close

Enter

Log in using OpenID

Bollettino Informativo 17 Giugno 2014

embedDownload
Oggetto: Bollettino Informativo -­‐ 17 giugno 2014 -­‐ notizie 4088-­‐4099
Data:
martedì 17 giugno 2014 17:00:07 Ora Legale Europa Centrale
Da:
Centro H -­‐ Ferrara
Bollettino Informativo martedì 17 giugno 2014
SOMMARIO
In evidenza:
4088_2014 -­‐ Barriere Architettoniche: novità dalla Regione sulle domande di rimborso ex lg.13/89
4089_2014 -­‐ Prestazioni assistenziali 2014: Modelli ICRIC, ICLAV e ACCAS/PS
Sul nostro territorio e dintorni:
4090_2014 -­‐ Mobilità accessibile: MuoverSI e Giuseppina
Le altre notizie:
4091_2014 -­‐ Arriva ''Jobmetoo'', prima piattaforma per reclutare lavoratori disabili
4092_2014 -­‐ Propulsori di spinta, carrozzine autobilancianti e innovazioni.
4093_2014 -­‐ Sono 4,1 i disabili in Italia, e il carico dell'assistenza è sulle famiglie.
4094_2014 -­‐ Expo, partito il piano per rendere Milano accessibile al 100%
4095_2014 -­‐ Tempo di Maturità
Le nostre rubriche:
4096_2014 -­‐ Domande e Risposte
4097_2014 -­‐ Notizie tratte da RedattoreSociale
4098_2014 -­‐ Documenti on-­‐line nel sito del Gruppo Solidarietà
4099_2014 -­‐ Spazio Libri
4088_2014
Barriere Architettoniche: novità dalla Regione sulle domande di rimborso ex lg.13/89
La Regione E.Romagna ha introdotto alcune significative novità in tema di domande di contributo per abbattimento barriere. In sintesi dal 3 marzo 2014 fecendo domanda (con un unico modulo) si sarà ammessi a due distinte graduatorie:
-­‐ la prima di carattere nazionale (alimentata unicamente da eventuali fondi nazionali) che segue le regole già in atto dal 1989
-­‐ la seconda di carattere regionale (alimentata unicamente da eventuali fondi regionali) in cui, oltre alla distinzione tra invalidità totali e parziali, prevista dalla legge 13 del 1989, la formulazione della graduatoria sarà determinata dall'ISEE del nucleo famigliare del richiedente e non più dalla sola data di presentazione della domanda.
Nella nuova modulistica viene ribadito, in analogia con la legge 13/89 che gli interventi debbono riguardare edifici già esistenti al 11/8/1989 e non ristrutturati dopo tale data.
Si prevede inoltre la possibilità che una quota maggioritaria di finanziamento regionale stanziato sia utilizzata per le domande di invalidi totali e una quota minoritaria per le domande di invalidi parziali.
Per chi ha già presentato domanda prima del 3 marzo 2014 non è possibile, sullo stesso oggetto, ripresentare altra domanda valevole anche per la graduatoria regionale.
Page 1 of 8
La pagina web in tema di legge 13 del Settore politiche abitative della Regione è stata aggiornata con le nuove disposizioni.
http://territorio.regione.emilia-­‐romagna.it/politiche-­‐abitative/fondo-­‐barriere
Per approfondire.
-­‐ Legge 13/1989 (la legge nazionale sulle barriere)
-­‐ Legge regionale 24/2001 (art.56) (la legge della Regione per sopperire con propri fondi al progressivo mancato finanziamento nazionale della legge13/89, cessato totalmente dal 2004)
-­‐ DGR 171/2014 Regione E.Romagna, Criteri di funzionamento del Fondo regionale per l'eliminazione e il superamento delle barriere architettoniche di cui all'art. 56 della Legge regionale 24/01 (le modifiche introdotta dalla Regione a partire dal 3/3/14)
Fonte:
http://www.retecaad.it/
4089_2014
Prestazioni assistenziali 2014: Modelli ICRIC, ICLAV e ACCAS/PS
La scadenza per la presentazione della modulistica è fissata al 30 giugno 2014
Per l'accesso 2014 alle prestazioni assistenziali di residenti in Italia e all'estero, è necessario fornire all'INPS la dichiarazione reddituale e la comunicazione di responsabilità. Alcune prestazioni richiedono infatti la dichiarazione dei redditi dell'anno precedente o l'invio di altri modelli (RED, ICRIC, ICLAV, ACCAS/PS) entro il 30 giugno 2014.
Il primo passaggio è quello che permette all'INPS di controllare i redditi di tutti i cittadini titolari di prestazioni il cui importo dipende dalla situazione economica propria ed eventualmente dei familiari, anche se fiscalmente a carico, ovvero la compilazione del Modello RED.
La procedura di compilazione va effettuata online a partire da questo link inserendo come dati di accesso il codice fiscale e il proprio PIN personale (a questo link è disponibile la guida alla richiesta del PIN). Successivamente andranno seguite le istruzioni come da comunicazione INPS, le riportiamo di seguito:
"Una volta eseguito l'accesso al servizio online "Dichiarazione reddituale", nella casella "Selezionare l'anno di emissione" per Campagna RED, è presente l' opzione: "2014 (dichiarazione redditi per l'anno 2013)".
Nella casella "Selezionare il tipo di campagna", è presente l'opzione: "Ordinaria".
Per proseguire, cliccare sulla scritta "Acquisizione Redditi".
Se il sistema Le risponderà con il seguente avviso: "Per il tipo Campagna e anno selezionati non deve fare la dichiarazione reddituale" Lei non è tenuto a rendere nessuna dichiarazione.
Se invece appare il messaggio di "Benvenuto" "Acquisizione redditi anno 2013" Lei deve compilare i campi che via via il sistema metterà a sua disposizione."
Tutti i titolari di invalidità civile dovranno inoltre attestare la permanenza o meno dei requisiti amministrativi di assenza di periodi di ricovero gratuito e della mancanza di attività lavorativa. Come per il Modello RED è possibile verificare l'obbligatorietà o meno alla compilazione di una delle "dichiarazioni di responsabilità" accedendo sempre tramite questo link alla propria area riservata e in particolare alla sezione "Dichiarazioni di responsabilità 2.0 (ICRIC, ICLAV, ACC.AS/PS)". In seguito la compilazione potrà avvenire direttamente online oppure tramite sportello CAF convenzionato.
Per conoscere nel dettaglio i diritti e i doveri legati alle tre autocertificazioni potete consultare il nostro speciale di approfondimento "Modelli ICRIC, ICLAV E ACCAS/PS".
Per approfondire:
Messaggio INPS n. 3870 "Pensioni delle gestioni private. Avvio della campagna REDITA e REDEST. Raccolta delle dichiarazioni di responsabilità per le prestazioni assistenziali"
Fonte:
www.disabili.com
Page 2 of 8
4090_2014
Mobilità accessibile: MuoverSI e Giuseppina
Chi sono e come funzionano i progetti MuoverSi e Giuseppina per la mobilità e l’autonomia delle persone con disabilità e ridotte capacità motorie
di Debora Peca
Uno degli obiettivi fondamentali per la vita di una persona con disabilità è senza dubbio l’autonomia. Per ottenere questo sono necessari progetti, politiche adeguate e risorse economiche volti a fornire ai cittadini con determinate necessità strumenti e servizi per il raggiungimento di una vita il più possibile autonoma anche al di fuori dell’ambiente domestico. Una città accessibile, priva di barriere architettoniche e con servizi pubblici adeguati consente a tutti, nessuno escluso, una mobilità ed autonomia tali da poter “vivere” la città come qualunque altro cittadino.
Gli strumenti per farlo, ribadiamo, possono essere garantiti solamente attraverso politiche adeguate e attente alle esigenze di tutti.
Nella città di Ferrara, ad esempio, sono nati progetti specifici di trasporto sociale che hanno garantito la mobilità alle persone con ridotte capacità motorie ed impossibilitate ad utilizzare i mezzi pubblici.
I progetti-­‐chiamati MuoverSI e Giuseppina-­‐ nascono da un progetto congiunto tra Amministrazione comunale di Ferrara e realtà del Terzo Settore; sono rivolti a persone adulte con disabilità dai 18 ai 65 anni per MuoverSi, ed anziane fragili over75 anni, per il Giuseppina. I trasporti vengono effettuati mediante l’utilizzo di pulmini attrezzati messi a disposizione dalle associazioni del territorio aderenti al progetto. I servizi vengono richiesti per poter effettuare visite mediche, terapie o per lo svolgimento di attività diverse come accompagnamento al lavoro, a scuola, o dal parrucchiere. Il progetto di trasporto ha un costo sostenibile calcolato in base alle fasce chilometriche.
Quali sono state le risposte da parte dell’utenza fino ad oggi? Il progetto ha avuto una risposta positiva e sempre crescente da parte dei cittadini almeno per due motivi: in primo luogo ha offerto alle persone che ne hanno fatto richiesta un’occasione innovativa e fondamentale sul piano dell’autonomia personale e, in secondo luogo, ha offerto sollievo rispetto al carico familiare. Inoltre la presenza di pedane per il trasporto di persone in sedia a rotelle e di personale qualificato e formato allo svolgimento di tale attività hanno ovviato in parte all’impossibilità di utilizzo dei mezzi pubblici “tradizionali”, ancora scarsamente accessibili. Sul piano sociale il Progetto ha permesso anche nuove opportunità di socializzazione per le persone sole. La possibilità di spostarsi e muoversi consente di uscire dall’ambito familiare e soprattutto di “scegliere” di farlo.
Tali servizi cambiano indubbiamente le prospettive di tutti i cittadini, anche qualora dovessero modificarsi le condizioni di salute. L’auspicio di un Progetto coordinato e di rete come questo è che possa divenire un vero e proprio Servizio a disposizione e a favore della collettività.
La sede dei progetti di accompagnamento sociale “MUOVERSI e GIUSEPPINA”, è in via Cicognara n. 20 (al primo piano, accessibile con ascensore) e ha i seguenti recapiti: telefono: 0532.903994 – fax: 0532.767616 – e-­‐mail: [email protected]
Ricordiamo anche che – per il progetto “Giuseppina” (rivolto agli anziani over75 enni) – il numero telefonico da comporre per l’iscrizione al servizio e per la richiesta di trasporti è il numero verde del CUP 800.072110
Gli orari di apertura sono i seguenti: lunedì e giovedì, dalle ore 15.00 alle 18.00; martedì e venerdì, dalle ore 9.00 alle 12.00
Fonte:
http://agiresociale.it/2014/05/mobilita-­‐accessibile-­‐muoversi-­‐giuseppina/
4091_2014
Arriva ''Jobmetoo'', prima piattaforma per reclutare lavoratori disabili
ROMA. Si chiama Jobmetoo e ha l’obiettivo di facilitare e perfezionare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, in riferimento alle persone con disabilità. Tecnicamente, si tratta della prima società web dedicata al reclutamento di lavoratori disabili, che consente alle aziende di selezionare i candidati in modo mirato. La nascita della piattaforma, che ha origini marchigiane a sede a Milano, è sostenuta da 360 Capital Partners e dal network internazionale U-­‐Start, che a questa “startup” ha destinato un totale di 500 mila euro, per lo sviluppo della piattaforma, l’ampliamento della gamma dei servizi forniti, il lancio delle attività di marketing e comunicazione e il rafforzamento della struttura. “Jobmetoo ha l’ambizione di diventare il punto di riferimento per le aziende che vogliono inserire nel proprio organico lavoratori appartenenti alle categorie protette per poterle far lavorare in mansioni che ne esaltino il Page 3 of 8
loro valore a vantaggio quindi sia dell’azienda sia della persona con disabilità.”, sottolinea Cesare Maifredi, General Partner di 360 Capital Partners. “L’idea ha un chiaro risvolto sociale – ha dichiarato Daniele Regolo, socio fondatore di Jobmetoo – La persona con disabilità, grazie al proprio lavoro, può infatti perseguire un cammino di autodeterminazione in una società veramente inclusiva, senza dimenticare la diminuzione del costo statale per le pensioni.” Ma come funziona Jobmetoo? Si tratta di un servizio di inserimento lavorativo dedicato alle persone con disabilità, semplice, efficace e altamente accessibile. Esso consente di compilare gratuitamente il curriculum vitae e creare un profilo estremamente dettagliato; guardare le posizioni lavorative compatibili e candidarsi con un clic; ricevere messaggi di “job alert” per essere sempre aggiornati. Il tutto, con il supporto di un team di professionisti che vivono la disabilità in prima persona. L’azienda, da parte sua, può compilare il proprio profilo e mettersi in contatto con i migliori candidati, inserire le posizioni lavorative aperte, ricercare liberamente nel database dei candidati e salvare i profili più interessanti, con il supporto di un team di professionisti esperti. Fonte:
Redattore Sociale del 14-­‐04-­‐2014
4092_2014
Propulsori di spinta, carrozzine autobilancianti e innovazioni.
Alcune novità in fatto di tecnologie per quanto riguarda le carrozzine per persone disabili, che cambiano l'uso e la percezione del mezzo
Carrozzina: quattro ruote, un telaio e una seduta. Sembra davvero preistoria questa sintesi massima della "sedia" di cui si servono le persone con disabilità motoria. Come sappiamo, infatti, non solo esistono diverse tipologie di carrozzine che rispondono a diversi usi e a diverse necessità, ma la stessa gamma di accessori che interessano questo mezzo si sta ampliando in modo considerevole. Nell'ambito della recente edizione di Exposanità, che si è conclusa il 24 maggio scorso, abbiamo avuto modo di farci un'idea delle principali novità del settore proposte dalle maggiori ditte specializzate, ma anche delle richieste e preferenze degli utenti. Ferma restando la macro suddivisione delle carrozzine per disabili in manuali, elettriche, per lo sport…, all'interno della quale le novità investono soprattutto l'area dei materiali e dei comandi, ci è sembrata in fortissima crescita l'offerta di tutte le nuove applicazioni di tecnologie PROPULSORE DI SPINTA PER CARROZZINA elettriche ed elettroniche legate al mezzo carrozzina come strumento o accessorio, ma anche delle nuove declinazioni dello stesso.
Per l'intero articolo:
http://www.disabili.com/prodotti/articoli-­‐qprodotti/propulsori-­‐di-­‐spinta-­‐carrozzine-­‐autobilancianti-­‐e-­‐
innovazioni-­‐tecnologie-­‐dal-­‐pianeta-­‐sedia-­‐a-­‐rotelle?utm_source=Mailing-­‐
Report&utm_medium=email&utm_campaign=Newsletter%20Disabili%2Ecom%2010%20giugno%202014
Fonte:
www.disabili.com
4093_2014
Sono 4,1 i disabili in Italia, e il carico dell'assistenza è sulle famiglie.
Le stime del Censis prevedono che nel 2020 i disabili in Italia saliranno a 4,8 milioni. La spesa pubblica pro capite destinata alle persone disabili è oggi di 437 euro l'anno, cifra di molto inferiore a quella media europea (535 euro).
Oltre quattro milioni di persone con disabilità in Italia (4,1, per la precisione), pari al 6,7% della popolazione. E' questa la stima del Censis, che prevede tra l'altro un trend in crescita: "Nel 2020 -­‐ continua la nota dell'istituto di ricerca -­‐ arriveranno a 4,8 milioni (il 7,9% della popolazione) e raggiungeranno i 6,7 milioni nel 2040 (il 10,7%). Una fetta consistente di italiani che spesso, tuttavia, sembra ancora invisibile agli occhi della collettività. Sempre secondo i dati del Censis, un italiano su 4 afferma che non gli è mai capitato di avere a che fare con persone disabili. Forse perché la disabilità viene fatta combaciare, da ben due italiani su tre, essenzialmente con una limitazione nei movimenti, quindi una disabilità prettamente motoria, mentre sono le disabilità intellettive ad essere più diffuse in età evolutiva (e spesso nascoste).
Page 4 of 8
Per l'intera notizia:
http://www.disabili.com/aiuto/articoli-­‐qaiutoq/sono-­‐4-­‐1-­‐milioni-­‐i-­‐disabili-­‐in-­‐italia-­‐e-­‐il-­‐carico-­‐dell-­‐assistenza-­‐e-­‐
sulle-­‐famiglie?utm_source=Mailing-­‐
Report&utm_medium=email&utm_campaign=Newsletter%20Disabili%2Ecom%2027%20maggio%202014
Per approfondire:
http://www.censis.it/7?shadow_comunicato_stampa=120959
Fonte:
http://www.disabili.com
4094_2014
Expo, partito il piano per rendere Milano accessibile al 100%
MILANO. "Abbiamo cominciato con i tavoli più urgenti: accessibilità dell'evento e ricettività per l'offerta turistica e culturale". Così Franco Bomprezzi, presidente di Ledha e responsabile del tavolo di discussione sull'accessibilità di Expo, una task force voluta dal Comune per mettere insieme associazioni e responsabili dell'esposizione universale. Il piano per un'Expo al 100% accessibile è partito: primo obiettivo è individuare dieci percorsi accessibili alle persone con tutti i tipi di disabilità per raggiungere i luoghi più importanti della città. Comune, associazioni, Atm, Metropolitane, Expo spa sono tutti d'accordo per muovere i primi passi concreti in questa direzione.
Isabella Menichini da gennaio è direttore del settore servizi per la disabilità, la salute mentale e la domiciliarità del comune di Milano. Condivide con Franco Bomprezzi i prossimi passi: "L'individuazione dei percorsi sarà un lavoro molto pratico: ci sono dei gruppi che stanno già testando i percorsi, insieme ad alcuni tecnici. Atm (l'Azienda del trasporto milanese, ndr) ha già fatto un monitoraggio della situazione dei mezzi".
Con Expo sarà poi istituito un unico sportello di accoglienza per persone con disabilità, dove saranno disponibili tutte le informazioni. È uno dei risultati che dovrà raggiungere il tavolo su turismo e ricettività.
Per il mondo della disabilità "Expo diventa un grimaldello per risolvere i problemi cittadini anche con risorse aggiuntive", sostiene Bomprezzi. La trasformazione di Milano in città accessibile a tutti, prosegue "è un modo per ri-­‐motivare coloro che dopo quello che è successo pensano ancora che sia valida. Per lo meno sarà uno sforzo che avrà una ricaduta concreta e resterà". (lb)
Fonte:
Redattore Sociale del 20-­‐05-­‐2014
4095_2014
Tempo di Maturità
Non ci sono grandi novità, se non qualche dettaglio degno di commento, per gli alunni con disabilità e per quelli con DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento), nell’Ordinanza Ministeriale di quest’anno dedicata agli ormai imminenti Esami di Stato (la vecchia “Maturità”). Gli elementi nuovi, invece, riguardano gli studenti con altri BES (Bisogni Educativi Speciali)
Per l'intera notizia:
http://www.superando.it/2014/06/10/tempo-­‐di-­‐maturita/
Fonte:
http://www.superando.it
4096_2014
DOMANDE E RISPOSTE
AUTO NUOVA: DA DOVE PARTIRE?
Page 5 of 8
Domanda
Buongiorno,
Ho appena conseguito la patente B speciale (infatti guiderò con cambio automatico e pedale acceleratore
sinistro) ma avrei bisogno di un buon consiglio per districarmi nella giungla di offerte ed incentivi per l'acquisto
di un'automobile oltre che conoscere tutti i vantaggi previsti. Se possibile inoltre segnalarmi le eventuali case
automobilistiche più sensibili alle necessità dei disabili. Grazie infinite. F.
Risposta
Buongiorno, lei ha il diritto all’iva agevolata 4% sull’acquisto di una macchina nuova; nessuna spesa di IPT e
l’esenzione del bollo auto, per quanto riguarda gli sconti effettuati dalle case automobilistiche purtroppo non
posso esserle molto di aiuto, possono variare e non tutte le case lo adottano. Distinti saluti
Diego Brusco - Kivi Srl
Fonte:
www.disabili.com
4097_2014
Notizie tratte da http://www.agenzia.redattoresociale.it/
Bimbi disabili nei centri estivi: l’operatore è a carico della famiglia
Spesso è questa la condizione alla quale i ragazzi vengono “accettati” dalle strutture: e il costo per le famiglie può anche raddoppiare, passando da 110 a 220 euro a settimana
Bimbo down rifiutato al centro estivo, Anffas: "Non è un caso, ma la norma"
Il commento del presidente Roberto Speziale: “I bambini disabili generalmente rifiutati dai centri estivi, privati o comunali che siano, spesso con l’alibi delle risorse. Ma è una violazione della legge 67 e va sanzionata. Le famiglie denuncino”.
Disabili e lavoro, Catania supera l'assistenzialismo
Primo comune in Sicilia ad applicare la normativa per l’inserimento lavorativo delle persone svantaggiarte che punta su un modello di welfare produttivo anche con la collaborazione dei privati
Inclusione scolastica ragazzi disabili, a breve incontri sul ripristino dei fondi ministeriali
Entro luglio l’esame della proposta di legge stilata dalle associazioni per migliorare l’inclusione scolastica. Intanto si è riunito il Comitato tecnico dell’Osservatorio del ministero dell’Istruzione: in una nota congiunta Fish e Fand fanno il punto sui temi trattati
Autismo, “una legge troppo parziale”: le critiche delle regioni
Sono contenute in un documento appena approvato, che sarà presentato in audizione alla commissione Igiene e Sanità del Senato. Tra le principali criticità: elementi “controversi e non scientifici”
“Hotel 6 Stelle”, il meglio in prima serata. E in autunno la seconda serie
Il programma che racconta il tirocinio lavorativo di sei ragazzi con sindrome Down torna su Rai 3 (lunedì, 21.05) con una puntata speciale. Vianello: “Faremo una nuova edizione”. Dall'Aipd tutti i numeri sugli inserimenti lavorativi. Sms solidale al 45595
La “sete di sapere” dei sordociechi: film, visite guidate, bioenergetica...
L’ultimo numero del mensile dell’Inail Superabile Magazine dedica la copertina a chi non riesce né a vedere né a sentire. Come Angela Pimpinella, che nonostante il forte deficit è diventata la prima laureata sordocieca italiana
Disabili, Anffas: “Con decreto competitività a rischio le prestazioni"
Il presidente Speziale fa notare che l’applicazione “pedissequa” di una norma contenuta nel decreto legge in via di conversione alla Camera comporterà la riduzione di prestazioni sanitarie, socio-­‐sanitarie e sociali per le persone disabili
Disabilità, Argentin: al via iter del ddl "dopo di noi", fare presto
"Evviva, oggi finalmente e' iniziato l'iter sulla legge 'Dopo di noi' in commissione Affari sociali della Camera. Sono Page 6 of 8
state illustrate le tre leggi presentate sulle risposte alle famiglie con figli disabili, nel momento in cui non ce la fara...
Disabile impara a pilotare l’aliante a 75 anni: la storia di Marzio
Bolognese, da pochi mesi frequenta il corso per ottenere il brevetto alla scuola di volo a vela di Ozzano "Giorgio Regazzoni". Costretto a convivere sin da bambino con una gamba rigida, dopo più di 50 anni riesce a coronare il suo sogno: volare
Chiesa e spiritualità: Aipd "Ancora pochi disabili nelle parrocchie"
Il tema della catechesi delle persone con disabilità anche gravi al centro del convegno “Diversi da chi? L'altro come risorsa". Celani (Aipd): "Ancora difficoltà ad essere accolti nelle comunità ecclesiali" Scenzo (Sant'Egidio): "Non aspettare di essere pronti, con i catechisti formati"
Al film festival "Lo Spiraglio" la storia dello Schindler cieco che salvò ebrei disabili
Alla manifestazione romana evento speciale per Otto Weidt, il piccolo imprenditore tedesco non-­‐vedente che rischiò la vita per salvare dall'olocausto gli operai della sua fabbrica, molti dei quali ciechi e sordi
Fonte:
Notizie tratte da “Redattore Sociale”, Agenzia giornalistica quotidiana dedicata al disagio e all’impegno sociale in Italia e nel mondo.
Consultabile in abbonamento all’indirizzo www.redattoresociale.it
4098_2014
Documenti on-­‐line nel sito del gruppo solidarietà
Queste le novità on line nel sito del centro documentazione del Gruppo solidarietà di Castelplanio (AN) all'indirizzo: http://www.grusol.it/informazioni.asp
-­‐ Marche. Aggiornamento tariffe assistenza ospedaliera (16/06/2014-­‐ 1.914,12 Kb -­‐ 24 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Riforma terzo settore. Il documento del Forum (16/06/2014-­‐ 711,79 Kb -­‐ 59 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Ragioneria dello Stato. Monitoraggio spesa sanitaria (14/06/2014-­‐ 2.797,08 Kb -­‐ 24 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Sulla Carta per il superamento delle logiche manicomiali (14/06/2014-­‐ 341,08 Kb -­‐ 17 click) -­‐ formato PDF
-­‐ La LEDHA sulla bozza di riforma del terzo settore (13/06/2014-­‐ 250,14 Kb -­‐ 29 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Abruzzo. Promozione dell'inclusione sociale delle persone sorde (12/06/2014-­‐ 23,59 Kb -­‐ 6 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Magistratura e Salute, la credibilità perduta (12/06/2014-­‐ 64,48 Kb -­‐ 20 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Psichiatria democratica sulla chiusura degli OPG (12/06/2014-­‐ 54,34 Kb -­‐ 15 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Legge Opg. Operatori della salute mentale protagonisti non custodi (11/06/2014-­‐ 128,34 Kb -­‐ 26 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Marche. Cure palliative e terapia del dolore (11/06/2014-­‐ 591,32 Kb -­‐ 40 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Marche. Linee guida orientamento (11/06/2014-­‐ 1.040,18 Kb -­‐ 35 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Emergenza sanitaria e associazioni di volontariato nelle Marche (09/06/2014-­‐ 385,65 Kb -­‐ 32 click) -­‐ formato PDF
-­‐ La crisi economica fa male alla salute? (08/06/2014-­‐ 990,45 Kb -­‐ 41 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Spesa per disabilità: Italia in fondo alla classifica UE (07/06/2014-­‐ 23,40 Kb -­‐ 122 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Conferenza volontariato giustizia. Non al carcere di Camerino (06/06/2014-­‐ 35,04 Kb -­‐ 24 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Smentita la bufala dei “falsi invalidi” (05/06/2014-­‐ 16,95 Kb -­‐ 76 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Lombardia. Indicatori appropriatezza servizi sociosanitari (04/06/2014-­‐ 3.041,32 Kb -­‐ 93 click) -­‐ formato PDF
-­‐ La legge di chiusura degli OPG (02/06/2014-­‐ 154,70 Kb -­‐ 36 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Lombardia. Il contratto di ingresso nelle strutture per anziani e disabili (02/06/2014-­‐ 24,04 Kb -­‐ 158 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Come affrontare le diseguaglianze nella salute (01/06/2014-­‐ 84,15 Kb -­‐ 47 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Le tendenze delle rette nelle RSA anziani in Lombardia (01/06/2014-­‐ 112,47 Kb -­‐ 73 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Riabilitazione ospedaliera 2010-­‐12. Report Ministero (01/06/2014-­‐ 2.968,08 Kb -­‐ 32 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Marche. Contributo regionale al Centro servizi volontariato (31/05/2014-­‐ 215,90 Kb -­‐ 36 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Approvata finalmente una buona legge per la chiusura degli OPG (29/05/2014-­‐ 473,32 Kb -­‐ 54 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Emilia Romagna. Riconoscimento e sostegno del caregiver familiare (29/05/2014-­‐ 34,08 Kb -­‐ 134 click) -­‐ formato Page 7 of 8
PDF
-­‐ Istat. Nuove sfide per il welfare (29/05/2014-­‐ 3.856,70 Kb -­‐ 138 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Disabilità. L’inclusione negli asili nido (28/05/2014-­‐ 92,90 Kb -­‐ 49 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Monitoraggio LEA. Verifica adempimenti 2012 (27/05/2014-­‐ 4.619,65 Kb -­‐ 99 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Salute mentale in Lombardia. E’ tempo di cambiare (27/05/2014-­‐ 68,58 Kb -­‐ 44 click) -­‐ formato PDF
-­‐ Fondi sociali. Evoluzione e prospettive (25/05/2014-­‐ 132,92 Kb -­‐ 119 click) -­‐ formato PDF
Fonte
newsletter http://www.grusol.it
4099_2014
SPAZIO LIBRI
Giuseppe Gitti
Sordità e apprendimento della lingua
Milano, FrancoAngeli, 2008
Basandosi sulla sua pluridecennale esperienza di lavoro con bambini e ragazzi sordi, l’autore propone un
esame delle problematiche legate alla sordità e alle diverse possibiltà di comunicazione, dal metodo naturale
all’impianto cocleare fino alla lingua dei segni.
Franca Borellini
Una scuola su misura
Trento, Erickson, 2008
Un testo di base che fornisce utili indicazioni sulle difficoltà dei bambini con sindrome di Asperger e sui problemi
che si presentano più frequentemente nella loro educazione e che propone diverse strategie per affrontarli.
Sabrina Freeman, Lorelei Dake
Il linguaggio verbale nell’autismo
Trento, Erickson, 2007
Il libro propone schede, attività e giochi per affrontare le difficoltà di linguaggio verbale nei bambini con disturbi
dello spettro autistico, sfruttando le loro abilità visive e proponendo esercizi per l’apprendimento di alcuni aspetti
della grammatica, l’accrescimento del lessico e di tutto ciò che può essere utile a conquistare una maggior
autonomia sociale.
...PER AVERE QUESTI LIBRI...
Se desiderate leggere questi libri potete acquistarli o consultare il catalogo del Polo ferrarese dell'SBN (Servizio Bibliotecario Nazionale), il catalogo collettivo delle biblioteche civiche di Ferrara in cui potete ricercare se il volume desiderato è presente in una delle biblioteche aderenti al Polo e se è disponibile per il prestito.
__________________________________________________________
Tutela dei soggetti rispetto al trattamento dei dati personali:
Avvertenza DLgs 196/2003 - gli indirizzi e-mail presenti nel nostro archivio provengono: o da richieste dirette di inserimento in
rubrica, o da comunicazioni pervenute al nostro Centro, o da elenchi e servizi di pubblico dominio reperibili in internet. Questi
verranno visionati e utilizzati esclusivamente dal Centro H per l’invio del bollettino quindicinale e di altre eventuali informazioni.
Se il suo indirizzo di posta elettronica è stato utilizzato a sua insaputa o qualora non desiderasse più ricevere comunicazioni da
Page 8 of 8
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
223 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content