troviamo ad affrontare nelle aziende transnazionali (ATN) sono:
-
La perdita di posti di lavoro dovuta principalmente a grandi ristrutturazioni aziendali e alle
delocalizzazioni: molte sono le ATN che in questi anni hanno fortemente ridotto i propri
organici, razionalizzando la produzione e le funzioni di back office.
-
Il lavoro precario e l’aumento esponenziale del “lavoro povero”: fenomeni dovuti anche alla
finanziarizzazione e all'ascesa incontrollata dello “shareholder value” (“valore –solo- per gli
azionisti”) come indirizzo strategico prioritario.
-
Disparità di trattamento e dumping sociale: esistono oggi disparità inaccettabili in materia di
condizioni di impiego e di lavoro tra lavoratori della stessa azienda trasnazionale.
-
Insufficienza di risorse allocate per garantire la salute e la sicurezza (SeS) sul luogo di
lavoro.
-
Attacchi mirati ai lavoratori e ai diritti sindacali, in particolare verso rappresentanti dei
lavoratori e rappresentanti sindacali.
Garantire una cooperazione sindacale più forte nelle ATN
Le priorità dell'EFFAT in questo campo sono dunque le seguenti:
-
rafforzare il coordinamento sindacale nelle ATN;
-
mantenere o, qualora necessario, creare sistemi/gruppi di allarme rapido (Early warning
networks) a livello aziendale;
-
promuovere la solidarietà e il mutuo supporto in caso di azioni industriali e delocalizzazione
della produzione e dei servizi;
-
definire strategie sindacali comuni e organizzare azioni di lotta congiunte;
-
rafforzare il coordinamento delle organizzazioni affiliate all’EFFAT in caso di azioni sindacali
e iniziative di lotta nelle aziende transnazionali. Tali iniziative dovranno essere assunte in
stretto raccordo con i Sindacati nazionali di categoria ed i componenti del Cae, laddove
esistenti.
-
continuare a implementare il “Codice di condotta industriale dell'EFFAT”;
-
rafforzare la cooperazione delle organizzazioni affiliate sui contratti collettivi nelle ATN;
20
-
-
-
identificare e scambiare esempi di buone prassi in materia di anticipazione e gestione
efficiente dei cambiamenti e delle ristrutturazioni aziendali, con particolare attenzione alle
misure volte a migliorare le competenze e l'occupabilità dei lavoratori;
potenziare la cooperazione transfrontaliera tra sindacati nell'ottica di concludere accordi
transnazionali di gruppo che stabiliscano standard sociali comuni tesi a migliorare le
condizioni di impiego e di lavoro, garantire la sostenibilità a lungo termine delle aziende e
adottare buone prassi in materia di anticipazione e gestione efficiente dei cambiamenti e dei
processi di ristrutturazione;
sviluppare strategia per affrontare problemi comuni (quali lo stress lavoro-correlato)
mediante il ricorso all'assistenza di esperti sindacali e la creazione di strumenti di lavoro;
cooperare strettamente con la UITA nel lavoro riguardante le ATN;
organizzare incontri e formazioni per gli affiliati della stessa ATN o dello stesso settore,
fornire loro l'occasione di incontrarsi, scambiare informazioni e buone prassi, concordare
programmi di lavoro comuni e coordinare le loro attività.
Potenziare il ruolo dei Comitati aziendali europei (CAE) e delle Società europee (SE o
Societs europaea) con il fine di migliorare le condizioni di lavoro e di occupazione
A tal proposito, le priorità dell'EFFAT sono:
-
trovare un consenso tre le organizzazioni affiliate per la costituzione di CAE presso le ATN
che presentano una sindacalizzazione elevata e che rispettano i requisiti per la costituzione
di un CAE;
-
rinegoziare accordi CAE migliori che includano le disposizioni contenute nella nuova
direttiva sui CAE del 2009;
-
aumentare la partecipazione e il numero di rappresentanti sindacali nei CAE;
-
aumentare la partecipazione delle donne nei CAE;
-
far sì che tra i membri dei CAE siano inclusi affiliati EFFAT di paesi non UE (e in particolare
dei paesi candidati);
-
promuovere la partecipazione sindacale nei CAE, affinché, negli accordi CAE dei settori di
nostra competenza, l'EFFAT sia sempre riconosciuta quale rappresentante a livello europeo
dei suoi affiliati nazionali, prevedendo altresì la possibilità per un coordinatore EFFAT di
partecipare alle riunioni;
-
elaborare programmi di lavoro strategici per raggiungere un approccio collettivo europeo il
più solido possibile tra i membri del CAE, tale da renderli capaci di “parlare con una sola
voce”;
21
-
assumere un ruolo attivo nel definire l'agenda dei CAE, includendo nelle discussioni sfide
sociali importanti quali il dumping sociale, il lavoro precario, lo stress sul luogo di lavoro, la
salute e sicurezza, le pari opportunità, la disoccupazione giovanile, i diritti sindacali, il
dialogo sociale nazionale, ecc.;
-
migliorare la cooperazione e potenziare il flusso di informazioni da, verso e tra i membri dei
CAE, il Segretariato EFFAT, i sindacati nazionali e i delegati sindacali in azienda;
-
sostenere il lavoro dei coordinatori EFFAT e dei membri dei CAE tramite la creazione di
nuovi strumenti di lavoro che trattino problematiche quali il lavoro precario, la
disoccupazione giovanile, lo stress sul luogo di lavoro, l'outsourcing, le ristrutturazioni, ecc.;
-
organizzare conferenze annuali per i coordinatori dei CAE;
-
organizzare formazioni per coordinatori e membri dei CAE;
-
far sì che il portale CAE dell'EFFAT sia uno strumento utile per i membri dei CAE;
-
fornire consulenza ai CAE in merito agli esperti esterni;
-
fornire un sostegno diretto in tutte le contrattazioni che coinvolgono CAE o DSN
(delegazioni speciali di negoziazione), nonché assistenza nelle attività ordinarie e
straordinarie dei CAE;
-
continuare a coordinare le attività degli affiliati a favore dell'istituzione di strutture
partecipative presso le SE.
Influenzare le istituzioni europee per migliorare la legislazione comunitaria in materia di
aziende transnazionali
Per tutelare e rappresentare adeguatamente i nostri membri servono anche gli strumenti legali
che ci consegnino tali poteri. Considerato che le regole del capitalismo finanziario e industriale
sono europee se non globali e tenendo presenti le dinamiche concorrenziali del mercato interno
europeo, risulta assolutamente indispensabile potenziare di pari passo il coinvolgimento dei
lavoratori, rafforzandone il diritto all'informazione e alla consultazione a livello europeo e il diritto
alla rappresentanza/partecipazione rispetto agli organi decisionali delle aziende. Per questo
l'EFFAT, insieme alla CES e alle altre Federazioni sindacali europee (FSE), continuerà ad
influenzare le istituzioni europee con l’obiettivo di rafforzare i diritti dei lavoratori e dei sindacati
nelle ATN. Le politiche dell'EFFAT in materia di ATN saranno pertanto volte a:
-
attivarsi per migliorare la direttiva 2009/38/CE riguardante l'istituzione di comitati aziendali
europei;
-
influenzare le istituzioni europee per promuovere l’adozione di una legislazione europea
sulla gestione dei cambiamenti e delle ristrutturazioni: (follow-up della relazione Cercas);
22
-
influenzare le istituzioni europee per l’adozione di un quadro giuridico europeo sugli accordi
transnazionali di gruppo, che riconosca il ruolo dei sindacati nazionali e delle federazioni
sindacali europee;
-
imporre regole vincolanti sulla responsabilità sociale d'impresa (RSI): le priorità dell'EFFAT
in questo ambito sono l'istituzione di un codice vincolante che governi la certificazione, il
controllo esterno e l'inclusione dei sindacati e dei soggetti interessati nel processo
decisionale;
-
monitorare la corretta implementazione della direttiva sulla comunicazione di informazioni di
carattere non finanziario da parte di talune società e di taluni gruppi di grandi dimensioni;
-
promuovere l’adozione di una legislazione comunitaria che tuteli fortemente i diritti di
informazione e consultazione e si opponga con forza a qualsiasi tentativo di ridurre e
limitare tali diritti (come invece si prospetta di fare con la comunicazione REFIT della
Commissione Europea).
23
9. Europa centrale, orientale, sud-orientale e Turchia
Ben 25 anni dopo la caduta del muro di Berlino, lo sviluppo sociale e sindacale nei nuovi Stati
membri dell’Unione Europea e nell’Europa sud-orientale continua ad essere più difficile rispetto
a quello degli Stati membri “più vecchi”. Le organizzazioni affiliate all’EFFAT presenti in queste
aree hanno infatti trovato molte difficoltà dovute agli effetti negativi derivanti dal processo di
trasformazione che li ha interessati, alla frequente presenza di strutture sindacali obsolete nel
settore privato, alla mancanza di associazioni datoriali di settore, a una corruzione diffusa e alla
presenza di governi o partiti anti-sindacali.
Il supporto alle nostre organizzazioni affiliate nell’Europa centrale, orientale, sud-orientale e in
Turchia continuerà pertanto a rappresentare un impegno importante per l’EFFAT nei prossimi
anni. Anche le nazioni dell’Europa sud-orientale e la Turchia hanno infatti la prospettiva di
diventare membri dell’Unione Europea. L’adesione all’Unione non basterà da sola al
miglioramento delle condizioni lavorative e di vita in questi stati, anche in considerazione del
fatto che la crisi finanziaria ed economica in questi paesi ha colpito in modo rilevante. Per tutte
queste ragioni, risulta pertanto assolutamente cruciale il rafforzamento del ruolo dei sindacati in
queste aree ed il loro pieno coinvolgimento nel lavoro dell’EFFAT.
A questo proposito, nei prossimi anni saranno perseguite le seguenti iniziative:
-
maggiore sostegno per le iniziative volte ad aumentare la sindacalizzazione e lo sviluppo di
forti organizzazioni sindacali di settore, capaci di completare l’azione delle strutture sindacali
già operative nelle aziende e di agire a livello nazionale;
-
sostegno allo sviluppo e al consolidamento del dialogo sociale e alla contrattazione
collettiva di settore;
-
miglior utilizzo dei fondi strutturali e sociali europei per la realizzazione di progetti sullo
sviluppo delle competenze destinati a sindacati e parti sociali;
-
una maggior inclusione dei rappresentanti sindacali delle nazioni dell’Europa centrale e
orientale e dell’Europa sud-orientale nel lavoro degli organi dell’EFFAT, nelle conferenze e
nei gruppi di lavoro;
-
mantenimento del fondo di solidarietà dell’EFFAT;
-
supporto rafforzato per i sindacati in caso di conflitti con le aziende europee;
-
ulteriore inclusione dei rappresentanti sindacali delle nazioni dell’Europa centrale e orientale
e dell’Europa sud-orientale nei comitati aziendali europei;
-
convolgere le organizzazioni che condividono i valori dell’EFFAT perchè diventino nuovi
membri;
-
sostegno all’istituzione di coordinatori nazionali per le società transnazionali (STN), se
necessario in cooperazione con altre federazioni sindacali europee;
24
-
ulteriore promozione di cooperazioni bilaterali e multilaterali e accordi di affiancamento
(mentoring) tra le organizzazioni dei paesi membri “più vecchi” e quelle delle nazioni
dell’Europa centrale e orientale e dell’Europa sud-orientale;
-
mantenimento del gruppo sindacale dell’EFFAT dedicato alle nazioni dell’Europa sudorientale;
-
ulteriore promozione della collaborazione transfrontaliera e trans-settoriale tra i sindacati
delle nazioni dell’Europa sud-orientale;
-
iniziative politiche per il miglioramento della competitività del settore agricolo e alimentare
nelle nazioni dell’Europa sud-orientale;
-
supporto e consulenza per le nazioni candidate durante le trattative per l’adesione
all’Unione Europea;
-
mantenimento dell’ufficio dedicato all’Europa sud-orientale situato a Zagabria, affinchè
assista, collabori e mantenga informate (anche grazie alla newsletter dell’Europa sudorientale) le organizzazioni affiliate all’EFFAT situate in queste subregioni.
25
10. Metodo di lavoro e rafforzamento organizzativo-politco dell’EFFAT
1. Invece di mantenere gruppi permanenti di lavoro e svolgere riunioni ad intervalli regolari,
sulla base delle adottate “priorità chiave dell’EFFAT” e a seconda della ricorrente agenda
politica abbiamo organizzato riunioni e conferenze con specifici gruppi di lavoro per poter
meglio rispondere alle diverse sfide politiche che ci siamo trovati ad affrontare. In altre
parole, abbiamo lavorato in modo meno orientato verso la struttura e più verso “il problema”
(concentrandoci sulle sfide politiche attuali). Continueremo con questa modalitá di lavoro
anche in futuro.
2. Il tema dell’Europa per i segretari delle organizzazioni sindacali deve essere oggigiorno
parte integrante dell’istruzione e della formazione nazionale. Per tale motivo, il segretariato
EFFAT da molti anni offre formazione e opportunità di training ai segretari delle nostre
organizzazioni affiliate, in modo tale da dare loro una miglior prospettiva sul lavoro sindacale
europeo. Questa possibilità dovrebbe essere sfruttata maggiormente da parte delle nostre
organizzazioni affiliate anche nell’ambito dell’istruzione organizzata a livello nazionale per i
segretari sindacali.
3. La collaborazione con altre Federazioni Sindacali Europee (FETBB, IndustriALL, UNI
Europa, ETF – Federazione Europea dei Lavoratori dei Trasporti – e FSESP – Federazione
Sindacale Europea dei Servizi Pubblici), già in corso da molto tempo, è migliorata
significativamente negli ultimi due anni. Mentre prima i segretari generali delle rispettive
federazioni europee si incontravano solamente in occasione degli incontri della CES
(Confederazione Europea dei Sindacati), i segretari generali adesso si incontrano (su
suggerimento dell’EFFAT) circa ogni sei settimane. Inoltre, abbiamo costituito insieme gruppi
di lavoro misti (per esempio per il lavoro precario, per il Partenariato transatlantico su
commercio e investimenti TTIP, per il lavoro giovanile ecc.), organizziamo congiuntamente
iniziative ed attività che hanno come destinatari la Commissione ed il Parlamento Europeo
(lettere, udienze, manifestazioni) e ci invitiamo reciprocamente ai rispettivi eventi. Attraverso
una mirata suddivisione e distribuzione del lavoro vogliamo raggiungere una più forte
sinergia e rafforzare in questo modo il nostro impatto politico. Continueremo a portare avanti
questa efficace collaborazione e l’amplieremo in altri campi. Come regola generale, la CES è
nvitata a partecipare a tutte le iniziative delle diverse Federazioni.
4. E’ importante sottolineare che la stretta collaborazione delle Federazioni Sindacali Europee
(FSE) rafforza ulteriormente la CES stessa. Guardando in particolare alle sfide del lavoro
precario, questa collaborazione garantisce infatti ancora maggior forza al lavoro della CES.
Dopo tutto, il successo politico della nostra azione si regge sul fatto che il movimento
sindacale europeo parli con una voce sola. L’accordo attualmente raggiunto prevede che
l’EFFAT e le altre federazioni sindacali europee sono responsabili per le questioni settoriali,
mentre la CES per le questioni intersettoriali. L’EFFAT in questo modo gestisce e promuove
i propri interessi settoriali contribuendo altresì alle discussioni e alle decisioni intersettoriali
per le quali è competente la CES.
26
5. L’EFFAT continuerà la stretta collaborazione con la UITA, soprattutto per quanto riguarda le
aziende transnazionali
6. Considerando la libera circolazione e la crescente mobilità dei lavoratori, EFFAT lotta per la
creazione di un'Europa senza confini sindacali. A tal proposito dobbiamo assicurarci che i
nostri iscritti, i quali beneficiano della libera circolazione o sono distaccati come risultato
della libera circolazione dei servizi, aderiscano ad una delle organizzazioni affiliate all’EFFAT
nel paese ospitante. Se, invece, dovessero lavorare in un altro paese solo
temporaneamente prima di rientrare a casa, dobbiamo garantire loro, attraverso le nostre
organizzazioni affiliate nel paese ospitante, la consulenza ed il supporto necessari.
7. Il segretariato dell’EFFAT ha ingrandito ulteriormente, negli anni passati, il proprio lavoro
nelle pubbliche relazioni e nei social network. Fanno parte dei nostri obbiettivi per gli anni
futuri:
-
Aumentanre la presenza dell'EFFAT nell'informazione e nei media online attraverso
comunicati stampa accurati e tempestivi e un miglior collegamento con gli organi di
stampa.
-
Migliorare l'uso dei social media per attrarre un pubblico nuovo (e più giovane),
permettere la comunicazione bidirezionale ("two way communication"), comparire in più
ricerche su Internet e diffondere informazioni in tempo reale.
-
Continuare a rendere il nostro sito più interessante, aggiornato, professionale e sensibile
ai feedback dei nostri affiliati per meglio sostenere gli obiettivi dell'EFFAT.
-
Fornire informazioni mirate ai nuovi membri (e a quelli confermati) del Parlamento
europeo;
-
Promuovere con la newsletter trimestrale (grazie anche a una nuova versione elettronica
e ad un nuovo layout) le migliori pratiche e il supporto reciproco tra le organizzazioni
membre, informando altresì costantemente circa le attività dell’EFFAT e le maggiori
problematiche europee che interessano le nostre organizzazioni affiliate e i
rappresentanti sindacali che operano a livello aziendale, regionale e locale.
8. La pianificazione finanziaria del periodo dell’ultimo congresso e la politica di bilancio del
segretariato hanno permesso all’EFFAT di presentare anche quest’anno un bilancio
equilibrato. Il segretariato verificherà ulteriormente tutte le possibilità di risparmio dei costi
che ci permettano un utilizzo ottimale delle risorse finanziarie e del personale, garantendo lo
spazio di manovra necessario per la realizzazione delle nostre attività politiche. Per l’aspetto
finanziario e la programmazione del bilancio per il prossimo congresso, il Comitato Esecutivo
presenterà al 4° Congresso una proposta che dovrebbe permetterci la continuazione del
nostro lavoro politico ad ogni livello.
27
III. Allegato
Programma di lavoro dei Settori
dell‘EFFAT
28
III Allegato
Programma di lavoro dei Settori dell‘EFFAT
A. Settore dell’Agricultura
PRIORITÀ DI LAVORO
Trovare vie d’uscita dalla crisi: intendiamo elaborare proposte per superare la crisi nel settore
agricolo e impegnarci a favore della loro attuazione.
Creazione di nuovi posti di lavoro: intendiamo realizzare la creazione di nuovi posti di lavoro
con riferimento al nostro studio relativo ai "green jobs".
Lotta contro il lavoro nero: intendiamo negoziare con i rappresentanti dei datori di lavoro e
delle istituzioni europee possibilità concrete di riduzione del lavoro nero nel settore.
Incentivazione dell’occupazione giovanile nel settore: intendiamo elaborare criteri e
strumenti per l’incentivazione dell’occupazione giovanile nel settore e metterli in atto in
collaborazione con il partner sociale GEOPA-COPA.
Incentivazione dell’occupazione femminile nel settore: intendiamo elaborare criteri e
strumenti per l’incentivazione dell’occupazione femminile nel settore e metterli in atto in
collaborazione con il partner sociale GEOPA-COPA.
Incentivazione dell’occupazione dei lavoratori più anziani nel settore: intendiamo elaborare
criteri e strumenti per l’incentivazione dell’occupazione dei lavoratori più anziani nel settore e
metterli in atto in collaborazione con il partner sociale GEOPA-COPA.
Elaborazione di uno standard minimo per i contratti di lavoro in forma scritta con i
lavoratori del settore agricolo nell’Unione europea: intendiamo elaborare standard minimi
per i contratti di lavoro in forma scritta nell’Unione europea. Vogliamo che in futuro tutti i
lavoratori ottengano un contratto di lavoro in forma scritta fin dal primo giorno di lavoro.
Vogliamo negoziare con i rappresentanti datoriali europei i contenuti di un siffatto standard
minimo per i contratti di lavoro in forma scritta. Auspichiamo di poter così contribuire in modo
fondamentale alla riduzione del lavoro nero nel settore agricolo europeo.
Partecipazione dei lavoratori e dei loro sindacati: intendiamo conseguire un più pieno ed
equo coinvolgimento dei lavoratori e dei loro sindacati nelle aziende agricole e incrementare la
partecipazione dei sindacati del settore agricolo alle procedure politiche.
Tutela dei lavoratori svantaggiati: siamo impegnati nel perseguimento di strumenti di tutela
efficaci a favore dei lavoratori svantaggiati.
Riforma della Politica Agricola Comune (PAC): intendiamo elaborare nel 2015 le richieste di
EFFAT e attivarci nei prossimi anni presso i rappresentanti delle istituzioni europee al fine di
chiederne l’appoggio.
AGRIPASS: intendiamo sperimentare e attuare l’Agripass in alcune regioni.
29
Recepimento nei diritti nazionali della direttiva europea sul lavoro stagionale: intendiamo
proporre alle organizzazioni affiliate EFFAT una campagna unitaria a favore del recepimento
della direttiva nei diritti interni degli Stati membri. Tale campagna è volta a migliorare la
percezione e le opportunità delle organizzazioni affiliate sul piano nazionale. Il suo obiettivo è
quello di ottenere che i recepimenti della direttiva assegnino un ruolo essenziale a parti sociali e
sindacati agricoli.
Ammodernamento del sito web www.agri-info.eu: intendiamo rendere più moderno il sito
web e aggiungere ulteriori lingue.
Patologie osteomuscolari: intendiamo incentivare la rete degli osservatori nazionali, realizzare
scambi tra i partner e ampliare la rete. Desideriamo attivare la predisposizione di una direttiva
europea in materia di patologie osteomuscolari.
Pesticidi: vogliamo ottenere un’ulteriore riduzione dei pesticidi pericolosi.
Rischi biologici: intendiamo valorizzare e ampliare il nostro osservatorio sui rischi biologici.
Convenzione 184 OIL: vogliamo ottenere la ratifica della Convenzione da parte degli Stati
membri dell’UE (e dell’UE stessa).
Commercio internazionale (TTIP, TISA, CETA…): ci impegniamo a favore di un commercio
globale equo. Ci opponiamo a convenzioni che aggravino la situazione dei lavoratori agricoli e
dei loro sindacati.
Acquisizione di affiliati: intendiamo affiliare nuove organizzazioni nei Paesi in cui non siamo
significativamente rappresentati.
Incentivazione delle organizzazioni di piccoli agricoltori: in collaborazione con
l’organizzazione ALPA, affiliata EFFAT, intendiamo attuare una campagna per il rafforzamento
delle organizzazioni di piccoli agricoltori.
Incentivazione delle organizzazioni affiliate nel settore: vogliamo contribuire a far sì che le
organizzazioni affiliate diventino più visibili e più forti nel settore. Intendiamo elevare nel loro
complesso la visibilità e l’impatto delle attività del settore.
Solidarietà tra i settori: ci impegniamo a favore di una più marcata solidarietà tra i settori e le
loro organizzazioni affiliate.
Workers' memorial day: vogliamo incrementare la partecipazione delle organizzazioni affiliate
a questa giornata.
Incentivazione del dialogo settoriale sociale: ci battiamo per un forte e autonomo dialogo
settoriale sociale tra i sindacati liberi e rappresentativi e le associazioni datoriali in Europa.
Incentivazione dell’impatto ambientale positivo e lotta al cambiamento climatico: vogliamo
ottenere un’agricoltura sociale, sostenibile, durevole e su vasta scala. Incrementeremo in tal
senso la nostra influenza in Europa.
Riforma dei comitati consultivi: vogliamo adoperarci a favore della collaborazione in seno ai
comitati consultivi.
30
B. Settore Alimentari, Bevande e Tabacco
“Azione sindacale transfrontaliera contro il dumping sociale”
Il settore Alimentari, Bevande e Tabacco dà lavoro a circa 4,5 milioni di persone in Europa ed è
costituito da oltre 300.000 imprese in tutta l'Unione europea. Le piccole e medie imprese (PMI)
vi giocano un ruolo importante, affiancate da un numero relativamente ridotto di grandi aziende
leader multinazionali. La filiera industriale connette tra loro quattro settori di grande rilevanza
economica: l'agricoltura, la lavorazione e fabbricazione, la distribuzione (all'ingrosso e al
dettaglio) e il settore dell'ospitalità.
Dopo l'avvento della crisi finanziaria globale, l'intero settore si è trovato di fronte a importanti
cambiamenti che hanno comportato un livello di insicurezza sempre maggiore per
l'occupazione. Inoltre, l'incremento del commercio internazionale di alimenti e bevande, e più in
generale la mobilità transfrontaliera degli investimenti, hanno dato adito a notevoli cambiamenti
socioeconomici sia nei mercati sia nei modelli tradizionali di scambio, accelerando il ritmo delle
ristrutturazioni aziendali. I problemi legati alla "corsa verso il basso" transnazionale non sono
peraltro appannaggio esclusivo delle multinazionali. L'aumento dei lavoratori migranti europei e
di paesi terzi alla ricerca di migliori condizioni di vita, le pratiche illegali (evasione fiscale) e la
concorrenza sleale non aprono certo la strada a un'occupazione sostenibile nel settore.
Il passaggio a una società basata sulla conoscenza richiede che i lavoratori debbano e possano
costantemente aggiornare le loro competenze e abilità professionali, ma questo settore che
lamenta una penuria di lavoratori qualificati vede invecchiare la sua forza lavoro e non è
percepito come professionalmente attraente. Tutto il settore nel suo complesso deve impegnarsi
maggiormente per richiamare i giovani e far sì che le donne abbiano pari accesso e opportunità
a posti e condizioni di lavoro migliori.
Priorità del settore Alimentari, Bevande e Tabacco nel nuovo periodo congressuale
Conformemente agli scopi e obiettivi che l'EFFAT si è data globalmente, e in cooperazione con
altri settori, il settore Alimentari, Bevande e Tabacco si concentrerà sulle seguenti tematiche:
1. Lotta a tutte le forma di precarietà per ottenere un lavoro dignitoso
-
L'aumento dei lavoratori precari e migranti nel settore, dovuto a tendenze sempre più
pressanti come la globalizzazione, la concorrenza estrema, i cambiamenti strutturali
dovuti alla ricerca di manodopera sempre più a buon mercato e ai nuovi modelli di
scambio, è una questione che va affrontata insieme, con un maggiore e migliore
coordinamento tra le organizzazioni affiliate. Ultimamente, lo storico accordo raggiunto
dalla nostra affiliata tedesca NGG sui salari minimi e la creazione di un comitato di
coordinamento dell'EFFAT sulla carne hanno dimostrato la nostra capacità di agire
insieme per reagire alla situazione del precariato nel settore della carne. L'EFFAT
sosterrà le sue affilate nella creazione di una rete di delegati sindacali nel settore lattiero
caseario per migliorare le conoscenze, lo scambio di informazioni ed emancipare le
contrattazioni collettive. L'EFFAT sosterrà inoltre i fruttuosi lavori portati avanti dal suo
comitato direttivo sul cacao, in particolare nella promozione di una norma mondiale del
cacao sostenibile e nella lotta al lavoro minorile.
31
-
Occorre promuovere l'attuazione e applicazione della legislazione e normativa europea
in essere, come la direttiva sul lavoro interinale che stabilisce il principio del pari
trattamento per i lavoratori interinali. L'EFFAT continuerà a promuovere la corretta
attuazione e applicazione della direttiva sul distacco dei lavoratori.
-
L'EFFAT si impegnerà per una migliore applicazione dell'acquis sociale comunitario e
continuerà a mantenere le buone relazioni con il Comitato economico e sociale europeo
contribuendo a uno studio pilota sul funzionamento della direttiva sul distacco nel settore
della carne.
-
L'EFFAT continuerà altresì a monitorare, a sostegno delle attività delle sue affiliate,
l'attuazione delle leggi e dei regolamenti europei sul piano nazionale. L'EFFAT seguirà
l'attuazione sul piano nazionale della revisione della direttiva sui prodotti del tabacco e in
particolare le sue possibili conseguenze sulle condizioni di lavoro.
2. Sostegno alle contrattazioni collettive e al miglioramento delle condizioni di lavoro
-
La crisi finanziaria ha determinato un'accelerazione delle ristrutturazioni aziendali. Per
quanto praticabile, è necessario migliorare il coordinamento transnazionale tra le affilate
per meglio reagire ai cambiamenti attraverso scambi di informazioni sui dati relativi ai
contratti collettivi, inclusi i livelli salariali.
-
I contratti collettivi sono un valido strumento di tutela contro il precariato e possono
garantire l'applicazione della parità di trattamento per i lavoratori interinali. L'EFFAT
continuerà a onorare le richieste delle sue affilate di lottare contro il lavoro precario,
battersi per l'estensione delle normative sociali e del lavoro a tutti i lavoratori, e a
sostenere il diritto delle sue affilate all'associazione e alla contrattazione collettiva.
3. Promozione del dialogo sociale sul piano nazionale ed europeo
-
Sviluppare una specifica politica industriale settoriale a partire dal comitato del dialogo
sociale del settore alimenti e bevande, affrontare il tema dei lavoratori anziani e le
problematiche dell'occupazione giovanile e del lavoro interinale, identificare i possibili
rischi delle nanotecnologie per la salute dei lavoratori e in generale rendere il settore più
attraente.
-
Mantenere e sviluppare il comitato del dialogo sociale nel settore dello zucchero per far
fronte all'impatto della riforma dell'organizzazione del mercato comune sul settore e sulla
sua forza lavoro, affrontando anche in questo caso il tema dei lavoratori anziani e le
problematiche dell'occupazione giovanile.
-
Il dialogo sociale europeo dovrebbe elaborare strumenti, in forma di dichiarazioni
congiunte, accordi, progetti comuni, orientamenti, ecc. che possano essere
efficacemente utilizzati dalle parti sociali a livello nazionale a complemento del dialogo
sociale. Il dialogo sociale europeo dovrebbe portare all'inclusione delle parti sociali nel
processo politico e decisionale europeo.
-
L'EFFAT lavorerà insieme alle sue affiliate per rafforzare l'interazione tra il livello europeo
e gli altri livelli del dialogo sociale e favorire così relazioni industriali più efficaci e
potenziare le capacità delle parti sociali sul piano nazionale. Occorre rafforzare la mutua
cooperazione e il supporto tre l'EFFAT e le organizzazioni affiliate.
32
4. Promozione di relazioni commerciali eque e sostenibili in tutta filiera
-
Rivendicare il diritto a un'alimentazione sostenibile, sicura, nutriente e di qualità a prezzi
equi (a) presso tutte le piattaforme di soggetti interessati, incluso il Forum ad alto livello
per un migliore funzionamento della catena agroalimentare per quanto riguarda le prassi
business-to-business (B2B) e la volatilità dei prezzi e (b) facendo avanzare tutto il
ventaglio di normative e politiche comunitarie nel settore alimenti e bevande, incluse
quelle relative alla salute e sicurezza.
-
Nel quadro del dialogo sociale, l'EFFAT intende lavorare a un processo comune per il
riconoscimento dell'importanza del settore alimenti e bevande nell'economia dell'UE e
all'elaborazione di una politica industriale per un lavoro dignitoso basata sull'occupazione
sostenibile, l'innovazione e le politiche di investimento lungo tutte le filiere
dell'agroalimentare. Il settore europeo degli alimenti e bevande ha un ruolo importante
da giocare nel dare una forma al futuro sistema alimentare globale per renderlo più
sostenibile a partire dalle dimensioni sociali, ambientali ed economiche e, non da ultimo,
creando imprese di produzione e distribuzione più efficienti in termini di uso delle risorse
e capaci di creare posti di lavoro migliori e più numerosi.
-
L'EFFAT continuerà ad adoperarsi per l'adozione di misure che promuovano la
concorrenza leale contribuendo alla creazione di posti di lavoro dignitosi e di imprese di
qualità cooperando sempre più con organizzazioni esterne al movimento sindacale come
il movimento fair trade o altre ONG di analoga impostazione. Filiere alimentari
trasparenti, eque e bene integrate hanno maggiori probabilità di guadagnarsi la fiducia
dei consumatori e migliorare la sicurezza e sostenibilità alimentare.
-
L'EFFAT continuerà e rivendicare il massimo rispetto e la tutela delle più rigorose norme
sociali e ambientali in qualsiasi aspetto del commercio, inclusi i negoziati bilaterali, in un
contesto di intensa concorrenza, di riforma della politica agricola europea, e in particolare
l'eliminazione delle quote zucchero entro il 2017. I mercati dello zucchero e dei prodotti
ad alto tenore di zucchero non sono pronti per i negoziati TTIP (Partenariato
transatlantico su commercio e investimenti) attualmente in corso, e non si dovrebbe
autorizzare un ulteriore accesso al mercato europeo dell'etanolo.
5. Promozione dell'istruzione e dello sviluppo delle competenze per tutti i lavoratori,
siano essi operai o impiegati
-
Una migliore qualità e disponibilità di istruzione e formazione può avviare un ciclo
virtuoso in cui lo sviluppo delle competenze alimenta l'innovazione, e aumenta la
produttività e lo sviluppo aziendale, a loro volta elementi necessari per sostenere e
accelerare la creazione di posti di lavoro più numerosi e migliori.
-
L'EFFAT si attiverà in particolare nell'ambito del dialogo sociale per una maggiore
informazione nel settore alimentari e bevande in materia di sviluppo permanente delle
competenze e di qualifiche dei lavoratori.
33
-
L'EFFAT intende inoltre lavorare insieme alle sue controparti alla diffusione delle migliori
prassi nazionali in materia tra l'altro di pianificazione delle successioni, percorsi
professionali, approcci creativi al reclutamento (mirando anche a gruppi target quali le
donne o i lavoratori anziani), programmi di apprendistato (formazione di qualità),
ripensamento dei ruoli professionali e integrazione dei lavoratori migranti nella forza
lavoro.
6. Protezione dei lavoratori dai rischi per la salute e la sicurezza
-
L'EFFAT intende portare avanti, insieme alle sue controparti, un lavoro per la
comprensione e l'identificazione dei pericoli per la sicurezza nelle nuove tecnologie
impiegate nel settore, tra cui i nanomateriali e i percorsi di esposizione per i lavoratori.
-
In generale, l'EFFAT incoraggerà un ulteriore dialogo tra le affiliate in materia di rischi
psicosociali sul lavoro, promuovendo ambienti di lavoro sostenibili in particolare nel
contesto di procedure di ristrutturazione.
-
Alleanze con altre federazioni europee sorelle intorno a obiettivi e interessi comuni
nell'ottica di migliorare la salute e sicurezza dei lavoratori. L'EFFAT collaborerà per
esempio con la Federazione europea dei lavoratori edili e del legno (FETBB) che sta
portando avanti un progetto sul lavoro gravoso nel quadro dell'informazione e
consultazione dei lavoratori: l'EFFAT si occuperà dell'aspetto "addetti alle linee di
lavorazione nel settore della carne".
-
La Commissione europea sta riesaminando il corpus di leggi e norme europee sulla
salute e sicurezza nell'ottica di ridurre quella che è percepita come una burocrazia
opprimente. L'EFFAT seguirà da vicino qualsiasi sviluppo e continuerà a propugnare il
principio precauzionale conformemente al Trattato sul funzionamento dell'Unione e alle
leggi e prassi internazionali, e continuerà a battersi per la corretta attuazione e
applicazione della legislazione esistente.
34
C. Settore del Turismo
In linea con le principali aree di lavoro dell'EFFAT definite per l'intera organizzazione e in
cooperazione con gli altri settori, il settore Turismo concentrerà i suoi lavori sulle seguenti
problematiche nei prossimi anni:
Lotta al lavoro precario
-
migliorare le condizioni di lavoro e le remunerazioni del settore HRCT, promuovere
l’adozione di un salario di sussistenza o un salario minimo, contrattato dalle parti sociali o
definito dalla legge
-
combattere l'abuso di outsourcing, subappalti, apprendisti e stagisti
-
cercare di ottenere un quadro europeo armonizzato per la legislazione sociale e del lavoro,
con norme minime vincolanti per tutti
-
porre fine alla frammentazione dei mercati del lavoro e della protezione sociale per diverse
categorie di lavoratori, che comporta un aumento del lavoro precario e un generale degrado
delle condizioni di lavoro.
-
applicare il principio di pari trattamento per tutti i lavoratori in uno stesso luogo per evitare il
dumping sociale e lo 'shopping' dei datori di lavoro alla ricerca degli standard più bassi
Lotta al lavoro non dichiarato / sommerso
-
lavorare a partire dalla dichiarazione congiunta EFFAT-HOTREC sul lavoro non dichiarato
-
continuare a raccogliere e scambiare informazioni sulle misure adottate da organizzazioni
affiliate, parti sociali nazionali, ecc. per combattere il lavoro non dichiarato
-
sostenere l'iniziativa della CE per il rafforzamento della cooperazione UE volta a prevenire e
scoraggiare il lavoro sommerso, partecipare alla piattaforma europea
Contrastare la concorrenza sleale nell'attribuzione degli appalti nella ristorazione
collettiva
-
influire sulla trasposizione della direttiva appalti pubblici nelle legislazioni nazionali, affinché
i governi facciano uso del loro margine di manovra per fare del criterio MEAT (offerta
economicamente più vantaggiosa) il criterio predominante per l'aggiudicazione
-
iniziativa congiunta con i sindacati belgi sugli appalti pubblici delle Istituzioni europee
-
proseguire l'iniziativa delle parti sociali della ristorazione collettiva, dei servizi di pulizia e di
sorveglianza per promuovere l'adozione delle guide all'offerta più conveniente /
economicamente più vantaggiosa nell'attribuzione dei contratti
-
portare avanti la cooperazione con NSDPP, la rete per lo sviluppo sostenibile negli appalti
pubblici cui partecipano sindacati, ONG di orientamento sociale e associazioni per il
commercio equo
35
Implementare la politica dell'EFFAT sulla parità di genere nel settore turistico
-
combattere gli squilibri di genere nel settore alberghiero, della ristorazione e del catering
-
arrivare a una composizione bilanciata tra i sessi negli organi e nelle riunioni settoriali
-
affrontare le problematiche dalla parità di genere in tutte le attività del settore, p. es. dialogo
sociale, CAE, ecc.
-
raccogliere e diffondere informazioni su misure e iniziative delle organizzazioni affiliate volte
a favorire le pari opportunità tra donne e uomini nel settore HRCT
-
fare in modo che siano eletti e coinvolti nel lavoro sindacale più donne e giovani come
rappresentanti dei lavoratori
Mettere a frutto i risultati del Passaporto europeo delle Competenze e delle Qualifiche
(QSP)
-
promuovere l'uso dell'elenco di competenze QSP integrato nel CV online dell'EURES
-
pubblicare l'elenco di competenze QSP sui siti EFFAT e HOTREC e promuoverne l'uso
-
sperimentare l'elenco di competenze, p. es. presso le parti sociali regionali
Migliorare l'igiene alimentare nella ristorazione collettiva
-
diffondere e promuovere ulteriormente lo strumento online sull'igiene alimentare a livello
nazionale e aziendale
Continuare la partecipazione al gruppo di riferimento ESCO Ospitalità e turismo
Considerare l'eventuale creazione di Consigli settoriali sulle competenze
- monitorare gli sviluppi negli altri settori e valutare con HOTREC e FSE le possibilità di
istituire consigli settoriali sulle competenze per il settore alberghiero-ristorazione o per
quello della ristorazione collettiva
Migliorare la salute e sicurezza sul luogo di lavoro nel settore delle pulizie
-
sviluppare uno strumento OSHA online interattivo di valutazione dei rischi (Online
interactive Risk Assessment - OiRA) specifico al settore
-
monitorare la tecnologia volta a ottimizzare la produttività nel settore
-
partecipare alla campagna globale della UITA Make up my workplace
-
combattere la violenza e le molestie sessuali sul lavoro da parte di terzi, in particolare
contro le donne, nel settore HRCT
Promuovere i label sociali per hotel e ristoranti
-
compilare e condividere informazioni su iniziative per etichette sociali come ad esempio i
Fair Hotels in Irlanda
-
favorire l'avvio di campagne analoghe presso i sindacati di altri paesi
-
trasmettere informazioni pertinenti all'iniziativa della Commissione europea per un marchio
europeo della qualità del turismo
36
Rafforzare i diritti di informazione e consultazione dei lavoratori nelle aziende
multinazionali del settore HRCT
-
istituire e supportare i CAE nelle catene internazionali di alberghi, ristoranti e ristorazione
collettiva
-
coordinare i Comitati aziendali europei nelle STN intersettoriali
-
organizzare incontri intersettoriali o interaziendali a livello europeo, regionale o nazionale
-
creare reti sindacali nel fast food e nella ristorazione collettiva
-
utilizzare STN e CAE per iniziative di sindacalizzazione / reclutamento
-
pubblicare informazioni sul portale CAE dell'EFFAT www.effat-ewc.org
Contrastare l'impatto negativo dell'evoluzione dei modelli di proprietà nelle catene
alberghiere e di ristorazione internazionali sui diritti di informazione e consultazione dei
lavoratori
-
diffondere e utilizzare i risultati del progetto "Evoluzione dei modelli di proprietà nelle catene
alberghiere e internazionali e relativo impatto sui diritti di informazione e consultazione dei
lavoratori"
-
procedere a un'ulteriore mappatura di determinate STN, p. es. in relazione a specifiche
azioni o campagne
-
cercare di ottenere la modifica della definizione di "azienda che ha il controllo"
-
migliorare le conoscenze delle basi giuridiche della franchigia e delle modalità operative dei
business model (trasparenza!)
-
contrastare l'outsourcing nelle catene alberghiere internazionali, p. es. via i CAE
Sostenere la cooperazione dei sindacati del turismo a livello regionale
Rafforzare le capacità in Europa centrale, orientale e sud-orientale
- facilitare le attività dei sindacati del turismo in Europa centrale, orientale e sud-orientale in
materia di relazioni industriali, dialogo sociale, contrattazioni collettive, rappresentanza e
sindacalizzazione dei lavoratori
Continuare la cooperazione sul turismo sociale
-
cooperare con l'ISTO sulla qualificazione e formazione dei lavoratori stagionali del turismo
sociale
-
perseguire ulteriormente la formazione di una Task Force CES-EFFAT-ISTO sul turismo
sociale
Combattere lo sfruttamento sessuale dei minori e la prostituzione nel turismo
- diffondere e utilizzare i risultati del progetto SAFE HOST Parti sociali insieme nella lotta
allo sfruttamento sessuale a danno dei minori nel Turismo , unitamente alle associazioni
datoriali europee (ECTAA, HOTREC, ISTO) e ai pertinenti servizi della Commissione
europea (EMPL, ENTER, HOME)
37
- promuovere il modello di accordo UITA per i negoziati tra datori di lavoro e sindacati nel
quadro della lotta allo sfruttamento dei minori
Continuare la cooperazione nell'ambito dell'ETLC
-
utilizzare i risultati del progetto SAFE HOST per portare intorno al tavolo i principali soggetti
dei vari sottosettori del turismo (sindacati e datori di lavoro)
-
aggiungere la lotta allo sfruttamento sessuale dei minori nel turismo tra i punti di azione
della Carta Europea dei Sindacati sul Turismo dell'ETLC
-
riattivare il sito ETLC www.etlc-network.eu
Continuare le attività di cooperazione / lobby con le Istituzioni europee
-
seguire da vicino le politiche e iniziative UE sul turismo
-
fornire input nelle consultazioni
-
sorvegliare la realizzazione di:
-
o
Osservatorio europeo del turismo
o
Marchio europeo della qualità del turismo
o
Carta europea per il turismo sostenibile e responsabile
o
European Tourism System of Indicators for Sustainable Management at Destination
Level (Sistema di indicatori del turismo europeo per la gestione sostenibile al livello
della destinazione)
o
European Tourism Skills Competences Framework (Quadro europeo delle
competenze turistiche)
partecipare agli eventi europei sul turismo, p. es. quelli organizzati dalle Presidenze di turno
(in collaborazione con i sindacati)
Condurre dialoghi sociali settoriali utili e orientati ai risultati
-
cercare di ottenere risultati concreti che abbiano un impatto positivo sul settore HRCT e i
suoi lavoratori
-
influire sulle politiche UE pertinenti al settore
Promuovere un turismo sostenibile e socialmente responsabile
-
facendo tesoro delle esperienze delle organizzazioni affiliate, p. es. Schyst Resande in
Svezia www.schystresande.se
-
cooperare con ONG, associazioni datoriali, aziende, ecc.
38
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
21
File Size
2 805 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content