scarica pdf - Corriere Padano

SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1983
Poste Italiane spa - Spedizione in a.p. - D.L. 353/2003
(conv.in l.27/02/2004 n.46) art. 1, comma 1 - DCB Pc
VENERDÌ 30 GENNAIO 2015 - ANNO 33 N. - EURO 0,20
Provincia, emergenza buche
Che fine ha fatto il tesoretto?
La vicepresidente Calza: ‘Non ci sono più soldi per le scuole e la viabilità’
Pubblicità inferiore al 45% - Contiene IP
www.corrierepadano.it
WEEKEND
CAMINATI A PAGINA 4
Mobilità sostenibile - Presto i lavori per nuove piste ciclabili e il ridisegno di alcune vecchie
Biciclette in città,
’Urge un salto di qualità’
Pietro Aglianò (Fiab Amo la Bici): ‘Molte ciclabili non sono sicure e diventano luoghi di
parcheggio selvaggio. E servono altri interventi per ricondurre la città a misura di pedone”
Il Comune di Piacenza ha pubblicato un bando
di gara per lavori a una ciclabile nuova e per il
ridisegno di alcune vecchie. Soddisfatti i ciclisti?
“Noi di Fiab Amo la Bici vorremmo che la città
fosse molto più filo bicicletta, con piste adeguate
ma anche assai più fruibile dai pedoni”.
Le “aperture” del sacerdote piacentino
Bertolino e la casta,
show al Politeama
A PAGINA 9
Sound Bonico,
weekend infuocato
A PAGINA 10
Giuseppe Battiston
in scena al Municipale
LOMBARDI A PAGINA 3
A PAGINA 11
Palazzo Mercanti
Presidenza Consiglio,
il nodo della staffetta
POLLASTRI A PAGINA 4
Lavoro, studio e turismo
Informagiovani,
un aiuto per scegliere
Don Conte: “Sogno una chiesa
che non abbia il dito puntato”
CAMINATI A PAGINA 5
COMOLLI A PAGINA 5
Calcio
Piacenza
formato
trasferta
TAGLIAFERRI A PAGINA 6
Corriere Padano
30 gennaio 2015
2
VILLAGGIO GLOBALE
Tutte le potenzialità dei sottoprodotti dell'agricoltura a BioEnergy Italy di Cremona
Scarpe e fazzoletti
dagli scarti delle mele
Dai resti della lavorazione industriale dei frutti nasce la “cartamela”
per rotoli da cucina e la “pellemela” per calzature e rivestimenti di divani
Come e cosa si può ottenere
dagli scarti della lavorazione
industriale delle mele? Fino a
pochi anni fa nulla. Venivano
smaltiti o, al più, utilizzati per
alimentare gli impianti a biogas. Cosa peraltro, quest’ultima, che avviene tuttora.
Poi però, nel 2009, qualcosa è
cambiato. A Bolzano Hannes
Parth ha fondato la Frumat srl,
un laboratorio di analisi chimiche che ha iniziato ad effettuare dei test per stabilire se, dagli scarti della lavorazione industriale delle mele, materiale privo di scadenza e per questo facilmente stoccabile, era
possibile ricavare delle materie prime da impiegare per
realizzare prodotti ecocompatibili.
In 5 anni il quantitativo di
scarti della lavorazione industriale delle mele utilizzato
per realizzare prodotti ecosostenibili è passato da 0 a
30t./mese.
I risultati sono stati sorprendenti e dagli iniziali esperimenti che richiedevano il reperimento dei primi, magari
scarsi quantitativi di scarti reperiti in qualche azienda melicola che in Alto Adige sono
particolarmente numerose, si
è arrivati a oggi, con diverse
imprese che lavorano questo
tipo di rifiuto alimentare trasformando una media di 30
tonnellate/mese prodotto.
Ma è ancor più sorprendente
scoprire quello che se ne ricava. “Il primo prodotto che abbiamo realizzato è stata la cartamela – spiega Hannes Parth
– un prodotto creato con pura
cellulosa arricchita con gli
scarti di lavorazione delle me-
le che dopo la l’iniziale produzione di carta igienica, oggi
trova diverse declinazioni sia
come rotoli da cucina, fazzolettini da naso, scatole per il packaging. La nostra ricerca e le
nostre sperimentazioni però
non si fermano e ora siamo impegnati nella realizzazione
della ‘pellemela’, un prodotto
ottenuto sempre dagli scarti di
lavorazione delle mele ma destinato alla legatoria, alle calzature e ai rivestimenti di di-
I giorni della Merla, appello
Lipu: "Salviamo i pennuti"
vani e sedie. L’attività di Frumat si concentra nella ricerca
e nello sviluppo di prototipi
che, dopo essere stati opportunamente testati, vengono realizzati a livello industriale.
Stiamo riscontrando un notevole interesse da parte dei
fruitori di questi prodotti ecosostenibili non solo a livello
nazionale, ma anche oltreconfine dove, in Paesi come la Germania, l’Austria, la Svizzera e
la Francia la sensibilità verso
queste produzioni ha radici
ben più antiche rispetto a
quelle italiane. Eppure, e questo è un dato a mio avviso molto interessante – spiega Parth
– nell’arco di pochi anni ho potuto constatare che anche nel
nostro Paese le aziende interessate a produrre utilizzando
scarti ottenuti dalla lavorazione industriale di alimenti, in
questo caso specifico quelli
delle mele, sono in continuo
aumento.”
Per scoprire le nuove frontiere e il business potenziale che
deriva dall'intreccio tra agricoltura, industria alimentare
e chimica verde a Cremona
Fiere, dal 25 al 27 febbraio, c’è
BioEnergy Italy.
In Italia si consumano
meno antibiotici,
ma più antidepressivi
"Da una parte registriamo una riduzione di farmaci
come gli antibiotici, che è una cosa molto positiva,
e una maggiore accuratezza della prestazione in
gran parte di classi; dall'altra, invece, registriamo un
aumento degli oppioidi e dei farmaci antidepressivi
che è fuori da una correttezza della prescrizione
medica". Così Beatrice Lorenzin, ministro della
Salute, a margine della conferenza stampa di
presentazione dei dati del rapporto nazionale
'L'uso dei farmaci in Italia' (gennaio-settembre
2014), realizzato dall'Osservatorio nazionale
sull'impiego dei medicinali (Osmed) dell'Agenzia
italiana del farmaco e presentato oggi presso la
sede dell'Aifa.
Secondo il ministro, dietro a questo "c'è un tema
sociale sicuramente di forte disagio della
popolazione, e una necessità anche di incrementare
i servizi territoriali di supporto e di appoggio dal
punto di vista neuropsichiatrico e psicologico per
quanto riguarda persone che possono attraversare
una fase i difficoltà".
(Agenzia Dire - www.dire.it)
Il viaggio della memoria: 200 studenti a Auschwitz
"Aiutiamo gli uccellini con del cibo, ma non diamogli il pane”
Per ripararsi dal freddo una
merla ed i suoi pulcini, tutti
bianchi, trovarono rifugio in un
comignolo. Da questo comignolo uscirono il primo di febbraio,
tutti neri per colpa della fuliggine. Pare che da quel giorno i
merli furono tutti neri'. Inizia
così la leggenda dei 'giorni della
Merla', gli ultimi tre giorni di
gennaio o gli ultimi due di gennaio e i primi di febbraio che per tradizione - sono i più freddi
dell'anno. "Una leggenda che,
però, ci aiuta a riflettere sulle
difficoltà che hanno gli uccelli a
procurarsi cibo durante il freddo", spiega il presidente della
Lipu Fulvio Mamone Capria,
interpellato dall'Agenzia Dire.
Subito, però, una raccomandazione: "aiutiamo gli uccellini
con del cibo, ma non diamogli il
pane- sottolinea Mamone Capria- dà una sensazione di sazietà ma non contiene i grassi necessari al riscaldamento corporeo". Quindi, lasciamogli "frutta fresca o secca
come nocciole, noci, arachidi, e anche biscotti
grassi, fette di panettone, di pandoro, colomba
e pandolce, frollini, pezzetti di crosta di formaggio, di lardo, prosciutto, pancetta- consiglia il
presidente Lipu- e potremo avere visite di numerosi uccelli sul nostro balcone, dal merlo al
pettirosso, dal fringuello al verdone e per i più
fortunati anche del picchio rosso".
La mangiatoia, poi, non deve essere per forza
un manufatto. Anzi meglio realizzarle in casa
con materiali di recupero quali bottiglie di plastica, retine per agrumi o ortaggi o cartoni del
latte. Sul sito della Lipu sono numerosi i suggerimenti. "La mangiatoia va appoggiata direttamente sul terreno, se disponiamo di un giardino
grande e non frequentato da gatti; altrimenti va
Toccherà ai ragazzi farsi testimoni dei testimoni
Sono passati 70 anni da quel 18 gennaio 1945 giorno in cui l'esercito russo ha
fatto il suo ingresso a Cracovia e proprio dalla capitale della Polonia è iniziato
il viaggio della memoria organizzato dal Miur. Marcello Pezzetti, storico e
profondo conoscitore della Shoah, ha condotto 200 studenti, provenienti da
tutta Italia, nei luoghi dove tutto ebbe inizio, dal ghetto alla sinagoga. Qui si è
voluto sottolineare come dopo la scomparsa degli ultimi testimoni, toccherà ai
ragazzi farsi testimoni dei testimoni. (Dire Giovani)
installata su un palo di ferro zincato a circa 1,5
metri di altezza", scrive la Lipu sul sito. Quelle
da appendere "sono ottime per chi ha un balcone, ma si possono anche attaccare ai rami degli
alberi e perchè no mettiamole anche nei giardini delle scuole", suggerisce Mamone Capria.
In questi giorni in cui il freddo si farà sentire
cosa fare se troviamo un uccello ferito? "Portarlo immediatamente nel più vicino Centro di recupero Lipu che sono aperti tutto l'anno", aggiunge il presidente Fulvio Mamone Capria. E
con l'occasione il presidente fa un appello "ai
cacciatori in tutte quelle Regioni dove la caccia
è ancora attiva: rispettino le norme anche nel
loro interesse. Che posino le armi prima della fine della stagione venatoria per salvare la biodiversità. Basta sacrificare le specie al divertimento di pochi".
(Agenzia Dire - www.dire.it)
Tav, Lupi: Torino-Lione opera irreversibile
La Tav Torino-Lione "non è
in discussione, è iniziata ed è
irreversibile, lo Stato ha già
deciso tempi e modi della sua
realizzazione, ma è utile da
parte dei sindaci, anche oppositori dell’opera, una funzione
continua di stimolo e verifica". Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi lo dice ai sindaci No
Tav dell’Unione Montana Valle Susa che ha incontrato oggi.
L’incontro si è svolto presso il
ministero a Roma, erano pre-
senti venti sindaci e il presidente dell’Osservatorio sulla
Torino-Lione Mario Virano.
Ciò detto, "non c’è interlocuzione possibile con i violenti e
con i contigui dei sabotatori,
siano essi praticanti o teorizzatori dei sabotaggi violenti",
dice il ministro. Intanto, "il
criterio della assoluta trasparenza è totalmente condiviso, i
costi verranno certificati da
un soggetto terzo individuato
da una gara internazionale già
avviata" mentre "il Governo
apre la pagina alla verifica del
progetto definitivo della tratta nazionale", aggiunge Lupi.
30 gennaio 2015
Corriere Padano
3
PRIMO PIANO
Mobilità sostenibile - Piacenza è 13esima a livello nazionale per indice di ciclabilità. L’opinione di Fiab Amo la Bici
Bici in città, urge un salto di qualità
Aglianò: ‘Le piste ciclabili sono solo una delle forme di avvicinamento alla pedonalità’
FRANCESCA LOMBARDI
Incremento delle piste ciclabili, incentivi al bike sharing,
diffusione delle ciclofficine,
clientela sempre più interessata nei negozi dedicati: la
crisi sta favorendo la riscoperta della mobilità green?
Piacenza è ai primi posti in Italia tra le città che si muovono in bicicletta mentre è 13esima per indice di ciclabilità
(metri equivalenti a piste ciclabili) con 0,61 (metri eq/100
abitanti) secondo l'ultima pagella verde di Legambiente
sull'ecosistema urbano. Ma
l’estensione
chilometrica
delle piste ciclabili, di per sé,
non rappresenta un parametro indicativo e può essere addirittura fuorviante. Parlare
solo di lunghezza senza prendere in considerazione altre
variabili, in molti casi, è riduttivo. “E' così – conferma
Pietro Aglianò, vice presidente dell’associazione Fiab
Amo la bici - criticità ci sono
sempre, molte piste ciclabili
non sono messe in sicurezza,
quindi diventano luoghi di
parcheggio selvaggio: ad esempio le parigine, nel tratto
di Corso compreso tra il pubblico passeggio e il Dolmen di
Xerra, rappresentano una
battaglia che abbiamo portato avanti noi: l’anarchia di auto e di parcheggio selvaggio
che c’era prima creava situazioni di grande pericolo”.
Il Comune di Piacenza ha appena pubblicato un bando di
gara per lavori a una ciclabile
nuova in viale Malta, separata dalla sede stradale, e per il
ridisegno di quelle di stradone Farnese, per una maggiore densità di parigine in corso
Vittorio Emanuele e infine
per una migliore tracciatura
di quelle di viale Palmerio e
viale Beverora. Siete soddisfatti? “Siamo in costante
contatto con l’assessore Cisini, con lui ci confrontiamo e la
disponibilità che ci dimostra
è innegabile. Il progetto delle
nuove piste ciclabili ricorre a
fondi regionali che subordinano l’erogazione del finan-
re e in questo caso una semplice striscia di vernice sull’asfalto non basta. Speriamo
“Ancora criticità: molte piste non
sono messe in sicurezza e diventano
luoghi di parcheggio selvaggio”
ziamento al rispetto delle
norme di legge: si tratta di
precisi parametri da rispetta-
che le piste ciclabili siano all’altezza delle esigenze, della
situazione e della normati-
La formazione per i giovani,
approvata l'offerta per il 2015-16
E’ stata approvata nei giorni scorsi l'offerta di
istruzione e formazione professionale - a.s.
2015/2016 - per i ragazzi di età tra i 15 e 18 anni
che intenderanno iscriversi ad un istituto professionale o ad un ente di formazione professionale entro il 15 febbraio. L’obiettivo generale
dei corsi è quello di prevenire e contrastare la
dispersione scolastica e formativa, garantire
l'assolvimento dell'obbligo di istruzione e promuovere il successo formativo dei giovani.
I corsi avranno come punti di forza il confronto
diretto con il mondo del lavoro e con la realtà aziendale come strada efficace per formare persone sempre più aderenti alle effettive necessità delle aziende.
Da sottolineare che i percorsi approvati vanno
nella direzione espressa dalle esigenze manifestate dalle imprese e presentano delle novità
importanti per il settore della meccanica. Infatti, grazie alla fase congiunturale positiva, alle buone prospettive di ripresa e alla crescente
rilevanza strategica del settore sono stati approvati due corsi inerenti le figure specifiche
dell' “Operatore meccanico di sistemi” a Piacenza e l' “Operatore sistemi elettrico-elettronici a Borgonovo Val Tidone. Dagli ultimi dati
rilevati, il settore meccanico all’interno del sistema produttivo locale è tra i settori produttivi del territorio che ha una buona “tenuta”; la
formazione in questo ambito può’ dunque preparare delle figure specialistiche che più facilmente possono trovare una collocazione lavorativa.
L'auspicio è che le scelte operate soddisfino le
aspettative dei ragazzi e delle famiglie e che
siano in grado di rispondere ai bisogni occupazionali del mercato. Un’opportunità in più per
gli studenti che potranno infatti conseguire una qualifica professionale triennale riconosciuta a livello europeo e come tale spendibile
nel mondo del lavoro, nella scuola o nella formazione.
va”.
Ok le piste ciclabili. E poi?
“Noi dell’associazione Amo
la Bici vorremmo che la città
fosse molto più filo bicicletta,
con piste adeguate ma anche
assai più fruibile dai pedoni.
Le piste dedicate alla bicicletta sono solo una delle forme di avvicinamento alla pedonalità e alla mobilità sostenibile. Ad esempio, va bene
che piazza Cavalli ritorni ai
cittadini ma un episodio come quello della colonnina ab-
battuta da una macchina (un
ventenne un po’ su di giri, ndr) non è tollerabile: c’è modo
e modo di vivere la piazza.
Abbiamo aperto – prosegue
Aglianò - un tavolo per la promozione della ciclabilità con
nostre precise proposte: il
problema dei parcheggi per
le due ruote a pedali, ad esempio. L’unico esistente,
quello - a pagamento - in stazione, ci lascia un po’ perplessi. Servirebbero parcheggi
custoditi in zona centrale, an-
che per un fatto di pubblico
decoro. Secondo un nostro
sondaggio- di Fiab - condotto
su scala nazionale, il secondo
motivo di chi si dimostra riluttante ad usare la bici in città è la paura di subire un furto
(il primo motivo risiede nel timore di essere investiti). Anche la predisposizione di rastrelliere adeguate costituisce una significativa disincentivazione ai furti e una
conseguente riduzione dei timori ad essi collegati. Ancora: insistiamo sul miglioramento del servizio di bike
sharing, oggi sottoutilizzato
perché costoso e complicato
da usare, con la creazione di
parcheggi scambiatori alla
periferia della città per chi
arriva da fuori e lascia la macchina per inforcare una comoda bici”.
L'amministrazione, allora,
potrebbe fare di più?
“Ci piacerebbe che alle parole dell’amministrazione seguissero i fatti, ci piacerebbe
che il vento nuovo che soffia
in Europa, al riguardo di una
mobilità sostenibile, coinvolgesse realmente anche la nostra città, anche con la realizzazione di piste degne del nome e non tali solo sulla carta”.
Nina Zilli, duetto con J-Ax e poi Sanremo
È uscito il duetto tra J-Ax e la cantante piacentina Nina Zilli, dal titolo“Uno di quei
giorni”.Il brano fa parte dell’album di inediti “Il bello di essere brutti“ del famoso rapper. Girato durante le vacanze natalizie negli Stati Uniti, è una clip vivace ed energica
che mette in risalto la bella e talentuosa cantante. Diretto da Fabrizio Conte e montato
da Luca Tartaglia, il video è prodotto dall’etichetta indipendente Newtopia, fondata
da J-Ax insieme al socio Fedez.Tra poco Nina sarà impegnata con il Festival di Sanremo: il suo nome figura infatti tra i big. Gareggerà portando il brano “Sola” e con lei ci saranno: Annalisa, Gianluca Grignani, Marco
Masini, Malika Ayane, Nek, Dear Jack,
Chiara, Alex Britti, Biggio e Mandelli (I Soliti Idioti), Moreno, Bianza Atzei, Raf, Lara
Fabian e Grazia Di Michele in coppia con
Mauro Coruzzi (alias Platinette), Il Volo,
Anna Tatangelo, Nesli, Irene Grandi e Lorenzo Fragola. Nina Zilli, pseudonimo di
Maria Chiara Fraschetta, nasce a Piacenza
il 2 febbraio 1980. Dopo alcune esperienze
come veejay e cantante, firma nel 2009 un
contratto discografico con la Universal.
Pubblica quindi l'ep di debutto che contiene il singolo “50mila”, grazie al quale raggiunge la notorietà.
Corriere Padano
30 gennaio 2015
4
ATTUALITÀ POLITICA
Palazzo Mercanti - Il Partito democratico pare aver rimandato la questione
Presidente Consiglio,
il nodo della staffetta
Secondo accordi non scritti l'attuale presidente Claudio Ferrari
a metà mandato avrebbe dovuto lasciare spazio a Christian Fiazza
MARCELLO POLLASTRI
Ha tutta l'aria di un dejavu
la questione della staffetta
alla presidenza del Consiglio
comunale di cui tanto si parla
negli ultimi giorni negli ambienti politici piacentini.
Stando ai rumors di palazzo
l'attuale presidente Claudio
Ferrari, in quota Partito Democartico, a metà mandato
dovrebbe lasciare spazio a
Christian Fiazza, vicecapogruppo nell'aula di Palazzo
Mercanti; un po' come (non)
accadde nella consigliatura
precedente con la presidenza di Ernesto Carini e l'ipotesi di subentro di Lucia Rocchi. Si parlò dell’esistenza di
un accordo scritto, sancito
nel 2007 subito dopo le elezioni. Quella volta Carini decise di restare in sella e Rocchi fu costretta a masticare amarissimo.
A un lustro di distanza anche in questo caso c'è chi parla di un accordo, peraltro non
scritto, stipulato all'alba del
mandato Dosi per una staffetta tra Ferrari e Fiazza.
Quest’ultimo ci spera. Anzi, a
quanto risulta pretende
quella carica, sogno cullato
già nella primavera del 2012.
Tuttavia Ferrari non pare essere dello stesso avviso. Ri-
chiesto di un commento su
questa potenziale situazione
esplosiva, lo stesso Ferrari si
mento il Partito democratico
pare aver rimandato la questione a dopo l'approvazione
La vicenda rischia di diventare
un nervo scoperto sia per il Pd
sia per la maggioranza
è espresso con un "no comment" aggiungendo solo un
laconico: "Chi parla di questo argomento non sa quel
che dice". Null'altro. Al mo-
del bilancio di previsione
2015, quando il menù si arricchirà di altre succulente
“pietanze”: su tutte quella
del congresso, con numerose
tessere da incastrare in un
complesso puzzle e dinamiche spesso complesse da decifrare.
Che la vicenda della presidenza del Consiglio rischi comunque di diventare un nervo scoperto sia per il Pd sia
per la maggioranza, lo si capisce però anche da alcune avvisaglie: in primis la recente
fuga nel gruppo misto di Gianluca Ceccarelli che, in qualità di vicepresidente, forse
confidava in un riconoscimento maggiore nell'ambito
della gestione del dopo-Ra-
buffi e che ha negato di essere mai stato al corrente del
presunto accordo per la staf-
("meglio cambiare presidente"), quasi che si stessero sedimentando le basi per approcciare una strana alleanza con il centrodestra, lanciare la sfida all'odiato Pd e provare a testarne la tenuta in un
momento interno così delicato. E' poco gradito il fatto che
i democratici facciano della
questione presidenza una
questione esclusivamente
interna, da asso pigliatutto.
L’equazione è semplice: se
dovesse dimettersi Ferrari,
entrerebbe uno del Pd. Logiche che qualcuno rifiuta, anche se difficilmente potrà
cambiare il corso delle cose.
Al momento Ferrari glissa
l’argomento provando a costruirsi intorno la rete giusta
per restare alla presidenza.
Tra due o tre mesi, in fondo,
tante cose potrebbero cambiare.
Poco gradito il fatto che i dem
facciano della questione una
faccenda esclusivamente interna
fetta. E poi le invettive contro lo stesso Ferrari pronunciate l'altro giorno in aula
dalla grillina Mirta Quagliaroli dopo essere stata zittita
Al centro, da sinistra,
Claudio Ferrari e Christian
Fiazza
l'ha promossa. I nodi ora vengono al pettine: confusione istituzionale, perdite di competenze, professionalità e
servizi. Patrizia Calza è stata
una delle poche che fin dall'inizio aveva criticato que-
duasse le risorse necessarie.
Invece si è voluto intervenire su un primo livello dell'organizzazione statale, e questo è il risultato, il caos totale.”
Territorio - Emergenza buche sulle strade. Che fine ha fatto il tesoretto di Trespidi?
Provincia, “Non ci sono
più soldi per la viabilità”
ELENA CAMINATI
Che fine hanno fatto i 7 milioni di euro di tesoretto che
l'ex presidente della provincia Trespidi aveva destinato
all'ente piacentino? Si trattava certamente di un bel
gruzzoletto, in parte destinato al trasporto pubblico, in
parte ai collegamenti stradali sulle principali arterie
provinciali. Niente di tutto
questo. Sono serviti all'attuale amministrazione a non
soccombere
pesamentemente ai colpi della Legge di
Stabilità del Governo centrale. La legge tanto odiata
dagli amministratori locali
che ha costretto, soprattutto
le province in vista del loro
ridimensionamento, a decurtare i bilanci. A Piacenza
è toccato un taglio da 15 milioni di euro. Quei 7 milioni
milioni euro, cautamente accantonati, sono andati nelle
casse dello Stato. E quale
sorte toccherà alla nuova
provincia di Piacenza, una
delle più virtuose d'Italia dal
punto di vista del bilancio? A
rimetterci sono quei settori
che richiedono più spese vive come edilizia scolastica e
viabilità, dove cioè, se c'è da
mettere in sicurezza il tetto
di una scuola o una strada,
occorre spendere denaro.
Con 1100 chilometri di trade
provinciali di gestire, la situazione non è facile, anzi diventa complicatissimo anche mettere una pezza sulle
buche dei principali assi viabilistici.
“Stiamo raschiando il fondo del barile – ha detto la vicepresidente della Provincia, con delega alla viabilità,
Patrizia Calza (nella foto) –
stiamo facendo qualsiasi cosa per eliminare gli sprechi.
Anche noi amministratori
siamo prima di tutto cittadini e sindaci, quindi capiamo
benissimo quello che la gente sta passando, risentiamo
dei disagi che tutti stanno vivendo. Siamo preoccupati
perchè, dal Governo, non arrivano quelle risposte che ci
aspettavamo. Critichiamo la
riforma delle province non
astrattamente o a priori, ma
perchè ci si dimentica che ci
sono settori che richiedono
risorse per gestirli e che ora
non abbiamo. Va bene riformare, va bene razionalizzare
– prosegue Calza – ma con
criterio.”
Una riforma che fa acqua
da tutte le parti, e a dirlo non
siamo noi, ma gli amministratori per giunta proprio
della stessa appartenenza
politica di chi quella legge
La vice presidente Patrizia Calza:
“Va bene eliminare gli sprechi ma
questa riforma non va, è il caos totale”
sta trasformazione. “I fatti
dimostrano che le critiche erano fondate – ci dice – si
stanno creando forti incongruenze.
Lo Stato va riorganizzato,
bisogna evitare doppie competenze, ma occorreva una
riforma co mplessiva che stabilisse chi fa cosa e indivi-
30 gennaio 2015
Corriere Padano
5
ATTUALITÀ
Società - Le riflessioni del sacerdote piacentino
Don Conte:
’Sogno una chiesa
che non punti il dito’
“Non bisogna criticare i difetti del mondo
quando anche al nostro interno esiste molta
sporcizia. Provo gioia per le parole del Papa”
ELENA CAMINATI
Francesco De Gregori lo cantava nel 1978, in una di quelle
canzoni destinate a diventare
un'icona della musica italiana.
Chi avrebbe mai pensato che un'espressione così immediata
come “i cinque figli venuti al
mondo come conigli”, potesse
essere utilizzata anche da Papa
Francesco. La frase “i cattolici
non si riproducano come conigli” ha fatto il giro del mondo, i
media l'hanno presa come
manna dal cielo, anche se il Papa non è nuovo ad espressioni
di questo tipo, schiettamente
vere, immediatamente immaginabili che arrivano a spezzare addirittura il Vaticano. In
realtà dietro c'è un discorso
ben più profondo che una semplice similitudine, il concetto
della paternità e della materni-
tà responsabili a cui Papa Bergoglio faceva riferimento, nel
suo viaggio di ritorno dalle Filippine. Abbiamo chiesto un
commento a Don Giancarlo
Conte undicesimo di 14 figli, 84
anni, un uomo di chiesa con 60
mente. La chiesa – prosegue –
in realtà parla da tempo di maternità e paternità responsabili. Io ho sempre sostenuto che
figlio unico è un macello, due
un disastro, la famiglia completa è formata da tre figli. Il Papa
“Sì alla maternità responsabile, la
famiglia ideale è formata da 3 figli”
anni di sacerdozio, un traguardo che ha festeggiato a Roma
celebrando la messa in Santa
Marta a fianco del Santo Padre.
“Il Papa è partito da un fatto –
ha spiegato Don Conte – ha incontrato una mamma incinta
dell'ottavo figlio, con alle spalle sette cesarei. Le ha chiesto
“vuoi rendere orfani i tuoi figli?” riprendendola bonaria-
dice la stessa cosa e per questo
ho trovato un po' di gioia”.
Affermazioni forti quelle di
Papa Francesco, che potrebbero offendere una parte di cristiani?
“Tutto parte da come si vede il
cuore di chi parla – risponde
Don Conte – cosa ha in mente il
Santo Padre quando pronuncia queste parole? Citando l'esempio dei tre figli il Papa sa
che l'umanità si mantiene proprio quando ci sono determinate condizioni. Se non ci saranno
abbastanza nascite, domani la
popolazione più anziana non avrà la pensione. Inoltre il Papa
quando cita Paolo VI ricorda
che nell'enciclica si esortano i
cristiani a non cedere al neomalthusianesimo che considera il male del mondo la crescita
della popolazione”.
Non potevamo non tornare su
un'altra frase che il Papa ha
pronunciato in volo verso Manila nel commentare i fatti di
Parigi. "chi dice una parolaccia
contro la mia mamma è normale che si aspetti un pugno”, definendo un'aberrazione uccidere in nome di un Dio.
“La libertà non può consentire di offendere il mondo intero,
figuriamoci la propria madre, i
valori in cui crediamo – commenta il sacerdote - Un pò di i-
ronia ci sta, ma le cose blasfeme e pornografiche no. Credo
che la gente non abbia della libertà l'idea di un Dio”.
Comunque la si pensi, Papa
Bergoglio ha portato nella
chiesa, accusata spesso di non
essere al passo coi tempi, lontana dalla realtà, una sferzata di
aria nuova, di concretezza e apertura al mondo, quello che
Don Conte ha sperato che sempre avvenisse, fin da quando il
cardinale Martini istituì la cattedra dei non credenti.
“I non credenti – spiega – sono
persone, Gesù morto anche per
loro. Che una parte di chiesa si
dedichi e loro e che non punti il
dito a scoprire e criticare i difetti del mondo, credo sia molto
importante. Sogno una chiesa
che non abbia sempre il dito
puntato, perchè ha tante cose
tristi al suo interno. Lo stesso
Papa Ratzinger, nel corso di u-
na via Crucis, aveva detto
quanta sporcizia in questa
Chiesa. Allora – conclude Don
Conte – non bisogna puntare il
dito su quello che c'è fuori,
quando si riconosce che all'interno c'è altrettanta sporcizia”.
Il servizio completo
nel format A Tutto Tondo
su www.zerocinque23.com
Informagiovani: lavoro, studio e tempo libero
Uno strumento per facilitare scelte consapevoli
Tra i servizi più gettonati il supporto nella compilazione del curriculum vitae e la consegna della YoungERcard
Per tutti i giovani – ma non solo
– alla ricerca d’informazioni, e
perchè no, di consigli utili, nell'ambito dello studio (scuola,
formazione, università), del lavoro (stage, tirocini, servizio civile) e del turismo (vacanza,
viaggi-studio, lavoro all'estero)
esiste lo sportello polifunzionale, pubblico e gratuito, Informagiovani.
L'Informagiovani è un servizio
volto a fornire al cittadino interessato un supporto informativo che lo aiuti a conoscere ed affrontare le scelte più opportune
per il proprio percorso formativo e professionale e, contemporaneamente, per organizzare al
meglio il proprio tempo libero e
tenersi aggiornato sulle attività
sociali organizzate sul e dal proprio territorio.
In verità a Piacenza non esiste
un unico sportello Informagiovani. Infatti, il servizio è attualmente organizzato in una Rete
Provinciale, con punti dislocati
sul territorio, che fanno capo allo Sportello Giovani presso il
Centro per l’Impiego di Piazzale
Marconi. Attualmente i Comuni
con uno sportello attivo sono già
più di una quindicina, mentre risultano ancora in corso di attivazione gli sportelli negli altri comuni.
Da ogni punto Informagiovani
territoriale è possibile, oltre che
parlare con un operatore, accedere alla banca dati per una libera consultazione delle schede
informative, oppure richiedere
informazioni più specifiche collegandosi in videochiamata con
l'operatore dello Sportello Giovani al Centro per l’Impiego.
Tra i servizi più gettonati presso i diversi sportelli comunali ci
sono: il supporto nella compilazione del curriculum vitae, il rilascio della tessera Piacenza
Wi-Fi per accedere gratuitamente alla rete wireless in tante
aree della città, la consultazione
della Gazzetta Ufficiale Concorsi e del Bollettino Ufficiale della
Regione e, sopra ogni altro servizio, la consegna della YoungERcard, la carta gratuita della
Regione Emilia Romagna che
offre la possibilità di agevolazioni e sconti in svariati esercizi
commerciali della Regione e nel
contempo consente di aderire e
partecipare a progetti di cittadinanza attiva, volontariato e solidarietà. La carta può essere richiesta dai giovani dai 14 ai 29
anni residenti o che studiano o
lavorano in Emilia Romagna.
Allo sportello Informagiovani
è possibile trovare informazioni
su corsi di formazione professionale, su corsi universitari di Piacenza - e non - e sulle opportunità di studio all’estero; è possibile consultare una bacheca con le
offerte di lavoro nel settore privato e all’estero ed usufruirne
anche per affiggere propri annunci; ci si può anche informare
in modo tempestivo sulle opportunità inerenti al Servizio Civile
ed alle iniziative di volontariato.Gli operatori sono a disposizione anche per informazioni di
natura turistica e lo sportello è
l’ente incaricato del rilascio della tessera AIG dell’Associazione Italiana Alberghi per la Gioventù, che insieme alla YoungERcard agevola i giovani nella
mobilità spingendoli sempre
più a diventare cittadini del
mondo.
Nati a Bruxelles negli anni sessanta come risposta ai bisogni
dei giovani tra i 14 e i 29 anni, i
centri Informagiovani si sviluppano successivamente in tutta
Europa, diffondendosi anche in
Italia a partire dagli anni ottanta. Le centinaia e centinaia di
centri esistenti (nel 2008 erano
già oltre 1200) non hanno però
un'unica immagine e funzione,
ma rispondono piuttosto ai bisogni locali rilevati in ciascun territorio d’appartenenza.
Informagiovani del comune di
Piacenza fa parte di Quinfo, lo
sportello informativo del comune situato in Piazza Cavalli, nel
cortile di Palazzo Gotico (Piazzetta Pescheria). Oltre ad accogliere i giovani nella sede di
QuInfo, gli operatori dello sportello di Informagiovani alimentano un ricco archivio informativo disponibile per tutti online
(informagiovanionline.it) tramite il quale è possibile tenersi
aggiornati, da casa o dalle postazioni pubbliche per l’accesso a
internet presso gli ambienti di
QuInfo, sulle opportunità offerte dalla propria regione e provincia. Inoltre, lo sportello - che
si caratterizza da sempre per la
grande interazione con gli utenti - da poco (aprile 2014) è anche
entrato a far parte dell’universo
dei social network creando una
pagina Facebook. La pagina
permette di tenersi aggiornati
sulle iniziative degli spazi aggregativi e sulle opportunità in
città e nei comuni limitrofi, dai
concerti alle rassegne cinematografiche, dai corsi ai concorsi,
il tutto con un semplice click da
casa. www.facebook.com/informagiovanipiacenza
Francesca Comolli
Corriere Padano
30 gennaio 2015
6
SPORT
Il Piacenza, in trasferta,
è una macchina da punti
Nella gestione De Paola en plein di vittorie esterne, sei goal in due match
e una sola rete al passivo. L’obiettivo secondo posto ora è più vicino
Copra Volley,
gioia Champions
GIANCARLO
TAGLIAFERRI
Si conferma in formato da
viaggio il Piacenza nella gestione De Paola: en plein di
vittorie esterne, sei goal in
due match e una sola rete al
passivo. Col trolley in mano i
ragazzi biancorossi dimostrano di esaltarsi trasformando l’intimorita e passiva
versione casalinga garilliana
in una macchina da punti, in
grado di esaltarsi nelle difficolta’rimontando lo svantaggio di Mezzolara e chiudendo
da tre punti all’ultimo respiro con l’aggravante dell’inferiorita’ numerica. Se il campionato fosse incominciato
nel girone di ritorno oggi parleremo di un Piacenza solidissimo in difesa, ai vertici
della classifica con 8 punti in
4 match, con il solo problema
della realizzazione tra le mura amica, pienamente in linea con i programmi e le aspirazioni della vigilia. La realta’ propone invece un girone
di andata che ha compromesso le speranze di promozione
diretta, e che impone alla societa’ dei Gatti di lavorare
gia’ in prospettiva stagione
prossima con un occhio ai
play-off; la classifica parla di
un Rimini ormai irraggiungibile in fuga solitaria ma di un
gruppetto di immediati inseguitori quasi in “surplace” in
attesa del rientro nel gruppo
di quella che era considerata
la grande favorita ad inizio
corsa ovvero il Piacenza, oggi
i biancorossi sono quinti ma
vedono in lontananza Este,
Correggese e Delta in chiara
difficolta’ e pronti a sfilare
loro il secondo posto a “soli”
7 punti. La squadra di De
Paola oltre ormai ad una consolidata fase arretrata (miglior difesa fuori casa) puo’ e
deve migliorare la fase offensiva, la sosta che ora arriva va
ad interrompere il buon momento ma permette al “pirata” calabrese di concentrarsi
sulla preparazione degli
schemi offensivi soprattutto
con squadre chiuse e che giocano in maniera rinunciataria come quelle viste nelle ultime uscite al Garilli (Bellaria e Castel Franco). In piu’
Piacenza scopre l’oggetto misterioso Tiboni, centravanti
dal curriculum ricco e controverso, arrivato a sostitui-
re Marrazzo ma conosciuto e
“chiaccherato” principalmente per le sue avventure
notturne che per le prodezze
in campo, per lui gia’ due gol
in presenze part-time, se riuscira’ a rimanere concentrato su una condizione fisica accettabile potrebbe diventare il valore aggiunto per riportare i biancorosso all’obiettivo di un secondo posto
ora tutt’altro che inavvicinabile.
Bakery Basket, continua la serie negativa
Nei canestri di Becirovic il destino del team
Non ce l’ha fatta il cuore di Piacenza ad
interrompere la serie negativa della Bakery Basket sconfitta di misura sul terreno amico dalla Mobyf Ferrara per 83-85.
La squadra di Coppeta mostra chiari segnali di risveglio rispetto alle deludenti
ultime uscite chiuse con altrettante sconfitte, chiude in crescendo la compagine
biancorossa sotto anche di 13 punti a meta’ del terzo quarto, ma capace finalmente, trascinata da un Andrija Zizic per la
prima volta determinante sotto le plance
(autore di 8 punti solo nell’ultima fase e 20
in totale), di recuperare l’intero svantaggio con la possibilità palla in mano a pochi
secondi dalla fine, con il tentativo dalla
grande distanza di Becirovic, di chiudere
in vantaggio alla sirena finale. Sono invece i bianco blu’ ospiti ad alzare le braccia
al cielo sotto il traguardo in virtu’ soprattutto dei primi 30 minuti giocati sempre a
comandare le danze grazie soprattutto
per merito dei due terribili americani
Troy Huff (19 punti per lui e un ottimo
67% dal campo) e un “illegale” Kenny
Hasbrouck (21 punti e miglior marcatore
dell’incontro) coadiuvati sotto canestro
dal centrale Michele Benfatto (13 punti
nonostante un’evidente calo alla distanza
contro Zizic). Piacenza si consola con un’altra grande prova delle guardie Rodolfo Rombaldoni (17 punti) e il lituano Paulius Sorokas (16 punto e un 78% di precisione), che per tutta la partita, lottando
sulle ali, hanno tenuto in galleggiamento
la Bakery fino alla quasi-rimonta finale.
Ai biancorossi è mancato clamorosamente il talento di Sani Becirovic, il campione
sloveno parte dalla panchina ma ogni
qual volta è chiamato in causa da la sensa-
zione di non poter incidere in maniera determinante, il confronto con il dirimpettaio ex-Miami Heat Hasbrouck è in questo
caso sintomatico della differenza di rendimento tra le stelle delle due formazioni;
alla fine il SaniBoy biancorosso chiuderà
con soli 12 punti nel tabellino e misero
17% di realizzazione. Forse e’ tutta qua la
differenza tra le due formazioni: Ferrara
si presentava al Palanguissola forte di 18
punti in classifica e soprattutto 4 sorrisi
nelle ultime 5 uscite; Piacenza invece solitaria ultima con e sconfitte pesanti consecutive; ma è proprio il doppio errore di
Becirovic dai 6 metri nell’ultimo giro di
cronometro a condannare forse ingiustamente la formazione di Coppeta alla quattordicesima sconfitta stagionale. Tutta-
via non tutto è da buttare: la reazione della squadra nella seconda meta’ del match
e’ da lodare, se Zizic continuera’ nel processo di crescita visto nel finale e se Piacenza trovera’una maggior precisione nel
tiro (soprattutto da 3, con un misero 27%,
con la Mobyf che ha chiuso invece con un
44%) condita ad una maggiore lucidita’
nelle scelte delle opzioni in conclusione,
allora la rincorsa alla salvezza (ad oggi
fortemente compromessa) potra’ riprendere. Aspettando pero’ il miglior Becirovic; solo dai suoi canestri nei momenti decisivi potra’ dipendere il destino in Lega
Silver di Piacenza, sulle sue spalle e sul
suo talento da riscoprire grava il futuro
della Bakery nel basket che conta.
Giancarlo Tagliaferri
(g.t.) Gioia Copra, sorriso da Campioni. Piacenza ritrova la
vittoria nella partita decisiva per il passaggio agli ottavi di
Champions battendo dopo oltre due ore di gioco i gia’ qualificati rumeni del Tomis Costanza; lo fa al termine di una partita oltremodo combattuta in cui i biancorossi rischiano addirittura la capitolazione al termine del tie-break dopo aver avuto la palla match al termine della quarta frazione. Come
previsto alla vigilia la formazione di casa vuole terminare in
battuta la fase a gironi e vende cara la pelle, infarcita di ex-italiani ed ex-piacentini (Zhehov e Simeonov che a Piacenza
non hanno lasciato un gran ricordo) desiderosi di rivalsa, porta Piacenza fino al quinto set tentando fino all’ultimo punto
la clamorosa spallata. Radici sceglie di dare fiducia alla formazione che lui ritiene quella di maggiori garanzie in partite
senza appello: Tavares-Poey, Papi-Zlatanov, Alletti-Ostapenko sono le coppie a cui il Copra affida le chiavi della qualificazione. Alla fine sugli scudi ancora Raydel Poey che chiude con 25 punti all’attivo e ben 4 ace, anche Hristo Zlatanov
riscatta l’incubo della fatal Verona con 18 punti e 16 attacchi
vincenti; per i rumeni in ombra Simeonov, gli ultimi ad arrendersi sono le bande Janic e Petkov con 37 punti complessivi.
Piacenza torna dalle rive del mar Nero con un bel sospiro,
scongiurata la pesante eliminazione prematura in un girone
pronosticato alla vigilia facilissimo ma reso complicato da un
girone d’andata con solo una vittoria, ora puo’ concentrarsi a
tentare di riprendere in campionato quel feeling con la vittoria interrotto nel 2014. Anche Radici puntella la sua panchina resa traballante dalla pesante presa di posizione del tifo
organizzato piacentino che ne ha chiesto apertamente lo scalpo; in caso di sconfitta il suo destino sarebbe stato scritto, ora
puo’ continuare a lavorare con serenita’ per lo meno fino all’impegno prossimo con Citta’ di Castello. In Superlega Piacenza deve tornare a correre per evitare di iniziare le vacanze
anticipatamente al termine della regular season ; in attesa di
riprendere con in play-off di Coppa, in cui la musica cambiera’: gli avversari non parleranno piu’ svizzero, fiammingo o
rumeno ma facilmente russo, polacco, turco o italiano. Ma almeno il Copra potra’ tentare di regalare ai propri tifosi un’altra notte da leoni, una notte da Campioni.
Ma in campionato è caduta libera
Intravede il baratro di una clamorosa eliminazione dai
play-off la Copra Piacenza, partita ad inizio stagione con il dichiarato intento di competere con le primissime, oggi tocca
con mano una classifica che piange a dirotto violentata da un
girone di ritorno da film dell’orrore. Quattro sconfitte consecutive senza racimolare punti, due soli set conquistati, una
caduta libera incominciata guarda caso con la partenza ad inizio gennaio del palleggiatore titolare Valerio
Vermiglio e che sembra
non avere limiti con una
squadra che almeno in
campionato non sembra
opporre la benche’minima reazione o resistenza
ad avversari nemmeno
troppo invulnerabili:
Ravenna, Monza e Verona sono formazioni che
in condizioni normali
Piacenza avrebbe addentato e sminuzzato a
piacere, oggi paiono invece squadre fuori portata per i biancorossi. A Verona si e’vista una squadra deficitaria in attacco
in particolare con il trio di schiacciatori arrivati ad un massimo di un 39% di positivita’, peggio ancora ha fatto la difesa
con Massari e Zlatanov addirittura sotto il 20%. Ci ha pensato
Poey ad allungare la partita fino al quarto set con 24 punti all’attivo e soprattutto un ragguardevole 65% in attacco. Con
questi numeri e con questo atteggiamento Piacenza rischia
seriamente il tracollo, Molfetta capace di piegare Trento e’
scappata a +3, lo scomodo nono posto andra’migliorato da qui
alla fine della regular season affrontando un calendario terribile che portera’ i biancorossi ad affrontare in serie Macerata, Modena, Molfetta in trasferta , Perugia e Trento; considerando che Piacenza deve ancora effettuare il turno di riposo e prendendo atto del fatto che contro le prime 5/6 della
classifica e’utopistica fare punti, si puo’intuire come l’accesso alla post-season passi per gli uomini di Radici principalmente dal prossimo impegno interno con Castello (obbligatori i 3 punti) e dallo scontro diretto del 15 marzo in terra pugliese. Ad oggi Piacenza deve guardarsi le spalle per non aggravare ulteriormente la propria povera graduatoria.
30 gennaio 2015
CITTÀ UTILE
SPORT
Corriere Padano
7
Brilla la stella
del Pro Piacenza
Brilla la stella del Pro Piacenza nel “Monday Night” del Garilli.
I rossoneri smontano la targa dell’ultimo posto in classifica e si
lanciano alla caccia della miglior griglia dei play-out. E’ una serata di sofferenza per gli uomini di Franzini chiamati a dare sostanza e continuita’ ai recenti risultati con 14 punti nelle ultime 7 partite con una sola sconfitta. Franzini scegli l’ormai collaudato modulo 4-3-3 con il, nuovo arrivo Sall e Marmiroli in luogo degli assenti Bini e Schiavini. Per 70’ e’ la Pistoiese (reduce da 2 sconfitte
negli ultimi 3 match) a controllare il campo ed ha creare pericoli
alla porta di Alfonso, ma e’proprio nel suo momento peggiore che
il Pro trova a sorpresa e fortunosamente la rete del vantaggio con
un cross di Mattassi doppiamente deviato dalla difesa e dal portiere ospite: materiale per “Mai dire Gol”. Da li in poi assalto all’arma bianca degli uomini di Lucarelli che pero’ non producono
pericoli fino ad essere infilati per il piu’ classico dei contropiedi
da Speziale a tempo scaduto, alla sua prima rete stagionale.
Il Pro Piacenza continua la sua ottima rincorsa, la squadra sembra aver cambiato passo con una difesa ormai sicura e rodata e con
un attacco che trova con piu’ facilita’ la via del gol non solo grazie
a bomber-Alessandro, la squadra ha una media punti nelle ultime
giornate da zona promozione, solo la Reggiana ha fatto meglio in
tutto il campionato, continuando di questo passo i rossoneri potrebbero addirittura tentare una sorprendente aggancio alla zona salvezza-diretta oggi distante solo 8 punti con Savona e Grosseto in caduta verticale con 3 sconfitte consecutive. Se il mercato
fornira’ulteriore linfa all’organico piacentino soprattutto nei rincalzi di centrocampo, allora il Pro Piacenza potra’veramente puntare dritto a quella che sarebbe a tutti gli effetti, considerando gli
8 punti iniziali di penalizzazione, un’autentica impresa sportiva.
Giancarlo Tagliaferri
Farmacie, turni settimanali
FARMACIE DI SERVIZIO A PIACENZA
DAL 30.1.2015 AL 6.2.2015
TURNO DIURNO: dalle 8,30 alle 22
DR. RAIMONDI – Via E. Pavese, 86
DR. ANTONIO CORVI – Via XX Settembre, 65
TURNO NOTTURNO: dalle 22 alle 8,30
30.01 CAMILLO CORVI – Via XX Settembre, 106
31.01 DANTE – Via Nasolini, 56
1°.02 DR. BERTUZZI – Via Roma, 141
02.02 DR. DALLAVALLE – Rotonda Viale Dante, 34
03.02 COMUNALE EUROPA – Via Calciati, 25
04.02 DR. AMBROGI – Stradone Farnese, 48
05.02 DR. BONORA – Via Genova, 20
06.02 DR. GIANNI CORVI – C.so V. Emanuele, 121
E’ possibile accedere alle farmacie, in servizio di
turno, ricomprese nella ZTL, comunicando al
farmacista il numero di targa del proprio mezzo.
Nordmeccanica
tra le big d’Europa
IL NUMERO 0523/330033 DA' INDICAZIONE DELLE
FARMACIE DI TURNO A PIACENZA E PROVINCIA
(g.t.) La Nordmeccanica Rebecchi passeggia sulla Croisette. In
una partita utile solo a riempire i taccuini dei giornalisti e le statistiche della CEV, Piacenza accede ai play-off a 12 di Champions
League regolando Cannes con un nettissimo 3-0; entrambe le
squadre scendono in campo gia’ certe della qualificazione: le
francesi ancor prima di intraprendere il viaggio dalla Costa Azzurra, le piacentine grazie ai risultati pomeridiani che condannano in anticipo Rabita e Omsk all’eliminazione. La Rebecchi
conduce ampiamente per tutte e tre le frazioni in quello che sembra piu’un allenamento di lusso che una partita ufficiale, le biancoblu’ sono comunque piu’ motivate ed alla ricerca di un riscatto
dopo la scoppola con Modena in campionato, lo stesso Chiappini
si sente in discussione dopo le parole della dirigenza minacciose
di cambiamenti in caso di fallimento in uno dei prossimi impegni
decisivi. Cosi Piacenza sceglie la formazione tipo con
Diricx-Van Hecke, Sorokaite-DiIulio, Leggeri-Vargas, sugli scudi in particolare l’italo-lituana Sorokaite
autrice di 15 punti e 3 muri
e la belga Van Hecke con 12
marcature complessive,
per Cannes invece nessuna
protagonista in grado di
raggiungere la doppia cifra.
Piacenza dunque riesce a
compiere l’impresa di portare entrambe le sue squadre alla seconda fase di
Coppa, solo Kazan in Europa riesce a fare altrettanto ma considerando la differenza di bacino di utenza e investimenti tra la piccola citta’ italiana e la metropoli tartara si puo’ percepire come nonostante un’estate tribolata e una stagione in Italia sottotono, essere per le due societa’ ancora in lizza per la massima competizione continentale, sia
comunque un’ eccellente risultato.
Ora pero’ la musica cambia, dopo un round robin morbido (nel
sorteggio) per i maschi della Copra, e piu’impegnativo nel livello
degli avversari (ma facilitato dalla formula che premiava anche
le terze) per la Rebecchi, il coefficiente di difficolta’ aumenta a
dismisura con il concreto rischio di scontrarsi con autentiche corazzate internazionali come Istanbul, Kazan, Ankara, Resovia,Belchatow e Belgorod. Il gioco si fa duro.
Lunedì: Bettola, Borgonovo Val Tidone, Caorso, San Nicolò,
Castell’Arquato, Castelvetro
Martedì: Ferriere, Nibbiano, Piacenza Farnesiana, Pontedellolio,
Pontenure, Travo, Vernasca
Mercoledì: Carpaneto, Marsaglia, Piacenza, Pianello, Vigolzone
Giovedì: Agazzano, Castelsangiovanni, Fiorenzuola, Gossolengo,
Gropparello, Perino, Piacenza Farnesiana, Podenzano, Villanova
Venerdì: Cortemaggiore, Lugagnano, Monticelli, San Giorgio,
Rivergaro, Roveleto
Sabato: Bobbio, Fiorenzuola, Piacenza, PC Besurica
Domenica: Agazzano, Alseno, Borgonovo, Caminata, Carpaneto,
Castelsangiovanni, Cortemaggiore, Gragnano, Gropparello,
Monticelli, Morfasso, Nibbiano, Pianello, Pontedellolio
Mercati settimanali
Avis, i prelievi
Sabato 31 gennaio: Alseno, Podenzano;
Domenica 1° febbraio: Bettola, Bobbio, Carpaneto
(Comune di Piacenza - Direzione Operativa Servizi alla Persona e al Cittadino)
Nuovo Isee
Dal 1° gennaio è entrato in vigore il nuovo Isee, lo strumento che consente l'accesso alle
prestazioni sociali e socio-sanitarie agevolate. “La modifica – dichiara l’assessore al
Nuovo Welfare Stefano Cugini - mira a favorire un welfare
più equo, introducendo nuovi
criteri di valutazione del reddito e del patrimonio e prevedendo controlli più attenti. Da
ciò deriva quindi che le attestazioni prodotte nel 2014,
benché in corso di validità,
non possono più essere presentate. Qui nasce però il problema: il Comune di Piacenza
è ben conscio delle grandi difficoltà che stanno incontrando i cittadini in merito alle istanze di nuovo Isee 2015, legate principalmente al ritardo
della convenzione tra Inps e
Caf e al conseguente venir meno della possibilità di presentare nuove richieste di servizi
o di chiedere il rinnovo di
quelle di cui si è già beneficiari”. Aggiunge l’assessore:
“Non si tratta di una decisione
locale ma di linee imposte per
legge. Sebbene privi di responsabilità, siamo consapevoli delle limitazioni che questa situazione genera e già da
tempo segnaliamo i disagi alla
Regione e agli Enti competenti. Nel prendere atto con rammarico della circostanza e in
attesa del regolare funzionamento dei Caf, garantiamo il
massimo impegno per creare
meno inconvenienti possibili
ai piacentini, anche prevedendo parziali deroghe e modalità alternative di presentazione”. Conclude Stefano Cugini: “Occorre però chiarire
che una tale responsabilità si
può assumere solo dove ci è lasciata una pur minima facoltà
decisionale. Nei casi in cui, invece, il Comune è solo il soggetto deputato a raccogliere
domande regolate da Ministeri o Enti nazionali (vedi bonus
gas e luce), i limiti di azione sono nulli e a oggi non ci è consentito accogliere documentazione priva di Isee 2015”.
Gli sportelli dell'InformaSociale in via Taverna 39 (tel.
0523-492731) e in via XXIV
Maggio
26/28
(tel.
0523-459090) restano in ogni
caso a disposizione per fornire
aggiornamenti e indirizzare
verso gli uffici competenti (email [email protected]).
Sportello sociale:
le novità
Il 2015 è iniziato con un’importante novità sul fronte della informazione ai cittadini.
Orami da 10 anni, a Piacenza
è attivo lo Sportello Sociale
del Comune di Piacenza, che si
pone come il primo riferimento per il cittadino che vuole entrare in contatto con i Servizi
Sociali comunali.
Lo Sportello accoglie tutti coloro, singoli o famiglie, che necessitino di essere accompagnati nella rete dei servizi sociali e che abbiano bisogno di
trovare informazioni e orientamento.
Lo Sportello sociale a Piacenza ha due sedi: una in Via Taverna 39, presso il palazzo che
ospita i Servizi Sociali del Comune, e una in Via XXIV Maggio 28, presso il palazzo Acer,
dove c’è la sede delle Assistenti Sociali per gli Anziani.
Ed è proprio lo Sportello di
Via XXIV Maggio 28 che si è
arricchito, da alcuni giorni, di
alcune importanti funzioni.
Chiunque abbia bisogno di
notizie, assistenza e consulenza per problemi legati ad una
disabilità o un’invalidità ora
può rivolgersi all’InformaSociale di Via XXIV Maggio 28
per avere un’informazione
completa sull’assistenza, le agevolazioni fiscali, i trasporti,
gli ausili che spettano a chiunque abbia un handicap, più o
meno grave.
Il cittadino ora, all’InformaSociale di Via XXIV Maggio,
trova quindi in un unico sportello informazioni e consulenza sui servizi sociali della città,
con particolare attenzione a
quelli destinati ai cittadini
con disabilità.
Informasociale via Taverna,
39 29121 Piacenza
Tel e Fax: 0523 492731
E-Mail: [email protected]it
Orario: lunedì e giovedì 9.00 12.30 e 15.30 17.30; martedì,
mercoledì, venerdì e sabato
9.00 - 12.30
Informasociale Polo Disabilità – CAAD via XXIV Maggio,
26/28 - 29121 Piacenza
Tel: 0523 459090 - Fax: 0523
459059
E-Mail:
[email protected]
Orario: lunedì e giovedì 8.45 13 e 15.30 17.30;
martedì chiuso;
mercoledì e venerdì 8.45 13.
Corriere Padano
30 gennaio 2015
8
CHI CERCA TROVA
I TUOI ANNUNCI
COLLEZIONISMO
Tel. 331.9234660
Vnedo libri 16 volumi enciclopedia Einaudi, rara pubblicazione. Zona Vernasca. Tel. 331.923660
R4i nuovo per NDS LITE,DSI, XL, 3DS
piu' adattatore micro SD con scheda da
4Giga e software funzionanti, vendo a
euro 35. In regalo 50 giochi. Telefonare
al numero 3389031516. e-mail [email protected] Vendo anche solo
R4i, senza giochi , e senza software
Cerco antichità – cornici, quadri, lampadari, mobili, oggetti, biancheria,
cartoline, radio, dischi, statue, giocattoli, lampade, ecc. Pagamento in contanti. Tel. 340.8646660
Acquisto vecchi giocattoli tipo: trenini
elettrici , macchinine,soldatini, robot
ecc…. Tel. 339-7179395
Collezionista acquista con massima discrezione monete e cartamoneta italiana oltre a cartoline d’epoca.
Tel.339-7179395
Acquisto oggettistica militare tipo:
medaglie,divise,elmetti documenti
ecc… Tel. 339-7179395
Acquisto fumetti di ogni genere e album di figurine anche incompleti.
Tel.339-7179395
Acquisto dischi33-45-78 giri e cd anche
in grosse quantità. Tel.339-7179395
ARREDAMENTO E COMPLEMENTI
Vendesi tappeti persiani nuovi, passatoia 380x75 nain misto seta 155x120
kirman laver 3x2 mt. Prezzi Interessanti. Tel. 338.6840422
Vendo bellissima OLYMPUS FE-2307.1 MP usata pochissimo e pari al nuovo
a soli 49 euro. Cell. 3389031516
Cavetto usb per Samsung tab nuovo,
vendo a soli 5 euro. 338 9031516
Cover Galaxy s3 i 9300 trasparente supersottile nuova, vendo a 5 euro. Tel.
338.9031516
ABBIGLIAMENTO E ACCESSORI
Orologiodonna in scatola, nuovo, confezione con 2 cinturini ricambio di colori diversi, foto anche via mail, euro
10, tel. 339 4714039
Spille vintage varie, tel. 339 4714039
Vendo gonneinvernali Marina Rinaldi,
Persona, Elena Mirò misure grandi. A
euro 20 l'una.Tel. 0523.490795 ore serali
VARIE
Vendo
freezer
congelatore
600x600x1500 mm, 2 scomparti e 5 cassetti, euro 250. Tel. 331.923660
Smarrita chiave auto con portachiavi
Trussardi: si offre mancia a chi la riconsegna. Tel. 3408707686
Vendo coppia lampade alogene nuove, effetto xenon luce bianca a euro 10,
cellulare 338903151
Vendo tornio funzionante con attrezzatura lunghezza totale mt 1.50 perio-
Banco bar da 6000 euro usati e nuovi
mai usati varie metrature, vendo causa
utilizzo fiera campionaria con possibilità di modifiche su richiesta 11500euro
cell.3387590448
Vendesi libreria a 4 piani (H 185 x L 57 x
P 26). Prodotto italiano 100%. Robusta
e compatta color noce. Massima serietà. Prezzi modici (solo 90 euro tratt.).
Tel. 320-0535067
ELETTRONICA ED INFORMATICA
Vendo videofonino Lg u990 della 3 già
sbloccato che si usa con tutte le schede
in ottimo stato completo della sua scatola, manuale istruzioni e caricabatteria. Vera occasione, prezzo euro 50
trattabili. Tel. 340.9327134 ore pasti
Cerco binocolo, telescope, spotter scope (terre trial), Zeiss, Swarowski, Leica.
do anni 50 visibile a Fiorenzuola (PC)
500 euro tratt. Tel. 331.4851948
Sigaretta elettronica kit nuovo sigillato: composto da 1 pacchetto caricabatterie - 5 filtri con atomizzatore integrato - 2 batterie - 1 cavo alimentazione usb - 1 caricabatterie a muro nuovo, ancora sigillato foto disp. via mail , euro
75, tel. 339 4714039
AMICIZIA E INCONTRI
45enne fisico sportivo desidera conoscere donna scopo amicizia ed eventuale
relazione
seria.
Tel.
340.9365638
AFFITTO E VENDITA
Vendo casa bifamilare con grande veranda, box e orto a Gropparello paese.
Tel. 338.6823379
Affitto o vendo box in via Spinazzi (PC).
Tel. 338.6823379
Pontenure centro vendo in palazzina
libera su quattro lati appartamento al
1° e ultimo piano mq. 100 + mansarda
stessa metratura, garage, cantina.
Prezzo affare. cell.338-2247506
Ufficio bellissimo presso Piazza Cavalli,
piano terra, doppio ingresso, ristrutturatissimo, affittasi. Tel. 333.3825089 /
333.2605899
Box doppio, mq 35, finestrato, zona
Barriera Torino, affittasi. Tel.
333.3825089 / 333.2605899
LAVORO
Badante per anziani anche 24 ore offresi, tel. 345.8150678
Signora piacentina cerca lavoro come
baby sitter, badante, colf, a Pc e dintorni. Referenziata, max serietà, prezzi
modici. Tel. 340.8359877
Signora italiana pratica offresi per pulizia scale, uffici, appartamenti, stiro, o
come operaia. Tel. 338.5434515
Cerco lavoro come preparatore e verniciatore per carrozzeria automobili e
Industriale. Tel. 340.9327134 ore pasti
Cerco lavoro come magazziniere prima esperienza. Tel. 340.9327134 ore
pasti
TESI - CURRICULUM VITAE: Professionista docente abilitata, offresi come
tutor per consulenza, assistenza e stesura TESI e/o RELAZIONI-RICERCHE BIBLIOGRAFICHE - INDICI- CURRICULUM
VITAE. Massima serietà e rapidità nelle
consegne.
Prezzi
modici.
Tel.
320-0535067
MATEMATICA (Medie & Superiori) - ECONOMIA AZIENDALE - INFORMATICA(Word- Excel- Power Point- Internet
- Posta Elettronica) Professionista docente abilitata, con pluriennale esperienza, offresi come tutor per aiuto studio/compiti o RECUPERO DEBITI in
gruppo (max. 3 persone) o individuale.
Massima serietà. Prezzi modici. Tel.
320-0535067
Lezioni private per studenti univ. Superiori Scienze costruzioni, statica,
Chimica Matematica, topografia e di-
segno stradale , disegno tecnico. Tel.
329.1623033
AUTO E MOTO
Vendo 4 gomme da neve seminuove
155/70 R13 con cerchi originali per Nissan Micra + 1 ruota di scorta nuova. Tel.
347.2922415
Privato acquista da privato autoa benzina piccola cilindrata anno 2000/2004
tagliandata, pagamento contanti, tel.
333.8507843
Vendo Smart Fortwo 1000 Coupe’ Passion 52kw grigia 08/2007 . Gomme
nuove e bollo settembre, 4800 euro.
Tel. 339.2225659
Libretto uso e manutenzione, nuovo,VW , per tutti i modelli golf, anno
1987 compreso GTI, euro 15, tel. 339
4714039
Libretti manuali officina Volvo,Mazda,Citroen,Fiat,
vendo,
tel.
339-4714039
Ricambi e accessori vari auto d’epoca e
vintage, vendo, tel. 339-4714039
Sabbiatrice per candele, d’epoca,
“Magnetimarelli”, mai usata, adatta
sia a candele normali che dimensioni
più grosse, condizioni buonissime,istruzioni scritte sulle tabelle laterali;
vendo euro 150- tel. 339-4714039 (foto
disp. anche via mail)
Suzuki Jimny 1300 metano anno 2003
ottime condizioni gomme nuove appena tagliandato e revisionato vendo.
Tel. 338.4747646
Avviso ai lettori
Ricordiamo che per il servizio di pubblicazione degli
annunci la redazione non riceve alcun compenso
sulle transazioni commerciali, non effettua vendite
dirette, non è responsabile per la qualità, la
provenienza o la veridicità delle inserzioni né
dell'esito della transazione oggetto dell'inserzione
stessa. Le richieste di inserzioni sono espressamente
subordinate al consenso dell'Editore alla
pubblicazione ed alla disponibilità di spazi La
Direzione pertanto si riserva il diritto di modificare
rispettando il messaggio, rifiutare o sospendere una
inserzione a proprio insindacabile giudizio, nonché
di effettuare dei controlli sull'inserzionista. L'editore
non risponde per eventuali ritardi rispetto alla data
indicata dall'inserzionista, o perdite causate dalla
non pubblicazione dell'inserzione per qualunque
motivo e non è responsabile per eventuali errori di
stampa. Gli inserzionisti sono responsabili di quanto
indicato nella richiesta di inserzione e sono obbligati
a risarcire all'editore ogni pregiudizio, di qualsiasi
tipo, eventualmente da esso sopportata in relazione
all’inserzione commissionata ed al suo contenuto.
COME TRASMETTERE
L’ANNUNCIO
GRATUITO
Compila in
stampatello la cedola
pubblicata a fianco
e spediscila a:
CORRIERE PADANO
VIA TRIESTE, 39
29122 PIACENZA
Oppure trasmettila
via fax al numero:
0523 754369
Inoltre è possibile
inviare una e-mail
all’indirizzo:
[email protected]
CENTRO PER L’IMPIEGO - OFFERTE DI LAVORO
Richieste di personale pervenute ai Centri per l’Impiego della Provincia.
Gli interessati possono inviare curriculum vitae via mail o via fax previo controllo
di eventuale aggiornamento sul sito della Provincia, citando il numero di riferimento
Provincia di Piacenza (settore welfare, lavoro e formazione professionale)
Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e i pomeriggi di martedì e giovedì dalle 14.30 alle 16.30.
In caso di forte afflusso di utenza la distribzione dei numeri di ingresso terminerà 30 minuti prima della chiusura
Provincia di Piacenza - Centro per l'impiego - Borgo Faxhall P.le Marconi - tel. 0523-795716 fax: 0523-795738 - e-mail: [email protected]
Cod. 562/2014 valida fino al 31/01/2015
Azienda richiedente: Alleanza Assicurazioni
S.P.A.
Mansione: consulente assicurativo
Qualifica ISTAT: 3323001 agente di assicurazione
Contenuti e contesto del lavoro: gestione e sviluppo clienti, creazione e fidelizzazione di un
portafoglio clienti attraverso l'individuazione
dei prodotti assicurativi più adatti ad ogni esigenza
Luogo di lavoro: Monticelli d'Ongina (PC)
Formazione: diploma di scuola superiore o lau-
rea, prevista iniziale formazione in aula e sul
campo, successivo inserimento in team già operativo e affiancamento continuo in tutte le
fasi della consulenza al cliente
Caratteristiche candidati: automunito/a
Contratto: incarico di produzione libera
Conoscenze: ottima conoscenza della lingua italiana, pacchetto Office, posta elettronica, internet
Orario: tempo pieno
Per candidarsi: inviare CV con rif. n°562/14 via
mail: [email protected] o fax:
02/62367069
Cod. 12/2015 valida fino al 13/02/2015
Azienda richiedente: Abenergie spa - sede di
Lodi
Servizi di fornitura energia elettrica e gas naturale
Mansione: commerciale dipendente no partita iva
Qualifica ISTAT: 3346002 rappresentante di
commercio
Contenuti e contesto del lavoro: sviluppo dell'attività commerciale di vendita dei servizi della società
Luogo di lavoro: Piacenza e provincia
Formazione: diploma di maturità
Caratteristiche candidati: automunito/a, esperienza in attività di vendita e/o a diretto contatto con il pubblico
Contratto: tempo determinato di 6 mesi con
possibilità di trasformazione a tempo indeterminato
Conoscenze: buona conoscenza pacchetto Office
Orario: tempo pieno
Per candidarsi: inviare CV con rif. n°12/15 via
[email protected]
30 gennaio 2015
Corriere Padano
TEATRO
“Un proiettore per Piacenza”, continua la raccolta fondi: spettacolo teatrale e cine-cena 9
MUSICA
Finesettimana infuocato al Sound Bonico: venerdì dedicato al rock e sabato declinato in rosa
Al Politeama
con lo
spettacolo
“Casta Away”
Teatro km 0 e clownerie
al Trieste 34
Doppio appuntamento nel weekend al Teatro Trieste 34 dove venerdì 30 alle 21 ritorna la rassegna "Teatro KM zero" e
sabato 31 sempre alle 21 parte il nuovo festival di clownerie
contemporanea e visual comedy "Dietro il naso rosso". Venerdì ecco dunque la compagnia piacentina Factory Musicals
di Elisa Tibussi e Chiara Borghininello spettacolo "Non solo
musical", con un programma vario e variopinto tra diversi stili di danza, canto e recitazionee ben quindici performer in scena. Sabato, invece, la divertente rassegna ideata e diretta dall'attore comico e clown piacentino Valentino Rossi partirà
con lo spassoso spettacolo a dominante musicale "Rockers - Eterne risate" del gruppo bergamasco Ambaradan e andrà avanti fino a metà maggio con un appuntamento al mese. Cinque serate di spettacolo in tutto e un workshop all'insegna
della "visual comedy" tenuto dallo stesso Rossi. Informazioni
e prenotazioni alla mail [email protected], al numero
349.2721308 e sulla pagina facebook "Dietro il naso rosso".
Bertolino: L’Italia alla deriva
PIETRO CORVI
Amato comico,conduttore televisivoecabarettistaitaliano,
Enrico Bertolino torna in scena a Piacenza giovedì 5 febbraio alle 21 al Politeama con il
nuovo spettacolo “Casta Away
- La tempesta #cambiaverso”
che fa satira su un'Italia co-
stantemente in bilico tra la salvezza e il baratro e dove le caste sono sempre più distaccate
dalla gente. Un Paese naufrago e alla deriva, che Bertolino
utilizza per portare in scena
due entertainer da nave da
crociera che trovano scampo
su un’isola dopo l’affondamento delle rispettive navi.
Bertolino, che ha scritto lo
spettacolo insieme a Luca Bottura, Ugo Ripamonti e Curzio
Maltese, per la regia di Massimo Navone, sarà accompagnato sul palco da Teo Ciavarella.
Il protagonista è un comico attempato ma ancora piacente.
S’imbarca in una crociera che
festeggia il nuovo miracolo italiano ma la nave, forse guidata
da un cugino di Landini, lea-
der Fiom, perde la rotta. L’unico contatto con il mondo, un tablet che si sta scaricando. Dalle palme spunta un vecchio
compagno di avventure, un
pianista sul Mediterraneo
scomparso anni prima proprio
durante una crociera. A lui il
comico dovrà dimostrare che
con Renzi l’Italia è un’altra cosa. Con o senza hashtag.
AperiArte alla Ricci Oddi:
appuntamento a febbraio
Sabato scorso la Galleria d'Arte Moderna Ricci Oddi ha ospitato il terzo e penultimo appuntamento degli AperiArte gli aperitivi su temi letterari – artistici giunti alla seconda edizione.
L'iniziativa ha registrato grande
partecipazione da parte dei giovani della fascia d'età dai 18 ai 25
anni: tra gli ingredienti principali di AperiArte vi sono la possibilità di visitare la splendida collezione di opere d'arte del Museo in un orario speciale durante
il fine settimana e nel contempo
di ascoltare quattro interessanti
letture sull'arte del Novecento,
con l'esclusività di gustare un aperitivo in uno scenario d'eccezione. Arrivederci al 28 febbraio
prossimo, sempre alle ore 18,00 per l'ultimo Aperiarte alla Ricci Oddi, che avrà come titolo De mystico amore.
Corriere Padano
10
30 gennaio 2015
VIVIPIACENZA
Tatoo, al Vik la mostra
di Ylenia Curotti
"Notes de voyage",
film e libro
Chiude domenica 1° febbraio la bella
mostra di disegni di Berlikete al Circolo Arci
Vik di via Campagna. Un'esposizione che
sta avendo successo e cederà il testimone a
quella della piacentina Ylenia Curotti, tra le
tatuatrici più richieste e rinomate anche
fuori dai confini provinciali. Inaugurazione
giovedì 5 dalle 18 con aperitivo e dj-set
rock'n'roll a cura di Miccetta.
Giunge a compimento il ricco programma
di musica, proiezioni, letteratura e arte
proposto nella seconda edizione di
"Notes de voyage", il festival dedicato
alla Giornata della Memoria, al ricordo e
alla conoscenza della cultura ebraica,
ideato e organizzato d a Associazione
BandaLarga. In questo finesettimana
conclusivo torna protagonista all'attualità
con la proiezione del docufilm “Arna’s
children”, sabato 31 gennaio alle ore 18
nella serra del bellissimo Palazzo Ghizzoni
Nasalli di via Gregorio X, e con la
presentazione del libro “Buongiorno
Palestina” di Fiamma Arditi, domenica 1°
febbraio, stesso posto, stessa ora,
entrambi alla presenza di un ospite
davvero importante, Luisa Morgantini,
già vicepresidente del Parlamento
Europeo.
ANTEPRIMA
Sound Bonico rock e rosa,
fine settimana infuocato
MUSICA
PIETRO CORVI
Finesettimana infuocato al Sound Bonico, con
un venerdì dedicato al rock (e dintorni) più genialmente squinternato delle nostre terre e un sabato interamente declinato al femminile.
L'Arci live club di San Bonico ospita infatti venerdì 30 la prima data del nuovo tour nazionale
degli X-Mary che presenteranno per la prima volta dal vivo il loro ottavo, piccolo capolavoro discografico fresco di stampa: "Crudité". Da Lodi, follia e sudore, rock'n'roll allo stato puro, testi intelligenti e sottilmente demenziali e melodie che si
piantano in testa a tutti i costi. In apertura, I Due
Bugiardi con il loro nuovo EP, l'unica band piacentina capace di tenergli testa, e alle 22 le incredibili canzoni del sorprendente one-man-band torinese Brace. Deejaying by Sound Bonico Crew.
Sabato, se non c'è rosa senza spine, la saga in rosa
"Ladies sing it better" mostra gli artigli e diventa
"Ladies beat it harder". Da Rimini, ecco le Testharde, rock coriaceo in italiano di ispirazione
"settantiana". Da Lodi, le Slut Machine tornano
col nuovo album "Splatter Island" tra metal, heavy-rock e punk-hardcore. Alle 22 aprono le nostrane Dendrophilia, un mix di alt-rock, stoner e
garage altamente rumoroso. Deejayette: Mary
Perotti.
Il clarinettista Mariottini
sbarca al Milestone
Citato dal flautista americano James Newton
come uno degli eredi di Eric Dolphy, il clarinettista toscano Mirco Mariottini sbarca sabato 31
gennaio alle 21.15 sul palco del Milestone, sede
del Piacenza Jazz Club in via Emilia Parmense,
per proporre composizioni personali col suo
nuovo quartetto composto dai migliori giovani
musicisti sulla scena nazionale ed europea: Alessandro Lanzoni al piano, Gabriele Evangelista al contrabbasso ed Alessandro Paternesi alla batteria. Ingresso gratuito con tessera PC
Jazz Club o Anspi per un concerto da non perdere, visto il curriculum di Mariottini, tra critiche
davvero lusinghiere, partecipazioni ai principali festival italiani e mondiali e collaborazioni
con "big" del calibro di John Taylor, Tony Scott,
William Parker, Antonello Salis e molti altri.
Jamy Caruso,
tra il funk e la techno
Terence Hill a Scrub e The Mask - cover
parodistiche e animazioni e sketch divertenti in scia ai maestri del genere, Checco
Zalone ed Elio in primis.
VENERDI 30 GENNAIO - IRISH - Al pub
di via San Siro non si arresta l'ondata di
musica live. Stavolta, con inizio del concerto
alle 21, tocca a Jamy Caruso. Nato a Catania,
si avvicina all' elettronica per rompere un
confine. Il suo sound è un ibrido tra il funk e
Electric Swan,
rock psichedelico
Brighton. Sono nati come trio composto dai
fratelli inglesi Frederick Paysden e David
Paysden e da Serena Oldrati. In seguito, si è
aggiunto anche un batterista per le esibizioni dal vivo. Il gruppo ha appena
ni italiani in versione acustica, con chitarre,
banjo, mandolino e armoniche.
Acoustic Q.G.,
classici e colonne sonore
la techno: utilizza consolle, chitarra, basso,
effettistiche, loop station, drum machine e
percussioni fatte in casa. Il legno, il metallo
e un po' tutto quello che gli passa per la
testa. La sua musica è uno scambio, e Jamy
ne è totalmente dipendente.
VENERDI 30 GENNAIO - BAR SHAKER
- Al ritrovo di via Beati, con appuntamento
alle 21.30, arrivano i piacentini Acoustic
Q.G., Marco Vincini e Martino Provini con
chitarre, tastiera e voce e il loro spettacolino
Giuseppe Libè,
duo in acustica
VENERDI 30 GENNAIO - PONTE DELL'OLIO - Appuntamento musicale alle ore
21.30 al Bar della Stazione di via Roma con il
giovane cantautore piacentino Giuseppe
Libè che, per l'occasione, in duo conMatteo
Calzaproporrà una attenta selezione di bra-
SABATO 31 GENNAIO - BIKERS - Al
circolo live di Cadeo, nuova serata targata
Desert Fox Records all'insegna del rock potente e di qualità. Dalle ore 22, largo ai riff
portentosi dei varesini Soul Racers, che presenteranno il nuovo disco "Kill all hipsters",
e al rock psichedelico di ispirazione settantiana dei nostrani Electric Swan capitanati dalla chitarra di Lucio Calegari e con
la voce di Monica Sardella.
Sonars, da Brighton
astral-pop e psichedelia
di rock acustico tra grandi classici - Queen,
Beatles, Simon & Garfunkel, Cat Stevens.. colonne sonore - dai brani che accompagnavano le scorribande di Bud Spencer e
SABATO 31 GENNAIO - PAROLE DI
BIRRA - Alla Luppoleria di via Alberoni alle
22 evento musicale con gli italo-inglesi Sonars, astral-pop e psichedelia con base a
auto-prodotto il primo lavoro “Jack Rust
and The Dragonfly IV”, un concept EP di
quattro brani che racconta il viaggio interstellare dell'astronauta Jack Rust, disperso nello spazio a bordo della navicella Dragonfly IV.
"Ricorrenze in musica"
con i finalisti del Labò
DOMENICA 1° FEBBRAIO - TEATINI All'auditorium di via Scalabrini alle ore 17
riparte la rassegna "Ricorrenze in musica".
L'appuntamento, realizzato in collaborazione con l'Associazione Amici della Lirica di
Piacenza, vedrà in palcoscenico il concerto
dei finalisti del XIII concorso internazionale
di canto Flaviano Labò, che ricorre nell'anniversario della nascita del grande tenore italiano nativo di Borgonovo. Ad accompagnare i nuovi talenti del canto lirico,
l'Orchestra Filarmonica Italiana diretta da
Fabrizio Cassi.
30 gennaio 2015
Corriere Padano
11
VIVIPIACENZA
Il ricordo che salva,
letture alla Passerini
Stabat Mater di Rossini
al Verdi di Fiorenzuola
"I tre porcellini",
teatro per i più piccoli
Discorso a più voci intorno al Diario
1941-43 di Etty Hillesum, con letture a
voce alta del testo: appuntamento
martedì 3 febbraio alle ore 16.00 presso la
Sala Augusto Balsamo della Biblioteca
Passerini Landi, con: Giuseppina Càfari
Panico, lettrice Silvia Dallavalle e Maria
Elena Roffi, Carla Antonini, Vanna
Schioppi.
Al Teatro "Verdi" di Fiorenzuola la
stagione di prosa e musicale fiorenzuolana
continua con lo "Stabat Mater" di
Gioacchino Rossini, una serata di grande
musica classica con l’orchestra sinfonica
Giuseppe Verdi di Parma e il Coro Città di
Parma diretti da Paolo Barbacini Manfredi.
Appuntamento sabato 31 gennaio alle ore
21.
Domenica 1° febbraio al Teatro dei
Filodrammatici, alle 16.30, riecco la
rassegna per bambini e famiglie "A teatro
con mamma e papà" di Teatro Gioco Vita.
E' in programma lo spettacolo "I tre
porcellini" della compagnia La Piccionaia,
teatro d’attore per bambini a partire dai 3
anni di età, con Aurora Candelli, Elia
Zanella, Francesca Marchiani.
ANTEPRIMA
TEATRO
Giuseppe Battiston,
delicato ritratto di famiglia
MERCOLEDI 4 FEBBRAIO - TEATRO
MUNICIPALE - Con "L'invenzione della
solitudine" di Paul Aster, produzione del
Teatro dell'Archivolto con Giuseppe Battiston per la regia di Giorgio Gallone e con le
musiche di Stefano Bollani, continua alle 21
la rassegna Altri Percorsi del cartellone di
prosa Tre per Te di Teatro Gioco Vita. Un
romanzo di successo di uno scrittore di
successo. Un bravo attore che ha riscosso e
riscuote consensi in teatro e al cinema
(vincitore di due Premi Ubu, tre David di
Donatello e un Nastro d’Argento).Un de-
Un proiettore per Piacenza,
un aiuto con "Teatrando"
SABATO 31 GENNAIO - SAN MATTEO
- Appuntamento teatrale per la raccolta
fondi "Un proiettore per Piacenza" portata
avanti dalla associazione Cinemaniaci per
salvare il cinema all'aperto estivo all'Arena
Daturi. Alle ore 21 va in scena lo spettacolo
"Teatrando" della compagnia di Fombio-Lodi "L'Agorà". Sei brevi atti unici tratti
dal repertorio di Achille Campanile e altri
autori umoristici con dialoghi surreali e
molta sana ironia sulle debolezze umane e i
conflitti nelle coppie. Per fare un parallelo
cinematografico, si potrebbe accennare a
Lubitsch e più in generale alla screwball
comedy. Gli incassi (8 euro l'ingresso) saranno devoluti alla raccolta fondi che continuerà anche con la ricca cena - rigorosamente a tema cinematografico - in
programma lunedì 2 febbraio alla Muntà
con menù fisso a 25 euro. Prenotazioni alla
Muntà allo 0523498929 entro sabato 31
gennaio e info sulla campagna su www.cinemaniaci.org.
Famiglia Piasinteina,
teatro dialettale
DOMENICA 1° FEBBRAIO - VIA SCALABRINI 19 - Sull'onda lunga della Giornata della Memoria il festival teatrale
"Freakandò" organizzato e promosso dai
Manicomics continua alle ore 21 con lo
spettacolo "Farfalle" di e con Andrea Robbiano. "Farfalle" racconta di un circo dagli
animali strani, di un uomo che russa male, di
numeri sulla pelle, di una lettera mai arrivata, di un bacio alla stazione e di come le
farfalle, appunto, sono scomparse. Una lavagna su cui scrivere il nome dei buoni e
quello dei cattivi. Racconta di un lager e
della memoria ad esso legata, la storia di un
uomo chiuso dentro la sua memoria, che
intreccia, sbanda e confonde gli eventi storici e la loro collocazione nello spazio e nel
tempo. Il racconto di un uomo a un altro
uomo, nella speranza che la memoria non
sia solo quella storica di cifre, date ed
eventi, ma quella profonda dell'esperienza
fisica ed emotiva.
Cinema Argento:
"12 anni schiavo"
MERCOLEDI 4 FEBBRAIO - POLITEAMA Alle ore 15, proiezione del film "12 anni
schiavo" di Steve Mc-Queen, con ingresso
gratuito, per la rassegna "Cinema
Argento" dedicata al pubblico di anziani e
pensionati. Tratto dall'omonima
autobiografiadiSolomon Northup, famoso
schiavo americano mulatto con antenati
africani e opera del1853, ha vinto ilPremio
Oscarcome miglior film nel 2014.
licato ritratto di famiglia, la sensazione che
dietro ad ogni rapporto vi sia qualcosa di
sconosciuto e insondabile. Qualche settimana dopo l’inattesa morte del padre, Auster si ritrova nella grande casa di un genitore quasi estraneo, riscoprendolo attraverso oggetti e carte. In un mosaico di
immagini, riflessioni, coincidenze e associazioni, il destino lo costringe a riflettere
sulla difficoltà di essere insieme padre e
figlio e su come il caso governi le nostre
vite.
CINEMA
AGENDA
PANTHEON A PIACENZA EXPO: FILATELIA
E NUMISMATICA PROTAGONISTE
Torna al polo fieristico piacentino lo storico appuntamento dedicato a numismatica, filatelia,
cartolinafilia, telecarte, Kinder, materiali ed
articoli vari da collezionismo. Pantheon è un
appuntamento di successo dove ad ogni edizione pubblico ed espositori qualificati rinnovano
la propria partecipazione. La manifestazione
occuperà il Padiglione 2 di Piacenza Expo venerdì 30 e sabato 31 gennaio (dalle 11 alle 18 il
venerdì e dalle 9 alle 17 il sabato). L’ingresso è
gratuito. Per info è possibile consultare il sito
www.pantheon.piacenzaexpo.it
CASTEL SAN GIOVANNI - A TEATRO
SENZA MAMMA E PAPÀ
SABATO 31 GENNAIO - PRESIDENT Al teatro cinema di via Manfredi prosegue
la tradizionale rassegna di teatro dialettale
firmata dalla Famiglia Piasinteina, quest'anno intitolata all'indimenticato Piero Chiapponi. Questa volta ad essere messa in scena
sarà la commedia "L'è una futta advintà" a
cura della compagnia teatrale I Girasoli.
Biglietti disponibili al President sabato stesso dalle 9.30 alle 11.30 e dalle ore 20.
Il festival "Freakandò"
prosegue con “Farfalle”
ARTE
Rassegna del Jolly,
tocca a "Trash"
Come ogni giorno due ragazzini di una favela
di Rio scavano fra i detriti di una discarica locale e non possono immaginare che il portafoglio
appena trovato cambierà le loro esistenze per
sempre. Solo quando si presenta la polizia, disponibile addirittura a offrire una generosa ricompensa per la restituzione, i ragazzi, Rafael e
Gardo, realizzano di avere in mano qualcosa di
molto importante. Dopo aver coinvolto l’amico
Rato, il trio affronta una straordinaria avventura per scappare dalla polizia e scoprire i segreti
contenuti nel portafoglio. Sono i contorni narrativi di "Trash", film di Stephen Daldry che ha
incassato al Festival di Roma 2014 il Premio
Speciale della Giuria e quello del Pubblico e
viene proiettato mercoledì 4 febbraio alle 21.30
al Cinema Jolly di San Nicolò. Martedì 3, sempre alle 21.30, proiezione speciale del film "Il
segreto di Italia" di Antonello Belluco con Romina Power, ispirato a fatti realmente accaduti
nella primavera del 1945.
Rassegna di spettacoli di “piccole dimensioni”,
per bambini e famiglie. La particolarità del progetto prevede che i bambini di età dai 5 ai 10 anni possano rimanere custoditi dal personale
dell’associazione per il momento dopo spettacolo dove potranno fare una breve merenda e
un piccolo laboratorio artistico sulla tematica
dello spettacolo appena rappresentato. Domenica 1° febbraio andrà in scena PKD con “Rifiuti nel bosco”. Ecco il programma: ore 16.00 apertura spazio e accoglienza bambini e famiglie; ore 16.30 – 17.15 spettacolo teatrale di piccole dimensioni; ore 17.15 – 17.45 merenda; ore
17,45 – 18.15 laboratorio artistico; ore 18.15 –
18,30 fine attività.
Agenda
PIACENZA - MOSTRA ESTEMPORANEA
DI PITTURA
Sabato 31 gli studenti del Liceo artistico Cassinari saranno impegnati a dipingere opere ispirate dalla presenza di alcune auto storiche da
competizione. Programma: - dalle 9.00: esposizione delle vetture in piazza Cavalli e a Palazzo
Galli (Via Mazzini) - ore 9.30: inizio del concorso
a Palazzo Galli ore 12.30: chiusura lavori degli
studenti - ore 15.30: analisi opere da parte della
giuria in Piazza Cavalli - ore 16.00: presentazione del programma annuale del CPAE con interventi delle autorità - ore 16.30: premiazioni del
concorso
PIACENZA - DOMENICHE A PALAZZO FARNESE
"Sensibilità e inquietudine": un concerto e alcuni approfondimenti sul tema presso la Cappella Ducale di Palazzo Farnese, dalle 17.30 alle
18.30 di domenica 1° febbraio.
Pro.fondamente,
gli scatti di Migliorini
Ingegnere nelle ore d'ufficio, Luca Migliorini
(Piacenza, 1963) indossa i panni di fotografo
appena gli è possibile trasformandosi in un vero e proprio costruttore d’immagini.
Fin dai primi scatti (risalenti agli anni 70), Luca Migliorini si dimostra interessato ad un utilizzo espressivo e riflessivo dello strumento fotografico, tramite cui documentare e catalogare un territorio in continua metamorfosi. Nella
serie di lavori dal titolo PRO.FONDAMENTE,
allestiti alla Galleria Biffi Arte fino all'8 febbraio, l’artista, come un vero antropologo, astrae porzioni di realtà per ridestarle all'attenzione del pubblico e inserirle in una narrazione
come i pezzi di un puzzle. Questa “astrazione”
- letteralmente intesa come “staccare da” - traduce quella volontà primordiale dell'uomo di
mettere ordine al
caos per anestetizzarsi dal terrore
dell’horror vacui.
La fotografia contemporanea - ancor più inevitabilmente degli altri
procedimenti artistici - si trova costretta ad un confronto, più o meno
ostile, con il dispotismo livellatore di internet
e, più in generale, dell'immagine tecnologica.
Luca Migliorini, come tanti altri, ha scelto di
sfruttare la vasta gamma di possibilità manipolative dell'immagine digitale, proprio per
combattere la cieca visione del mondo trasmessa da internet e restituire importanza a
porzioni di spazio ed a momenti quotidiani in
apparenza banali. La fotografia, quindi, come
ponte tra passato, presente e futuro, come
strumento di memoria che impedisce al tempo
di cancellare un ricordo, uno specifico momento in uno specifico luogo.
E sono proprio luoghi in continua metamorfosi e caratterizzati dall’assommarsi di macerie e
memorie passate quelli che Migliorini fotografa, imprimendo su pellicola spazi di transito,
scorci di architetture e porzioni di ambienti domestici, in cui la sensazione di abbandono e degrado avvolgono lo sguardo dell’osservatore.
Negli scatti di PRO.FONDAMENTE , pervasi
da forti riferimenti (iconografici) alla tradizione della fotografia italiana di paesaggio, ed in
particolar modo a Viaggio in Italia di Luigi
Ghirri, è la natura ad esercitare questa funzione iconica.
In questi ultimi lavori Migliorini opera uno
sposalizio tra le tecniche della fotografia digitale e la trama pittorica - ottenuta facendo ricorso a processi che risalgono ai primordi della
fotografia come la dagherrotipia e il fotodinamismo futurista, per citare solo i principali –
realizzando immagini indefinite, più simili a
carboncini, in cui tutto appare avvolto dal silenzio misterioso del grande fiume Po.
Francesca Comolli
Corriere Padano
30 gennaio 2015
12
A TAVOLA
Ma che zuppa! Per l’inverno
un percorso caldo e fumante
GIROGUSTANDO
Trattoria del Cacciatore
di Tollara
Una sana voglia di riscoprire il piacere di cucinare a casa sta conquistando tutti: le minestre
sono piatti senza tempo che ogni regione ha adattato considerando i prodotti locali
Le zuppe sono piatti senza tempo
che ogni regione ha adattato modificandole considerando i prodotti
e le tradizioni locali: zuppa di fagioli toscana e zuppa d'orzo. Una
sana e gustosa voglia di riscoprire
il piacere di cucinare a casa ci sta
conquistando tutti. Sarà il freddo
dell'inverno che ci invita a stare in
casa, sarà il desiderio di qualcosa
di caldo. Ed allora cosa di meglio di
un percorso caldo e fumante tra alcune delle più tipiche minestre italiane. Le zuppe sono piatti senza
tempo che ogni regione ha adattato modificandole considerando i
prodotti e le tradizioni locali. Il
tempo da spendere ai fornelli si recupera velocizzando la spesa grazie ai prodotti freschi surgelati.
mo e asciutto) e disponetelo a strati in una grossa zuppiera alternando ogni strato con qualche mestolo
di zuppa bollente . Coprite la zuppiera e lasciate riposare la zuppa
vicino al fornello per almeno mezz'ora fino a quando il pane sarà ben
inzuppato. Al momento di servirla
si può completare ogni piatto con
un filo di ottimo olio crudo.
Zuppa di fagioli toscana
Preparazione: Mondate sedano,
carota, cipolla e porri e affettateli.
Lavate l'orzo e versatelo in una
casseruola di coccio o comunque a
fondo pesante. Unitevi circa 2 litri
di acqua fredda e mettete la casseruola sul fuoco. Quando inizia l'ebollizione, unitevi lo speck tagliato a dadini, l'estratto di carne, le
verdure preparate, il prezzemolo e
l'aglio tritati e il sale necessario.
Incoperchiate, abbassate la fiamma al minimo e lasciate cuocere
per due ore abbondanti. Pelate le
patate, lavatele, tagliatele a cubetti e unitele alla zuppa dopo la
prima ora di cottura. Alla fine la
zuppa dovrà risultare densa, quasi
come un risotto all'onda. Potete
completarla con formaggio grattugiato che dovrà essere dolce e fondente come, per esempio, il Vecchio Piave o il Montasio.
Ingredienti per 6 persone:400 gr.di
fagioli cannellini secchi; circa 400
gr.di pane toscano (senza sale) raffermo; 1 pianta di cavolo nero; la metà
di una piccola verza; 1 grossa cipolla;
3 carote; 4 costole di sedano; 1 grossa
patata; 2 spicchi d'aglio; salvia; ½
bicchiere di olio extravergine di oliva
saporito; 2 cucchiai di concentrato di
pomodoro; sale e pepe.
Preparazione: Lavate i fagioli e
fateli ammollare in acqua appena
tiepida per almeno 8 ore. Trascorso questo tempo, scolateli, metteteli in una casseruola e unitevi gli
spicchi d'aglio non spellati, 3 o 4 foglie di salvia e il sale. Copriteli abbondantemente di acqua fredda e
fate alzare l'ebollizione quindi abbassate la fiamma al minimo e fa-
Zuppa d'orzo
Ingredienti per 4-5 persone: 200 gr
di orzo perlato; 100 gr di speck tagliato a fette spesse; 2 patate di media
grossezza; 2 porri; 2 coste di sedano; 2
carote; 1 grossa cipolla; 1 spicchio
d'aglio; ½ cucchiaino da tè di estratto di carne; prezzemolo; sale e pepe.
teli cuocere per 2 ore scarse fino a
quando saranno teneri. Sfogliate il
cavolo nero, lavatelo più volte
quindi togliete la costola centrale
dalle foglie e tagliuzzatelo grossolanamente. Lavate anche la verza
e tagliatela nello stesso modo.
Sbucciate la patata e tagliatela a
dadini. Tritate la cipolla con una
carota e una costola di sedano
quindi scaldate l'olio in una pentola capace e fatevi imbiondire dolcemente il trito preparato. Quando il soffritto è pronto unitevi il cavolo nero, la verza, la patata, due
carote tagliate a dadini e due costole di sedano affettate. Rialzate
la fiamma e fate insaporire le ver-
dure a pentola scoperta per circa
un quarto d'ora e, appena si saranno ben appassite, unite il concentrato di pomodoro diluito in una
tazza di acqua calda. Insaporite
con sale e abbondante pepe e lasciate cuocere dolcemente per una mezz'ora. Passate dal passaverdure circa i tre quarti dei fagioli e
uniteli alle verdure con tutta l'acqua di cottura e con l'acqua necessaria per ottenere una minestra
piuttosto liquida. Incoperchiate e
proseguite la cottura per un'altra
ora. Verso la fine unite anche i fagioli interi lasciati da parte e regolate il sale. Affettate sottilmente il
pane (è importante che sia raffer-
CUCINA NATURALE
Muffin zucca e cipolla
Questi muffin senza uova vegani zucca e cipolla
sono una valida alternativa per un aperitivo saporito o anche un secondo salato che si può accompagnare con delle salse o del tofu strapazzato
e insaporito con spezie orientali. Una ricetta veloce e semplice da realizzare tratta dal blog
www.vegolosi.it.
morbido. Versare in pirottini da muffin e cuocere
in forno statico a 200 gradi per 20 minuti circa. Al
termine lasciare raffreddare e servire tiepidi.
Torta vegana pere e cannella
La torta di pere è un classico delizioso: semplice
e gustosa è perfetta come merenda o fine pasto.
L’impasto integrale e vegano di questo dolce vi
lascerà sorpresi: leggero e buonissimo. La nota
speziata della cannella solleticherà i palati più esigenti. Una ricetta anch’essa tratta da www.vegolosi.it.
Ingredienti per una teglia tonda da 25 cm: 120 g di
farina di farro integrale, 100 g di zucchero di canna,
200 ml di panna di soia, 30 g di olio di mais, 20 g di
amido di mais, 1 bustina di cremor tartaro, cannella
in polvere q.b., 1 pizzico di sale, 2 pere piccole
Preparazione: Sbattere la panna con lo zucchero di canna e un pizzico di sale. A parte setacciare
la farina e l’amido in modo da eliminare eventuali grumi presenti. Aggiungere ora, sempre mescolando, la farina di farro e l’amido di mais alla
panna. Setacciare e unire il lievito, la cannella e
Ingredienti per 6 muffin: 130 g di farina semi integrale, 30 g di farina di ceci, 4 g di sale aromatizzato
al mirto (od un sale aromatizzato alle erbe), 9 g di lievito per salati, 25 g di olio extravergine di oliva, 70 g
di latte di soia, 150 di zucca lessata, 1/2 cipolla bianca o rossa
Preparazione: Cuocere la zucca a vapore, poi
frullarla con un robot ad immersione. A parte invece tritare finemente con un coltello, dopo averla sbucciata, la cipolla. In una ciotola capiente setacciare quindi le farine e il lievito. Mescolare il
tutto e aggiungere gli altri ingredienti, quindi il
sale, il latte e l’olio extravergine di oliva. Per ultimo tenere la zucca frullata e la cipolla. Amalgamare bene tutti gli ingredienti nella ciotola sino
ad ottenere un composto omogeneo e abbastanza
infine l’olio di mais. Mescolare sino ad ottenere
un composto omogeneo, che rimarrà comunque
abbastanza liquido. Su un tagliere, dopo averne
eliminato la buccia e i torsoli, tagliare a fettine
molto sottili le pere. Versare l’impasto nella tortiera precedentemente oliata ed infarinata. Decorare con le fettine di pera premendo leggermente per farle affondare nell’impasto. Infornare nel forno statico a 180 gradi per circa 40 minuti.
Porto sicuro per gli amanti delle cose
semplici e genuine, per chi è affezionato al
servizio familiare ed attento, questo è
l’Antica Trattoria del Cacciatore a Tollara
di San Giorgio. Se capitate di pomeriggio,
nel locale bar troverete sicuramente
gruppi di anziani che giocano a briscola.
Sui tavoli gli scodellini colmi di vino
nostrano. Finita la briscola, chi perde paga
la merenda: arriva così un bel vassoio ricco
di salame, coppa e pancetta.. Di solito il
pasto inizia con i salumi della casa che si
possono accompagnare con la torta fritta.
La signora Manuela prepara anche torte
salate di ricotta ed erbette. Ai primi della
tradizione piacentina – anolini, tortelli e
pisarei – si aggiungono agnolotti al tartufo,
panzerotti, cannelloni e crespelle, questi
ultimi solo su prenotazione. In stagione nel
menù compaiono delicatissimi tortelloni
di asparagi. Ricca anche la proposta delle
pietanze dove gli animali da cortile,
attentamente selezionati, primeggiano tra
gli arrosti. Si segnalano le grigliate di
carne e verdure. In stagione la cacciagione
arricchisce la lista: cinghiale e fagiano in
umido sono specialità della casa. Per finire
i dolci di Manuela: zuppa inglese, tiramisù
e crostate di frutta. I vini, cui presiede
Antonio sono ricavati dalle uve coltivate
nell’azienda agricola di famiglia: Barbera,
Bonarda, Gutturnio e Malvasia. Possono
anche essere acquistati in bottiglia o
damigiana.
Antica Trattoria del Cacciatore,
Loc.Tollara di Godi, 14 (San Giorgio
Piacentino), tel. 0523/530127
All’Albero del Pane,
alimentazione naturale
Aprire un negozio di specialità
macrobiotiche è stata una scelta di vita
per Lorenzo Pelagatti. Il perché di questa
scelta nasce da convinzioni maturate nel
tempo, fino a tradursi in un vero e proprio
stile di vita che lo ha portato ad utilizzare
Grissini stick vegani alla paprika
Voglia di qualcosa di sfizioso? Ecco un’idea tutta da copiare e rivisitare, i grissini stick vegani alla paprika di www.vegolosi.it: veloci, perfetti da
preparare in anticipo e tenere a portata di mano.
Ingredienti per circa 4 persone: 150 g di farina integrale, 50 g di farina di grano saraceno, 50 di olio di
oliva extra vergine, 1 cucchiaino raso di paprika dolce, 70 ml di acqua, sale q.b, semi oleosi a piacere
Preparazione: In una ciotola capiente unire tutti gli ingredienti: setacciare le farine e unite l’acqua in cui avremo disciolto il sale, l’olio, la paprika e i semi oleosi. Potete tenere un po’ di semi anche per decorare l’esterno degli stick. Impastare
in modo delicato fino ad ottenere un composto omogeneo. Fare riposare l’impasto a temperatura
ambiente circa 1 ora dopo averlo coperto con della pellicola per alimenti.
Una volta che la pasta ha riposato, stenderla
dello spessore di circa mezzo centimetro e con una rotella per la pasta (va bene anche quella della
pizza) tagliare tante striscioline e disporre gli
stick su una leccarda coperta con carta forno. Se
si vuole è possibile spennellare gli stick con un
po’ di olio extravergine d’oliva.
Mettere i grissini stick in forno statico a 180° per
circa 10-15 minuti. Una volta cotti toglierli dalla
leccarda e metterli a raffreddare su di un piatto o
una gratella in modo che perdano l’umidità in eccesso.
prodotti naturali e cucina macrobiotica,
fino alla decisione, nel 1988, di
commercializzare questi prodotti nel
negozio di Via X Giugno. Si va dai prodotti
da forno ai latticini, alla frutta e alla
verdura: il tutto rigorosamente
vegetariano e ottenuto da coltivazioni e
allevamenti biologici. Omaggio
all’alimentazione naturale e importante
punto di riferimento per coloro che, in
numero sempre maggiore, soffrono di
allergie alimentari, che qui possono
trovare: pane, pizze, focacce, torte dolci e
salate, brioches. Tutte specialità
preparate senza zucchero, senza uova e
senza latte, proposte anche nella versione
di solo farro. E poi yogurt e formaggi
(anche di capra e pecora), cereali, legumi,
conserve artigianali di vario tipo
(marmellate, sottoli etc.), integratori
alimentari, condimenti vari, tra cui l’olio
extravergine e alcuni oli di semi pressati a
freddo. Per finire, all’Albero del Pane, si
trovano anche vini e succhi di frutta.
Naturalmente biologici.
L’Albero del Pane, Via X Giugno, 80 –
Piacenza – Tel. e Fax 0523/334221
Chiuso il giovedì pomeriggio
30 gennaio 2015
Corriere Padano
13
RIMETTERSI IN FORMA
Ritorno in palestra,
come scegliere
il corso giusto
Circolazione, emicrania e stress:
tutti i benefici dei massaggi
I massaggi svolgono un’azione rilassante e stimolante
sul tessuto connettivale (cute, derma e ipoderma), sul sistema muscolare e su quello
scheletrico. Gli effetti di un
massaggio ben praticato sono numerosi: è impossibile elencarli tutti. Ecco quindi, in
breve, quelli principali ed
immediati.
Pulizia profonda. Il massaggio libera la cute dai detriti e
dalle cellule di sfaldamento,
sollecita i condotti delle
ghiandole sebacee e sudoripare regolandone la secrezione, agisce sulle terminazioni nervose con un effetto
sedativo e su quelle motorie
con un effetto eccitante, modifica la consistenza e l’elasticità dei tessuti in modo da
riportarvi la giusta fluidità.
Stanchezza addio. Diversi
studi hanno accertato che
molte emozioni vengono
“trattenute” nei muscoli
provocando contrazione e
tensione: il massaggio riesce
a sciogliere e rilasciare i
blocchi muscolari che rendono il corpo rigido e disarmonico e libera i muscoli dalla
dolorosa sensazione di stan-
chezza. Il massaggio svolge
poi un’azione benefica sull’apparato scheletrico, migliorando la funzionalità
della zona trattata. Più in generale, il massaggio è consigliabile in caso di cattiva circolazione, reumatismi, artrosi, emicrania, cellulite,
stanchezza, depressione, ansia e stress.
Bio-gastronomia vegetariana ed erboristeria
“Naturone”, la cultura del vivere sano
e del benessere naturale
In cima alla lista dei buoni
propositi di un nuovo anno c’è
sempre tornare (o andare per
la prima volta) in palestra: il segreto per mantenere fede al
vostro intento è scegliere il
corso giusto. Si può andare su
quelli classici e magari scegliere lo sport che fa dimagrire di
più, ma ci sono tante nuove
proposte.
Crossfit - Vera tendenza in
crescita in tutta Italia, ma cos’è
il crossfit? Si tratta di un programma di allenamento che intreccia esercizi presi da diverse discipline: l’obiettivo è aumentare le prestazioni del proprio allenamento. Si bruciano
tante calorie e i primi risultati
si vedono molto presto. Vero
punto di forza la community di
cui si entra a far parte e con cui
si condividono risultati e sofferenze. Per chi è: per chi da solo
non si alza nemmeno dal divano, chi odia gli attrezzi della palestra, chi ama variare l’allenamento il più possibile e chi per
proseguire deve vedere dei risultati quasi immediati.
Zumba - Altro corso che ha
conquistato milioni di fan e
che promette di conquistarne
tanti altri nuovi. Un modo divertente di fare aerobica u-
nendo passi di danza e una tanta allegria. Si guadagna in elasticità, si rassoda tutto il corpo
e si perdono i chiletti di troppo.
Per chi è: per chi senza musica
non si alza nemmeno dal letto,
chi vuole perdere peso divertendosi e chi vuole fare il pieno
di allegria (senza pensare troppo al sudore).
Spinning - Attività aerobica
di gruppo su bicicletta stazionaria, "stationary bike": la lezione si svolge in gruppo, sotto
la direzione di un istruttore
che impartisce i ritmi di pedalata secondo la velocità della
musica utilizzata. Le lezioni
hanno una durata di un'ora circa e producono un ottimo allenamento aerobico con un grosso dispendio calorico. Per chi
è: in particolare per gli appassionati di ciclismo, ma non solo. Per beneficiare di tutti gli
effetti si consiglia di praticarlo
in una palestra in lezioni di
gruppo e con istruttori qualificati.
Antigravity yoga - L’ultima
tendenza dello yoga è praticarlo sospese nel vuoto. Una specie di amaca di tessuto è l’attrezzo essenziale che vi permetterà di sperimentare le posizioni yoga sospese nel vuoto.
I muscoli si allungano e il senso
di leggerezza rilassa la mente.
Per chi è: gli amanti dello yoga,
chi vuole provare qualche cosa
di nuovo, per chi ha sempre
mal di schiena, per chi ha sempre sognato di sentirsi leggero
come una farfalla.
Aerocombat - L’aerobica si unisce alla kickboxing per dar
vita a un allenamento super tonificante! Niente sacchi, ma
tante mosse prese in prestito
da uno degli sport da combattimento più completi: il tutto
condito da tanta musica. Per
chi è: per chi ama l’aerobica e
chi si è stancato dei soliti corsa
di aerobica.
Kickboxing - Lo sport da combattimento che conquista sempre più donne: il motivo? L’allenamento è completo, tonifica, è uno tra gli sport che permette di bruciare più calorie e
in più si impara a difendersi.
Le più temerarie possono salire sul ring, ma le più titubanti
possono seguire anche solo
l’allenamento e divertirsi a tirare pugni e calci al sacco. Per
chi è: per chi ha bisogno di un
sacco su cui sfogarsi, per chi
vuole tonificare il corpo in poco tempo, per chi vuole provare il brivido del ring.
«All'inizio è stata dura ma il negozio ora
è in crescita. Ho una clientela fidelizzata
ma anche un cerchio di facce nuove che
si allarga». "Naturone", la
bio-gastronomia vegetariana ed
erboristeria di viale Dante 39,
praticamente sulla rotonda, piace. La
trentenne Elisa Botti (nella foto), ora in
proprio dopo la laurea in scienze
erboristiche e prodotti della salute, 7
anni come dipendente in un'erboristeria
e dopo una serie di corsi specialistici di
cucina bio e macrobiotica, a sette mesi
dall'apertura inizia a togliersi qualche
soddisfazione.
Perché fermarsi al "Naturone"? Perché
oltre ad una consulenza disinteressata,
alla passione e ad una apprezzabile
varietà di articoli da scaffale, offre piatti
take-away vegetariani e vegani
rigorosamente bio e artigianali,
realizzati con materie prime a km zero
procurate dalla associazione di
distribuzione solidale piacentina "Des
Tacum". Le realizzazioni gastronomiche
si possono anche consumare sui tavolini
in loco: un servizio in più, buono per
pranzo o per lo spuntino, che la gente
apprezza. Piacciono soprattutto i primi a
base di cereali integrali, i prodotti con
proteine vegetali e le torte salate più
sfiziose.
Il negozio di Elisa, dove da qualche mese
a questa parte a darle una mano come
tirocinante c'è Pietro Beltrami, un amico
fidato ed esperto, comprende la cucina,
una piccola zona a sedere, una zona
frigo e diversi scaffali che attirano, e non
soltanto la clientela femminile o quella
vegana e vegetariana. Tra gli articoli più
richiesti, l'assortimento di prodotti senza
glutine e il pane bio su ordinazione. Una
new-entry ugualmente gettonata in
questo periodo sono gli integratori
depurativi e dimagranti e un curioso
chewingum completamente
biodegradabile realizzato con gomma e
aromi naturali e zucchero di canna. Non
perdono smalto i prodotti erboristici
fitoterapici e i cosmetici naturali. Il tratto
caratteristico di "Naturone" è insomma
l'abbinamento tra due attività
apparentemente scollegate che hanno in
comune la cultura del vivere sano e del
benessere naturale (pc).
Corriere Padano
30 gennaio 2015
14
CASA E NOZZE
Bonus per ristrutturazioni
prorogato al 31 dicembre
“Un’opportunità importante
per recuperare risorse economiche, assicurando nel contempo effetti positivi per il clima e per l’ambiente”: così l’assessore all’Ambiente e Urbanistica Giorgio Cisini, con riferimento alla recente proroga sino al 31 dicembre 2015 per le
detrazioni fiscali per interventi di riqualificazione energetica, sottolinea l’interesse del tema per tutti i cittadini.
Con la legge 190 del 23 dicembre 2014, non solo si è estesa
per tutto l’anno in corso la validità delle agevolazioni che permettono di detrarre dall’Irpef
o dall’Ires sino al 65% delle
spese sostenute per opere di e-
dilizia volte al risparmio energetico (sia sulle singole unità
immobiliari, sia sulle parti comuni di edifici condominiali),
ma sono state introdotte alcune novità.
Potranno infatti accedere alla
detrazione, in quest’ambito,
anche le schermature solari –
così come definite nell’allegato M del decreto legislativo
311, datato 29 dicembre 2006 –
e gli impianti di climatizzazione invernale dotati di generatore di calore a biomasse combustibili, ad esempio stufe a
pellet, cippato, legna, termostufe e simili. Il costo di queste
due tipologie di riqualificazione sarà detraibile unicamente
per le spese sostenute tra il 1°
gennaio e il 31 dicembre 2015,
mentre per gli altri interventi
che già godevano delle agevolazioni fiscali restano invariati
requisiti e procedure, con l’unica variazione della scadenza
prolungata alla fine di quest’anno.
Per informazioni dettagliate,
occorre consultare il sito
www.agenziaentrate.gov.it ,
accedendo alle sezioni “cosa
devi fare” – “richiedere” – “agevolazioni” – “detrazione riqualificazione energetica”.
“In questo periodo di crisi –
aggiunge – il risparmio energetico diventa una valore da sostenere per una pluralità di ragioni: finanziarie, ambientali
ed etiche. Al vantaggio diretto
per i singoli cittadini, si intreccia un beneficio significativo
che si estende a tutta la comunità”.
Il bonus nel dettaglio:
non solo risparmio
energetico
Chi sostiene spese per i lavori
di ristrutturazione edilizia - si
legge sul sito dell’Agenzia delle Entrate - può fruire della detrazione d’imposta Irpef pari al
36%. Per le spese sostenute dal
26 giugno 2012 al 31 dicembre
2015, la detrazione Irpef sale al
50%. Una detrazione del 50%
spetta anche sulle ulteriori
spese sostenute, dal 6 giugno
2013 al 31 dicembre 2015, per
l'acquisto di mobili e di grandi
elettrodomestici di classe non
inferiore alla A+, nonché A per
i forni, per le apparecchiature
per le quali sia prevista l'etichetta energetica, finalizzati
all'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione. La detrazione va ripartita in 10 quo-
ordinariamente di 48.000 euro
per unità immobiliare; il tetto
sale a 96.000 euro per le spese
sostenute dal 26 giugno 2012 al
31 dicembre 2015; la detrazio-
Agevolazioni fiscali per risparmio
energetico ma anche per mobili,
bonifica amianto e messa in
sicurezza dagli infortuni domestici
te annuali di pari importo, ed è
calcolata su un ammontare
complessivo non superiore a
10.000 euro.
Per le prestazioni di servizi relative agli interventi di recupero edilizio, di manutenzione ordinaria e straordinaria, realizzati sugli immobili a prevalente destinazione abitativa privata, si applica l’aliquota Iva agevolata del 10%.
Le principali condizioni per
fruire dell’agevolazione sono:
il limite massimo di spesa sul
quale calcolare la detrazione è
ne deve essere ripartita in 10
quote annuali di pari importo;
l'obbligo di indicare in fattura
il costo della manodopera è stato soppresso dal decreto legge
n. 70 del 13 maggio 2011.
Apportano beneficio fiscale
anche gli interventi di bonifica
dall’amianto e di esecuzione di
opere volte ad evitare gli infortuni domestici.
Per usufruire della detrazione, è necessario inviare, quando prevista, all'Azienda sanitaria locale competente per territorio, prima di iniziare i lavori,
una comunicazione con raccomandata A.R., tranne nei casi
in cui le norme sulle condizioni
di sicurezza nei cantieri non
prevedono l’obbligo della notifica preliminare alla Asl; pagare le spese detraibili tramite
bonifico bancario o postale, da
cui devono risultare la causale
del versamento, il codice fiscale del soggetto che paga e il codice fiscale o numero di partita
Iva del beneficiario del pagamento. Per usufruire della detrazione è sufficiente indicare
nella dichiarazione dei redditi
i dati catastali identificativi
dell'immobile e, se i lavori sono
effettuati dal detentore, gli estremi di registrazione dell'atto che ne costituisce titolo e gli
altri dati richiesti per il controllo della detrazione. L'obbligo
dell'invio della comunicazione
di inizio lavori è stato soppresso, infatti, dal decreto legge n°
70 del 13 maggio 2011. Occorre,
inoltre, conservare ed esibire a
richiesta degli uffici alcuni documenti il cui elenco completo
è consultabile sul sito dell’Agenzia delle Entrate.
30 gennaio 2015
Corriere Padano
15
CASA E NOZZE
Arredare con le stoffe,
tutte le tendenze
Divertirsi a rinnovare la propria casa senza cambiare mobili
è possibile: mai pensato di cambiare tende, copri divani, cuscini e più in generale la biancheria della nostra abitazione?
Gran parte del tono nell’arredamento è infatti dato dai tessuti.
Largo, quindi, alla fantasia nel
riconsiderare tendaggi, tappeti, soprammobili, cuscini, copri
divani, tovaglie, canovacci, lenzuola, plaid, piumoni e asciugamani. Le tendenze 2015? Mustglamour.it ha così “sintetizzato” la moda di quest’anno in materia di casa. Si parte con il “lusso contemporaneo”: le linee si
fanno più morbide ed anche la
combinazione dei colori è più discreta, con una palette che spazia da nuances pastello alle diverse sfumature del grigio. Se in
casa avete marmo bianco, una
scelta molto di moda risulta essere l’abbinamento con moquette, seta, stucchi e cristalli
per garantirsi una nota di lusso
contemporaneo in casa.
Per gli amanti del green ecco
invece la tendenza “pollice verde”, che ha influenzato in maniera determinante la cartella
colori della stagione: tonalità vibranti, brillanti, floreali abbinate con fresche sfumature di
verde ed accostate al bianco ed
altri toni neutri. La nuova tendenza è una combinazione di retrò rustico e di romantico con-
Fondo di Garanzia di 650 mln
per i mutui prima casa
temporaneo. Per i tessuti: lino,
materie organiche e stoffe stampate.
Se ancora non avete trovato l’idea che vi conquista, stupite con
il trend “paesi nordici”, lasciandovi conquistare dai suoi sterminati panorami. Questa tendenza è un mix di elementi naturali come il legno ed altri come
metallo e pelle, la quale sta facendo ritorno, anche se in maniera rinnovata. Il mobilio si riveste di trame a canestro e te-
xtures intrecciate, mentre per
divani e lenzuola la scelta ricadrà su tessuti come il lino lavato.
Anche i colori sono nei toni della
natura: le tonalità fredde del
marrone, abbinate al granito e
con accenni di verde fogliame.
Intramontabile, poi, il “mondo
sottomarino”. Lo stile marittimo-provenzale subisce però un
re-styling nei toni acquamarina:
le tonalità del blu, del verde e
del turchese si sposano alla perfezione con il bianco.
Il Fondo è volto alla concessione di garanzie nella
misura massima del 50 per
cento della quota capitale
di mutui ipotecari, di ammontare non superiore a
250mila euro, per l’acquisto (ovvero l’acquisto con
interventi di ristrutturazione e accrescimento di
efficienza energetica) di
immobili, non di lusso, da
adibire ad abitazione
principale del mutuatario.
Il Fondo, con una dotazione finanziaria di circa 650
milioni di euro, che potranno attivare circa 20
miliardi di euro di nuovi finanziamenti, rappresenta
un importante strumento
di accesso al credito per la
casa a favore dei cittadini,
oltre che un immediato
impulso alla crescita attraverso il rilancio del settore immobiliare, anche
sotto il profilo dell’efficienza energetica.
Il Fondo sostituisce e am-
plia il raggio d’azione del vecchio fondo “Giovani Coppie”,
ora non più attivo. Possono infatti fare richiesta delle nuove garanzie tutti coloro che,
alla data di presentazione
della domanda di mutuo, non
siano proprietari di altri immobili ad uso abitativo salvo
quelli acquisiti per successione mortis causa, anche in co-
munione con altri successori,
e in uso a titolo gratuito a genitori o fratelli.
Per maggiori informazioni
sui requisiti richiesti e sulle
modalità di presentazione
delle domande consultare la
pagina dedicata al Fondo di
garanzia per l’acquisto e ristrutturazione prima casa sul
sito www.dt.tesoro.it
Corriere Padano
16
30 gennaio 2015
PUBBLICITÀ