close

Enter

Log in using OpenID

Caso de exito Teleadhesivo_italiano (4)

embedDownload
Avviso pubblico a presentare progetti
Linee Guida per i proponenti
Anno 2014
26/09/2014
LINEE GUIDA PER I PROPONENTI
1. PREMESSA
Con l’atto di intesa istituzionale sottoscritto il 5 febbraio 2013 e confermato dal Protocollo di Intesa
siglato l’8 aprile 2014, l’Agenzia Nazionale Giovani (ANG) e l’Unione delle Province d’Italia (UPI)
hanno espresso l’impegno per una proficua collaborazione al fine di promuovere iniziative
congiunte in favore dei giovani che assicurino un efficace ed attivo coinvolgimento dei territori.
Nel quadro del sopra citato atto di intesa si inserisce l’iniziativa [email protected], promossa da UPI e
finanziata dall’ANG, che mira a favorire e stimolare pratiche di cittadinanza attiva tra i giovani,
attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie e la loro applicazione in tre ambiti individuati:
l’apprendimento scolastico, la promozione e fruizione del territorio e i servizi offerti dalla Pubblica
Amministrazione.
L’utilizzo delle nuove tecnologie quale mezzo per promuovere la cittadinanza attiva dei giovani,
risponde ad un duplice obiettivo: da una parte favorire il coinvolgimento dei giovani studenti,
nativi digitali, attraverso l’utilizzo di linguaggi e strumenti a loro vicini e dall’altra parte contribuire
alla diffusione della società della conoscenza attraverso approcci formativi e didattici, in senso
ampio, innovativi, come indicato dalla Strategia Europa 2020 per una crescita intelligente,
sostenibile ed inclusiva.
Infatti, una delle sette iniziative faro della strategia Europa 2020 è costituita dall’Agenda Digitale
2020 che ha come obiettivo principale sfruttare al meglio il potenziale delle tecnologie
dell’informazione e della comunicazione (TIC) per favorire l’innovazione, la crescita economica e il
progresso nell’Unione Europea.
A livello nazionale, l’Agenda Digitale Italiana, istituita a marzo 2012, attribuisce priorità, tra gli altri, al
settore dell’amministrazione digitale e dell’istruzione digitale e, in linea con la programmazione dei
Fondi Strutturali per il periodo 2014-2020, viene declinata in un sistema di priorità d’intervento e
azioni all’interno delle politiche di programmazione di dettaglio in ambito nazionale e regionale
tramite i singoli Programmi Operativi.
L’iniziativa [email protected] è, pertanto, in linea con gli orientamenti europei, nazionali e regionali in
materia di innovazione digitale.
Nello specifico, il progetto ha lo scopo di individuare e/o definire a livello provinciale, esperienze
già realizzate, da trasferire ad altri contesti, o nuove proposte da sviluppare, negli ambiti sopra
citati dell’apprendimento scolastico, della promozione e fruizione del territorio e dei servizi offerti
dalla P.A. , temi questi fondamentali per il processo di costruzione della vita democratica e dello
sviluppo locale, promuovendole attraverso l’impiego delle TIC e del web 2.0.
L’iniziativa, attraverso il presente Avviso pubblico a presentare progetti, si rivolge alle Province
italiane che dovranno operare in collaborazione con altri attori del territorio tra cui, in via prioritaria,
le scuole secondarie di II grado di loro competenza (sia quelle detentrici di buone pratiche, sia
quelle che necessitano, invece, di un intervento nei percorsi di apprendimento scolastico e nella
Avviso Pubblico a presentare progetti_Iniziativa [email protected] _26/09/2014
2
partecipazione attiva dei giovani), ma anche le Direzioni scolastiche, le associazioni giovanili e
culturali, le Università, i gruppi informali di giovani etc.
L’UPI svolge le funzioni di gestione delle procedure di ricezione, selezione, monitoraggio e
valutazione dello stato di avanzamento dei progetti, di certificazione delle spese sostenute e di
autorità di pagamento dei progetti ammessi a finanziamento.
Ai fini della realizzazione delle funzioni sopra indicate l’UPI si avvale dell’Associazione TECLA,
Associazione di enti locali italiani che ha ottenuto il riconoscimento della personalità giuridica
presso l’Ufficio Territoriale del Governo di Roma con Atto n. 190/2003 e che sviluppa a favore
dell’UPI attività e servizi nell’ambito delle politiche comunitarie e di cooperazione internazionale.
L’Associazione TECLA, in qualità di struttura di assistenza tecnica nella gestione della presente
iniziativa, non potrà partecipare alla elaborazione di proposte progettuali, né direttamente né per
conto di Province o UPI Regionali.
Le presenti Linee Guida per i proponenti, pubblicate integralmente sul sito www.upinet.it e sul sito
www.agenziagiovani.it, sono state elaborate come strumento di supporto alle Province e UPI
Regionali interessate a presentare proposte progettuali nel quadro dell’Avviso Pubblico [email protected]
2014.
Avviso Pubblico a presentare progetti_Iniziativa [email protected] _26/09/2014
3
2. REQUISITI DI AMMISSIBILITA’ DELLE PROPOSTE PROGETTUALI
Sono considerate ammissibili, e quindi oggetto di valutazione, unicamente le proposte progettuali
che rispondano ai seguenti criteri.
2.1 Oggetto e Tematiche
Le proposte progettuali dovranno prevedere
1. lo sviluppo di strumenti/prodotti tecnologici innovativi
2. il trasferimento e adattamento di strumenti/prodotti tecnologici innovativi già sperimentati
in altri contesti territoriali
In particolare, sono finanziabili i progetti che prevedono lo sviluppo o il trasferimento/adattamento
di
- applicazioni
- piattaforme informatiche
- social network, comunità virtuali
Le proposte progettuali devono sviluppare attività che contribuiscano alla promozione della
cittadinanza attiva dei giovani in uno dei tre ambiti sotto descritti, attraverso l’utilizzo delle nuove
tecnologie.
I candidati sono tenuti ad indicare, nel Formulario di Candidatura, solo una tematica. Tale
tematica fa fede ai fini della valutazione del progetto.
a) Apprendimento scolastico
Si fa riferimento ad azioni innovative finalizzate a sviluppare prodotti multimediali ad uso didattico
con l’obiettivo di favorire la didattica laboratoriale e promuovere percorsi didattici che valorizzino
stili di apprendimento induttivi.
b) Promozione e fruizione del territorio
Si fa riferimento ad azioni innovative volte a stimolare, attraverso le TIC e il web 2.0, la capacità
propositiva dei giovani, il loro coinvolgimento e la loro partecipazione consapevole alla vita della
propria comunità.
c) Legame tra cittadino e Pubblica Amministrazione
Si fa riferimento ad azioni innovative finalizzate a rafforzare la partecipazione civica e
democratica dei giovani cittadini, attraverso strumenti/prodotti tecnologici in grado di avvicinare
i giovani alla Pubblica Amministrazione, al fine di sostenere il concetto di responsabilità collettiva,
quale elemento imprescindibile per una efficace gestione della cosa pubblica.
Si richiama inoltre un’attenzione trasversale alla complementarietà con politiche e programmi
nazionali, regionali ed europei e rispetto ad altri interventi attuati grazie ad ulteriori fonti di
finanziamento.
Avviso Pubblico a presentare progetti_Iniziativa [email protected] _26/09/2014
4
2.2 Candidati ammissibili
2.2.1 Capofila
Le proposte progettuali devono essere presentate in qualità di capofila da:
Provincia
oppure
UPI regionale. In tale caso, il progetto deve prevedere la partecipazione di almeno 2 delle
Province afferenti l’UPI regionale, che assumeranno lo status di partner.
In quest’ultimo caso, ai soli fini del calcolo del numero minimo e massimo di partner, l’UPI Regionale
e le proprie Province aderenti vengono conteggiati come un partner unico.
Le UPI Regionali possono partecipare ai progetti esclusivamente in qualità di capofila.
Le Province possono partecipare ai progetti in qualità di capofila o come partner solo nel caso in
cui il progetto sia presentato dall’UPI Regionale.
Le Province e le UPI regionali possono presentare unicamente una proposta progettuale. In caso
contrario, sarà dichiarato ammissibile unicamente il progetto pervenuto all’UPI come prima
proposta, sulla base del numero di protocollo UPI attribuito.
Considerato che è in itinere l’attuazione della legge n. 56/2014 recante “Disposizioni sulle città
metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni”, che istituisce le Città metropolitane,
per quanto attiene il presente bando si terrà conto di quanto previsto all’art. 1, c. 16, della legge,
secondo cui “Il 1° gennaio 2015 le città metropolitane subentrano alle province omonime e
succedono ad esse in tutti i rapporti attivi e passivi”.
2.2.2 Partner
Le proposte progettuali devono prevedere obbligatoriamente, pena la non ammissibilità, la
presenza di un partenariato.
Tali partenariati devono essere costituiti da un minimo di 3 a un massimo di 6 Partner, capofila
incluso1.
Nel caso in cui il progetto venga presentato dall’UPI regionale in qualità di capofila, ai soli fini del
calcolo del numero minimo e massimo di partner, l’UPI Regionale e le proprie Province aderenti
vengono conteggiate come un partner unico.
I Partner devono essere enti pubblici o privati (quindi ad esclusione delle imprese individuali, delle
società di persone e delle società di capitali) con sede in Italia e a condizione che svolgano o
abbiano svolto almeno parte della loro attività in favore dei giovani (in sede di valutazione saranno
valutate le esperienze, competenze e il reale valore aggiunto che tali enti apportano al progetto)
2, come ad esempio (la lista non è esaustiva):
1
Non si deve allegare alla proposta progettuale alcun documento che attesti il partenariato (lettere di intenti, protocollo di
partenariato, ecc.); spetta, nel caso, alla Provincia/UPI Regionale capofila decidere come regolare internamente l’adesione dei
partner/associati al progetto
2
E’ ammissibile la partecipazione come partner di enti che non si occupano specificatamente di giovani ma con significative
esperienze in specifici settori, utili al conseguimento degli obiettivi (formazione, comunicazione, ricerca, sviluppo tecnologico ecc.),
come ad esempio enti di promozione sociale, cooperative sociali, istituti di ricerca, aziende sanitarie. Dovranno essere adeguatamente
e dettagliatamente illustrate nella specifica sezione del Formulario di candidatura le competenze, esperienze, ecc. possedute e relative
Avviso Pubblico a presentare progetti_Iniziativa [email protected] _26/09/2014
5
enti nazionali, regionali e locali
associazioni giovanili nazionali e internazionali
enti/associazioni senza scopo di lucro, onlus ed organizzazioni non governative
(riconosciute idonee dal Ministero degli Affari Esteri), cooperative ed altri enti con finalità
mutualistiche
centri di aggregazione giovanile
sportelli Informagiovani ed Eurodesk
istituti scolastici di II grado
Direzioni scolastiche
università
biblioteche
informa giovani
aziende sanitarie
Gli enti che partecipano in qualità di Partner hanno l’obbligo di assicurare una quota di cofinanziamento complessivamente pari ad almeno il 25% del totale del progetto.
I Partner illustreranno, nelle sezioni previste del Formulario di candidatura, le esperienze pregresse
e/o in corso più rilevanti nell’ambito di riferimento della proposta progettuale, al fine di mostrare il
valore aggiunto in termini di know-how che viene apportato al conseguimento degli obiettivi
progettuali.
In ogni caso, le persone fisiche sono escluse dalla partecipazione ai progetti in qualità di partner.
Qualsiasi ente potrà partecipare in qualità di partner unicamente a 1 proposta progettuale. In
caso contrario, sarà dichiarato escluso dal/i progetto/i pervenuto/i all’UPI successivamente alla
prima proposta ammissibile. In tal caso, il capofila di tali progetti deve procedere, entro un termine
indicato dall’UPI, alla sostituzione dell’ ente partner escluso.
2.3 Durata dei progetti
I progetti devono avere una durata minima di 4 mesi e una durata massima di 5 mesi.
Le attività devono iniziare entro e non oltre 15 giorni lavorativi dalla firma del contratto tra l’UPI e il
beneficiario ed in ogni caso entro e non oltre il 15 gennaio 2015.
2.4 Budget dei progetti
L'importo totale stanziato per il contributo finanziario ai progetti selezionati è stimato in 1.125.000
EURO (unmilionecentoventicinque/00).
Il budget complessivo di progetto, inclusa la quota di cofinanziamento a carico del partenariato,
deve rispettare i seguenti massimali, pena l’inammissibilità della proposta:
-
Max. 60.000 EURO nel caso in cui capofila è la singola provincia
Max. 120.000 EURO nel caso in cui capofila è l’UPI Regionale
Il progetto deve prevedere a carico del partenariato proponente una quota di co-finanziamento
pari ad almeno il 25% dei costi eleggibili del progetto, pena la non ammissibilità della proposta
alle tematiche progettuali: in sede di valutazione sarà infatti analizzato il valore aggiunto che tali enti apportano al progetto e al
raggiungimento degli obiettivi nonché la coerenza del loro profilo con le azioni assegnate e le attività progettuali nel loro complesso.
Avviso Pubblico a presentare progetti_Iniziativa [email protected] _26/09/2014
6
progettuale. Restando escluso il co-finanziamento in natura, la quota di co-finanziamento può
essere applicata a qualsiasi categoria di spesa inclusa nel budget di progetto.
2.5 Beneficiari
I beneficiari delle attività progettuali devono essere giovani di età compresa tra i 14 e i 35 anni.
I progetti devono includere una identificazione coerente dei beneficiari: il target group deve
dunque non solo essere definito in maniera chiara e precisa, specificandone i criteri di
individuazione nonché età, gruppo sociale, livello di istruzione, condizione lavorativa, ecc., ma
preferibilmente consistere in un gruppo omogeneo e specifico. In caso di molteplici gruppi target, i
progetti devono includere la giustificazione di tale scelta, in base alle attività previste.
2.6 Attività progettuali
Al fine di raggiungere gli obiettivi indicati nella Sezione 2.1, le proposte progettuali devono
necessariamente prevedere, oltre alla progettazione e sviluppo degli strumenti tecnologici
innovativi, una combinazione di due o più delle seguenti attività; in ogni caso, attività quali
seminari, conferenze, giornate di informazione e di studio e ricerca, devono necessariamente
iscriversi in una più estesa proposta progettuale:
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Analisi e ricerche
Azioni di promozione e valorizzazione del territorio
Alfabetizzazione digitale
Educazione civica ed educazione alla cittadinanza
Educazione alla legalità
Produzioni di eventi culturali (piéce teatrali, video, musica, ecc.)
Attività informative e formative
Seminari, conferenze, giornate di informazione
Realizzazione di siti web, newsletter, pubblicazioni, materiale audiovisivo o altro materiale
informativo
La presente lista di attività ammissibili non è esaustiva. I candidati sono invitati a proporre ogni altro
tipo di attività pertinente nel quadro delle presenti Linee Guida.
Non sono ammesse attività lucrative.
Il progetto deve essere suddiviso in Macrofasi (sezione 4 del Formulario di candidatura). Per
ciascuna Macrofase devono essere specificati: il titolo e la durata della Macrofase, le attività
specifiche, il/i partner responsabile/i e coinvolti, i prodotti e risultati previsti.
Sono obbligatorie le seguenti Macrofasi:
Macrofase 1 “Gestione, coordinamento e rendicontazione del progetto”. Tale fase, inclusa la
figura del Project Manager, deve necessariamente essere affidata al soggetto capofila.
Macrofase 2 “Disseminazione e comunicazione” delle attività e dei risultati del progetto
Macrofase 3 “Progettazione e Sviluppo dello strumento tecnologico”/ “Adattamento e
trasferimento dello strumento tecnologico”.
In questa fase va descritto il prodotto tecnologico da sviluppare o adattare a seguito di
trasferimento, rappresentando l’architettura e la User Experience, eventualmente corredata di
mockup, viste principali etc.
Avviso Pubblico a presentare progetti_Iniziativa [email protected] _26/09/2014
7
2.7 Presentazione delle candidature: procedure e termini
Le proposte progettuali devono essere presentate utilizzando esclusivamente la documentazione e
i modelli predisposti dall’UPI, ai quali non deve essere apportata nessuna modifica:
Formulario di Candidatura – firmato in originale dal legale rappresentante del capofila nella
Parte II.a e dal legale rappresentante di ciascun partner nella Parte II.b.
Schede Finanziarie – firmate in originale dal legale rappresentante del capofila in entrambi
i fogli
ALLEGATO A Dichiarazione – solo per capofila. Firmato in originale dal legale
rappresentante della Provincia o UPI Regionale
ALLEGATO B Identificazione finanziaria/bancaria – solo per capofila. Firmato in originale dal
legale rappresentante della Provincia o UPI Regionale
ALLEGATO C Identificazione legale - solo per partner che siano enti privati. Firmato in
originale dai legali rappresentanti di tali soggetti.
Oltre a tali documenti, NON deve essere allegato alcun altro documento aggiuntivo alla proposta
progettuale, come ad esempio delibere, fotocopie di documenti d’identità, CV, ecc. (cfr. anche
nota n.1 a pag. 5), fatto salvo per eventuali mockup, screenshot, schermate utili a descrivere il
prodotto tecnologico da sviluppare (Macrofase 3 del Formulario di candidatura).
Le proposte progettuali devono pervenire in due copie cartacee (un originale chiaramente
identificato come tale ed una copia) ed una copia su supporto elettronico (CD) e devono
riportare sulla busta la dicitura [email protected] – INVITO A PRESENTARE PROGETTI – 2014.
Nel supporto elettronico (CD) devono essere inclusi tre documenti:
1 singolo file in formato WORD contenente il Formulario di candidatura (nelle sezioni
riservate alle firme del capofila/partner devono essere inseriti i nomi dei firmatari del
formulario di candidatura in versione cartacea)
1 file in formato PDF contenente il Formulario di candidatura e le Schede Finanziarie in un
unico file (scannerizzazione della versione cartacea originale)
1 file in formato Excel con le Schede Finanziarie.
In caso di difformità tra i contenuti del supporto elettronico e la versione cartacea del progetto, fa
fede quest’ultima.
Le candidature devono pervenire entro e non oltre le ore 18:00 di lunedì 10 novembre (NON fa fede
il timbro postale di spedizione) al seguente indirizzo:
Unione delle Province d’Italia
Piazza Cardelli, 4, 00186 – Roma
Le candidature possono essere consegnate a mano o inviate a mezzo di corriere espresso o
raccomandata A/R. Le candidature inviate per posta prioritaria, fax o posta elettronica non
saranno accettate.
Le candidature devono pervenire entro l’orario di ufficio dell’UPI:
Lunedì – giovedì: 9,00 – 18,00
Venerdì: 9,00 – 14,30
Successivamente al termine di presentazione delle candidature, l’UPI si riserva la possibilità di
richiedere informazioni supplementari agli enti capofila dei progetti presentati.
Avviso Pubblico a presentare progetti_Iniziativa [email protected] _26/09/2014
8
2.8 Cause di esclusione delle candidature
Costituisce motivo di non ammissibilità della proposta progettuale:
1. l’omissione della firma del Legale Rappresentante della Provincia/UPI Regionale capofila e dei
partner a sottoscrizione della proposta nelle apposite sezioni del Formulario di candidatura e
delle Schede Finanziarie
2. l’assenza del Formulario di candidatura e/o delle Schede Finanziarie
3. la ricezione della proposta progettuale da parte dell’UPI oltre i termini fissati dal presente Avviso
4. l’assenza di un partenariato o il mancato rispetto del numero minimo o massimo dei partner
5. la presentazione di proposte che prevedono la presenza di imprese individuali, di società di
persone e di società di capitali
6. il mancato rispetto dell’obbligo di co-finanziamento pari ad almeno il 25% dei costi eleggibili
del progetto a carico del partenariato
7. il mancato rispetto delle disposizioni di cui al punto 2.2.1
8. il mancato rispetto del limite massimo del budget complessivo e della durata del progetto
9. il non utilizzo dei modelli predisposti dall’UPI per l’Invito a presentare progetti [email protected] - 2014
(Formulario di candidatura, Schede Finanziarie, allegati).
Avviso Pubblico a presentare progetti_Iniziativa [email protected] _26/09/2014
9
3. CRITERI DI VALUTAZIONE
Le proposte progettuali che avranno soddisfatto i criteri di ammissibilità saranno successivamente
esaminate alla luce dei criteri di valutazione, al fine di selezionare i progetti che contribuiscono in
misura maggiore al raggiungimento degli obiettivi dell’iniziaitiva [email protected] e che dunque potranno
beneficiare di un contributo finanziario. Si segnala che saranno selezionate le proposte progettuali
che avranno raggiunto il punteggio minimo di 60, per ciascuna area tematica.
A tal fine, l’UPI istituirà una Commissione di Valutazione, composta di valutatori di comprovata
esperienza e professionalità, la quale procederà alla valutazione delle candidature dichiarate
ammissibili in funzione della seguente griglia:
CRITERI DI VALUTAZIONE
PUNTEGGIO
(min-max)
1. RILEVANZA E QUALITA’ DEL PROGETTO
1.1 Giustificazione ed efficacia del progetto (coerenza tra problemi e bisogni
individuati e obiettivi progettuali)
1.2 Beneficiari finali: identificazione coerente e precisa del target group,
numero dei beneficiari finali, coinvolgimento di giovani nella formulazione e
implementazione del progetto
1.3 Qualità e rilevanza dei prodotti e dei risultati attesi rispetto agli obiettivi
progettuali
1.4 Sostenibilità
TOTALE SEZIONE 1
3 -10
2-10
1-5
2 -5
30
2. COERENZA E LOGICA NELLA ELABORAZIONE DELLA PROPOSTA PROGETTUALE
2.1 Definizione chiara delle attività progettuali: Macrofasi, attività, prodotti,
risultati, partner responsabili e coinvolti
2.2 Attività di disseminazione e comunicazione
TOTALE SEZIONE 2
2-10
2-10
20
3. PARTENARIATO
Valore aggiunto dei partner al raggiungimento degli obiettivi
Esperienza maturata dai partner nell’ambito della stessa tipologia di intervento
proposta o affine
TOTALE SEZIONE 3
2-10
1-5
15
4. CARATTERE INNOVATIVO DELLA PROPOSTA
Qualità delle tecnologie proposte e delle soluzioni organizzative proposte
Livello di innovazione tecnologica e sociale
TOTALE SEZIONE 4
2-10
2-10
20
5. COERENZA E QUALITA’ FINANZIARIA
Avviso Pubblico a presentare progetti_Iniziativa [email protected] _26/09/2014
10
Coerenza e congruità del piano finanziario
Quota di cofinanziamento3
2-6
0-4
TOTALE SEZIONE 5
10
6. Complementarietà
Complementarietà del progetto con politiche e programmi nazionali, regionali
ed europei
5
TOTALE SEZIONE 6
5
100
TOTALE PUNTEGGIO
Il punteggio massimo raggiungibile è di 100 punti.
Solo le proposte che avranno raggiunto il punteggio minimo di 60 punti saranno ammesse alla
selezione per l’assegnazione del contributo finanziario sino ad esaurimento delle risorse.
Si segnala che è facoltà dell’Agenzia Nazionale Giovani richiedere, in fase di valutazione finale ed
approvazione del progetto, una rimodulazione del budget o un incremento della quota di cofinanziamento a carico del partenariato proponente.
I progetti che presentano da parte del partenariato proponente una quota di co-finanziamento maggiore del 25% dei
costi eleggibili del progetto, beneficeranno in sede di valutazione finale di un punteggio aggiuntivo, fino ad un
massimo di 4 punti, espresso nella seguente proporzione:
Punti in sede di valutazione
% Co-finanziamento
1 punto
25,01-30,00%
3 punti
30,01-35,00%
4 punti
≥ 35%
Avviso Pubblico a presentare progetti_Iniziativa [email protected] _26/09/2014
11
4. DISPOSIZIONI FINANZIARIE
La selezione di una candidatura da parte della Commissione di valutazione non comporta
necessariamente la concessione di un contributo finanziario uguale alla somma richiesta dal
candidato; la Commissione potrà infatti decidere di allocare un finanziamento inferiore a quello
richiesto. In ogni caso, il contributo finanziario concesso non potrà essere superiore a quello
richiesto dal candidato.
La richiesta del contributo finanziario deve includere un budget dettagliato redatto in euro e sulla
base della apposita documentazione predisposta, ovvero le Schede finanziarie, pena la non
ammissibilità della proposta.
Avviso Pubblico a presentare progetti_Iniziativa [email protected] _26/09/2014
12
4.1 Modalità di erogazione del contributo finanziario da parte dell’UPI
Il contributo finanziario viene erogato dall’UPI alla Provincia o UPI Regionale capofila secondo le
modalità seguenti:
a) un importo pari al 40% dell’ammontare viene versato alla Provincia o UPI Regionale capofila
entro 30 giorni dal trasferimento delle risorse finanziarie dall’ANG ad UPI:
b) la richiesta del pagamento del saldo, pari al restante 60%, dovrà essere corredata dalla
presentazione della rendicontazione finale del progetto finanziato (da presentare entro un mese
dalla conclusione delle attività), contenenti una ripartizione complessiva dei costi ammissibili
effettivamente sostenuti, e a seguito della valutazione della documentazione e della certificazione
della rendicontazione da parte dell’UPI.
L’UPI può disporre la revoca totale o parziale del finanziamento concesso nei seguenti casi:
•
•
•
•
mancata ottemperanza agli adempimenti di rendicontazione richiesti, con le cadenze e le
modalità specificate;
ottenimento, per le stesse spese oggetto della domanda di finanziamento, di finanziamenti
erogati da amministrazioni o enti pubblici nazionali o da istituzioni comunitarie;
mancata realizzazione delle attività progettuali;
minor costi sostenuti per la realizzazione delle attività progettuali.
4.2 Co-finanziamento a carico del partenariato
Il progetto deve prevedere a carico del partenariato proponente una quota di co-finanziamento
pari ad almeno il 25% dei costi eleggibili del progetto, pena la non ammissibilità della proposta
progettuale.
La percentuale del 25% si riferisce al budget complessivo di progetto. Quindi la percentuale di
cofinanziamento può essere differenziata all’interno del partenariato. La quota di cofinanziamento
che il partner deve garantire deve essere comunque congrua rispetto al budget gestito.
Il co-finanziamento a carico del partenariato, può essere attributo a qualsiasi categoria di spesa
(Personale, Viaggi, Soggiorni, Riunioni ed eventi, Servizi, Attrezzature e Infrastrutture, Spese generali,
Consulenze esterne) e deve riguardare costi effettivamente sostenuti e di ammontare certo; non è
quindi ammissibile il co-finanziamento in “natura” (messa a disposizione di attrezzature,
infrastrutture, immobili, utilizzo di personale volontario non retribuito ecc.).
Per la copertura del cofinanziamento devono essere utilizzate risorse proprie dei partner con
esclusione di risorse provenienti dallo Stato o dalle Regioni.
Sono ammissibili per la copertura del cofinanziamento somme derivanti da sponsorizzazioni purché
siano rispettate le seguenti condizioni:
• Siano indicate nella proposta;
• derivino da sponsorizzazioni e non da prestazioni svolte nell’ambito del progetto
(non sono ammesse attività lucrative come da paragrafo 2.6)
• non derivino da risorse provenienti dallo Stato o dalle Regioni (cfr. paragrafo 4.2)
4.3 Divieto di doppio finanziamento e no-profit
Ciascun progetto può essere oggetto esclusivamente di 1 finanziamento a carico dello Stato,
Regioni e/o Unione Europea.
Avviso Pubblico a presentare progetti_Iniziativa [email protected] _26/09/2014
13
Le sovvenzioni concesse non devono avere per oggetto o per effetto quello di produrre un profitto
per il beneficiario.
4.4 Ammissibilità dei costi
Per essere considerati ammissibili, i costi devono essere:
necessari per l’attuazione del progetto, previsti nel budget e rispondere ai principi di buona
gestione finanziaria e soprattutto di razionalità e di rapporto costi/benefici;
generati durante la durata del progetto (le attività devono iniziare entro e non oltre 15
giorni lavorativi dalla firma del contratto tra l’UPI e il beneficiario, salvo richiesta da parte
del beneficiario per inderogabili necessità connesse allo svolgimento delle attività);
effettivamente sostenuti dal beneficiario e registrati nella contabilità del beneficiario
conformemente ai principi contabili;
identificabili e controllabili e attestati da documenti giustificativi originali.
In particolare, sono ammissibili i seguenti costi operativi:
1. i costi del personale dipendente per la realizzazione delle attività del progetto, corrispondente
alle retribuzioni aumentate degli oneri sociali. Il costo del personale non può superare il 25% del
totale dei costi del progetto;
2. le spese di viaggio e di soggiorno del personale che partecipa al progetto (per esempio
nell’ambito della realizzazione di riunioni, ecc.);
3. i costi di spesa per l’acquisto del materiale necessario all’espletamento delle attività
progettuali e i costi che derivano direttamente dalle esigenze di realizzazione del progetto, ad
esempio diffusione di informazioni e realizzazione di materiale informativo (brochure,
pubblicazioni, ecc.). Tali costi non devono superare il 25% del totale dei costi del progetto;
4. i costi delle consulenze esterne. Questi non devono superare il 20% del totale dei costi del
progetto;
5. Tali costi devono essere obbligatoriamente costi reali del beneficiario e dei partner. In ogni
caso, non è ammissibile l’utilizzo del contributo finanziario erogato per l’acquisto di beni
immobili e terreni.
4.5 Note per la compilazione delle schede finanziarie
Le Schede Finanziarie sono composte da un primo foglio di lavoro in formato Excel da compilare
indicando in dettaglio le singole voci di costo suddividendole per partner ed indicando nell’ultima
colonna a destra la fase di riferimento. Nel secondo foglio di lavoro vengono riportate in
automatico le spese suddivise per le fasi di progetto.
Le schede sono predisposte per le 3 Macrofasi obbligatorie più due macrofasi senza alcuna
intestazione; qualora il progetto preveda altre Macrofasi, l’utente può aggiungere le relative
righe/colonne ai fogli Excel (avendo cura di verificare la persistenza delle formule all’interno delle
celle).
Per ogni categoria di spesa va riportato l’importo a carico di ogni singolo partner.
Avviso Pubblico a presentare progetti_Iniziativa [email protected] _26/09/2014
14
Modalità di compilazione
Personale dipendente e assimilato
Qualifica: va riportata la qualifica del personale dipendente o assimilato da impegnare nel
progetto, ad esempio: Responsabile di progetto, tecnico, amministrativo, ecc.
Nelle caselle successive vanno riportati rispettivamente il costo giornaliero e le giornate previste; il
totale dato dal prodotto dei giorni previsti per il costo giornaliero va inserito nella cella
corrispondente al partner/associato che sosterrà il relativo costo.
In merito al costo giornaliero va specificato che deve trattarsi di un costo lordo, ovvero per il
personale dipendente va riportato il costo comprensivo dei contributi previdenziali a carico del
datore di lavoro.
Nella voce "Personale dipendente e assimilato" rientrano i contratti di lavoro dipendente a tempo
determinato e indeterminato e Co.co.pro.
Le spese di personale non possono superare il 25% del totale dei costi del progetto. La percentuale
è riferita ai costi totali eleggibili del progetto e dunque a prescindere dal capofila/partner e può
quindi essere distribuita tra questi, in base naturalmente alle attività assegnate a ciascun ente
partecipante.
Viaggi
Descrizione viaggio: Va riportato il motivo del viaggio, ad esempio incontro di coordinamento,
seminario finale ecc. ed il luogo di svolgimento della trasferta. Non rientrano nei viaggi i costi di
mobilità dei beneficiari.
Costo viaggio a/r: In questa cella deve essere riportato il costo previsto del viaggio
Numero viaggi previsti: Deve essere indicato il numero di viaggi previsti; ad esempio se alla
trasferta partecipano due persone nella cella deve essere riportato 2.
Importo: Nelle celle relative ad ogni singolo partner va riportato il valore risultante dalla
moltiplicazione del costo del viaggio per il numero dei viaggi (A X B).
Per i viaggi sarà riconosciuto il rimborso delle spese di trasporto in ferrovia o nave di 2^ classe
ovvero in aereo classe economica.
Soggiorni
Descrizione soggiorno: Va riportato il motivo di effettuazione del soggiorno, ad esempio: incontro di
coordinamento, seminario finale, ecc., ed il luogo di svolgimento della trasferta. Non rientrano nei
soggiorni i costi di mobilità dei beneficiari.
Costo soggiorno: Va riportato il costo previsto del soggiorno. Il costo massimo ammissibile è pari ad
€ 150,00 giornaliere per l’albergo e ad € 60,00 giornaliere per il i pranzi, relativamente alle attività
sviluppate nei paesi appartenenti all’Unione Europea. Per i soggiorni in paesi non appartenenti
all’Unione Europa tali importi potranno essere maggiorati fino ad un massimo del 20%.
Giornate previste: Deve essere indicato il numero di soggiorni previsti; ad esempio se 2 persone
soggiornano per tre giorni nella cella deve essere riportato 6.
Importo: Nelle celle relative ad ogni singolo partner va riportato il valore risultante dalla
moltiplicazione del costo del soggiorno per il numero dei soggiorni (A X B).
Riunioni ed eventi
Descrizione: Va riportata la descrizione dell’evento o della riunione da organizzare e del tipo di
spesa da sostenere, ad esempio: Catering, locazione sala, interpretariato, ecc.
Importo: Nelle celle relative ad ogni singolo partner va riportato il costo previsto.
Avviso Pubblico a presentare progetti_Iniziativa [email protected] _26/09/2014
15
Servizi e forniture
Descrizione: Va riportata la descrizione del servizio o della fornitura da acquisire e del tipo di spesa
da sostenere, ad esempio: Pubblicazioni, brochure, ecc.
Importo: Nelle celle relative ad ogni singolo partner va riportato il costo previsto.
Le spese per servizi e forniture ed altri costi di progetto non possono superare il 25% del totale dei
costi di progetto. La percentuale è riferita ai costi totali eleggibili del progetto e dunque a
prescindere dal capofila/partner e può quindi essere distribuita tra questi, in base naturalmente
alle attività assegnate a ciascun ente partecipante.
I partner non possono essere consulenti o fornitori di servizi del capofila o di altro partner: essi
devono infatti svolgere le attività proprio in qualità di partner del progetto.
Attrezzature e infrastrutture
Descrizione: Va riportata la descrizione delle attrezzature da utilizzare inerenti lo sviluppo del
progetto, ad esempio: personal computer, proiettori, ecc. Le spese per attrezzature e infrastrutture
sono ammissibili in base alle quote di ammortamento stabilite dalla vigente normativa fiscale.
Inoltre, esse sono ammissibili se sostenute entro i primi due mesi di progetto.
Importo: Nelle celle relative ad ogni singolo partner va riportato il costo previsto.
Spese generali
Descrizione: Va riportata la categoria di spese generali da sostenere inerenti lo sviluppo del
progetto, ad esempio: Spese telefoniche, postali etc.
Le spese generali, qualora attribuibili al progetto, vanno imputate in misura percentuale entro il
limite massimo del 4% del budget di progetto, senza necessità di presentazione dei documenti
giustificativi.
Importo: Nelle celle relative ad ogni singolo partner va riportato il costo previsto.
Consulenze esterne
Qualifica: Va riportata la qualifica del consulente esterno da impegnare nel progetto, ad esempio:
Responsabile di progetto, tecnico, consulente amministrativo, ecc.
Oltre a quelle con partita IVA, in tale voce sono incluse le prestazioni di collaborazione
occasionale
Nelle caselle successive vanno riportati rispettivamente il costo giornaliero e le giornate previste; il
totale dato dal prodotto dei giorni previsti per il costo giornaliero va inserito nella cella
corrispondente al partner che sosterrà il relativo costo.
In merito al costo giornaliero va specificato che deve trattarsi di un costo lordo, ovvero per le
consulenze esterne va riportato il costo comprensivo degli oneri fiscali e previdenziali a carico
dell’ente committente.
Le spese di consulenza esterna non possono superare il 20% del totale dei costi del progetto. La
percentuale è riferita ai costi totali eleggibili del progetto e dunque a prescindere dal
capofila/partner e può quindi essere distribuita tra questi, in base naturalmente alle attività
assegnate a ciascun ente partecipante.
Nella scheda finale riepilogativa viene riportato in automatico, dopo la compilazione delle schede
di dettaglio di ogni singola Macrofase, l’importo delle voci di spesa del progetto suddiviso per
singolo partner.
Nella scheda riepilogativa deve essere imputata la quota di co-finanziamento a carico di ogni
singolo partner al fine di verificare il rispetto dell’ obbligo di cofinanziamento.
Avviso Pubblico a presentare progetti_Iniziativa [email protected] _26/09/2014
16
5. INFORMAZIONI AGGIUNTIVE
5.1 Monitoraggio e valutazione dei progetti finanziati
Le attività di monitoraggio e valutazione dell’andamento dei progetti selezionati verranno
effettuate dall’UPI sulla base di documentazione intermedia e finale redatte dalla Provincia o UPI
Regionali capofila su modelli predisposti dall’UPI stessa.
5.2 Pubblicità
Il presente Invito a presentare progetti, le Linee Guida per i proponenti e il Formulario di
candidatura, corredato delle Schede Finanziarie e degli Allegati, sono pubblicati sul sito web
dell’UPI www.upinet.it e sul sito web della Agenzia Nazionale per i Giovani www.agenziagiovani.it.
I progetti selezionati dovranno rendere visibile il logo della Agenzia nazionale per i Giovani e
dell’UPI, nonché il logo dell’iniziativa [email protected], su tutto il materiale realizzato nel quadro delle
attività (pubblicazioni, brochure e manifesti, ecc.). Inoltre, le Province Capofila beneficiarie del
finanziamento saranno tenute a promuovere i progetti sul sito www.beactivegiovani.it, una vetrina
virtuale permanente dove le Province potranno rendere visibili e valorizzare i risultati raggiunti e i
prodotti realizzati.
5.3 Calendario Invito a presentare progetti – [email protected] 2014
Di seguito, il calendario previsto per lo sviluppo delle azioni a seguito del termine di presentazione
delle proposte progettuali:
26 settembre 2014
10 novembre 2014
5 dicembre 2014
9 -31 dicembre 2014
Pubblicazione dell’Avviso Pubblico – [email protected] 2014
Termine per la presentazione delle proposte
Termine previsto per la comunicazione relativa ai
progetti selezionati
Procedure di negoziazione e stipula dei contratti tra
l’UPI e i beneficiari del contributo finanziario
Gennaio – Giugno 2015
Le attività devono iniziare entro 15 giorni
dalla firma del contratto tra l’UPI e il
beneficiario.
Le attività dovranno concludersi entro e
non oltre il 15 giugno 2015.
Inizio e conclusione delle attività progettuali
Avviso Pubblico a presentare progetti_Iniziativa [email protected] _26/09/2014
17
5.4 Richiesta di informazioni
Le richieste di informazioni relative all’Avviso Pubblico – [email protected] 2014 devono esclusivamente
essere inviate all'indirizzo [email protected]
Le richieste devono pervenire entro e non oltre le ore 18:00 di lunedì 3 novembre 2014. Le richieste
pervenute dopo tale data non saranno prese in considerazione. Si segnala inoltre che sarà fornita
risposta alle richieste pervenute entro 3 giorni lavorativi dalla ricezione delle stesse.
In ogni caso, si invitano i candidati a visionare periodicamente la sessione Frequently Asked
Questions (FAQ) sul sito web www.upinet.it e www.agenziagiovani.it.
Data di pubblicazione
26 settembre 2014
Avviso Pubblico a presentare progetti_Iniziativa [email protected] _26/09/2014
18
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
1 097 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content