close

Enter

Log in using OpenID

DENTRO MAGAZINE - La Voce del Nord Est Romano

embedDownload
SETTIMANALE GRATUITO DEL VENERDì
ANNO XI - NUMERO 27 - 11 LUGLIO 2014
Scontro per la Giunta
L’area Rubeis si spacca: duello tra Berlettano e Benetti per i Servizi sociali
alle pagine 4 e 5
Tivoli
Il ministro
Franceschini
boccia la Nathan
pagina 9
L’evento a Guidonia
Cinque giorni di musica
È Fairylands mania
pagina 7
pagina 8
Sanità a Tivoli
Fisioterapisti senza paga
sciopero ed esasperazione
pagina 9
Marcellina
Fonte Nuova
Guidonia
Sport
Nicotera:
nuova stagione
per l’edilizia ma
secondo le regole
I grillini già vedono
inciuci tra Pd
e Forza Italia
“Molto delusi”
Concorsi pasticcio
il Comune
annulla
tutti gli atti
Cecchini
nuovo attaccante
della Tivoli Calcio
“Sono orgoglioso”
pagina 13
pagina 11
pagine 3
pagina 14
PER CONTATTARE LA REDAZIONE DI DENTRO MAGAZINE CHIAMA IL NUM. 0774.344201 OPPURE SCRIVI A [email protected]
2
REGIONE
venerdì 11 luglio 2014
Renzi o non Renzi
Pd delle correnti, poltrone agli sconfitti
Ciccotti, ex consigliere, perde a Guidonia. L'architetto fedele a Marco Vincenzi
viene però premiato: è il nuovo assessore all'Urbanistica di Fonte Nuova
GEA PETRINI
Chissà che direbbe Renzi della performance del suo partito uscito con le
ossa rotte dai ballottaggi in provincia
di Roma appena un mese fa, e scattante
come un centometrista nel ricollocare
i “quadri” sconfitti da una città all'altra.
E' il caso dell'ex consigliere comunale
di Guidonia Montecelio Angelo Ciccotti
ripescato dopo la batosta elettorale e
catapultato a qualche chilometro di
distanza: il vincenziano è il nuovo
assessore della Giunta di centrosinistra
a Fonte Nuova.
“Quando non c’è in campo Renzi i
nodi vengono al pettine. I risultati
elettorali delle amministrative nel Lazio
e in particolare nei grandi centri della
provincia di Roma evidenziano la necessità di adeguare il partito locale
alla velocità e modernità della segreteria
nazionale”, l'ex numero uno regionale
Enrico Gasbarra all'indomani del secondo turno tuona: il centrosinistra
perde nei Comuni dove non riesce a
uscire dalle vecchie logiche. Pomezia,
Tivoli, Guidonia Montecelio, Civitavecchia, una mappa da far gelare il
sangue anche ai più stoici. Adeguare
Il magro
risultato
elettorale di
Guidonia e
Tivoli non
conta: la guida
del settore del
mattone nel
Comune
nomentano va
all’ex Ds, uscito
malconcio
anche nel
borgo di
Montecelio,
storico fortino
della sinistra
Il capogruppo del Pd
alla Pisana nonostante
tutto continua a non
perdere colpi e posti
il Pd territoriale alla “modernità” di
Matteo, più facile a dirsi che a farsi.
Almeno a vedere la trasmigrazione su
diktat di componente. Fonte Nuova è
la mosca bianca, il Pd più alleati vincono contro un centrodestra diviso e
rattoppato con la colla, a guidare la
coalizione c'è Fabio Cannella il 40enne
veterinario è l'unico baluardo che resta
alle truppe democratiche. Una settimana
fa sceglie gli assessori e tra i sette
appare Angelo Ciccotti. L'ex diessino
calpesta le vie della politica nella terza
città del Lazio da anni, più volte consigliere comunale, l'ultima esperienza
conclusa proprio a maggio all'opposi-
zione del forzista Eligio Rubeis. Ma a
Fonte Nuova non sanno chi sia, i democrat appaiono smarriti, squillano i
telefoni per carpire informazioni sul
profilo del neo incaricato, presentato
come un tecnico Ciccotti che è architetto, e il sindaco gli dà appunto una
delega di tutto rispetto, Urbanistica,
Edilizia privata e Assetto della viabilità.
Nella cittadina il gruppo dirigente era
sfornito di figure all'altezza del compito?
A quanto pare il problema non si è
posto affatto perché il Pd è “un partito
che ancora funziona” commenta sarcastico un osservatore. Ciccotti è infatti
nella Giunta Cannella come espressione
dell'area che fa riferimento a Marco
Vincenzi, capogruppo del Pd alla Regione Lazio, ex assessore provinciale,
ex sindaco di Tivoli. La città dell'Arte
è andata, la torre vincenziana crolla
sotto i colpi dei civici di Proietti che se
ne vanno anche in giro a pulire la
città, con quell'aria un po' scanzonata.
Poco più a valle si consuma un'altra
cocente disfatta. E Ciccotti a Guidonia
Montecelio è candidato nella lista del
Pd, 381 voti, arriva quindicesimo, cioè
fuori anche in caso di vittoria. Il ballottaggio è un dramma collettivo nelle
stanze del comitato di Domenico De
Vincenzi (presidente della Cotral Spa).
Una debacle generale, rappresentata
al meglio da Montecelio: lo storico
feudo rosso dove il candidato Ciccotti
è radicato, i vicoli culla del suo consenso, il paese col cuore falce-e-martello
va a Rubeis. Cento schede in più al
centrodestra. Certo, non che la responsabilità sia solo di Ciccotti, ma la
sconfitta nel borgo è una prova elettorale che brucia la pelle. Eppure nulla
conta. L'ex consigliere perde a Guidonia
Montecelio e diventa assessore a Fonte
Nuova. Come in un fiume, trascinato
dalla corrente.
La spending review
Meno Irpef e sforbiciata agli incarichi
Il presidente Zingaretti: “Importante passo per la nostra regione”
Grazie al maxi
emendamento la Legge
147 è stata approvat6a
giovedì scorso
La notte della spending review è passata nonostante
l'ostruzionismo dei cinque stelle superato dalla maggioranza con un maxi-emendamento. E' la legge nata
per ridurre i costi della politica, tagliare postazioni e
enti inutili. “È davvero un passo in avanti decisivo
l’approvazione del Collegato, un’altra legge importante
per la nostra Regione e per tutti i cittadini. Un provvedimento innovativo che continua a portare avanti la
lotta agli sprechi e ai costi della politica, che abbiamo
avviato all’inizio della legislatura, per un Lazio sempre
più moderno, giusto ed innovativo. Il testo approvato
ci consente di proseguire a pieno ritmo sulla strada virtuosa della responsabilità e del controllo della spesa
puntando sulla semplificazione amministrativa, con
importanti interventi a sostegno delle famiglie e delle
imprese”. Così il presidente della Regione Lazio, Nicola
Zingaretti. “La legge 147 – continua il presidente –
allarga la platea dei contribuenti esentati dall’aumento
dell’Irpef, riduce il numero dei componenti degli organi
di controllo e dei membri dei collegi sindacali delle
aziende sanitarie, con un taglio di 42 poltrone e un risparmio di circa 630 mila euro all’anno in compensi, e
un ulteriore taglio di 54 poltrone con le nuove
disposizioni che riguardano altri enti regionali. La
legge istituisce, inoltre, un fondo di 90 milioni di euro
per il riequilibrio territoriale dei Comuni del Lazio.
Una legge importante che ha come principale obiettivo
la semplificazione del dialogo e del rapporto con i
cittadini e le imprese come dimostrano, ad esempio, la
rateizzazione dei debiti tributari e l’eliminazione di
moduli cartacei che scoraggiavano idee e iniziative imprenditoriali. Per questo – conclude Zingaretti – voglio
ringraziare l’assessore Sartore e in modo particolare il
Consiglio regionale, insieme alla commissione competente, che in quattro mesi di intenso e proficuo lavoro,
hanno migliorato il testo e la vita dei cittadini”.
Laboratori pubblici,
parte la riforma
Un nuovo decreto per riorganizzare i laboratori pubblici: collegamenti tra le varie strutture e un risparmio di 20 milioni di euro
l'anno. “Con questo provvedimento – ha spiegato il presidente
Nicola Zingaretti - archiviamo una rete definita nel 2007 poco efficiente e ormai obsoleta. Si volta pagina e si ottiene un risparmio
di più di 20 milioni di euro l’anno. Adottiamo
un nuovo modello basato sulla centralizCon il nuovo
zazione delle attività, degli acquisti di madecreto
teriali di consumo, di reagenti e delle atrisparmi
per
trezzature. La nuova configurazione si
2o milioni
baserà su otto centri di riferimento collegati
in rete e dotati di attrezzature e capacità
professionali in grado di rispondere a ogni esigenza. Saranno i
punti di riferimento per 27 strutture e per tutti i centri della
nuova rete. Questo consentirà di realizzare una medicina di laboratorio vicina al luogo delle cure, più efficiente e molto meno
sprecona” .
3
GUIDONIA MONTECELIO
E' un “attento esame” delle carte
prodotte da due esclusi che spinge
i vertici burocratici del Comune
di Guidonia Montecelio ad annullare tutti gli atti relativi ai concorsi
messi in piedi prima delle elezioni
dal sindaco Eligio Rubeis. Il segretario generale Rosa Mariani si
accorge che in effetti è vero, le
preselezioni per le assunzioni da
110mila euro l'anno sono state
organizzate senza la commissione
esaminatrice. Un errore, una svista,
della quale l'amministrazione prende coscienza a prove scritte archiviate e con una lista di politici
meritevoli in gara. I concorsi però
restano in piedi, saranno riconvocati gli aspiranti.
E' una nota della Mariani inviata
al sindaco il 2 luglio a chiudere il
capitolo pasticcio che ha tenuto
banco nelle settimane precedenti
il voto. E sarà stata la fretta la
cattiva consigliera, date fissate a
poca distanza da far venire il fiatone anche agli atleti: qualsiasi
sacrificio pur di finire prima dell'esito delle urne. Due sono i
ricorsi al Tribunale amministrativo
del Lazio che hanno consentito
alla numero uno dell'Ente di capire
gli sbagli. Il primo è quello del
dottor Damiano Colaiacomo aspirante dirigente amministrativo,
che si è ritrovato nell'aula a fare i
quiz il funzionario Concetta Eliseo
moglie dell'ex consigliere (candidato non eletto nella civica di Rubeis) Ugo Fabri, l'ex vicesindaco
forzista Mauro Lombardo, l'ex
sindaco Pd di Tivoli Giuseppe Bai-
venerdì 11 luglio 2014
Assunzioni nel ciclone
Concorsi senza esaminatori,
Rubeis ora azzera tutto
Il Comune ci ripensa: abbiamo sbagliato. Si ricomincia il percorso
I politici in gara potranno tentare ancora di ottenere il posto
E il sindaco scarica le colpe sulla Mariani
Con tre determine
del 4 luglio Rosa
Mariani annulla
gli atti relativi alle
assunzioni di due
dirigenti e un
assistente sociale
a tempo
indeterminato
Di Silvio: “Sapevamo sarebbe andata così
Atti illegittimi targati Rubeis”
Il Pd salta di gioia. Il capogruppo Emanuele Di Silvio lo fa capire, una vittoria
dopo la battaglia condotta sul tema in campagna elettorale. “La corsa dell'amministrazione Rubeis ha portato solo a produrre una serie di atti illegittimi,
e false speranze per i tanti giovani e meno giovani, che hanno presentato la
domanda di partecipazione ai concorsi. I primi atti di una cattiva gestione
politico-amministrativa iniziano a venire fuori. E' nostro dovere, quali consiglieri
comunali controllare gli atti e denunciarne l'illegittimità, a tutela dei cittadini
di Guidonia Montecelio”.
si. I politici ci sono ma non la
commissione esaminatrice, nominata solo il pomeriggio, così le
preselezioni passano e si va alla
prima prova scritta. Tra i promossi
amministratori, affini ed ex, Baisi
non si presenta (consigliato dai
vertici del partito) e parte la battaglia legale di Colaiacomo. Il Tar
tratterà nel merito il 6 novembre
prossimo, intanto i giudici però
sospendono la prova concorsuale.
Il secondo ricorso è dell'architetto
Stefania Mastropietro (funzionario)
altra “bocciata” alle domande di
cultura generale per il posto da
dirigente tecnico. Più bravi i volti
noti invece, cioè l'ex assessore ai
Lavori Pubblici Federico Pietropaoli, e il rubeisiano Capo di Gabinetto Angelo De Paolis. I problemi sollevati dalla Mastropietro
sono gli stessi, la preselezione è
affidata alla sola società esterna
che ha invece il compito di coadiuvare ma non può sostituirsi
alla commissione. Insomma, “si
riconosce la fondatezza delle doglianze espresse” e “in autotutela”
la Mariani fa retromarcia, annulla
gli atti con una serie di determine
pubblicate il 4 luglio, nel tritacarte
va anche il fascicolo per la scelta
dell'assistente sociale. Uno stop
solo momentaneo, perché gli ammessi ai concorsi saranno riconvocati per le nuove preselezioni
con la relativa commissione – chissà questa volta – e la speranza
magari di un percorso più lineare.
I soldi usciti dalle casse dell'Ente
per il pastrocchio “saranno attribuite in capo a chi materialmente
ha commesso l'errore”, lo dice il
sindaco Eligio Rubeis che non è
nuovo a scaricare sui dirigenti che
sceglie e vuole le responsabilità.
Anche quelle politiche.
4
GUIDONIA MONTECELIO
venerdì 11 luglio 2014
GOVERNO RUBEIS,
“
De Maio: “Tra i miei
desideri quello
di ricoprire il ruolo
personalmente
in futuro”
Venturiello: “Ho
indicato il nome in
base agli accordi
stretti prima del voto”
Il caso politico
Giunta, spaccatura
sui Servizi sociali
Scontro nel gruppo del sindaco. Venturiello indica
Benetti e la De Maio invece punta su Berlettano
La lady azzurra: “L'incarico a chi
è stato importante per la mia elezione”
A CURA DI
L’architetto
dovrà scegliere
quale delle due
opposte linee
seguire. A
rischio equilibri
e stabilità
Il braccio di
ferro per i
Servizi sociali
potrebbe
preparare il
terreno alla
prima crisi
GEA PETRINI
Un mese non è bastato. La terza città del Lazio è ancora senza Giunta. Un rinvio dopo l'altro, il quadro
sembra composto ma resta ancora un fronte incandescente che impedisce all'architetto di sigillare l'intesa. La maggioranza fibrilla e l'avvio della corsa
come da copione – viste le condizioni – appare più
accidentato rispetto al 2009. La spaccatura è tra le
mura di casa Rubeis dove la sua componente indica
due assessori diversi: Benetti e Berlettano.
L'assessorato azzurro (il terzo) è il vero tormento del
sindaco. La delega è quella ai Servizi sociali, lo scontro
è ai massimi livelli consumato in riunioni bilaterali.
La componente – che è quella di stretta fede rubeisiana – ha visioni opposte. Da una parte c'è il consigliere Michele Venturiello intenzionato a mantenere i
patti sottoscritti prima del voto, offrendo quindi a
Mirko Benetti – ex consigliere – la postazione nell'esecutivo. “Al sindaco ho dato indicazione secondo
quanto già discusso prima della campagna elettorale”.
Insomma, Benetti punto e basta. L'altra voce in capitolo è quella da mille e più voti, cioè Marianna De
Maio intenzionata in un primo momento a lasciare
l'Aula per andare a ricoprire l'incarico in prima persona. Ipotesi accolta in maniera glaciale da Venturiello, “sarebbe una sua scelta, ne prenderei atto però
questo modificherebbe la situazione che oggi comunque è in mano al sindaco che saprà fare sintesi”. Le
decisioni evolvono e la posizione della De Maio a
quanto pare ha assunto una direzione precisa: puntare
su Marco Berlettano, che è già stato in quel settore
negli ultimi tre anni, e in un secondo momento magari
fare staffetta con lui. La sostanza per Mirko Benetti
L'escluso eccellente è Sassano
Venturiello: “E' rappresentativo di per sé, non si può stare dappertutto”
Morelli invece dissente: “Un errore tenerlo fuori”
Stefano Sassano è fuori dalla Giunta. Il vice coordinatore provinciale di Forza Italia non ha rappresentanti nell'esecutivo,
colpa dei criteri che privilegiano i gruppi di due (o più) consiglieri. Uno shock interno vedere l'ex Presidente escluso di
fatto dal governo nonostante sia arrivato terzo nella lista dopo la coppia d'oro Bertucci-Vallati. Capogruppo, la proposta
avanzata - “per le vie brevi” - un passo “naturale visto il suo ruolo nel partito” dice Michele Venturiello che rimprovera
però l'attaccamento ai metodi da manuale Cencelli, di chi li pratica certo ma anche di chi reclama essendone escluso.
“La questione di Sassano dipende dagli esiti delle elezioni, i big si devono accordare sui metodi che a me francamente
sono indigesti. Io avrei portato al sindaco una serie di curricula tra i quali scegliere, ma nella pratica i consiglieri
comunali indicano dei nominativi tra i quali poi il sindaco valuta, quindi il meccanismo delle forze interne ha fatto
scaturire questa situazione. Però mi preoccupo che un assessore possa rappresentare un solo consigliere, insomma
dovrebbe rappresentare tutto il gruppo di Forza Italia”. Il consigliere fedelissimo dell'architetto avverte i colleghi:
“Qualcuno purtroppo sbagliando pensa che l'assessorato sia cosa sua ma non è così. E Sassano è rappresentativo
già di per sé, stare dappertutto non è possibile. Scherzando ho detto che ci vorrebbe una Giunta a trentacinque assessori”. Non è dello stesso avviso Alberto Morelli, “visti i problemi che ci sono per la Giunta sarebbe stato meglio fare
come a Tivoli e prendere sei tecnici”, l'assenza di Sassano è un tasto dolente per il forzista, “il suo ruolo va riconosciuto,
è sbagliato che non ci sia una sua indicazione in Giunta”.
rimane la stessa, la De Maio non ha intenzione di vederlo ai Servizi sociali. La lady azzurra dopo giorni
di silenzio spiega: “La mia intenzione di andare in
Giunta rimane, c'è ancora. Nell'ultima settimana ho
ragionato però che per motivazioni legate alla mia
vita professionale e privata non sia il momento migliore. Ho incontrato il sindaco Rubeis al quale ho
espresso i miei desideri e se lui riterrà la persona da
indicare adesso in esecutivo deve essere secondo me
quella che mi è stata più vicina in campagna elettorale
perché ha contribuito in maniera forte alla mia elezione”. Il nome non lo fa, ma il profilo è proprio
quello di Berlettano, i bene informati assicurano che
nel vertice con l'architetto la consigliera delle pari
opportunità abbia scandito il nome del giovane avvocato. La De Maio d'altronde rimprovera a Benetti
proprio lo scarso apporto in termini di voti. “Tra i
miei desideri avanzati al sindaco c'è anche quello di
avere quel ruolo personalmente in futuro, ora la scelta
è nelle mani di Rubeis”. E dietro c'è il vero braccio di
ferro quello tra De Maio e Benetti: lunedì potrebbe
arrivare il verdetto, sempre che la Giunta del “secondo
tempo” non vada ancora più in là, vicino a una possibile crisi autunnale.
5
GUIDONIA MONTECELIO
venerdì 11 luglio 2014
CORSA A OSTACOLI
Giammaria gela il ritorno di Mazza
Conto alla rovescia per le nomine
Il capogruppo: “Ancora devo incontrarmi con il sindaco,
c’è da ragionare sugli equilibri interni alla lista civica”
A ITALIA
ENZA PER FORZ
mille euro
CENA DI BENEFIC
condo i rumors
se
,
na
rso
pe
in
rlusconi
Be
e
nt
ide
es
Con il Cavaliere
pr
. Uno scatto del
ola
tav
a
re
de
se
per
De Maio
cci e Marianna
con Marco Bertu
Sette postazioni, partendo dagli alleati, al vicesindaco Andrea Di Palma andrà la Cultura, Pubblica Istruzione e Sport. Un ritorno di fiamma per
il paladino dei teatri che si ritroverà nel settore
guidato al momento dal dirigente Marco Simoncini
con il quale i rapporti sono un po' freddi. Ma gli
assetti burocratici saranno – è evidente – un'altra
partita. Fratelli d'Italia prende l'Ambiente, assessore la giovane Morena Boleo, psicologa, quarta
della lista con 174 voti: per il partito di Messa e
Pozzi un salto nell'olimpo, differenziata, impianto,
parchi e giardini, i ragazzi della Meloni giocano
in serie A. L'avvocato della rivoluzione arancione
Aldo Cerroni dovrebbe avere il Personale, la proposta avanzata al sindaco è un uomo, ma la soluzione non può andare bene a Rubeis che per le
nuove norme sulla rappresentanza di genere ha
bisogno di tre donne in esecutivo. La richiesta ha
messo in difficoltà Cerroni che ha pronto però
anche l'assessore al femminile, riserbo sull'identità. La lista civica del sindaco rappresenta un terreno accidentato. L'assessore dovrebbe essere
Adriano Mazza che in caso di incarico ritornerà
nella sua ex stanza, cioè le Finanze. Le ultime indiscrezioni riportavano la possibilità dell'accorpamento del Demanio, ipotesi invece tramontata.
Una sola delega quindi per la civica, ma i guai
vengono dall'inquilino. La lista è rappresentata
in consiglio dalla figlia di Mazza, la giovane Silvia
eletta vice presidente dell'assemblea e da Paolo
Giammaria (primo degli eletti) rigido nei confronti
del papabile alle Finanze. Una soluzione troppo
squilibrata a favore dei Mazza rispetto al gruppo.
“Devo ancora incontrarmi con il sindaco, il nome
di Mazza è un'indicazione che io non ho dato e
che non ho ricevuto da nessuno. In quel caso comunque bisognerebbe ragionare sugli equilibri
della lista civica”, commenta il consigliere che
del caso non ha parlato neanche con la collega,
“ci conosciamo poco ma c'è un ottimo rapporto,
solo che ancora non abbiamo avuto modo di confrontarci questo perché il sindaco voleva prima
risolvere le questioni con altri partiti”. Ed ecco
Forza Italia, tre le stanze a disposizione. Braccio
di ferro tra i rubeisiani per Benetti o Berlettano.
Invece per il nuovo mega gruppo di Marco Bertucci (Presidente del consiglio), Anna Maria Vallati, Alberto Morelli e Andrea Mazza l'assessorato
all'Urbanistica, Attività Produttive e Commercio,
Demanio. A incarnare lo spirito dei fantastici quattro una donna che secondo i rumors sarebbe Mariella Cosola, manager, moglie dell'ex consigliere
Maurizio Neri diventato partner politico di Bertucci quando ha deciso di non ricandidarsi con
un accordo stretto proprio sui possibili futuri incarichi. Altro assessorato di peso per i consiglieri
ispirati dal capocomponente Mauro Lombardo
che non varcherà la soglia dell'assessorato ai Lavori Pubblici, l'avvocato supervisiona e basta, indirizzato ormai ad altra carriera. Quindi per i lombardiani torna in Giunta l'ex vicesindaco Ernelio
Cipriani, voluto appunto dalla figlia Veronica e da
Gianluigi Marini. I forzisti neri passano dai campi
sportivi al mondo vasto delle opere pubbliche.
Paolo Giammaria
Confermato
questo quadro
ci sarebbero
due consiglieri
comunali con il
padre in Giunta:
Mazza e
Cipriani
Lunedì il
sindaco
dovrebbe
affidare gli
incarichi, ma la
data slitta già da
due settimane
I FUTURI ASSESSORI
Lavori pubblici
Ernelio CIPRIANI
Forza Italia
Vicesindaco; Cultura,
Pubblica istruzione, Sport
Andrea DI PALMA
Ncd
Urbanistica, Attività produttive,
Commercio, Demanio
Mariella COSOLA
Forza Italia
Ambiente
Morena BOLEO
Fratelli d’Italia
Servizi sociali
Mirko BENETTI
Forza Italia
Personale
Assessore donna indicata
da Aldo CERRONI
oppure
Marco BERLETTANO
Forza Italia
Finanze
Adriano MAZZA Civica Rubeis
(il capogruppo Giammaria non lo sostiene)
6
GUIDONIA MONTECELIO
venerdì 11 luglio 2014
Via Roma senza pace
L’affare Ambiente
Torna il doppio senso
solo per un tratto
E' ancora impero
dei rifiuti
Una veduta
della discarica
dell’Inviolata
Cerroni ricorre al Consiglio di Stato per la discarica
e l'impianto è il prossimo tassello sul territorio
Discarica e impianto, Manlio Cerroni non molla. Nella
galassia del patron dei rifiuti c'è EcoItalia87 che gestisce
il sito dell'Inviolata, e proprio per difendere gli anni di
lavoro in quella discarica (seconda in quanto a tonnellate
di spazzatura solo a Malagrotta) la società si appella al
Consiglio di Stato per non veder sanciti come illegittimi
gli scarichi maleodoranti accumulati nel corso del tempo.
In attesa di benedire la nuova creatura. Il ricorso di
EcoItalia è stato presentato il 20 giugno contro il Comune
di Fonte Nuova, le associazioni e i comitati cittadini. I
protagonisti cioè della battaglia legale sfociata nella sentenza del tribunale amministrativo che a marzo ha di
fatto riconosciuto fuori dalle regole le autorizzazioni rilasciate allo sversatoio, di mezzo c'è andata anche la
Regione Lazio. Tutto senza fondamenta: l'autorizzazione
integrata ambientale del 2009, gli ultimi 75mila metri
cubi gettati nella buca diventata una montagna. La discarica è chiusa ma la vittoria al Tar ha fatto tirare un
sospiro di sollievo agli attivisti che da anni si battono
per l'ambiente. La sentenza non piace alla società che
fa riferimento a Cerroni, così i vertici hanno deciso di
arrivare al massimo grado della giustizia amministrativa
e soppiantare quell'esito. Fonte Nuova nella Giunta del
4 luglio ha nominato l'avvocato. Intanto è aperta la
partita dell'impianto di trattamento meccanico biologico
– sempre di Cerroni attraverso il Consorzio laziale rifiuti
– costruito poco a nord dell'Inviolata, a un passo dal
Parco archeologico naturalistico, sospeso dal ministero
e dalla soprintendenza per la mancanza del parere vincolante. Quell'impianto (capace di ricevere 190mila tonnellate l'anno) è l'assicurazione per continuare a tenere
nella terza città del Lazio il polo della spazzatura con la
mega discarica di servizio che servirà al Tmb, i guai romani d'altronde suonano troppo vicini. L'amministrazione Rubeis è favorevole all'apertura del colosso mangia
immondizia. Gli interessi sul territorio restano gli stessi.
Cambia la segnaletica in vista
della nuova viabilità. Di Silvio: “Soluzione
inutile, Rubeis ascolti i commercianti”
Lavori in corso per
la nuova viabilità
del centro cittadino,
doppio senso per un
tratto, senso unico
ad entrare per il resto della strada fino
alla rotatoria della
stazione.
Dopo firme raccolte
e una lunga battaglia dei commercianti arriva la soluzione tampone, anche se i tempi –
ancora – non sono certi. Il capogruppo del Pd Emanuele Di Silvio
bacchetta l'amministrazione: “Si
crea confusione e non si risponde
alle esigenze dei cittadini”.
Segnaletica che va, segnaletica che
viene. I mini cantieri non sono sfuggiti ad automobilisti e residenti. Si
cambia, ancora. Ma non c'è un
giorno fissato per l'introduzione del
doppio-unico senso, lo conferma il
comandante della polizia municipale Marco Alia, per adesso si sistema la strada. Il piano prevede
una mini rivoluzione: via Roma
torna a doppio senso dall'entrata
(all'altezza del negozio di Cipriani
per intendersi) fino
all'intersezione con
via dei Consoli, da
quel punto si ritorna a senso unico
ma a entrare a Guidonia, verso il centro. Via Bordin
quindi si potrà attraversare solo in
uscita, prendendola
quindi dalla piazzale della stazione
dove è prevista l'immissione di auto
dal mega parcheggio ma non più
l'entrata. Una soluzione finta per il
capogruppo democrat Di Silvio, “finalmente viene ripristinata una
parte di normalità dopo tre anni di
mancato ascolto. Non ci capisce perché l'ordinanza per il doppio senso
è rimasta ferma e inattuata dalla polizia municipale, nonostante le firme
raccolte. Il sindaco Rubeis invece di
giocare con la viabilità dovrebbe
ascoltare i commercianti, riattivare
il doppio senso di marcia su via
Roma, togliere le strisce blu e mettere il disco orario”.
7
GUIDONIA MONTECELIO
venerdì 11 luglio 2014
Viaggio nella cultura celtica
Fairylands Festival, 10 anni di magia
Edizione speciale dell'evento: un giorno in più di spettacoli e spazio raddoppiato
Da mercoledì 16 luglio concerti, danza, esposizioni e un'area intera per i bambini
I suoni, la danza, i giochi di luce,
l’ombra, la musica, le orecchie da
elfo, il fuoco: l'evento di punta
della terza città del Lazio capace
di attrarre migliaia di visitatori
torna a dipingere l'estate di magia
e suggestioni. Il Fairylands Celtic
Festival raggiunge il traguardo
della decima edizione e festeggia
la tappa con un programma più
lungo, cinque i giorni di manifestazione, organizzati in uno spazio articolato per i giovani e le famiglie. Si parte mercoledì 16
luglio, l'inizio – come da tradizione – è affidato alla banda di
cornamuse più importante del panorama nazionale, The City of
Rome Pipe Band.
Quasi cento i ragazzi al lavoro, la
preparazione del Festival dura un
anno intero. Lo sanno bene i volti
del “clan”, i giovani (e meno giovani) dell'associazione culturale
Orma presieduta da Daniele Tino,
che tiene i fili di un appuntamento considerato ormai imperdibile. Il Fairylands nato come
evento di nicchia, per gli appassionati della cultura e della musica celtica, in dieci anni si è trasformato in una imponente
manifestazione radicata nella sua
vocazione ma aperta ad un pubblico vasto. Le candeline da spegnere – metaforicamente parlando per carità – creano
aspettative ancora maggiori. Un
passaggio che non poteva passare
inosservato. Ecco perché la scelta
di allungare spettacoli e attività
su cinque giorni con la partenza
fissata al mercoledì. “Dieci anni
di evento, uno dei pochi che riesce ad attrarre gente da altre città,
da Roma, a Guidonia Montecelio.
Il Festival è sempre rimasto a ingresso gratuito e per noi questo è
motivo di orgoglio”, spiega col
timbro tenebroso il presidente, “e
siamo riusciti a creare un ambiente adatto alle famiglie, pulito
e piacevole”. Prova del nove la sistemazione con la location che
raddoppia, il villaggio nella pine-
Una miriade
di stand con gli
artigiani, per la
prima volta
sarà possibile
acquistare
anche i kilt per
bambini. Il
Festival
quest'anno si
estende dalla
pinetina a via
Roma
I CONCERTI IN PROGRAMMA AL FESTIVAL
MERCOLEDÌ 16 LUGLIO
THE CITY OF ROME PIPE BAND - Il prologo è
tradizionalmente affidato alla banda di cornamuse per costruire l’atmosfera che accompagnerà l'intera rassegna.
LOSNAFIRE - Danza, fuoco e scintille si alternano in un gioco di ombre e movimento: spettacolo unico e di grande impatto.
BRIGAN - Un gruppo giovane e affermato trascinerà la platea in un viaggio sonoro che va
dalla musica celtica alle sonorità della tradizione
popolare del Sud, passando per gli altipiani
delle Asturie ed il verde della Galizia.
Giovedì 17 luglio
THE SHIRE - Storico gruppo si esibisce al Fairylands Festival in un repertorio di sonorità celtiche e melodie tradizionali.
LOSNAFIRE - Secondo appuntamento con la
figlia del drago ed il suo assolo fatto di magia,
fuoco e fachirismo.
BANDA CONNEMARA - Folk celtico
GIOVEDÌ 17 LUGLIO
THE SHIRE - Storico gruppo si esibisce al Fairylands Festival in un repertorio di sonorità
celtiche e melodie tradizionali.
LOSNAFIRE - Secondo appuntamento con la
figlia del drago ed il suo assolo fatto di magia,
fuoco e fachirismo.
BANDA CONNEMARA - Folk celtico
VENERDÌ 18 LUGLIO
AIT MEITHEAL - Un concentrato di musica
celtica pura e contaminazione folk
ONYDANSE - Un gruppo di artisti interpreta
musica folk e danze popolari
WANDERERS - Una formazione di recente costituzione nata dall’esperienza decennale degli
artisti che la compongono
SABATO 19 LUGLIO
FINNEGAN’S WAKE - Ritmi trascinanti e melodie cristalline della tradizione folk.
UNCLE BARD & DIRTY BASTARDS - Una miscela di rock e tradizione per una performance
fatta di pezzi originali e ritmo purissimo
GENS D’YS - La prestigiosa accademia di
danze irlandesi
DOMENICA 20 LUGLIO
ALARC’H - Ballate folk e sonorità tradizionali
nelle note del duo femminile
LÀ NUA - Irish band
GENS D’YS - Seconda serata di danze irlandesi
e scozzesi
Daniele Tino:
“Dieci anni un punto di
arrivo, ma anche lo prone
a fare altre dieci edizioni”
La manifestazione a ingresso gratuito è dell'associazione Orma
presieduta da Daniele Tino, per il food and beverage è confermata la
collaborazione con l'Aidan Pub, supervisiona Oscar Lanciani
tina con il palco, ma nell'edizione
2014 la scenografia sarà anche a
via Roma, su strada e nell'area
verde contigua. Proprio nella pineta infatti sorge una zona interamente dedicata ai bambini – se
ne occupa l'associazione Nereide
– oltre a spettacoli di combattimento e dimostrazioni dislocate
in giro con gli arcieri della federazione italiana arco storico e tradizionale e con l'associazione lan-
ciatori sportivi (coltelli e asce),
mentre per i combattimenti corpo
a corpo e disarmo arma bianca
c'è il maestro Gianluca Cecalupo.
“Dieci anni di Fairylands è un
punto di arrivo – dice Daniele
Tino – ma anche uno sprone a
farne altri dieci”. Da mercoledì a
domenica 20 luglio, il villaggio si
anima dalle 17 e 30, nella miriade
di possibilità non mancano gli
stand di artigianato rigorosamente
a tema: bacchette magiche, rune,
cappelli in feltro, cristalli, creazioni in legno, libri, magliette e
per la prima volta i kilt per bambini. Per il food and beverage è
riconfermata la collaborazione con l'Aidan Pub
(dove tra l'altro sono previste session di musica
dal vivo tutte le sere) e
la sapiente supervisione
di Oscar Lanciani. La
migliore birra e un
menù in stile, tra l'altro
con le lasagne e lo
spezzatino alla Guinness senza dimenticare
i panini per vegetariani.
Con la sera – dalle 21 – i
concerti nell'area palco,
perché poi il Fairylands è musica pura, spettacolo, condivisione. Brigan, Banda Connemara, The Shire, Wanderers,
alcuni dei nomi in scaletta e la
chiusura di domenica è Gens
D’Ys: si balla ai ritmi incessanti
della danza irlandese e scozzese.
geape
8
GUIDONIA MONTECELIO
venerdì 11 luglio 2014
Leggere e viaggiare
Scambio culturale tra gli alunni
di Guidonia e della Romania
Importante esperienza per i ragazzi della Leonardo Da Vinci
Si sa che leggere apre la mente, i
cuori, rende gli uomini liberi,
liberi anche di fantasticare, di
giungere in luoghi mai visti e descriverli dettagliatamente, come
il grande Emilio Salgari. Ma nell’era
moderna viaggiare è diventato più
semplice, il mondo è più piccolo
rispetto a prima. Quindi luoghi
remoti possono sembrare, o essere,
luoghi quotidiani, visti e rivisti
decine di volte. Ma, purtroppo, è
venuto meno il gusto del leggere.
È più facile aprire internet o qualche social network e trovare subito
ciò che ci interessa, senza dare libero spazio alla mente creatrice.
E per non far perdere questa abitudine alla lettura, la scuola di
oggi, con i tablet e le lim in molte
classi, si attiva in tutti i modi,
cercando di far attrarre i ragazzi
verso quel materiale cartaceo e
non che apre le menti. Uno dei
modi utili a far riscoprire la lettura
è uno scambio culturale, tra scuole
di regioni o Stati diversi, che invitano i ragazzi a conoscere scrittori
del posto, famosi o sconosciuti.
Uno scambio culturale del genere,
inserito nell’ambito di un progetto
europeo Comenius, è stato realizzato dall’Istituto comprensivo Leonardo da Vinci di Guidonia con
la scuola Ginnasiale numero 7 di
Botosani, in Romania. Questo progetto, fortemente voluto dalla dirigente scolastica Carmen Melina
Il progetto che
vede coinvolti
l’istituto
guidoniano e la
scuola ginnasiale
numero 7 di
Botosani è diviso
in tre step, tra
scambi di
ospitalità ed
elaborati finali
Lanni e da una mediatrice culturale
rumena, la signora Ina Ghiuta Gianina, è diviso in tre momenti:
scambi di ospitalità nelle cittadine
interessate e produzione finale di
elaborati vari. Una delegazione
La Banca del Tempo va in ferie
Lo sportello torna a settembre
Pausa estiva anche per lo sportello della Banca del Tempo di Guidonia
che rimarrà chiuso dal 22 luglio al 29 agosto. Il servizio tenuto in piedi
dai volontari ha festeggiato a marzo il suo primo anno di attività. Ogni
iscritto comunica le proUno stand della Banca del Tempo presente alla
prie abilità, cosa dei suoi
manifestazione Maratona a 6 zampe
nel centro di Guidonia
saperi mette a disposizione
e quale attività gli piacerebbe ricevere. Si avvia
un percorso di scambio
che è una vera e propria
rete solidale tra le persone
disposte ad offrire il proprio tempo: l'unità di misura è l'ora che viene accreditata o addebitata nella
Banca e ogni attività che
si scambia ha lo stesso
valore, un'ora di giardinaggio vale come un'ora
di lezione di inglese. La
Banca del tempo ha uno sportello dove richiedere informazioni e
iscriversi presso il Comune ed è gestita dall'omonima associazione
animata principalmente dalle componenti della Consulta femminile
che hanno dato il via all'iniziativa.
ELISABETTA DI MADDALENA
rumena, composta da 4 docenti e
20 alunni, è giunta in Italia nel
mese di aprile. Oltre a visitare le
bellezze territoriali circostanti, da
Montecelio a Tivoli e a Roma, gli
alunni hanno fatto conoscere il
loro poeta più famoso: Mihai Eminescu. Autore tardo romantico, ha
scritto molte poesie e diversi romanzi. Il contatto tra le parti si è
basato sulla lettura degli argomenti
trattati nelle due lingue, in modo
da far apprendere alcuni termini
basilari. I docenti rumeni hanno
potuto apprezzare la disponibilità
e cortesia, nonché la metodologia
di insegnamento, della scuola ospitante. Cortesia ricambiata, con
molto entusiasmo, dalla scuola
alla delegazione guidoniana che
è giunta nella città di Botosani,
alla fine del mese di maggio. Una
delegazione composta dal dirigente
scolastico, la mediatrice culturale,
20 alunni e 3 docenti, le professoresse Daga Alessandra, Cardoni
Natalina ed il professor Gerardo
Alla fine di
maggio una
Caggiano. Tutti
delegazione
hanno
potuto conlocale è andata
nella città
statare ed apprezromena
zare gli usi e costumi del luogo.
Anche se la realtà di vita è diversa,
hanno potuto verificare quanto
siano importanti per loro i valori
storici, il rispetto delle tradizioni,
il culto della religione e lo studio
di materie scientifiche. Come attività proposte, e come invito alla
lettura, gli alunni di Guidonia
hanno presentato diversi cavalli
da battaglia della letteratura italiana: l’Eneide di Virgilio, con una
piccola rappresentazione teatrale,
Dante, Italo Calvino e il mitico
Pinocchio di Collodi, libro conosciuto dai ragazzi rumeni. Oltre
allo scambio culturale, i piccoli
ragazzi italiani hanno potuto vedere le caratteristiche della campagna rumena, coi suoi villaggi e
i mezzi di trasporto tipici, vistare
il castello del mitico conte Dracula
e gustare alcuni prodotti alimentari
locali. Un’esperienza, a detta dei
docenti e del dirigente, veramente
entusiasmante ed arricchente, da
riproporre con successo negli anni
futuri, anche in altre nazioni, con
accorgimenti migliorativi. Diceva
il drammaturgo francese Francis
de Croisset: la lettura è il viaggio
di chi non può prendere un treno.
La Piramide Ssd
ancora sul podio
Continuano ininterrotti i successi della squadra
agonistica di nuoto della Piramide ssd di Guidonia;
il gruppo, capitanato dall'allenatore Marco Danieli,
ha ottenuto l'ennesimo risultato di prestigio, vincendo su tutte le altre squadre le finali del Trofeo
"Summer Sprint" organizzato dalla Uisp che hanno
avuto luogo all'Empolum di Castel Madama il 25
Giugno 2014. La stagione agonistica è stata un
bottino ricco di successi per la Piramide ssd che
ha conquistato il Campionato Regionale Invernale,
Primaverile ed Estivo, ormai da cinque anni realtà
incontrastata del nostro territorio.
Incendio nei campi vicino al Car
Un incendio è divampato domenica vicino al Car
in una zona particolarmente impervia. Le fiamme
sono arrivate ad alcune fattorie. Sul posto i vigili
del fuoco, la forestale la protezione civile gruppo
volontari Valle Aniene diretto da Serena Di Paolo.
Per placare il fuoco si è reso necessario l'intervento
di un elicottero della forestale.
9
TIVOLI
venerdì 11 luglio 2014
CASO NATHAN
Il Mibact pronto a rivedere
il piano di lottizzazione
Il ministro Franceschini interviene sulla vicenda del complesso edilizio
“Rilievi seri sugli effetti negativi da parte dell’Unesco”
Potrebbe essere la svolta decisiva
per la lottizzazione Nathan, il complesso residenziale firmato Impreme
che dovrebbe sorgere a pochi passi
dalla Villa Adriana. Il condizionale
oggi è d’obbligo più
che mai visto che ad
intervenire alla Camera ieri (giovedì,
ndr) è stato il Ministro per i Beni e le
Attività Culturali, Dario Franceschini, in
risposta ad un’interrogazione presentata
da Ileana Cathia Piazzoni sulla faccenda.
“Mi pare che la posizione del Ministero
sia netta e chiara.
Non poteva essere altrimenti: Villa Adriana è un sito di straordinaria importanza e anche l'Unesco ha fatto rilievi molto seri sugli
effetti negativi del piano di lottizzazione”, ha dichiarato il titolare
del dicastero, aggiungendo che vi
sono i presupposti di legge per av-
Il sindaco di Tivoli, Giuseppe Proietti: “Il comune e il ministero sono in piena sintonia.
Devo dire che per me è anche una soddisfazione personale visto che il provvedimento che
istituisce la zona cuscinetto per Villa Adriana porta la mia firma – e conclude -.
Spero si possa attivare un confronto con gli imprenditori sereno in un quadro di certezze
normative per la delocalizzazione, in primis in centro storico”.
Festival, concerti e cinema, l’estate
tiburtina la pagano i commercianti
L’appello: “Subito un calendario unico degli eventi”
È partita la scorsa settimana l’estate tiburtina, che ogni anno porta in città migliaia di visitatori. Ville aperte anche di notte, shopping fino alle 24, cinema, festival e concerti,
questi gli ingredienti della ricetta che piace a tutti. A mettersi una mano in tasca e l’altra
sul cuore anche stavolta sono stati i commercianti, riuniti sotto la bandiera di Tivolinet,
che hanno organizzato e pagato per diffondere il calendario. “Oltre ai manifesti ci stiamo
facendo carico di pubblicità su radio, sugli autobus che accompagnano i visitatori da
Roma a Villa Adriana e Villa D’Este nelle serate di apertura e per gli eventi - . Dice
Augusto Masotti, coordinatore di TivoliNet - Questa estate è stata organizzata con grande
sacrificio da tante realtà tiburtine che hanno dovuto fare i conti con l’ormai cronica mancanza di risorse finanziarie ed umane. A loro vanno i nostri ringraziamenti, speriamo che
l’Amministrazione si adoperi, da subito, per redigere un calendario annuale degli eventi”.
viare un eventuale procedimento
di revisione degli atti fin qui adottati.
Il Mibact era intervenuto nei mesi
scorsi dopo la richiesta da parte
del United Nations Educational,
Scientific and Cultural Organization,
di avere ulteriori delucidazioni sulla
realizzazione degli appartamenti
legata al gruppo Mezzaroma, pena
la perdita del prestigioso titolo di
“Bene Patrimonio dell’Umanità”.
Un rischio che il sito archeologico
Senza stipendio da sette mesi,
sciopero al Centro di Terapia Fisica
Incrociano le braccia i fisioterapisti: “Siamo esasperati”
La Città in comune: “L’Amministrazione si attivi”
Sono di fronte all’ingresso del Centro di
Terapia Fisica e Ginnastica Medica, dove
fino a lunedì mattina
entravano per lavorare
ogni giorno. Stavolta
però non indossano il
camice ma presidiano
in attesa di sapere se e
quando riusciranno a
prendere gli stipendi
arretrati. Loro, i nove
fisioterapisti in carico
all’azienda tiburtina, aspettano nella speranza
di uscire fuori dall’incubo iniziato a dicembre
dello scorso anno. L’ultimo salario arrivato
risale infatti a novembre, poi il nulla. Niente
tredicesima né quattordicesima e oggi sono
esasperati. A seguirli in questa battaglia i sindacati, Cgil e Ugl, che hanno avviato anche
una serie di trattative con i vertici della società,
finora senza esiti positivi. In prima battuta la
proposta era stata quella di pagare tre mensilità
a luglio e due alla volta nei mesi successivi,
ma su questo piano di rientro non c’è stato accordo. “Nonostante i numerosi mesi di trattativa
ancora non siamo riusciti
a risolvere la situazione
- . dice Massimiliano
Asquini dell’Ugl - In
più, oltre alla grave instabilità dell’azienda,
Equitalia Spa dallo scorso dicembre ha pignorato i conti correnti del
centro e congelato i rimborsi della Asl e della
Regione, un’azione finalizzata al recupero di debiti contratti negli ultimi
dieci anni con l’Inps, l’Inail, l’ufficio delle
entrate e lo stesso Comune di Tivoli”. “Siamo
esasperati, abbiamo cercato di resistere per
molto tempo ma ora non ce la facciamo più.
Siamo di fronte all’ingresso tutti i giorni per rivendicare un diritto, speriamo di ottenere risposte”, dice una delle lavoratrici. Ad unirsi
alla protesta anche La Città in Comune che ha
presentato una mozione nell’ultimo consiglio
comunale con cui invita l’amministrazione a
“mettere in campo gli strumenti necessari per
salvaguardare il livello economico dei lavoratori”.
del II secolo dopo Cristo non può
permettersi di correre. Oltre alle
delucidazioni richieste è partito anche un sondaggio per capire l’opinione di cittadini e turisti.
alc
Scuole,
ecco i soldi
per la messa
in sicurezza
Dallo Stato inviati
più di 220mila euro
per 16 interventi
sui plessi locali
C’è anche Tivoli nell’elenco
dei comuni beneficiari dei
contributi per rimettere in
sesto gli istituti scolastici
dello stivale.
Una manna dal cielo, viste
le condizioni in cui versano
diverse strutture in tutto il
territorio tiburtino, fatiscenti
e poco conformi alle normative vigenti. In molte di queste manca davvero tutto:
dalle palestre dove fare attività fisica alle famose aule
multimediali.
Atto alla mano dalle parti
della Superba arriveranno
220mila euro per un totale
di 16 interventi. “Grazie al
governo Renzi, sono stati assegnati al Comune di Tivoli
220 mila euro per riqualificare
gli edifici scolastici – dice
Manuela Chioccia, capogruppo del Pd in consiglio comunale -. Mi auguro che il Sindaco e l'Assessore alla pubblica istruzione si siano già
attivati per avviare nei tempi
previsti i bandi di gara per
l'affidamento dei lavori e
l'apertura dei cantieri".
in breve
● Frana in via Acquaregna, da venerdì 11 traffico regolare
Mezzi pesanti e autobus torneranno a circolare su via Acquaregna. Sono finiti
i lavori di riparazione della frana causata dall’ondata di maltempo del mese
scorso su una delle strade più trafficate della città. Le operazioni, costate
200mila euro e per le quali il comune ha richiesto alla Regione Lazio il riconoscimento dello stato di calamità naturale, sono dunque terminate come il
divieto per il transito di pullman e camion. Per ovviare al problema in queste
due settimane la circolazione era stata dirottata su via Tiburto e viale Mannelli,
con la chiusura anche dell’uscita di Castel Madama sull’A24, sempre al transito
dei bus.
● Conguaglio Tares, via libera alla rateizzazione
La crisi e le scadenze previste in questi giorni sono troppe e i rischi di evasione
vanno di pari passo. Per questo il comune di Tivoli ha dato l’ok alla rateizzazione
del conguaglio Tares. Stando a quanto si legge nella delibera licenziata martedì
scorso dalla giunta, sarà possibile beneficiare della divisione dei pagamenti per
importi diversi. Da 100 a 1000 euro si potrà saldare in due rate, 16 luglio e 16
agosto, dai mille euro in su in quattro, sempre partendo da questo mese fino
ad arrivare a quello di ottobre. Per importi superiori ai 5mila euro, invece, sarà
necessario presentare l’apposita documentazione: fideiussioni bancarie o polizza
fideiussoria.
● Tivoli Terme, assalto al bancomat
Si è consumato alle quattro del mattino di giovedì il colpo allo sportello bancomat Unicredit che si trova a Tivoli Terme. La banda lo avrebbe letteralmente
sradicato dal muro probabilmente con l’aiuto di un mezzo pesante. Il bottino si
aggira intorno ai 125mila euro. A svolgere le indagini i Carabinieri della Compagnia di Tivoli.
10
TIVOLI
venerdì 11 luglio 2014
La Giunta è al completo, mistero sulle deleghe
A far tornare i conti ci pensa Fortuna
Dopo la rinuncia di Marchetti la soluzione arriva sempre dalle Fiamme Gialle
L’assessore avverte: “Non mi invitate a cena, non ci vengo”
ANNA LAURA CONSALVI
Ore 14.30 tutti seduti. La puntualità
dell’amministrazione Proietti pare
non sia stata un caso figlio del primo
appuntamento con il consiglio comunale. Anche stavolta il parlamentino, riunito martedì per la seconda
volta, ha iniziato i lavori seguendo
la tabella di marcia indicata nella
convocazione. Ad aprire le danze ci
ha pensato il primo cittadino, Giuseppe Proietti, che ha comunicato
l’ultimo nome mancante nel suo esecutivo.
Le voci di corridoio anche in questo
caso non si sbagliate: il posto libero
nel settore dedicato al Bilancio è andato a Giuseppe Fortuna, ex colonnello della Guardia di Finanza, oggi
avvocato con una lunga esperienza
in ambito amministrativo. Una figura
la sua non certo incolore, come ha
dimostrato nel corso dei suoi due
interventi che hanno spaziato dalla
politica nazionale alle frontiere del
web: “ Sono un tecnico e non un
politico ed attualmente esercito la
professione di avvocato, oggi sospesa
per questo nuovo incarico – ha esordito il neo assessore - . Prima di
tutto credo sia fondamentale migliorare le condizioni di vita e di lavoro
prestando grande attenzione al merito. Ci deve essere il rifiuto della
cultura della raccomandazione e trasparenza – e avverte -. Non mi invitate a cena, non ci vengo, magari
posso prendere un caffè”. Una chiosa
che l’opposizione, orfana del dem
Alessandro Fontana, non ha mancato
di riprendere. Da Alessandro Petrini
a Raffaele Rossi una battuta sulla
possibilità di dividere un pasto con
Fortuna non si è fatta attendere. Archiviata la presentazione dell’ultimo
membro dell’esecutivo si è passati
all’altro capitolo, quello delle deleghe.
In realtà ad oggi ancora non si conoscono i membri del dream team che
andrà ad affiancare Proietti e la sua
squadra, ma viste le perplessità sollevate dall’opposizione sulla liceità
o meno delle nomine oggi l’unica
cosa certa è che gli incarichi della
discordia si possono dare a patto
che si rispettino alcune regole. In
parole povere i delegati non avranno
potere di firma, non percepiranno
indennità o rimborsi spese e non
parteciperanno alla giunta. Insomma
si tratterà di un incarico di collaborazione senza nulla a pretendere. Si
dice che gli aspiranti al titolo senza
portafoglio siano, nonostante i molti
oneri e i pochi onori, parecchi, questione che potrebbe essere annoverata
tra i motivi che stanno ritardando la
comunicazione, anche se ufficialmente
la faccenda è solo legata alla necessità
di dividere il territorio tiburtino in
Giuseppe
Fortuna è il
nuovo assessore
al Bilancio della
giunta Proietti. A
lui il compito di
far quadrare i
conti, non
proprio floridi,
della Superba.
Con la sua
nomina la partita
dell’esecutivo si è
chiusa. Resta
aperto il nodo
delle deleghe.
Presentate le
linee guida del
programma. La
città di Proietti è
green, smart
e bella
più parti. “Presenterò degli incarichi
di collaborazione con il sindaco. Si
tratta di un complesso modello di
governo che ha pochi precedenti e
che chiederà un notevole sforzo
di coordinamento”, ha spiegato
il primo cittadino. Chiusa la
faccenda, almeno per il momento, occhi e orecchie si sono
concentrati sulle linee programmatiche, spiegate direttamente
dai membri dell’esecutivo. La
Tivoli made in Proietti è green
e smart, vicina ai cittadini,
bella, a spreco zero e attraente per i turisti. Insomma
un miraggio, vista la situazione in cui versa attualmente. A fronte di una maggioranza muta fino all’inverosimile, dall’altra parte della
barricata hanno parlato praticamente
tutti. “Speriamo che ci siano anche
dirigenti capaci – ha esordito il capogruppo del piddì, Manuela Chioccia
-. Chiedo a Barberini (assessore alla
Cultura, ndr) perché non si è parlato
anche della Vestale Cossinia o della
Mensa Ponderaria”. Critica anche la
compagna di partito, la ferriana Laura
Di Giuseppe: “Siamo di fronte ad
una giunta tecnica, in questo modo
c’è il commissariamento della politica”. Si è confermato protagonista
l’altro giovane in campo, il forzista
Petrini, che ha puntato sulla mancanza di fair play
Opposizione
istituzionale
da parte
scatenata contro
dell’attuale governo
una maggioranza
non pervenuta
in carica. “È stata
rifiutata una delle richieste che abbiamo fatto, quella di
dare all’opposizione la presidenza
di una delle commissioni, nella fattispecie a Carlo Caldironi (M5S). Al
contrario ci avete proposto quella di
garanzia facendo finta di non sapere
che ci spetta comunque”.
Lunga la disamina della collega di
partito, Laura Cartaginese, che in attesa di sbarcare nei lidi della direzione
regionale azzurra, ha ripercorso in
20 minuti quanto indicato dai
membri dell’esecutivo. “Mi auguro che i cittadini capiscano
che il comune appartiene a loro.
L'ho detto dovunque in campagna elettorale: la responsabilità è dei dirigenti e oggi è
cambiato il modo di fare politica”. Triplice fischio e tutti a
casa.
Controluce
Caccia grossa al degrado: è “riqualificazione mania”
“Rimbocchiamoci le maniche 2”. Non è il titolo di una serie televisiva ma l’attività di
pulizia di parchi e giardini che il sindaco, la giunta, i consiglieri e i volontari hanno
organizzato per la seconda domenica consecutiva la scorsa settimana. L’armata della
ramazza, come qualcuno l’ha ribattezzata, ormai scende in campo spesso e volentieri,
battendo su tema caro ai cittadini, come è giusto che sia: quello del famigerato decoro
urbano. Le aree verdi sono poco verdi, i bambini non hanno un posto dove giocare, gli
anziani dove potersi incontrare, gli altri dove passeggiare. Insomma serve a tutti e dare un
luogo decente in cui potersi dare appuntamento ad una comunità che cresce in barba alla
crisi è un atto dovuto. Ma la domanda da porsi è un’altra: una volta terminato il tour delle
pulizie fai da te che succede? Chi va ad aprire e chiudere i cancelli al centro storico, a
Tivoli Terme, a Villa Adriana o a Campolimpido? L’assessore all’Ambiente, Maria Luisa Innocenti, in consiglio ha parlato della necessità, e non possibilità, di dare i giardini in mano
ai privati. Un test già fatto in passato da Riccardo Luciani, che oggi siede proprio tra i
banchi della maggioranza che la sostiene, andato decisamente male. L’inversione di rotta
in cosa consiste? Cosa può cambiare adesso? Forse non molto. Certo invece è il lancio di
una nuova moda: la “riqualificazione mania”, che ha portato ad esempio il Nuovo
centrodestra di Ettore Tirrò a fare una puntata dalle parti della Tomba della Vestale
Cossinia, le cui condizioni sono finite in un’interrogazione regionale firmata dall’alfaniano
Fabio de Lillo. Tra i diktat della tendenza la foto con scopa e sacchi neri, meglio se si tratta
di un selfie, e i post su facebook. #politicasocial
11
FONTE NUOVA/MENTANA
venerdì 11 luglio 2014
La prima volta dei Cinque Stelle
Fonte Nuova, Politica Vecchia
Novelli: “L’elezione del presidente del consiglio dimostra che non c’è alcuna volontà
di cambiamento. Chiare le larghe intese sotto banco, noi unica vera opposizione”
FRANCESCO MORINI
Sperava di cogliere quei segnali di
cambiamento che tutti auspicavano
in campagna elettorale. Invece Valerio Novelli, ex candidato sindaco
e prossimo capogruppo dei Cinque Stelle
di Fonte Nuova è rimasto deluso.
“Iniziamo malissimo.
- dice dopo il primo
consiglio comunale
- Ma sappiamo che
ci aspettano cinque
anni molto duri. D’altra parte per il cambiamento servirà
tempo.
Ha criticato duramente la nomina di
Durantini presidente
del consiglio comunale.
Nulla di personale contro Durantini,
persona che stimo. Mi chiedo però
come si faccia a invocare il cambiamento e poi puntare su una
persona che è al terzo mandato da
presidente del consiglio. Alla faccia
del rinnovamento.
Voi avete sostenuto la candidatura
di Imelda Buccilli.
Certo, per due ragioni chiarissime:
Il candidato sindaco del Movimento Cinque Stelle,
Valerio Novelli critica la nomina di Agostino
Durantini a presidente del consiglio comunale:
“Dov’è il rinnovamento se poi si danno gli
incarichi sempre agli stessi?”, ha detto. I grillini per la prima volta in assise - esprimono tre
consiglieri comunali: insieme a Novelli, Stefano
Giagnorio ed Emanuela Muccigrosso.
“
Nulla di personale
contro Durantini,
persona che stimo, ma
perché riproporre
sempre gli stessi?
LA NUOVA GIUNTA DEL SINDACO CANNELLA
Fabio CANNELLA
Sindaco
Paola SCATENA
Assessore con delega a: Sanità - Istituzione per il sociale
Sandro PACCHERA
Assessore con delega a:
Bilancio e Tributi - Contenzioso entrate comunali
Marco SPAGNUOLO
Assessore con delega a:
Affari generali - Demografico - Risorse umane - Ced
- Formazione e Lavoro
Katiuscia MARCELLI
Assessore con delega a:
Lavori pubblici - Manutenzione reti - Patrimonio e
Demanio - Progettazione
ed esecuzione viabilità
Mario MAGAZZENI
Assessore con delega a:
Pubblica istruzione
Donatella IBBA
Assessore con delega a:
Ambiente - Verde umano Igiene urbana - Aree naturalistiche
Angelo CICCOTTI
Assessore con delega a:
Urbanistica - Edlizia privata - Assetto della viabilità
la prima è che avrebbe rappresentato
davvero un cambiamento. La seconda e più importante, è che è
stata la candidata del Pd più votata
e quindi avrebbe meritato quel
ruolo. Anche in rispetto della volontà
degli elettori. Sono estremamente
deluso, soprattutto dai consiglieri
più giovani del Partito democratico:
dicevano che avrebbero ribaltato i
Dal ministero i fondi per interventi strutturali
Trecentomila euro per la scuola, maggioranza
vecchia e nuova si contendono i meriti
Per Spurio (Forza Italia) premiato il lavoro dell’ex assessore Colasanti
Blasi (Partito democratico) applaude l’operato del governo Renzi
Fonte Nuova tra i centri della provincia
di Roma che beneficerà maggiormente
del piano di recupero per l’edilizia scolastica avviato dal governo. Nell’ambito
dei capitoli “scuole belle” e “scuole
sicure” infatti, il comune nomentano
potrà contare su un finanziamento complessivo di oltre 400mila euro (138mila
per sei interventi nell’ambito del capitolo
“scuole belle” e altri 300mila da “scuole
sicure”). Un risultato del quale i rappresentanti della passata e dell’attuale amministrazione si contendono i meriti.
“Grazie al governo Renzi emanati 300mila
euro al Comune di Fonte Nuova”, scrive
Roberto Blasi (Pd) sul proprio profilo facebook. “Il buon lavoro svolto insieme al
precedente assessore ai Lavori pubblici
Colasanti, darà l’opportunità alla Sandro
Pertini di ricevere un finanziamento per
il rifacimento della copertura del tetto.
Ora toccherà alla nuova maggioranza assegnarlo e procedere ai lavori”, replica
sempre sul social Gian Maria Spurio
(Forza Italia).
MENTANA, I GIARDINETTI NEL DEGRADO
Pubblichiamo la segnalazione di un cittadino che
sul proprio profilo facebook ha denunciato lo stato
di degrado nel quale versano i giardinetti di via Monterotondo, a Mentana.
“Il giardino comunale di
via Monterotondo - si
legge nel post - abbandonato al degrado... / ...erba
alta, panchine sommerse
di erbaccia, impossibile
mettersi seduti, secchi di
rifiuti stracolmi di mondezza, giochi per bambini
immersi di erba. Visto che
le scuole sono chiuse e i
bambini potrebbero usufruire di tale giardino, ma
visto il degrado preferiscono giocare in strada. Si
chiede gentilmente di pulire suddetto parco a chi di
competenza, così i bambini, le mamme, gli anziani
possono andarci tranquilli”.
tavoli in consiglio davanti a certe
scelte, invece si sono subito allineati.
Sembrava che la vicepresidenza
potesse toccare a voi, ma è stato
scelto Floridi, di Forza Italia.
Sì, ed è stato eletto con i voti del
Pd. Così come Durantini ha avuto
il sostegno del centrodestra. Spero
di sbagliare ma mi sembrano chiare
le larghe intese sotto banco. Credo
che noi dei Cinque Stelle saremo
l’unica vera opposizione. Lo ribadisco: davanti a progetti condivisi,
trasparenti e utili per la città saremo
pronti a collaborare. Ma contrasteremo duramente chi cercherà di
operare secondo gli schemi della
vecchia politica. E l’inizio non è
certo incoraggiante.
in breve
● Compattatore Gesepu in fiamme, Benedetti
denuncia i disservizi nella raccolta dei rifiuti
Un mezzo della Gesepu è andato
a fuoco e solo pochi giorni prima
un altro si era fermato a causa di
un guasto, bloccando una strada.
Per il consigliere comunale Marco
Benedetti (Rinnovamento e Cambiamento) le cause sono da ricondurre alla scarsa manutenzione, che penalizza ulteriormente
il già insoddisfacente servizio di
raccolta dei rifiuti. “Mentana è
sporca. - denuncia Benedetti - Da
tempo non vedo più fare il servizio
di spazzamento delle strade, mentre mi dicono che da tempo non
viene più effettuata la manutenzione dei mezzi. In consiglio
comunale ho da chiesto verifiche, anche sull’idoneità della sede
della società, ma nessuno è stato mai mandato a controllare.
● Lodi: “Tasi, i mentanesi pagheranno meno”
Tramite il sito del Comune, il sindaco Lodi fa sapere che “come nei
tre anni passati, anche per il 2014 è stato raggiunto l'obiettivo di
evitare di gravare sulle tasche dei miei cittadini.
Mentre comuni limitrofi come Monterotondo hanno già fatto pagare
la Tasi sulla prima casa nella misura del 2,5 per mille, per i
cittadini di Mentana sarà applicata, previa approvazione del
consiglio comunale, l'aliquota dell'1,7 per mille”. Nel comunicato
il primo cittadino conclude ricordando che “i cittadini di mentana
dovranno versare la prima rata entro il 16 ottobre 2014 (anzichè il
16 giugno 2014)”.
12
COMUNI
venerdì 11 luglio 2014
Talenti
Gli abiti di Silvia Nobili
sfilano ad Alta Roma
Quindici capi in passerella, c'è il suo primo vestito da sposa
La stilista di Palombara lascia il floreale per i colori classici
A CURA DI NICOLE MATURI
Fantasia, estro e tanta determinazione. Queste le caratteristiche della
giovane stilista palombarese Silvia
Nobili, piena di entusiasmo e di
creatività. La sua nuova collezione
presentata a Milano negli scorsi
mesi ha suscitato un riscontro di
pubblico notevole, molti quelli che
si sono lasciati trasportare e incuriosire dalle creazioni della dinamica
designer di moda. Prossimo appuntamento Alta Roma.
L’attenzione per la scelta dei tessuti
è un suo tratto distintivo, da sempre
punta a creare abiti che evidenzino
la femminilità e l’eleganza delle
donne. Le sue creazioni cercano di
essere giovanili e allo stesso tempo
hanno un tocco di classico che le
rende aperte a ogni fascia d’età.
L’ispirazione nasce molte volte solo
dalla stoffa, che sia pizzo, seta,
stampe floreali o damascato.
Quest’ultimo materiale insieme ai
colori bianco, nero e soprattutto
senape sono i tratti distintivi della
sua ultima collezione. Il prossimo
12 luglio prenderà parte all’evento
mondano Alta Roma, dove lo scorso
anno ha partecipato come ospite.
L’edizione 2014 invece la vede protagonista a tutti gli effetti; la sua
collezione, nella cornice del locale
Lanificio, prenderà vita. Sono quindici gli abiti che la giovane ventitreenne presenterà, tra cui il suo
primo abito da sposa che sicuramente sarà il vestito che chiuderà
la sua sfilata, mostrando così al
parterre d’eccezione il grande talento.
Ogni abito firmato Silvia Nobili è
un oggetto unico, con una sua
identità che lo contraddistingue.
Nella sua ultima fatica la stilista
emergente ha voluto distaccarsi un
po’ dallo stile “floreale” che caratterizzava le proposte dello scorso
anno, puntando su una scelta di
colori più classica, come il bianco
e nero, resa però originale e anche
moderna con quel tocco in più,
spesso regalato da elementi color senape, che
danno un tono e una
rilevanza particolare alla
creazione. “La cosa che
deve uscire dai miei
abiti è soprattutto un
senso di comodità. Le
mie creazioni possono
essere indossate sempre. – commenta Sono abiti sì particolari, sì per un'occasione, ma anche capi
non da indossare una
sola volta per poi farli
restare nell'armadio.
Cerco di trovare la
giusta soluzione per
farli diventare dei capi che possano
essere indossati nel quotidiano. La
mia prima ispirazione nasce dalla
stoffa. Vado nel negozio di tessuti
e lì, guardandomi intorno, mi viene
l'idea e immagino l'abito realizzabile
con quel tipo di tessuto. Li amo e
credo siano anche più importanti
delle forme. Mi lascio ispirare dai
Silvia Nobili, 23 anni, è una dinamica designer di moda. E’ iscritta al terzo anno di Scienze
della moda alla Sapienza, nel 2013 i suoi abiti sono stati presentati nei migliori locali
milanesi. Dopo la partecipazione ad Alta R
ma, la grande novità dei prossimi mesi sarà l'introduzione di abiti maschili e per bambini.
La prima ispirazione la trova nella stoffa, e da lì parte il processo creativo
“
I miei sono capi particolari, unici ma non
da lasciare nell'armadio. Possono essere
indossati nella quotidianità”
materiali che seleziono. Per prima
cosa un abito che realizzo deve
piacere a me, se una volta terminato
guardandolo non vedo l’ora di indossarlo allora sì l’abito è finito, è
davvero mio, vicino al mio modo
di essere”. L’intraprendente palombarese è anche attenta a curare
la sua formazione, infatti è iscritta
al terzo anno di Scienze della
moda presso l'Università La Sapienza, dove sta imparando la
storia del mondo che lei ha fatto
diventare la sua passione più grande.
I suoi abiti nel 2013 oltre ad essere
presentati in locali milanesi di spicco, quali Hollywood e Just Cavalli,
hanno preso parte anche a manifestazioni di notevole spessore
come il Rome Fashion Expò. L'evento, dedicato ai giovani talenti nel
campo della moda e dell'artigianato,
che si è svolto a Roma lo scorso
dicembre. La novità della Nobili
che sicuramente stupirà tutti i suoi
fedelissimi nei prossimi mesi è
l’introduzione di abiti per uomini
e bambini. La stilista infatti vuole
sfidare ancora una volta se stessa
aprendosi a prospettive diverse.
13
COMUNI
venerdì 11 luglio 2014
“Riprenderò in mano
il Piano Regolatore
Però niente
cemento selvaggio”
Il sindaco Nicotera: “Si lamentano che l'edilizia
è bloccata ma in campagna elettorale giravano
illazioni e lettere anonime. Ora valuterò le esigenze”
Sulla Giunta ancora incertezza: “Verifica in corso”
Sindaco, il suo ex vice Carlo Passacantilli ha
ormai da tempo lasciato la Giunta. Conseguenze?
Non voglio tornare sulle motivazioni che
hanno indotto Passacantilli a rassegnare le
dimissioni da vice sindaco ed assessore della
mia Giunta. Posso però dire che nonostante
la sua assenza e quindi la mancanza del suo
contributo, comunque importante, in questi
tre mesi circa si è lavorato serenamente
facendo fronte alle numerose difficoltà che
incontriamo quotidianamente.
Il suo ex braccio destro ha dichiarato che “bisognerebbe rimettersi ai nastri di partenza e
tornare a lavorare anche sul programma”, lei
cosa ne pensa?
Ho ben chiaro nella mia mente il programma
per arrivare alla fine del mandato. Sono
pronto a recepire qualunque proposta possa
pervenire da qualsiasi direzione anche se le
questioni che abbiamo sul tavolo sono conosciute e non è necessario effettuare uno studio
approfondito per individuarle. Non comprendo
cosa si voglia affermare nel dire di rimettersi
ai nastri di partenza. Noi non ci siamo mai
fermati e fino a tre mesi fa nessun problema
particolare è sorto all'interno della maggioranza
sino allo strappo di Passacantilli. Ma ho già
detto che non voglio tornare sulle motivazioni
reali o fittizie - di voci ne sono circolate tante
- che lo hanno indotto a fare questo passo e,
ribadisco, per chi ha voglia di lavorare in maniera costruttiva e propositiva la porta è
sempre aperta.
Circolano insistenti indiscrezioni su nuovi assetti di Giunta. Intende azzerare l’esecutivo?
Qual è la sua linea?
Nell'ultimo consiglio comunale ho comunicato
la mia intenzione di azzerare le deleghe con
l'intento di stimolare poi un dibattito all'interno
della maggioranza diretto a verificare in
ciascun settore cosa sino ad oggi è stato fatto
e cosa sarà necessario programmare di fare.
Il nostro Statuto comunale prevede che i
quattro assessori che compongono la Giunta
debbano essere scelti tra i consiglieri comunali
ed essendo la maggioranza composta da sette
consiglieri, oltre il sindaco, si comprende
chiaramente quanto siano limitati gli spazi di
manovra. D'altra parte non ho nulla da rimproverare ai componenti della mia maggioranza
che sino ad oggi hanno fatto del loro meglio.
Comunque non vi è stato alcun provvedimento
formale di revoca delle deleghe assegnate e,
in questi giorni, è in corso quella verifica di
cui ho parlato all'esito della quale si deciderà
se sarà necessario o meno rimodulare le deleghe, fermo restando che l'assetto della
“
“Noi non ci siamo mai fermati
e fino a tre mesi fa nessun
problema particolare è sorto
all'interno della maggioranza
sino allo strappo
di Passacantilli”
Giunta per il momento rimarrà invariato.
Facciamo un bilancio sintetico della sua attività
amministrativa. Si sente soddisfatto?
Sì. Sono ampiamente soddisfatto di quanto
realizzato in questi due anni. La mia elezione
a sindaco per tutti coloro che mi hanno
votato ha significato rompere con il passato e
con certe logiche di potere consolidate nel
tempo. Certo quanto avvenuto ha creato
senza dubbio un disorientamento generale
perché per alcuni personaggi dei punti di riferimento fissi sono venuti a mancare. Negli
ultimi tempi ho sentito voci che lamentano il
fatto che l'edilizia a Marcellina sia bloccata e
che sia necessario dare un impulso a questo
settore per rivitalizzare anche l'economia. Ebbene, mettiamoci d'accordo. In campagna
elettorale erano tutti schierati contro la cementificazione del paese e le illazioni su
quanto avveniva all'interno dell'Ufficio Tecnico
erano sulla bocca di tutti per non parlare poi
delle lettere anonime con le quali venivano
segnalati presunti comportamenti illegittimi
di precedenti amministratori in questo settore.
Sia ben chiaro: è mia intenzione riprendere
in esame lo studio del piano regolatore del
Comune per valutare le esigenze del territorio
e dei cittadini in considerazione anche del
fatto che la popolazione è aumentata di circa
la metà negli ultimi dieci dodici anni, ma
non si pensi che ci potrà essere una liberalizzazione indiscriminata dell'edilizia in
quanto il territorio e la sua vocazione
vanno tutelati, fermo restando che ciò che
la legge consente non può essere negato.
Un altro settore in cui abbiamo lavorato e
sarà necessario intervenire è quello dei
servizi sociali. Purtroppo la spesa relativa
al settore è ingente e a noi viene imposto di
prendersi cura e sostenere le spese di minori
e famiglie in difficoltà. Con l'assessore ai
Servizi sociali stiamo valutando quali soluzioni
trovare per ridurre i costi, magari individuando
altre strutture con prezzi più vantaggiosi, ma
posso dire che quelle di cui oggi ci serviamo
da una prima verifica effettuata hanno costi
più contenuti di altre alle quali ci siamo
rivolti. Quindi oltre questo aspetto l'auspicio
è che le situazioni di disagio esistenti sul territorio possano essere recuperate in breve
tempo e consentire alle famiglie in difficoltà
di proseguire autonomamente il proprio percorso di vita. Non dimentichiamo, inoltre,
che siamo tra i pochi Comuni che sono partiti
con la raccolta dei rifiuti porta a porta con
notevole successo grazie anche all'impegno
profuso dall'assessore competente. In pochi
mesi questo servizio ha raggiunto una per-
centuale ragguardevole e la risposta della cittadinanza è stata più che adeguata a dimostrazione della maturità della stessa. Una
volta entrato a pieno regime questo servizio
comporterà una riduzione notevole dei costi
con relativa riduzione delle imposizioni ai
cittadini.
Guardando al futuro cosa vede?
Certo che il percorso non sarà facile a causa
degli scarsi mezzi che abbiamo a disposizione
e per il fatto che dal Governo centrale non riceviamo nulla se non richieste di nuove imposizioni. Uno degli obiettivi principali è
quello relativo all'ampliamento della scuola
materna che si è reso ancor più necessario
stante l'aumento notevole delle richieste di
iscrizione. È notizia di questi giorni che il Governo intende investire oltre un miliardo di
euro per l'edilizia scolastica che interesserà
un edificio scolastico su due su tutto il territorio
nazionale. Seguiremo da subito questa strada
per ottenere quanto necessario ma spero che
anche questa non resti una semplice intenzione
e che alle parole seguano i fatti. Ritengo che
quello che stiamo vivendo sia il momento
storico più difficile per chi come me ha scelto
di fare l'amministratore pubblico. Fino a qualche anno fa la situazione era diversa perché
si poteva contare su diversi tipi di finanziamento
che adesso non è più possibile ottenere. Si
parla di fondi europei ma le difficoltà per
poterli ottenere sono talmente tante che alla
fine restano una pura utopia o privilegio per
pochi. Comunque sono abituato anche per il
lavoro che svolgo a combattere in ogni situazione nonostante in questi due anni mi sono
reso conto che le difficoltà spesso, contrariamente a quello che mi aspettavo, vengono
sollevate non da coloro che hai contro ma da
chi dovrebbe esserti più vicino e questo mi
amareggia molto. Porterò a termine il mio
mandato per il rispetto che devo ai miei
elettori e perché è mio costume portare fino
in fondo gli impegni assunti. Il mio obiettivo
principale, oltre quelli che ci si prefigge di
raggiungere con l'azione amministrativa, è
quello di continuare a fare rispettare la legalità.
Tutto si potrà dire, meno che la legge non sia
stata rispettata. Poi decideranno i cittadini se
continuare a farsi amministrare dal sottoscritto
in un secondo mandato che ritengo necessario
per portare a termine quanto programmato e
ciò che si programmerà per il futuro, oppure
operare altre scelte che spero non siano dettate
dai soliti personalismi locali di personaggi
ambiziosi che ritengono di detenere lo scettro
della verità.
red.pol
SPORT
14
venerdì 11 luglio 2014
Cristiano Cecchini, ha
segnato molti goal in ogni
categoria
In vista del prossimo campionato
La Tivoli Calcio 1919
punta su Cecchini
L'attaccante: “Ho già indossato questa maglia
da bambino, un onore portarla adesso”
ALESSANDRO GALASTRI
La Tivoli Calcio 1919 fa sul serio
in vista del prossimo campionato
di Prima Categoria.
Dopo l’ufficializzazione di Fabio
Tavani sulla panchina amarantoblu
e di Giuseppe Sabucci nella figura
di direttore sportivo, ecco il colpo
tanto atteso in attacco: Cristiano
Cecchini è un nuovo giocatore
della Tivoli.
L’attaccante nativo di Pisoniano
non ha bisogno di tante presentazioni, avendo segnato valanghe
di gol in qualsiasi categoria, e il
suo acquisto rappresenta un passo
in avanti importante per le ambizioni del nuovo corso targato Solini. Oltre all’ex bomber del Cerreto, la Tivoli acquista il portiere
Riccardo Grieco, ex Fonte Nuova,
Simone Luciano, centrocampista
dal Rotondi United di Benevento,
Fabio Pierangeli, classe 1993, oltre
“
E’ stata una scelta
difficile, ma avevo
fatto una promessa al
capitano Tavani
“
Sono sceso di
categoria per vincere e
riportare questa
piazza nelle serie
superiori
Calcio a 5 Femminile
Salinetti e il Villanova
ancora insieme
Continueranno insieme Roberta Salinetti e il Villanova.
Il club tiburtino ha infatti raggiunto l'accordo con il
suo bomber anche per la prossima stagione. Prosegue
dunque l'opera di costruzione di una squadra il più
competitiva possibile agli ordini di mister Febraro.
La conferma della Salinetti va infatti ad aggiungersi
agli acquisti già formalizzati di Giorgia Zavatteri e
Serena Linardi. Bomber Salinetti era arrivata alla
corte del Villanova nella passata stagione, dopo le
esperienze con la Roma e con la Lazio di calcio a 5
ed è reduce da una stagione brillante con la maglia
tiburtina. Dopo aver rinnovato la collaborazione con
i tiburtini, ora spera di poter migliorare il suo score,
fissato a quota 40 reti nel campionato 2013-2014.
"Stiamo costruendo una realtà importante – commenta
così il tecnico Febraro dopo la terza operazione di
mercato della sua società - e sono certo che faremo
grandi risultati nella prossima stagione".
a Giocondi, Mozzetta, Faienza e
Magrini, tutti provenienti dal Vicovaro. I nuovi acquisti vanno ad
aggiungersi ai confermati Urbani,
Ferruzzi, Di Florido, Clementi, Di
Somma, Novelli e Luca Tavani.
Un organico di prima scelta a disposizione di mister Tavani, con i
tifosi che già sognano in grande.
Ma la società tiburtina non intende
fermarsi qui: sono in arrivo un
altro paio di colpi importanti, che
consentano alla squadra di compiere un ulteriore salto di qualità.
Salto già in parte effettuato grazie
all’acquisizione di Cecchini, che
si dice entusiasta di questa nuova
avventura calcistica.
Cristiano, cosa si prova ad indossare una maglia così prestigiosa
come quella della Tivoli 1919?
Sicuramente l’emozione è tanta.
Si tratta di una società storica dal
passato glorioso. Ho avuto l’onore
Per il grande salto
La Tivoli Rugby
a caccia di sponsor
In questi giorni i dirigenti e i giocatori della
Tivoli Rugby si stanno incontrando per programmare la prossima stagione sportiva.
Alle prese con una serie di problemi che
puntualmente si ripresentano ogni anno e
che ostacolano la corsa verso un futuro importante per la società tiburtina. In primis la
questione campo, per il quale è previsto un
incontro con il sindaco Proietti, visto che
manca poco tempo all’iscrizione delle squadre
ai vari campionati. Una volta risolta la questione del campo sportivo, che sarà con
ogni probabilità il “Rocca Bruna” di Villa
Adriana come da tanti anni a questa parte,
ci sarà spazio e tempo per eseguire alcuni
lavori necessari all’impianto, con la disponibilità di tutti gli addetti ai lavori nei mesi di
luglio e agosto. La seconda importante pro-
di giocare con questa maglia da
bambino e sarà un estremo piacere
poterla indossare di nuovo.
La scorsa stagione hai ottenuto
una grande salvezza in Promozione con il Cerreto. Che cosa ti
ha spinto a scendere di categoria?
Innanzitutto la grande corte della
società, che va avanti da tempo,
precisamente dal dicembre scorso.
Poi l’amicizia che mi lega all’allenatore, con cui ho giocato anni fa
e che conosco molto bene. È stata
una scelta difficile e sofferta, ma
avevo fatto una promessa al capitano Luca Tavani, giurandogli che
avremmo rigiocato insieme dopo
l’anno alla Sanpolese nel 2009. E
sono fiero di aver mantenuto la
parola data.
Che cosa ne pensi del nuovo progetto Tivoli e quali sono le tue
ambizioni in vista della nuova
stagione?
Prima e Seconda
Categoria,
al via il 5 ottobre
Partiranno il prossimo 5 ottobre i campionati di Prima e
Seconda Categoria della Regione Lazio.
La sosta natalizia sarà dal 21
dicembre al 4 gennaio,
quando il torneo riprenderà
con la disputa della tredicesima giornata. Poi nessuna
interruzione prevista fino al
5 Aprile, giorno di Pasqua,
mentre l'ultima giornata dei
due tornei è stata fissata per
il 10 maggio, in concomitanza con l'ultimo turno di
Promozione.
blematica da affrontare e risolvere, è costituita
dal reperimento di alcuni sponsor per dare
una parvenza di programmazione alla stagione. I vari soci stanno contattando proprio
in queste ore alcune realtà commerciali locali
per invogliarle ad investire sul rugby, sperando
in ulteriori adesioni all’associazione e ad un
comportamento corretto dei vari associati,
alcuni dei quali ancora devono ottemperare
agli obblighi di pagamento delle quote della
passata stagione. A questo proposito è stato
stampato un foglio illustrativo che fornisce
un minimo di informazioni sulle fasce di
sponsorizzazioni. Il presidente Piervenanzi
invita gli associati a contribuire per il bene
dei ragazzi, e per far sì che questo sport
continui ad evolversi nell’ambito territoriale,
seppur tra mille problemi e difficoltà.
Si tratta a mio parere di un buon
progetto, che in prospettiva potrà
crescere e decollare se ci sarà il
massimo apporto da parte di tutte
le componenti.
Personalmente sono sceso di categoria per vincere e per riportare
questa piazza nelle categorie superiori. Questo si merita una città
come Tivoli.
Cosa prometti ai tifosi, che già ti
hanno accolto con calore?
Sicuramente prometto il massimo
impegno e di onorare questa gloriosa maglia in ogni partita. Poi
vedremo domenica dopo domenica
cosa potrà succedere, ma non
dobbiamo nasconderci.
Con il supporto di questa splendida
tifoseria possiamo andare molto
lontano. Anzi, ne approfitto per
ringraziare di cuore i tifosi che
mi hanno regalato una maglietta
al mio arrivo e spero di ripagare
il loro affetto a suon di gol.
Direttore Responsabile
Gea Petrini
Direttore Editoriale
Anna Laura Consalvi
Editore
Edizioni Omnilazio S.r.l.
E-mail: [email protected]
Sede legale: Corso Italia, 51
00012 - Guidonia Montecelio (Rm)
Concluso in redazione
Giovedì 10.07.2014
Registrazione n. 9
del 10.06.2004
al Tribunale di Tivoli
Concessionarie pubblicitarie
Edizioni Omnilazio
Iscrizione Roc 14300
Impaginazione e grafica
Francesco Morini
Contatti
[email protected]
[email protected]
Stampa
Europrint Sud Srl - S.P. ASI
Loc. Sorgente della Balice
03013 Ferentino (FR)
Redazione
Via Cecilia Metella, 30A
Guidonia (Rm)
Cap: 00012 - Tel.: 0774344201
[email protected]
Tiratura settimanale:
10.000 copie
CULTURA & TEMPO LIBERO
15
venerdì 11 luglio 2014
Il palcoscenico nella villa
“Le rovine di Adriano”
Barberini e Rea al Festival
Serata conclusiva con lettura scenica dell'attore che racconta
la battaglia contro l'apertura della discarica a Corcolle
ELISABETTA DI MADDALENA
L
e mani di Danilo Rea al pianoforte, la voce di Urbano Barberini, la storia di quegli interessi economici legati al ciclo dei
rifiuti che hanno rischiato di portare
una discarica a meno di un chilometro
dalle meraviglie del sito archeologico.
Per la serata conclusiva del Festival
Internazionale di Villa Adriana il palcoscenico è per l'arte che racconta
la vittoria della società civile.
Promosso dalla Regione Lazio e prodotto dalla Fondazione Musica per
Roma in collaborazione con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali
e del Turismo, direzione regionale
per i Beni Culturali e Paesaggistici
del Lazio e Comune di Tivoli, la
sesta edizione del Festival si avvia a
chiudere il 15 luglio con “Le rovine
di Adriano, così potere e malaffare
volevano distruggere la Villa dell'imperatore Adriano”. Testo di Nello
Trocchia, regia di Giuseppe Marini,
organizzazione Generale Viviana Broglio, lettura scenica di Urbano Barberini con la partecipazione del pianista Danilo Rea.
Una lettura che riporterà la platea al
2012, quando la volontà di aprire la
discarica a Corcolle, a due passi dal
sito, scatenò una protesta dagli echi
Il caso
della
discarica di
Corcolle a
700 metri dal
sito tutelato
dall’Unesco e
patrimonio
dell’umanità
scatenò
reazioni a
ogni livello.
Nel 2012
diventò
internazional
e, il New York
Times era
pronto a
scendere in
campo per la
difesa della
Villa
L’oroscopo di Psiche
ARIETE ♥♥♥♥
Il contro alla rovescia è per mercoledì 16 luglio quando Giove entra
nel segno del Leone. Tradotto, sentimenti incandescenti per chi ha
già una metà e nuovi incontri super piccanti per i single. Attenzione
al 12 luglio, tenete a bada la gelosia, siete fastidiosi inutilmente. Nel
lavoro sapete risolvere ogni rebus,
basta non avere fretta. Quell'aria
stanca potete togliervela solo in un
modo: dormite di più.
TORO ♥♥♥
Mangiate meno pasta e siate più
orientati ad ascoltare voi stessi. E'
questa la settimana giusta per i
dialoghi chiarificatori col partner
ma iniziate con lo specchio. La risposta che darete alla domanda “è
amore?” potrebbe stupirvi. La verità è sempre un passo avanti. Intanto fuori c'è un fiorire di occasioni, da mercoledì preferirete
dedicarvi alla casa. Pigri. Trovate
tempo per lo shopping, la bigiotteria va bene ma senza dimenticare
lo stile.
Oltre il Rock Festival
al Vittori di Montecelio
Un fine settimana di rock all'ennesima potenza con la seconda edizione della manifestazione organizzata dall'associazione Oltre
Il Ponte, assieme ad Undergrounzone e la
Pro Loco di Montecelio all'interno del Dario
Vittorio, il teatro comunale del borgo antico.
Quindi venerdì 11 luglio e sabato 12 dalle 18
e 30 in poi ecco "Oltre Il Rock Festival", una
rassegna di gruppi musicali emergenti. Il venerdì si esibiranno Great Jarvis, Alkol, The
Redemption Storm, Ursupanaru e Montelupo;
sabato sarà la volta di Novantesimo Grado,
The Bad Hatters, La Terapia del Dolore, Stato
Brado Factory e Palkosceniko al Neon.
Il principe attore Urbano
Barberini è stato il
fondatore e il coordinatore
del comitato Salviamo Villa
Adriana. Il 14 giugno è
stato nominato assessore
alla Cultura e al Turismo
dal nuovo sindaco di Tivoli
Giuseppe Proietti
internazionali. L'attore Barberini, di
recente nominato assessore alla Cultura e al Turismo dal nuovo sindaco
di Tivoli Giuseppe Proietti, fondò e
fu il coordinatore del comitato Salviamo Villa Adriana che riuscì dopo
una fragorosa battaglia di civiltà a
scongiurare l'apertura del mega invaso
all'ombra della storia. Una serata
simbolo quindi per salutare la sesta
edizione del Festival, tornato ad animare di arte il palcoscenico allestito
nell'area delle Grandi Terme di Villa
Adriana dopo quattro anni di interruzione. I riflettori si sono accesi il
18 giugno per una delle più importanti
manifestazioni di teatro, danza e musica unite in una sola espressione
dalle mille facce alla storia e all'archeologia. Un viaggio culturale che
ha attraversato Brasile, Stati Uniti,
Francia, Germania, Australia, Olanda,
Uganda e Italia con i volti dei più
grandi talenti.
GEMELLI ♥♥♥♥♥
Volete tagliare i capelli? Fatelo. Intendete stravolgere il vostro
aspetto? Non perdete tempo. Perché si aprono sei mesi di cieli illuminati da stelle stupende. E solo
per voi. Nel lavoro qualche intoppo
rimane ma sono i sentimenti a reclamare spazio. Per i single incontri che possono diventare storie importanti, se già siete in coppia non
pensateci più: convivenza, matrimonio e figli. Ma della colonna sonora non occupatevene voi.
LEONE ♥♥♥♥
Giove nel vostro segno da mercoledì 16 luglio. Avete presente
quella cappa che vi accompagna
da mesi? Quella catena di delusioni e disagi che avete alla caviglia? Spariranno. Sensuali e mondani siete una calamita. E in
lontananza c'è il vero amore, dovrete aspettare fine mese. Intanto
se avete da togliervi qualche sassolino dalla scarpa agite, parlate.
Martedì il giorno del dialogo. Siate
duri, il sole è altrove.
BILANCIA ♥♥
Domenica e lunedì giornate ottime
per conoscere persone interessanti e farvi prendere dalla magia
del romanticismo. I single sono favoriti, chi è in coppia è stanco e annoiato e chiaramente portato alle
scappatelle, ma resisterete. Programmate un viaggio per il prossimo fine settimana e prenotate
due biglietti.
La vostra serenità affettiva è
messa alla prova, coltivate la rosa
prima che vi punga.
SAGITTARIO ♥♥
Grane dietro le spalle, il peggio
nella coppia è passato. Qualche
strascico sotto le lenzuola e nelle
cene silenziose, ma la stagione
dell'amore riparte anche per voi.
Non lasciate in giro il telefono, in
arrivo messaggi inaspettati e compromettenti. Utilizzate questo fine
settimana per programmare un
viaggio all'estero, stampatevi un
sorriso sul viso e convincete il vostro partner. I single cercano divertimento, domenica notte è da urlo.
ACQUARIO ♥♥
Meglio girarvi alla larga mercoledì,
siete una pentola in ebollizione. Il
vostro ex andrebbe avvisato, avete
più rabbia di quella che possiate
trattenere. Quindi? Rilassatevi, andate a correre, dedicatevi a qualche frivolezza. Le donne del segno
possono approfittare dei saldi e
dedicarsi al look, è ora di rinnovarsi. Sentimenti stabili per le coppie, single attratti dalle persone
sbagliate. A volte però è più divertente.
CANCRO ♥♥♥
Partendo dal presupposto che le
sorti della galassia non ricadono
sulle vostre spalle, tutto questo
nervosismo appare davvero ingiustificato. Lunatici per natura, siete
un'altalena di pensieri. Il 15 luglio
è una buona giornata per i sentimenti, dichiaratevi, è il momento
giusto. I solitari perderanno la loro
medaglietta, perché nelle notti del
fine settimana troverete chi vi farà
innamorare. Non scappate, il porto
sicuro in fondo è quello che volete.
VERGINE ♥♥♥
se state tradendo lasciate perdere,
possibilità di essere scoperti a percentuali altissime. Il plenilunio di
sabato 12 luglio invece è propizio
per i veri sentimenti, in questo periodo un po' grigio arriva la luce, i
single possono indossare il vestito
migliore e prepararsi a incontri piccanti e colpi di fulmine in posti consueti. Tra gli amici si nasconde
l'anima gemella. Non litigate a lavoro, contate fino a mille. Non ne
vale la pena.
SCORPIONE ♥♥♥♥
Sabato 12 luglio, serata da incorniciare. Scorpioncini di nome e di
fatto potete mettere da parte il veleno, inizia la ripresa e da un
campo che vi piace, quello erotico.
Da questo fine settimana c'è il risveglio dei sensi, la diffidenza va in
ferie almeno per un po', le avventure sono a portata di mano.
Attenzione, arrivano due occhi che
non vi faranno più ricordare dove
avete lasciato il rossetto. Innamorarsi, addirittura.
CAPRICORNO ♥♥
Vi lamentate troppo, con il partner
e con la famiglia. Metteteci un
freno, non aiuta voi e porta all'esasperazione chi vi è vicino. Alzatevi
la mattina con un solo obiettivo:
spensieratezza. I problemi ci sono
ma risolvibili. I sentimenti in coppia
annaspano, i single possono contare su una dose di fascino che
non avevano da un po'. Se vi telefonano, rispondete. Fine settimana
egregio per sfoderare la sfrontatezza. Uscite dal guscio, è ora.
PESCI ♥♥
Martedì vi sentirete belli e affascinanti. Uscirete di casa con la voglia
di incontrare una persona in particolare, ma alla fine vi basterà immaginarla. Ancora qualche giorno
di malesseri del cuore, non siete sicuri che chi vi è accanto sia davvero preso da voi. Irrequieti, recriminate al suo indirizzo a getto
continuo. State scaricando sull'altro le vostre insicurezze. I single
sono sull'altalena. E l'altezza dà il
brivido.
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
3 507 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content