close

Enter

Log in using OpenID

deliberazione della giunta municipale

embedDownload
DELIBERAZIONE
N. 14
COMUNE DI PIEDIMONTE ETNEO
PROVINCIA DI CATANIA
REGISTRO PROPOSTE N. 14 DEL27/02/2014
ASSESSORATO O UFFICIO PROPONENTE: SINDACO
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE
OGGETTO: TARSU GARAGE E AUTORIMESSE ANNO 2007. ATTO DI
INDIRIZZO
L'anno, 2014 addì, 27 del mese di FEBBRAIO alle ore 14,50 e seguenti, nella Casa
Comunale si è riunita la GIUNTA MUNICIPALE con l'intervento dei Sigg.ri:
PUGL1SI IGNAZIO
SINDACO
Pres.te
MALAPONTI FRANCESCO ASSESSORE Pres.te
ROMEO GIOVANNI
POLLICINA ENRICHETTA
ASSESSORE Ass.te
VALASTRO ANGELO
ASSESSORE Pres.te
ASSESSORE Pres.te
Presiede il Sindaco, Avv. Ignazio Puglisi
Partecipa il Segretario Comunale, Dott.ssa Anna Bongiorno
IL PRESIDENTE, constatato il numero legale degli intervenuti, invita la Giunta a deliberare
sull'argomento in oggetto
LA GIUNTA MUNICIPALE
- ESAMINATA l'allegata Proposta di Deliberazione inerente all'oggetto;
- PRESO e DATO ATTO che la stessa è conforme a quanto previsto dall'ari 12 L.R. n.
30/2000;
- RITENUTA la stessa meritevole di approvazione;
- VISTO L'O.A.EE.LL. Vigente;
- CON voti unanimi espressi nelle forme di legge;
DELIBERA
1. APPROVARE,
l'allegata
proposta
di
deliberazione,
2. II presente atto viene trasmesso:
3. Al Capo Settore aree: U.T.C.
Al Capo Settore AA.GG.
Al Capo Settore SS.FF.
AL Capo Settore VV.UU.
Al Responsabile Ufficio Tributi
Al Capo gruppo di maggioranza, Avv. Camicia Vasta;
Al Capo gruppo di minoranza, Alfia Catanzaro;
All'Ufficio Pubblicazioni;
La presente Deliberazione viene letta, approvata e sottoscritta
inerente
all'oggetto.
olt( e 1 *-
COMUNE DI PIEDIMONTE ETNEO
(Provincia di Catania)
PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE
OGGETTO: TARSU GARAGE E AUTORIMESSE ANNO 2007. ATTO DI INDIRIZZO
PREMESSO CHE la questione della applicabilità della Tarsu ai locali garage ed alle
autorimesse private è connotata da un'obbiettiva incertezza sulla portata e sull'ambito di
operatività delle norme che la disciplinano;
CHE, al riguardo, con deliberazione n. 4/2008 il Consiglio comunale con riferimento e ad
interpretazione dell'ari. 11 e. 1 punto 2 del Regolamento Comunale TARSU, ha disposto
"... l'esenzione dal tributo per tutti i locali destinati a ricovero automezzi esistenti
nell'ambito del territorio comunale, purché catastati in categoria "C/6...";
CHE la Tributi Italia S.p.a., allora titolare del servizio di riscossione dei tributi locali, ha
dato comunque corso all'attività di accertamento e riscossione della TARSU anche per i
locali garage;
CHE, pertanto, con delibera n. 16/2009 il Consiglio Comunale ha disposto la riapertura dei
termini di cui all'art. 2 del Regolamento sul Condono delle Imposte Comunali, approvato
con delibera di C.C. n. 10 del 17/2/2003, statuendo, altresì, che
"... poiché il Comune
avrà un vantaggio del superiore condono in quanto per gli anni successivi verranno iscritti
a ruolo superfici di quanti chiederanno di beneficiare del superiore condono, applicare a
tutti coloro che presenteranno istanza, oltre all'abbuono degli interessi, delle sanzioni e di
tutte le maggiorazioni applicate, un abbuono del 20% (venti percento) sulla tassa
dovuta...";
CHE
con deliberazione n. 20 del 29 giugno 2010 il Consiglio Comunale
ha
modificato il regolamento comunale TARSU, fissando per i locali garage un'aliquota non
superiore al 15% di quella stabilita per le abitazioni;
CHE la Giunta Municipale, con deliberazione n. 28 del 26.2.2013, ha deliberato "... di
dare direttive all'Ufficio tributi perché non ricomprenda nell'attività di recupero evidenziata
in premessa, le sanzioni e gli interessi connessi alle ingiunzioni TARSU garage recapitate
a partire dal 2013..";
CHE l'Ufficio Tributi, ritenendo dovuta l'imposta per i locali garage per l'anno 2007, ed al
fine comunque di non incorrere in prescrizione, ha richiesto i relativi importi con avvisi di
accertamento notificati entro il 31.12. 2013, provvedimenti con i quali sono state applicate
sanzioni ed interessi a titolo di omessa denuncia e mancato pagamento;
CHE i predetti avvisi di accertamento con i quali sono state contestate l'omessa denuncia
ed il mancato pagamento della Tassa Smaltimento Rifiuti solidi Urbani, relativa all'anno
2007, riguardano per la gran parte locali garage, catastalmente classificati come C/6;
CHE sono pervenuti all'Ente numerosi ricorsi e numerose richieste di annullamento in
autotutela dei predetti atti da parte dei contribuenti;
DATO ATTO CHE l'Amministrazione comunale, al fine di dirimere definitivamente la
vicenda, con deliberazione di G.M. n. 135 del 28 dicembre 2013 ha conferito incarico
all'avv. Andrea Libranti, del foro di Catania, per attività di assistenza legale al fine di
rendere un parere nel procedimento di riscossione TARSU relativa a locali garage ed
autorimesse private - anni 2007 e seguenti;
CHE il predetto professionista con nota prot.2295 del 20.02.2014 ha trasmesso il parere,
che allegato alla presente ne costituisce parte integrante e sostanziale;
CHE dal predetto parere emerge che "l'ordinamento tributario non prevede un'intassabilità
incondizionata di garage ed autorimesse private, ma consente tuttavia al contribuente di
denunziare nelle prescritte forme e di dimostrare la eventuale inidoneità del bene a
produrre rifiuti o la sua oggettiva inutilizzabilità nel corso dell'anno" (cfr. Corte Suprema di
Cassazione, sentenza n. 11351/2012);
CHE la TARSU è astrattamente dovuta anche per il possesso di garage ed autorimesse
private, ferma restando la facoltà del contribuente di dimostrare in sede di denuncia e/o
ricorso la inidoneità alla produzione di rifiuti o oggettiva inutilizzabilità dell'immobile;
CHE, in materia di applicazione di sanzioni ed interessi moratori per omessa denuncia ed
omesso pagamento, il professionista incaricato ha evidenziato che, stante l'obbiettiva
incertezza sulla portata e sull'ambito di applicazione delle norme che disciplinano la Tarsu
ai garage ed alle autorimesse private "... consegue, in base ai principi codificati dall'ali. 6
del D. Igs. 472/1997 (che detta i principi generali applicabili alle sanzioni tributarie) e
dall'ari. 10 dello Statuto dei diritti del contribuente (L. 27.7.2000 n. 212), la inapplicabilità
delle sanzioni alla fattispecie che ne occupa..";
CHE, in particolare, l'ari 6 del D.lgs. 472/1997, infatti, prevede al comma 2 che "Non è
punibile l'autore della violazione quando essa è determinata da obiettive condizioni di
incertezza sulla portata e sull'ambito di applicazione delle disposizioni alle quali si
riferiscono, nonché da indeterminatezza delle richieste di informazioni o dei modelli per la
dichiarazione e per il pagamento";
Che l'art. 8 del D.lgs. n. 546/1992 abilita il Giudice Tributario a non applicare la sanzione
tributaria "quando la violazione è giustificata da obiettive condizioni di incertezza sulla
portata e sull'ambito di applicazione delle disposizioni alle quali si riferisce".;
CHE l'art. 10 della L. n. 212/2000 prevede al comma 2 che "Non sono irrogate sanzioni né
richiesti interessi moratori al contribuente, qualora egli si sia conformato ad indicazioni
contenute in atti dell'amministrazione finanziaria, ancorché successivamente modificate
dall'amministrazione medesima, o qualora il suo comportamento risulti posto in essere a
seguito di fatti conseguenti a ritardi, omissioni od errori dell'amministrazione medesima";
CHE, conseguentemente, la irrogazione di sanzioni e la richiesta di interessi, per effetto
della omessa denuncia ai fini Tarsu del possesso di garage o autorimesse privare,
sarebbe certamente contraria al disposto della norma sopra richiamata, posta a presidio e
tutela del principio di collaborazione e buona fede al quale devono essere improntati i
rapporti tra contribuente ed amministrazione;
CHE non può revocarsi in dubbio la assoluta buona fede dei contribuenti di Piedimonte
Etneo, i quali sono stati indotti a confidare nell'intassabilità dei locali di cui trattasi anche
dalla condotta mantenuta al riguardo dalla Amministrazione Comunale, con gli atti sopra
indicati;
CHE il predetto professionista ha inoltre escluso l'applicabilità retroattiva del regime
tariffario introdotto per i garage con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11/2010;
Tutto ciò emesso, da formare parte integrante del presente atto,
Visto il Regolamento comunale in materia Tassa Smaltimento Rifiuti solidi Urbani
Visto il D.Lgs. 507/1993
Visto l'art. 8 del D.lgs. n. 546/1992
Visto l'art. 6 del D.lgs. 472/1997;
Visti i pareri formulati sulla proposta;
Visto il d.Ls. 267/2000;
Visto l'O.R.A.EE.LL. vigente in Sicilia
PROPONE
1. Di dare atto di indirizzo all'Ufficio Tributi al fine di procedere d'ufficio allo sgravio di
tutte le somme richieste a titolo di sanzioni ed interessi, con atti già emessi e
regolarmente notificati, a titolo di omessa denuncia e omesso pagamento Tassa
Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani per i locali garage {Categ. C/6) costituenti
dipendenze di locali adibiti ad uso abitativo e facenti parte del corpo di fabbrica
principale;
2. Di applicare
i principi
esposti,
salvo
diverse
successive
nell'immediato agli atti di accertamento relativi all'anno 2007.
determinazioni,
COMUNE
DI PIEDIMONTE ETNEO
PROVINCIA DI CATANIA
PARERE SU PROPOSTA DI DELIBERAZIONE
GIUNTA COMUNALE
Ai sensi delPart 53 della legge 8.6.1990, n° 142, come recepita con Parti, co.l°, lett. i),
della L.R. 11.12.1991, n° 48, come sostituito dall'art.12, co,l°, punto 0.1, della L.R.
23.12.2000, n° 30, che testualmente recita:
"su ogni proposta di deliberazione sottoposta alla Giunta ed al Consiglio, che non sia mero atto di indirizzo, deve essere
richiesto il parere in ordine alla sola regolarità tecnica del Responsabile del Servizio interessato e, qualora comporti impegno di
spesa o diminuzione di entrata, dal Responsabile di Ragioneria in ordine alla regolarità contabile".
Sulla Proposta di Deliberazione i sottoscritti esprimono il parere di cui al seguente prospetto:
OGGETTO: TARSU GARAGE ED AUTORIMESSE ANNI 2007. ATTO DI INDIRIZZO
PARERE DI REGOLARITÀ TECNICA
Area: Area finanziaria
Per quanto concerne la regolarità tecnica per esenzione sanzione ed interessi TARSU garage ed autorimesse
anno 2007 si esprime pare favorevole considerato che le diverse delibere seppure adottate senza il parere di
regolarità contabile hanno prodotto incertezza nei contribuenti. Si rappresenta che il mancato gettito potrebbe
comportare un minore entrata con ripercussioni sul bilancio dell'Ente.
Dalla Sede Municipale, 27.02.2014
II Restinsabile dell'Area
Finanzia/la
SgròTilag/Ko saria
x
IL SEGRETRIOi
Doti. ss Anna
r
ATTESTAZIONE DI PUBBLICAZIONE DEL MESSO COMUNALE
La pubblicazione del presente atto all'Albo Pretorio on line è iniziata, ai sensi degli artt. 11 così come
modificato dall'ari. 127, co. 21 della L.R. n. 17/2004 e art. 12, co. 1°, della L.R. 44/91, nonché ai sensi
dell'art. 32, della legge 18 giugno 2009, n. 69 e dell'art. 2 della legge 26 febbraio 2010, n. 25 il
come dal Registro delle pubblicazioni al «.j? J^
IL MI
ADDETTO ALLWUBBLICAZIONE
II presente atto è stato pubblicato all'Albo Pretorio on line
dal <?C/V?/A al gw£? / /4
ADDETTO AULA PUBBLICAZIONE
CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE
II sottoscritto Segretario Comunale certifica che la presente deliberazione è stata pubblicata all'Albo Pretorio on
line dal
al
a norma dell'art. I l della L.R. 3.12.1991, n. 44/91 così come modificato
dall'ari. 127, co. 21 della L.R. n. 17/2004 e art. 12, co. 1° della L.R. 44/91, nonché ai sensi dell'art. 32, della
legge 18 giugno 2009, n. 69 e dell'art. 2 della legge 26 febbraio 2010, n. 25 e che contro la stessa non sono stati
presentati reclami.
IL SEGRETARIO COMUNALE
ATTESTAZIONE DI ESECUTIVITÀ'
SÌ attesta che la presente deliberazione è divenuta esecutiva dal
1.
2.
ai sensi dell'ari. 12, comma 2, o dell'alt. 16 della L.R. n. 44/91 (immediata esecutività)
ai sensi dell'alt. 12, comma 1, della L.R. n. 44/91 (11° giorno di pubblicazione)
IL SEGRETARIO COMUNALE
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
1 506 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content