close

Enter

Log in using OpenID

Agenda Post-2015 - Cooperazione Italiana allo Sviluppo

embedDownload
Processo per la
definizione di
un’agenda dello
sviluppo
Post 2015
Table of contents
0. Inquadramento
1. Processo ONU
2. La posizione UE
3. La posizione dell’Italia
0. Inquadramento
L’Agenda per lo Sviluppo attualmente in vigore è
stata approvata nel 2000 per il periodo 20002015 ed è costituita dai MDGs
Nel gennaio 2015 avrà ufficialmente avvio il
negoziato per la definizione della nuova
«Agenda per lo Sviluppo»
La nuova Agenda dovrà aggiornare e innovare gli
Obiettivi attuali includendo anche i SDGs previsti
dalla Conferenza Rio+20 del 2012
Il lavoro preparatorio è già iniziato da tempo
con la costituzione dell’Open Working Group
(OWG) e del Comitato di esperti per la
definizione di una strategia di finanziamento
dello sviluppo sostenibile
0. Inquadramento
I contributi
High Level Panel of Eminent Persons
A new global partnership
(Maggio 2013)
Rapporto del SG delle NU
A life of dignity for all
(Settembre 2013)
Comunicazione della Commissione Europea
A decent life for all: from vision to collective action
(Giugno 2014)
Rapporto dell’OWG +
Rapporto del Comitato di esperti
(Agosto 2014)
0. Inquadramento
Principî dell’Agenda Post 2015
1. Agenda universale
2. Agenda integrata
3. Agenda trasformativa
4. Agenda responsabile
0. Inquadramento
Principî dell’Agenda Post 2015
1. Agenda universale
Applicabile a tutti i Paesi
Tenendo conto delle differenze nazionali
0. Inquadramento
Principî dell’Agenda Post 2015
2. Agenda integrata
Sviluppo sociale
Sviluppo economico
Sostenibilità ambientale
0. Inquadramento
Principî dell’Agenda Post 2015
3. Agenda trasformativa
Sicurezza, pace, rule of law
Inclusività, crescita sostenibile, nuovi modelli di
produzione e di consumo
0. Inquadramento
Principî dell’Agenda Post 2015
4. Agenda responsabile / accountability
Monitoraggio dei progressi
Uso efficace delle risorse finanziarie
0. Inquadramento
Goals
Action-oriented
Concise
Easy to communicate
Limited in number
Aspirational
Global in nature
Universally applicable
0. Inquadramento
Target e indicatori
PECIFIC
EASURABLE
CHIEVABLE
ELEVANT
IME-BOUND
0. Inquadramento
1. Processo ONU
• Rapporto OWG
• Rapporto del Comitato di esperti
Agosto 2014
Settembre 2014
• Dibattito UNGA
Novembre/Dicembre
2014
• (2°) rapporto del SG
Gennaio 2015
• Inizio dei negoziati intergovernativi
Settembre 2015
• Summit per l’Adozione dell’Agenda
1. Processo ONU
17 Focus areas
1. Lotta alla povertà
2. Lotta alla fame, sicurezza
nutrizionale, agricoltura
sostenibile
3. Salute
4. Educazione
5. Parità di genere
6. Acqua e igiene
7. Energia
8. Crescita inclusiva e
sostenibile
9. Industrializzazione
sostenibile
10. Lotta alle disuguaglianze
11. Città sostenibili
12. Modelli di produzione e
di consumo sostenibili
13. Cambiamento climatico
14. Conservazione delle
risorse marine
15. Protezione degli
ecosistemi e della
biodiversità
16. Società pacifiche e
inclusive
17. Strumenti di attuazione
(MoI) e partenariato globale
1. Processo ONU
Aspetti problematici
Principio delle responsabilità comuni ma differenziate
Ruolo delle economie emergenti nella nuova Agenda
(Brics, Mint, ecc.)
Società pacifiche e inclusive, stato di diritto,
rafforzamento delle istituzioni
Strumenti di attuazione (MoI) e partenariato globale
per lo sviluppo sostenibile
1. Processo ONU
2. La posizione UE
Documenti di riferimento
A decent life for all
(febbraio 2013)
The Overarching Post 2015 Agenda
(Giugno 2013)
Financing poverty eradication and sustainable development
beyond 2015
(Dicembre 2013)
A decent life for all: from vision to collective action
(Giugno 2014)
2. La posizione UE
A decent life for all: from vision to collective action
Vision and Principles
Priority areas and Targets
Possible clustering
A New Global Partnership
2. La posizione UE
Semestre italiano di Presidenza
Commission Communication
A decent life for all: from vision to collective action
(2 Giugno 2014)
Riunione informale dei Ministri dello
Sviluppo
(14 e 15 luglio)
Obiettivo :
adottare una posizione comune entro
dicembre
2. La posizione UE
3. La posizione dell’Italia
Processo inclusivo
Coordinamento esterno
Coordinamento interno
Gruppo tematico sull’Agenda
Post 2015 nell’ambito del
Tavolo interistituzionale
Task Force Post 2015
2. La posizione dell’Italia
Una prospettiva nazionale
Priorità
Lotta alla povertà in tutte le sue forme
Sicurezza alimentare e nutrizionale
Sviluppo umano e territoriale e inclusione sociale
Uguaglianza di genere
Ruolo dei migranti per lo sviluppo socio-economico
Contributo del settore privato
Stato di diritto e governance
Filo conduttore
Inclusività
Superamento delle disuguaglianze
2. La posizione dell’Italia
Grazie per l’attenzione
Fabio Cassese
Vice Direttore Generale / Direttore Centrale DGCS
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
573 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content