close

Enter

Log in using OpenID

Allegato n 1 - Verdi/Ecologisti Civici Bassa Romagna

embedDownload
ALLEGATO
1
CONFERENZA DI SERVIZI
(ai sensi titolo III L.R.9/99 e successive modifiche ed integrazioni)
Regione Emilia-Romagna
Provincia di Ravenna
Unione dei Comuni della Bassa Romagna
ARPA – Sezione Prov. Ravenna
AUSL Dip. Sanità pubblica Ravenna
Consorzio della Bonifica della Romagna Occidentale
RAPPORTO SULL’IMPATTO AMBIENTALE
RELATIVO AL PROGETTO PER LA
REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI SPECIALI
A MATRICE INERTE (SCORIE DI COMBUSTIONE)
IN VIA SELICE, 301/E
NEL COMUNE DI CONSELICE (RA)
PRESENTATO DA
OFFICINA DELL’AMBIENTE
RAVENNA, 29 luglio 2013
INDICE
0.
PREMESSE ....................................................................................................................................................... 4
0.1.
Presentazione della domanda per la procedura di VIA e degli elaborati....................................................... 4
0.2.
Integrazioni agli elaborati presentati .......................................................................................................... 5
0.3.
Informazione e Partecipazione................................................................................................................. 13
0.4.
Lavori della Conferenza di Servizi........................................................................................................... 14
0.5.
Adeguatezza degli elaborati presentati ..................................................................................................... 16
0.6.
Guida alla lettura del presente Rapporto................................................................................................... 16
1. QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO .................................................................................. 17
1.A.
Sintesi del SIA ........................................................................................................................................ 17
1.A.1
Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP) della Provincia di Ravenna ...................... 17
1.A.2
Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti (PPGR) della Provincia di Ravenna.................................. 17
1.A.3
Piano Risanamento della Qualità dell’Aria (PRQA) della Provincia di Ravenna .............................. 18
1.A.4
Piano Strutturale Comunale (PSC) e Norme Tecniche di Attuazione del Comune di Conselice ........ 19
1.A.5
Regolamento Urbanistico Edilizio (RUE) e Norme Tecniche di Attuazione del Comune di Conselice
19
1.A.6
Sistema delle aree protette .............................................................................................................. 20
1.A.7
Piano di Tutela delle Acque (PTA) della Regione Emilia Romagna................................................. 20
1.A.8
Piano Stralcio per l’Assetto Idrogeologico (PSAI) del Fiume Reno ................................................. 20
1.B.
Valutazioni in merito al Quadro di Riferimento Programmatico ............................................................... 22
1.C.
Prescrizioni in merito al Quadro di Riferimento programmatico ............................................................... 24
2. QUADRO DI RIFERIMENTO PROGETTUALE ......................................................................................... 25
2.A.
Sintesi del SIA ........................................................................................................................................ 25
2.A.1.
Inquadramento territoriale................................................................................................................... 25
2.A.2.
Finalità del progetto............................................................................................................................ 25
2.A.3.
Descrizione del progetto ..................................................................................................................... 26
2.A.5.
Fase di cantiere................................................................................................................................... 30
2.A.6.
Fase di esercizio ................................................................................................................................. 30
2.A.7.
Fase di dismissione ............................................................................................................................. 33
2.B.
Valutazioni in merito al Quadro di Riferimento Progettuale...................................................................... 35
2.C.
Prescrizioni in merito al Quadro di Riferimento progettuale ..................................................................... 45
3. QUADRO DI RIFERIMENTO AMBIENTALE............................................................................................. 49
3.A.
Sintesi del SIA ........................................................................................................................................ 49
3.A.1.
ATMOSFERA.................................................................................................................................... 49
3.A.1.1 Inquadramento Meteo-Climatico .................................................................................................... 49
3.A.1.2 Qualità dell’aria ............................................................................................................................. 49
3.A.1.3 Interferenza delle opere sulla componente atmosfera....................................................................... 50
3.A.2.
RISORSA IDRICA............................................................................................................................. 54
3.A.2.1 Idrologia superficiale ......................................................................................................................... 54
3.A.2.2 Interferenza delle opere sulla risorsa idrica ......................................................................................... 54
3.A.3.
SUOLO E SOTTOSUOLO ................................................................................................................. 56
3.A.3.1. Inquadramento geomorfologico......................................................................................................... 56
3.A.3.2 Interferenza delle opere sulla componente suolo e sottosuolo .............................................................. 56
3.A.4.
VEGETAZIONE, FAUNA ED ECOSISTEMI.................................................................................... 56
3.A.4.1 Caratteristiche della flora, della fauna e degli ecosistemi..................................................................... 56
3.A.4.2 Interferenza delle opere sulla componente flora e fauna ...................................................................... 57
3.A.5.
RUMORE........................................................................................................................................... 58
3.A.5.1 Caratteristiche del clima acustico della zona ....................................................................................... 58
3.A.6.
PAESAGGIO ..................................................................................................................................... 59
3.A.6.1 Caratteristiche del paesaggio locale .................................................................................................... 59
3.A.6.2 Interferenza delle opere sulla componente paesaggio .......................................................................... 59
3.A.7
SISTEMA INSEDIATIVO E TRAFFICO INDOTTO ......................................................................... 59
3.A.7.1 Caratteristiche del sistema insediativi locale ....................................................................................... 59
3.A.7.2 Interferenze delle opere con il sistema insediativo............................................................................... 60
3.A.8
RIFIUTI ............................................................................................................................................. 61
3.A.9
MISURE DI MITIGAZIONE E COMPENSAZIONE DEGLI IMPATTI............................................. 61
3.B.
Valutazioni in merito al Quadro di Riferimento Ambientale ..................................................................... 63
3.B.1.
IMPATTI SULLA COMPONENTE ATMOSFERA............................................................................ 63
3.B.2.
IMPATTI SULLA RISORSA IDRICA ............................................................................................... 64
3.B.3.
IMPATTI SULLA COMPONENTE SUOLO E SOTTOSUOLO......................................................... 67
3.B.4.
IMPATTI SULLA VEGETAZIONE, FAUNA ED ECOSISTEMI....................................................... 67
2
3.B.5.
IMPATTI SULLA COMPONENTE RUMORE .................................................................................. 68
3.B.6.
PAESAGGIO ..................................................................................................................................... 69
3.B.7
SISTEMA INSEDIATIVO E TRAFFICO INDOTTO ......................................................................... 70
3.B.8.
RIFIUTI ............................................................................................................................................. 70
3.B.9.
MISURE DI MITIGAZIONE E COMPENSAZIONE DEGLI IMPATTI............................................. 72
3.C.
Prescrizioni in merito al Quadro di Riferimento Ambientale..................................................................... 73
EMISSIONI IN ATMOSFERA.......................................................................................................................... 73
SCARICHI IDRICI............................................................................................................................................ 75
EMISSIONI NEL SUOLO E SOTTOSUOLO.................................................................................................... 76
VEGETAZIONE, FAUNA ED ECOSISTEMI ................................................................................................... 76
EMISSIONI SONORE....................................................................................................................................... 76
GESTIONE RIFIUTI ......................................................................................................................................... 76
CONSUMI DI RISORSE ENERGETICHE E IDRICHE, MATERIE PRIME E DI SERVIZIO/AUSILIARIE .... 80
PAESAGGIO .................................................................................................................................................... 80
TRAFFICO........................................................................................................................................................ 80
MONITORAGGIO E CONTROLLO DELL’IMPIANTO .................................................................................. 81
4. CONCLUSIONI............................................................................................................................................... 82
EMISSIONI IN ATMOSFERA.......................................................................................................................... 85
SCARICHI IDRICI............................................................................................................................................ 87
EMISSIONI NEL SUOLO E SOTTOSUOLO.................................................................................................... 88
VEGETAZIONE, FAUNA ED ECOSISTEMI ................................................................................................... 88
EMISSIONI SONORE....................................................................................................................................... 89
GESTIONE RIFIUTI ......................................................................................................................................... 89
CONSUMI DI RISORSE ENERGETICHE E IDRICHE, MATERIE PRIME E DI SERVIZIO/AUSILIARIE
.....................................................................................................................Errore. Il segnalibro non è definito.
PAESAGGIO ...............................................................................................Errore. Il segnalibro non è definito.
TRAFFICO...................................................................................................Errore. Il segnalibro non è definito.
MONITORAGGIO E CONTROLLO DELL’IMPIANTO .............................Errore. Il segnalibro non è definito.
ALLEGATO A ...................................................................................................Errore. Il segnalibro non è definito.
ALLEGATO B....................................................................................................Errore. Il segnalibro non è definito.
3
0.
0.1.
PREMESSE
PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA PROCEDURA DI VIA E DEGLI ELABORATI
Il giorno 13 aprile 2011, ai sensi del Titolo III della L.R. 18 maggio 1999, n. 9 integrata con
le modifiche di cui al DLgs 152/06 come modificato dal DLgs 4/08, è pervenuta da parte di Officina
dell’Ambiente (OdA) alla Regione Emilia-Romagna, la lettera acquisita al PG.2011.93647 del 13
aprile 2011 di questa Regione, contenente la domanda per avviare la procedura di VIA (che in
particolare comprende l’Autorizzazione Integrata Ambientale che a sua volta comprende
l’autorizzazione unica per gli impianti di smaltimento e recupero rifiuti ai sensi dell’art. 208 del
D.Lgs n. 152.2006 e smi), relativa al progetto per la realizzazione di un impianto di recupero rifiuti
speciali a matrice inerte (scorie di combustione) in Via Selice, 301/E nel comune di Conselice (RA)
proposto da Officina dell’Ambiente spa.
Sono stati contestualmente depositati presso la Regione Emilia-Romagna, la Provincia di Ravenna
ed il Comune di Conselice lo Studio di Impatto Ambientale (SIA) e il progetto definitivo richiesti
per l’attivazione della procedura di VIA e per tutte le autorizzazioni in esse comprese.
L’istanza e la relativa documentazione di legge, acquisite agli atti della Regione Emilia - Romagna
al PG.2011.93647 del 13 aprile 2011, sono state presentate dall’Ing. Claudio Rosmarino in qualità
di Amministratore Delegato della società Officina dell’Ambiente con sede legale in Via Pagano
Mario, 46 - 20145 Milano e sede amministrativa operativa a Tenuta Grua, Strada provinciale
193/bis – 27034 Lomello (PV).
Ai sensi dell’art. 23, comma 4 del DLgs 4/08, l’autorità competente, sentiti gli Enti interessati al
rilascio delle autorizzazioni comprese nella procedura di VIA, ha verificato la completezza della
documentazione e ha richiesto delle integrazioni alla società proponente con nota PG. 2011.112999
del 5/5/2011. Successivamente la società OdA in data 1 giugno 2011 ha presentato la
documentazione integrativa alla Regione che l’ha acquisita al PG.2011.137533 del 6/6/2011.
Con avviso pubblicato, ai sensi dell’art. 28, D.Lgs 152/06, nonché dell'art. 15, comma 1, della LR
9/99, sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna del 6 luglio 2011, è stata data
comunicazione dell’avvenuto deposito, presso la Regione Emilia - Romagna, la Provincia di
Ravenna ed il Comune di Conselice degli elaborati relativi alla procedura di VIA.
Con lo stesso avviso è stato dato avvio alla procedura di VIA, ed alle relative scadenze temporali
previste dal Titolo III della LR 9/99, integrata dal D.Lgs 152/06 come modificato dal DLgs 4/08.
Con avviso pubblicato sul quotidiano “Corriere della Romagna” cronaca di Ravenna del 6 luglio
2011 è stata data comunicazione dell'avvenuto deposito della documentazione relativa alla
procedura di VIA.
Il progetto prevede la realizzazione di un impianto di recupero di rifiuti speciali pericolosi e non
pericolosi a matrice inerte (principalmente scorie di combustione) finalizzato alla produzione di una
materia prima seconda da utilizzarsi nei settori della produzione di clinker da cemento e della
produzione di laterizi, di potenzialità massima pari a 250.000 t/a.
Il progetto è localizzato nel territorio del Comune di Conselice e della provincia di Ravenna.
Il SIA è stato realizzato da HERAmbiente stessa a firma dell’Ing. Emanuel Zamagni.
Con nota PG.2011.175293 del 19 luglio 2011 a firma del responsabile del procedimento, arch.
Alessandro Maria Di Stefano, la Regione Emilia-Romagna ha indetto, ai sensi dell’art. 18 della L.R.
4
18 maggio 1999, n. 9 e successive modifiche ed integrazioni, la Conferenza di Servizi per l’esame
degli elaborati progettuali e del SIA relativa al progetto per la realizzazione di un impianto di
recupero rifiuti speciali a matrice inerte (scorie di combustione) in Via Selice, 301/E nel comune di
Conselice (RA) proposto da Officina dell’Ambiente spa
0.2. INTEGRAZIONI AGLI ELABORATI PRESENTATI
Con nota PG.2011.243540 del 7 ottobre 2011 indirizzata al proponente Società Officina
dell’Ambiente, dopo attento esame del SIA e degli elaborati progettuali effettuato dalla Conferenza
di Servizi, la Regione Emilia Romagna ha richiesto al proponente la seguente documentazione
integrativa:
INQUADRAMENTO PROGRAMMATICO
1)
Relativamente al quadro programmatico, nella documentazione presentata non si trova
riscontro dell’inquadramento rispetto allo strumento di pianificazione provinciale settoriale in
materia di tutela delle acque; descrivere, quindi, il rapporto e le condizioni di esercizio
dell’intervento in progetto rispetto ai contenuti della variante al Piano Territoriale di
Coordinamento Provinciale (PTCP) in attuazione del Piano di Tutela delle Acque regionale; il
testo della variante al PTCP, approvata con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 24 del
22/3/2011, è disponibile sul sito internet www.provincia.ra.it/Argomenti/Ambiente/Risorseidriche; in particolare la trattazione dovrà contenere, il posizionamento dell’intervento rispetto
alle misure per il risparmio idrico nel settore industriale individuate dalla Variante al PTCP
sopracitata (art. 5.12 delle NTA);
INQUADRAMENTO PROGETTUALE
2)
prevedere che lo scarico delle ceneri in arrivo allo stabilimento avvenga in un locale
completamente chiuso e confinato eventualmente mantenuto in depressione, presentando
un’apposita relazione che dimostri ciò;
3)
nel progetto è indicato un decanter, quale sistema di disidratazione dei fanghi prodotti
dall'impianto chimico-fisico per il trattamento delle acque reflue di processo e meteoriche, con la
prospettiva di valutare in fase di realizzazione altre differenti opzioni (nastropressa o
filtropressa); rispetto al livello di progettazione "definitivo" richiesto ai fini sia della VIA sia
dell'AIA, definire e individuare in modo univoco la soluzione impiantistica;
4)
al punto A.5 dell'Allegato 1 “Relazione Tecnica della domanda AIA” si evidenzia un
probabile refuso: vengono citate 3 attività IPPC, mentre nell'impianto in oggetto si individua
un'unica attività IPPC riconducibile alla fattispecie di cui al punto 5.1 dell'Allegato VIII alla
Parte II del D.Lgs. n. 152/2006; chiarire tale aspetto;
5)
rispetto alla potenzialità annua di trattamento dichiarata (250.000 t/anno), specificare la
ripartizione in quantità annue di rifiuti pericolosi e non pericolosi che si intendono trattare
nell'impianto e le relative modalità di stoccaggio;
6)
fornire le caratteristiche tecniche/costruttive dei vagli e macinatori (mulini) che si
intendono installare nell’impianto di Conselice;
7)
esplicitare in modo più completo lo schema a blocchi presentato tenendo conto di quanto
descritto al punto 4.3.1 della Relazione Tecnica (Elaborato 1, Vol. 2 SIA);
INQUADRAMENTO AMBIENTALE
GESTIONE RIFIUTI
8)
presentare documentazione relativa all’iscrizione al SISTRI;
9)
dovrà essere fornita l’analisi chimica dei rifiuti in ingresso, comprensiva della
caratterizzazione dei microinquinanti (diossine, PCB, ecc.) e dei metalli pesanti, prendendo
come riferimento i rifiuti conferiti nell’impianto di Lomello (PV); vista la tipologia di
“trattamenti” effettuati sui rifiuti, si richiede analoga caratterizzazione anche per i materiali
commercializzati con la sigla Matrix;
5
10)
ai punti A.6 e D.2.1 dell'Allegato 1 “Relazione Tecnica della domanda AIA” viene riportato
un elenco delle tipologie di rifiuti solidi che l'impianto in progetto è in grado di ricevere e
trattare; in proposito si afferma che, pur essendo l'impianto in grado di trattare tutti i rifiuti
elencati in proporzioni diverse, la tipologia di rifiuti che sarà recuperata è rappresentata dalle
scorie di combustione da termovalorizzazione dei rifiuti solidi urbani, a cui però non appaiono
riconducibili tutte le tipologie di rifiuti in ingresso indicate; chiarire e specificare le tipologie di
rifiuti (con relativa codifica CER) che si intendono effettivamente trattare nell'impianto oggetto
della domanda di AIA in esame;
11)
per gli ulteriori eventuali codici identificati diversi dalle ceneri di combustione, dovrà
essere condotta una valutazione secondo quanto di seguito riportato per i due codici CER
190111* e CER 190112; si evidenzia che, alla luce di quanto riscontrato nella documentazione
tecnica presentata, al momento non risulta attuabile il ritiro di rifiuti provenienti da altri centri
di recupero; in merito a quanto previsto dall’art. 184 ter comma 2 del DLgs 152/06 e smi la
Ditta è tenuta a fornire tutte le indicazioni necessarie a soddisfare quanto previsto alle lettere a),
b), c) e d) del suddetto articolo con particolare riferimento a:
•
omologa di accettazione rifiuto: deve essere fornita l’omologa di accettazione delle
ceneri in ingresso all’impianto di Conselice che dovrà comunque tenere conto non solo delle
caratteristiche “merceologiche” del prodotto finale (Matrix) ma anche di parametri
“ambientali” da tenere monitorati; per questo ultimo aspetto, si prenda a riferimento anche
quanto previsto all’art.13, comma 3 del Dlgs 133/05 e il test di cessione così come previsto dal
DM 05/02/98 e smi. L’omologa deve essere prevista per ogni singolo impianto di provenienza
anche se si tratta dello stesso codice CER (190111* e 190112); inoltre, prevedere la verifica
trimestrale dei rifiuti in ingresso per i primi cinque anni dall’avvio dell’attività presso il sito e
tale procedura è da applicare ogni qual volta venga modificato il ciclo di produzione del rifiuti o
si tratti di un nuovo produttore; chiarire dove viene identificato il settore di conferimento prima
della messa in riserva; si ricorda che tutte le caratterizzazioni analitiche, oltre che essere
oggetto di specifica procedura gestionale, dovranno essere implementate nel PdM previsto
dall’AIA;
•
nel caso di rifiuto pericoloso (190111*), produrre una caratterizzazione analitica per
ogni singolo carico in arrivo (fornire una omologa di riferimento); nel caso si intenda utilizzare
tale rifiuto mescolandolo con le ceneri in ingresso con codice 190112, deve essere soddisfatta la
condizione che sia rispettato l’art. 187, comma 2 del DL 03/12/2010 n. 205 e, a tal fine, deve
essere dimostrato quali classi di pericolo il processo di “maturazione” è in grado di
superare/abbattere per la produzione del prodotto finito (Matrix e affini); inoltre, descrivere la
modalità di gestione del rifiuto pericoloso (stoccaggio, eventuale segregazione, eventuale carico
respinto, etc.); quanto indicato in questo punto, come già detto, deve essere oggetto di una
specifica procedura elaborata dalla Ditta e nella procedura gestionale deve essere previsto che
venga sempre definita la causale che determina la pericolosità del rifiuto in ingresso e tutte le
caratterizzazioni dovranno essere esplicitate anche nel PdM previsto per l’AIA; inoltre, valutare
anche la posizione di questa tipologia di rifiuti rispetto al Reg. CE 850/04 e smi (POP) e alla
Direttiva Seveso DLgs 334/99 e smi; si rileva, inoltre, che nel DM 12/06/2002 n. 161 e smi, non è
contemplata la possibilità di recuperare rifiuti pericolosi ai fini della produzione di materiale
per edilizia; a tale fine si richiede alla Ditta di fornire chiarimenti in merito alla posizione di tale
attività con il decreto sopra citato;
•
descrizione del processo definito di “maturazione”: non sono state fornite indicazioni in
merito a tale processo che risultano fondamentali per valutare il sistema di trattamento al quale
vengono sottoposte le ceneri in ingresso; è necessario quindi avere una descrizione approfondita
del processo chimico/fisico, indicando su quali tipologie di parametri il processo agisce, le
condizioni al contorno necessarie per l’esecuzione della “maturazione” e le percentuali di
modifica/abbattimento se si tratta di inquinanti o meno; quindi, più in generale, devono essere
ben chiari quali sono i parametri chimico/fisici coinvolti con i relativi andamenti dei gradienti
6
nel tempo come temperatura, CO2, ecc., relativamente all’intero cumulo (dimostrando quindi
l’andamento dell’operazione di “maturazione” sull’intero cumulo), partendo anche dalla
caratteristiche del rifiuto in ingresso (vedere omologa di accettazione); inoltre, specificare se
tale processo necessita dell’utilizzo di acqua in quanto nella documentazione non è indicato,
tuttavia si ritiene plausibile la formazione di percolati, anche in piccole quantità; si ritiene
quindi che debba essere previsto un sistema di raccolta dei percolati, posto che nel progetto
presentato non è previsto, tenendo conto nella sua progettazione della conseguente variazione
dei parametri gestionali dell’impianto di depurazione (se ovviamente fosse previsto il
trattamento del percolato presso il medesimo); inoltre, motivare scientificamente la necessità di
dover tenere i cumuli in “maturazione” esposti ad una continua aerazione; esplicitare se gli
stessi devono essere insufflati o movimentati per accelerare eventuali reazioni non ben
specificate; definire o fornire i valori/parametri di riferimento per stabilire il grado di
maturazione del cumulo o la tipologia di verifiche che vengono condotte per testare la “qualità”
del processo di maturazione (sia su esperienza diretta nello stabilimento di Lomello che su base
dati di letteratura); definire in modo chiaro e univoco il lotto di produzione sul quale vengono
svolte le attività analitiche (dimensione e identificazione);
•
in merito alla produzione del prodotto finito Matrix e affini, alla luce di quanto sopra
indicato, si ritiene che debbano essere soddisfatte le condizioni di cui all’art. 184-ter del Dlgs
152/06 e smi; nello specifico, al fine di acquisire tutte le informazioni tecniche indispensabili, è
necessario fornire:
• le attestazioni utili al fine di stabilire che il prodotto Matrix e affini, è comunemente
utilizzato nel mercato corrente e che venga riconosciuto come materiale “abile” all’utilizzo
per gli scopi indicati dalla Ditta;
• indicazioni in merito alla presenza di contratti sottoscritti da OdA S.p.A. o richieste
specifiche da parte di ditte che richiedano l’utilizzo del Matrix nel proprio processo
produttivo;
• le caratteristiche chimico/fisiche del prodotto Matrix (nelle sue varie forme depositate come
brevetto) intese come composizione espressa in termini quantitativi chiari (non in forma di
percentuali di presenza di alcuni parametri, si suppone, di natura squisitamente
merceologica), indicando anche i parametri che possono costituire inquinanti
“ambientalmente rilevanti”. Inoltre, è necessario fornire tutti i dati analitici di
caratterizzazione come studi, rapporti di prova analitici, test, ecc., che dimostrino la
conformità del Matrix nelle sue varie forme al relativo prodotto naturale che viene sostituito
nelle varie “ricette” dei processi produttivi nei quali il Matrix viene impiegato (cemento,
calcestruzzo, laterizi, piastrelle, etc.) con riferimento specifico a standard (Norme UNI) e
alla normativa vigente in materia di costruzioni (es. DM 14/01/2008 e smi “Approvazione
nuove norme tecniche per le costruzioni”). E’ evidente che alle varie pezzature del Matrix
corrispondono mercati diversi e processi produttivi diversi ed è per questo che tale analisi
deve essere articolata per singola destinazione d’uso finale che deve essere ben chiara ed
esplicitata;
• fornire una omologa di verifica di conformità del prodotto Matrix a quanto sopra esplicitato
che si suppone la Ditta elabori comunque a garanzia del prodotto “finito”; tale omologa,
oltre ai parametri di tipo commerciale/merceologici, dovrà tenere conto anche degli
eventuali parametri di “rilevanza ambientale” prendendo a riferimento anche quanto
indicato nel DM 05/02/1998 e smi.; si richiede di definire in modo chiaro e univoco il lotto
di produzione sul quale vengono svolte le attività analitiche (dimensione e identificazione);
• chiarire se è previsto il lavaggio del materiale ferroso e non ferroso prima dell’invio ad
altri centri di recupero e che codice CER viene attribuito a tale materiale, dato che era
stata richiesta la possibilità di recuperare le ceneri che venivano separate presso altri
centri di stoccaggio;
7
•
relativamente alle polveri captate dai due filtri a maniche e stoccate in big bags, definire le
previsioni di quantità, con quali modalità vengono reimmesse nel processo produttivo e
come vengono effettuate le operazioni di umidificazione delle stesse;
• fornire tutte le indicazioni relative alle caratteristiche costruttive della platea destinata alla
“maturazione” dei cumuli di rifiuti (che risulta oggetto di una DIA già presentata al
Comune di Conselice ma di cui non è stata fornita documentazione); nello specifico,
valutare la stesura di un telo in HDPE sotto la soletta in cemento armato che si suppone
verrà gettata sopra al manto esistente che probabilmente risulta non idoneo allo stoccaggio
dei rifiuti o in alternativa fornire una certificazione da tecnico abilitato relativamente alla
capacità di tenuta della platea per questa tipologia di attività (movimentazione mezzi e
aggressione del percolato da rifiuti); in tale senso, dovrà inoltre essere previsto, già da ora
in fase di modifica del PdM dell’AIA, la verifica (con modalità, frequenza e registrazioni)
dello stato della pavimentazione sottostante ai cumuli presumibilmente ad ogni svuotamento
della corsia di maturazione del rifiuto;
EMISSIONI DIFFUSE E PUNTUALI
12)
verificare rispetto alle emissioni di PM 10 anche la eventuale presenza di PM 2,5 o di
livello inferiore;
13)
per i due punti di emissione delle polveri, prevedere l’applicazione delle migliori tecnologie
in essere per ridurne le emissioni, sia per quanto verrà autorizzato che per il dato reale emissivo
rispetto a quello proposto;
14)
valutare la possibilità che anche il prodotto con più alta dimensione granulare oggi previsto
all’aperto possa essere gestito in locale protetto alla pari del restante materiale;
15)
considerato che solo sulle fasi di macinazione/vagliatura/demetallizzazione sono previsti
impianti di aspirazione, indicare quali cautele verranno adottate ai fini di contenere la
polverosità nelle fasi di carico/scarico dei prodotti in uscita e dei rifiuti in ingresso all’impianto;
16)
nelle valutazioni elaborate con i modelli di dispersione non si ritiene giustificata
l’esclusione di tutta una serie di potenziali punti emissivi (stoccaggi, movimentazioni, carico e
scarico con utilizzo di mezzi meccanici) nella sola considerazione attribuita alle caratteristiche
fisiche dei materiali e al tenore di umidità; a questo proposito si rileva che il periodo di
“maturazione” del cumulo serve a portare il rifiuto in ingresso a sufficiente essiccazione con
conseguente cambiamento delle capacità di essere aerodisperso; presentare quindi una nuova
simulazione che tenga in considerazione anche queste fasi e stimare il flusso di massa emissivo
per tali inquinanti; specificare se esiste la possibilità di potere compensare tale emissioni o
comunque tutte le misure di mitigazioni per renderle minime;
17)
relativamente ai dati meteorologici utilizzati per la stima delle emissioni sia dovute
all’impianto, sia al traffico, si rileva la scarsa validità di dati in quanto relativi a medie di due
sole annualità; un dato climatico rappresentativo è convenzionalmente rappresentato da almeno
un trentennio, per cui si chiede di tendere quanto più possibile a tale orizzonte o, in alternativa,
scegliere un approccio cautelativo basato su alcune condizioni particolarmente sfavorevoli per i
ricettori sensibili individuati;
18)
in merito allo stoccaggio del prodotto Matrix e affini, dalla planimetria (rif. Allegato 3D,
plan. 0109RAAA00DT PL 03.04) e come indicato nella Relazione Tecnica All.1 dell’AIA (pag.
30, Vol. 3), si evince che nello stoccaggio SP2 vengono stoccati materiali non lavati (quindi con
una naturale presenza di materiale polverulento); come dichiarato dalla Ditta, all’esterno
doveva essere stoccato solo materiale lavato e con pezzatura superiore ai 4-8; non risulta inoltre
l’evidenza in planimetria della copertura dell’area stoccaggio SP3, come invece indicato in
relazione; indicare, inoltre, in modo chiaro ed univoco quale materiale (non rifiuti) sia stoccato
all’aperto e quale al coperto, motivando tale scelta; si ricorda che in base alla scelta progettuale
fatta, dovrà essere aggiornato anche il modello previsionale di diffusione delle polveri che, allo
stato attuale, ha preso in considerazione solo la polverosità dovuta al transito dei camion (e
della zona di stoccaggio SP1 del Matrix 0.2-0.4);
8
19)
relativamente alla movimentazione, e nello specifico, del carico della materia finita sui
camion, è necessario fornire una descrizione dettagliata del sistema di carico e delle modalità
operative anche attraverso apposita procedura interna; da quanto visionato presso il
sopralluogo allo stabilimento di Lomello, tale operazione risulta una sorgente significativa di
polverosità per cui si ritiene opportuno progettare già in questa fase un sistema di carico che
preveda (es. nella zona SP2) la presenza di un tunnel chiuso o tramogge per eseguire in modo
diretto l’operazione di carico sui mezzi di trasporto o altri sistemi idonei di analoga efficacia;
20)
progettare un sistema di barriere verdi (anche a doppio intercalare ad alto e basso fusto)
per il contenimento delle polveri con particolare riferimento al lato dove è previsto il lavaggio
delle ruote e lato deposito SP2, SP3 ed SP5;
21)
nella simulazione utilizzata per lo studio della diffusione delle polveri da traffico, le strade
sono state trattate come sorgenti areali di larghezza pari a 4 m ed è stato utilizzato il modello
Calpuff; viste le caratteristiche della sorgente emissiva (strada), si ritiene più opportuno
utilizzare una modellistica che prenda a riferimento una sorgente lineare; è necessario
considerare anche il contributo del tratto di strada da via Selice all’ingresso dell’impianto, dove
transitano tutti i mezzi (53 bilici * 2 transiti = 106 transiti in 8h, circa 14 transiti/h = 1 transito
ogni 4 minuti ) e dove è presente una abitazione;
22)
in generale per quanto riguarda le emissioni diffuse:
• specificare l’orario di esercizio dell’impianto;
• inserire il progetto di realizzazione del sistema di lavaggio dei camion in uscita dallo
stabilimento;
• indicare ed allegare la procedura di gestione delle polveri nei piazzali/strade e aree di
lavoro comprensive anche dei cumuli con particolare riferimento alla irrigazione/
umidificazione (tipologia, mezzi, tempi, ecc);
• produrre anche una valutazione della diffusione delle polveri dai cumuli, stoccati sotto una
tettoia senza tamponamenti laterali, oltre che una valutazione della diffusione della polvere
dovuta al transito dei camion all’interno dell’impianto, trattandosi anche di rifiuti pericolosi.
Si ritiene, inoltre, necessario prendere in considerazione la diffusione delle polveri dai
cumuli delle ceneri dovuta anche alla temperatura più elevata di quella ambientale, come
verificato presso l’impianto di Pomello;
TRAFFICO
23)
presentare una relazione relativa al percorso stradale che di norma percorreranno i mezzi
per il trasporto della materia prima (dal luogo di carico fino alla destinazione) nonché una
quantificazione dei mezzi in ingresso che in uscita, compreso quelli trasportanti il prodotto finito
che il rifiuto;
24)
produrre una relazione relativa ai rifiuti prodotti dallo stabilimento e di come si
configurerà il trasporto in uscita del prodotto lavorato, dei rifiuti, con riferimento ai percorsi ed
ai mezzi utilizzati; in particolare chiarire se i mezzi di trasporto utilizzati siano dotati di sistemi
di contenimento e di completa copertura del carico, al fine di garantire che lo stesso non possa
essere oggetto di alcuna perdita accidentale lungo il tragitto;
25)
rispetto all’aumento di mezzi in genere pesanti che transiterebbero sulla S.P. Selice sia in
direzione nord che sud, prevedere interventi compensativi consistenti nella realizzazione di opere
sia finalizzate alla fluidificazione del traffico per alleggerirne le relative emissioni sia finalizzate
ad aumentare la sicurezza dell’utenza più debole ciclo-pedonale nei tratti ove detta viabilità
attraversa i centri abitati (con particolare riferimento al centro abitato di Conselice e di
Lavezzola);
26)
relativamente alle stime sull’impatto da traffico (di cui all’allegato SA 4.2) occorre
riportare i dati relativi alla campagna di monitoraggio per quel che riguarda la frequenza di
campionamento e l’indicazione della data in cui sono stati effettuati; il dato notturno non è stato
campionato, nonostante tecnicamente non si ravvisino particolari problemi, per cui si ritiene
opportuno procedere ad alcuni campionamenti rappresentativi per avere un dato di riferimento;
9
diversamente il proponente dovrà giustificare la stima effettuata, sulla base di fonti
bibliografiche che possano considerarsi valide per il contesto di progetto; inoltre, specificare il
calcolo che porta alla stima di 53 bilici/giorno, sulla base delle portate dei mezzi utilizzati e dei
quantitativi movimentati mediamente al giorno;
27)
le stime calcolate di incremento del traffico, pur rispettando i limiti di legge, non paiono
percentualmente trascurabili nè per quanto riguardo l’aumento dei mezzi/ora (in particolare fino
a +36% nella parte sud di Via Selice), nè per quanto riguarda i flussi di emissione (che, nel caso
di un ricettore arrivano fino al +15%); valutare pertanto possibili forme di mitigazione degli
impatti, ad esempio mediante una programmazione ottimizzata dei viaggi nei periodi di minor
traffico complessivo;
28)
nella valutazione ante operam si fa riferimento a flussi di traffico rilevati in ore di punta e
la media si attribuisce all’intero periodo considerato; valutare l’incremento in percentuale del
contributo dato dall’attività anche nelle ore di minor traffico;
APPROVVIGIONAMENTO ACQUA
29)
presentare una relazione che preveda la realizzazione dell’approvvigionamento idrico
tramite l’utilizzo dell’acquedotto industriale che è presente nell’area, al fine di dimettere gli
attuali pozzi artesiani per contenere il fenomeno della subsidenza che per la zona in questione
assume un rilevante significato; in alternativa presentare un’alternativa che preveda il riutilizzo
delle acque di processo derivanti anche dall’impianto chimico fisico mediante la realizzazione di
apposite vasche di accumulo; verificare comunque la rispondenza della scelta progettuale con la
pianificazione provinciale in materia di tutela delle acque;
30)
in caso si preveda l’allacciamento all’acquedotto industriale inviare tutta la
documentazione presentata per la presente procedura di VIA e le integrazioni (comprensive della
proposta di allacciamento) a HERA al fine di una sua espressione all’interno della Conferenza
di Servizi per la procedura di VIA;
SCARICHI ACQUE
31)
presentare una relazione che descriva la tipologia degli scarichi idrici nello scolo
consorziale Bisostre, il trattamento e dell’uso delle acque del processo produttivo, la qualità
delle acque in uscita dallo stabilimento e descriva esaurientemente il sistema degli autocontrolli
che l’azienda porrà in atto;
32)
effettuare la verifica idraulica della portata finale di scarico delle acque bianche nel canale
di scolo consorziale “Zaniolo”, che non dovrà risultare superiore a quella precedentemente
autorizzata con l’atto di concessione n. 58/03 del 11.08.03, ai sensi dell’articolo 20 del Piano di
Stralcio per l’Assetto Idrogeologico del Bacino del torrente Santerno, dell’Autorità di Bacino del
Reno adottato dalla Regione Emilia Romagna in data 27 giugno 2001;
33)
effettuare la verifica idraulica della mitigazione dell’eventuale incremento del rischio
idraulico, in riferimento ad eventi con tempi di ritorno di 30 e 100 anni, ai sensi dell’art. 21 del
predetto Piano, con conseguente verifica della compartimentazione idraulica dell’area di
pertinenza dell’insediamento;
34)
effettuare la verifica del titolo per l’uso del fosso di confine posto a sud quale possibile
vettore d’acqua per lo sgrondo a gravità delle acque invasate nell’area a verde con destinazione
a cassa di contenimento delle eccedenze di portata, nonché verifica di proprietà o comproprietà
del manufatto di scarico a canale del fosso stesso;
35)
indicare la quantità di acqua di origine non meteorica da scaricare nel cavo consorziale,
espressa in metri cubi/anno;
36)
verificare la possibilità che le acque di origine meteorica provenienti dai tetti immesse
direttamente nel canale consorziale non veicolino materiale o particelle in sospensione derivanti
dalle lavorazioni.
37)
in relazione all’uso promiscuo del canale di scolo “Zaniolo”, bonifica ed irrigazione, preso
atto che l’area in parola non recapita in pubblica fognatura dovrà essere esaminato l’aspetto
della compatibilità irrigua;
10
38)
il pozzetto ufficiale di prelevamento delle acque reflue industriali è stato individuato nella
planimetria generale (Elaborato 30) nel pozzetto posto subito a valle dello scolo consorziale
Zaniolo e a monte del pozzetto dove si immettono le acque reflue domestiche dell’attività. Nello
schema a blocchi il punto ufficiale di campionamento è unico sia per le acque reflue industriali
che per le acque reflue domestiche: tale assetto risulta non idoneo; si evidenziano alcune
difformità riscontrate tra la Relazione Tecnica (Elaborato 3, Volume 1°), lo Schema a blocchi
(Elaborato 29) e la Planimetria generale (Elaborato 30), ovvero:
• relazione tecnica pag. 13 di 41 …..” Dal comparto TK-05 l’acqua può essere inviata, per
mezzo dell’elettropompa P-16 alla filtrazione a carboni attivi (c.a.) e da qui alla successiva
vasca di accumulo TK-02-B.” Nello schema a blocchi e in planimetria, le acque dalla
filtrazione a c.a. recapitano nella vasca di accumulo TK-02-A o TK-02-C;
• relazione pag. 13 di 41 …..” L’elettropompa P-15 consente di inviare l’acqua da TK-05
all’unità a osmosi inversa PK-02; le acque trattate in uscita possono essere rilanciate o alla
vasca TK-02-A o TK-02-C” Nello schema a blocchi, le acque dall’osmosi inversa PK-02
recapitano solo nella vasca di accumulo TK-02-B e in planimetria nelle vasche di accumulo
TK-02-A o TK-02-B;
• relazione pag. 14 di 41 …..” Come anticipato, TK-02-A riceve sia le acque in uscita dai filtri
a c.a. provenienti daTK-02-B a mezzo della pompa P-05, sia le acque osmotizzate, stoccate in
TK-02-C, a mezzo della pompa P-06” Nello schema a blocchi, TK-02-A riceve sia
direttamente le acque in uscita dai filtri a c.a. o provenienti dalla vasca TK-02-C (accumulo
acque in uscita dai c.a.) o provenienti dalla vasca TK-02-B (osmosi inversa). Nella
planimetria TK-02-A riceve sia direttamente le acque in uscita dai filtri a c.a. sia le acque
provenienti dall’osmosi inversa o provenienti dalla vasca TK-02-C (accumulo acque in uscita
dai c.a.) o provenienti dalla vasca TK-02-B (osmosi inversa);
• si ritiene quindi necessario, alla luce di quanto sopra indicato, fornire i seguenti elementi
integrativi, ovvero:
• relazione tecnica che chiarisca i flussi di invio delle acque reflue industriali trattate alle
vasche di accumulo e rilancio TK-02-A, TK-02-B e TK-02-C;
• chiarimento relativo allo sfioro e scarico delle acque meteoriche delle coperture dei
fabbricati che non recapitano alla stazione di rilancio TK-04 (Elaborato 34);
• aggiornamento dello Schema a blocchi (Elaborato 29) e Planimetria generale (Elaborato
30);
• relazione tecnica relativa alle acque reflue domestiche provenienti dall’attività, comprensiva
del numero degli abitanti equivalenti e del sistema e dimensionamento dell’impianto di
depurazione per il trattamento di questa tipologia di reflui;
• è necessario prevedere l’approvvigionamento per il fabbisogno idrico da acquedotto
industriale, già presente ai confini della proprietà;
FLORA E FAUNA
39)
la Provincia di Ravenna ha effettuato la pre-valutazione d’incidenza sul progetto ed a tal
proposito si comunica che, contrariamente a quanto erroneamente riportato nel modulo relativo,
ove si dichiara essere presenti nel sito d’intervento habitat naturali quali zone umide d’acqua
dolce, maceri e stagni, boschi e boschetti, alberi isolati e filari, arbusteti, prati ed aree agricole,
l’area risulta essere pressoché priva di qualunque elemento naturale, essendo stata sin dal 1975
utilizzata come ambito industriale, come indicato nel modulo stesso; come indicato in
quest’ultimo, l’intervento si trova a distanza non elevata da numerose Zone di Protezione
Speciale (ZPS), pertanto, non essendo indicati nel modulo medesimo interventi di mitigazione del
possibile impatto sugli spostamenti dell’avifauna, la Provincia ritiene che l’incidenza possa
essere ritenuta “nulla”, soltanto a condizione che tutte le linee elettriche di nuova realizzazione
o oggetto di manutenzione nel corso dell’intervento siano interrate o realizzate con cavo Elicord
oppure ancora, qualora ciò non fosse eventualmente possibile a causa della potenza condotta,
che siano installate spirali o sfere luminescenti a distanza di 18 metri l’una dall’altra e che i fari
11
dell’impianto di illuminazione indirizzino la luce verso il basso e non disperdano raggi luminosi
in alto e lateralmente, al fine di non attrarre gli stormi di uccelli in volo notturno; specificare
tale aspetto e presentare eventualmente una variazione del progetto che tenga in considerazione
gli elementi sopra citati;
SALUTE
40)
per quanto attiene al quadro ambientale – salute e benessere dell’uomo perfezionare
l’analisi condotta alla luce delle risultanze inerenti la caratterizzazione chimica dei
rifiuti/materiali, in relazione alla possibile presenza di inquinanti bio accumulabili e/o pericolosi
e nella considerazione che dai dati teorici dei flussi di massa, originati dalle emissioni sia
convogliate che diffuse, emerge una significativa perdita di materiale nell’ambiente;
41)
effettuare la valutazione del rischio chimico in relazione agli stoccaggi ed all’uso di
prodotti chimici pericolosi;
42)
definire il tipo di attività che verranno svolte nei laboratori, la strumentazione prevista e gli
eventuali reagenti chimici impiegati.
PIANO DI MONITORAGGIO
43)
Il Piano di Monitoraggio presentato non risulta esaustivo e deve essere integrato anche alla
luce della presente richiesta di integrazioni per singola matrice; nello specifico devono essere
fornite tutte le frequenze, parametri e metodiche analitiche di riferimento sia per le omologhe dei
rifiuti in ingresso, sia per il prodotto finito (Matrix e affini) ed i valori di riferimento ove previsti
o richiesti; inoltre proporre un monitoraggio delle polveri nella zona circostante tutto il
perimetro dell’azienda stabilendone modalità, frequenza, parametri, etc.
Il proponente Officina dell’Ambiente ha trasmesso in data 13 gennaio 2012 la documentazione
integrativa acquisita agli atti della Regione Emilia-Romagna al PG.2011.44989 del 18/2/2012.
Visto che erano apportate modifiche sostanziali e rilevanti per il pubblico nelle integrazioni
inviate, ai sensi dell’art. 26, comma 3 bis, del DLgs 152/06, è stato necessario procedere alla
ripubblicazione sul BUR che è avvenuta in data 15 febbraio 2012. Contestualmente è avvenuta
anche la pubblicazione sul quotidiano “Corriere della Romagna” cronaca di Ravenna del 15
febbraio 2012 di avvenuto deposito della documentazione integrativa relativa alla procedura di VIA
in oggetto.
Successivamente sono stata inviate in data 16 luglio 2012, degli elaborati integrativa su base
volontaria, acquisite al PG.2012.175925 del 17/7/2012 e in data 20 luglio 2012 (acquisita al
PG.2012.181173 del 24/7/2012) è stato inviato un addendum alle integrazioni volontarie.
In seguito in data 17 dicembre 2012 (acquisita al PG.2012.296242 del 17/12/2012) a seguito di
valutazioni effettuate dal proponente in merito a un diverso tipo di gestione della stessa tipologia di
rifiuti sono stati inviati ulteriori documenti. Tali modifiche sinteteticamente riguardavano:
- orientamento della produzione alle sole tipologie di Matrix® (prodotto in uscita dal trattamento
dei rifiuti speciali) destinate al settore del cemento e dei laterizi, ovvero ai soli processi
cosiddetti “a caldo”;
- contestuale rinuncia alla produzione di alcune tipologie/granulometrie di Matrix® (tra cui
quello raffinato ad umido), tutte destinate a settori produttivi cosiddetti “a freddo” (produzione
di calcestruzzo preconfezionato, produzione di manufatti in calcestruzzo, ecc…); grazie a ciò,
viene meno la necessità di trattare internamente acque di processo e conseguentemente di
scaricarle nell’attiguo Scolo Zaniolo;
- riorganizzazione del lay out impiantistico e contestuale confinamento delle attività di ricezione,
messa in riserva e maturazione dei rifiuti in ingresso, di trattamento dei rifiuti (linee di
lavorazione), di stoccaggio dei rifiuti e del Matrix ® prodotto, e più in generale delle attività
potenzialmente responsabili di emissioni di polveri, all’interno di edifici coperti e tamponati
lateralmente;
- riorganizzazione delle misure di contenimento delle emissioni polverulente a fronte della
revisione del layout impiantistico di cui al punto precedente;
12
-
-
riorganizzazione dell’impianto di trattamento chimico fisico delle acque, che nella nuova
configurazione è destinato al solo trattamento delle acque meteoriche di prima pioggia di
dilavamento della viabilità e dei piazzali dello stabilimento (venendo meno la necessità di
trattare le cosiddette acque di processo);
captazione delle acque provenienti dalle aree di lavorazione e dal sistema di lavaggio ruote e
avvio delle stesse a impianti esterni di smaltimento, previo stoccaggio in vasca dedicata;
realizzazione di un impianto biologico di fitodepurazione a “ciclo chiuso” per il trattamento
delle acque domestiche (servizi, uffici, spogliatoi, ecc…).
Tali modifiche al progetto apportate da ques’ultima documentazione integrativa presentata, sono
state ritenute sostanziali e rilevanti per il pubblico e quindi ai sensi dell’art. 26, comma 3-bis del
DLgs 152/06, si è proceduto alla presente ripubblicazione che è avvenuto sul BUR del 2 gennaio
2013. Contestualmente è avvenuta anche la pubblicazione sul quotidiano “Il Resto del Carlino”
cronaca di Ravenna del 2 gennaio 2013 di avvenuto deposito della documentazione integrativa
relativa alla procedura di VIA in oggetto.
Infine, in data 5 aprile 2013 sono stata inviate dal proponente Officina dell’Ambiente su base
volontaria alcune precisazioni non sostanziali in merito all’ultima documentazione inviata, note
acquisite rispettivamente al PG.2013.90355 del 10 aprile 2013 e al PG.2013.140408 del 10 giugno
2013 della Regione Emilia – Romagna.
0.3. INFORMAZIONE E PARTECIPAZIONE
Relativamente all’informazione ed alla partecipazione dei soggetti interessati va dato atto che:
a) gli elaborati inerenti la procedura di VIA relativa al progetto per la realizzazione di un impianto
di recupero rifiuti speciali a matrice inerte (scorie di combustione) in Via Selice, 301/E nel
comune di Conselice (RA) proposto da Officina dell’Ambiente spa, sono stati
continuativamente depositati, per 60 giorni, al fine della libera consultazione da parte dei
soggetti interessati, presso il Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità
Ambientale della Regione Emilia-Romagna, sito in via dei Mille 21, a Bologna dal 16 luglio
2011 (giorno di pubblicazione dell'avviso sul Bollettino Ufficiale della Regione) al 16 settembre
2011, (primo giorno lavorativo dopo scadenza del 14 settembre 2011), data che costituisce il
termine per la presentazione delle osservazioni da parte dei soggetti interessati; successivamente
ai sensi dell’art. 26, comma 3 bis, del DLgs 152/06 sono state ripubblicate le integrazioni sul
BUR del 15 febbraio 2012 e quindi gli elaborati sono stati depositati dal 15 febbraio 2012 al 15
aprile 2012 e anche le integrazioni volontarie sono state ripubblicate sul BUR del 2 gennaio
2013 e quindi sono state continuativamente depositate dal 2 gennaio 2013 al 4 marzo 2013,
(primo giorno lavorativo dopo scadenza del 3 marzo 2013), data che costituisce il termine per la
presentazione delle osservazioni da parte dei soggetti interessati;
b) gli stessi elaborati sono stati depositati per i medesimi periodi (16 luglio 2011 – 16 settembre
2011, 15 febbraio 2012 – 15 aprile 2012 e 2 gennaio 2013 – 4 marzo 2013) presso la Provincia
di Ravenna e presso il Comune di Conselice, come risulta dalle relate di deposito acquisite agli
atti d’ufficio;
c) entro la prima scadenza del termine del 16 settembre 2011 sono state presentate le seguenti
osservazioni scritte alla Regione Emilia-Romagna in merito al progetto in esame (viene indicato
il nome dei primi firmatari, nel caso che una stessa osservazione sia sottoscritta da più persone):
-
OSS. 1: Giampiero Villa (inviate in data 2 settembre 2011 e acquisite al PG. 2011.212793
del 5/09/2011)
13
-
OSS. 2: Luciano Lama – portavoce Provincia Ravenna Verdi – Costituente Ecologista
(inviate in data 5 settembre 2011 e acquisite al PG. 2011.212802 del 5/09/2011)
-
OSS. 3: Natale Belosi – coordinatore Ecoistituto di Faenza (inviate in data 5 settembre 2011
e acquisite al PG. 2011.212802 del 5/09/2011)
-
OSS. 4: Patrizia Gentilini – Presidente ISDE Forlì (inviate in data 5 settembre 2011 e
acquisite al PG. 2011.212837 del 5/09/2011)
-
OSS. 5: Marco Paci – Tavolo Associazioni Ambientaliste (inviate in data 5 settembre 2011
e acquisite al PG. 2011.212844 del 5/09/2011)
-
OSS. 6: Presidente di Legambiente Bassa Romagna (inviate in data 3 settembre 2011 e
acquisite al PG. 2011.215107 del 08/09/2011)
-
OSS. 7: Nadia Calzolari (inviate in data 3 settembre 2011 e acquisite al PG. 2011.218392
del 12/09/2011)
d) entro la seconda scadenza del termine di ripubblicazione 15 aprile 2012 non sono state
presentate osservazioni scritte alla Regione Emilia-Romagna in merito al progetto in esame, ma
successivamente è pervenuta la seguente osservazione (viene indicato il nome del primo
firmatario, nel caso che una stessa osservazione sia sottoscritta da più persone):
-
OSS 8: Luciano Lama (inviate in data 15 aprile 2012 e acquisite al PG. 2012.94204 del
16/04/2012)
e) entro la terza scadenza del termine di ripubblicazione 4 marzo 2013 non sono state presentate
osservazioni scritte alla Regione Emilia-Romagna in merito al progetto in esame;
f) tutte le osservazioni presentate sono state sintetizzate nell’allegato A che costituisce parte
integrante del presente rapporto;
g) la Regione Emilia Romagna ha trasmesso le osservazioni al proponente, come previsto dall'art.
15 comma 2 della L.R. 9/99 e successive modifiche ed integrazioni, al fine che potesse
presentare le proprie controdeduzioni con nota PG.2011.222367 del 16/09/2011 e con nota
PG.2013.108423 del 3/5/2013.
h) il proponente non ha presentato controdeduzioni relativamente alle osservazioni, ma ha inviato
le integrazioni richieste dalla Conferenza e alcune integrazioni volontarie che rispondevano in
parte alle osservazioni effettuate dai soggetti interessati;
i) la Conferenza dei Servizi ha risposto alle osservazioni pervenute nell’allegato B che costituisce
parte integrante del presente rapporto.
0.4. LAVORI DELLA CONFERENZA DI SERVIZI
La Conferenza di Servizi, convocata dalla Regione Emilia-Romagna in qualità di autorità
competente in materia di procedura di Valutazione di Impatto Ambientale è finalizzata
all’emanazione dei seguenti atti:
AUTORIZZAZIONI O ATTI COMUNQUE AMMINISTRAZIONI COMPETENTI
DENOMINATI
Procedura di VIA
Regione Emilia – Romagna
LR 9/99 e succ. modifiche e integraz.
14
Parere sulla procedura di VIA
LR 9/99 e succ. modifiche e integraz.
Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)
DLgs 152/06 e LR 21/04
Pareri sull’AIA
Pre-valutazione di incidenza
Provincia di Ravenna
Unione dei Comuni della Bassa Romagna
Provincia di Ravenna
Unione dei Comuni della Bassa Romagna
ARPA
AUSL
Provincia di Ravenna
Modifica concessione consortile relativa a Consorzio della
scarichi idrici nello scolo Zaniolo
Occidentale
Bonifica
della
Romagna
Si ricorda che l’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) per gli impianti di recupero di rifiuti ai
sensi della LR 21/04 comprende e sostituisce l’autorizzazione alla realizzazione e alla gestione
dell’impianto, ex art. 208 D.Lgs n. 152/2006 e succ. modifiche e integrazioni. In esse sono
compresi i seguenti atti:
- Permesso di costruire
- Pareri per permesso costruire
- Autorizzazione allo scarico in acque superficiali
- Autorizzazione all’emissione in atmosfera
La Conferenza di Servizi è, quindi, formata dai rappresentanti legittimati dei seguenti Enti:
- Regione Emilia-Romagna
- Provincia di Ravenna
- Unione dei Comuni della Bassa Romagna
- AUSL di Ravenna
- ARPA Sez. Prov. Ravenna
- Consorzio Bonifica Romagna Occidentale
Ha partecipato ai fini istruttori alla Conferenza di Servizi il Comune di Conselice.
Va dato atto che il rappresentante della Regione Emilia-Romagna, responsabile del procedimento, è
l'arch. Alessandro Maria Di Stefano.
Va, inoltre, dato atto che i rappresentanti dei vari enti partecipanti ai lavori della seduta conclusiva
della Conferenza di Servizi, di cui le deleghe sono acquisite agli atti d’ufficio sono:
Amministrazione
Provincia di Ravenna
Unione dei Comuni della Bassa Romagna
Rappresentante
Elettra Malossi
Marco Cerfogli
La Conferenza di Servizi ha organizzato i propri lavori come di seguito specificato:
- si è insediata il 5 agosto 2011 ed ha effettuato un sopralluogo in data 13 settembre 2011;;
- ha effettuato, successivamente all’arrivo delle integrazioni, una seconda seduta istruttoria in
data 17 febbraio 2012 e una successiva il 9 maggio 2012;
- la seduta conclusiva dei lavori è stata programmata per il giorno 29 luglio 2013.
Il proponente è sempre intervenuto alle sedute delle conferenze di Servizi, in quanto dall’entrata in
vigore della L.69/2009, che modifca la L. 241/90 “Nuove norme sul procedimento amministrativo”,
ai sensi dell’art. 14 ter, comma 2 – bis, “alla conferenza di servizi sono convocati i soggetti
proponenti il progetto dedotto in conferenza, alla quale gli stessi partecipano senza diritto di voto”.
15
0.5. ADEGUATEZZA DEGLI ELABORATI PRESENTATI
La Conferenza di Servizi ritiene che il SIA e gli elaborati depositati, nonché le integrazioni prodotte
da Officina dell’Ambiente spa sia su richiesta della Conferenza sia su base volontaria, relativi al
progetto per la realizzazione di un impiantodi recupero rifiuti speciali a matrice inerte (scorie di
combustione) in Via Selice n. 301/E nel comune di Conselice (RA) proposto da Officina
dell’Ambiente siano sufficientemente approfonditi da consentire un’adeguata individuazione e
valutazione degli effetti sull'ambiente connessi alla realizzazione del progetto, nonché il rilascio
delle autorizzazioni per la realizzazione del progetto previsti dalla normativa vigente.
0.6. GUIDA ALLA LETTURA DEL PRESENTE RAPPORTO
Il Rapporto è strutturato nel modo seguente:
0. Premesse
1. Quadro di Riferimento Programmatico
1.A. Sintesi del Quadro di Riferimento Programmatico;
1.B. Valutazioni in merito al Quadro di Riferimento Programmatico;
1.C
Prescrizioni in merito al Quadro di Riferimento Programmatico;
2. Quadro di Riferimento Progettuale
2.A. Sintesi del Quadro di Riferimento Progettuale;
2.B. Valutazioni in merito al Quadro di Riferimento Progettuale;
2.C
Prescrizioni in merito al Quadro di Riferimento Progettuale;
3. Quadro di Riferimento Ambientale
3.A. Sintesi del Quadro di Riferimento Ambientale;
3.B. Valutazioni in merito al Quadro di Riferimento Ambientale;
3.C
Prescrizioni in merito al Quadro di Riferimento Ambientale;
4. Conclusioni.
16
1.
QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO
1.A. SINTESI DEL SIA
Gli strumenti di pianificazione territoriale che vengono esaminati sono:
• Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP) della Provincia di Ravenna;
• Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti (PPGR) della Provincia di Ravenna;
• Piano Provinciale di Risanamento della Qualità dell’Aria (PRQA) della Provincia di Ravenna;
• Piano Strutturale Comunale (PSC) del Comune di Conselice;
• Regolamento Urbanistico Edilizio (RUE) del Comune di Conselice;
• Sistema delle aree protette;
• Piano di Tutela delle Acque (PTA) della Regione Emilia Romagna;
• Piano Stralcio per l’Assetto Idrogeologico (PSAI) del Fiume Reno.
1.A.1 Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP) della Provincia di Ravenna
Il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, approvato con delibera della Giunta Provinciale
n. 9 del 28/02/2006 in base alle procedure ed ai contenuti definiti dalla legge regionale 20/2000, è
caratterizzato da una struttura che riprende fedelmente le indicazioni del Piano Territoriale
Regionale.
La parte ambientale e paesistica del P.T.C.P. contiene, fra l’altro, le specifiche di tutela
dell’ambiente e del paesaggio in attuazione del Piano Territoriale Paesistico Regionale (P.T.P.R.);
specifiche contenute nelle N.T.A. e nelle tavole cartografiche dei gruppi n.1, 2, 4, 5 e 6.
Dalla Tavola 1, relativa alle Unità di paesaggio, si evince che l’area di interesse è situata all’interno
dell’Unità Valli del Reno.
Il gruppo delle Tavole 2 è relativo alla “Tutela dei sistemi ambientali e delle risorse naturali e
storico – culturali” e non individua prescrizioni specifiche per l’area di interesse. Da tali tavole si
riconosce nelle vicinanze la presenza di una “zona di particolare interesse paesaggistico ambientale”
(art. 3.19) rappresentata dalla via Selice che passa a Est dell’area di intervento; a Ovest è altresì
presente un’area classificata come “Bonifiche”, normata dall’art. 3.23.
Il gruppo di Tavole 3 rappresenta la “Carta della vulnerabilità degli acquiferi” e non interessa il
territorio del Comune di Conselice.
Il gruppo di Tavole 4 indica le “Zone non idonee alla localizzazione di impianti di smaltimento e
recupero di rifiuti urbani, speciali e speciali pericolosi”: l’area di interesse risulta esterna ad aree
classificate come non idonee.
La Tavola 5 “Assetto strategico della mobilità, poli funzionali, ambiti produttivi di rilievo
sovracomunale, articolazione del territorio rurale” individua l’area oggetto di studio come
“territorio urbanizzato al 2001” all’interno di un’area facente parte degli “ambiti rurali a prevalente
vocazione produttiva agricola”.
Infine La Tavola 6 “Progetto reti ecologiche in Provincia di Ravenna” caratterizza l’area oggetto di
studio nella categoria “ambiti specializzati per attività produttive”.
Il proponente non ritiene che l’impianto sia in contrasto con il PTCP.
1.A.2 Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti (PPGR) della Provincia di Ravenna
Il Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti è stato approvato con delibera CP n. 71 del 29/06/2010.
Gli obiettivi principali del PPGR sono di seguito definiti:
- riduzione della produzione di rifiuti;
- riduzione della quantità e della pericolosità dei rifiuti avviati a smaltimento;
- incremento della raccolta differenziata dei rifiuti e, di conseguenza, recupero di materia ed
energia;
- riduzione della quantità di rifiuti avviati in discarica e, comunque, avvio in discarica solo di
rifiuti pretrattati;
17
- autosufficienza del sistema degli impianti di smaltimento rifiuti urbani nell’ambito provinciale.
Il Piano, ai sensi della DGR 1620/2001, per il settore dei rifiuti speciali in cui si inserisce l’impianto
in oggetto, approfondisce l’aspetto conoscitivo relativo alla produzione e modalità di gestione di
tale tipologia di rifiuti nel territorio provinciale e ne analizza in dettaglio alcune tipologie che
presentano aspetti particolarmente problematici e/o specifiche indicazioni normative.
Il Piano individua, inoltre, i criteri per una localizzazione di nuovi impianti compatibili con
l’ambiente e verifica che siano soddisfatti i fabbisogni del bacino provinciale.
Tale verifica viene condotta solo in termini di potenzialità di trattamento/recupero/smaltimento in
quanto, per il settore dei rifiuti speciali, il principio di autosufficienza dell’ambito di pianificazione
non è applicabile ed è la dinamica del mercato che determina il reale bacino di utenza degli
impianti.
La Tavola 1 “Delimitazione delle aree non idonee alla localizzazione degli impianti per la gestione
dei rifiuti urbani e speciali” non indica prescrizioni per l’area di interesse ritenuta idonea alla
localizzazione di impianti per la gestione dei rifiuti.
Il proponene non ritiene, quindi, che l’impianto sia in contrasto con il PPGR.
1.A.3 Piano Risanamento della Qualità dell’Aria (PRQA) della Provincia di Ravenna
La Provincia di Ravenna si è dotata di un PRQA con delibera di approvazione del Consiglio
Provinciale n. 78 del 27/07/2006. Tale strumento di pianificazione settoriale si prefigge i seguenti
obiettivi:
§ il miglioramento generalizzato dell'ambiente e della qualità della vita, evitando il
trasferimento dell'inquinamento tra i diversi settori ambientali;
§ la coerenza delle misure adottate nel piano con gli obiettivi nazionali di riduzione delle
emissioni sottoscritti dall'Italia in accordi internazionali o derivanti dalla normativa
comunitaria;
§ l’integrazione delle esigenze ambientali nelle politiche settoriali, per assicurare uno sviluppo
sociale ed economico sostenibile;
§ la modifica dei modelli di produzione e di consumo, pubblico e privato, che incidono
negativamente sulla qualità dell'aria;
§ l’utilizzo congiunto di misure di carattere prescrittivo, economico e di mercato, anche
attraverso la promozione di sistemi di ecogestione e audit ambientale;
§ la partecipazione e il coinvolgimento delle parti sociali e del pubblico;
§ la previsione di adeguate procedure di autorizzazione, ispezione, monitoraggio, per
assicurare la migliore applicazione delle misure individuate.
Il Quadro Conoscitivo ha approfondito lo stato della qualità dell’aria sul territorio provinciale e ha
evidenziato, innanzitutto, come per alcuni inquinanti i valori di concentrazione rilevati siano
diminuiti, nel corso del tempo, anche in modo significativo (ad esempio per SO2 e CO) e non
sembrino sussistere problemi nel rispetto dei limiti. Situazioni di criticità sono invece state rilevate
in modo diffuso per particolato PM10, ossidi di azoto (NOx) e ozono (O3).
Il Piano ha poi ripreso la zonizzazione elaborata nella Delibera regionale n. 804/2001, e
successivamente aggiornata nel rispetto dei criteri emanati con il Decreto Ministeriale n. 261/2002
(Delibera n. 41 del 4/05/2004), che aveva determinato, per il territorio della Provincia di Ravenna,
una prima suddivisione in zone e agglomerati. Il Comune di Conselice veniva classificato in zona A
unitamente ai seguenti Comuni: . Alfonsine, Bagnacavallo, Bagnara di Romagna, Castel Bolognese,
Cervia, Conselice, Cotignola, Faenza, Fusignano, Lugo, Massa Lombarda, Ravenna, Russi,
Sant’Agata sul Santerno, Solarolo.
Per la Provincia di Ravenna il quadro conoscitivo del PRQA ha evidenziato nel particolato PM10 e
nel biossido di azoto gli inquinanti critici, pertanto è su questi due inquinanti che sono state
focalizzate le azioni da intraprendere da parte dei Comuni.
18
Definiti gli scenari di qualità dell’aria, la Provincia di Ravenna ha individuato i seguenti settori di
azione per la riduzione delle emissioni di inquinanti in atmosfera, al fine di perseguire e conseguire
il rispetto dei limiti di qualità dell’aria:
§ Industriale;
§ Civile;
§ Traffico;
§ Agricoltura (mezzi).
Dagli obiettivi generali, derivati dai dispositivi di legge, la Provincia assume per il Piano di
Risanamento della Qualità dell’Aria anche i seguenti obiettivi specifici, da applicarsi in maniera
differenziata ai diversi settori sopra individuati:
§ miglioramento della qualità dell’aria;
§ uso e gestione consapevole delle risorse energetiche;
§ promozione per una mobilità sostenibile;
§ agevolare il ricorso a fonti rinnovabili;
§ informazione e sensibilizzazione di tutti i soggetti coinvolti.
Il proponene non rileva elementi di contrasto conil PRQA.
1.A.4
Piano Strutturale Comunale (PSC) e Norme Tecniche di Attuazione del Comune di
Conselice
Il Piano Strutturale Comunale (PSC) del Comune di Conselice è stato approvato con D.C.C. n. 31
del 20/04/2009. La Tavola 1 “Schema di assetto strutturale degli insediamenti e della mobilità”
indica l’area di interesse come appartenente agli “ambiti specializzati per attività produttive esistenti
o in corso di attuazione”. La Tavola 2 “Sistema spaziale per la valorizzazione delle risorse
ambientali e storico culturali” individua l’area di interesse come “ambito specializzato per attività
produttive esistenti o in corso di attuazione”; la parte occidentale di tale area, delimitata dallo scolo
Zaniolo, ricade nella zona definita “fascia territoriale da potenziare o riqualificare come corridoio
ecologico secondario”; l’area è inoltre delimitata a Est dalla via Selice classificata come “viabilità
primaria esistente e di progetto”.
La Tavola 3 è la “carta dei vincoli e delle tutele” e indica l’area di interesse come territorio
urbanizzato; parte dell’area oggetto di studio ricade all’interno della “fascia di rispetto ai
metanodotti (DM 24.11.1984)” e all’interno della “fascia di attenzione degli elettrodotti ad alta
tensione”. L’impianto ricade inoltre in aree classificate come “rischio sismico: aree che necessitano
dell’analisi semplificata (II livello) (art. 2.18)”.
La Tavola 4 rappresenta lo “Schema di assetto strutturale” e individua l’area di impianto come
“ASP1 – Ambiti specializzati per attività produttive esistenti o in corso di attuazione di rilievo sovra
comunale ‘strategici’ (SS), ‘consolidati’ (SC) o di rilievo comunale (C) (art. 5.4)”; adiacente
l’impianto, in direzione Nord, è indicata una zona denominata “ASP2 – Nuovi potenziali ambiti
specializzati per attività produttive: sovra comunali ‘strategici’ (SS), ‘consolidati’ (SC) o comunali
(C) (art. 5.7)”.
Dall’analisi del PSC del Comune di Conselice e delle sue Norme Tecniche di Attuazione, non
risultano elementi ostativi relativamente alla realizzazione ed esercizio dell’impianto in oggetto.
1.A.5
Regolamento Urbanistico Edilizio (RUE) e Norme Tecniche di Attuazione del
Comune di Conselice
Il Regolamento Urbanistico Edilizio (RUE) del Comune di Conselice è stato approvato con D.C:C.
n. 17 del 24/05/2012.
Le tavole 1 "Ambiti normativi, vincoli infrastrutturali e relativi impianti" classificano l’area di
interesse come ASP 1.1 – “Ambiti specializzati totalmente o prevalentemente edificati o in corso di
attuazione per attività produttive prevalentemente manifatturiere (art. 4.4.2). Parte dell’area oggetto
di studio ricade all’interno della “fascia di rispetto ai metanodotti (DM 24.11.1984)” (art. 3.4.3) e
all’interno della “fascia di attenzione degli elettrodotti ad alta e media tensione” (art. 3.4.2).
19
L’impianto ricade inoltre in aree classificate come “rischio sismico: aree che necessitano
dell’analisi semplificata (II livello) (art. 2.18)”.
Le tavole 2 "Tutele e vincoli di natura ambientale e paesaggistica, della vulnerabilità e sicurezza del
territorio e dei beni storico-culturali e testimoniali" individuano l’area di interesse all’interno del
“Perimetro del territorio urbanizzato”. L’area è altresì classificata come area a “Rischio Sismico:
aree che necessito dell’analisi semplificata (II livello) (art. 2.18 PSC).
Dall’analisi del RUE del Comune di Conselice e delle sue Norme Tecniche di Attuazione, non
risultano elementi ostativi relativamente alla realizzazione ed esercizio dell’impianto in oggetto.
1.A.6 Sistema delle aree protette
Il sito di intervento è situato in prossimità delle seguenti aree protette:
- SIC-ZPS IT4060001 “Valli di Argenta”, a circa 2,6 km in direzione Nord (confinante con
IT4050022 - SIC-ZPS Biotopi e Ripristini ambientali di Medicina e Molinella; IT4070021 SIC-ZPS Biotopi di Alfonsine e Fiume Reno; IT4060017 – ZPS Po di Primaro e Bacini di
Traghetto).
- ZPS IT4070019 “Bacini di Conselice”, a circa 5,2 km in direzione Nord-Est e a circa 2,9 km in
direzione Sud;
- ZPS IT4070023 “Bacini di Massa Lombarda”, a circa 6,5 km in direzione Sud-Ovest;
- Parco regionale Delta del Po – Stazione di Campotto di Argenta, a circa 2,6 km in direzione
Nord, il cui territorio è per buona parte ricompreso all’interno del sito SIC-ZPS IT4060001
“Valli di Argenta” di cui al primo punto.
All’interno della documentazione depositata è stata presentata la pre-valutazione di incidenza dalla
quale non si evidenziano particolari criticità per la realizzazione dell’impianto in oggetto sui SIC e
ZPS presenti in zona.
1.A.7 Piano di Tutela delle Acque (PTA) della Regione Emilia Romagna
Il Piano di Tutela delle Acque (PTA), approvato con deliberazione dell’Assemblea Legislativa n.40
del 21 dicembre 2005, costituisce lo strumento di pianificazione regionale e provinciale in materia
di acque, previsto dal D.Lgs. n.152/99, ordinato alla definizione e al raggiungimento degli obiettivi
di qualità ambientale fissati in via generale dalle Direttive Europee (Direttiva 2000/60/CE) e
recepite a livello nazionale nel citato Decreto e successive modifiche.
Dall’analisi della cartografia si evince come l’area oggetto di studio sia esterna alle aree perimetrate
e normate dal Piano di Tutela delle Acque, pertanto il proponente ritiene che le opere in progetto
siano pienamente coerenti con il Piano stesso.
1.A.8 Piano Stralcio per l’Assetto Idrogeologico (PSAI) del Fiume Reno
Il Piano Stralcio per l’Assetto Idrogeologico per il bacino del fiume Reno, previsto dall’art. 1 c. 1
della Legge 3 agosto 1998, n.267 e s.m.i., è stato approvato con Delibera n.1/1 del 6 dicembre 2002.
Il Piano presenta, per l’intero territorio d’interesse, le attività svolte e i risultati per quanto riguarda
il rischio da frana e l’assetto dei versanti e distintamente, in riferimento ai bacini dei corsi d’acqua
principali (Reno, Idice, Sillaro, Santerno) per il rischio idraulico e l’assetto della rete idrografica.
Le finalità specifiche delle norme contenute nel Piano sono:
§ la sistemazione, la conservazione, il recupero del suolo e la moderazione delle piene nel
bacino montano con interventi idrogeologici, idraulici, idraulico-forestali, idraulico-agrari,
di forestazione e di bonifica, anche attraverso processi di recupero naturalistico;
§ la difesa e il consolidamento dei versanti e delle aree instabili, nonché la difesa degli abitati
e delle infrastrutture contro i movimenti franosi e altri fenomeni di dissesto;
§ la riduzione della pericolosità del sistema idraulico con riferimento a eventi di pioggia
caratterizzati da tempi di ritorno fino a 200 anni, mediante la realizzazione di opere di
regimazione a basso impatto ambientale, il recupero funzionale delle opere nei principali
20
nodi idraulici e di interventi necessari a ridurre l’artificialità del corso d’acqua finalizzati
anche al recupero della funzione di corridoio ecologico.
Analizzato il PSAI, il proponente ritiene che non sussistano elementi ostativi alla realizzazione
dell’impianto in oggetto.
21
1.B.
VALUTAZIONI IN MERITO AL QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO
Per quanto riguarda la compatibilità con la pianificazione urbanistica del Comune di Conselice,
visto il RUE vigente del Comune di Conselice, che classifica l'area di intervento come “Ambiti
specializzati totalmente o prevalentemente edificati o in corso di attuazione per attività produttive
prevalentemente manifatturiere - Asp 1.1”, regolamentati dall'art. 4.4.2 delle norme del RUE stesso
e verificata la compatibilità urbanistica dell'intervento con la suddetta classificazione dell'area, sia
in termini di indici edificatori e distanze, che di destinazione d'uso, il Servizio Edilizia dell'Unione
dei Comuni della Bassa Romagna esprime per quanto di competenza parere favorevole, alla
realizzazione dell'intervento proposto.
Per quanto concerne il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP) della Provincia di
Ravenna, l’area di interesse, collocata nell’Unità di Paesaggio delle “Valli del Reno” (n. 3), non
risulta soggetta a particolari vincoli paesaggistici, ambientali e storico-archeologici.
L’area di intervento è esterno ai siti della Rete Natura 2000 e non stati evidenziate particolari
criticità per la realizzazione dell’impianto sui SIC e ZPS presenti nella zona. Non è quindi stato
reputato necessario procedere alla Valutazione di Incidenza per tale progetto in quanto l’area risulta
essere pressocchè priva di qualunque elemento naturale, essendo state fin dal 1975 come ambito
industriale.
In relazione alle previsioni e vincoli della pianificazione settoriale in materia di gestione dei rifiuti,
non si ravvisano disarmonie rispetto al Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti (PPGR) vigente
che, in relazione al PTCP, identifica le aree non idonee ovvero potenzialmente non idonee alla
localizzazione degli impianti di smaltimento/recupero dei rifiuti; l'impianto OdA finalizzato al
recupero di rifiuti speciali anche pericolosi non ricade all’interno di tali perimetrazioni.
Rispetto alla pianificazione settoriale in materia di qualità dell’aria, è da rilevare che risulta
recentemente approvato con DGR n. 949 dell’08/07/2013 il Documento Preliminare del Piano Aria
Integrato Regionale (PAIR 2020), che contiene le misure per il risanamento della qualità dell'aria al
fine di ridurre i livelli degli inquinanti sul territorio regionale e rientrare nei valori limite e nei valori
obiettivo fissati dalla Direttiva 2008/50/CE e dal D.Lgs. n. 155/2010. Nelle more della sua
approvazione continua ad applicarsi il Piano di tutela e Risanamento della Qualità dell'Aria (PRQA)
della Provincia di Ravenna, predisposto a livello locale ai sensi dell’art. 122 della LR. 3/1999 che
attribuiva alle Province la delega delle funzioni di zonizzazione, ora non più applicabile a seguito
dell’emanazione del D.Lgs. n. 155/2010 per sopravvenuta incompatibilità con lo stesso.
L'impianto OdA, che secondo la nuova zonizzazione regionale rientra in un'area di "Pianura Est" in
cui non si registrano superamenti dei valori limite di qualità dell'aria per NO2 e PM10, risulta
conforme alle previsioni del PRQA provinciale vigente per il risanamento della qualità dell’aria e,
in particolare, alle specifiche misure indicate per il settore industriale (art. 16 delle NTA del
PRQA); è infatti prevista l'installazione di sistemi di abbattimento idonei al materiale particellare
(filtri a maniche) nonché l'adozione di soluzioni progettuali e misure gestionali per limitare le
emissioni di polveri diffuse, in linea con le Migliori Tecniche Disponibili.
In considerazione della natura dei rifiuti gestiti nell'impianto OdA (scorie di combustione da
impianti di termovalorizzazione RSU), si ritiene comunque necessaria l'effettuazione, ai fini
conoscitivi, di un'indagine di caratterizzazione delle polveri emesse in atmosfera, benché poco
significative in termini quantitativi.
In materia di tutela delle acque, l’area di interesse non ricade in zone di protezione delle acque
sotterranee individuate dal Piano di Tutela delle Acque (PTA) regionale, con particolare riferimento
alle aree di ricarica; l'impianto OdA non ricade inoltre in alcuna delle aree di tutela delle risorse
idriche superficiali e sotterranee definite dalla variante al PTCP della Provincia di Ravenna, in
attuazione al PTA regionale.
In merito alle priorità di intervento per la tutela quali-quantitativa delle acque superficiali e
sotterranee, non si ravvisano elementi significativi di interazione riconducibili al nuovo impianto
22
OdA. Non si attendono infatti ingenti consumi di risorsa idrica che peraltro non comportano
emungimenti di acque sotterranee. Al fine di recepire le misure per il risparmio idrico disposte per il
settore industriale dall'art. 5.12 delle NTA della variante al PTCP in attuazione del PTA, l'impianto
OdA prevede l'utilizzo di acqua prelevata dall'acquedotto industriale, limitando il consumo della
risorsa idrica pregiata al solo prelievo di acqua potabile ad usi domestici.
Tenuto conto comunque che l'obiettivo di risparmio idrico è principalmente rivolto alle attività che
utilizzano la risorsa idrica nel processo produttivo, è da rilevare che non risultano consumi idrici
direttamente riconducibili alle operazioni di recupero dei rifiuti previste nell’impianto in oggetto; i
consumi idrici dell'impianto OdA sono infatti sostanzialmente limitati alle operazioni di lavaggio
ruote dei mezzi in transito nell'area dell'impianto, di pulizia della viabilità interna e alla
preparazione delle soluzioni acquose dei reagenti per il trattamento chimico-fisico delle acque di
prima pioggia. Il monitoraggio dei consumi idrici dell'impianto OdA consentirà di individuare
eventuali criticità e ricorrere ad eventuali elementi di miglioramento attraverso, ad esempio, il
recupero di acque meteoriche non suscettibili di essere contaminate, preventivamente stoccate, per
cui dovrà essere verificata la fattibilità dell'utilizzo in impianto per forme d'uso compatibili.
In termini di scarichi idrici in acque superficiali, si tratta sostanzialmente di acque di prima pioggia
sottoposte a idoneo trattamento ai sensi della DGR n. 286/2005, oltre alle acque di seconda pioggia
e meteoriche di dilavamento delle coperture; rispetto all'obiettivo di qualità fissato dal PTA
regionale per il Canale Destra Reno alla sua chiusura di bacino, l'attività dell'impianto OdA non
comporta pertanto interferenze significative al mantenimento al 2016 dello stato di qualità
"sufficiente".
In merito all'assetto della rete idrografica, si evidenzia che l'impianto OdA ricade in una zona di
bassa pianura, oggetto di bonifica recente (anni 20 del secolo scorso), in cui è riscontrata una
criticità connessa con la rete scolante di bonifica. Al fine di evitare ulteriori aggravi idrici alla rete
di scolo di bonifica già in sofferenza, l'area di interesse (di pertinenza del bacino del torrente
Santerno, corso d'acqua principale del bacino interregionale del Fiume Reno con recapito finale nel
Canale Destra Reno) risulta soggetta al controllo degli apporti d'acqua e, in particolare,
all'applicazione dell'art. 20 delle norme del Piano Stralcio per l'Assetto Idrogeologico (PSAI) del
Fiume Reno per limitare gli effetti negativi delle trasformazioni dell'uso dei suoli nella parte di
pianura e subordinando tali trasformazioni all'adozione di provvedimenti idonei a compensare l
aggravamento degli apporti idrici.
In conclusione, per l’impianto oggetto della presente procedura di VIA presentato da Officina
dell’Ambiente Spa, non si ravvisano contrasti con gli strumenti di pianificazione territoriale,
urbanistica e di settore nè con i vincoli derivanti dalla normativa di settore vigente.
23
1.C.
PRESCRIZIONI IN MERITO AL QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO
Non si ritiene necessaria alcuna prescrizione.
24
2.
QUADRO DI RIFERIMENTO PROGETTUALE
2.A.
SINTESI DEL SIA
Questa sintesi è effettuata sulla base delle informazioni contenute nel SIA, nel progetto definitivo e
nelle successive integrazioni inviate dal proponente.
2.A.1. Inquadramento territoriale
L’impianto in progetto è localizzato lungo la Via Selice al n. 301/E, in un sito di recente
acquisizione da parte di Officina dell’Ambiente S.p.A. dalla precedente proprietà Endeka S.p.A.,
che vi svolgeva l’attività di colorificio ceramico.
Geograficamente l’area di intervento si trova in Provincia di Ravenna nei pressi dei confini
provinciali con il territorio della Provincia di Bologna e Ferrara, a circa. 40 Km di distanza in linea
d’aria dalla città di Bologna (direzione WSW), 30 km dalla città di Ravenna (direzione SE) e 10 km
da Argenta (direzione N).
Il centro urbano più vicino all’impianto è rappresentato dall’abitato di Conselice che dista circa 2,5
km in direzione sud. Si ravvisa inoltre la presenza del centro abitato di Lavezzola in direzione
Nord-est a circa 4 km dall’impianto.
2.A.2. Finalità del progetto
Officina dell’Ambiente S.p.A. nasce nell’anno 2000 e dal 2001 svolge attività di recupero di rifiuti
speciali pericolosi e non pericolosi, riconducibili, nel dettaglio, alle scorie di combustione decadenti
dai termovalorizzatori di rifiuti non pericolosi, finalizzata alla produzione di una materia prima
seconda denominata Matrix®, da riutilizzarsi nei cicli della produzione del cemento e di altri
materiali utilizzati nel settore dell’edilizia.
Il Matrix® è un prodotto di natura inorganica, in forma granulare, composto principalmente da
ossidi di silicio, calcio, ferro, alluminio, magnesio, che, sin dal 2001, viene utilizzato con successo
principalmente presso le cementerie in sostituzione delle materie prime naturali (argilla e marna
argillosa) nella composizione della farina che, sottoposta a cottura, costituisce il clinker di cemento.
L’utilizzo di materie prime secondarie generate dalle scorie da incenerimento nella produzione di
cemento è testimoniato da numerose ricerche scientifiche a partire dagli anni ’90 ed è
espressamente consentito dalla legge italiana sin dall’emanazione del DM 5/2/1998 .
Il Matrix® può inoltre essere efficacemente utilizzato in altri settori industriali per la produzione di
calcestruzzo preconfezionato, di manufatti in calcestruzzo, di malte predosate, ceramica e laterizi e
del conglomerato bituminoso.
Il progetto dell’impianto di recupero scorie di combustione situato nel Comune di Conselice in
Provincia di Ravenna, nasce dall’opportunità di realizzare un ulteriore impianto di produzione di
Matrix® nella Regione Emilia Romagna, capace di soddisfare l’esigenza di “recupero” del territorio,
destinando l’attività dell’impianto in via prioritaria alle scorie prodotte dagli impianti di
termovalorizzazione di rifiuti solidi urbani gestiti da Herambiente S.p.A.. Il Matrix® prodotto nello
stabilimento di Conselice sarà destinato esclusivamente ai cosiddetti “cicli a caldo” ovvero
produzione di clinker da cemento e produzione di laterizi.
Rispetto al progetto inizialmente proposto (aprile 2011), Officina dell’Ambiente ha individuato una
serie di interventi strutturali, e in parte gestionali, migliorativi, che hanno determinano una revisione
rilevante del progetto originariamente presentato, con l’obiettivo di mitigare i principali fattori di
impatto potenzialmente riconducibili all’opera in progetto. In particolare le principali modifiche
apportate possono essere sintetizzate come segue:
- orientamento della produzione alle sole tipologie di Matrix® destinate al settore del cemento e
dei laterizi, ovvero ai soli processi cosiddetti “a caldo” e contestuale rinuncia alla produzione di
alcune tipologie/granulometrie di Matrix® (tra cui quello raffinato ad umido), tutte destinate a
settori produttivi cosiddetti “a freddo” (produzione di calcestruzzo preconfezionato, produzione
25
-
-
-
-
di manufatti in calcestruzzo, ecc…); tale scelta progettuale ha determinato l’eliminazione della
componente di impatto relativa al trattamento e scarico delle acque di processo nello Scolo
Zaniolo;
riorganizzazione del lay out impiantistico e contestuale realizzazione di strutture finalizzate al
confinamento delle attività di ricezione e maturazione dei rifiuti in ingresso, di trattamento dei
rifiuti (linee di lavorazione), di stoccaggio dei rifiuti e del Matrix ® prodotto, e più in generale
delle attività potenzialmente responsabili di emissioni di polveri, all’interno di edifici coperti e
tamponati lateralmente;
adozione di rigorose misure di contenimento delle emissioni polverulente (impianto di
aspirazione e depolverazione, sistema di nebulizzazione appositamente studiati per abbattere le
polveri volatili, procedure di pulizia e bagnatura dei piazzali e viabilità di servizio, integrazione
della barriera verde);
rinuncia ai codici CER in ingresso ritenuti non strategici all’attività dell’impianto, limitando a
tre le tipologie di rifiuto da trattare, tutte decadenti essenzialmente dal medesimo ciclo
produttivo cioè la termovalorizzazione dei Rifiuti Solidi Urbani e rifiuti speciali non pericolosi;
rinuncia all’approvvigionamento della risorsa idrica dal pozzo artesiano esistente;
adozioni di misure di ottimizzazione dei trasporti di rifiuti e matrix®.
2.A.3. Descrizione del progetto
L’impianto è stato dimensionato per il trattamento di un quantitativo massimo di 250.000 tonn/anno
di rifiuti non pericolosi, di cui al massimo 62.500 tonn/anno costituite da rifiuti pericolosi.
Gli interventi previsti dal progetto dell’impianto di trattamento rifiuti speciali pericolosi e non
pericolosi di Conselice sono di seguito sommariamente elencati:
- opere civili;
- linea di lavorazione rifiuti in ingresso – opere elettromeccaniche;
- modifica, razionalizzazione ed estensione della rete di raccolta acque meteoriche;
- realizzazione impianto di trattamento delle acque meteoriche;
- realizzazione impianto di aspirazione e depurazione aria;
- revisione, razionalizzazione ed estensione dell’impianto elettrico;
- manutenzione/realizzazione di opere complementari e di servizio (lavaggio ruote, recinzioni,
stazione di pesatura automezzi, segnaletica, interventi a verde, ecc…).
Opere civili
Di seguito si descrivono i principali interventi in progetto:
- realizzazione di nuovo fabbricato che costituirà un collegamento tra i fabbricati esistenti in
maniera da creare un corpo unico dedicato alle operazioni di ricezione, maturazione e
trattamento rifiuti e di stoccaggio Matrix® prodotto. Il nuovo corpo di fabbrica sarà realizzato
con struttura metallica sulle fondazioni esistenti di due fabbricati e avrà una superficie di circa
2.800 mq e un’altezza sottotrave di 13 m. Gli edifici esistenti saranno adeguati e completati con
l’installazione dei nastri trasportatori previsti;
- realizzazione edificio destinato al trattamento chimico fisico delle acque con strutture metalliche
e copertura in lamiera appoggiati su fondazioni in C.A.;
- sostituzione della tettoia esistente con un capannone metallico e pensilina esterna di altezza utile
sottotrave di 9,00 mt.;
- demolizione del vecchio impianto di depurazione in quanto il nuovo impianto di trattamento
acque reflue civili avrà diversa natura (fitodepurazione) e configurazione.
- realizzazione di edificio costituito da un basamento con setti in C.A. diviso in tre scomparti
dotato di copertura a struttura metallica che conterrà le attrezzature per la movimentazione del
materiale; tale struttura sarà dedicata al deposito temporaneo residui di lavorazione;
26
-
realizzazione di impianto di lavaggio-ruote posto a breve distanza dall’uscita dell’area dedicata
allo stoccaggio-scorie e sarà dedicato esclusivamente ai mezzi che avranno scaricato le stesse
all’interno del capannone chiuso;
- manutenzioni – consolidamenti: per quanto riguarda gli edifici esistenti, sono previsti interventi
di manutenzione generale sulle strutture, sulle murature e nelle pavimentazioni, nonché i
consolidamenti strutturali necessari per ottenere un immobile sicuro e agibile. Per quanto
riguarda le pavimentazioni si prevede di realizzare un sistema di impermeabilizzazione per
sigillare le fessurazioni formatesi nel pavimento esistente. Per quanto concerne la porzione di
pavimentazione su cui saranno depositate le scorie in maturazione, la soluzione tecnica che sarà
adottata per garantirne l’impermeabilizzazione e la perfetta tenuta sarà costituita da (dal basso
verso l’alto): telo impermeabile in HDPE dello spessore di 2 mm, soletta superiore di circa 15
cm in calcestruzzo armato con doppia rete elettrosaldata e finitura della pavimentazione;
- sistemazioni aree esterne e infrastrutture esistenti: le aree esterne destinate a strade, piazzali
saranno sistemate e completate con la costruzione di una strada interna di larghezza pari a 15 m;
è previsto anche lo spostamento della cancellata di ingresso di circa 35 m verso la strada,
allineandola con la delimitazione della nuova strada interna da costruire.
Non sono previsti interventi di modifica delle strutture esistenti di seguito elencate: palazzina
destinata a spogliatoi, servizi personale e uffici, palazzina laboratori alla centrale termica, cabina
elettrica, vasca di accumulo acque meteoriche, ex cabina metano.
Linea di lavorazione rifiuti in ingresso – opere elettromeccaniche
Il progetto prevede l’installazione delle apparecchiature elettromeccaniche che costituiscono le linee
di lavorazione e che possono essere suddivise in base alla loro funzionalità come di seguito
riportato:
- sezione di pretrattamento dei rifiuti in ingresso, mediante operazioni di deferrizzazione e
vagliatura, con potenzialità pari a circa circa 120 t/h;
- sezione di trattamento dei rifiuti pretrattati, mediante operazioni di vagliatura, deferrizzazione,
demetallizzazione, cernita manuale, macinazione e così suddivisa:
§
linea di macinazione scorie, con potenzialità pari a circa 36 t/h;
§
linea di raffinazione scorie, con potenzialità pari a circa 84 t/h.
Rete di raccolta acque meteoriche e di processo
Il progetto prevede interventi alle reti fognarie esistenti al fine di adeguare il sistema esistente di
gestione delle acque meteoriche e di processo alle esigenze del ciclo produttivo in esame.
Nell’impianto le attività di ricezione e maturazione dei rifiuti in ingresso, di trattamento dei rifiuti
(linee di lavorazione), di stoccaggio dei rifiuti e del Matrix ® prodotto e più in generale le attività
da cui potenzialmente si possono originare acque contaminate sono effettuate in edifici coperti e
tamponati su tutti i lati (di seguito “aree di processo”), dotati di rete fognaria in grado di intercettare
eventuali acque reflue, che si prevede di avviare a smaltimento quali rifiuti, tramite autobotte presso
impianti esterni autorizzati, previo stoccaggio in corpo tecnico dedicato.
Nelle aree esterne (piazzali e viabilità di servizio) dedicate al transito dei veicoli pesanti, non
essendo effettuate attività di trattamento, stoccaggio rifiuti e prodotti, le acque meteoriche di
dilavamento saranno, invece, gestite conformemente a quanto previsto dalla DGR 1860/2006 che
prevede la separazione delle acque meteoriche di prima e seconda pioggia.
Per quanto sopra gli scarichi idrici in acque superficiali (Scolo Zaniolo) riconducibili alla gestione
dell’impianto in oggetto sono di seguito descritti:
- scarico delle acque meteoriche provenienti dalle coperture (scarico S1): tali acque, che possono
ritenersi non contaminate, saranno captate da una rete di collettori e convogliate verso una
stazione di rilancio che consentirà lo scarico delle stesse direttamente nello scolo consortile
Zaniolo;
27
- scarico delle acque trattate dall’impianto chimico-fisico (scarico S2): le acque meteoriche di
prima pioggia (primi 5 mm) originate dal dilavamento di strade e piazzali interne allo
stabilimento sono captate dalla rete fognaria e sottoposte a trattamento chimico-fisico prima di
essere avviate allo scolo Zaniolo;
- scarico delle acque meteoriche di seconda pioggia (scarico S3): le acque meteoriche di seconda
pioggia (oltre 5 mm) originate dal dilavamento di strade e piazzali interne allo stabilimento, che
possono ritenersi non contaminate, sono captate dalla rete fognaria e avviate allo scolo Zaniolo.
Al fine di garantire, in qualsiasi condizioni il rispetto della portata massima scaricabile nello Scolo
Zaniolo, definita nella Concessione del Consorzio di Bonifica n. 58/03, pari a circa 800 m3/h,
qualora la somma delle portate di acque meteoriche da dilavamento pluviali e di acque di seconda
pioggia da strade e piazzali dovesse superare il sopracitato valore limite, si procederà ad invasare
anche le acque di seconda pioggia nel bacino di stoccaggio esistente (destinato anche alla ricezione
delle acque di prima pioggia) per poi sottoporle a trattamento chimico fisico unitamente alle acque
di prima pioggia.
Inoltre, le acque meteoriche di dilavamento dell’area verde non pavimentata antistante lo
stabilimento confluiranno, come nello stato attuale, nel fosso di confine sul lato sud che si immette
nello scolo consortile Zaniolo per caduta naturale tramite una chiavica in C.A. ristrutturata
nell’anno 2002. Le acque meteoriche di dilavamento della zona di rispetto di larghezza pari a 20 m
a ridosso della Via Selice saranno raccolte nel fosso di guardia della via stessa, mentre le acque di
pioggia che cadranno sul piazzale asfaltato di circa 2.000 mq antistante l’ingresso allo stabilimento,
confluiranno nel fosso di confine Nord che si congiunge con il fosso posto ai piedi dell’argine dello
Zaniolo e si scarica tramite la chiavica di cui sopra per caduta naturale.
Le acque nere provenienti dall’edificio servizi (docce, servizi igienico - sanitari) confluiranno
mediante tubazioni in PVC presso il nuovo impianto di trattamento, costituito da fossa biologica
imhoff ed impianto del tipo a vassoi assorbenti a ricircolo totale, dimensionato per n. 10 abitanti
equivalenti.
Realizzazione impianto di trattamento delle acque meteoriche
L’impianto di trattamento acque in progetto è funzionale esclusivamente al trattamento delle acque
meteoriche di prima pioggia provenienti da strade e piazzali accumulate nel bacino di stoccaggio
esistente, con la possibilità di trattare comunque un aliquota delle acque di seconda pioggia in caso
di particolari situazioni gestionali (esempio: manutenzione sezione di lavaggio ruote, sporcamento
accidentale della viabilità di servizio, prossimità al limite idraulico di portata scaricabile, etc.).
L’impianto chimico fisico è stato dimensionato per il trattamento di un portata di circa 7,5 mc/h e
risulta potenzialmente in grado di trattare le acque di prima pioggia in circa 16 ore, garantendo un
effluente finale pienamente conforme ai limiti previsti per lo scarico in corpo idrico superficiale Tabella 3 dell’Allegato 5 alla Parte Terza del D. Lgs. 152/06 e s.m.i.. L’impianto è tuttavia in grado
di funzionare in continuo sino a 20 ore/giorno per 7 giorni a settimana.
L’impianto di trattamento chimico fisico delle acque meteoriche è costituito da una sezione iniziale
di equalizzazione – omogeneizzazione ed una successiva linea di trattamento chimico-fisico.
Lo schema di processo dell’impianto di trattamento chimico fisico può essere riepilogato come
segue:
- rilancio acque meteoriche provenienti da strade e piazzali (quando presenti);
- sezione di accumulo e bilanciamento acque meteoriche (2400 mc);
- rilancio, a portata costante, all’impianto di trattamento chimico-fisico;
- trattamento chimico-fisico costituito dai seguenti comparti: coagulazione, basificazione,
acidificazione, flocculazione, sedimentazione;
- accumulo e rilancio acque;
- sezione di disidratazione fanghi;
- unità di stoccaggio, preparazione e dosaggio additivi (cloruro ferrico, acido fosforico, soda,
acido solforico, polielettrolita)
28
-
opere accessorie ed infrastrutture di servizio: bacini di contenimento, platea
impermeabilizzata di pavimentazione, fabbricato di servizio, rete di fognatura interna (acque
di processo, spanti, etc.), sistema di telecontrollo ed allarme.
Impianto di aspirazione e depurazione aria
E’ prevista la realizzazione di un impianto di aspirazione per la captazione e il trattamento delle
emissioni di polveri generate dalla lavorazione dei rifiuti in ingresso. L’impianto di aspirazione e
depurazione aria prevede due linee distinte (linea 1 e linea 2) a servizio delle linee di trattamento in
grado di trattare portate d’aria di 45.000 Nmc/h e 80.000 Nmc/h rispettivamente.
Ciascuna linea si compone di:
- cappe e punti di aspirazione ubicati sui macchinari presenti (vagli mulini, ecc…) e in
corrispondenza di ulteriori potenziali sorgenti di polveri (tramoggia di carico per avvio scorie
alle linee di lavorazione, punti di scarico nastri trasportatori materiali, ecc…);
- canalizzazioni realizzate in lamiera di acciaio al carbonio;
- elettroventilatore centrifugo;
- filtro a maniche costituiti da una struttura metallica con pannelli modulari, coperchi di
chiusura calpestabili e removibili per l’acceso e l’ispezione delle piastre portamaniche e dei
collettori di distribuzione dell’aria. Il nucleo filtrante è costituito da elementi tubolari
realizzati in feltro agugliato poliestere.
- camino di immissione in atmosfera effluente gassoso (aria depolverizzata).
Nella tabella di seguito riportata si evidenziano le principali caratteristiche dei punti emissione
convogliate E1 ed E2:
IMPIANTO DI ASPIRAZIONE - PUNTI DI EMISSIONE E1 ED E2
E1
Parametro
E2
Diametro camino
950
1.300
Portata effluente gassoso
45.000
80.000
Temperatura
ambiente
ambiente
Altezza camino da p.c
10
15
Concentrazione polveri in emissione (PST)
10
10
Durata emissione
14
14
Periodo di funzionamento
06.00 - 20.00
06.00 - 20.00
UdM
mm
Nm3/h
°C
m
mg/Nm3
h/gg
-
Impianto elettrico
L’impianto elettrico è composto da una cabina di trasformazione con arrivo in MT 15.000 volt e
trasformata in 400 volt trifase + neutro tramite n. 2 trasformatori da 1.000 kVA ciascuno. Dai
trasformatori viene alimentato il quadro generale, da cui partiranno tutte le linee di alimentazione
per le utenze. Vi saranno inoltre un gruppo elettrogeno con potenza di 760 kVA 400 volt e
contattori di scambio in automatico.
L’impianto di distribuzione sarà eseguito con posa del blindo esistente per l’alimentazione dei
quadri comando automazione. Verrà installato un canale metallico di dimensioni 300x75 completo
di accessori e supporti per la posa dei cavi riguardanti illuminazione e servizi (uffici e luci interne
ed esterne). Verrà eseguita l’illuminazione perimetrale con posa di fari a parete e/o su palo.
Verranno verificati tutti i collegamenti equipotenziali già esistenti ed eventualmente integrati,
eseguiti i nuovi collegamenti su tutte le strutture ed attrezzature di nuova fornitura.
Interventi a verde
Il progetto in oggetto prevede di costituire un filare di vegetazione (Cupressocyparis leylandii)
lungo il confine Est di stabilimento e lungo parte del confine Sud, al fine di favorire una rapida e
duratura schermatura visiva dell’impianto oltre ad un ostacolo alla potenziale diffusione di sostanze
29
polverulente. L’intervento sarà realizzato con tecniche di rimboschimento, utilizzando essenze di
tipo forestale (piante di 1 o 2 anni) che piante sviluppate in vivaio di maggiore età.
Mese 12
Mese 11
Mese 10
Mese 9
Mese 8
Mese7
Mese 6
Mese 5
Mese 4
Mese 3
Mese 2
Attività
Mese 1
2.A.5. Fase di cantiere
Di seguito si riporta il cronoprogramma dei lavori da cui si evince che la realizzazione delle opere
in progetto sarà indicativamente completata entro 12 mesi a partire dalla data di rilascio delle
autorizzazioni.
Opere civili varie (tetto, demolizioni, ristrutturazioni, ripristini…)
Capannone ricezione materiale (fornito e montato)
Opere elettromeccaniche e impianto di aspirazione e depurazione
aria
Impianto elettrico
Impianto di trattamento acque e fognature
Attrezzature industriali e commerciali
Attività stoccaggio e maturazione scorie in ingresso, in fase di
cantiere
Si prevede di iniziare l’attività di ricezione dei rifiuti in ingresso all’impianto con un anticipo di 4
mesi rispetto alla data di conclusione dei lavori a valle del completamento e della messa in esercizio
di tutte le opere funzionali allo svolgimento di tale attività di seguito riportate:
- Sistemazioni aree esterne (lavaggio ruote, manutenzione viabilità e piazzali, ecc…);
- Reti fognarie;
- Realizzazione impianto di trattamento chimico fisico delle acque;
- Impianto elettrico funzionale all’attività di ricezione e connesse attività amministrative (palazzina
uffici, spogliatoi, laboratori, illuminazione esterna e interna ecc...).
Quanto sopra consentirà di dare inizio alle attività di approvvigionamento rifiuti durante la fase di
completamento delle linee di trattamento dei rifiuti (opere elettromeccaniche) e dell’impianto di
aspirazione e depurazione aria a servizio delle stesse, al fine di avviare la fase di lavorazione dei
rifiuti nel periodo immediatamente successivo alla conclusione dei lavori, senza dover attendere i
tempi necessari per la maturazione delle scorie in ingresso (indicativamente pari a circa 90 gg).
2.A.6. Fase di esercizio
Le modalità di gestione dell’impianto di seguito descritte, sono dettagliatamente riportate nel
Manuale di Gestione Operativa allegato alla domanda di AIA (Allegato RT 1.1 rev 02 del
12/12/2012).
Capacità e operazioni di trattamento
Le operazioni di recupero rifiuti effettuate nell’impianto, di cui all’Allegato C alla Parte Quarta del
D.Lgs. 152/06 e s.m.i. sono:
- R5: Riciclo/recupero di altre sostanze inorganiche per un quantitativo massimo di 250.000
tonn/anno di rifiuti non pericolosi, di cui al massimo 62.500 tonn/anno costituite da rifiuti
pericolosi.
Rifiuti in ingresso
L’impianto di trattamento rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi di Conselice è stato progettato
per il ricevimento e trattamento di recupero delle seguenti tipologie di rifiuti solidi:
- CER 19 01 11* ceneri pesanti e scorie, contenenti sostanze pericolose;
30
-
CER 19 01 12
ceneri pesanti e scorie, diverse da quelle di cui alla voce 19 01 11;
CER 19 12 12
altri rifiuti (compresi materiali misti) prodotti dal trattamento meccanico dei
rifiuti, diversi da quelli di cui alla voce 19 12 11.
Quest’ultimo codice (19 12 12) viene richiesto esclusivamente con riferimento ad uno specifico
flusso di rifiuto costituito da scorie da incenerimento di Rifiuti Solidi Urbani e speciali non
pericolosi che abbiano subito un pretrattamento essenzialmente di tipo fisico-meccanico (vagliatura,
deferrizzazione e demetallizzazione) presso impianti debitamente autorizzati a tale attività ubicati,
di norma, nel territorio della regione Emilia Romagna.
Accettazione del rifiuto in ingresso
L’omologazione dei rifiuti destinati all’impianto è una sequenza di processi operativi che parte dal
ricevimento della documentazione, seguita dalla convalida tecnica e dalla convalida commerciale e
si conclude con la redazione di una scheda descrittiva del rifiuto. La procedura di omologazione si
articola nei seguenti punti:
- acquisizione dal produttore di un campione rappresentativo del rifiuto, della documentazione
necessaria a caratterizzarlo e dell’analisi chimica di classificazione (non antecedente i 6 mesi);
- verifica di appartenenza ai codici CER autorizzati e successiva verifica di compatibilità con gli
altri rifiuti presenti in impianto mediante specifiche prove di miscelazione effettuate in
laboratorio;
- analisi chimica contenente una serie di parametri analitici, alcuni dei quali sono tesi a valutare la
qualità ai fini della cessazione della qualifica di rifiuto del materiale prodotto dal recupero dei
rifiuti e altri, relativi ai microinquinanti di natura metallica, utili a gestire la fase di maturazione
in impianto nonché a verificarne l’assonanza con i valori espressi nell’analisi presentata dal
produttore in sede di richiesta di omologa;
- compilazione di una Scheda Descrittiva con le risultanze delle prove e archiviazione della
stessa;
A seguito dell’omologazione del rifiuto, viene avviato il conferimento del “Carico di Prova”.
All’arrivo in impianto, il carico di prova viene fotografato e scaricato in un’area dedicata posta
all’interno del capannone destinato alla miscelazione e maturazione, isolata dagli altri rifiuti
presenti in stoccaggio. Il Responsabile Ambientale provvede all’esecuzione di un’ulteriore analisi
chimica su un’aliquota del carico conferito e all’effettuazione di un test di miscelazione di 24 ore su
un piccolo quantitativo di rifiuto in prova con i rifiuti presenti, al fine di stabilire la compatibilità
all’interno dello stoccaggio. Se il rifiuto risulta compatibile, viene stoccato insieme ai rifiuti già
presenti in impianto.
Completato l’iter previsto per l’“omologazione” e il “Carico di Prova”, vengono avviati i
conferimenti con ciclo continuativo nel’ambito dei quali si procede per ogni conferimento al
controllo della documentazione di trasporto e alla verifica visiva del carico. I carichi non conformi
sono respinti al mittente ed entro 24 ore dandone comunicazione all’ufficio competente della
Provincia.
Descrizione del ciclo produttivo
- Accettazione, miscelazione e maturazione rifiuti in ingresso: concluse le operazioni di
accettazione e verifica, i mezzi adibiti al conferimento dei rifiuti in ingresso all’impianto si
dirigono verso l’area dedicata alla miscelazione e maturazione degli stessi ai fini dello scarico. I
rifiuti vengono disposti in cumuli e sistemati con l’ausilio di pale meccaniche al fine di subire il
processo di maturazione (durata indicativa 3 mesi). Si tratta, in sostanza, di un processo naturale
di “litostabilizzazione”, promosso dagli elevati valori di pH della scoria, durante il quale
avvengono numerosi fenomeni chimici indispensabili per la stabilizzazione delle scorie e per la
diminuzione della biodisponibilità dei metalli pesanti: ossidazione dell’alluminio metallico e
contestuale svilupppo di calore, perdità di umidità, degradazione della materia organica (acidi
umici e fulvici, polisaccaridi, ecc), carbonatazione, adsorbimento. Ai fini del recupero delle
31
-
-
-
-
-
-
scorie in ingresso è prevista, in deroga al divieto di cui all’art. 187 comma 1 del D. Lgs. n.
152/06 e s.m.i., la miscelazione delle scorie classificate CER 19.01.11* con le scorie CER
19.01.12 e con le scorie pretrattate CER 19.12.12. Tali rifiuti derivano dallo stesso ciclo
produttivo (termovalorizzazione rifiuti non pericolosi) e presentano caratteristiche
chimico/fisiche pressoché identiche. Allo stato attuale della normativa in tema di classificazione
dei rifiuti, una scoria da incenerimento di rifiuti non pericolosi potrebbe tuttavia risultare
pericolosa, verosimilmente, in base all’applicazione del concetto di pH estremo ed essere, di
conseguenza, caratterizzata dalle classi di pericolosità Corrosivo o, in subordine, Irritante (H8 o
H4). In tale contesto, una scoria non pericolosa si distinguerà da quella pericolosa per il fatto di
avere o un pH inferiore a 11,5 o, nonostante un pH superiore a tale soglia, per il fatto di aver
superato i test di confutazione in vitro
Pretrattamento dei rifiuti in ingresso: dopo un periodo di “maturazione”, i rifiuti vengono
prelevati dallo stoccaggio con pale meccaniche e caricati in una tramoggia che scarica il
materiale nell’alimentatore della sezione di pre-trattamento mediante operazioni di
deferrizzazione e prima vagliatura.
Trattamento dei rifiuti pretrattati: le scorie così pretrattate, tramite nastri trasportatori,
giungono ad un sistema composito di vagliatura per la separazione di due differenti frazioni:
frazione grossolana (> 14 mm) destinata alla linea di macinazione e frazione fine (0-14 mm)
destinata alla linea di raffinazione;
§
Macinazione: tramite nastro trasportatore, le frazioni grossolane giungono, previa
deferrizzazione e cernita manuale, ad un sistema composito costituito da mulini per la
macinazione del materiale, da vagli di diverso tipo, da deferrizzatori e demetallizzatori. Il
risultato che si ottiene è un materiale omogeneo di granulometria massima inferiore a 14
mm, il quale prosegue il proprio percorso verso la sezione di raffinazione,
congiungendosi con la frazione fine (0-14 mm) ottenuta nella stessa sezione di
raffinazione di seguito descritta, per essere adeguatamente trattata;
§
Raffinazione: il materiale, tutto di granulometria pari a 0-14 mm, giunge ad una doppia
linea di vagliatura, prima a 4 mm e poi a 2 mm. Il materiale 4-14 mm (sopravaglio) viene
deferrizzato, ulteriormente macinato e demetallizzato in modo da poter essere ricircolato;
il sottovaglio è destinato alla successiva vagliatura a 2 mm. Da quest’ultima si ricava il
primo prodotto finito, ovvero il Matrix® 0-2 mm che, tramite nastro con by-pass, può
essere stoccato nell’area dedicata oppure “unito” alla frazione 2-4 mm (ulteriormente
demetallizzata a parte) per formare il Matrix® 0-4 mm;
Stoccaggio prodotti (Matrix®): il Matrix® prodotto nella fase di trattamento è trasferito
attraverso un sistema di nastri in aree di stoccaggio differenti a seconda della granulometria. Le
aree in questione coprono complessivamente una superficie di circa 5.200 mq e consentono una
potenzialità di stoccaggio istantaneo di quasi 31.200 m3 di prodotto.
Deposito temporaneo rifiuti prodotti: le attività di recupero rifiuti svolte nell’impianto di
Conselice in oggetto generano dei rifiuti gestiti in deposito temporaneo in edifici dedicati o in
aree dedicate all’interno dell’edificio principale.
Trattamento chimico-fisico delle acque meteoriche: l’impianto di trattamento acque in
progetto è funzionale esclusivamente al trattamento delle acque meteoriche di prima pioggia
provenienti da strade e piazzali accumulate nel bacino di stoccaggio esistente, con la possibilità
di trattare comunque un aliquota delle acque di seconda pioggia in caso di particolari situazioni
gestionali (esempio: manutenzione sezione di lavaggio ruote, sporcamento accidentale della
viabilità di servizio, prossimità al limite idraulico di portata scaricabile, etc.).
Utilities: a servizio dell’impianto sono inoltre presenti diverse utilities: uffici, servizi,
spogliatoi, piazzali, sistema di lavaggio ruote, stazione di pesatura automezzi, viabilità, impianto
di trattamento acque reflue civili, ecc..
32
Negli elaborati si dichaira che la società OdA provvederà ad ottemperare a quanto previsto dalle
norme vigenti in materia di SISTRI (Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti) una volta ottenuta
l’approvazione del progetto e l’autorizzazione all’esercizio.
Materie prime
L’attività di produzione del Matrix® prevede, oltre alla fase di maturazione, esclusivamente
operazioni di tipo fisico-meccanico (vagliatura, demetallizzazione, frantumazione, lavaggio) senza
aggiunta di reattivi di processo, pertanto la principale materia prima utilizzata è rappresentata dai
rifiuti in ingresso individuati precedentemente in questa relazione.
Le materie prime utili al processo di trattamento chimico-fisico delle acque reflue sono:
- Cloruro Ferrico (utilizzato come agente flocculante);
- Acido Fosforico (utilizzato come agente flocculante alternativo al Cloruro Ferrico);
- Idrossido di Sodio (utilizzato come agente basificante);
- Acido Solforico (utilizzato come correttivo del pH);
- polielettrolita (utilizzato come flocculante).
Consumi di energia e combustibili
I principali consumi di energia elettrica elettrica sono associati ai macchinari che costituiscono le
linee di produzione e l’impianto chimico fisico (stima un consumo energetico pari a circa 1.450
MWh). Va inoltre segnalato il consumo di gasolio utilizzato per il rifornimento delle macchine
operatrici che operano sull’impianto (pale, spazzatrice, ecc…) e il consumo di metano per usi civili
stimati rispettivamente in c.a.200 mc/anno e 15.000 mc/anno. Nello stabilimento risulta esistente un
impianto fotovoltaico sui tetti dei capannoni esistenti A e B di potenza pari a 786.14 kw in grado di
produrre energia elettrica da fonte rinnovale consentendo la limitazione dei consumi di energia
elettrica da fonte non rinnovabile associati al processo di lavorazione delle scorie.
Incidente rilevante
Il D.Lgs. n. 334/1999 e s.m.i. e, in particolare, il D.Lgs. n. 238/2005 (cosiddetta “Seveso Ter”)
individua le sostanze pericolose per l’ambiente sulla scorta della classificazione basata sulle
direttive 67/548/CEE e 1999/45/CE per le sole sostanze o preparati (rifiuti) che presentino le frasi di
rischio di seguito indicate e siano presenti in quantità oltre certe soglie limite:
§ R50-53: Altamente tossico per gli organismi acquatici, può provocare a lungo termine effetti
negativi per l’ambiente acquatico;
§ R51-53: Tossico per gli organismi acquatici, può provocare a lungo termine effetti negativi
per l’ambiente acquatico.
Il proponente ritiene che l’impianto non risulti assoggettato agli adempimenti in materia di RIR di
cui al D.Lgs. n. 334/1999 e s.m.i. in quanto:
§ non sono pevisti rifiuti con classe di pericolo H14 e aventi frase di rischio R50-53 e R51-53;
§ sono previsti rifiuti pericolosi (CER 190111*) esclusivamente con classe di pericolo H4
(frasi di rischio R36, R37, R38) e H8 (frasi di rischio R34, R35).
2.A.7. Fase di dismissione
In fase di futura e non prevedibile dismissione dell’attività, in accordo con lo strumento urbanistico
vigente, la ditta provvederà a verificare l’eventuale inquinamento dovuto allo svolgimento
dell’attività, anche se, viste le caratteristiche del ciclo produttivo e le modalità di gestione e
sorveglianza previste, il proponente dichiara che la probabilità di inquinamento è da considerarsi
minima.
La fase di realizzazione del programma di dismissione dell’impianto verrà preceduta da una fase di
sviluppo dettagliato del progetto relativo e della sua programmazione articolata come segue:
- raccolta di tutta la documentazione tecnica costruttiva dell’impianto;
- suddivisione dell’impianto in aree omogenee;
- identificazione dei manufatti da riutilizzare;
33
-
identificazione dei componenti alienabili;
predisposizione di schede tecniche per ogni area omogenea, che definiscano liste dettagliate dei
materiali e componenti presenti, suddivisi per tipologia e per necessità di trattamento;
- determinazione riassuntiva dei quantitativi delle varie tipologie di materiali;
- determinazione delle necessità delle aree di stoccaggio e identificazione delle stesse;
- determinazione delle necessità delle aree di trattamento, identificazione delle stesse e
progettazione della loro attrezzatura;
- identificazione delle destinazioni finali delle varie tipologie di materiali;
- programmazione delle attività.
Sulla base di tale programma le attività di dismissione si svolgeranno in accordo alla seguente
sequenza:
- preparazione delle aree di stoccaggio;
- preparazione e attrezzatura delle aree di trattamento;
- drenaggio, raccolta, trattamento e smaltimento di tutti i fluidi di servizio;
- smontaggio e immagazzinamento di tutti i componenti alienabili;
- smontaggio dei componenti meccanici non alienabili e separazione di quelli da trattare;
- smontaggio dei componenti elettrici e loro separazione per tipologia;
- demolizione delle strutture metalliche e delle tubazioni e separazione di quelle da trattare;
- decontaminazione di tutte le apparecchiature meccaniche che lo richiedano;
- taglio, stoccaggio e trasporto di tutti i rottami metallici;
- demolizione delle opere in muratura;
- demolizione delle opere in calcestruzzo;
- sgombero delle aree.
34
2.B.
VALUTAZIONI IN MERITO AL QUADRO DI RIFERIMENTO PROGETTUALE
In merito alla finalità del progetto si è valutato innanzitutto che, anche se auspicabile l’avvio dei
rifiuti a raccolta differenziata e quindi a un recupero di materia più mirato in centri di recupero
specifici, attualmente la termovalorizzazione dei rifiuti è ancora applicata in Emilia Romagna e più
in generale in Italia, quindi si ha ancora la produzione di tali scorie.
Considerato che le misure dirette al recupero dei rifiuti mediante riciclaggio o ogni altra operazione
di recupero di materia sono da adottare con priorità nella gestione dei rifiuti, nel rispetto della
gerarchia di cui all'art. 179 del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. che individua, in generale, un ordine di
priorità di ciò che costituisce la migliore opzione ambientale, si rileva che per l’impianto in oggetto
è atteso un significativo indice di recupero/riciclo di materia per l’ottenimento di prodotti Matrix®,
stimato pari a circa l’80% del quantitativo di rifiuti in ingresso.
La figura seguente riassume il bilancio di massa semplificato dell’impianto OdA di Conselice
definito, nell’ipotesi di funzionamento a pieno regime (250.000 tonnellate/anno di rifiuti in
ingresso), facendo riferimento ai dati a consuntivo relativi all’impianto simile esistente nella
provincia di Pavia gestito dalla stessa società Officina dell’Ambiente S.p.A. e operante già da alcuni
anni.
Perdita umidità
scorie in ingresso
(evaporazione)
25.000 t/anno
(10%)
Matrix® prodotto
Scorie in ingresso
250.000 t/anno
(100%)
Impianto
OdA
di Conselice
202.500 t/anno
(81%)
Rifiuti prodotti dal processo
22.500 t/a (9%)
• 190102 – materiali ferrosi estratti da ceneri pesanti –
15.900 t/anno (6,36%)
• 191001 – rifiuti di ferro e acciaio – 1.600 t/anno (0,64%)
• 191203 – metalli non ferrosi – 3.250 t/anno (1,3%)
• 191212 – altri rifiuti (compresi materiali misti) prodotti
dal trattamento meccanico dei rifiuti, diversi da quelli di
cui alla voce 191211 – 1.750 t/anno (0,70%)
Per la valutazione del posizionamento dell'impianto OdA rispetto alle Migliori Tecniche Disponibili
(MTD), in mancanza di documenti di riferimento a livello sia comunitario, sia nazionale, che
specificatamente prendono in considerazione l'attività IPPC di gestione dei rifiuti in oggetto (attività
di trattamento fisico-meccanico, mediante operazioni di vagliatura, deferrizzazione,
demetallizzazione, macinazione, per il recupero/riciclo di rifiuti speciali anche pericolosi costituiti
da scorie derivanti dalla termovalorizzazione di rifiuti per l’ottenimento di materiali in forma
35
granulare denominati Matrix® da riutilizzare per la produzione di clinker e di laterizi), si è tenuto
conto di quanto indicato nel BRef comunitario:
§
“Reference Document on Best Available Techniques for the Waste Treatments Industries –
August 2006” relativamente alle MTD generali per l'intero settore di gestione dei rifiuti,
nel rispetto delle Linee Guida recanti i criteri per l’individuazione e l’utilizzo delle Migliori
Tecniche Disponibili per le attività rientranti nella categoria IPPC 5 Gestione dei rifiuti emanate
con DM 29 gennaio 2007, con particolare riguardo alle MTD individuate per gli impianti di
selezione, produzione di CdR e trattamento di apparecchiature elettriche ed elettroniche dismesse.
Ulteriori riferimenti sono altresì tratti da:
• “Linee guida recanti criteri per l’individuazione e l’utilizzazione delle Migliori Tecniche
Disponibili – LINEE GUIDA GENERALI”, contenute nell’Allegato I del Decreto 31 Gennaio
2005 del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio;
• BRef comunitario “Reference Document on the General Principles of Monitoring – July
2003” e “Linee guida recanti criteri per l’individuazione e l’utilizzazione delle Migliori
Tecniche Disponibili – LINEE GUIDA IN MATERIA DI SISTEMI DI MONITORAGGIO“,
contenute nell’Allegato II del Decreto 31 Gennaio 2005 del Ministero dell’Ambiente e della
Tutela del Territorio.
Le Migliori Tecniche Disponibili (MTD) da adottare nell'impianto OdA individuate prendendo a
riferimento i documenti sopracitati, sono sommariamente riassunte nelle tabelle di seguito riportate.
STRUMENTI DI GESTIONE AMBIENTALE
Migliori Tecniche Disponibili
Valutazione di conformità
(MTD)
nuovo Impianto OdA di Conselice
Sistema di Gestione Ambientale
È prevista la certificazione dell’impianto secondo la norma ISO 14001 e,
(SGA) standardizzato o non
successivamente, la Registrazione EMAS. Nel frattempo è adottato un SGA
standardizzato
non standardizzato per cui risulta già predisposto apposito Manuale che
delinea le principali modalità operative di gestione dell’impianto, da
Certificazione ISO 14001
implementare secondo quanto stabilito nel provvedimento di AIA e
sviluppare nel dettaglio nell’ambito delle procedure/istruzioni che faranno
Registrazione EMAS
parte del previsto SGA conforme alla norma ISO 14001.
COMUNICAZIONE E CONSAPEVOLEZZA DEL PUBBLICO
Migliori Tecniche Disponibili
Valutazione di conformità
(MTD)
nuovo Impianto OdA di Conselice
Comunicazioni periodiche a mezzo stampa locale e distribuzione di
Attività previste nell’ambito del SGA da
materiale informativo
implementare e sviluppare con la
registrazione EMAS dell’impianto.
Organizzazione di eventi di informazione/discussione con autorità e
cittadini
Apertura degli impianti al pubblico
36
STRUMENTI DI GESTIONE
Valutazione di conformità
nuovo Impianto OdA di Conselice
Il Manuale di Gestione Operativa dell’impianto affronta i seguenti
aspetti gestionali:
– modalità di accettazione del rifiuto;
– modalità di gestione e miscelazione scorie pericolose;
– cessazione della qualifica del rifiuto a seguito dell’operazione di
recupero;
– modalità di gestione e controllo del processo di recupero dei rifiuti;
– attrezzature, impianti e personale;
– controllo delle emissioni in atmosfera polverulente;
– piano di manutenzione;
– piano di intervento in condizioni straordinarie;
– piano di monitoraggio.
Nell’ambito delle attività di manutenzione,
È prevista apposita procedura di pulizia dei piazzali e della viabilità
devono essere previste procedure di pulizia interna all’impianto, mediante autospazzatrice specifica per la pulizia di
dell’impianto e delle attrezzature, compresa materiali polverulenti (in quanto dotata di sistemi di aspirazione e
la viabilità
spazzolatura a secco, più idonei di quelli ad umido, sensibili alle polveri
con caratteristiche pozzolaniche, causa di incrostazioni e intasamenti).
Piano di chiusura
Trattandosi di nuovo impianto, non appare realistico delineare oggi un
piano di dismissione e ripristino del sito.
Migliori Tecniche Disponibili
(MTD)
Piano di gestione operativa
Deve essere garantita la presenza in
impianto di personale qualificato,
adeguatamente formato e addestrato
Programma di sorveglianza e controllo
GESTIONE DEI RIFIUTI IN INGRESSO
Gestione delle
caratteristiche dei rifiuti
in ingresso
Accettazione dei
rifiuti in ingresso
Migliori Tecniche
Disponibili
(MTD)
Conoscenza della
composizione del
rifiuto in ingresso
Definizione di
procedure di
accettazione
Definizione di criteri
di non accettazione
Identificazione dei
flussi in ingresso e di
possibili rischi
Programmazione
delle modalità di
conferimento dei
carichi all'impianto
Pesatura del rifiuto
Comunicazioni con il
fornitore dei rifiuti
Valutazione di conformità
nuovo Impianto OdA di Conselice
Il Manuale di Gestione Operativa dell’impianto comprende una procedura di
omologazione così articolata:
– Acquisizione dal produttore di un campione rappresentativo del rifiuto e della
documentazione necessaria a caratterizzarlo, relazione sui cicli produttivi e analisi
chimica di classificazione (non antecedente i 6 mesi) comprendente anche diossine e
furani;
– Verifica di appartenenza ai codici CER autorizzati e successiva verifica di
compatibilità con gli altri rifiuti presenti in impianto mediante specifiche prove di
miscelazione effettuate in laboratorio. Le prove hanno durata di 24 h e mirano a
osservare, durante la miscelazione, eventuali reazioni di sviluppo calore, emissioni di
vapori, polimerizzazioni, ecc.;
– Esecuzione di un’analisi chimica (a prove di miscelazione positive) per la
determinazione di una serie di parametri analitici, alcuni dei quali tesi a valutare la
qualità del prodotto da ottenere dal recupero dei rifiuti e altri, relativi ai
microinquinanti di natura metallica, utili a gestire la fase di stoccaggio in impianto
nonché a verificarne l’assonanza con i valori espressi nell’analisi presentata dal
produttore in sede di richiesta di omologa.
– Compilazione di una scheda descrittiva con le risultanze delle prove. Le schede
37
GESTIONE DEI RIFIUTI IN INGRESSO
Migliori Tecniche
Disponibili
(MTD)
Controlli,
campionamenti e
determinazioni
analitiche sui rifiuti
in ingresso
Valutazione di conformità
nuovo Impianto OdA di Conselice
relative ai vari rifiuti omologati sono raccolte in uno specifico Registro conservato
sull’impianto.
Le analisi chimiche di caratterizzazione dei rifiuti in ingresso sono effettuate in fase di
apertura di nuova omologa (nuovo cliente) e di modifica dell’omologa esistente ad ogni
variazione nei cicli produttivi che generano i rifiuti, nonché ripetute per mantenimento
dell’omologa periodicamente in caso di conferimenti continuativi ovvero ad ogni
conferimento in caso di conferimenti non continuativi, secondo quanto indicato nel
Piano di Monitoraggio dell'impianto, parte integrante del provvedimento di AIA.
Per l’omologa, da declinare per i rifiuti in ingresso pericolosi e non pericolosi, sono
definiti l’elenco dei parametri chimici oggetto di analisi (da correlare alle metodiche
utilizzate per la loro determinazione) e i relativi limiti di accettazione previsti dalla
specifica di impianto; si nota l’assenza del parametro pH, la cui determinazione è invece
necessaria.
Una volta che il rifiuto è omologato, vengono avviati i conferimenti, con l’esecuzione
del “carico di prova”. All’arrivo in impianto, il carico di prova viene fotografato e
scaricato in un’area dedicata posta all’interno del capannone destinato a tale verifica
(area AL2 per i rifiuti pericolosi e area AL3 per i rifiuti non pericolosi), isolato dagli
altri rifiuti presenti in stoccaggio. Viene eseguita un’ulteriore analisi chimica su
un’aliquota del carico conferito ed effettuato un test di miscelazione di 24 ore su un
piccolo quantitativo di rifiuto in prova con i rifiuti presenti, al fine di stabilire la
compatibilità all’interno dello stoccaggio. L’analisi chimica nonché le prove di
miscelazione sono svolte secondo quanto indicato nel Piano di Monitoraggio
dell'impianto, parte integrante del provvedimento di AIA.
Se il rifiuto risulta compatibile, viene stoccato insieme ai rifiuti già presenti,
completando così la procedura di omologa.
Nell’ambito del processo di omologazione del rifiuto che si intende conferire
all’impianto è prevista l’esecuzione del test di miscelazione in due distinti momenti,:
I. a seguito dell’acquisizione del campione di rifiuti oggetto di omologa (acquisito dal
produttore o direttamente da OdA S.p.A.);
II. a seguito del conferimento del “carico di prova”.
Nel primo caso si procede con il prelievo di un campione di circa 1 kg di rifiuti dal
cumulo di scorie in fase di maturazione, in corrispondenza della zona di scarico dei
rifiuti in ingresso. Il prelievo di tale campione viene effettuato su circa 10 tonnellate di
materiale prelevato con pala meccanica (3-4 bennate) e disposto in cumulo: da tale
cumulo vengono prelevate 10 aliquote per un totale di circa 50 kg che successivamente
attraverso il metodo della quartatura permettono di ottenere il campione da 1 kg da
sottoporre al test di miscelazione in rapporto in peso 1:1 con il campione di rifiuti
oggetto di omologa acquisito dal produttore. Nel caso il campione venga acquisito da
OdA si adotterà analogo metodo per formazione del campione. Nel secondo caso si
procede con la procedura sopra descritta per la formazione di un campione dei rifiuti in
fase di maturazione (circa 1 kg). La formazione del campione del carico di prova viene
effettuata direttamente dal box di accumulo prelevando 10 aliquote per un totale di circa
50 kg che successivamente, attraverso il metodo della quartatura, permettono di ottenere
il campione da 1 kg. I due campioni vengono quindi sottoposti a test di miscelazione in
laboratorio considerando un rapporto in peso 1:1.
Le attività di accettazione dei rifiuti sono così previste:
– completato l’iter previsto per l’omologazione e il “carico di prova”, vengono avviati i
conferimenti con ciclo continuativo: il rifiuto in ingresso subisce la pesatura e il
controllo della documentazione di trasporto, il personale addetto alla ricezione
indirizza i camion verso le aree di ricezione e stoccaggio dove il personale operativo
esegue una seconda verifica del carico, ponendo particolare attenzione alla eventuale
presenza di materiale incombusto (es. plastica, carta, ecc.);
– in caso di riscontro di eventuali difformità, si valuta se accettare o meno il carico. I
carichi non conformi sono respinti al mittente entro 24 h indicandone la motivazione.
38
Stoccaggio dei
rifiuti in ingresso
GESTIONE DEI RIFIUTI IN INGRESSO
Migliori Tecniche Disponibili
Valutazione di conformità
(MTD)
nuovo Impianto OdA di Conselice
Mantenimento di
Concluse le operazioni di scarico dei rifiuti in ingresso, il mezzo si allontana
condizioni ottimali
seguendo il percorso indicato da apposita segnaletica e transitando, prima di
dell'area di impianto
raggiungere la pesa, in un dispositivo lavaruote.
In abbinamento all’attività dell’autospazzatrice per la pulizia dei piazzali e della
viabilità interna all’impianto, quale misura per il contenimento delle emissioni diffuse
polverulente riconducibili al traffico dei mezzi pesanti è prevista la bagnatura
mediante un articolato sistema di irrorazione d’acqua sulla viabilità interna, in
particolare lungo il percorso che seguono gli automezzi per accedere alle aree di
carico/scarico.
Adeguati isolamento, L’area AL1, dedicata a ricezione, stoccaggio e maturazione dei rifiuti in ingresso, è
protezione e drenaggio localizzata all’interno di un capannone industriale coperto e tamponato su tutti i lati,
dei rifiuti stoccati
con aperture per l’ingresso e l’uscita degli automezzi da dotare di saliscendi per il
contenimento delle emissioni diffuse polverulente.
La soluzione tecnica per garantire l’impermeabilizzazione e la perfetta tenuta della
pavimentazione dell’area di stoccaggio delle scorie in maturazione prevede (dal basso
verso l’alto): telo impermeabile HDPE, soletta superiore di circa 15 cm in
calcestruzzo armato con doppia rete elettrosaldata e finitura della pavimentazione con
elicottero.
È prevista apposita rete fognaria per la raccolta di eventuali percolati generati dai
cumuli di scorie in maturazione, con accumulo in una vasca a tenuta da 42 m3 per
essere periodicamente avviati a smaltimento come rifiuti presso impianti esterni
autorizzati.
Minimizzazione della Lo stoccaggio delle scorie in ingresso è finalizzato all’ottenimento di un rifiuto con
durata dello stoccaggio grado di umidità adeguato e stabilizzato per le successive fasi di lavorazione. Tale
“maturazione” si realizza in un intervallo di tempo di circa 3 mesi ed è gestita
secondo il criterio del “first in - first out”
Previsione di più linee Previsto, limitatamente alla sola linea di trattamento
di trattamento in
parallelo
Migliori Tecniche Disponibili
(MTD)
Organizzazione dell'impianto
(divisione in settori…) e
predisposizione di dotazioni
specifiche
Stoccaggio dei rifiuti per
tipologia, con adeguata
protezione
PROCESSO DI TRATTAMENTO
Valutazione di conformità
nuovo Impianto OdA di Conselice
Nell’impianto OdA si identificano diverse aree di lavoro dei rifiuti, quali:
§ AL1 - Ricezione, miscelazione e maturazione dei rifiuti in ingresso;
§ AL2 - Ricezione carico di prova rifiuti in ingresso pericolosi;
§ AL3 - Ricezione carico di prova rifiuti in ingresso non pericolosi;
§ AL4 - Pretrattamento e trattamento scorie;
§ AL5 - Accumulo scorie vagliate in attesa di frantumazione
nonché apposite aree per il deposito temporaneo dei rifiuti prodotti.
L’impianto è dotato di:
– sistema di aspirazione e abbattimento delle polveri, a servizio delle linee di
trattamento;
– sistema di trattamento chimico-fisico delle acque di prima pioggia provenienti
da piazzali e viabilità interna;
– sistema di trattamento di fitodepurazione a ricircolo totale delle acque reflue
domestiche (servizi igienici).
Nelle strutture di ricevimento e stoccaggio dei rifiuti a servizio delle linee di
trattamento dell'impianto OdA vengono effettuate anche operazioni di miscelazione
per l’omogeneizzazione dei rifiuti in ingresso. Lo stoccaggio dei rifiuti in ingresso
all’impianto OdA non costituisce operazione autonoma di gestione dei rifiuti ma
attività ausiliaria, funzionale e strettamente connessa con il trattamento di tipo
fisico-meccanico nell’impianto stesso.
39
PROCESSO DI TRATTAMENTO
Migliori Tecniche Disponibili
Valutazione di conformità
(MTD)
nuovo Impianto OdA di Conselice
Separazione selettiva di
Direttamente dal processo di trattamento/recupero delle scorie di combustione
componenti e sostanze
(mediante operazioni di vagliatura, deferrizzazione, demetallizzazione, cernita
ambientalmente critiche
manuale, macinazione) per l’ottenimento dei prodotti Matrix® derivano unicamente
rifiuti non pericolosi costituiti da materiali ferrosi (CER 190102), metalli non ferrosi
(CER 191203), rifiuti di ferro acciaio (CER 191001) e materiali incombusti (CER
Separazione delle frazioni
191212). La maggioranza (oltre il 90%) dei rifiuti prodotti è destinata a recupero
recuperabili come materia ed
esterno in acciaierie e/o fonderie (materiali ferrosi CER 190102, metalli non ferrosi
energia
CER 191203, rifiuti di ferro acciaio CER 191001); solo i materiali incombusti (CER
191212) sono destinati a smaltimento presso impianti esterni autorizzati.
Eseguire operazioni di
È previsto un sistema di captazione e contenimento delle emissioni polverulente
frantumazione, triturazione e
(filtri a maniche) derivanti dalla lavorazione dei rifiuti in ingresso, composto da due
vagliatura di rifiuti in aree
linee distinte, con cappe e punti di aspirazione ubicati su macchinari quali vagli,
dotate di sistemi di aspirazione mulini, ecc. e in corrispondenza di ulteriori potenziali sorgenti di polveri (tramoggia
collegati a sistemi di
di carico per avvio scorie alle linee di lavorazione, punti di scarico nastri
contenimento delle emissioni
trasportatori materiali, ecc.).
polverulente
Con frequenza giornaliera è previsto il prelievo di un campione (di circa 1 kg) dal
cumulo di Matrix® prodotto in giornata. A fine mese le aliquote vengono composte
in un unico campione medio che viene ridotto per quartatura e destinato alla
determinazione di parametri utili alla caratterizzazione del prodotto in funzione del
suo successivo utilizzo.
Ai fini della cessazione della qualifica di rifiuto e l’utilizzo in processi produttivi
definiti “a caldo” (produzione di clinker e produzione di laterizi), nel Manuale di
Gestione Operativa dell'impianto sono da definire le specifiche di riferimento per
Controllo dei requisiti di qualità
ogni singola pezzatura di Matrix® alle quali riferirsi per la verifica di conformità ai
sul materiale ai fini della
parametri ricercati nel prodotto, secondo quanto indicato nel Piano di Monitoraggio
conformità con i processi di
dell’impianto parte integrante del provvedimento di AIA, anche differenziate per
recupero/riutilizzo
tipologia di impianto produttivo al quale il Matrix® viene indirizzato.
L’impianto OdA di Conselice, non configurandosi come produttore di cemento o
prodotti laterizi, dovrà dimostrare l’utilizzo esclusivo dei prodotti Matrix® in
impianti produttivi con “cicli a caldo”, fornendo quindi la tracciabilità di tutto il
processo/processi in cui il Matrix® viene utilizzato. In generale il prodotto finito
andrà gestito per lotti e andrà mantenuta traccia adottando una filiera predefinita
sulla base di contratti di fornitura (specificando nominativi dei destinatari con
riferimento ai quantitativi e lotti venduti).
Il Matrix® prodotto nella fase di trattamento è trasferito attraverso un sistema di
nastri in aree di stoccaggio differenti a seconda della granulometria, con superficie
complessivamente pari a circa 5.200 m2 per una capacità massima istantanea di
stoccaggio di quasi 31.200 m3 di prodotto (aree SP1 – Matrix 0-4 e area SP2 –
Stoccaggio separato delle varie Matrix 0-2 di capacità pari a 15.600 m3 cadauna). I prodotti vengono trasferiti dalle
frazioni e parti recuperate
aree di stoccaggio, tramite pale gommate, su gli automezzi in uscita all’impianto
nelle adiacenti aree carico automezzi. La pavimentazione di tali aree di stoccaggio
dovrà essere adeguatamente impermeabilizzata, resistere alle eventuali aggressioni
chimiche dei prodotti Matrix® e alla movimentazione; in proposito, dovranno essere
previste periodiche verifiche dello stato della pavimentazione stessa.
I rifiuti prodotti nell’impianto OdA sono sottoposti al deposito temporaneo in edifici
dedicati o in aree dedicate all’interno dell’edificio principale. In particolare, nella
zona di lavorazione dei rifiuti in ingresso (all’interno del capannone) sono
individuate le seguenti aree di deposito temporaneo di rifiuti:
- DT4: area di deposito temporaneo di materiali ferrosi (CER 190102)
Stoccaggio separato dei rifiuti
- DT1: area di deposito temporaneo di materiali ferrosi (CER 191001)
da avviare a
- DT2: area di deposito preliminare dei materiali incombusti (CER 191212)
smaltimento/recupero
- DT3: area di deposito temporaneo di metalli non ferrosi (CER 191203)
Per il settore che comprende le aree di deposito temporaneo denominate DT1, DT2,
DT3, è previsto un basamento con setti in C.A. diviso in scomparti per i materiali
metallici (ferrosi e non ferrosi) e gli incombusti, con una copertura a struttura
metallica.
40
TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO
Migliori Tecniche Disponibili
Valutazione di conformità
(MTD)
nuovo Impianto OdA di Conselice
Raccolta separata delle acque
La rete fognaria dell’impianto è così articolata:
meteoriche pulite, anche ai fini – Rete fognaria acque meteoriche di dilavamento delle coperture: stazione di
di un eventuale riutilizzo
rilancio TK-04 dotata di 2 pompe (max 800 m3/h);
– Rete fognaria dei percolati: stazione di accumulo TK-01 da 42 m3;
– Rete fognaria acque di prima pioggia: stazione di rilancio TK-03 dotata di 3
pompe in sequenza a bacino BA-01 (prima pioggia) o a scarico in acque
superficiali (seconda pioggia). Dal bacino BA-01, le acque di prima pioggia sono
rilanciate tramite 2 pompe al trattamento chimico-fisico.
Lo scarico in acque superficiali denominato S1 è relativo alle sole acque meteoriche
di dilavamento delle coperture. Lo scarico in acque superficiali denominato S3 è
relativo alle sole acque di seconda pioggia.
In considerazione degli esigui consumi idrici stimati in fase progettuale, peraltro
soddisfatti con prelievi di acqua non pregiata (da acquedotto industriale), non sono
previste misure di riutilizzo delle acque meteoriche non suscettibili di essere
contaminate.
Impiego di sistemi di
Per le acque reflue domestiche (servizi igienici), preventivamente trattate in fossa
trattamento con minor
Imhoff con capacità minima di 2.500 litri, è previsto un sistema di fitodepurazione
produzione di effluenti
sub-superficiale a flusso orizzontale (vassoi assorbenti) a ricircolo totale,
dimensionato per 10 AE corrispondenti a 20 addetti. Per come è dimensionato il
Massimizzazione del ricircolo
sistema, in relazione al numero degli addetti, in quasi tutte le condizioni climatiche
delle acque reflue
si dovrebbe ottenere la completa evaporazione delle acque reflue domestiche e
l’assorbimento del carico organico ad opera delle piante e dei microrganismi
presenti nel terreno; è comunque prevista una stazione di ricircolo per inviare un
eventuale troppo pieno in testa al sistema di fitodepurazione.
Adeguati sistemi di accumulo
Per l'accumulo ed equalizzazione delle acque di prima pioggia provenienti da strade
ed equalizzazione
e piazzali (per una superficie complessivamente pari a 22.790 m2), da sopporre a
trattamento chimico-fisico prima dello scarico in acque superficiali (S2), è previsto
un bacino (BA-01) da 2.400 m3. Nel caso in cui la sommatoria tra acque meteoriche
di dilavamento delle coperture e acque di seconda pioggia superi il limite idraulico
di 800 m3/h per lo scarico in acque superficiali, è previsto l’accumulo delle acque di
seconda pioggia (con le acque di prima pioggia) e pertanto anch’esse inviate a
trattamento.
Impiego di sistemi di
Le acque di prima pioggia provenienti da strade e piazzali, previo accumulo ed
trattamento chimico-fisico
equalizzazione nel bacino BA-01, sono sottoposte a trattamento chimico-fisico
mediante operazioni di coagulazione, basificazione, acidificazione, flocculazione,
sedimentazione. Il previsto sistema di trattamento chimico-fisico, dimensionato per
una portata pari a 7,5 m3/h, risulta potenzialmente in grado di trattare le acque di
prima pioggia in circa 16 h, con la possibilità di trattare comunque un'aliquota delle
acque di seconda pioggia nel caso di particolari situazioni gestionali (es.:
manutenzione sezione di lavaggio ruote, sporcamento accidentale della viabilità di
servizio, prossimità al limite idraulico di portata scaricabile, ecc.).
TRATTAMENTO DELLE EMISSIONI IN ATMOSFERA
Migliori Tecniche Disponibili
Valutazione di conformità
(MTD)
nuovo Impianto OdA di Conselice
Adeguata individuazione del sistema di
Per il contenimento delle emissioni polverulente afferenti ai punti di
trattamento mediante:
emissione E1, E2 sono previsti filtri a maniche costituiti da una struttura
metallica con pannelli modulari, coperchi di chiusura calpestabili e
– valutazione dei consumi energetici;
– ottimizzazione della configurazione e removibili per l’accesso e l’ispezione sia delle piastre portamaniche sia
dei collettori di distribuzione dell’aria; il nucleo filtrante è costituito da
delle sequenze di trattamento
elementi tubolari realizzati in feltro agugliato poliestere. Tali sistemi di
Abbattimento delle polveri, al fine di
depolverazione garantiscono livelli di emissione di Polveri totali non
raggiungere livelli di emissione di
3
materiale particolato pari a 5÷20 mg/Nm3 superiori a 10 mg/Nm , in termini di valore medio orario.
41
GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI PRODOTTI
Migliori Tecniche Disponibili
Valutazione di conformità
(MTD)
nuovo Impianto OdA di Conselice
Classificazione e caratterizzazione di tutti La classificazione e la gestione dei rifiuti prodotti deve avvenire secondo
quanto previsto alla Parte IV del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i., anche
gli scarti derivanti dall'impianto di
attraverso l’utilizzo di determinazioni di carattere analitico e in
trattamento
conformità con quanto previsto nel Manuale di Gestione Operativa
dell'impianto.
La pianificazione degli allontanamenti dei rifiuti prodotti è prevista
ottimizzando i trasporti nel rispetto delle modalità stabilite per il deposito
Caratterizzazione e adeguato smaltimento temporaneo. Gli automezzi utilizzati nell’allontanamento dei rifiuti,
successivamente alla fase di pesatura (tara), entrano nell’impianto e, su
dei rifiuti non recuperabili
indicazione dell’operatore, si posizionano nei pressi dell’area di deposito
dei rifiuti da caricare. I mezzi vengono caricati con pala gommata o altro
mezzo idoneo. Conclusa l’operazione di carico, il mezzo si allontana
previa pesatura, con passaggio nel sistema lavaruote e ritiro del FIR.
Le polveri captate dai filtri a maniche, aventi caratteristiche chimiche
analoghe ai rifiuti in ingresso e destinati a trattamento nell’impianto,
Recupero dei materiali inerti
raccolte in big-bags possono essere reintrodotte nel ciclo di lavorazione,
previa eventuale bagnatura per evitare la dispersione delle stesse.
RUMORE
Migliori Tecniche Disponibili
(MTD)
Sistemi di carico e pretrattamento
alloggiati in ambienti chiusi
Impiego di materiali fonoassorbenti
Impiego di sistemi di coibentazione
Impiego di silenziatori su valvole di
sicurezza, aspirazioni e scarichi su
correnti gassose
Valutazione di conformità
nuovo Impianto OdA di Conselice
Le operazioni di trattamento e pretrattamento dei rifiuti vengono eseguite
in un edificio tamponato lateralmente.
Le apparecchiature elettromeccaniche sono dotate di dispositivi conformi
alla normativa vigente per la riduzione dell’inquinamento acustico.
Dalla valutazione previsionale di impatto acustico condotta non si
evidenziano particolari problematiche riconducibili al rumore prodotto
dall'esercizio del nuovo impianto OdA.
Il gestore, attraverso gli strumenti gestionali in suo possesso, dovrà utilizzare in modo ottimale la
risorsa idrica e l’energia, con particolare riguardo alle MTD applicabili all'impianto.
Nel caso di eventuali modifiche dell’impianto, il gestore dovrà preferire le scelte impiantistiche che
permettano di ottimizzare l’utilizzo delle risorse ambientali e dell’energia, nonché ottimizzare i
recuperi comunque intesi.
In merito ai consumi energetici, si rileva che l’impianto OdA risulta caratterizzato unicamente da
utenze elettriche, nel complesso scarsamente energivore; i principali consumi di energia elettrica
possono essere associati alle seguenti sezioni impiantistiche:
- pre-trattamento e trattamento delle scorie;
- aspirazione e depolverazione dell’aria captata nelle aree di lavorazione delle scorie;
- trattamento chimico-fisico delle acque di prima pioggia.
Considerando il funzionamento dell’impianto OdA a pieno regime (250.000 tonnellate/anno di
rifiuti in ingresso), nel complesso si stima un consumo totale annuo di energia elettrica pari a circa
1.450 MWh/anno.
In proposito, si segnala che OdA ha provveduto all’installazione di un impianto fotovoltaico sui tetti
dei capannoni esistenti A e B, di potenza pari a 786,14 kW; l’impianto connesso alla rete di
distribuzione MT (15.000 V), occupa una superficie lorda pari a 5.638 m2 ed è costituito da 3.418
moduli in silicio policristallino “Risun Solar Energy” da 230 W l’uno, montati su struttura fissa.
Tale impianto fotovoltaico consentirà comunque di limitare i consumi di energia elettrica da fonte
“convenzionale” associati al processo di lavorazione e recupero delle scorie di combustione.
42
Si ritiene necessario che l’impianto di illuminazione sia realizzato in maniera da direzionare i fasci
luminosi esclusivamente verso le aree dell’impianto e nel rispetto della normativa vigente
riguardante l’inquinamento luminoso.
Per quanto riguarda il permesso di costruire relativo alle opere da realizzare, il Servizio Edilizia
dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna precisa che la documentazione relativa al progetto,
risulta completa ed esaustiva ai fini della valutazione edilizia ed urbanistica dell'intervento proposto
con le prescrizioni riportate al punto 2.C.
Per quanto riguarda il parere del Consorzio di Bonifica della Romagna Occidentale per gli
scarichi idrici nello scolo Zaniolo, si fa presente che non essendo presente il Consorzio in sede di
seduta conclusiva della Conferenza dei Servizi, in primo luogo trova appolicazione quanto previsto
dalla L. 241/90, art. 14-ter, comma 7). Benchè relativo ad un assetto impiantistico superato alla luce
delle modifiche progettuali introdotte successivamente dal proponente è, comunque, stato preso in
considerazione il parere inviato in data 11 luglio 2012 (acquisito dalla Regione al PG.2012.147798
del 15 giugno 2012 ) e la Conferenza ha concordato su quanto richiesto ai fini della compatibilità
idraulica dal Consorzio sulla realizzazione di un pozzetto di recapito finale di tutti gli scarichi idrici
derivanti dal nuovo impianto OdA (denominati S1, S2, S3), collegato all'esistente manufatto a
canale mediante una condotta di scarico a gravità tarata per una portata massima di 800 m3/h, pari a
220 l/s, da realizzarsi alla distanza minima di 10 m dal piede d'argine del canale di scolo consorziale
Zaniolo, di quota pari o superiore alla sommità arginale del canale stesso.
In merito alla richiesta del Consorzio di volere adottare i valori previsti dal DM 12 giugno 2003, n.
185 “Regolamento recante norme tecniche pe il riutilizzo delle acque reflue in attuazione
dell’articolo 26, comma 2, del DLgs 152/99" quali valori limite di emissione per gli scarichi idrici
dell'impianto OdA nello scolo Zaniolo, la Conferenza di Servizi, su conforme parere della Provincia
di Ravenna (competente in sede di rilascio dell'AIA che comprende, tra l’altro, l'autorizzazione agli
scarichi in acque superficiali) che, anche sulla base del parere espresso da ARPA, fa presente che:
- rispetto alla soluzione progettuale inizialmente prospettata, il progetto definitivo non prevede
sezioni impiantistiche di separazione granulometrica ad umido o lavaggio scorie.
Dall'impianto OdA non si originano acque reflue industriali;
- gli scarichi idrici in acque superficiali (Scolo Zaniolo) provenienti dall’impianto OdA
nell’assetto definitivo proposto sono esclusivamente relativi a:
ü Scarico (denominato S1) di acque meteoriche di dilavamento delle coperture;
ü Scarico (denominato S2) di acque di prima pioggia provenienti da strade e piazzali,
sottoposte a trattamento chimico-fisico;
ü Scarico (denominato S3) di acque di seconda pioggia;
- fatte salve le necessarie verifiche sulla corretta classificazione normativa ovvero l’esclusione
dal campo di applicazione della DGR n. 286/2005 da condurre a seguito della messa in
esercizio dell’impianto, le acque di seconda pioggia ai sensi della DGR n. 286/2005 sono da
considerarsi come acque meteoriche di dilavamento il cui scarico in acque superficiali (S3)
non è soggetto ad autorizzazione ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i.
Parimenti lo scarico in acque superficiali (S1) delle acque meteoriche di dilavamento delle
coperture non è soggetto ad autorizzazione ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs. n. 152/2006 e
s.m.i., che non rientrano nel campo di applicazione della DGR n. 286/2005;
- lo scarico in acque superficiali di acque di prima pioggia sottoposte a trattamento chimicofisico (S2) è soggetto ad autorizzazione ai sensi dell’art. 124 del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. e
della DGR n. 286/2005;
43
- ai fini del rilascio dell’autorizzazione allo scarico nei canali di bonifica, il parere del
Consorzio è acquisito ai sensi dell’art. 4 della L.R. n. 4/2007;
- secondo i criteri generali della disciplina degli scarichi di cui all'art. 101 del D.Lgs. n.
152/2006 e s.m.i., tutti gli scarichi sono disciplinati in funzione del rispetto degli obiettivi di
qualità dei corpi idrici e devono comunque rispettare i valori limite previsti nell'Allegato 5 alla
Parte III dello stesso decreto;
- non risultano emanate le linee guida regionali per il mantenimento degli standard di qualità
delle acque nei canali di bonifica, previste ai sensi dell’art. 4, comma 6) della L.R. n. 4/2007,
ai fini della compatibilità irrigua;
- non si tratta di acque reflue con finalità di riutilizzo ad uso irriguo, la cui qualità deve pertanto
essere determinata per la specifica destinazione d'uso ai sensi del DM n. 185/2003;
- secondo le disposizioni regionali vigenti per la gestione delle acque di prima pioggia di cui
alla DGR n. 286/2005, in sede di rilascio dell'autorizzazione per lo scarico in corpo idrico
superficiale delle acque di prima pioggia, l'Autorità Competente individua alcuni parametri e i
relativi valori limite di emissione da applicarsi nell'ambito della Tabella 3 dell’Allegato 5 alla
Parte III del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i..
La Conferenza dei Servizi, sulla base della normativa vigente in materia, ritiene pertanto non
applicabili limiti per lo scarico in acque superficiali più restrittivi di quelli fissati nella Tabella 3
dell’Allegato 5 alla Parte III del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i., come richiesto dal Consorzio.
La Provincia di Ravenna, fa, comunque, riserva di aggiornare/riesaminare l’AIA e i limiti in essa
stabiliti per gli scarichi idrici nello Scolo Zaniolo, alla luce dell’emanazione di specifiche direttive
regionali applicative della L.R. n. 4/2007 sulla compatibilità irrigua degli scarichi nei canali di
bonifica.
Per quanto, infine, riguarda la regolarizzazione amministrativa dell’esistente manufatto di scarico
del canale di scolo consorziale “Zaniolo” a servizio del fosso interpoderale posto a lato sud
dell’area di intervento, la Conferenza di Servizi ha definito che essendo tale regolarizzazione
riguardante più soggetti esterni alla presente procedura di VIA, tale regolarizzazione non può essere
presa in considerazione e prescritta in tale procedura, ma tale regolarizzazione dovrà essere
effettuata dal proponente e dagli altri soggetti utilizzanti tale manufatto successivamente alla
conclusione della presente procedura di VIA.
Assunto un quadro di unanime consenso dlla Conferenza dei Servizi, la Provincia di Ravenna
propone pertanto l’approvazione del progetto, ai sensi dell’art. 208 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.,
sottolineando che tale approvazione sostituisce, tra l'altro, ad ogni effetto il permesso di costruire e
comporta la dichiarazione di pubblica utilità, urgenza ed indifferibilità dei lavori.
La Conferenza di Servizi, inoltre, ritiene necessario precisare che l'attuazione della suddetta
prescrizione relativa alla realizzazione di un pozzetto di recapito finale di tutti gli scarichi idrici
derivanti dell’impianto, comporterà variante al progetto definitivo approvato che dovrà essere
preventivamente comunicata, fornendo il tipo esecutivo previsto del nuovo manufatto di scarico a
canale, e valutata ai sensi dell'art. 208, comma 19 del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. anche ai fini
dell'ottenimento del necessario titolo abilitativo edilizio. Inoltre, la soluzione progettuale
individuata a livello esecutivo per il nuovo manufatto di scarico a canale, che il gestore è tenuto a
realizzare prima della messa in esercizio dell'impianto secondo quanto stabilito con l'approvazione
del progetto ai sensi dell'art. 208 del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i., dovrà essere oggetto di sola
comunicazione di modifica non sostanziale ai sensi dell'art. 29-nonies del D.Lgs. n. 152/2006 e
s.m.i., per cui la Provincia provvederà all'eventuale aggiornamento dell’AIA, qualora l'attivazione
di detta modifica comporti la necessità di dettare prescrizioni specifiche non previste nell’AIA.
44
2.C. PRESCRIZIONI IN MERITO AL QUADRO DI RIFERIMENTO PROGETTUALE
Al fine di minimizzare l’impatto sull’ambiente si ritengono necessarie che vengano rispettate, a
livello progettuale, le prescrizioni riportate in seguito.
1. L’impianto deve essere realizzato secondo le modalità, opere, mitigazioni previste dal progetto.
2. L’impianto di illuminazione deve essere realizzato in maniera da direzionare i fasci luminosi
esclusivamente verso le aree dell’impianto e nel rispetto della normativa vigente riguardante
l’inquinamento luminoso.
3. Per quanto riguarda il permesso di costruire delle opere da realizzare si indica quanto segue:
i. l'intervento è soggetto al pagamento degli oneri di urbanizzazione (U1 + U2 + Quote D e
S) di cui all’art. 28 della Legge Regionale 31/2002, stabiliti in base a Deliberazione di C.C.
del Comune di Conselice, determinati in Euro 76.314,80 da versare all’atto del ritiro
dell'autorizzazione o in forma rateizzata nelle modalità stabilite nell'allegato C del RUE
dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna;
ii. è altresì dovuta la monetizzazione per la mancata cessione di parcheggio pubblico,
determinata in Euro 33.786,20 (relativi a mq 314,70 di parcheggio) da versare all’atto del
ritiro dell'autorizzazione o in forma rateizzata nelle modalità stabilite nell'allegato C del
RUE dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna;
iii. l’esecuzione delle opere dovrà inoltre avvenire alle condizioni seguenti:
a) inizio lavori entro 1 anno dalla data del rilascio del titolo abilitativo;
b) termine di ultimazione entro 3 anni dalla data del titolo abilitativo;
iv. il committente responsabile dei lavori o il legale rappresentante dell'impresa esecutrice,
prima dell'inizio dei lavori, dovrà presentare al Servizio Edilizia dell'Unione dei Comuni
della Bassa Romagna:
a) dichiarazione di avvenuta verifica di idoneità tecnica allo svolgimento dei lavori;
b) documentazione prefettizia attestante l'insussistenza delle condizioni di mafiosità.
La procedura indicata riguarda le imprese affidatarie ed esecutrici di lavori di importo pari
o superiore a € 70.000,00; per importi inferiori è sufficiente la dichiarazione sostitutiva di
certificazione antimafia con riferimento al permesso di costruire. In tal caso il controllo
dell'autocertificazione può essere posticipato nell'ambito dei controlli a campione previsti
per legge con richiesta della Prefettura;
v. nel corso dei Lavori dovranno applicarsi tutte le norme sulla prevenzione degli infortuni
sul lavoro;
vi. l’inizio lavori di opere a carattere strutturale è subordinato all’ottenimento di
autorizzazione sismica a norma dell’art. 18 della Legge 64/74, presentando istanza ai sensi
dell’art. 11 della L.R. 19/2008; la data effettiva di inizio lavori dovrà essere
preventivamente comunicata, nelle modalità previste dal RUE vigente, mediante invio di
apposito modulo sottoscritto dal titolare del permesso, dalla Ditta esecutrice dei lavori, dal
Direttore dei lavori, delle opere strutturali, degli isolamenti ed impianti termici. A tale
comunicazione deve essere allegato il certificato di regolarità contributiva (DURC) della
Ditta o Ditte esecutrici delle opere, in originale e con data di validità non scaduta. Il
mancato o ritardato invio delle comunicazioni di inizio e fine lavori è punibile con
sanzione pecuniaria a termini di legge e determina una impossibilità ad ottenere
certificazioni attestanti tali date; qualora i lavori non siano ultimati nel termine stabilito il
titolare del permesso dovrà presentare nuova pratica inerente la parte o le opere non
ultimate;
vii. varianti in corso d’opera dovranno essere richieste o presentate ai sensi della normativa
vigente;
viii. ai sensi e per gli effetti delle norme vigenti per la costruzione delle opere in conglomerato
cementizio armato ed a struttura metallica, è fatto obbligo:
45
ix.
x.
xi.
xii.
xiii.
xiv.
xv.
xvi.
xvii.
xviii.
a) al costruttore, di presentare denuncia al Comune prima di iniziare le opere in cemento
armato o a struttura metallica e di conservarne copia vistata in cantiere;
b) al titolare del permesso di presentare al Comune, al termine dei lavori, il certificato di
collaudo delle opere onde ottenere il certificato di conformità edilizia e agibilità;
nell’esecuzione di tutte le opere devono essere scrupolosamente osservate tutte le norme di
sicurezza vigenti ed è tassativamente obbligatoria la continuità della direzione lavori da
parte di un tecnico iscritto al rispettivo albo professionale, nei limiti di competenza; nel
caso di sostituzione dell’impresa costruttrice o del Direttore dei lavori, il titolare del
permesso dovrà darne immediata notizia tramite comunicazione sottoscritta dal rinunciante
e dal nuovo incaricato;
in cantiere deve essere conservata copia del provvedimento autorizzativo e del progetto
approvato, da esibirsi ad ogni richiesta del personale di vigilanza o controllo, e deve essere
esposta una tabella recante gli estremi dell'autorizzazione, l’intestazione del committente,
della ditta esecutrice dei lavori, le generalità del progettista, del direttore dei lavori e di
tutte le figure professionali coinvolte;
nelle manomissioni di suolo pubblico, che devono essere sempre esplicitamente e
regolarmente autorizzate, si dovranno usare speciali cautele onde rimuovere ogni
eventualità di danno agli impianti dei servizi pubblici e, in presenza di tali impianti, si
dovrà immediatamente darne avviso all’Ufficio competente. Il ripristino delle opere ed
infrastrutture pubbliche deve avvenire, a cura e spese del titolare del permesso, entro il
termine fissato per l’ultimazione lavori ed eseguito a perfetta regola d’arte. Per interventi
su immobili esistenti è a carico del titolare del permesso la rimozione e rimessa in pristino
degli impianti Enel, Hera, Telecom e di pubblica illuminazione secondo modalità dettate
dagli uffici competenti;
non è consentito occupare le vie e gli spazi pubblici; occorrendo l’occupazione di tali vie e
spazi, deve essere richiesta l’apposita autorizzazione al Comune; le aree così occupate
devono essere restituite nel pristino stato, a lavoro ultimato o anche prima, qualora i lavori
venissero abbandonati o sospesi per più di un mese;
il luogo dei lavori deve essere chiuso, lungo i lati prospicienti vie e spazi pubblici, con
assito o idonea protezione di aspetto decoroso, di altezza non inferiore a m. 2,50 munito di
rifrangenti; ogni angolo sporgente dovrà essere provvisto di lanterna a vetri rossi che dovrà
restare accesa dall’ora corrispondente al tramonto a quella corrispondente al sorgere del
sole;
prima di dare inizio ai lavori, è necessario presentare, qualora dovuta, la relazione
riguardante l’isolamento termico e il progetto dell’impianto termico, presso il Servizio
Edilizia dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, che ne rilascerà copia vistata da
conservare in cantiere;
i cantieri per la costruzione, completa ristrutturazione e/o demolizione dei fabbricati sono
soggetti all’applicazione della tariffa per la gestione dei rifiuti urbani, il cui pagamento
dovrà essere effettuato, a cura del titolare del permesso, a favore del gestore del servizio;
nel caso di demolizioni devono essere usate tutte le cautele atte ad evitare danni a persone
o cose, scuotimento del terreno o danneggiamento dei fabbricati vicini, ed eccessivo
spandimento delle polveri; la rimozione delle macerie, del materiale derivante da opere di
scavo ed il loro trasporto in impianti autorizzati dovrà avvenire nel pieno rispetto delle
normative vigenti in materia di gestione rifiuti;
per la sicurezza degli impianti dovranno essere rispettate le norme del D.M. 22/01/08 n. 37
e successive modifiche e integrazioni;
la domanda di conformità edilizia e agibilità di quanto edificato dovrà essere presentata al
Servizio Edilizia dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, entro 15 giorni dalla
comunicazione di ultimazione lavori, corredata dalla documentazione necessaria;
46
xix.
il titolare dell'autorizzazione, il direttore dei lavori e l’assuntore dei medesimi, sono
responsabili di ogni inosservanza delle norme di legge, dei regolamenti, delle prescrizioni e
delle modalità esecutive fissate nell'atto autorizzativo;
xx. è fatto obbligo mantenere le destinazioni d’uso indicate nel progetto;
xxi. l’inosservanza del progetto approvato e delle relative varianti, nonché delle modalità
esecutive indicate nella documentazione tecnica allegata alla richiesta di autorizzazione,
comporta l’applicazione delle sanzioni di cui alla vigente legislazione in materia
urbanistica.
4. Le aperture di accesso degli automezzi al capannone industriale dedicato allo stoccaggio e
maturazione dei rifiuti in ingresso devono essere dotate di saliscendi, per il contenimento delle
emissioni diffuse polverulente.
5. Ai fini della compatibilità idraulica, prima della messa in esercizio dell'impianto, dovrà essere
realizzato alla distanza minima di 10 m dal piede d'argine del canale di scolo consorziale
Zaniolo, di quota pari o superiore alla sommità arginale del canale stesso, un pozzetto di
recapito finale di tutti gli scarichi idrici derivanti dal nuovo impianto OdA (denominati S1, S2,
S3), collegato all'esistente manufatto a canale mediante una condotta di scarico a gravità tarata
per una portata massima di 800 m3/h, pari a 220 l/s. L'attuazione di tale prescrizione comporta
variante al progetto definitivo approvato che dovrà essere preventivamente comunicata,
fornendo il tipo esecutivo previsto del nuovo manufatto di scarico a canale, e valutata ai sensi
dell'art. 208, comma 19 del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. anche ai fini dell'ottenimento del
necessario titolo abilitativo edilizio.
6. Occorrerà limitare al massimo l’ingresso di acque meteoriche nei vassoi assorbenti del sistema
di fitodepurazione a ricircolo totale previsto per le acque reflue domestiche (servizi igienici)
provenienti dall’impianto; si dovrà quindi avere particolare riguardo alle pendenze del terreno
circostante oppure prevedere dei piccoli argini perimetrali.
7. Nel caso di lavori di ristrutturazione e/o realizzazione dei servizi igienici occorrerà prevedere il
recapito delle acque saponate (lavandini, docce) in pozzetti degrassatori prima del trattamento in
fossa Imhoff.
8. Prima della messa in esercizio dell'impianto dovranno essere fornite, al Servizio Territoriale
ARPA di Ravenna - Unità IPPC-VIA, le indicazioni puntuali relative a marca, modello, capacità
e numero di sistemi installati, definite in fase di progettazione esecutiva, per tutti i sistemi di
triturazione, vagliatura (vaglio a pettine, vaglio stellare, ecc.), mulini, e nastri trasportatori.
9. Prima della messa in esercizio dell'impianto, dovrà essere fornita, al Servizio Territoriale ARPA
di Ravenna - Unità IPPC-VIA, una planimetria in scala adeguata con evidenza della rete
fognaria dedicata alla raccolta dei percolati eventualmente generati dai cumuli delle scorie in
maturazione.
10. Prima della messa in esercizio dell'impianto, il Manuale di Gestione Operativa dell'impianto
attualmente disponibile nella Rev. 02 del 12/02/2012 deve essere aggiornato con riferimento a
quanto stabilito nel provvedimento di AIA e presentato alla Provincia di Ravenna e al Servizio
Territoriale ARPA di Ravenna - Unità IPPC-VIA.
11. Il Manuale di Gestione Operativa dell’impianto dovrà essere sviluppato nel dettaglio
nell’ambito dell’implementazione del Sistema di Gestione Ambientale (SGA) conforme alla
norma UNI EN ISO 14001 che il gestore è tenuto ad adottare entro 1 anno dalla messa a regime
dell’impianto.
12. Dovranno essere attivate tutte le azioni necessarie per la Registrazione EMAS, percorso che il
gestore dichiara di voler intraprendere al fine di perseguire un continuo miglioramento delle
prestazioni ambientali dell’impianto. A tal proposito, entro 1 anno dall’ottenimento della
certificazione UNI EN ISO 14001, dovrà essere fornito riscontro circa lo stato di avanzamento
delle attività e dei tempi previsti per il loro completamento.
13. L’impianto deve essere esercito nel rispetto di quanto indicato nel provvedimento di AIA in
relazione alle MTD applicabili e secondo tutte le procedure di carattere gestionale inserite nel
47
Sistema di Gestione Ambientale (SGA) che il gestore è tenuto ad implementare e adottare
secondo quanto stabilito nell’AIA stessa. In particolare, l'impianto deve essere gestito secondo
le modalità e procedure indicate nel Manuale Operativo di Gestione dell'impianto predisposto
dal gestore che viene integralmente assunto come riferimento vincolante.
14. Con riferimento al Manuale Operativo di Gestione dell’impianto e al Sistema di Gestione
Ambientale (SGA) da implementare e adottare, tutte le emergenze devono essere gestite
secondo le procedure individuate, compresa la preparazione del personale. In particolare, per
l’impianto deve essere definito e adottato un Piano di Emergenza Interno in cui sono individuati
e analizzati i principali eventi accidentali da gestire (sversamenti, allagamenti, incendi,
anomalie, ecc.) e sono indicate le relative modalità di intervento, comprese le misure di
prevenzione.
15. All’atto della cessazione dell’attività, il sito su cui sorgerà l’impianto OdA dovrà essere
ripristinato ai sensi della normativa vigente in materia di bonifiche e ripristino ambientale,
tenendo conto delle potenziali fonti permanenti o accidentali di inquinamento del suolo e del
sottosuolo. In ogni caso il gestore dovrà provvedere a:
- lasciare il sito in sicurezza;
- bonificare impianti, vasche, serbatoi, contenitori, reti di raccolta acque reflue, pipeline, ecc.
provvedendo ad un corretto recupero ovvero smaltimento del contenuto;
- rimuovere tutti i rifiuti provvedendo ad un corretto recupero ovvero smaltimento degli
stessi.
48
3.
QUADRO DI RIFERIMENTO AMBIENTALE
3.A. SINTESI DEL SIA
Questa sintesi è effettuata sulla base delle informazioni contenute nel SIA, nel progetto definitivo e
nelle successive integrazioni inviate dal proponente.
3.A.1. ATMOSFERA
3.A.1.1 Inquadramento Meteo-Climatico
L’area di interesse fa riferimento alla zona della pianura ravennate. Il versante dell’alto Adriatico
dispone di una certa individualità climatica dovuta alla presenza del mare e dell’altitudine, quasi
ovunque limitata a pochi metri sul livello del mare. Le diverse condizioni dell’entroterra influiscono
nel determinare sensibili diversità nelle caratteristiche climatiche fondamentali, ma il clima è
essenzialmente caratterizzato dalla presenza del mare i cui venti umidi e le correnti di brezza
riescono a penetrare abbastanza in profondità nell’entroterra. Un’influenza significativa sulle
caratteristiche meteoclimatiche del territorio è esercitata dai venti dominanti. In particolare può
venire interessato da perturbazioni per effetto di venti di bora provenienti da Est o da Nord-Est
durante la stagione invernale, o per l’afflusso di aria calda umida generatosi nella depressione del
centro Atlantico. Condizioni di tempo sereno sono invece generalmente associate all’estensione
dell’anticiclone delle Azzorre, che apporta aria fresca o temperata durante il periodo estivo.
Per una caratterizzazione meteoclimatica di dettaglio dell’area di intervento, si è fatto riferimento ad
un set di dati meteorologici forniti dal Servizio Meteorologico Regionale in relazione ad un punto
prossimo al sito per l’anno 2008 e 2009 (Calmet – SMR 2008 e 2009) e agli annali idrologici per le
precipitazioni.
Temperature: in entrambi gli anni esamninati i mesi più caldi sono risultati luglio e agosto con
temperature medie mensili prossime ai 25°C. Considerando i mesi più freddi, le temperature medie
mensili minori si registrano nei mesi invernali (dic – gen e feb) e si attestano sotto i 5°C.
Precipitazioni: i dati rilevati nel 2008 dalla stazione termopluviometrica di Sant’Agata sul Santerno
mettono in evidenza precipitazioni annue per un totale di 549,6 mm; il mese più piovoso è stato
novembre con quasi 100 mm di pioggia;
Direzione e intensità del vento: L’area di studio è caratterizzata dalla presenza di venti con
direzione prevalente dai quadranti W, WWN e WWS; il regime anemologico è caratterizzato dalla
presenza di venti leggeri con velocità per lo più inferiori ai 5 m/sec e prevalentemente comprese tra
1 e 3 m/s.
3.A.1.2 Qualità dell’aria
Ai fini della caratterizzazione della componente atmosferica a livello di area locale il SIA fa
riferimento al report 2010 riguardante la “Rete di controllo della qualità dell’aria – Provincia di
Ravenna”, a cura di Arpa – Sezione di Ravenna. La centralina maggiormente rappresentativa per la
caratterizzazione della qualità dell’aria per l’area in esame è la centralina di tipo “fondo rurale”
denominata Ballirana e localizzata nel Comune di Alfonsine e distante circa 12 km dall’impianto.
Gli inquinanti monitorati sono il PM2.5, gli NOx e l’Ozono in relazione ai quali non si registrano
superamente dei limiti previsti dalla noramtiva vigente.
Analizzando i dati forniti dal sistema modellistico previsionale della qualità dell’aria di ARPA , che
fornisce delle mappe di distribuzione degli inquinanti su tutto il territorio regionale, è possibile
estrarre i seguenti valori relativi all’anno 2010: Conc. media anno NO2 < 20 ug/mc; n. sup. conc.
max giornaliera NO2 < 18; Conc. media anno PM10 < 25-30 ug/mc; n. sup. conc. max giornaliera
PM10 < 20-35.
49
3.A.1.3 Interferenza delle opere sulla componente atmosfera
3.A.1.3.1Emissioni in atmosfera in fase di cantiere
Durante la fase di cantiere per la realizzazione delle opere in progetto, i potenziali impatti sul
comparto atmosferico sono principalmente circoscritti alle emissioni di tipo polverulento,
riconducibili alle seguenti attività:
- scavi di fondazione finalizzati alla realizzazione delle opere civili;
- transito dei mezzi operativi utilizzati per l’approvvigionamento delle materie prime e delle
apparecchiature elettromeccaniche.
Le operazioni di scavo sono attività a carattere temporaneo, nel caso specifico, di breve durata
temporale e di entità non significativa. Il traffico veicolare indotto relativamente alla fase di
cantiere, che peraltro insiste solo su strade asfaltate sia internamente che esternamente al sito, è
principalmente limitato all’approvvigionamento delle materie prime e delle apparecchiature
elettromeccaniche e, considerata la tipologia di interventi da realizzare, si può ritenere non
significativo in relazione agli impatti sulla componente atmosfera.
3.A.1.3.2 Emissioni in atmosfera in fase di esercizio
Le sorgenti di emissioni convogliate in atmosfera riconducibili alle attività svolte nell’impianto in
oggetto sono di seguito elencate:
- E1 – emissioni convogliate da sistema di depolverazione;
- E2 – emissioni convogliate da sistema di depolverazione;
- E3 – emissioni convogliate da Caldaia a metano per riscaldamento uffici/locali.
Le sorgenti di emissioni diffuse in atmosfera riconducibili alle attività svolte nell’impianto in
oggetto sono di seguito elencate:
- ED1 – emissione diffusa da traffico veicolare;
- ED2 – emissione diffusa da maturazione/movimentazione/avvio alla lavorazione scorie in
ingresso;
- ED3 – emissione diffusa da stoccaggio/movimentazione matrix®;
- ED4 – emissione diffusa da stoccaggio/movimentazione rifiuti prodotti;
- ED5 – emissione diffusa da impianto depurazione acque reflue domestiche (vassoi assorbenti);
- ED6 - emissione diffusa da Impianto di trattamento chimico fisico (sfiati serbatoi stoccaggio
reagenti, trattamento chimico-fisico, disidratazione fanghi);
- ED7 – sfiato serbatoio di stoccaggio gasolio;
- ED8 – emissione diffusa da stoccaggio acque di percolazione.
Ai fini della valutazione degli impatti in atmosfera generati dalla realizzazione dell’impianto in
oggetto il proponente ha preso in considerazione le sorgenti di emissioni di seguito specificate:
- emissione di polveri (PM10 – PM2.5) riconducibili alle attività di trattamento rifiuti che saranno
effettuate all’interno dello stabilimento (emissioni dovute al passaggio di mezzi pesanti nelle
operazioni di trasporto interne all’impianto – ED1 - e ai sistemi di depolverazione previsti a
servizio delle linee produttive – E1, E2);
- emissioni di gas di scarico (PM10, PM 2.5 e NOx) riconducibili ai veicoli pesanti utilizzati per
il conferimento/allontanamento delle materie prime/rifiuti - ED1;
rienendo trascurabili, in ragione delle misure di mitigazione adottate, le altre sorgenti emissive
sopra elencate (E3, ED2, ED3, ED4, ED5, ED6, ED7).
Emissione di polveri (PM10 – PM2.5) riconducibili alle attività di trattamento rifiuti che saranno
effettuate all’interno dello stabilimento
La valutazione è stata effettuata considerando i seguenti scenari emissivi:
- Scenario post operam – condizioni attese, in cui si sono assunti valori di concentrazione di
polveri nelle emissioni convogliate puntuali pari a quelli misurati nell’analogo impianto di
Lomello gestito da Officina dell’Ambiente;
50
-
Scenario post operam – Worst Case, in cui si sono assunti valori di concentrazione di polveri
nelle emissioni convogliate puntuali pari ai valori massimi previsti dall’applicazione delle
migliori tecnologie disponibili.
La metodologia di valutazione utilizzata si articola nelle seguenti fasi:
- Individuazione e caratterizzazione delle sorgenti;
- Caratterizzazione meteoclimatica e meteodiffusiva dell’area di studio;
- Localizzazione dei recettori sensibili;
- Applicazione del modello matematico di diffusione;
- Valutazione dei risultati ottenuti rispetto ai criteri di qualità previsti dalla normativa e standard
vigenti.
In relazione alle misure di mitigazione adottate le sorgenti di emissioni considerate nella
simulazione effettuata sono:
- Emissioni convogliate da sistemi di depolverazione a sevizio delle linee di lavorazione (E1 –
E2);
- Emissioni lineari diffuse da transito mezzi su viabilità e piazzali di servizio interni allo
stabilimento (ED1).
Gli inquinanti presi in considerazione nella valutazione sono PM10 e PM 2.5.
Per la stima dei fattori di emissione relativi ai punti di emissioni convogliate si è fatto riferimento
alla caratteristiche geometriche emissive definite nel progetto e come precedentemente esposto ai
dati disponibili relativi a sistemi simili in esercizio presso il gemello impianto di Lomello. In
relazione al transito dei mezzi pesanti su strada asfaltata, il metodo di riferimento per la stima dei
fattori di emissione è rappresentato dal Metodo AP 42, pubblicato dalla U.S. Environmental
Protection Agency (EPA).
Si riportano di seguito le tabelle riassuntiva in cui sono indicati, i fattori emissivi di PM10 e PM2.5
stimati applicando la metodologia AP42 (per le emissioni lineari da traffico veicolare) ed
utilizzando i dati di progetto (per le emissioni convogliate):
Fase
Emissioni Diffuse
Emissioni
convogliate
Contributo ED1
Totale
Contributo E1
Contributo E2
Totale
Descrizione
Passaggio mezzi su strada asfaltata
Filtro a maniche area pretrattamenti
Filtro a maniche area lavorazione
Totale Emissioni
Fase
Emissioni Diffuse
Emissioni
convogliate
Totale Emissioni
Contributo ED1
Totale
Contributo E1
Contributo E2
Totale
Descrizione
Passaggio mezzi su strada asfaltata
Filtro a maniche area pretrattamenti
Filtro a maniche area lavorazione
Emissioni di PM10 (g/h)
WORSE
SCENARIO
CASE
REALE
197
197
197
197
450
38
600
50
1050
88
1247
285
Emissioni di PM2.5 (g/h)
WORSE
SCENARIO
CASE
REALE
48
48
48
48
75
6
100
8
175
15
223
62
Le caratteristiche meteoclimatiche e meteodiffusive dell'area utilizzate per lo studio modellistico di
dispersione si riferiscono agli anni meteo 2008/2009. I dati sono stati prodotti dal modello
meteorologico CALMET e forniti dal Servizio Meteorologico Regionale (SMR – Emilia Romagna)
per il periodo 01/01/2008 – 31/12/2009.
Ai fini della valutazione della dispersione degli inquinanti in atmosfera è stata considerata un’area
di studio di forma quadrata di 2 Km per 2 Km, in modo tale che l’impianto risulti localizzato
indicativamente al centro della stessa. I recettori, in corrispondenza dei quali sono state calcolate le
51
concentrazioni degli inquinanti al suolo, sono stati collocati in corrispondenza di un insieme di 441
punti appartenenti ad una griglia regolare caratterizzata da una maglia con passo di 100 m. Alla
griglia di calcolo regolare, sono stati aggiunti tre recettori discreti, che rappresentano i recettori
sensibili più vicini all’impianto oggetto di studio (REC1, REC2 e REC 3).
Nelle tabelle seguenti si riassumono i risultati delle simulazioni eseguite presso i recettori più vicini
all’impianto oggetto di studio.
PM 10 Condizioni attese
2008
2009
Recettore
Valore limite
REC1
REC2
REC3
PM 10 Worst Case
2008
2009
90,4°perc.
24 h (µg/m3)
Media annua
(µg/m3)
90,4°perc.
24 h (µg/m3)
Media annua
(µg/m3)
90,4°perc.
24 h (µg/m3)
Media annua
(µg/m3)
90,4°perc.
24 h (µg/m3)
Media
annua
(µg/m3)
50
0.288
0.158
1.777
40
0.124
0.049
0.687
50
0.291
0.135
1.989
40
0.129
0.038
0.734
50
1.123
0.699
3.751
40
0.504
0.221
1.326
50
1.239
0.527
3.747
40
0.548
0.163
1.321
Recettore
Valore limite
REC1
REC2
REC3
PM 2.5 Condizioni attese
2008
2009
Media annua (µg/m3) Media annua (µg/m3)
25
0.027
0.011
0.162
25
0.028
0.008
0.174
PM 2.5 Worst Case
2008
2009
Media annua (µg/m3) Media annua (µg/m3)
25
0.091
0.039
0.268
25
0.098
0.029
0.271
Dall’analisi dei risultati riportati nelle tabelle soprastanti si nota come i valori delle concentrazione
di PM10 stimati ai recettori nello scenario – “condizioni attese”, che maggiormente rappresenta la
situazione futura, sono significativamente inferiori ai valori rilevati nello scenario peggiore (worst
case) e comunque in entrambi i casi inferiori di almeno un ordine di grandezza rispetto ai limiti di
legge fissati dal Decreto Legislativo 13 agosto 2010, n. 155.
In particolare nello scenario relativo alle condizione attese si registrano valori di concentrazioni
giornaliere massime di PM10 ai ricettori comprese tra lo 0,3 e il 4% del limite di legge di 50 ug/m3,
mentre in riferimento alle concentrazioni medie annuali i valori stimati sono ricompresi tra lo 0,1 e
l’ 1,8% del limite di legge di 40 ug/m3.
Analoga situazione si registra anche in relazione alle emissioni di PM2.5, che determinano
concentrazione stimate ai recettori, in entrambi gli scenari simulati, inferiori di circa due ordini di
grandezza rispetto ai limiti di legge nazionali fissati dal sopracitato decreto.
Si rileva, infine, che i valori di concentrazioni maggiori sono stati stimati in corrispondenza del
ricettore n. 3, situato a ridosso del piazzale di ingresso allo stabilimento. Presso tale ricettore,
attualmente disabitato, i valori stimati sono di circa un ordine di grandezza superiori rispetto i valori
stimati in corrispondenza dei ricettori 1 e 2 posti sulla SS Selice.
Alla luce delle valutazione effettuate, dell’approccio conservativo adottato in fase di stima, delle
misure di mitigazione delle emissioni polverulente precedentemente descritte, il proponente ritiene
che l’impatto sulla componente atmosfera riconducibile elle emissioni polverulente relative
all’impianto in oggetto sia non significativo.
Emissioni di gas di scarico (PM10, PM 2.5 e NOx) riconducibili ai veicoli pesanti utilizzati per il
conferimento/allontanamento delle materie prime/rifiuti.
L’impianto è situato a nord dell’abitato di Conselice, lungo la via Selice (SS610), in direzione
Lavezzola. Nella valutazione dell’impatto sulla componente atmosfera riconducibile al traffico si è
provveduto all’analisi dei flussi di traffico sulla Via Selice e su Via Gradizza. A tal fine si è fatto
riferimento ai seguenti rilievi del flusso di traffico orario eseguiti dalla Regione Emilia Romagna
(postazione n. 445 sulla via Selice in prossimità dell’abitato di San Patrizio) – di seguito “Rilievi
52
RER 445” e da Officina dell’Ambiente in corrispondenza dell’ingresso impianto – di seguito
“Rilievi ODA”.
La procedura seguita per valutare gli impatti sulla qualità dell’aria è così riassumibile:
- Quantificazione delle emissioni di inquinanti atmosferici nei due scenari considerati;
- Acquisizione ed elaborazione dei dati meteo diffusivi;
- Simulazione modellistica della ricaduta degli inquinanti presso i recettori sensibili;
- Verifica dei risultati del modello con i limiti normativi e confronto tra i due scenari emissivi.
In relazione ai dati di flusso di traffico disponibili, la simulazione di dispersione degli inquinanti in
atmosfera è stata effettuata, mediante il modello di simulazione Calpuff, su quattro scenari emissivi
diversi, basati su due diverse tipologie diverse di rilievi:
- Scenario Ante Operam: simulazione modellistica dello stato di fatto, basata “Rilievi RER 445”
(scenario S1A) e sui “Rilievi ODA” (scenario S2A);
- Scenario Post Operam: simulazione modellistica dello stato post operam a seguito della messa
inn esercizio dell’impianto in oggetto, basata “Rilievi RER 445” (scenario S1B) e sui “Rilievi
ODA” (scenario S2B);
Per tutti gli scenari gli inquinanti considerati sono i seguenti inquinanti: PM10, PM2.5 e NO2.
Ai fine di quantificare i flussi di emissione medi per i veicoli leggeri e pesanti sulla via Selice, si è
fatto riferimento alla composizione del parco veicolare relativo alla Provincia di Ravenna cosi come
riportato dalle statistiche ACI per l’anno 2009 e ai fattori di emissione presenti nel Database
Sinanet. In riferimento al traffico veicolare indotto dall’attività dell’impianto in oggetto, si sono
stimati i seguenti flussi medi orari:
Calcolo numero passaggi mezzi/ora (valore medio)
Veicoli conferimento
Veicoli allontanamento
Tratto stradale interessato
scorie
prodotti/rifiuti
Ingresso
Uscita
Ingresso
Uscita
Passaggi su percorso
0,5
0,3 (*)
0,4 (**)
0,6
Nord Italia – stabilimento ODA
Passaggi su percorso
3,0
1,5 (*)
1,0 (**)
2,5
Imola – stabilimento ODA
TOT
1,8
8,0
(*) Per effetto delle misure di ottimizzazione adottate (riutilizzo dei veicoli di conferimento scorie per allontamento
matrix®) i veicoli dedicati al conferimento delle scorie in uscita dallo stabilimento sono pari al 50% di quelli in
ingresso
(**) Complessivamente saranno riutilizzati per l’allontanamento del Matrix® 14 mezzi dedicati al conferimento scorie
che pertanto non vengono conteggiati trai veicoli in ingresso dedicati all’allontanamento dei prodotti/rifiuti
Ai fini della valutazione della dispersione degli inquinanti in atmosfera è stata considerata un’area
di studio di forma rettangolare di 5 Km per 7 Km, in modo tale che l’impianto risulti localizzato
indicativamente al centro della stessa. I recettori, in corrispondenza dei quali sono state calcolate le
concentrazioni degli inquinanti al suolo, sono stati collocati in corrispondenza di un insieme di
punti appartenenti ad una griglia regolare nell’area studio, caratterizzata da una maglia con passo di
300 m. Alla griglia di calcolo regolare, sono stati aggiunti gli stessi recettori discreti che
rappresentano i recettori sensibili più vicini all’impianto oggetto di studio (REC1, REC2 e REC 3).
I risultati ottenuti evidenziano che le emissioni in atmosfera dovute al traffico di mezzi pesanti
indotto dall’esercizio dell’impianto, sono tali da permettere il rispetto dei limiti di legge nazionali
fissati dal D. Lgs. 15 agosto 2010, n.155.
Le simulazioni previsionali hanno evidenziato come nello scenario Post Operam non si
verificheranno aumenti significativi delle concentrazioni massime; inoltre già a pochi metri dalla
fonte emissiva le concentrazioni al suolo si riducono in maniera significativa.
Le variazioni della concentrazioni medie annuali, conseguenti alla messa in esercizio dell’impianto,
di PM10 e NOx per i recettori 1 e 3 ( ricettori maggiormente influenzati dal traffico veicolare
53
indotto) sono sempre inferiori al 5% in tutti gli scenari. Il recettore 2 presenta invece una variazione
percentuale di concentrazione media annua sempre inferiore all’1% in entrambi gli scenari.
Le variazioni della concentrazioni orarie, conseguenti alla messa in esercizio dell’impianto, di NOx
(99.8° percentile) per i ricettori 1e 3 sono comprese nell’intervallo 3 - 8% in tutti gli scenari. Il
recettore 2 presenta invece una variazione percentuale di concentrazione media orarie di NOx
(99.8° percentile) sempre inferiore all’1%.
Le variazioni della concentrazioni giornaliera, conseguenti alla messa in esercizio dell’impianto, di
PM10 (90.4° percentile) per i ricettori 1 e 3 sono sempre inferiori al 3% e per il recettore 2 sempre
inferiori all’1% in entrambi gli scenari.
In relazione al PM 2.5, ipotizzando che tutto il PM10 emesso sia costituito da PM2.5 (ipotesi
altamente conservativa in quanto i flussi di massa di PM2.5 relativi al traffico pesante indotto sono
di circa un ordine di grandezza inferiori rispetto a quelli stimati per il PM10) si avrebbero
concentrazioni in atmosfera attesa ai ricettori considerati e in entrambi gli scenari valutati inferiori
di oltre un ordine di grandezza rispetto il limite imposto dalla noramtiva vigente (media annua pari
a 25 ug/mc).
Complessivamente, le analisi condotte ai fini di stimare l’impatto sulla componente atmosfera
evidenziano come il traffico di mezzi pesanti correlato all’attività dell’impianto in esame non
determini impatti significativi sulla qualità dell’aria.
Infine nelle integrazioni volontarie acquisite al PG.2013.140408 del 10/6/2013 si dichiara che le
differenze di portata di servizio della SS610 via Selice tra l’ante e il post operam, calcolate
sendondo le modalità riportate nell’Highway Capacity Manual, sono dell’ordine di 4-5 veicoli/h. I
flussi veicolari incrementati a seguito dell’attività dell’insediamneto OdA, considerando un valore
massimo pari a 447 vecioli/h su entrambre le direzioni, non superano in nessun caso il limitie del
livello di servizio previsto per le strade extraurbane secondarie di tipo “C” ai sensi del DM
6792/2001, pari a 476 veicoli/h.
3.A.2. RISORSA IDRICA
3.A.2.1 Idrologia superficiale
Ai fini dell’inquadramento dello stato delle acque superificali si è riferimento a quanto riportato
nella “Relazione di sintesi della qualità delle acque superficiali della provincia di Ravenna – anno
2008”, redatto a cura di ARPA, Sezione provinciale di Ravenna. La zona di intervento si trova
all’interno del bacino del fiume Santerno, in particolare lungo il corso dello scolo Zaniolo. La
stazione di monitoraggio delle acque superificiali più vicina al sito di intervento è “La Frascata” sul
Canale DX Reno di tipo B. Lo stato di qualità in tale stazione risulta negli ultimi anni
complessivamente di classe 4 “Qualità scadente”; si riscontra, in tutte le campagne eccetto l’anno
2007, un valore di L.I.M. di classe 4 “Qualità scadente”, mentre il valore di I.B.E. non è mai
determinato.
3.A.2.2 Interferenza delle opere sulla risorsa idrica
Scarichi idrici prodotti dall’impianto
Nell’impianto in oggetto le attività di ricezione, miscelazione e maturazione dei rifiuti in ingresso,
di trattamento dei rifiuti (linee di lavorazione), di stoccaggio dei rifiuti e del matrix ® prodotto e più
in generale le attività da cui potenzialmente si possono originare acque contaminate (di seguito
“aree di processo”), sono effettuate in edifici coperti e tamponati su tutti i lati, dotati di rete fognaria
in grado di intercettare eventuali acque reflue, che si prevede di avviare a smaltimento tramite
autobotte presso impianti esterni autorizzati, previo stoccaggio in corpo tecnico dedicato.
Nelle aree esterne (piazzali e viabilità di servizio) dedicate al transito dei veicoli pesanti, non
essendo effettuate attività di trattamento, stoccaggio rifiuti e prodotti, le acque meteoriche di
dilavamento saranno invece gestite conformemente a quanto previsto dalla DGR 1860/2006 che
prevede la separazione delle acque meteoriche di prima e seconda pioggia. A tal proposito si
54
precisa inoltre che fine di evitare lo sporcamento della viabilità, conseguente al transito dei veicoli
pesanti provenienti dalle aree di processo, sono previste specifiche soluzioni progettuali e gestionali
che di seguito si richiamano:
- tutti i mezzi in uscita dall’area adibita a deposito scorie e maturazione transiteranno in un
sistema di lavaggio ruote;
- in caso di sporcamento dei piazzali e della viabilità interna allo stabilimento si procederà con
operazioni di periodica pulizia.
Alla luce delle considerazioni di cui sopra è possibile affermare che sussistono le condizioni per
assumere che il dilavamento della viabilità e dei piazzali di servizio sia esaurito nell’ambito della
gestione delle acque di prima pioggia e che conseguentemente sussistono le necessarie garanzie
circa la conformità qualitativa delle acque di seconda pioggia in relazione al loro recapito in corpo
idrico superficiale.
Per quanto sopra gli scarichi idrici in acque superficiali (Scolo Zaniolo) riconducibili alla gestione
dell’impianto in oggetto sono di seguito descritti:
- Scarico delle acque meteoriche provenienti dalle coperture (scarico S1): tali acque, che possono
ritenersi non contaminate, saranno captate da una rete di collettori e convogliate verso una
stazione di rilancio che consentirà lo scarico delle stesse direttamente nello scolo consortile
Zaniolo;
- Scarico delle acque trattate dall’impianto chimico-fisico (scarico S2): le acque meteoriche di
prima pioggia (primi 5 mm) originate dal dilavamento di strade e piazzali interne allo
stabilimento sono captate dalla rete fognaria e sottoposte a trattamento chimico-fisico prima di
essere avviate allo scolo Zaniolo;
- Scarico delle acque meteoriche di seconda pioggia (scarico S3): le acque meteoriche di seconda
pioggia (oltre 5 mm) originate dal dilavamento di strade e piazzali interne allo stabilimento, che
possono ritenersi non contaminate, sono captate dalla rete fognaria e avviate allo scolo Zaniolo.
L’impianto di trattamento acque in progetto sarà pertanto funzionale esclusivamente al trattamento
delle acque meteoriche di prima pioggia provenienti da strade e piazzali accumulate nel bacino di
stoccaggio esistente, con la possibilità di trattare comunque un aliquota delle acque di seconda
pioggia in caso di particolari situazioni gestionali (esempio: manutenzione sezione di lavaggio
ruote, sporcamento accidentale della viabilità di servizio, prossimità al limite idraulico di portata
scaricabile, etc.). L’impianto chimico fisico è stato dimensionato per il trattamento di un portata di
circa 7,5 mc/h e risulta potenzialmente in grado di trattare le acque di prima pioggia in circa 16 ore,
garantendo un effluente finale pienamente conforme ai limiti previsti per lo scarico in corpo idrico
superficiale - Tabella 3 dell’Allegato 5 alla Parte Terza del D. Lgs. 152/06 e s.m.i..
In merito alle acque meteoriche di dilavamento delle coperture, si ritiene che, a fronte delle misure
di contenimento delle emissioni polverulente adottate, la deposizione di particolato sulle coperture
degli edifici sia non significativa e comunque non in grado di compromettere la qualità delle acque
meteoriche di dilavamento, che possono pertanto ritenersi pienamente conformi ai valori limite per
lo scarico in acque superficiali imposti dalla normativa vigente.
Alla luce delle valutazioni effettuate, delle scelte progettuali e delle misure di mitigazione adottate,
nonché delle modalità di gestione previste dal manuale di gestione operativa dell’impianto, tenuto
conto delle attività di sorveglianza e controllo relativamente agli scarichi idrici individuati, descritte
nel dettaglio nel piano di monitoraggio dell’impianto, il proponente ritiene non significativi gli
impatti sulla componente idrica superficiale connessi alla gestione dell’impianto in oggetto.
Le acque nere provenienti dall’edificio servizi (docce, servizi igienico - sanitari) confluiranno
mediante tubazioni in PVC presso il nuovo impianto di trattamento, costituito da fossa biologica
imhoff ed impianto del tipo a vassoi assorbenti a ricircolo totale, dimensionato per n°10 abitanti
equivalenti.
55
3.A.3. SUOLO E SOTTOSUOLO
3.A.3.1. Inquadramento geomorfologico
Dall’esame delle prove eseguite nell’area è possibile suddividere il substrato nelle seguenti unità
litostratigrafiche principali:
- dal p.c. m a 3÷5 m dal p.c., sono presenti terreni argilloso limosi a consistenza plastica e molleplastica con alcuni livelletti, raramente oltre 5÷10 cm, limoso-argillosi localmente a scheletro
sabbioso. Nella parte iniziale è presente terreno agrario di alterazione superficiale. Tale unità
risulta caratteristica di depositi di canale. Questi terreni sono caratterizzati da una permeabilità
K=10-10 m/s;
- da 3÷5 m dal p.c. a 8÷9 m dal p.c., si riconoscono terreni argillosi con presenza di sostanza
organica a consistenza molle plastica. Questi terreni sono riconducibili a depositi palustri.
Questi terreni sono caratterizzati da una permeabilità K=10-10 m/s;
- da 8÷9 m a circa 12 m dal p.c., sono presenti terreni argilloso limosi a consistenza molleplastica con livelletti limoso-argillosi. Anche in questo caso sono stati rinvenuti livelli di torba.
Sono tipici di depositi di canale. Questi terreni sono caratterizzati da una permeabilità K=10-11
m/s;
- da circa 12 m a circa 16 m dal p.c., si riconoscono terreni argillosi, mediamente consistenti.
Questi terreni sono caratterizzati da una permeabilità K=10-9÷10-10 m/s;
- da 16 a circa 23 m dal p.c. sono presenti terreni argillosi con lenti di sabbia. Questi terreni sono
caratterizzati da una permeabilità K=10-9 m/s;
- da 23 m a 38 m dal p.c. i sedimenti sono di natura argilloso-limosa. Questi terreni sono
caratterizzati da una permeabilità K=10-9 m/s.
3.A.3.2 Interferenza delle opere sulla componente suolo e sottosuolo
In linea generale, la realizzazione di un impianto e la successiva fase di gestione dello stesso
modificano le caratteristiche del suolo e sottosuolo su cui va a insistere e il potenziale impatto che
ne consegue può essere riconducibile ai seguenti aspetti: occupazione di suolo; modifica della
qualità del suolo e del sottosuolo; modifica della stabilità dei versanti.
In termini di occupazione del suolo, è importante rilevare che l’impianto in oggetto va a collocarsi
in un’area adibita già dal 1975 ad attività industriali, adottando soluzioni progettuali che consentano
il recupero delle infrastrutture di servizio ad oggi già esistenti sul sito (palazzina uffici, palazzina
laboratori, viabilità, piazzali, reti fognarie, ecc…) senza comportare quindi il “consumo” di ulteriore
superficie territoriale.
Per quanto riguarda il potenziale impatto dell’opera sulla qualità del suolo e del sottosuolo, si ritiene
che il sistema di pavimentazione esistente, la rete fognaria di intercettazione delle acque reflue e le
modalità di gestione delle stesse, precedentemente descritte, garantiscano la completa protezione
del suolo e delle acque sotterranee, anche nella nuova configurazione impiantistica.
Infine, per ciò che riguarda la potenziale modifica della stabilità dei versanti, si precisa che
l’intervento va a collocarsi in un’area di pianura, non caratterizzata dalla presenza di versanti a
bassa stabilità e conseguentemente si esclude qualsiasi tipo impatto in relazione a tale aspetto.
Le considerazioni di cui sopra permettono nel complesso di ritenere l’impatto sulla componente
suolo e sottosuolo non significativo.
3.A.4. VEGETAZIONE, FAUNA ED ECOSISTEMI
3.A.4.1 Caratteristiche della flora, della fauna e degli ecosistemi
Nella fascia planiziale interna, in cui si colloca l’impianto in oggetto, la vegetazione naturale
sarebbe costituita da boschi mesoigrofili a Quercus robur e Populus alba e da boschi igrofili a
Fraxinus oxycarpa e Ulmus minor, ma è stata ovunque modificata e sostituita da coltivazioni
intensive. Il paesaggio agrario della pianura si presenta abbastanza nettamente diviso in una zona di
bassa pianura, con terreni a più bassa giacitura e di bonifica più recente, che presenta vaste
estensioni a seminativo (grano, granoturco, orzo, sorgo, girasole, barbabietola, erba medica) e in
56
una zona di media e alta pianura, costituita da terre di vecchio impianto e caratterizzata da
campagne coltivate a frutteto (pesco, pero, melo, prugno, albicocco, kiwi) e vite.
Ambienti con caratteristiche ancora naturali e semi naturali sono rappresentati dai tratti dei fiumi
che ancora presentano la naturale vegetazione ripariale (boschi a Populus alba, Salix alba, Alnus
glutinosa, Fragmiteti) o che, pur essendo sottoposti a sfalci regolari, presentano aree prative non
utilizzate per l’agricoltura (Brometi).
Ecosistemi lineari come i precedenti sono anche le siepi, ormai rimaste in pochissime situazioni, ma
ancora diffuse soprattutto lungo le ferrovie; tali boschi in miniatura sono per lo più dominati da
Prunus spinosa, Crataegus monogyna, Cornus sanguinea, Sambucus nigra.
Elementi puntiformi che presentano aspetti vegetazionali naturali o seminaturali si trovano anche
nelle piccole zone umide costituite da vasche di zuccherifici, bacini di cave dismesse, riallagamenti
sottoposti a premio comunitario, chiari da caccia, oppure nei poderi abbandonati.
Infine, la restante vegetazione con caratteristiche parzialmente naturali è rappresentata da comunità
ruderali e dalla vegetazione infestante le colture agricole, che si ritrova anche ai margini delle
coltivazioni e lungo fossi e carraie.
In generale la fauna presente in area locale, fatta eccezione per i siti SIC e ZPS di seguito elencati,
si può ricondurre ad alcune specie degli ambienti aperti delle colture agricole (ofidi, lacertidi,
passeriformi, galliformi, insettivori, roditori); si tratta, comunque, di specie piuttosto comuni e di
non particolare pregio.
Il territorio limitrofo all’impianto in oggetto è prevalentemente dominato dall’agricoltura e risulta
completamente all’esterno di siti Natura 2000:
- SIC-ZPS IT4060001 “Valli di Argenta”, a circa 2,6 km in direzione Nord (confinante con
IT4050022 - SIC-ZPS Biotopi e Ripristini ambientali di Medicina e Molinella; IT4070021 SIC-ZPS Biotopi di Alfonsine e Fiume Reno; IT4060017 – ZPS Po di Primaro e Bacini di
Traghetto).
- ZPS IT4070019 “Bacini di Conselice”, a circa 5,2 km in direzione Nord-Est e a circa 2,9 km
in direzione Sud;
- ZPS IT4070023 “Bacini di Massa Lombarda”, a circa 6,5 km in direzione Sud-Ovest;
- Parco regionale Delta del Po – Stazione di Campotto di Argenta, a circa 2,6 km in direzione
Nord, il cui territorio è per buona parte ricompreso all’interno del sito SIC-ZPS IT4060001
“Valli di Argenta”.
3.A.4.2 Interferenza delle opere sulla componente flora e fauna
In termini di occupazione del suolo, è importante rilevare che l’impianto in oggetto va a collocarsi
in un’area adibita già dal 1975 ad attività industriali, adottando soluzioni progettuali che consentano
il recupero delle infrastrutture di servizio ad oggi già esistenti sul sito senza comportare quindi il
“consumo” di ulteriore superficie territoriale.
L’esercizio dell’impianto non produce inoltre limitazioni spaziali e funzionali delle unità
ambientali: la vegetazione e la flora ad area locale che caratterizzano gli habitat naturali, anche se di
scarso valore ambientale, risultano salvaguardate, non essendo necessari abbattimenti né distruzione
di alcun esemplare vegetale all’interno degli stessi. Si segnala solo l’abbattimento di alcuni
esemplari di scarso pregio (populus nigra), attualmente presenti nel parcheggio antistante l’ingresso
allo stabilimento, al fine di consentire l’arretramento del cancello di ingresso e conseguentemente
ottimizzare la circolazione dei mezzi all’interno dello stabilimento stesso.
Per quanto concerne le interazioni e gli impatti di tipo indiretto sulla flora, la fauna e gli ecosistemi,
connesse a potenziali modificazioni dei caratteri quali-quantitativi delle matrici ambientali acqua ed
aria, che data la loro mobilità possono raggiungere in maniera più o meno controllata i sistemi
naturali, come espresso nelle precedenti sezioni del presente rapporto ambientale, non si rilevano
significativi impatti connessi all’esercizio dell’impianto.
57
In merito ai impatti potenziali indiretti sul comparto naturale riconducibili a disturbo da rumore si
rileva che in corrispondenza di tutti i recettori sensibili considerati nello studio vengono rispettati i
limiti di zona.
Come precisato nella pre-valutazione di incidenza del progetto ai sensi della DGR 1191/2007, le
linee elettriche di nuova realizzazione o oggetto di manutenzione saranno interrate e i fari
dell’impianto di illuminazione indirizzeranno la luce verso il basso al fine di non attrarre gli stormi
di uccelli in volo notturno.
Per quanto sopra, complessivamente il proponente ritiene che l’esercizio dell’impianto oggetto di
studio non presenti elementi di incompatibilità rispetto agli elementi naturali quali flora, fauna ed
ecosistemi presenti in prossimità del sito in oggetto.
Si segnala infine che il progetto presentato prevede la realizzazione delle opere a verde che possono
essere valutate positivamente in termini di impatto sulla flora, fauna ed ecosistemi.
3.A.5. RUMORE
3.A.5.1 Caratteristiche del clima acustico della zona
Ai fini della valutazione di impatto acustico, è stata eseguita una valutazione modellistica sito
specifica articolata come segue:
-
rilievi del clima acustico nello scenario ante operam;
definizione dell’area studio, delle caratteristiche acustiche del terreno e della morfologia dello stesso,
individuazione dei limiti di zona applicabili, analisi dei flussi di traffico;
taratura del modello in modo da minimizzare le differenze tra i valori simulati e i valori registrati
durante i monitoraggi acustici dello stato attuale;
definizione e caratterizzazione delle sorgenti in riferimento alla configurazione impiantistica di
progetto (scenario post operam);
utilizzo del modello di calcolo opportunamente tarato e validato mediante le misure in campo per
simulare e mettere a confronto gli scenari individuati (ante operam e post operam);
valutazione delle immissioni ai recettori in riferimento agli scenari individuati, nonché verifica del
rispetto del criterio differenziale ai ricettori (se applicabile).
Lo studio, per tutti gli scenari considerati, è stato effettuato solamente in orario diurno (6.00 –
22.00) in quanto le attività dell’impianto in oggetto (e conseguentemente le emissioni sonore
connesse) si svolgeranno unicamente in orario diurno.
Nello stato Ante Operam, l’unica fonte di rumore nell’area è rappresentata dal traffico su via Selice
e su via Gradizza.
Nello stato Post Operam la caratterizzazione acustica delle sorgenti sonore dell’impianto è avvenuta
facendo riferimento ai dati di progetto, tramite la quantificazione in termini di potenza acustica
delle sorgenti individuate. Le sorgenti considerate sono:
- SR1 Linee lavorazioni scorie;
- SR2 Ventilatore filtro a maniche;
- SR3 Ventilatore filtro a maniche;
- SR4 Pala meccanica carico scorie;
- SR5 Pala meccanica zona stoccaggio matrix;
- SR6 Escavatore zona conferimento scorie in ingresso;
- SR7 Pala meccanica zona stoccaggio matrix lavato;
- SR8 Traffico veicolare pesante.
Ai fini della simulazione modellistica sono state assunte una serie di ipotesi molto conservative:
- tutte le sorgenti sonore si considerano continue su un orario di 16 ore (6.00 – 22.00);
- SR1 è simulata come una sorgente areale di superficie complessiva pari a tutta l’area
destinata ai trattamenti con un valore di pressione sonora di 93 dBA;
- Simulazioni in ipotesi di campo libero (condizione peggiorativa).
Dall’analisi effettuata si evince che in nessuno dei recettori considerati prossimi all’impianto si ha il
superamento dei limiti previsti per la classe acustica di appartenenza; anche ill criterio differenziale
risulta rispettato. Infine relativamente alla fase di cantiere, sulla base delle lavorazioni previste dal
58
progetto in oggetto, considerando le valutazioni estremamente conservative effettuate in relazione
allo scenario post-operam, si ritiene che le immissioni acustiche non comporteranno un impatto
superiore a quello valutato in riferimento allo scenario post operam e pertanto si può ritenere che
saranno rispettati i limiti di zona presso i ricettori individuati in prossimità dell’impianto.
3.A.6. PAESAGGIO
3.A.6.1 Caratteristiche del paesaggio locale
L’area in cui sorge l’impianto di recupero è definita dal PTCP della Provincia di Ravenna come
unità n.3 “Valli del Reno” e dal PSC unità n.6 “Paesaggio delle bonifiche di Conselice”.
Tale unità di paesaggio comprende il territorio delle bonifiche attorno a Conselice a Nord della
centuriazione di Massa Lombarda e di Lugo. È un territorio organizzato dalla viabilità principale di
collegamento tra Imola, Conselice, Lavezzola, l’antica via Selice e dal Canale dei Mulini di Imola.
Il sistema insediativo si addensa in corrispondenza del centro maggiore di Conselice, ma il fiume
Santerno e la viabilità principale di collegamento tra S. Agata e Lavezzola fanno da supporto a un
sistema insediativo lineare minore, che si addensa in alcuni punti, in corrispondenza dei punti più
significativi della rete viaria. L’insediamento rurale è diffuso, organizzato dalle trame regolari delle
bonifiche, che tuttavia in più punti diventa complessa e irregolare, soprattutto in corrispondenza
delle vie serpentine che un tempo correvano ai lati dei corsi fluviali oramai scomparsi. La copertura
vegetazionale è variegata: ai seminativi e prati estensivi della zona a Nord e a Ovest di Conselice e
della via Selice si alternano le colture miste (frutteti e seminativi) della zona a Est.
Gli elementi strutturanti relativi all’area studiata sono: dossi del Santerno, via Selice e Canale dei
Mulini, trama agraria delle bonifiche, vie serpentine. Gli elementi di discontinuità del paesaggio
sono: vie serpentine, tracciato ferroviario, elettrodotto. Non si segnala la presenza di beni storici o
culturali nei pressi dell’area di studio.
3.A.6.2 Interferenza delle opere sulla componente paesaggio
L’impianto in oggetto va a collocarsi in un’area adibita già dal 1975 ad attività industriali,
adottando soluzioni progettuali che consentano il recupero delle infrastrutture di servizio ad oggi
già esistenti sul sito. Rispetto alla situazione attuale i principali interventi, potenzialmente in grado
di determinare un impatto sul paesaggio in ambito locale, sono riconducibili a:
- realizzazione della tettoia di collegamento edifici esistenti A e B;
- realizzazione delle strutture relative all’impianto chimico fisico (capannone e corpi tecnici)
lato est impianto;
- realizzazione dei box di stoccaggio rifiuti lato est impianto;
- realizzazione dell’impianto di aspirazione e depurazione aria lato est impianto;
- realizzazione impianto trattamento acque reflue domestiche a vassoi assorbenti.
In relazione ai suddetti interventi si precisa che:
- le strutture in progetto hanno altezze massime inferiori rispetto alle strutture esistenti;
- la tettoia da realizzarsi nell’area destinata alle operazioni di pretrattamento si inserisce tra
due edifici esistenti.
Considerate le caratteristiche e la localizzazione degli interventi in progetto, viste le misure di
mitigazione adottate con particolare riferimento agli interventi a verde che vanno ad aggiungersi
agli elementi vegetazionali ad oggi già esistenti nell’area in oggetto, si ritiene l’impatto
paesaggistico dell’impianto non significativo rispetto alla situazione attuale
3.A.7 SISTEMA INSEDIATIVO E TRAFFICO INDOTTO
3.A.7.1 Caratteristiche del sistema insediativi locale
Lo stabilimento di Conselice è localizzato lungo la Via Selice al n° civico 301/E, in un sito di
recente acquisizione da parte di Officina dell’Ambiente S.p.A. dalla precedente proprietà Endeka
S.p.A., che vi svolgeva l’attività di colorificio ceramico.
59
Geograficamente l’area di intervento si trova in Provincia di Ravenna nei pressi dei confini
provinciali con il territorio della Provincia di Bologna e Ferrara, a circa. 40 Km di distanza in linea
d’aria dalla città di Bologna (direzione WWE), 30 km dalla città di Ravenna (direzione ESS) e 10
km da Argenta (direzione N).
Il centro urbano più vicino all’impianto è rappresentato dall’abitato di Conselice che dista circa 2,5
km in direzione sud. Si ravvisa inoltre la presenza del centro abitato di Lavezzola in direzione
Nord-est a circa 4 km dall’impianto.
Analizzando l’area attorno all’impianto, non si riscontrano nel raggio di 500 m recettori sensibili,
quali ospedali, scuole, asili; per quanto riguarda le abitazioni, si notano solo pochi e isolati gruppi di
case, se non case singole perlopiù legate all’attività agricola che caratterizza l’area circostante
l’impianto.
L’attività produttiva principale, localizzata a meno di 2 km in linea d’aria dal sito oggetto di studio,
è rappresentata dalla struttura produttiva di Unigrà S.p.A., azienda che opera nel settore della
trasformazione e vendita di oli e grassi alimentari, margarine e semilavorati destinati alla
produzione alimentare, in particolare dolciaria. L’impianto di Unigrà S.p.A., centro produttivo di
rilevante importanza, influisce sul sistema rappresentato dall’area di interesse, sia per quanto
riguarda l’economia locale, sia per quanto concerne lo stato ambientale di riferimento.
3.A.7.2 Interferenze delle opere con il sistema insediativo
La realizzazione dell’opera in progetto non determina significative alterazioni negative del valore
economico di infrastrutture, manufatti e beni posti nelle adiacenze dello stabilimento.
Le interferenze più probabili con il sistema insediativo sono riconducibili al traffico veicolare
indotto dal progetto.
Le direttrici principali dei percorsi che di norma percorreranno i mezzi dedicati al conferimento dei
rifiuti nonché all’allontanamento del prodotto finito (Matrix®) e dei rifiuti prodotti sono:
- Percorso Imola – stabilimento ODA: dal casello autostradale A14 – uscita Imola lungo la
Via Selice SS610;
- Percorso Nord Italia – stabilimento ODA: dal casello autostradale A13 – Uscita Ferrara Sud
lungo il raccordo autostradale Ferrara-Porto Garibaldi, SS16 e Via Selice.
Relativamente alla fase di gestione operativa dell’impianto si sono stimati i seguenti flussi medi
orari:
Calcolo numero passaggi mezzi/ora (valore medio)
Veicoli conferimento
Veicoli allontanamento
Tratto stradale interessato
scorie
prodotti/rifiuti
Ingresso
Uscita
Ingresso
Uscita
Passaggi su percorso
0,5
0,3 (*)
0,4 (**)
0,6
Nord Italia – stabilimento ODA
Passaggi su percorso
3,0
1,5 (*)
1,0 (**)
2,5
Imola – stabilimento ODA
TOT
1,8
8,0
(*) Per effetto delle misure di ottimizzazione adottate (riutilizzo dei veicoli di conferimento scorie per allontamento
matrix®) i veicoli dedicati al conferimento delle scorie in uscita dallo stabilimento sono pari al 50% di quelli in
ingresso
(**) Complessivamente saranno riutilizzati per l’allontanamento del Matrix® 14 mezzi dedicati al conferimento scorie
che pertanto non vengono conteggiati trai veicoli in ingresso dedicati all’allontanamento dei prodotti/rifiuti
Sulla base dei flussi di traffico indotti dall’impianto ODA e dei rilievi RER (postazione 445) è stato
possibile stimare gli incrementi di traffico veicolare orario rispetto allo stato attuale nelle ore i cui si
concentra il traffico legato all’attività svolta da ODA (9-12 e 13-17).
Gli incrementi di traffico risultano trascurabili sul tratto di via Selice a Nord dell’impianto
(incremento flusso di traffico pesante max: 3.2% e incremento flusso di traffico equivalente max
60
1,3%). Nel tratto di via Selice a sud dell’impianto si registrano invece incrementi superiori:
incremento flusso di traffico pesante max: 14.6% e incremento flusso di traffico equivalente max
5,9%.
Al fine di contenere l’impatto connesso al traffico veicolare indotto, il progetto prevede l’adozione
di importanti misure di ottimizzazione dei trasporti, prevedendo il riutilizzo di circa il 50% degli
autotreni in ingresso dedicati al conferimento delle scorie per l’allontanamento del prodotto finito in
uscita dallo stabilimento (Matrix®).
Si rileva inoltre che il traffico indotto dall’impianto non si sovrappone di norma con i flussi di
traffico registrati negli gli orari di punta e conseguentemente non sono attesi significativi
incrementi dei valori massimi dei flussi di traffico attuali sulla via Selice.
3.A.8 RIFIUTI
Le attività di recupero rifiuti svolte nell’impianto di Conselice in oggetto generano rifiuti che
possono essere suddivisi nelle due seguenti categorie:
- rifiuti generati direttamente dall’esecuzione delle attività produttive di recupero rifiuti e
produzione di Matrix®: materiali ferrosi, materiali incombusti, rifiuti di ferro e acciaio, metalli
non ferrosi. La produzione di tali rifiuti dipende dalla composizione delle scorie di ingresso ed è
stimata, sulla base dei dati disponibili relativi al gemello impianto di Lomello, pari a circa il
10% in peso dei rifiuti in ingresso. Eccetto i materiali incombusti, tutti gli altri rifiuti prodotti
sono avviati a recupero in acciaierie e fonderie;
- rifiuti generati a seguito dell’esecuzione delle necessarie attività ausiliare che sono di supporto
al processo produttivo: imballaggi, oli esausti, materiali assorbenti, rifiuti da manutenzione e/o
da attività di ufficio, fanghi da trattamento chimico fisico, acque reflue lavaggio ruote, acque di
percolazione aree di processo. Tale rifiuti sono prpdotte in quantità non significative e vengono
avviati a smaltimento o recupero in impianti esterni.
3.A.9 MISURE DI MITIGAZIONE E COMPENSAZIONE DEGLI IMPATTI
Questa analisi deriva dalle informazioni contenute nel SIA, nel progetto definitivo e nelle
successive integrazioni.
Si elencano di seguito i principali elementi progettuali che il proponente considera come misure di
mitigazione dei potenziali impatti, o comunque come elementi positivi dal punto di vista
ambientale, anche in riferimento a possibili scelte tecniche alternative:
- l’impianto in oggetto va a collocarsi in un’area adibita già dal 1975 ad attività industriali, senza
comportare quindi il “consumo” di ulteriore superficie territoriale;
- è previsto l’utilizzo di quasi tutte le infrastrutture civili di cui è dotato lo stabilimento esistente,
con interventi relativamente modesti di integrazione, ristrutturazione e/o adeguamento delle
stesse; infrastrutture altrimenti destinate alla progressiva dismissione e demolizione;
- l’impianto è finalizzato ad effettuata un operazione di recupero di rifiuti (R5), valorizzati
mediante la trasformazione in materie prime seconde Matrix®, da riutilizzarsi nei cicli della
produzione del cemento e dei laterizi;
- il processo in oggetto oltre alla produzione di Matrix® comporta la produzione di metalli ferrosi
e metalli non ferrosi che vengono inviati al recupero in acciaierie e/o fonderie, favorendo il
risparmio di materie prime naturali;
- gli stoccaggi di materie prime (gasolio, reagenti per impianto chimico fisico, ecc…) e di
eventuali rifiuti prodotti (oli minerali, ecc…) allo stato liquido avverrà in serbatoi a doppia
parete o dotati di bacino di contenimento in grado di evitare la dispersione accidentale delle
suddette sostanze/rifiuti;
- è prevista la realizzazione di un impianto di aspirazione per la captazione e la depolverazione
delle emissioni di polveri generate dall’attività lavorazione dei rifiuti;
61
-
-
-
-
-
-
-
-
-
le attività di conferimento, stoccaggio e lavorazione dei rifiuti sono localizzate all’interno di
capannoni industriale coperti e tamponati lateralmente capaci di mitigare in maniera
significativa le emissioni diffuse polverulente;
in merito al controllo delle polveri connesse alle operazioni di movimentazione rifiuti e
materiali è prevista l’installazione di “Fog Cannon ®”: cannoni nebulizzatori d’acqua i a getto
bifase aria-acqua, appositamente studiati per abbattere le polveri volatili
è prevista l’installazione di un impianto di nebulizzazione fisso in corrispondenza della
tramoggia di carico scorie;
è prevista la realizzazione di un impianto di bagnatura dei piazzali e della viabilità interna allo
stabilimento al fine di massimizzare l’attività di contenimento delle emissioni polverulente;
le attività di ricezione, miscelazione e maturazione dei rifiuti in ingresso, di trattamento dei
rifiuti (linee di lavorazione), di stoccaggio dei rifiuti e del matrix ® prodotto e più in generale le
attività potenzialmente in grado di produrre acque di percolazione contaminate, sono effettuate
in edifici coperti e tamponati su tutti i lati, dotati di rete fognaria in grado di intercettare
eventuali acque di processo, che si prevede di avviare a smaltimento tramite autobotte presso
impianti esterni autorizzati, previo stoccaggio in corpo tecnico dedicato (TK-01);
è prevista alla realizzaione di un impianto di trattamento chimico fisico per il trattamento delle
acque di prima pioggia;
tutti i mezzi in uscita dall’area adibita a deposito scorie e maturazione transiteranno in un
sistema di lavaggio ruote al fine di evitare lo sporcamento della viabilità;
le acque nere provenienti dall’edificio servizi (docce, servizi igienico - sanitari) confluiranno
presso il nuovo impianto di trattamento, costituito da fossa biologica imhoff ed impianto del
tipo a vassoi assorbenti a ricircolo totale;
il processo produttivo in esame non richiede l’utilizzo della risorsa idrica; è previsto l’utilizzo di
acqua prelevata dall’acquedotto industriale per le attività di pulizia industriale, lavaggio ruote e
di mitigazione delle emissioni diffuse polverulente; il consumo di acqua potabile è limitato ad
usi civili (docce, servizi igienico - sanitari);
è prevista la realizzazione di un sistema di telecontrollo e gestione remota dell’impianto chimico
fisico in grado di intervenire attivamente sui processi modificando di volta in volta, secondo le
necessità, i parametri funzionali ed operativi;
la presenza prima dell’ingresso allo stabilimento di un ampio parcheggio che in condizioni non
ordinarie di funzionamento dell’impianto può avere funzione di corsia di accumulo per i mezzi
pesanti in attesa di scarico/carico, eviterà disagi connessi al traffico veicolare indotto sulla via
Selice;
è prevista l’estensione delle opere a verde ad oggi esistenti, lungo il confine est e sud di
stabilimento;
lo stabilimento sarà dotato di Autospazzatrice Dulevo, macchina a secco specifica per la pulizia
di materiali polverulenti; la pulizia dei pizzali e della viabilità è prevista 2-3 volte al gioeno
secondo necessità;
al fine di contenere l’impatto connesso al traffico veicolare indotto, Officina dell’Ambiente,
intende adottare importanti misure di ottimizzazione dei trasporti, prevedendo il riutilizzo di
circa il 50% degli autotreni in ingresso dedicati al conferimento delle scorie per
l’allontanamento del prodotto finito in uscita dallo stabilimento (Matrix®).
62
3.B. VALUTAZIONI IN MERITO AL QUADRO DI RIFERIMENTO AMBIENTALE
Data l’attività di cantiere dichiarata, si ritiene che durante la fase di cantiere gli impatti ambientali
possano considerarsi poco significativi.
I principali impatti ambientali connessi all’esercizio dell’impianto in progetto sono riassumibili
come di seguito indicato.
3.B.1. IMPATTI SULLA COMPONENTE ATMOSFERA
Oltre ai fumi di combustione della caldaia a metano ad uso riscaldamento di uffici/locali (punto di
emissione E3), le uniche emissioni in atmosfera convogliate ascrivibili all’impianto OdA sono
riconducibili al previsto sistema di aspirazione per la captazione e il contenimento (mediante filtri a
maniche) delle emissioni polverulente derivanti dalla lavorazione dei rifiuti in ingresso, composto
da due linee distinte (in grado di trattare portate d’aria di 45.000 Nm3/h e 80.000 Nm3/h) a servizio,
rispettivamente, delle linee di pretrattamento e trattamento delle scorie di combustione (punti di
emissione E1, E2) che prevedono cappe e punti di aspirazione ubicati su macchinari quali vagli,
mulini, ecc. e in corrispondenza di ulteriori potenziali sorgenti di polveri (tramoggia di carico per
avvio scorie alle linee di lavorazione, punti di scarico nastri trasportatori materiali, ecc.).
Nell’impianto OdA si individuano altresì potenziali sorgenti di emissioni diffuse polverulente
riconducibili alle operazioni di ricezione/stoccaggio/maturazione/movimentazione scorie in
ingresso (ED2), stoccaggio/movimentazione prodotti Matrix® (ED3) e deposito
temporaneo/movimentazione rifiuti prodotti (ED4), nonché al transito dei mezzi pesanti sulla
viabilità interna per il conferimento dei rifiuti in ingresso e l’allontanamento di Matrix®/rifiuti
prodotti (ED1), che possono ritenersi poco significative a fronte delle misure di contenimento
previste costituite da:
- sistema lavaggio ruote;
- procedura di pulizia dei piazzali e della viabilità interna mediante autospazzatrice a secco;
- sistema di bagnatura dei piazzali e della viabilità interna, in particolare lungo il percorso che
seguono gli automezzi per accedere alle aree di carico/scarico;
- sistemi carellati di nebulizzazione a getto bifase aria/acqua (“Fog Cannon®”) nell’area di
stoccaggio/maturazione dei rifiuti in ingresso e nell’area di stoccaggio/movimentazione dei
prodotti Matrix®;
- sistema di nebulizzazione fisso in corrispondenza della tramoggia di carico scorie per avvio alle
linee di lavorazione, in aggiunta alla cappa aspirante posta in corrispondenza della stessa e
collegata al sistema di depolverazione;
- apposite bocchette capaci di garantire, nella fase di carico dei rifiuti sottoposti al deposito
preliminare nelle aree denominate DT1, DT2, DT3, l’aspirazione dell’aria convogliandola al
sistema di depolverazione di cui l’impianto è dotato;
In proposito, è da considerare che:
- le scorie di combustione, una volta estratte dalla camera di combustione di cui sono dotati i
termovalorizzatori, vengono veicolate in un’apposita sezione destinata al raffreddamento delle
stesse, che avviene, generalmente, per immersione delle scorie in vasche contenti acqua. I rifiuti
in ingresso all’impianto OdA si presentano pertanto come rifiuti solidi non polverulenti con
elevato tenore d’umidità, mediamente pari al 20%. Per le scorie già sottoposte ad un
pretrattamento essenzialmente di tipo fisico-meccanico presso impianti esterni si stima un
contenuto di umidità mediamente pari al 15%; lo stesso tenore di umidità può essere
mediamente associato ai rifiuti una volta completata la prima fase del processo: la maturazione;
- l’area dedicata allo stoccaggio e maturazione dei rifiuti in ingresso è localizzata all’interno di un
capannone industriale coperto e tamponato su tutti i lati, dotato di aperture per l’ingresso e
l’uscita degli automezzi;
63
-
l’area dedicata allo stoccaggio dei prodotti Matrix® è localizzata all’interno di un capannone
industriale coperto e tamponato su tutti i lati, dotato di aperture per l’ingresso e l’uscita degli
automezzi;
- lo scarico del Matrix® prodotto, in arrivo dalle linee di lavorazione, nelle rispettive aree di
stoccaggio avviene a mezzo di opportuni nastri trasportatori su cui, nei punti critici, sono
posizionate bocchette di aspirazione che convogliano l’aria ai sistemi di depolverazione;
- i rifiuti prodotti dalle operazioni di trattamento delle scorie sono avviati, tramite nastri
trasportatori, alle preposte aree di deposito preliminare (DT1, DT2, DT3, DT4), localizzate
all’interno di edifici coperti e tamponati lateralmente, dotati di aperture per l’ingresso e l’uscita
degli automezzi;
- i rifiuti prodotti sottoposti al deposito preliminare nell’area denominata DT4 sono costituiti da
materiali ferrosi ingombranti o avente pezzatura grossolana; sono caratterizzati da pezzatura
inferiore i rifiuti sottoposti al deposito preliminare nelle aree denominate DT1, DT2, DT3
(materiali ferrosi, materiali incombusti e materiali non ferrosi).
Sono altresì individuate, per completezza di trattazione, ulteriori fonti di emissioni in atmosfera
diffuse (denominate ED5, ED6, ED7, ED8) che possono comunque ritenersi non significative, in
ragione della tipologia di attività che le originano e dell’apporto trascurabile in termini quantitativi e
qualitativi all’inquinamento atmosferico.
Le emissioni in atmosfera risultanti da tale progetto non si ritiene abbiano quindi un impatto
significafitivo sulla salute umana dei ricettori più limitrofi alla sede dell’Azienda.
Anche l’impatto generato dal traffico indotto che insiste principalmente sulla Via Selice di alta
percorrenza non si ritiene induca degli impatti ambientalmente non significativi.
Con il provvedimento di AIA, per le emissioni in atmosfera convogliate sono fissati limiti con
riferimento al funzionamento dell'impianto nelle condizioni di esercizio più gravose e si intendono
stabiliti come media oraria. I valori limite di emissione indicati sono riferiti a gas secchi in
condizioni normali (temperatura di 273,15 K e pressione di 101,3 kPa) e il tenore volumetrico
dell'ossigeno di riferimento è quello derivante dal processo.
Sono altresì da garantire tutti gli accorgimenti previsti per assicurare il contenimento delle
emissioni diffuse polverulente, sia attraverso il mantenimento in condizioni di perfetta efficienza
dei sistemi di captazione e contenimento previsti, sia attraverso una idonea gestione dei piazzali e il
mantenimento strutturale degli edifici. Parimenti, dovrà essere garantito il corretto mantenimento
della piantumazione prevista (con la messa a dimora di specie vegetali autoctone sempreverdi,
disposte in filare) al fine di creare una fitta barriera verde in grado di costituire, in tutti i periodi
dell’anno, un efficace ostacolo alla potenziale diffusione di sostanze polverulente.
Qualora emergessero comunque criticità in termini di emissioni diffuse polverulente durante la
conduzione dell’impianto, andrà predisposto e attuato un programma di miglioramento delle
protezioni contro la dispersione di polveri e aerosol, con particolare riferimento ai nastri
trasportatori; le soluzioni da individuare dovranno comunque garantire una facile rimozione e
pulizia.
Nel caso di eventuali modifiche dell’impianto, il gestore dovrà preferire le scelte impiantistiche che
permettano di diminuire le emissioni in atmosfera di polveri.
3.B.2. IMPATTI SULLA RISORSA IDRICA
Tutte le operazioni di lavorazione avvengono al coperto; le strade e i piazzali sono adibiti
esclusivamente alla circolazione degli automezzi. Le acque meteoriche di dilavamento provenienti
da strade e piazzali sono state classificate “acque di prima pioggia”, ai sensi della DGR n.
286/2005; la pulizia delle aree scoperte assume pertanto condizione principale per sostenere tale
classificazione. Quale misura per il contenimento delle emissioni diffuse polverulente connesse al
transito dei mezzi su viabilità e piazzali interni, è prevista la pulizia a secco a mezzo di spazzatrice.
64
Dall’attività non si originano acque reflue industriali; eventuali acque di lavaggio/percolati
provenienti dalle aree coperte di lavorazione, così come i reflui derivanti dal lavaggio ruote, sono
accumulati e destinati a smaltimento esterno come rifiuti.
Per le acque reflue domestiche (servizi igienici), preventivamente trattate in fossa Imhoff, è previsto
un sistema di fitodepurazione sub-superficiale a flusso orizzontale (vassoi assorbenti) a ricircolo
totale.
Gli scarichi idrici in acque superficiali (Scolo Zaniolo, bacino idrografico del Canale Destra Reno,
sottobacino del torrente Santerno) provenienti dall’impianto OdA sono pertanto relativi a:
ü Scarico S1 di acque meteoriche di dilavamento delle coperture;
ü Scarico S2 di acque di prima pioggia provenienti da strade e piazzali, sottoposte a trattamento
chimico-fisico;
ü Scarico S3 di acque di seconda pioggia.
Quale ulteriore riferimento per la valutazione degli impatti sulla risorsa idrica, lo schema seguente
riassume il bilancio idrico dell’impianto OdA di Conselice nell’ipotesi di funzionamento a pieno
regime (250.000 tonnellate/anno di rifiuti in ingresso), definito facendo riferimento ai dati a
consuntivo relativi all’impianto simile esistente nella provincia di Pavia, gestito dalla stessa società
Officina dell’Ambiente S.p.A. (operante già da alcuni anni); tale bilancio è basato sulle seguenti
ipotesi di calcolo:
- Piovosità = 700 mm/anno. Si è cautelativamente assunto, come valore di piovosità annua, il
limite estremo dell’intervallo indicato nella cartografia di ARPA Emilia-Romagna relativa al
territorio in oggetto (dato: 600-700 mm/anno);
- Superficie coperture = 15.388 m2;
- Le acque meteoriche di dilavamento delle coperture (0,7 m/anno x 15.388 m2 = 10.771,6
m3/anno • 10.800 m3/anno), sono destinate allo scarico in acque superficiali S1 (Scolo Zaniolo)
trascurando eventuali perdite per evaporazione;
- Superficie strade e piazzali = 22.790 m2 ;
- Le acque meteoriche di dilavamento della viabilità e piazzali interni allo stabilimento (0,7
m/anno x 22.790 m2 = 15.953 m3/anno • 16.000 m3/anno), sono destinate in parte (acque di
prima pioggia) all’impianto di trattamento chimico-fisico per il successivo scarico in acque
superficiali S2 (Scolo Zaniolo) e in parte (acque di seconda pioggia) direttamente allo scarico in
acque superficiali S3 (Scolo Zaniolo) - fatta salva la possibilità di destinare una frazione delle
acque di seconda pioggia all’impianto di trattamento chimico-fisico in determinate situazioni
gestionali - trascurando eventuali perdite per evaporazione. Ai fini del bilancio idrico si assume
cautelativamente che le acque meteoriche destinate all’impianto di trattamento chimico-fisico
siano cautelativamente pari a circa 8.000 m3/anno;
- L’umidità media dei rifiuti prodotti dall’attività e del Matrix® in uscita è stata ipotizzata
mediamente pari al 11,1 % (0,11 x 225.000 = 24.975 m3/anno • 25.000 m3/anno);
- L’umidità media delle scorie in ingresso è stata ipotizzata mediamente pari al 20% (0,20 x
250.000 = 50.000 m3/anno);
- I consumi idrici per l’umidificazione di alcuni ambienti di lavoro e per la bagnatura/pulizia dei
piazzali sono stimati complessivamente in meno di 5.000 m3/anno. Si assume cautelativamente
che tali prelievi di acqua da acquedotto industriale contribuiranno alla formazione di un esiguo
quantitativo di acque di percolazione (destinate a smaltimento esterno come rifiuti), mentre è
prevista una significativa perdita per evaporazione;
- I consumi idrici per il trattamento chimico-fisico delle acque di prima pioggia sono stimati pari
a circa 1.000 m3/anno;
- I consumi idrici associati al sistema di lavaggio ruote sono stimati pari a circa 1 m3/d di acqua
da acquedotto industriale, per un totale di 300 m3/anno. I relativi reflui sono destinati a
smaltimento esterno come rifiuti;
65
I prelievi di acqua da acquedotto civile sono stimati pari a circa 1.000 m3/anno, senza
comportare alcuno scarico di acque reflue domestiche (destinate al trattamento nel previsto
sistema di fitodepurazione a ricircolo totale);
- Le perdite per evaporazione sono stimate pari al 10% delle scorie in ingresso all’impianto (0,1 x
250.000 = 25.000 m3/anno).
Alle luce delle modifiche introdotte in fase progettuale (per cui non sono previste sezioni
impiantistiche di separazione granulometrica ad umido o lavaggio scorie), non si individuano
impatti diretti significativi sulle acque superficiali riconducibili agli scarichi idrici provenienti
dall’impianto OdA nell’assetto impiantistico definitivo proposto.
Gli scarichi idrici in acque superficiali provenienti dall’impianto OdA, stimati complessivamente
pari a 27.800 m3/anno, sono costituiti in maggioranza (circa 67%) da acque meteoriche di
dilavamento delle coperture e acque di seconda pioggia che, fatte salve le verifiche analitiche
richieste al fine di verificarne la corretta classificazione normativa ovvero l’esclusione dal campo di
applicazione della DGR n. 286/2005, possono essere direttamente destinate allo scarico nello scolo
consorziale Zaniolo.
La restante parte è rappresentata unicamente dalle acque di prima pioggia accumulate nel bacino di
stoccaggio BA-01 per cui, ai fini del rispetto dei limiti previsti dalla normativa vigente per lo
scarico in acque superficiali e in conformità a quanto previsto dalla DGR n. 286/2005, è previsto
idoneo trattamento in impianto chimico-fisico dedicato, potenzialmente in grado di trattare le acque
di prima pioggia in circa 16h (per una portata massima pari a circa 7,5 m3/h) e con la possibilità di
trattare, in caso di particolari situazioni gestionali (es. sporcamento accidentale della viabilità di
servizio, prossimità al limite idraulico di portata scaricabile in corpo idrico superficiale, ecc.) anche
un’aliquota delle acque di seconda pioggia.
Gli scarichi idrici provenienti dall'impianto OdA non devono comunque compromettere l’uso
irriguo delle acque dello scolo consorziale Zaniolo per cui, a seguito dell’emanazione di specifiche
linee guida regionali previste ai sensi all’art. 4, comma 6) della L.R. n. 4/2007, potranno essere
stabiliti eventuali vincoli ai fini della compatibilità irrigua.
-
66
Non risultano impatti significativi in termini di consumi della risorsa idrica (approvvigionata
mediante acquedotto industriale e civile) che, nell'ambito della gestione dell’impianto OdA, sono
imputabili principalmente all'utilizzo di acqua industriale (per un consumo annuo
complessivamente stimato in 6.300 m3/anno) e in maggioranza (circa 80%) riconducibili alle
necessarie operazioni di umidificazione, bagnatura e pulizie varie per limitare le emissioni diffuse
polverulente.
I consumi di acqua potabile si limitano esclusivamente agli usi civili del personale addetto, con
volumi trascurabili (stimati in circa 1.000 m3/anno).
Tali richieste da acquedotto industriale e civile risultano compatibili con le potenzialità di trasporto
delle reti in essere presenti in zona.
3.B.3. IMPATTI SULLA COMPONENTE SUOLO E SOTTOSUOLO
In termini di occupazione del suolo, è importante rilevare che l’impianto in oggetto va a collocarsi
in un’area adibita già dal 1975 ad attività industriali, adottando soluzioni progettuali che consentono
il recupero delle infrastrutture di servizio ad oggi già esistenti sul sito (palazzina uffici, palazzina
laboratori, viabilità, piazzali, reti fognarie, ecc.) senza comportare quindi il “consumo” di ulteriore
superficie territoriale.
Rispetto a potenziali fonti di inquinamento del suolo e sottosuolo, si evidenzia che:
- tutta l’area dell’impianto in cui vengono svolte le attività di gestione dei rifiuti è pavimentata e
servita da una rete fognaria in grado di intercettare le acque potenzialmente contaminate per il
successivo invio, tramite autobotte, al trattamento come rifiuti presso impianti esterni
autorizzati;
- la soluzione tecnica individuata per garantire l’impermeabilizzazione e la perfetta tenuta della
pavimentazione su cui saranno stoccate le scorie in maturazione prevede (dal basso verso
l’alto): telo impermeabile, soletta superiore di circa 15 cm in calcestruzzo armato con doppia
rete elettrosaldata e finitura della pavimentazione con elicottero;
- il deposito delle sostanze di servizio/ausiliarie (gasolio, reagenti per trattamento chimico-fisico
delle acque di prima pioggia, ecc…) e di eventuali rifiuti prodotti (oli minerali, ecc.) allo stato
liquido è effettuato in serbatoi a doppia parete o dotati di bacino di contenimento.
Fatti salvi gli autocontrolli previsti, nell’ambito degli obblighi di monitoraggio, dello stato dei
serbatoi di stoccaggio e relativi sistemi di contenimento nonché dello stato della pavimentazione su
cui sono stoccati i prodotti Matrix in relazione alle eventuali aggressioni chimiche dei prodotti stessi
e alla movimentazione, i potenziali impatti sul suolo e sottosuolo associati all’esercizio del nuovo
impianto OdA, possono pertanto ritenersi poco significativi nelle normali condizioni operative e
comunque ridotti a livelli trascurabili anche in situazioni accidentali.
Ai fini della protezione delle acque sotterranee è inoltre da rilevare una barriera naturalmente
presente nel sito a bassissima permeabilità, costituita da un complesso di depositi a matrice
prevalentemente argillosa.
3.B.4. IMPATTI SULLA VEGETAZIONE, FAUNA ED ECOSISTEMI
L’impianto di progetto è stato oggetto pre-valutazione di Incidenza ai sensi dell’art. 6 della
Direttiva 92/43/CEE, dell’art. 5 del D.P.R. 8 settembre 1997, n. 357 e ss.mm.ii. e degli artt. 5, 6, 7
della L.R. 14 aprile 2004, n. 7 da parte della Provincia di Ravenna.
L’impianto è ubicato in un’area caratterizzata da una scarsa densità abitativa e dall’assenza di
elementi naturali, poiché già precedentemente occupato da un’industria. La localizzazione è tale da
evitare di recare molestie connesse ad eventuali formazione di polveri e produzione di rumori, sia
per il centro abitato, sia per gli elementi di interesse naturalistico.
I siti interessati potenzialmente dalle attività di progetto sono:
- SIC-ZPS IT4060001 “Valli di Argenta”, a circa 2,6 km in direzione Nord (confinante con
IT4050022 - SIC-ZPS Biotopi e Ripristini ambientali di Medicina e Molinella; IT4070021 -
67
-
SIC-ZPS Biotopi di Alfonsine e Fiume Reno; IT4060017 – ZPS Po di Primaro e Bacini di
Traghetto).
ZPS IT4070019 “Bacini di Conselice”, a circa 5,2 km in direzione Nord-Est e a circa 2,9 km in
direzione Sud;
ZPS IT4070023 “Bacini di Massa Lombarda”, a circa 6,5 km in direzione Sud-Ovest;
Parco regionale Delta del Po – Stazione di Campotto di Argenta, a circa 2,6 km in direzione
Nord, il cui territorio è per buona parte ricompreso all’interno del sito SIC-ZPS IT4060001
“Valli di Argenta” di cui al primo punto.
La distanza dai siti della Rete Natura 2000 è comunque tale da non comportare potenziali disturbi
dovuti al rumore o all’eventuale emissione di polveri che è stata giudicata nulla.
Inoltre, considerate le caratteristiche del progetto e della rete fognaria, il rischio di inquinamento
idrico a danno degli ecosistemi acquatici tutelati dalla Rete Natura 2000 è assente.
Il facile accesso da parte dei mezzi operativi, è garantito dalla vicina Via “Selice”.
Non vi è rischio di incidenti significativi che possa incidere negativamente sui siti della Rete Natura
2000.
Nell’area vasta non si ritiene che possano esserci interferenze né con le componenti abiotiche né
con quelle biotiche.
Viste:
- le caratteristiche del progetto e dell’area interessata,
- le possibili interferenze con il sistema ambientale,
- la conformità con le misure di conservazione ed il piano di gestione vigenti
la Provincia di Ravenna in qualità di autorità competente per la pre-valutazione di incidenza
dichiara che gli interventi proposti non hanno un’incidenza sui siti della Rete Natura 2000
interessati.
3.B.5. IMPATTI SULLA COMPONENTE RUMORE
La valutazione previsionale di impatto acustico connesso all’esercizio del nuovo impianto OdA
(scenario Post Operam) è stata condotta tramite l’applicazione di modello di simulazione
adeguatamente tarato sulla base dei rilievi acustici relativi allo stato attuale (scenario Ante Operam).
In riferimento ai recettori sensibili individuati, potenzialmente interessati dalle emissioni sonore
dell’impianto OdA, si riportano di seguito i limiti di zona applicabili:
ü Recettore 1 – Classe acustica IV: Il recettore ricade principalmente nella fascia di rispetto
stradale della Via Selice posta in Classe acustica IV e in minima parte nella fascia di rispetto di
Via Gardizza (classificata come area di progetto ad intensa attività umana – Classe acustica
IV). I limiti di immissione sonora applicati sono pari a 65 dB(A) per il periodo diurno e 55
dB(A) per il periodo notturno;
ü Recettore 2 - Classe acustica III: Il recettore ricade interamente in area extra-urbana – zona
agricola con limiti di immissione sonora pari a di 60 dB(A) per il periodo diurno e 50 dB(A)
per il periodo notturno;
ü Recettore 3 – Classe acustica IV: Il recettore ricade attualmente nella fascia di rispetto stradale
della Via Selice posta in Classe acustica IV, con previsione in Classe acustica V come area di
progetto prevalentemente produttiva. Cautelativamente, in riferimento a tale ricettore, si è presa
in considerazione la Classe acustica IV con limiti di immissione sonora pari a 65 dB(A) per il
periodo diurno e 55 dB(A) per il periodo notturno.
Lo scenario Ante Operam risulta rappresentativo del rumore ambientale residuo, in quanto il sito
oggetto di studio risulta attualmente in disuso. In questo contesto, la principale sorgente sonora è
attualmente rappresentata dal traffico (leggero e pesante) su Via Selice e su Via Gardizza; è stato
inoltre considerato un minimo rumore proveniente dallo Scolo Zaniolo posto a Ovest dell’impianto
OdA.
68
In particolare, ai fini della caratterizzazione acustica delle sorgenti sonore presenti, sono state
utilizzate le misure fonometriche effettuate ai recettori individuati e i flussi di traffico rilevati sulle
due strade considerate (Via Selice: flusso orario 210 mezzi/h con velocità di percorrenza media 50
km/h; Via Gardizza: flusso orario 90 mezzi/h con velocità di percorrenza media 50 km/h).
In riferimento allo scenario Post Operam, nella tabella seguente si riassumono le caratteristiche
delle sorgenti sonore individuate quali più significative in termini di impatto acustico connesso
all'esercizio dell’impianto OdA.
Caratteristiche sorgenti sonore
Sorgente
sonora
SR1
SR2
SR3
SR4
SR5
SR6
SR7
SR8
Descrizione
Linee lavorazioni
scorie
Ventilatore filtro a
maniche
Ventilatore filtro a
maniche
Pala meccanica
carico scorie
Pala meccanica zona
stoccaggio matrix
Escavatore zona
conferimento scorie
in ingresso
Pala meccanica zona
stoccaggio matrix
Traffico veicolare
pesante
Pression
e sonora
(dBA)
Distanza da
sorgente di
riferimento
(m)
Posizione
rispetto al
capannone
principale
93
1
81
82
Potenza
sonora Lwa
(dBA)
Periodo di
funzionamento
Tipo di
immissione
Interna*
Diurno
continua
1.5
esterno
Diurno
continua
1.5
esterno
Diurno
continua
Interna*
110
Diurno
continua
Interna*
110
Diurno
continua
Interna*
110
Diurno
continua
Interna*
110
Diurno
continua
Diurno
continua
esterno
(*) Collocate in una struttura con pareti prefabbricate in c.a da circa 20 cm di spessore; la struttura presenta diverse aperture indicate nell’apposita
planimetria delle sorgenti sonore dell’impianto
Le sorgenti sonore dell’impianto OdA sono considerate continue su un periodo di funzionamento di
16 ore (6.00 – 22.00); in realtà alcune sorgenti sonore possono avere un andamento discontinuo e
non sempre essere operative per 16 h/giorno. In particolare, è da rilevare che il traffico veicolare
(SR9) si verifica principalmente dalle 8.00 alle 12.00 e dalle 13.00 alle 17.00 circa. Per quanto
riguarda il traffico veicolare indotto dall’attività dell’impianto OdA, si stimano circa 78 bilici al
giorno che transitano lungo la viabilità interna dell’impianto. Rispetto allo stato Ante Operam è
previsto un incremento dei flussi di traffico su via Selice di 1,8 mezzi/h in direzione Nord e di 8
mezzi/h in direzione Sud; nessuna variazione è prevista invece per i flussi di traffico su Via
Gardizza.
Sulla base della simulazione modellistica condotta in riferimento allo scenario Post Operam è stato
possibile stimare le immissioni sonore ai ricettori individuati, nonché verificare il rispetto del
criterio differenziale; in nessuno dei recettori considerati si ha il superamento dei limiti previsti per
la classe acustica di appartenenza, nel periodo diurno.
Ai fini dell'applicazione del criterio differenziale, e quindi della verifica del rispetto dei valori limite
differenziali di immissione sonora pari a 5 dBA per il periodo diurno e 3 dBA per il periodo
notturno presso i recettori sensibili, sono fatte salve le relative condizioni previste dal DPCM
14/11/1997.
Non si evidenziano pertanto particolari problematiche sotto l'aspetto dell'inquinamento acustico
connesso all'esercizio del nuovo impianto OdA, fatta salva la verifica mediante apposita campagna
di rilievi fonometrici che dovrà essere effettuata, a seguito della messa a regime dell’impianto, al
fine di confermare le stime previsionali.
3.B.6. PAESAGGIO
L’area dove sorge il progetto non è un’area sottoposta ad autorizzazione paesaggistica.
69
L’impianto in oggetto va a collocarsi in un’area adibita già dal 1975 ad attività industriali,
adottando soluzioni progettuali che consentano il recupero delle infrastrutture di servizio ad oggi
già esistenti sul sito. Rispetto alla situazione attuale i principali interventi, potenzialmente in grado
di determinare un impatto sul paesaggio in ambito locale, sono riconducibili a:
- realizzazione della tettoia di collegamento edifici esistenti A e B;
- realizzazione delle strutture relative all’impianto chimico fisico (capannone e corpi tecnici)
lato est impianto;
- realizzazione dei box di stoccaggio rifiuti lato est impianto;
- realizzazione dell’impianto di aspirazione e depurazione aria lato est impianto;
- realizzazione impianto trattamento acque reflue domestiche a vassoi assorbenti.
In relazione ai suddetti interventi si precisa che:
- le strutture in progetto hanno altezze massime inferiori rispetto alle strutture esistenti;
- la tettoia da realizzarsi nell’area destinata alle operazioni di pretrattamento si inserisce tra
due edifici esistenti.
Considerate le caratteristiche e la localizzazione degli interventi in progetto, viste le misure di
mitigazione adottate con particolare riferimento agli interventi a verde che vanno ad aggiungersi
agli elementi vegetazionali ad oggi già esistenti nell’area in oggetto, si ritiene l’impatto
paesaggistico dell’impianto non significativo rispetto alla situazione attuale.
3.B.7 SISTEMA INSEDIATIVO E TRAFFICO INDOTTO
Le mitigazioni previste a livello progettuale dal proponente rendono di non rilevante significatività
le interferenze dell’impianto con il sistema insediativo.
Anche gli impatti legati al traffico indotto, che insiste principalmente sulla Via Selice di alta
percorrenza, sono ritenuti poco significativi rispetto al traffico attualmente insistente nella zona,
come dichiarato anche dal Settore Lavori Pubblici della Provincia di Ravenna con nota 61628 del
17/7/2013.
In relazione, però, agli impatti prodotti dall'aumento di traffico dei mezzi pesanti sulla strada
provinciale Selice si ritiene opportuno, sentito il Comune di Conselice, che vengano effettuati
interventi compensativi finalizzati ad aumentare la sicurezza dell'utenza più debole (ciclo-pedonale)
nei tratti ove detta viabilità attraversa i centri abitati. Tali compensazioni dovranno essere
formalizzate e concordate con il Comune di Conselice da definirsi formalmente entro l’inizio dei
lavori.
3.B.8. RIFIUTI
L’attività dell’impianto OdA è finalizzata al recupero/riciclo (R5) di rifiuti speciali anche pericolosi
costituiti da scorie derivanti dalla termovalorizzazione di rifiuti solidi urbani e rifiuti speciali non
pericolosi, per l’ottenimento di materiali in forma granulare denominati Matrix® (in particolare,
Sand Matrix® 0-2 mm e Sand Matrix® 0-4 mm) da destinare, cessando la qualifica di rifiuto, al
riutilizzo in processi “a caldo” per la produzione di clinker e di laterizi, in sostituzione di materie
prime naturali.
Il trattamento dei rifiuti in ingresso consiste esclusivamente in operazioni di tipo fisico-meccanico,
quali vagliatura, deferrizzazione, demetallizzazione, cernita manuale, macinazione, comprese
operazioni di miscelazione; il processo di “maturazione” non costituisce un trattamento atto a
superare/abbattere le eventuali caratteristiche di pericolosità delle scorie di combustione, per la
produzione di Matrix®. Le operazioni di miscelazione previste in impianto sono finalizzate ad
omogeneizzare le caratteristiche delle diverse tipologie di rifiuti in ingresso, con l’obiettivo di
rendere ottimale e più sicuro il recupero finale, senza nessun trattamento specifico successivo; non
si tratta pertanto di attività funzionale e propedeutica alle diverse successive operazioni di
trattamento di tipo fisico-meccanico che vengono svolte in impianto sui rifiuti in miscela.
La cessazione della qualifica di rifiuto dei prodotti Matrix® ottenuti nell’impianto OdA di
Conselice viene determinata, nel caso di specie, sulla base delle specifiche condizioni fissate nel
70
provvedimento di AIA, anche con riferimento all’assimilazione ovvero riconducibilità di questi
materiali a norme di settore e/o specifiche commerciali, ferma restando la dimostrazione della
destinazione effettiva e oggettiva all’utilizzo per gli scopi specifici individuati (processi “a caldo”
per la produzione di clinker e di laterizi).
Ai sensi del combinato disposto dall'art. 184-ter, comma 3) del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. e
dell'art. 9-bis, comma 1, lettera a) della Legge n. 210/2008, nelle more dell’emanazione di specifici
criteri a livello comunitario ovvero nazionale, i rifiuti sottoposti a operazioni di recupero possono
cessare di essere tali qualora conformi, non solo alle disposizioni di cui al DM 05/02/1998 e s.m.i. e
al DM n. 162/2002 per il recupero in regime semplificato dei rifiuti non pericolosi e pericolosi, ma
anche alle autorizzazioni rilasciate ai sensi dell’art. 208 del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. e alle AIA
di cui al Titolo III-bis della parte del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i., riconoscendo pertanto all’atto
autorizzatorio in regime ordinario la funzione di fissare, caso per caso, le condizioni ai fini della
cessazione della qualifica di rifiuto.
Nel definire con il provvedimento di AIA i criteri per la cessazione della qualifica di rifiuto, si è
quindi necessariamente fatto riferimento alle condizioni di cui all’art. 184-ter del D.Lgs. n.
152/2006 e s.m.i., tenendo in considerazione l’importanza di un sistema di gestione ambientale
debitamente strutturato, in maniera da verificare la piena conformità ai criteri, in particolare alle
caratteristiche qualitative dei prodotti ottenuti dall'operazione di recupero, alla corrispondenza a
norme di settore e specifiche commerciali esistenti, a precisi obblighi di monitoraggio delle varie
fasi del processo, all’uso di apposite dichiarazioni di conformità per i prodotti generati dal recupero
di rifiuti, destinati ad un utilizzo certo e in un contesto ben definito.
Si rammenta che, ai sensi dell’art. 184-ter, comma 5 del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i., la disciplina in
materia di gestione dei rifiuti si applica fino alla cessazione della qualifica di rifiuto.
Al fine di valutare potenziali impatti riconducibili alla produzione dei rifiuti connessa all'esercizio
dell’impianto OdA, è da rilevare infine che dal processo di trattamento/recupero delle scorie di
combustione derivano unicamente rifiuti non pericolosi, per un quantitativo annuo
complessivamente stimato pari a 22.500 t/anno, nell’ipotesi di funzionamento a pieno regime
dell’impianto (250.000 tonnellate/anno di rifiuti in ingresso), che sono in maggioranza (oltre il
90%) destinati a recupero esterno in acciaierie e/o fonderie (materiali ferrosi CER 190102, metalli
non ferrosi CER 191203, rifiuti di ferro acciaio CER 191001); solo i materiali incombusti (CER
191212) sono destinati a smaltimento presso impianti esterni autorizzati.
Nella tabella seguente si riassumono i principali rifiuti prodotti dall’impianto OdA e le relative
modalità di deposito preliminare al successivo recupero/smaltimento esterno.
Codice
CER
Descrizione rifiuti
Attività di
provenienza
Stato
Fisico
190102
Materiali ferrosi
Trattamento
scorie di
combustione
solido
191212
Materiali incombusti
Trattamento
scorie di
combustione
solido
Modalità di gestione
Deposito preliminare
(denominato DT4
con capacità pari a 900 m3)
in cumulo delimitato da pareti in c.a. su
tre lati all’interno di edificio coperto e
tamponato lateralmente, su
pavimentazione industriale
Deposito preliminare
(denominato DT2
con capacità pari a 410 m3)
in cumulo delimitato da pareti in c.a. su
tre lati all’interno di edificio coperto e
tamponato lateralmente, su
pavimentazione industriale
Produzione
annua
stimata
(t/anno)
15900
1750
71
Codice
CER
Descrizione rifiuti
Attività di
provenienza
191001
Rifiuti di ferro e
acciaio
Trattamento
scorie di
combustione
191203
Metalli non ferrosi
Trattamento
scorie di
combustione
vari
Imballaggi, oli esausti,
Manutenzione e
materiali assorbenti,
gestione
rifiuti da manutenzione
impianto
e/o da attività di ufficio
190814
Fanghi
Trattamento
acque
da
definire
Acque reflue lavaggio
ruote
Lavaggio ruote
Acque di percolazione
aree di processo
Stoccaggio e
maturazione
scorie –
stoccaggio
Matrix e rifiuti
161004
Stato
Fisico
Modalità di gestione
Deposito preliminare
(denominato DT1
con capacità pari a 340 m3)
solido in cumulo delimitato da pareti in c.a. su
tre lati all’interno di edificio coperto e
tamponato lateralmente, su
pavimentazione industriale
Deposito preliminare
(denominato DT3
con capacità pari a 410 m3)
solido in cumulo delimitato da pareti in c.a. su
tre lati all’interno di edificio coperto e
tamponato lateralmente, su
pavimentazione industriale
Deposito preliminare
(denominato DT7
con capacità pari a 50 m3)
solidoin cassone, serbatoio o big-bag in area
liquido
coperta all’interno
dell’officina/magazzino su
pavimentazione industriale
Deposito preliminare
(denominato DT6
con capacità pari a 30 m3)
fangoso
in big-bags da 1 m3 in edificio
palabile
impianto chimico-fisico dotato di rete
per la raccolta di eventuali acque di
sgrondo
Vasca chiusa
in prossimità del lavaggio ruote
liquido
(avvio a smaltimento contestuale alla
produzione)
liquido
Deposito preliminare (denominato
DT5) in vasca chiusa TK 01 da 42 m3
Produzione
annua
stimata
(t/anno)
1600
3250
50
50
300
500
I rifiuti in ingresso e in uscita dovranno essere gestiti in conformità alle Migliori Tecniche
Disponibili (MTD); in particolare, il loro stoccaggio/deposito temporaneo non dovrà generare in
nessun modo contaminazioni del suolo e delle acque.
Nel caso di eventuali modifiche dell’impianto, il gestore dovrà preferire le scelte impiantistiche che
permettano di ridurre la produzione di rifiuti, soprattutto pericolosi.
3.B.9. MISURE DI MITIGAZIONE E COMPENSAZIONE DEGLI IMPATTI
Non emerge la necessità di adottare ulteriori sistemi di mitigazione e contenimento degli impatti
ambientali oltre a quanto già previsto nel progetto e nel punto 3.B.7.
72
3.C. PRESCRIZIONI IN MERITO AL QUADRO DI RIFERIMENTO AMBIENTALE
Al fine di minimizzare l’impatto sull’ambiente si ritengono necessarie che vengano rispettate le
prescrizioni riportate in seguito.
EMISSIONI IN ATMOSFERA
1. Per i punti di emissione E1 e E2 si indicano i seguenti valori limite di emissione che si applicano
ai "periodi di normale funzionamento" dell'impianto, intesi come i periodi in cui l'impianto è in
funzione con esclusione dei periodi di avviamento e di arresto e dei periodi in cui si verificano
anomalie o guasti tali da non permettere il rispetto dei valori stessi. Non costituiscono in ogni
caso periodi di avviamento o di arresto i periodi di oscillazione che si verificano regolarmente
nello svolgimento della funzione dell'impianto.
Punto di emissione E1 –Aspirazioni aree pretrattamento scorie di combustione (filtro a
maniche)
Portata massima
Altezza minima
Diametro camino
Temperatura
Durata
Periodo Funzionamento
Concentrazione massima ammessa inquinanti
Polveri totali
[Nm3/h]
[m]
[mm]
[°C]
[h/d]
mg/Nm3
45.000
10
950
ambiente
14
06.00 – 20.00
Valore medio orario
10
Punto di emissione E2 – Aspirazioni aree trattamento scorie di combustione (filtro a maniche)
Portata massima
Altezza minima
Diametro camino
Temperatura
Durata
Periodo Funzionamento
Concentrazione massima ammessa inquinanti
Polveri totali
[Nm3/h]
[m]
[mm]
[°C]
[h/d]
mg/Nm3
80.000
15
1300
ambiente
14
06.00 – 20.00
Valore medio orario
10
2. Per il punto di emissione E3 si prende atto delle caratteristiche delle emissioni in atmosfera
provenienti dalla caldaia ad uso riscaldamento uffici/locali, alimentata a metano, con potenza
termica nominale pari a circa 211 kW, senza indicare limiti di emissione specifici, salvo quanto
indicato nelle successive prescrizioni.
3. Ciascun sistema di contenimento delle emissioni in atmosfera polverulente installato sui camini
E1, E2 (filtro a maniche) deve essere dotato di pressostato differenziale atto alla verifica del
buon funzionamento dei filtri stessi.
4. A seguito della messa in esercizio dell’impianto, per i punti di emissione E1, E2 deve essere
espletata la seguente procedura prevista, ai sensi dell'art. 269, comma 6) del D.Lgs. n. 152/2006
e s.m.i., all’atto della messa a regime:
“Terminata la fase di messa a punto e collaudo dell’impianto, il gestore procede alla messa a
regime effettuando almeno 3 autocontrolli delle emissioni in atmosfera afferenti ai camini E1,
E2 (cfr. Piano di Monitoraggio dell’impianto parte integrante dell’AIA), a partire dalla data
73
fissata per la messa a regime dell'impianto in un periodo di 10 giorni, dei quali uno il primo
giorno, uno l'ultimo giorno e uno in un giorno intermedio scelto dal gestore”.
Il periodo intercorrente tra la messa in esercizio e la messa a regime dell'impianto con i relativi
sistemi di contenimento delle emissioni in atmosfera afferenti ai camini E1, E2 non deve avere
durata superiore ai 4 mesi (da intendersi quale termine ultimo fissato per la messa a regime
dell’impianto, a decorrere dalla messa in esercizio).
5. Durante il primo anno di funzionamento a far data dalla messa a regime dell’impianto, dovrà
essere effettuata a scopo conoscitivo una caratterizzazione delle polveri emesse dai camini E1,
E2, con frequenza trimestrale; nello specifico si dovranno ricercare i seguenti metalli: As, Cd,
Cr, Co, Cu, Mn, Ni, Pb, Sb, Tl, V, Sn, Zn, con le metodiche analitiche indicate nel Piano di
Monitoraggio dell’impianto parte integrante dell’AIA.
6. I filtri a maniche installati sui punti di emissione E1, E2 devono essere oggetto di manutenzione
periodica, con frequenza almeno quadrimestrale.
7. Oltre al traffico veicolare sulla viabilità interna (ED1), nell'impianto OdA si individuano le
seguenti fonti di emissioni in atmosfera diffuse riconducibili a:
§
ED2: ricezione/stoccaggio/maturazione/movimentazione scorie in ingresso;
§
ED3: stoccaggio/movimentazione prodotti Matrix®;
§
ED4: deposito temporaneo/movimentazione rifiuti prodotti;
§
ED5: depurazione acque reflue domestiche (vassoi assorbenti);
§
ED6: trattamento chimico-fisico acque di prima pioggia;
§
ED7: stoccaggio gasolio;
§
ED8: stoccaggio acque di percolazione;
per cui il gestore è comunque tenuto ad adottare tutti gli accorgimenti possibili atti a prevenire
eventuali emissioni maleodoranti e a limitare le emissioni diffuse polverulente.
8. Al fine di contenere le emissioni diffuse polverulente derivanti dalla fasi di movimentazione e
stoccaggio dei rifiuti in ingresso, le scorie da trattare in impianto sono stoccate in cumuli e
sottoposte al processo di maturazione esclusivamente al coperto, all’interno del preposto
capannone tamponato su tutti i lati, con aperture di accesso degli automezzi dotate di saliscendi
sono comunque previste operazioni di bagnatura dei cumuli attraverso nebulizzazione di acqua.
9. Per il contenimento delle emissioni diffuse polverulente devono essere altresì praticate idonee
operazioni programmate di pulizia dei piazzali esterni ricorrendo, qualora necessario, alla
umidificazione degli stessi. Deve essere prevista inoltre idonea copertura dei mezzi di trasporto.
10. La piantumazione prevista, quale ostacolo alla potenziale diffusione di sostanze polverulente,
deve essere supportata da impianto irriguo a goccia e verificata periodicamente prevedendo
eventuali pronte sostituzioni/integrazioni.
11. Il gestore è comunque tenuto ad adottare tutte le precauzioni opportune per ridurre al minimo le
emissioni durante le fasi di avviamento e di arresto dell’impianto.
12. Qualora dovessero evidenziarsi problemi di odori molesti, durante lo stoccaggio delle materie
prime e di servizio/ausiliarie, il gestore dovrà provvedere ad un sollecito smaltimento.
74
SCARICHI IDRICI
13.
Il gestore è autorizzato, ai sensi dell’art. 124 del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. e della DGR n.
286/2005, ad effettuare lo scarico in acque superficiali di acque di prima pioggia sottoposte a
trattamento chimico-fisico (S2) nel rispetto delle seguenti condizioni e prescrizioni:
a) nel pozzetto ufficiale di prelevamento, devono essere rispettati i valori limite di emissione
indicati nella Tabella 3 dell’Allegato 5 alla Parte III del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. per lo scarico
in acque superficiali (S2) delle acque di prima pioggia sottoposte a trattamento chimico-fisico;
b) possono eventualmente confluire allo scarico S2 le acque di seconda pioggia accumulate e
successivamente sottoposte a trattamento chimico-fisico unitamente alle acque di prima pioggia,
nel caso in cui la sommatoria tra acque meteoriche di dilavamento delle coperture e acque di
seconda pioggia superi il limite idraulico di 800 m3/h per lo scarico in acque superficiali.
14.
Al fine di verificarne la corretta classificazione normativa ovvero l’esclusione dal campo di
applicazione della DGR n. 286/2005, a seguito della messa in esercizio dell’impianto il gestore
dovrà effettuare 3 campionamenti di tipo istantaneo delle acque meteoriche di dilavamento delle
coperture, in occasione di eventi meteorici distinti, nel punto ufficiale di prelevamento con
scarico in acque superficiali S1. Le verifiche sono da condurre per i parametri e con le modalità
specificate nel piano di monitoraggio di cui al provvedimento di AIA, avendo a riferimento i
limiti indicati per lo scarico in acque superficiali nella Tabella 3 dell’Allegato 5 alla Parte III del
D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i.
15.
Al fine di verificarne la corretta classificazione ai sensi della DGR n. 286/2005, durante il
primo anno di esercizio dell’impianto il gestore dovrà effettuare 3 campionamenti di tipo
istantaneo delle acque di seconda pioggia, in occasione di eventi meteorici distinti che attivano
lo scarico, nel punto ufficiale di prelevamento con scarico in acque superficiali S3 (non sempre
in un evento meteorico c’è l’attivazione dello scarico delle acque di seconda pioggia). Le
verifiche sono da condurre per i parametri e con le modalità specificate nel piano di
monitoraggio di cui al provvedimento di AIA, avendo a riferimento i limiti indicati per lo
scarico in acque superficiali nella Tabella 3 dell’Allegato 5 alla Parte III del D.Lgs. n. 152/2006
e s.m.i..
16.
Qualora dalle verifiche analitiche di cui ai precedenti punti 2. e 3. emergessero, anche già
dal primo campionamento, superamenti dei valori limite di emissione per lo scarico in acque
superficiali di cui alla Tabella 3 dell’Allegato 5 alla Parte III del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i., la
classificazione effettuata ai sensi della DGR n. 286/2005 degli scarichi idrici S1 e S3 è da
intendersi non corretta. Nell’eventualità, le acque meteoriche dovranno essere accumulate e
avviate a smaltimento/trattamento esterno come rifiuti ovvero al trattamento chimico-fisico in
loco, previa idonea caratterizzazione analitica.
17.
Al fine di assicurare un buon funzionamento, la fossa Imhoff e i pozzetti degrassatori
(qualora installati), dovranno essere puliti periodicamente, almeno 1 volta all’anno, da ditte
autorizzate; la documentazione attestante l’avvenuta pulizia dovrà essere conservata presso
l’impianto, a disposizione degli organi di vigilanza.
18.
Devono essere adottare le procedure di intervento previste nel Manuale Operativo di
Gestione dell’impianto al fine di evitare, ove possibile, ovvero ridurre le emissioni in acqua in
condizioni eccezionali prevedibili (es. dispersione accidentale di sostanze pericolose e reagenti
utilizzati per il trattamento delle acque di prima pioggia).
75
EMISSIONI NEL SUOLO E SOTTOSUOLO
19.
Devono essere adottare le procedure di intervento previste nel Manuale Operativo di
Gestione dell’impianto per la protezione del suolo in condizioni eccezionali prevedibili (es.
dispersione accidentale di sostanze pericolose e reagenti utilizzati per il trattamento chimicofisico delle acque di prima pioggia).
VEGETAZIONE, FAUNA ED ECOSISTEMI
20.
La realizzazione di punti di illuminazione notturna in aumento rispetto a quanto esistente o
la sostituzione di quelli esistenti dovrà essere effettuata mediante fari che proiettino i raggi
luminosi esclusivamente verso il basso.
EMISSIONI SONORE
21.
Avendo a riferimento i limiti di emissione e immissione sonora previsti dal DPCM
14/11/1997, secondo la zonizzazione acustica comunale vigente, l’area su cui sorge l’impianto
OdA ricade in Classe acustica V ovvero “aree prevalentemente produttive”, con limite di
immissione sonora diurno di 70 dB(A) e notturno di 60 dB(A). Le aree poste in direzione Ovest,
a Est e a Sud dell’impianto OdA appartengono alla Classe acustica III (aree extra-urbane – zone
agricole); in adiacenza sul lato Est dell’impianto OdA, si rileva la Classe acustica IV relativa
alla fascia di rispetto della Via Selice (SP n. 610), mentre le aree di progetto prevalentemente
produttive poste a Nord ricadono in Classe acustica V. Ai fini dell'applicazione del criterio
differenziale, e quindi della verifica del rispetto dei valori limite differenziali di immissione
sonora pari a 5 dBA per il periodo diurno e 3 dBA per il periodo notturno presso i recettori
sensibili, sono fatte salve le relative condizioni previste dal DPCM 14/11/1997.
22.
Entro 6 mesi dalla data di messa a regime dell'impianto, deve essere svolta una campagna di
rilievi fonometrici per la verifica dei valori di rumorosità prodotti dall'impianto a regime, al fine
di confermare le stime previsionali effettuate e aggiornare la valutazione di impatto acustico nei
confronti dell'esterno, secondo quanto stabilito nell’AIA in termini di notifica e modalità
operative per il monitoraggio delle emissioni sonore.
23.
In caso di modifiche impiantistiche che possano comportare una variazione dell’impatto
acustico nei confronti dell’esterno, il gestore dovrà effettuare una valutazione preventiva
dell’impatto acustico da presentare con l'apposita istanza ai sensi dell'art. 29-nonies del D.Lgs.
n. 152/2006 e s.m.i..
24.
Il gestore è comunque tenuto ad intervenire tempestivamente in caso di avaria funzionale
avvertibile da sopralluoghi per controlli visivi e uditivi.
GESTIONE RIFIUTI
25.
L’esercizio dell’attività di recupero/riciclo (R5), mediante trattamento di tipo fisicomeccanico comprese operazioni di miscelazione, di rifiuti speciali anche pericolosi a matrice
inerte (scorie di combustione) per l’ottenimento di prodotti denominati Matrix® è autorizzato,
ai sensi dell’art. 208 del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i., nel rispetto delle seguenti prescrizioni e
condizioni:
a) le tipologie di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi ammesse al recupero/riciclo (R5)
nell’impianto sono così identificate:
CER
19 01 11*
19 01 12
19 12 12
Descrizione
ceneri pesanti e scorie, contenenti sostanze pericolose
ceneri pesanti e scorie, diverse da quelle di cui alla voce 19 01 11
altri rifiuti (compresi materiali misti) prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti, diversi
da quelli di cui alla voce 19 12 11
76
Per tutte le tipologie sopraindicate, si tratta di scorie da incenerimento di rifiuti solidi urbani e
rifiuti speciali non pericolosi; in ogni caso, tali rifiuti provengono esclusivamente da impianti
di termovalorizzazione di rifiuti solidi urbani (RSU) eventualmente autorizzati
all’incenerimento anche di rifiuti speciali non pericolosi;
b)
i rifiuti non pericolosi identificati con codice CER 19 12 12 provengono, in prevalenza,
dal territorio della Regione Emilia-Romagna e devono essere costituiti esclusivamente da
scorie da incenerimento di rifiuti solidi urbani e speciali non pericolosi già sottoposte ad un
pretrattamento essenzialmente di tipo fisico-meccanico (vagliatura, deferrizzazione,
demetalizzazione);
c)
per i rifiuti identificati con il codice CER 19 12 12 nei FIR e nel registro di C/S, ovvero
nelle analoghe Schede SISTRI, deve comunque essere riportata la descrizione qualitativa dei
rifiuti stessi. Le tipologie di pretrattamento subito sono riportate nella relativa scheda di
omologazione, oltre alle caratteristiche del rifiuto stesso;
d)
i rifiuti di cui al codice CER 19 01 11* ammessi in impianto sono costituiti
esclusivamente da rifiuti pericolosi con caratteristiche di pericolo H4 e H8;
e)
l'attività dell'impianto OdA è destinata, in via prioritaria, al recupero delle scorie di
combustione prodotte dagli impianti di termovalorizzazione di rifiuti solidi urbani (RSU)
gestiti dalla società HERAmbiente S.p.A. nell'ambito dello stesso territorio regionale;
f)
i flussi dei rifiuti in ingresso da avviare a trattamento nell’impianto OdA vengono
preventivamente programmati e periodicamente aggiornati sulla base degli effettivi
conferimenti per rispettare la priorità indicata; al riguardo il gestore è tenuto a fornire idonea
evidenza documentale;
g)
il quantitativo massimo annuo di rifiuti complessivamente trattabili in impianto per il
recupero/riciclo (R5) è fissato in 250.000 tonnellate/anno di cui al massimo 62.500 t/anno
sono rifiuti pericolosi;
h)
i rifiuti vengono ammessi all’impianto secondo i criteri di omologazione e accettazione
indicati nel Manuale di Gestione Operativa dell'impianto che in particolare:
§ rispetto alla procedura di omologazione adottata, definisce i limiti di accettazione previsti
dalla specifica di impianto, da declinare per i rifiuti in ingresso pericolosi e non
pericolosi, per almeno i parametri chimici oggetto di analisi secondo quanto previsto dal
Piano di Monitoraggio dell’impianto parte integrante dell'AIA;
§ esplicita le modalità di esecuzione del “carico di prova” su cui sono svolte ulteriori
indagini analitiche per la verifica di conformità, oltre al test di miscelazione, come da
Piano di Monitoraggio dell’impianto parte integrante dell'AIA;
i)
nel caso di carichi non conformi, il rifiuto andrà caricato sui mezzi di trasporto e respinto
al mittente con le modalità descritte nella fase di accettazione;
j)
nell’impianto è individuata un’unica area per la verifica di conformità dei rifiuti non
pericolosi conferiti per cui dovrà essere, di volta in volta, garantita l’identificazione univoca
della tipologia di rifiuto (codice CER 190112 ovvero CER 191212) in quel momento
segregato nell’area appunto identificata (box AL3);
k)
lo stoccaggio dei rifiuti in ingresso all’impianto OdA non costituisce operazione
autonoma di gestione dei rifiuti ma attività ausiliaria, funzionale e strettamente connessa con
il trattamento di tipo fisico-meccanico (R5) nell’impianto stesso;
l)
sono ammessi in impianto mezzi di trasporto dei rifiuti con adeguate caratteristiche sia
per il contenimento dei rifiuti durante il trasporto, sia per lo scarico degli stessi senza creare
pregiudizio alle operazioni di gestione dell’area di stoccaggio;
77
m)
nelle strutture di ricevimento e stoccaggio dei rifiuti a servizio delle linee di trattamento
dell'impianto OdA vengono effettuate anche operazioni di miscelazione per
l’omogeneizzazione dei rifiuti in ingresso. Nell'ambito dell'operazione di recupero (R5) è
espressamente autorizzata anche l'attività di miscelazione di rifiuti in deroga al divieto di cui
all'art. 187, comma 1) del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. nel rispetto delle specifiche
disposizioni sulla gestione dei rifiuti stabilite nel provvedimento di AIA, nonchè nel rispetto
delle disposizioni generali indicate alle lettere a), b), c) del comma 2) del medesimo art. 187
del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i.. Le operazioni di miscelazione sono finalizzate ad
omogeneizzare le caratteristiche delle diverse tipologie di rifiuti in ingresso anche pericolosi,
senza subire alcun trattamento specifico successivo, con l’obiettivo di renderne ottimale e più
sicuro il recupero finale. Nel Manuale di Gestione Operativa dell'impianto sono riportate le
modalità di esecuzione del test di miscelazione dei rifiuti in ingresso che viene eseguito, in
due distinti momenti, nell’ambito del processo di omologazione del rifiuto che si intende
conferire all’impianto;
n)
presso l’impianto andrà custodito il Registro d’Impianto composto da:
§
Scheda accettazione rifiuti e relativa documentazione;
§ Foglio excel gestionale in cui sono specificati: quantità e relative tipologie (codici CER)
dei rifiuti miscelati in impianto; esiti delle prove di miscelazione in impianto; analisi
chimiche di caratterizzazione;
o)
dove prevedibile l’accumulo di materiale caduto dai nastri o dai loro rulli di sostegno
dovrà essere previsto un sistema di convogliamento e accumulo in idonei contenitori;
p)
i rifiuti non potranno rimanere in trattamento (R5) presso l'impianto per un periodo
superiore a 6 mesi a far data dalla loro presa in carico;
q)
ai fini della cessazione di qualifica di rifiuto, i prodotti Matrix® ottenuti nello
stabilimento di Conselice possono essere utilizzati in sostituzione di materie prime naturali
esclusivamente in processi produttivi definiti “a caldo”, per cui sono da intendersi le
lavorazioni del materiale sottoposto a temperature intorno a 900-1.500°C. In particolare, le
possibili applicazioni dei prodotti Matrix® ottenuti nello stabilimento di Conselice sono:
§
produzione di clinker (T ~ 1.500°C): in questo processo produttivo, il Matrix® 0-2 mm e
il Matrix® 0-4 mm possono essere sostitutivi della marna naturale e impiegati come
correttivo nella ricetta per la farina macinata;
§ produzione di laterizi (T ~ 900-1.200°C): in questo processo produttivo, il Matrix® 0-2
mm può essere impiegato in sostituzione degli inerti naturali (sabbie) come smagrante
dell’argilla;
dovrà essere garantita la tracciabilità del processo produttivo in cui il Matrix® viene
utilizzato, anche in termini di quantitativi annui conferiti, mediante, ad esempio, la tenuta di
un registro delle aziende a cui viene destinato tale materiale (con regolare contratto
sottoscritto fra le parti). Il materiale prodotto nell’impianto dovrà essere conferito
direttamente alle aziende presso le quali avviene l’utilizzo del Matrix®.
r)
nel Manuale di Gestione Operativa dell'impianto sono definite le specifiche di riferimento
per ogni singola pezzatura di Matrix® alle quali riferirsi per la verifica di conformità ai
parametri ricercati nel prodotto, secondo quanto indicato nel Piano di Monitoraggio
dell’impianto parte integrante del provvedimento di AIA, anche differenziate per tipologia di
impianto produttivo al quale il Matrix® viene indirizzato. Qualora risultassero non conformi
ai criteri stabiliti con il provvedimento di AIA, i materiali ottenuti si configurano come rifiuti
e pertanto soggetti al relativo regime normativo;
26.
La classificazione e la gestione dei rifiuti in ingresso e in uscita deve avvenire secondo
quanto previsto alla Parte IV del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i., anche attraverso l’utilizzo di
78
determinazioni di carattere analitico e in conformità con quanto previsto nel Manuale di
Gestione Operativa dell'impianto che comprende, tra l’altro, l’elenco aggiornato delle diverse
tipologie dei rifiuti prodotti in proprio.
27.
Le polveri captate dai filtri a maniche, aventi caratteristiche chimiche analoghe ai rifiuti in
ingresso e destinati a trattamento nell’impianto, sono raccolte in big-bags da collocare in idonea
area con cartelli identificativi e possono essere reintrodotte nel ciclo di lavorazione, previa
eventuale bagnatura per evitare la dispersione delle stesse. La fase di umidificazione e di
reintroduzione nel ciclo produttivo deve avvenire con modalità tali da evitare qualsiasi
dispersione aerea di tali materiali nonché la produzione di percolati, adottando tutti gli
accorgimenti tecnici necessari. Deve essere tenuta apposita registrazione delle quantità prodotte
e reimpiegate nel processo di trattamento delle scorie per l’ottenimento dei prodotti Matrix®.
28.
Nel caso in cui non venga previsto il loro riutilizzo nel ciclo produttivo svolto in impianto,
tali materiali costituiscono rifiuti da gestire ai sensi della Parte IV del D.Lgs. n. 152/2006 e
s.m.i. e deve essere aggiornato l’apposito elenco dei rifiuti prodotti contenuto nel Manuale di
Gestione Operativa dell'impianto.
29.
I detriti rimossi con le acque reflue del sistema di lavaggio ruote, accumulati in apposita
vasca chiusa, sono avviati, contestualmente alla produzione, a smaltimento come rifiuti presso
impianti esterni autorizzati.
30.
I fanghi prodotti dal trattamento chimico-fisico in loco delle acque di prima pioggia,
accumulati in big-bags, sono avviati a smaltimento come rifiuti presso impianti esterni
autorizzati.
31.
Il gestore è tenuto al rispetto degli obblighi di cui al D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. in materia
di registro di carico/scarico e trasporto dei rifiuti, ovvero degli analoghi adempimenti istituiti
attraverso il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI).
32.
In particolare, deve essere tenuta registrazione del carico/scarico dei rifiuti oggetto del
trattamento nonché dei rifiuti prodotti nell’esercizio dell’attività autorizzata.
33.
È consentito il deposito temporaneo, per categorie omogenee, dei rifiuti prodotti nelle
preposte aree individuate nell'impianto purché attuato in conformità a quanto previsto dall’art.
183, comma 1, del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. In particolare, il deposito temporaneo dei rifiuti
prodotti non deve generare in alcun modo contaminazioni delle acque e del suolo; a tal fine
dovranno essere evitati sversamenti di rifiuti al di fuori dei preposti contenitori e tutte le aree
esterne di deposito devono essere impermeabilizzate.
34.
Per il deposito temporaneo dei rifiuti prodotti in proprio, prima della messa in esercizio
dell’impianto, il gestore deve indicare di quale criterio gestionale intende avvalersi (temporale o
quantitativo), adottando ad esempio specifica procedura nell’ambito del SGA. Tale indicazione
deve essere comunque contenuta nel Manuale di Gestione Operativa dell'impianto.
35.
Il gestore è tenuto a verificare che il soggetto a cui consegna i propri rifiuti sia in possesso
delle necessarie autorizzazioni, nonché verificare, nell'ambito degli obblighi di monitoraggio, lo
stato di giacenza dei depositi temporanei, sia come somma delle quantità dei rifiuti pericolosi,
sia come somma delle quantità dei rifiuti non pericolosi.
36.
Le aree interessate da movimentazione e stoccaggio/deposito nonché dalle soste operative
dei mezzi che intervengono a qualsiasi titolo sui rifiuti devono essere impermeabilizzate e
79
realizzate in modo da garantire la salvaguardia delle acque e del suolo nonché il rapido
intervento in caso di sversamenti accidentali.
37.
Le aree destinate al deposito preliminare dei rifiuti andranno contrassegnate con indicazioni
leggibili e visibili, riportando le denominazioni indicate nell’apposita Planimetria dei depositi e
stoccaggi allegata al provvedimento di AIA; tali aree devono essere inoltre protette dagli agenti
atmosferici (acque meteoriche, vento, ecc.) in modo da impedire qualsiasi forma di dilavamento
o di trasporto di materiale polverulento.
38.
Eventuali contenitori di rifiuti andranno contrassegnati con etichette o targhe riportanti la
sigla di identificazione impiegata per la compilazione del registro di carico e scarico ovvero
dell’analoga Scheda SISTRI.
39.
Durante le operazioni di carico/scarico, movimentazione e stoccaggio/deposito dei rifiuti
deve essere evitato ogni danno o pericolo per la salute degli addetti e ogni rischio di
inquinamento dell’aria, dell’acqua e del suolo, nonché inconvenienti igienico-sanitari dovuti a
rumore e a cattivi odori.
40.
I rifiuti incompatibili fra loro per caratteristiche chimico-fisiche e che possono reagire
pericolosamente dando luogo a formazione di prodotti esplosivi e/o infiammabili, ovvero
sviluppo di calore devono essere stoccati in modo distinto per escludere possibilità di contatto
diretto.
41.
Le strutture di deposito dei rifiuti devono essere dotate di apposita segnaletica che consenta
di identificare in modo univoco il contenuto.
42.
Nelle zone di deposito/stoccaggio e movimentazione dei rifiuti devono essere apposte
idonee tabelle che riportino le norme di comportamento del personale addetto.
43.
É fatto salvo altresì il rispetto delle normative in materia di sicurezza, igiene e tutela del
lavoro, di prevenzione incendi e rischio di incidente rilevante, oltre a quanto regolamentato con
il provvedimento di AIA in materia di emissioni in atmosfera, scarichi idrici e inquinamento
acustico e nel presente Rapporto Ambientale.
CONSUMI DI RISORSE ENERGETICHE E IDRICHE, MATERIE PRIME E DI
SERVIZIO/AUSILIARIE
44.
Qualora emergessero criticità nei consumi di acqua ad uso industriale rispetto ai prelievi
stimati in fase progettuale, il gestore dovrà valutare elementi di miglioramento attraverso, ad
esempio, il recupero di acque meteoriche non suscettibili di essere contaminate,
preventivamente stoccate, verificandone la fattibilità dell'utilizzo in impianto per forme d'uso
compatibili.
PAESAGGIO
45. Dovranno essere piantumate perimetralmente ulteriori alberature ed elementi arbustivi, tutti
autoctoni;
TRAFFICO
46. formalizzare e concordare con il Comune di Conselice interventi compensativi finalizzati ad
aumentare la sicurezza dell'utenza più debole (ciclo-pedonale) nei tratti ove detta viabilità
attraversa i centri abitati da definirsi formalmente entro l’inizio dei lavori.
80
MONITORAGGIO E CONTROLLO DELL’IMPIANTO
47. In merito agli opportuni requisiti di controllo e monitoraggio, il gestore dovrà provvedere a
verifiche periodiche secondo le modalità operative, le metodiche analitiche e le relative
procedure di valutazione specificate nel provvedimento di AIA.
81
4.
CONCLUSIONI
A conclusione delle valutazioni espresse nel presente Rapporto, si ritiene che il progetto per la la
realizzazione di un impianto di recupero rifiuti speciali a matrice inerte (scorie di combustione) in
Via Selice, 301/E nel comune di Conselice (RA) proposto da Officina dell’Ambiente spa sia nel
complesso ambientalmente compatibile.
Oltre alle opere di progetto e di mitigazione previste nel SIA e nelle successive integrazioni e
riportate nell’ambito del presente rapporto, si ritiene necessario, al fine di minimizzare gli impatti
attesi, che la realizzazione del progetto, la fase di esercizio e di monitoraggio, avvenga nel rispetto
delle prescrizioni previste nei quadri 1.C, 2.C, 3.C, di seguito trascritte.
La Conferenza di Servizi, inoltre, ritiene necessario precisare che la procedura di verifica
(screening) prevista dalla normativa vigente per le modifiche od estensioni di un impianto non
debba essere attivata per modifiche gestionali che non comportino un aumento della potenzialità
autorizzata dell’impianto nonchè modifiche sostanziali o non sostanziali di interventi edilizi se
prescritte nel presente rapporto o che non comportano una variazione sostanziale dell’impianto
autorizzato in sede della presente procedura di VIA.
Tali modifiche dovranno comunque essere oggetto di comunicazione o istanza di autorizzazione ai
sensi della vigente normativa.
1. L’impianto deve essere realizzato secondo le modalità, opere, mitigazioni previste dal progetto.
2. L’impianto di illuminazione deve essere realizzato in maniera da direzionare i fasci luminosi
esclusivamente verso le aree dell’impianto e nel rispetto della normativa vigente riguardante
l’inquinamento luminoso.
3. Per quanto riguarda il permesso di costruire delle opere da realizzare si indica quanto segue:
i. l'intervento è soggetto al pagamento degli oneri di urbanizzazione (U1 + U2 + Quote D e
S) di cui all’art. 28 della Legge Regionale 31/2002, stabiliti in base a Deliberazione di C.C.
del Comune di Conselice, determinati in Euro 76.314,80 da versare all’atto del ritiro
dell'autorizzazione o in forma rateizzata nelle modalità stabilite nell'allegato C del RUE
dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna;
ii. è altresì dovuta la monetizzazione per la mancata cessione di parcheggio pubblico,
determinata in Euro 33.786,20 (relativi a mq 314,70 di parcheggio) da versare all’atto del
ritiro dell'autorizzazione o in forma rateizzata nelle modalità stabilite nell'allegato C del
RUE dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna;
iii. l’esecuzione delle opere dovrà inoltre avvenire alle condizioni seguenti:
a) inizio lavori entro 1 anno dalla data del rilascio del titolo abilitativo;
b) termine di ultimazione entro 3 anni dalla data del titolo abilitativo;
iv. il committente responsabile dei lavori o il legale rappresentante dell'impresa esecutrice,
prima dell'inizio dei lavori, dovrà presentare al Servizio Edilizia dell'Unione dei Comuni
della Bassa Romagna:
a) dichiarazione di avvenuta verifica di idoneità tecnica allo svolgimento dei lavori;
b) documentazione prefettizia attestante l'insussistenza delle condizioni di mafiosità.
La procedura indicata riguarda le imprese affidatarie ed esecutrici di lavori di importo pari
o superiore a € 70.000,00; per importi inferiori è sufficiente la dichiarazione sostitutiva di
certificazione antimafia con riferimento al permesso di costruire. In tal caso il controllo
dell'autocertificazione può essere posticipato nell'ambito dei controlli a campione previsti
per legge con richiesta della Prefettura;
v. nel corso dei Lavori dovranno applicarsi tutte le norme sulla prevenzione degli infortuni
sul lavoro;
vi. l’inizio lavori di opere a carattere strutturale è subordinato all’ottenimento di
autorizzazione sismica a norma dell’art. 18 della Legge 64/74, presentando istanza ai sensi
82
vii.
viii.
ix.
x.
xi.
xii.
xiii.
xiv.
dell’art. 11 della L.R. 19/2008; la data effettiva di inizio lavori dovrà essere
preventivamente comunicata, nelle modalità previste dal RUE vigente, mediante invio di
apposito modulo sottoscritto dal titolare del permesso, dalla Ditta esecutrice dei lavori, dal
Direttore dei lavori, delle opere strutturali, degli isolamenti ed impianti termici. A tale
comunicazione deve essere allegato il certificato di regolarità contributiva (DURC) della
Ditta o Ditte esecutrici delle opere, in originale e con data di validità non scaduta. Il
mancato o ritardato invio delle comunicazioni di inizio e fine lavori è punibile con
sanzione pecuniaria a termini di legge e determina una impossibilità ad ottenere
certificazioni attestanti tali date; qualora i lavori non siano ultimati nel termine stabilito il
titolare del permesso dovrà presentare nuova pratica inerente la parte o le opere non
ultimate;
varianti in corso d’opera dovranno essere richieste o presentate ai sensi della normativa
vigente;
ai sensi e per gli effetti delle norme vigenti per la costruzione delle opere in conglomerato
cementizio armato ed a struttura metallica, è fatto obbligo:
a) al costruttore, di presentare denuncia al Comune prima di iniziare le opere in cemento
armato o a struttura metallica e di conservarne copia vistata in cantiere;
b) al titolare del permesso di presentare al Comune, al termine dei lavori, il certificato di
collaudo delle opere onde ottenere il certificato di conformità edilizia e agibilità;
nell’esecuzione di tutte le opere devono essere scrupolosamente osservate tutte le norme di
sicurezza vigenti ed è tassativamente obbligatoria la continuità della direzione lavori da
parte di un tecnico iscritto al rispettivo albo professionale, nei limiti di competenza; nel
caso di sostituzione dell’impresa costruttrice o del Direttore dei lavori, il titolare del
permesso dovrà darne immediata notizia tramite comunicazione sottoscritta dal rinunciante
e dal nuovo incaricato;
in cantiere deve essere conservata copia del provvedimento autorizzativo e del progetto
approvato, da esibirsi ad ogni richiesta del personale di vigilanza o controllo, e deve essere
esposta una tabella recante gli estremi dell'autorizzazione, l’intestazione del committente,
della ditta esecutrice dei lavori, le generalità del progettista, del direttore dei lavori e di
tutte le figure professionali coinvolte;
nelle manomissioni di suolo pubblico, che devono essere sempre esplicitamente e
regolarmente autorizzate, si dovranno usare speciali cautele onde rimuovere ogni
eventualità di danno agli impianti dei servizi pubblici e, in presenza di tali impianti, si
dovrà immediatamente darne avviso all’Ufficio competente. Il ripristino delle opere ed
infrastrutture pubbliche deve avvenire, a cura e spese del titolare del permesso, entro il
termine fissato per l’ultimazione lavori ed eseguito a perfetta regola d’arte. Per interventi
su immobili esistenti è a carico del titolare del permesso la rimozione e rimessa in pristino
degli impianti Enel, Hera, Telecom e di pubblica illuminazione secondo modalità dettate
dagli uffici competenti;
non è consentito occupare le vie e gli spazi pubblici; occorrendo l’occupazione di tali vie e
spazi, deve essere richiesta l’apposita autorizzazione al Comune; le aree così occupate
devono essere restituite nel pristino stato, a lavoro ultimato o anche prima, qualora i lavori
venissero abbandonati o sospesi per più di un mese;
il luogo dei lavori deve essere chiuso, lungo i lati prospicienti vie e spazi pubblici, con
assito o idonea protezione di aspetto decoroso, di altezza non inferiore a m. 2,50 munito di
rifrangenti; ogni angolo sporgente dovrà essere provvisto di lanterna a vetri rossi che dovrà
restare accesa dall’ora corrispondente al tramonto a quella corrispondente al sorgere del
sole;
prima di dare inizio ai lavori, è necessario presentare, qualora dovuta, la relazione
riguardante l’isolamento termico e il progetto dell’impianto termico, presso il Servizio
83
Edilizia dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, che ne rilascerà copia vistata da
conservare in cantiere;
xv. i cantieri per la costruzione, completa ristrutturazione e/o demolizione dei fabbricati sono
soggetti all’applicazione della tariffa per la gestione dei rifiuti urbani, il cui pagamento
dovrà essere effettuato, a cura del titolare del permesso, a favore del gestore del servizio;
xvi. nel caso di demolizioni devono essere usate tutte le cautele atte ad evitare danni a persone
o cose, scuotimento del terreno o danneggiamento dei fabbricati vicini, ed eccessivo
spandimento delle polveri; la rimozione delle macerie, del materiale derivante da opere di
scavo ed il loro trasporto in impianti autorizzati dovrà avvenire nel pieno rispetto delle
normative vigenti in materia di gestione rifiuti;
xvii. per la sicurezza degli impianti dovranno essere rispettate le norme del D.M. 22/01/08 n. 37
e successive modifiche e integrazioni;
xviii. la domanda di conformità edilizia e agibilità di quanto edificato dovrà essere presentata al
Servizio Edilizia dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, entro 15 giorni dalla
comunicazione di ultimazione lavori, corredata dalla documentazione necessaria;
xix. il titolare dell'autorizzazione, il direttore dei lavori e l’assuntore dei medesimi, sono
responsabili di ogni inosservanza delle norme di legge, dei regolamenti, delle prescrizioni e
delle modalità esecutive fissate nell'atto autorizzativo;
xx. è fatto obbligo mantenere le destinazioni d’uso indicate nel progetto;
xxi. l’inosservanza del progetto approvato e delle relative varianti, nonché delle modalità
esecutive indicate nella documentazione tecnica allegata alla richiesta di autorizzazione,
comporta l’applicazione delle sanzioni di cui alla vigente legislazione in materia
urbanistica.
4. Le aperture di accesso degli automezzi al capannone industriale dedicato allo stoccaggio e
maturazione dei rifiuti in ingresso devono essere dotate di saliscendi, per il contenimento delle
emissioni diffuse polverulente.
5. Ai fini della compatibilità idraulica, prima della messa in esercizio dell'impianto, dovrà essere
realizzato alla distanza minima di 10 m dal piede d'argine del canale di scolo consorziale
Zaniolo, di quota pari o superiore alla sommità arginale del canale stesso, un pozzetto di
recapito finale di tutti gli scarichi idrici derivanti dal nuovo impianto OdA (denominati S1, S2,
S3), collegato all'esistente manufatto a canale mediante una condotta di scarico a gravità tarata
per una portata massima di 800 m3/h, pari a 220 l/s. L'attuazione di tale prescrizione comporta
variante al progetto definitivo approvato che dovrà essere preventivamente comunicata,
fornendo il tipo esecutivo previsto del nuovo manufatto di scarico a canale, e valutata ai sensi
dell'art. 208, comma 19 del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. anche ai fini dell'ottenimento del
necessario titolo abilitativo edilizio.
6. Occorrerà limitare al massimo l’ingresso di acque meteoriche nei vassoi assorbenti del sistema
di fitodepurazione a ricircolo totale previsto per le acque reflue domestiche (servizi igienici)
provenienti dall’impianto; si dovrà quindi avere particolare riguardo alle pendenze del terreno
circostante oppure prevedere dei piccoli argini perimetrali.
7. Nel caso di lavori di ristrutturazione e/o realizzazione dei servizi igienici occorrerà prevedere il
recapito delle acque saponate (lavandini, docce) in pozzetti degrassatori prima del trattamento in
fossa Imhoff.
8. Prima della messa in esercizio dell'impianto dovranno essere fornite, al Servizio Territoriale
ARPA di Ravenna - Unità IPPC-VIA, le indicazioni puntuali relative a marca, modello, capacità
e numero di sistemi installati, definite in fase di progettazione esecutiva, per tutti i sistemi di
triturazione, vagliatura (vaglio a pettine, vaglio stellare, ecc.), mulini, e nastri trasportatori.
84
9. Prima della messa in esercizio dell'impianto, dovrà essere fornita, al Servizio Territoriale ARPA
di Ravenna - Unità IPPC-VIA, una planimetria in scala adeguata con evidenza della rete
fognaria dedicata alla raccolta dei percolati eventualmente generati dai cumuli delle scorie in
maturazione.
10. Prima della messa in esercizio dell'impianto, il Manuale di Gestione Operativa dell'impianto
attualmente disponibile nella Rev. 02 del 12/02/2012 deve essere aggiornato con riferimento a
quanto stabilito nel provvedimento di AIA e presentato alla Provincia di Ravenna e al Servizio
Territoriale ARPA di Ravenna - Unità IPPC-VIA.
11. Il Manuale di Gestione Operativa dell’impianto dovrà essere sviluppato nel dettaglio
nell’ambito dell’implementazione del Sistema di Gestione Ambientale (SGA) conforme alla
norma UNI EN ISO 14001 che il gestore è tenuto ad adottare entro 1 anno dalla messa a regime
dell’impianto.
12. Dovranno essere attivate tutte le azioni necessarie per la Registrazione EMAS, percorso che il
gestore dichiara di voler intraprendere al fine di perseguire un continuo miglioramento delle
prestazioni ambientali dell’impianto. A tal proposito, entro 1 anno dall’ottenimento della
certificazione UNI EN ISO 14001, dovrà essere fornito riscontro circa lo stato di avanzamento
delle attività e dei tempi previsti per il loro completamento.
13. L’impianto deve essere esercito nel rispetto di quanto indicato nel provvedimento di AIA in
relazione alle MTD applicabili e secondo tutte le procedure di carattere gestionale inserite nel
Sistema di Gestione Ambientale (SGA) che il gestore è tenuto ad implementare e adottare
secondo quanto stabilito nell’AIA stessa. In particolare, l'impianto deve essere gestito secondo
le modalità e procedure indicate nel Manuale Operativo di Gestione dell'impianto predisposto
dal gestore che viene integralmente assunto come riferimento vincolante.
14. Con riferimento al Manuale Operativo di Gestione dell’impianto e al Sistema di Gestione
Ambientale (SGA) da implementare e adottare, tutte le emergenze devono essere gestite
secondo le procedure individuate, compresa la preparazione del personale. In particolare, per
l’impianto deve essere definito e adottato un Piano di Emergenza Interno in cui sono individuati
e analizzati i principali eventi accidentali da gestire (sversamenti, allagamenti, incendi,
anomalie, ecc.) e sono indicate le relative modalità di intervento, comprese le misure di
prevenzione.
15. All’atto della cessazione dell’attività, il sito su cui sorgerà l’impianto OdA dovrà essere
ripristinato ai sensi della normativa vigente in materia di bonifiche e ripristino ambientale,
tenendo conto delle potenziali fonti permanenti o accidentali di inquinamento del suolo e del
sottosuolo. In ogni caso il gestore dovrà provvedere a:
- lasciare il sito in sicurezza;
- bonificare impianti, vasche, serbatoi, contenitori, reti di raccolta acque reflue, pipeline, ecc.
provvedendo ad un corretto recupero ovvero smaltimento del contenuto;
- rimuovere tutti i rifiuti provvedendo ad un corretto recupero ovvero smaltimento degli
stessi.
EMISSIONI IN ATMOSFERA
16. Per i punti di emissione E1 e E2 si indicano i seguenti valori limite di emissione che si
applicano ai "periodi di normale funzionamento" dell'impianto, intesi come i periodi in cui
l'impianto è in funzione con esclusione dei periodi di avviamento e di arresto e dei periodi in cui
si verificano anomalie o guasti tali da non permettere il rispetto dei valori stessi. Non
85
costituiscono in ogni caso periodi di avviamento o di arresto i periodi di oscillazione che si
verificano regolarmente nello svolgimento della funzione dell'impianto.
Punto di emissione E1 –Aspirazioni aree pretrattamento scorie di combustione (filtro a
maniche)
Portata massima
Altezza minima
Diametro camino
Temperatura
Durata
Periodo Funzionamento
Concentrazione massima ammessa inquinanti
Polveri totali
[Nm3/h]
[m]
[mm]
[°C]
[h/d]
mg/Nm3
45.000
10
950
ambiente
14
06.00 – 20.00
Valore medio orario
10
Punto di emissione E2 – Aspirazioni aree trattamento scorie di combustione (filtro a maniche)
Portata massima
Altezza minima
Diametro camino
Temperatura
Durata
Periodo Funzionamento
Concentrazione massima ammessa inquinanti
Polveri totali
[Nm3/h]
[m]
[mm]
[°C]
[h/d]
mg/Nm3
80.000
15
1300
ambiente
14
06.00 – 20.00
Valore medio orario
10
17. Per il punto di emissione E3 si prende atto delle caratteristiche delle emissioni in atmosfera
provenienti dalla caldaia ad uso riscaldamento uffici/locali, alimentata a metano, con potenza
termica nominale pari a circa 211 kW, senza indicare limiti di emissione specifici, salvo quanto
indicato nelle successive prescrizioni.
18. Ciascun sistema di contenimento delle emissioni in atmosfera polverulente installato sui camini
E1, E2 (filtro a maniche) deve essere dotato di pressostato differenziale atto alla verifica del
buon funzionamento dei filtri stessi.
19. A seguito della messa in esercizio dell’impianto, per i punti di emissione E1, E2 deve essere
espletata la seguente procedura prevista, ai sensi dell'art. 269, comma 6) del D.Lgs. n. 152/2006
e s.m.i., all’atto della messa a regime:
“Terminata la fase di messa a punto e collaudo dell’impianto, il gestore procede alla messa a
regime effettuando almeno 3 autocontrolli delle emissioni in atmosfera afferenti ai camini E1,
E2 (cfr. Piano di Monitoraggio dell’impianto parte integrante dell’AIA), a partire dalla data
fissata per la messa a regime dell'impianto in un periodo di 10 giorni, dei quali uno il primo
giorno, uno l'ultimo giorno e uno in un giorno intermedio scelto dal gestore”.
Il periodo intercorrente tra la messa in esercizio e la messa a regime dell'impianto con i relativi
sistemi di contenimento delle emissioni in atmosfera afferenti ai camini E1, E2 non deve avere
durata superiore ai 4 mesi (da intendersi quale termine ultimo fissato per la messa a regime
dell’impianto, a decorrere dalla messa in esercizio).
20. Durante il primo anno di funzionamento a far data dalla messa a regime dell’impianto, dovrà
essere effettuata a scopo conoscitivo una caratterizzazione delle polveri emesse dai camini E1,
E2, con frequenza trimestrale; nello specifico si dovranno ricercare i seguenti metalli: As, Cd,
86
Cr, Co, Cu, Mn, Ni, Pb, Sb, Tl, V, Sn, Zn, con le metodiche analitiche indicate nel Piano di
Monitoraggio dell’impianto parte integrante dell’AIA.
21. I filtri a maniche installati sui punti di emissione E1, E2 devono essere oggetto di manutenzione
periodica, con frequenza almeno quadrimestrale.
22. Oltre al traffico veicolare sulla viabilità interna (ED1), nell'impianto OdA si individuano le
seguenti fonti di emissioni in atmosfera diffuse riconducibili a:
§ ED2: ricezione/stoccaggio/maturazione/movimentazione scorie in ingresso;
§ ED3: stoccaggio/movimentazione prodotti Matrix®;
§ ED4: deposito temporaneo/movimentazione rifiuti prodotti;
§ ED5: depurazione acque reflue domestiche (vassoi assorbenti);
§ ED6: trattamento chimico-fisico acque di prima pioggia;
§ ED7: stoccaggio gasolio;
§ ED8: stoccaggio acque di percolazione;
per cui il gestore è comunque tenuto ad adottare tutti gli accorgimenti possibili atti a prevenire
eventuali emissioni maleodoranti e a limitare le emissioni diffuse polverulente.
23. Al fine di contenere le emissioni diffuse polverulente derivanti dalla fasi di movimentazione e
stoccaggio dei rifiuti in ingresso, le scorie da trattare in impianto sono stoccate in cumuli e
sottoposte al processo di maturazione esclusivamente al coperto, all’interno del preposto
capannone tamponato su tutti i lati, con aperture di accesso degli automezzi dotate di saliscendi
sono comunque previste operazioni di bagnatura dei cumuli attraverso nebulizzazione di acqua.
24. Per il contenimento delle emissioni diffuse polverulente devono essere altresì praticate idonee
operazioni programmate di pulizia dei piazzali esterni ricorrendo, qualora necessario, alla
umidificazione degli stessi. Deve essere prevista inoltre idonea copertura dei mezzi di trasporto.
25. La piantumazione prevista, quale ostacolo alla potenziale diffusione di sostanze polverulente,
deve essere supportata da impianto irriguo a goccia e verificata periodicamente prevedendo
eventuali pronte sostituzioni/integrazioni.
26. Il gestore è comunque tenuto ad adottare tutte le precauzioni opportune per ridurre al minimo le
emissioni durante le fasi di avviamento e di arresto dell’impianto.
27. Qualora dovessero evidenziarsi problemi di odori molesti, durante lo stoccaggio delle materie
prime e di servizio/ausiliarie, il gestore dovrà provvedere ad un sollecito smaltimento.
SCARICHI IDRICI
28. Il gestore è autorizzato, ai sensi dell’art. 124 del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. e della DGR n.
286/2005, ad effettuare lo scarico in acque superficiali di acque di prima pioggia sottoposte a
trattamento chimico-fisico (S2) nel rispetto delle seguenti condizioni e prescrizioni:
c) nel pozzetto ufficiale di prelevamento, devono essere rispettati i valori limite di emissione
indicati nella Tabella 3 dell’Allegato 5 alla Parte III del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. per lo
scarico in acque superficiali (S2) delle acque di prima pioggia sottoposte a trattamento
chimico-fisico;
d) possono eventualmente confluire allo scarico S2 le acque di seconda pioggia accumulate e
successivamente sottoposte a trattamento chimico-fisico unitamente alle acque di prima
pioggia, nel caso in cui la sommatoria tra acque meteoriche di dilavamento delle coperture e
acque di seconda pioggia superi il limite idraulico di 800 m3/h per lo scarico in acque
superficiali.
87
29. Al fine di verificarne la corretta classificazione normativa ovvero l’esclusione dal campo di
applicazione della DGR n. 286/2005, a seguito della messa in esercizio dell’impianto il gestore
dovrà effettuare 3 campionamenti di tipo istantaneo delle acque meteoriche di dilavamento delle
coperture, in occasione di eventi meteorici distinti, nel punto ufficiale di prelevamento con
scarico in acque superficiali S1. Le verifiche sono da condurre per i parametri e con le modalità
specificate nel piano di monitoraggio di cui al provvedimento di AIA, avendo a riferimento i
limiti indicati per lo scarico in acque superficiali nella Tabella 3 dell’Allegato 5 alla Parte III del
D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i.
30. Al fine di verificarne la corretta classificazione ai sensi della DGR n. 286/2005, durante il primo
anno di esercizio dell’impianto il gestore dovrà effettuare 3 campionamenti di tipo istantaneo
delle acque di seconda pioggia, in occasione di eventi meteorici distinti che attivano lo scarico,
nel punto ufficiale di prelevamento con scarico in acque superficiali S3 (non sempre in un
evento meteorico c’è l’attivazione dello scarico delle acque di seconda pioggia). Le verifiche
sono da condurre per i parametri e con le modalità specificate nel piano di monitoraggio di cui
al provvedimento di AIA, avendo a riferimento i limiti indicati per lo scarico in acque
superficiali nella Tabella 3 dell’Allegato 5 alla Parte III del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i..
31. Qualora dalle verifiche analitiche di cui ai precedenti punti 2. e 3. emergessero, anche già dal
primo campionamento, superamenti dei valori limite di emissione per lo scarico in acque
superficiali di cui alla Tabella 3 dell’Allegato 5 alla Parte III del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i., la
classificazione effettuata ai sensi della DGR n. 286/2005 degli scarichi idrici S1 e S3 è da
intendersi non corretta. Nell’eventualità, le acque meteoriche dovranno essere accumulate e
avviate a smaltimento/trattamento esterno come rifiuti ovvero al trattamento chimico-fisico in
loco, previa idonea caratterizzazione analitica.
32. Al fine di assicurare un buon funzionamento, la fossa Imhoff e i pozzetti degrassatori (qualora
installati), dovranno essere puliti periodicamente, almeno 1 volta all’anno, da ditte autorizzate;
la documentazione attestante l’avvenuta pulizia dovrà essere conservata presso l’impianto, a
disposizione degli organi di vigilanza.
33. Devono essere adottare le procedure di intervento previste nel Manuale Operativo di Gestione
dell’impianto al fine di evitare, ove possibile, ovvero ridurre le emissioni in acqua in condizioni
eccezionali prevedibili (es. dispersione accidentale di sostanze pericolose e reagenti utilizzati
per il trattamento delle acque di prima pioggia).
EMISSIONI NEL SUOLO E SOTTOSUOLO
34. Devono essere adottare le procedure di intervento previste nel Manuale Operativo di Gestione
dell’impianto per la protezione del suolo in condizioni eccezionali prevedibili (es. dispersione
accidentale di sostanze pericolose e reagenti utilizzati per il trattamento chimico-fisico delle
acque di prima pioggia).
VEGETAZIONE, FAUNA ED ECOSISTEMI
35. La realizzazione di punti di illuminazione notturna in aumento rispetto a quanto esistente o la
sostituzione di quelli esistenti dovrà essere effettuata mediante fari che proiettino i raggi
luminosi esclusivamente verso il basso.
88
EMISSIONI SONORE
36. Avendo a riferimento i limiti di emissione e immissione sonora previsti dal DPCM 14/11/1997,
secondo la zonizzazione acustica comunale vigente, l’area su cui sorge l’impianto OdA ricade in
Classe acustica V ovvero “aree prevalentemente produttive”, con limite di immissione sonora
diurno di 70 dB(A) e notturno di 60 dB(A). Le aree poste in direzione Ovest, a Est e a Sud
dell’impianto OdA appartengono alla Classe acustica III (aree extra-urbane – zone agricole); in
adiacenza sul lato Est dell’impianto OdA, si rileva la Classe acustica IV relativa alla fascia di
rispetto della Via Selice (SP n. 610), mentre le aree di progetto prevalentemente produttive
poste a Nord ricadono in Classe acustica V. Ai fini dell'applicazione del criterio differenziale, e
quindi della verifica del rispetto dei valori limite differenziali di immissione sonora pari a 5
dBA per il periodo diurno e 3 dBA per il periodo notturno presso i recettori sensibili, sono fatte
salve le relative condizioni previste dal DPCM 14/11/1997.
37. Entro 6 mesi dalla data di messa a regime dell'impianto, deve essere svolta una campagna di
rilievi fonometrici per la verifica dei valori di rumorosità prodotti dall'impianto a regime, al fine
di confermare le stime previsionali effettuate e aggiornare la valutazione di impatto acustico nei
confronti dell'esterno, secondo quanto stabilito nell’AIA in termini di notifica e modalità
operative per il monitoraggio delle emissioni sonore.
38. In caso di modifiche impiantistiche che possano comportare una variazione dell’impatto
acustico nei confronti dell’esterno, il gestore dovrà effettuare una valutazione preventiva
dell’impatto acustico da presentare con l'apposita istanza ai sensi dell'art. 29-nonies del D.Lgs.
n. 152/2006 e s.m.i..
39. Il gestore è comunque tenuto ad intervenire tempestivamente in caso di avaria funzionale
avvertibile da sopralluoghi per controlli visivi e uditivi.
GESTIONE RIFIUTI
40. L’esercizio dell’attività di recupero/riciclo (R5), mediante trattamento di tipo fisico-meccanico
comprese operazioni di miscelazione, di rifiuti speciali anche pericolosi a matrice inerte (scorie
di combustione) per l’ottenimento di prodotti denominati Matrix® è autorizzato, ai sensi
dell’art. 208 del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i., nel rispetto delle seguenti prescrizioni e condizioni:
a) le tipologie di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi ammesse al recupero/riciclo (R5)
nell’impianto sono così identificate:
CER
Descrizione
19 01 11*
19 01 12
ceneri pesanti e scorie, contenenti sostanze pericolose
ceneri pesanti e scorie, diverse da quelle di cui alla voce 19 01 11
altri rifiuti (compresi materiali misti) prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti, diversi
da quelli di cui alla voce 19 12 11
19 12 12
Per tutte le tipologie sopraindicate, si tratta di scorie da incenerimento di rifiuti solidi
urbani e rifiuti speciali non pericolosi; in ogni caso, tali rifiuti provengono esclusivamente
da impianti di termovalorizzazione di rifiuti solidi urbani (RSU) eventualmente
autorizzati all’incenerimento anche di rifiuti speciali non pericolosi;
b) i rifiuti non pericolosi identificati con codice CER 19 12 12 provengono, in prevalenza, dal
territorio della Regione Emilia-Romagna e devono essere costituiti esclusivamente da scorie
da incenerimento di rifiuti solidi urbani e speciali non pericolosi già sottoposte ad un
pretrattamento essenzialmente di tipo fisico-meccanico (vagliatura, deferrizzazione,
demetalizzazione);
c) per i rifiuti identificati con il codice CER 19 12 12 nei FIR e nel registro di C/S, ovvero
nelle analoghe Schede SISTRI, deve comunque essere riportata la descrizione qualitativa dei
89
rifiuti stessi. Le tipologie di pretrattamento subito sono riportate nella relativa scheda di
omologazione, oltre alle caratteristiche del rifiuto stesso;
d) i rifiuti di cui al codice CER 19 01 11* ammessi in impianto sono costituiti esclusivamente
da rifiuti pericolosi con caratteristiche di pericolo H4 e H8;
e) l'attività dell'impianto OdA è destinata, in via prioritaria, al recupero delle scorie di
combustione prodotte dagli impianti di termovalorizzazione di rifiuti solidi urbani (RSU)
gestiti dalla società HERAmbiente S.p.A. nell'ambito dello stesso territorio regionale;
f) i flussi dei rifiuti in ingresso da avviare a trattamento nell’impianto OdA vengono
preventivamente programmati e periodicamente aggiornati sulla base degli effettivi
conferimenti per rispettare la priorità indicata; al riguardo il gestore è tenuto a fornire idonea
evidenza documentale;
g) il quantitativo massimo annuo di rifiuti complessivamente trattabili in impianto per il
recupero/riciclo (R5) è fissato in 250.000 tonnellate/anno di cui al massimo 62.500 t/anno
sono rifiuti pericolosi;
h) i rifiuti vengono ammessi all’impianto secondo i criteri di omologazione e accettazione
indicati nel Manuale di Gestione Operativa dell'impianto che in particolare:
§ rispetto alla procedura di omologazione adottata, definisce i limiti di accettazione
previsti dalla specifica di impianto, da declinare per i rifiuti in ingresso pericolosi e
non pericolosi, per almeno i parametri chimici oggetto di analisi secondo quanto
previsto dal Piano di Monitoraggio dell’impianto parte integrante dell'AIA;
§ esplicita le modalità di esecuzione del “carico di prova” su cui sono svolte ulteriori
indagini analitiche per la verifica di conformità, oltre al test di miscelazione, come da
Piano di Monitoraggio dell’impianto parte integrante dell'AIA;
i) nel caso di carichi non conformi, il rifiuto andrà caricato sui mezzi di trasporto e respinto al
mittente con le modalità descritte nella fase di accettazione;
j) nell’impianto è individuata un’unica area per la verifica di conformità dei rifiuti non
pericolosi conferiti per cui dovrà essere, di volta in volta, garantita l’identificazione univoca
della tipologia di rifiuto (codice CER 190112 ovvero CER 191212) in quel momento
segregato nell’area appunto identificata (box AL3);
k) lo stoccaggio dei rifiuti in ingresso all’impianto OdA non costituisce operazione autonoma
di gestione dei rifiuti ma attività ausiliaria, funzionale e strettamente connessa con il
trattamento di tipo fisico-meccanico (R5) nell’impianto stesso;
l) sono ammessi in impianto mezzi di trasporto dei rifiuti con adeguate caratteristiche sia per il
contenimento dei rifiuti durante il trasporto, sia per lo scarico degli stessi senza creare
pregiudizio alle operazioni di gestione dell’area di stoccaggio;
m) nelle strutture di ricevimento e stoccaggio dei rifiuti a servizio delle linee di trattamento
dell'impianto OdA vengono effettuate anche operazioni di miscelazione per
l’omogeneizzazione dei rifiuti in ingresso. Nell'ambito dell'operazione di recupero (R5) è
espressamente autorizzata anche l'attività di miscelazione di rifiuti in deroga al divieto di cui
all'art. 187, comma 1) del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. nel rispetto delle specifiche
disposizioni sulla gestione dei rifiuti stabilite nel provvedimento di AIA, nonchè nel rispetto
delle disposizioni generali indicate alle lettere a), b), c) del comma 2) del medesimo art. 187
del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i.. Le operazioni di miscelazione sono finalizzate ad
omogeneizzare le caratteristiche delle diverse tipologie di rifiuti in ingresso anche
pericolosi, senza subire alcun trattamento specifico successivo, con l’obiettivo di renderne
ottimale e più sicuro il recupero finale. Nel Manuale di Gestione Operativa dell'impianto
sono riportate le modalità di esecuzione del test di miscelazione dei rifiuti in ingresso che
90
viene eseguito, in due distinti momenti, nell’ambito del processo di omologazione del rifiuto
che si intende conferire all’impianto;
n) presso l’impianto andrà custodito il Registro d’Impianto composto da:
§
Scheda accettazione rifiuti e relativa documentazione;
§ Foglio excel gestionale in cui sono specificati: quantità e relative tipologie (codici
CER) dei rifiuti miscelati in impianto; esiti delle prove di miscelazione in impianto;
analisi chimiche di caratterizzazione;
o) dove prevedibile l’accumulo di materiale caduto dai nastri o dai loro rulli di sostegno dovrà
essere previsto un sistema di convogliamento e accumulo in idonei contenitori;
p) i rifiuti non potranno rimanere in trattamento (R5) presso l'impianto per un periodo
superiore a 6 mesi a far data dalla loro presa in carico;
q) ai fini della cessazione di qualifica di rifiuto, i prodotti Matrix® ottenuti nello stabilimento
di Conselice possono essere utilizzati in sostituzione di materie prime naturali
esclusivamente in processi produttivi definiti “a caldo”, per cui sono da intendersi le
lavorazioni del materiale sottoposto a temperature intorno a 900-1.500°C. In particolare, le
possibili applicazioni dei prodotti Matrix® ottenuti nello stabilimento di Conselice sono:
§
produzione di clinker (T ~ 1.500°C): in questo processo produttivo, il Matrix® 0-2
mm e il Matrix® 0-4 mm possono essere sostitutivi della marna naturale e impiegati
come correttivo nella ricetta per la farina macinata;
§ produzione di laterizi (T ~ 900-1.200°C): in questo processo produttivo, il Matrix®
0-2 mm può essere impiegato in sostituzione degli inerti naturali (sabbie) come
smagrante dell’argilla;
dovrà essere garantita la tracciabilità del processo produttivo in cui il Matrix® viene
utilizzato, anche in termini di quantitativi annui conferiti, mediante, ad esempio, la tenuta
di un registro delle aziende a cui viene destinato tale materiale (con regolare contratto
sottoscritto fra le parti). Il materiale prodotto nell’impianto dovrà essere conferito
direttamente alle aziende presso le quali avviene l’utilizzo del Matrix®.
r) nel Manuale di Gestione Operativa dell'impianto sono definite le specifiche di riferimento
per ogni singola pezzatura di Matrix® alle quali riferirsi per la verifica di conformità ai
parametri ricercati nel prodotto, secondo quanto indicato nel Piano di Monitoraggio
dell’impianto parte integrante del provvedimento di AIA, anche differenziate per tipologia
di impianto produttivo al quale il Matrix® viene indirizzato. Qualora risultassero non
conformi ai criteri stabiliti con il provvedimento di AIA, i materiali ottenuti si configurano
come rifiuti e pertanto soggetti al relativo regime normativo;
41. La classificazione e la gestione dei rifiuti in ingresso e in uscita deve avvenire secondo quanto
previsto alla Parte IV del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i., anche attraverso l’utilizzo di
determinazioni di carattere analitico e in conformità con quanto previsto nel Manuale di
Gestione Operativa dell'impianto che comprende, tra l’altro, l’elenco aggiornato delle diverse
tipologie dei rifiuti prodotti in proprio.
42. Le polveri captate dai filtri a maniche, aventi caratteristiche chimiche analoghe ai rifiuti in
ingresso e destinati a trattamento nell’impianto, sono raccolte in big-bags da collocare in idonea
area con cartelli identificativi e possono essere reintrodotte nel ciclo di lavorazione, previa
eventuale bagnatura per evitare la dispersione delle stesse. La fase di umidificazione e di
reintroduzione nel ciclo produttivo deve avvenire con modalità tali da evitare qualsiasi
dispersione aerea di tali materiali nonché la produzione di percolati, adottando tutti gli
accorgimenti tecnici necessari. Deve essere tenuta apposita registrazione delle quantità prodotte
e reimpiegate nel processo di trattamento delle scorie per l’ottenimento dei prodotti Matrix®.
91
43. Nel caso in cui non venga previsto il loro riutilizzo nel ciclo produttivo svolto in impianto, tali
materiali costituiscono rifiuti da gestire ai sensi della Parte IV del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. e
deve essere aggiornato l’apposito elenco dei rifiuti prodotti contenuto nel Manuale di Gestione
Operativa dell'impianto.
44. I detriti rimossi con le acque reflue del sistema di lavaggio ruote, accumulati in apposita vasca
chiusa, sono avviati, contestualmente alla produzione, a smaltimento come rifiuti presso
impianti esterni autorizzati.
45. I fanghi prodotti dal trattamento chimico-fisico in loco delle acque di prima pioggia, accumulati
in big-bags, sono avviati a smaltimento come rifiuti presso impianti esterni autorizzati.
46. Il gestore è tenuto al rispetto degli obblighi di cui al D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. in materia di
registro di carico/scarico e trasporto dei rifiuti, ovvero degli analoghi adempimenti istituiti
attraverso il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI).
47. In particolare, deve essere tenuta registrazione del carico/scarico dei rifiuti oggetto del
trattamento nonché dei rifiuti prodotti nell’esercizio dell’attività autorizzata.
48. È consentito il deposito temporaneo, per categorie omogenee, dei rifiuti prodotti nelle preposte
aree individuate nell'impianto purché attuato in conformità a quanto previsto dall’art. 183,
comma 1, del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. In particolare, il deposito temporaneo dei rifiuti
prodotti non deve generare in alcun modo contaminazioni delle acque e del suolo; a tal fine
dovranno essere evitati sversamenti di rifiuti al di fuori dei preposti contenitori e tutte le aree
esterne di deposito devono essere impermeabilizzate.
49. Per il deposito temporaneo dei rifiuti prodotti in proprio, prima della messa in esercizio
dell’impianto, il gestore deve indicare di quale criterio gestionale intende avvalersi (temporale o
quantitativo), adottando ad esempio specifica procedura nell’ambito del SGA. Tale indicazione
deve essere comunque contenuta nel Manuale di Gestione Operativa dell'impianto.
50. Il gestore è tenuto a verificare che il soggetto a cui consegna i propri rifiuti sia in possesso delle
necessarie autorizzazioni, nonché verificare, nell'ambito degli obblighi di monitoraggio, lo stato
di giacenza dei depositi temporanei, sia come somma delle quantità dei rifiuti pericolosi, sia
come somma delle quantità dei rifiuti non pericolosi.
51. Le aree interessate da movimentazione e stoccaggio/deposito nonché dalle soste operative dei
mezzi che intervengono a qualsiasi titolo sui rifiuti devono essere impermeabilizzate e realizzate
in modo da garantire la salvaguardia delle acque e del suolo nonché il rapido intervento in caso
di sversamenti accidentali.
52. Le aree destinate al deposito preliminare dei rifiuti andranno contrassegnate con indicazioni
leggibili e visibili, riportando le denominazioni indicate nell’apposita Planimetria dei depositi e
stoccaggi allegata al provvedimento di AIA; tali aree devono essere inoltre protette dagli agenti
atmosferici (acque meteoriche, vento, ecc.) in modo da impedire qualsiasi forma di dilavamento
o di trasporto di materiale polverulento.
53. Eventuali contenitori di rifiuti andranno contrassegnati con etichette o targhe riportanti la sigla
di identificazione impiegata per la compilazione del registro di carico e scarico ovvero
dell’analoga Scheda SISTRI.
92
ALLEGATO A
SINTESI OSSERVAZIONI RELATIVA AL PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI
UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI SPECIALI A MATRICE INERTE (SCORIE DI
COMBUSTIONE) IN VIA SELICE, 301/E PROPOSTO DA OFFICINA DELL’AMBIENTE
SPA NEL COMUNE DI CONSELICE (RA)
A.
OSSERVAZIONI DI CARATTERE GENERALE
B.
OSSERVAZIONI AL QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO
C.
OSSERVAZIONI AL QUADRO DI RIFERIMENTO PROGETTUALE
D.
OSSERVAZIONI AL QUADRO DI RIFERIMENTO AMBIENTALE
D.1
I rifiuti che devono essere recuperati (190111 e 190112) sono tutti rifiuti pericolosi e quindi
ci si deve comportare di conseguenza; il semplice trattamento fisico meccanico non può afre
variare la pericolosità di un prodotto in uscita; l’utilizzo di tali materiali (in cui si può avere
un’alta concentrazioni di metalli pesanti) per la realizzazione di manufatti ipoteticamente
utilizzabili anche in aree verdi e residenziali con semplice lavorazione a freddo (OSS. 1, OSS.
2, OSS. 3, OSS. 4, OSS. 5, OSS. 6, OSS. 7, OSS. 8).
D.2
Può configurarsi una dispersione di polveri pericolose nella lavorazione, nella
movimentazione e nello stoccaggio dei rifiuti e dei materiali in uscita (OSS. 1, OSS. 2, OSS.
3, OSS. 4, OSS. 5, OSS. 6, OSS. 7, OSS. 8)
D.3
Il progetto può avere un impatto negativo per la dispersione di polveri durante il trattamento,
per l’aumento del traffico veicolare sulla qualità dell’aria locale in partcolare perché le
lavorazioni non avvengono in ambienti confinati uscita (OSS. 1, OSS. 2, OSS. 3, OSS. 4,
OSS. 6, OSS. 7).
D.4
Non viene dichiarato se la società proponente e la società di trasporto aderiscono al sitema di
controllo sulla tracciabilità dei rifiuti SISTRI (OSS. 1, OSS. 2, OSS. 5, OSS. 6, OSS. 7).
D.5
Per quanto riguarda le emissioni di polveri vengono ricondotte tutte al PM10 e non si
differenzia e quantifica anche per le frazioni più fini come il PM 2.5; non sono inoltre
considerate le fase di carico, trasporto, scarico e movimentazione rifiuti prima del
pretrattamento; si fa anche notare come alcune lavorazioni siano effettuate all’aperto senza
sistemi di copertura e aspirazione (OSS. 1, OSS. 2, OSS. 3, OSS. 4, OSS. 5, OSS. 6, OSS. 7).
D.6
Non vengono specificate le zone di approvvigionamento e quindi non è possibile calcolare
l’impatto prodotto dal trasporto in ingresso e per quelli in uscita; è inoltre stato considerato
un’area si studio per la dispersione di inquinanti legati al trasporto di 4x4 km che è troppo
limitata (OSS. 1, OSS. 2, OSS. 3, OSS. 4, OSS. 5, OSS. 6, OSS. 7).
D.7
Il PRQA della Provincia di Ravenna prevede per il Comune di Conselice delle azioni di
risanamento; questo impianto produrrà un aumento degli inquinanti dispersi limitata (OSS. 1,
OSS. 2, OSS. 3, OSS. 4, OSS. 5, OSS. 6, OSS. 7).
D.8
Non deve essere permesso l’approvvigionamento di acqua mediante prelievo di acque
sotterranee, ma solo l’allacciamento all’acquedotto industriale. (OSS. 1, OSS. 2, OSS. 3,
OSS. 4, OSS. 5, OSS. 6, OSS. 7).
D.9
Non si capisce lo scopo di tale impianto in quanto l’utilizzo dei termovalorizzatori dovrebbe
essere in diminuzione a favore di aumentare il recupero di materia tramite raccolta
differenziata (OSS. 1, OSS. 2, OSS. 3, OSS. 4, OSS. 5, OSS. 6, OSS. 7, OSS. 8).
D.10 Per quanto riguarda la parte stoccata all’aperto non deve essere trascurato il dilavamento del
materiale da parte delle acque meteoriche , con conseguente rilascio di inquinanti nelle acque
che quindi non potrebbero essere immessi negli impianti fognari (OSS. 5)
D.11 Si hanno dubbi se le polveri derivanti dal trasporto e dalla lavorazione possano avere impatti
sulla salute umana non essendo chiara la pericolosità dei rifiuti in ingresso e si chiede quindi,
per il principio di precauzione la non realizzazione dell’impianto. (OSS. 6, OSS. 8)
2
ALLEGATO B
RISPOSTA ALLE OSSERVAZIONI PRESENTI NELL’ALLEGATO A RELATIVE AL
PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI
SPECIALI A MATRICE INERTE (SCORIE DI COMBUSTIONE) IN VIA SELICE, 301/E
PROPOSTO DA OFFICINA DELL’AMBIENTE SPA NEL COMUNE DI CONSELICE
(RA)
A.
OSSERVAZIONI DI CARATTERE GENERALE
B.
OSSERVAZIONI AL QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO
C.
OSSERVAZIONI AL QUADRO DI RIFERIMENTO PROGETTUALE
D.
OSSERVAZIONI AL QUADRO DI RIFERIMENTO AMBIENTALE
D.1L’osservazione è parzialmente accolta per quanto riportato al punto 2.A.2, per le
valutazioni di cui al punto 3.B.8 e per le prescrizioni imposte al punto 41 del capitolo 4
D.2L’osservazione è parzialmente accolta è parzialmente accolta per quanto riportato al punto
2.A.2, per le valutazioni di cui al punto 3.B.1 e e per le prescrizioni imposte al punto 41 del
capitolo 4.
D.3L’osservazione è parzialmente accolta per quanto riportato al punto 2.A.2, per le
valutazioni di cui al punto 3.B.8 e per le prescrizione imposte al punto 41 del capitolo 4
D.4L’osservazione è parzialmente accolta per quanto riportato al punto 2.A.6 e per la
prescrizione imposta al e per le prescrizioni imposte al punto 41 del capitolo 4
D.5L’osservazione è parzialmente accolta per quanto riportato ai punti 2.A.6 e 3.A.1.3.2 e per
la prescrizione imposta al punto 16 del capitolo 4
D.6L’osservazione è parzialmente accolta per quanto riportato ai punti, 3.A.1.3.2 e 3.A.7.2, per
la valutazione al punto 3.B.7 e per la prescrizione imposta al al punto 62 del capitolo 4
D.7L’osservazione è parzialmente accolta per la valutazione al punto 1.B
D.8L’osservazione è parzialmente accolta per quanto riportato ai punto2.A.2 e 2.A.6
D.9L’osservazione è parzialmente accolta per quanto riportato ai punto 2.A.2.
D.10 L’osservazione è parzialmente accolta per quanto riportato ai punti 2.A.3, 3.A.2.2 e per
le valutazioni riportate al punto 3.B.2
D.11 L’osservazione è parzialmente accolta per quanto riportato ai punti 2.A.6 e 3.A.1.3.2 e per le
valutazioni riportate al punto 3.B.1
3
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
703 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content