PROCEDURE PER LA SELEZIONE DI 70 VOLONTARI

PROCEDURE PER LA SELEZIONE DI 70 VOLONTARI FORMATORI PER LA
CAMPAGNA “IO NON RISCHIO”
1. Il contesto del nuovo processo formativo
Il nuovo processo formativo nell’ambito della Campagna nazionale “Io non rischio” prevede
l’individuazione, attraverso un’apposita procedura di selezione, di 70 volontari1, distribuiti su
tutto il territorio nazionale, che, dopo aver seguito uno specifico processo formativo,
assumeranno il ruolo di “volontari formatori” per la campagna “Io non rischio”.
Potranno partecipare alla selezione esclusivamente i volontari che hanno preso parte ad
almeno una delle edizioni della campagna, completando l’intero percorso (formazione, refresh
e campagna).
Al fine di determinare la distribuzione e il numero di volontari da selezionare, il territorio
nazionale è stato suddiviso in 4 Aree di riferimento così strutturate:
• Area Nord (Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Piemonte,
Trentino Alto Adige, Valle d’Aosta, Veneto)
• Area Centro (Abruzzo, Lazio, Marche, Molise, Toscana, Umbria)
• Area Sud (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia)
• Area Sicilia
La Regione Sardegna non è indicata in quanto, ad oggi, non ci sono volontari di
Organizzazioni di volontariato sarde che hanno già partecipato alla Campagna.
Per ciascuna Area, sulla base della distribuzione delle piazze realizzate negli scorsi anni e
quindi dei volontari che ad oggi hanno partecipato alla campagna, il numero di volontari
formatori da individuare risulta così stabilito:
•
•
•
•
1
Area Nord: 16 volontari formatori
Area Centro: 28 volontari formatori
Area Sud: 18 volontari formatori
Area Sicilia: 8 volontari formatori
Qualora per eventuali necessità si rendesse necessario un numero di formatori superiore a 70, si attingerà direttamente dalla
graduatoria.
I 70 volontari formatori individuati saranno impegnati, nella settimana dal 7 al 12 aprile
20152, in una attività di formazione generale che si svolgerà a Roma, e che durerà 5/6
giornate, per un totale di circa 40 ore di formazione, secondo un programma che verrà reso
noto successivamente.
Al termine del nuovo processo formativo, quindi, si avrà un unico profilo di formatore,
formato su ogni aspetto della campagna, sui temi del rischio terremoto, maremoto e alluvione
e con a disposizione gli strumenti necessari per realizzare un efficace percorso di formazione
a cascata.
I volontari formatori avranno, infatti, il compito di organizzare e realizzare la formazione a
cascata con i volontari delle diverse organizzazioni di volontariato che parteciperanno alla
campagna, nell’ambito dell’Area territoriale di riferimento. Al fine di facilitare
l’organizzazione dell’attività di formazione a cascata, e per omogeneizzare i contenuti da
trasmettere, sarà fornito a ciascun formatore un apposito kit con i materiali e gli strumenti da
utilizzare.
I volontari formatori, suddivisi in coppie su base territoriale, si occuperanno della formazione
dei volontari, che parteciperanno per la prima volta alla Campagna organizzati in piccoli
gruppi.
In linea di massima ogni coppia di formatori sarà responsabile della formazione delle piazze
della propria regione: qualora se ne rappresentasse la necessità, però, potrà essere chiesto ai
volontari formatori di organizzare l’attività anche per piazze di regioni limitrofe.
Per l’organizzazione della formazione a cascata in Sardegna, verrà richiesta la disponibilità di
formatori provenienti da altre Regioni.
La Campagna 2015 si svolgerà nel mese di ottobre, in una data che verrà successivamente
stabilita. Pertanto, la formazione a cascata dovrà essere realizzata e completata tra il mese di
maggio e quello di settembre 2015 e dovrà prevedere i seguenti momenti:
• Attività di formazione sulle tematiche generali della campagna e sul rischio che
tratteranno i volontari in piazza (terremoto, maremoto o alluvione).
2
Le date possono essere suscettibili di variazioni per particolari situazioni che non dovessero permettere al Dipartimento
della protezione civile l’espletamento delle procedure. Qualora ciò si verificasse, ne verrà data tempestivamente
comunicazione.
• Attività di refresh finalizzata alla verifica della preparazione dei volontari e
all’approfondimento di alcune tematiche.
2. Requisiti e condizioni di ammissione per la selezione
Possono partecipare alla selezione i volontari che alla data di presentazione della domanda
abbiano compiuto il diciottesimo anno di età e siano in possesso dei seguenti requisiti:
• Essere iscritto ad una Organizzazione di volontariato di protezione civile, iscritta in
un elenco territoriale o nell’elenco centrale;
• Aver partecipato ad almeno una edizione della campagna “Io non rischio” in tutte le
sue fasi (formazione, refresh, giornate in piazza) in qualità di volontario appartenente
ad una delle seguenti Organizzazioni nazionali di volontariato o Associazione locale e
Gruppo comunale che hanno aderito alla campagna:
o Anpas – Associazione Nazionale delle Pubbliche Assistenze
o Ana – Associazione Nazionale Alpini
o Anai – Associazione Nazionale Autieri d’Italia
o Anvvfc – Associazione Nazionale Vigili del Fuoco in Congedo
o Avis – Associazione Volontari Italiani del Sangue
o Cisom – Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta
o Cives – Coordinamento Infermieri volontari emergenza sanitaria
o Confederazione Nazionale delle Misericordie d’Italia
o Cri – Croce Rossa Italiana
o Fin – Federazione italiana nuoto
o Fir-CB – Federazione Italia Ricetrasmissioni Citizen’s Band
o Lares
o Legambiente Onlus
o Nucleo di protezione civile Inps
o Prociv Arci – Associazione Nazionale Volontari per la Protezione Civile
o Prociv Italia – Associazione Nazionale Volontari Protezione Civile e Sanità
o Federazione Psicologi per i Popoli
o Rnre – Raggruppamento nazionale Radiocomunicazioni Emergenza
o Era - European Radioamateurs Association (già Rnre)
o SNS – Società Nazionale di Salvamento
o Ucis – Unità cinofile italiane da Soccorso
o Unitalsi – Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari
Internazionali
o Vab – Vigilanza Antincendi Boschivi
o Gruppo Comunale Reggio Calabria
o Gruppo Comunale Battipaglia
o Gruppo Soccorritori Cinofili Cani Utilità di Volontari Protezione Civile San
Felice sul Panaro (GSC CUD VPC)
o Gruppo Comunale Novi di Modena
o Gruppo Comunale Carpi
o Gruppo Comunale Genova
o Gruppo Comunale Milano
o Corpo Volontari P.C. Milano
o Associazione Nazionale Carabinieri “I LEONI RAMPANTI – JESI”
o Nucleo CB OM JESI
o Associazione Due Fiumi – Alessandria
o Gruppo Comunale Alessandria
o Nucleo Diocesano Messina
o Mari e Monti 2004 – Messina
o Swift Water Rescue Team Toscana (SWRTT)
o Gruppo Volontari PC Città di Foligno
o Associazione Nazionale Carabinieri Foligno
o Gruppo Comunale Vicenza
o Gruppo Comunale Capaccio Paestum
o Gruppo Comunale Cetara
o Gruppo Comunale Eboli
o Gruppo Comunale Maiori
o Nucleo Comunale Positano
o Associazione Humanitas Soccorso
o Gruppo Comunale Salerno
o Associazione Soccorso Amico
o Libera Associazione CB Salernitana
o Gruppo Comunale San Giovanni a Piro
o Gruppo Comunale Protezione Civile Aviano
o Gruppo Comunale Protezione Civile Maniago
o Gruppo Comunale Protezione Civile Osoppo
o Gruppo Comunale Protezione Civile Gemona del Friuli
o Coordinamento regionale delle associazioni di volontariato di Protezione Civile
della Valle d’Aosta
o Associazione Cavalieri dell'Etere Protezione Civile Conegliano
o Coordinamento delle associazioni di volontari di Protezione Civile della
Comunità montana feltrina
o Squadra volontari di Protezione Civile e AIB Badia Calavena
• Avere il nulla osta del Presidente dell’Associazione locale, Gruppo comunale o
Sezione territoriale dell’Organizzazione nazionale di appartenenza, secondo il modello
in allegato, in quanto l’impegno del volontario formatore ricadrà comunque
nell’ambito delle attività dell’organizzazione che ne dovrà condividere e sostenere
l’azione;
• Buone conoscenze informatiche (pacchetto Office e Internet);
• Disponibilità a spostarsi nell’ambito della propria Regione/Provincia Autonoma e, se
necessario, in quelle limitrofe, per lo svolgimento dell’attività di formazione.
3. Procedure selettive
La procedura di selezione dei volontari formatori, è suddivisa in due fasi:
• Una fase di preselezione on line, attraverso l’accesso all’area riservata del sito
www.iononrischio.it, che prevede la compilazione di un form costituito da:
o Una scheda anagrafica dettagliata;
o Uno spazio dedicato alla scrittura di un’autobiografia (massimo 2.000 caratteri,
spazi inclusi3);
o Un questionario sui temi della campagna “Io non rischio”, composto da 50
domande a risposta multipla.
• Un colloquio con una apposita Commissione di valutazione, composta da
rappresentanti degli Enti partner della Campagna (Dipartimento della Protezione
civile, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Rete dei Laboratori Universitari
di Ingegneria Sismica e Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze), cui
accederanno i volontari che avranno superato la fase di preselezione.
La piattaforma per la fase di preselezione on line sarà attiva dal 27 gennaio al 10 febbraio
2015.
Per partecipare alla preselezione, i volontari in possesso dei requisiti di cui al punto 2)
dovranno inizialmente fare richiesta delle specifiche credenziali di accesso all’area riservata
del sito, create dal Dipartimento della Protezione civile per la procedura di selezione. In
particolare:
• i volontari appartenenti ad Organizzazioni Nazionali dovranno fare riferimento alle
rispettive segreterie nazionali per il tramite delle rispettive sezioni territoriali;
3
La scrittura dell’ autobiografia è un momento di riflessione sulla propria esperienza di volontario. Non c’è dunque un modo
giusto o sbagliato di scriverla o di organizzarla. Come suggestione si propone una frase tratta dal saggio "Il racconto come
dimora" di Paolo Jedlowski: “L’esperienza si compie quando viene narrata. L’esperienza non è semplicemente quello che
viviamo: è anche il processo che nella memoria connette i vissuti e li dota di senso.”
• i volontari appartenenti ad Associazioni locali o a Gruppi Comunali dovranno fare
riferimento alla struttura di protezione civile della propria Regione.
Per qualunque difficoltà nel reperimento delle credenziali di accesso all’area riservata è
possibile inviare una comunicazione al seguente indirizzo mail: [email protected]
Il mancato rispetto dei requisiti di ammissione o la compilazione dell’autobiografia in
maniera non conforme alle specifiche indicazioni comportano la non validità della domanda e
quindi l’esclusione dalla selezione.
Relativamente alla fase di preselezione on line è importante sapere che:
• La compilazione del form deve essere effettuata in un’UNICA soluzione, in quanto
non è possibile salvare il form compilato parzialmente per completarlo poi in un
momento successivo. Pertanto, una volta effettuato l’accesso bisognerà compilare
tutti i campi e procedere all’invio. Qualora anche una sola delle parti del form non
venga compilata, la procedura non potrà essere completata. E’ quindi necessario, al
momento dell’accesso, avere a disposizione i propri dati anagrafici, tra cui il Codice
Fiscale e la data di iscrizione alla propria Associazione.
• Per la compilazione del questionario è necessario aver prima riguardato i principali
contenuti della campagna sintetizzati nei materiali presenti sul sito (scheda,
pieghevole, parte generale del manuale formativo), in merito ai quali il questionario
verterà. Qualora pervengano compilazioni multiple del form, verrà considerato valido
solamente il primo form completo inviato.
Si consiglia di procedere alla stesura dell’autobiografia prima dell’accesso alla piattaforma, e
di copiare poi il testo nell’apposito campo; si ricorda che è previsto un massimo di 2.000
caratteri, spazi inclusi.
I candidati che supereranno la preselezione secondo i criteri riportati al punto 4) saranno
ammessi al colloquio. I colloqui si svolgeranno nei giorni dal 16 al 20 marzo 20154 presso la
sede del Dipartimento della Protezione civile, in via Vitorchiano n.4, Roma.
Sul sito www.iononrischio.it, nell’area dedicata alla selezione, sono disponibili tutti i
materiali utili per la preparazione sia alla preselezione on line sia al colloquio.
4
Le date possono essere suscettibili di variazioni per particolari situazioni che non dovessero permettere al Dipartimento
della Protezione civile l’espletamento delle procedure. Qualora ciò si verificasse, ne verrà data tempestivamente
comunicazione.
4. Criteri e modalità di selezione
Attribuzione punteggi.
La selezione dei candidati avverrà sulla base dei punteggi assegnati al questionario di
valutazione, all’autobiografia e al colloquio. A tal fine è stata predisposta una scala di
valutazione che prevede un punteggio massimo di 110 punti, di cui:
• 50 punti attribuibili al questionario;
• 30 punti attribuibili all’autobiografia;
• 30 punti attribuibili al colloquio.
Modalità di selezione.
Preselezione: Scaduti i termini per l’accesso alla piattaforma (10 febbraio), l’Ufficio
Volontariato, Formazione e Comunicazione del Dipartimento della Protezione civile valuterà
tutti i questionari attribuendo un punteggio da 1 a 50 punti (1 punto per ciascuna risposta
esatta), e accorperà i candidati per Area di riferimento. L’Ufficio, quindi, trasmetterà la
documentazione alla Commissione che procederà alla valutazione delle autobiografie alle
quali attribuirà un punteggio da 1 a 30 punti.
La Commissione, sommando i punti assegnati al questionario e all’autobiografia, stilerà,
pertanto, 4 graduatorie provvisorie dei candidati per l’ammissione al colloquio, con
riferimento alle 4 Aree territoriali. Al colloquio sarà ammesso un numero di volontari doppio
(con l’aggiunta di eventuali pari merito) rispetto alle esigenze della selezione. In particolare:
• Area Nord: saranno ammessi i primi 32 candidati (per l'ultima
ammessi tutti i pari merito)
• Area Centro: saranno ammessi i primi 56 candidati (per l'ultima
ammessi tutti i pari merito)
• Area Sud: saranno ammessi i primi 36 candidati (per l'ultima
ammessi tutti i pari merito)
• Area Sicilia: saranno ammessi i primi 16 candidati (per l'ultima
ammessi tutti i pari merito)
posizione saranno
posizione saranno
posizione saranno
posizione saranno
Per superare la fase di preselezione i candidati dovranno comunque aver raggiunto un
punteggio non inferiore a 40/110.
Le graduatorie di ammissione al colloquio saranno pubblicate, entro il 2 marzo 2015, sul sito
www.iononrischio.it e, per ciascuna di esse, verranno indicati i candidati ammessi al
colloquio con la specifica dei punteggi ottenuti al questionario e per l'autobiografia.
A tutti coloro che partecipano alla fase di preselezione, anche se non ammessi, sarà comunque
data comunicazione a mezzo mail dei risultati ottenuti.
Colloquio: In questa fase i candidati ammessi dovranno sostenere un colloquio con la
Commissione, che li valuterà sui seguenti argomenti, attribuendo un punteggio tra 1 e 30
punti:
•
•
•
•
•
•
Concetti generali sulla campagna “Io non rischio”
Il Sistema nazionale della protezione civile
Il Volontariato di protezione civile
La pianificazione d’emergenza
Le attività di informazione e comunicazione
I materiali della campagna (pieghevole e scheda per i rischi terremoto, maremoto e
alluvione)
In aggiunta alla preparazione tecnica, in fase di colloquio la Commissione esaminerà anche
gli aspetti motivazionali dei candidati che rappresenteranno una componente fondamentale
nella valutazione complessiva.
Al fine di accedere al colloquio, i candidati dovranno consegnare alla Commissione
l’originale del nulla osta del Presidente della propria Associazione/Sezione locale/Gruppo
comunale, debitamente compilata e firmata.
Terminati i colloqui, la Commissione stilerà le 4 graduatorie definitive relative alle 4 Aree
di riferimento, sommando ai punti delle graduatorie provvisorie i punti assegnati al colloquio.
Verranno selezionati complessivamente i 70 volontari che avranno ottenuto i punteggi più alti
nelle singole graduatorie definitive secondo le seguenti ripartizioni:
•
•
•
•
Area Nord: saranno selezionati i primi 16 candidati
Area Centro: saranno selezionati i primi 28 candidati
Area Sud: saranno selezionati i primi 18 candidati
Area Siciliana: saranno selezionati i primi 8 candidati
Per essere selezionati i candidati dovranno comunque aver raggiunto un punteggio non
inferiore a 70/110.
In caso di pari punteggio, in graduatoria precederà il candidato che avrà ricevuto il punteggio
maggiore al colloquio.
Le graduatorie definitive saranno pubblicate, entro il 23 marzo 2015, sul sito
www.iononrischio.it e, per ciascuna di esse, verranno indicati i candidati selezionati e quelli
non selezionati, con la specifica dei punteggi ottenuti alla preselezione e al colloquio.
Riepilogo date.
• 27 gennaio - 10
febbraio:
• entro 2 marzo:
apertura e chiusura piattaforma per la fase di preselezione
• 16-20 marzo:
colloqui a Roma
• entro 23 marzo:
pubblicazione graduatorie definitive
• 7-12 aprile:
attività di formazione generale a Roma
pubblicazione graduatorie di ammissione al colloquio
Pubblicità delle procedure di selezione.
Oltre alla pubblicazione sul sito del Dipartimento della Protezione civile e sul sito “Io non
rischio”, per dare pubblicità alla procedura di selezione il Dipartimento della Protezione civile
ha dato comunicazione della apertura dei termini per la candidatura a tutte le Organizzazioni
nazionali di Volontariato coinvolte e a tutte le Regioni e Province Autonome.
Le graduatorie provvisorie di accesso al colloquio e le graduatorie definitive saranno
pubblicate sul sito internet www.iononrischio.it.
Le date di convocazione ai colloqui saranno rese note ai candidati mediante il sito
www.iononrischio.it, e comunicate per mail ad ogni singolo candidato che avrà superato la
fase di preselezione. Non verrà invece mandata mail ai candidati esclusi o non convocati per il
colloquio.
I nominativi dei 70 volontari selezionati saranno anche comunicati dal Dipartimento della
Protezione civile alle Organizzazioni nazionali di appartenenza o alle Regioni di appartenenza
per le Associazioni Locali e i Gruppi Comunali.
Ai 70 volontari selezionati verrà data comunicazione anche tramite mail.
5. Certificazioni e riconoscimenti
Ai 70 volontari selezionati che completeranno il percorso di formazione generale sarà
rilasciato un attestato che certifichi le competenze acquisite e il raggiungimento del ruolo di
“volontario formatore” per la campagna “Io non rischio”.
6. Trattamento dei dati personali
Ai sensi dell’art. 13, comma 1, del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 i dati forniti dai
partecipanti sono acquisiti dall’ente che cura la procedura selettiva per le attività medesime e,
successivamente all’eventuale selezione, saranno trattati per le finalità connesse alla gestione
del rapporto stesso ed alla realizzazione del progetto.
Il trattamento dei dati avverrà con l’utilizzo di procedure anche informatizzate, nei modi e nei
limiti necessari per perseguire le predette finalità.
Il conferimento di tali dati è obbligatorio ai fini della valutazione dei requisiti di
partecipazione, pena l’esclusione dalla selezione.
I dati raccolti dal Dipartimento potranno essere comunicati a soggetti terzi che forniranno
specifici servizi strumentali alle finalità istituzionali del Dipartimento stesso.
Gli interessati godono dei diritti di cui all’art.7 del citato decreto legislativo n. 196 del 2003,
tra i quali il diritto di accedere ai propri dati personali, di chiederne la rettifica,
l’aggiornamento e la cancellazione, se incompleti, erronei o raccolti in violazione della legge,
nonché il diritto di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi. Qualunque modifica o
richiesta di cancellazione dei propri dati personali dovrà essere inoltrata via mail all’indirizzo
[email protected]
7. Informazione sull’applicazione dei benefici previsti dal DPR 194/2001
Gli oneri connessi alla partecipazione dei volontari al colloquio selettivo, alla formazione
generale e alla formazione a cascata, saranno a carico del Dipartimento della Protezione civile
con autorizzazione ai sensi del DPR 194/01 artt. 9 e 10 che avverrà secondo le modalità
ordinariamente previste per le attività connesse alla Campagna “Io non rischio”.