Ecuadoregni: Bertoli vs Gobbi

Locarno e valli
giovedì 16 ottobre 2014
15
Il caso di due bimbi residenti in Gambarogno provoca scintille fra i due consiglieri di Stato
Ecuadoregni: Bertoli vs Gobbi
Al Comune che chiedeva lumi
sulla scolarizzazione due
risposte diverse. Il ministro
socialista si arrabbia,
riprende e corregge il collega.
di Davide Martinoni
Un Municipio premuroso, due simpatici
bambini ecuadoregni, altrettanti Dipartimenti del Cantone e alcuni puntini sulle “i”. Sono gli ingredienti di una storia
locarnese nata dal buon cuore e finita,
almeno con un suo rivolo, impantanata
in questioni che forse hanno anche a che
fare con le ideologie.
Alcune settimane fa il Municipio di
Gambarogno decide che è il momento di
interrogarsi seriamente circa il presente
e il futuro prossimo di alcune famiglie di
ecuadoregni, con passaporto spagnolo,
che risultano risiedere da qualche tempo a Contone, in dimore mobili (camper). Il desiderio è dare per quanto possibile una mano e l’attenzione viene posta
in particolare su due bimbi in età scolare. Prima, incontrandoli, l’esecutivo cerca di verificare il periodo di permanenza
in Ticino degli ospiti (ma piuttosto vanamente, visto che gli stessi ecuadoregni
non hanno una tempistica precisa); poi
scrive al Dipartimento educazione cultura e sport (Decs) chiedendo il permesso di scolarizzare un bambino in terza
Elementare e una bambina all’asilo.
Grosso modo nello stesso periodo, in relazione al decoro del soggiorno e alla
questione permessi viene interpellato
per un parere anche il Dipartimento istituzioni; questo, anche alla luce di controlli di polizia già effettuati sul posto.
La prima risposta non si fa attendere.
Manuele Bertoli, direttore del Decs, non
ha dubbi sul fatto che i bambini vadano
scolarizzati. Risiedono a Contone da
mesi e sono nell’età dell’obbligo scolastico. A questo proposito, precisa Bertoli, c’è una chiara raccomandazione della Conferenza dei direttori della Pubblica educazione, e lo stesso Ordinamento
cantonale prevede la scolarizzazione
dei bimbi, indipendentemente dal loro
statuto. Il ministro socialista puntualizza comunque che la questione permessi non è di pertinenza delle autorità
scolastiche, ma di quelle di un altro Dipartimento (Istituzioni). Dipartimento
che infatti era stato contattato, ma che
sulle prime non risponde. Ciò non impedisce al Comune di portare a scuola i
due bambini, con grande soddisfazione
di tutti (Istituto comunale, famiglie e
Municipio).
La risposta di Gobbi arriva in un secondo momento, l’8 settembre. E non porta
buone nuove. Il Municipio, si legge fra
l’altro, “non è autorizzato” a scolarizzare i bimbi ecuadoregni poiché non risultano né domiciliati né residenti, ma
hanno solo un permesso turistico.
Nato l’inghippo il Municipio, sbilanciato, riprende contatto con il Decs. Che,
sempre con Bertoli, reagisce approfondendo la questione e andando a leggersi la presa di posizione del collega. Al
quale risponde – notizia di ieri – con
una missiva interna dai toni cortesi ma
decisi. Il direttore del Decs si vede costretto a riprendere quello del Di per
una certa qual disinvoltura nella citazione di alcuni articoli della Legge sulla
scuola, e a precisare che “il Municipio è
tenuto a controllare che tutti gli allievi
domiciliati e nell’età prescritta frequentino la scuola obbligatoria nel comune, in un comune diverso o siano
iscritti in una scuola privata, mentre
l’art. 3 del medesimo regolamento prevede che sono assimilati ai domiciliati i
bambini stabilmente residenti di fatto
nel comune, indipendentemente dal
loro statuto”.
Non è tutto: pur confermandosi non
pertinente per la questione permessi, il
Decs invita il Di a non confondere quel
filone con quello scolastico, ricordando
che, “come prevedono le regole democratiche ticinesi”, “finché questi bambini saranno presenti sul nostro territorio, dovranno essere scolarizzati”. E la
stoccata: “L’alternativa del resto sarebbe probabilmente vederli in giro con i
genitori nell’intento di raccogliere
qualche soldo facendo ricorso all’accattonaggio, fattispecie che il progetto di
Legge sull’ordine pubblico che il Dipartimento delle istituzioni ha posto in
consultazione vuole evitare”.
In conclusione, Bertoli invita Gobbi a
un incontro chiarificatore, per evitare
di tornare in futuro a dare alle autorità
comunali pareri divergenti su identiche questioni.
Obiettivo integrazione
LE BREVI
Frontalieri al lavoro via lago
Dopo i lavori di sgombero, nel tardo pomeriggio di ieri e sino alle 20, è stata riaperta la statale 34 del Lago Maggiore, interrotta lunedì a causa di una frana tra
Cannobio e Brissago. Da oggi e sino a
nuovo avviso, per consentire i lavori di
messa in sicurezza, resterà chiusa al
traffico in località Campagna-Punta
Bragone, dalle 8.30 alle 17.30 e dalle 20
alle 5.30. Quindi il transito dei mezzi privati sarà possibile nel tardo pomeriggio
dalle 17.30 alle 20 in mattinata dalle 5.30
alle 8.30. Sono stati oltre una sessantina
ieri mattina i frontalieri che hanno optato per il servizio di battello messo provvisoriamente a disposizione dalla Socie-
tà di navigazione Lago Maggiore per
raggiungere il Locarnese. Trenta sono
partiti da Intra mentre altri 34 sono saliti a bordo a Cannobio. Un discreto successo quindi per il trasporto via lago, in
attesa che prossimamente – già dalla
settimana prossima – prenda il via il
nuovo servizio mediante aliscafo, portato avanti negli scorsi mesi per iniziativa
della sindaca di Verbania, Silvia Marchionini. A causa del notevole quantitativo di legname che i nostri fiumi durante la buzza hanno scaricato nel Verbano
negli scorsi giorni, per motivi di sicurezza la Società di navigazione ha optato
per un servizio tramite battello e non di
aliscafo. Come anticipato dalla Rsi, da
lunedì dovrebbe prendere il via il collegamento tramite aliscafo. È previsto il
trasporto di un centinaio di lavoratori
da Verbania a Locarno e viceversa e vi
sarà una corsa giornaliera, con partenza
alle 5.20, arrivo alle 6.30 e ritorno da Locarno verso le 17.
Sondaggio Ocst per il treno
Per quanto riguarda il trasporto su treno, inizia questa mattina, giovedì, il
sondaggio promosso dall’Ocst per capire quanti frontalieri provenienti dall’Ossola siano interessati al trasporto
su rotaia per raggiungere il posto di lavoro nel Locarnese.
Dapprima il questionario intitolato
“Frontalieri in carrozza”, verrà consegnato alle aziende più grandi del Locarnese, poi il volantinaggio – secondo
quanto riferito da Marco Pellegrini, segretario per il Sopraceneri dell’Ocst –
verrà distribuito anche in frontiera.
Pellegrini ieri ha anche preso contatto
con i vertici della ferrovia vigezzina e
delle Fart per proseguire la discussione
in merito all’organizzazione delle corse
speciali atte a soddisfare le esigenze dei
lavoratori pendolari che si recano in Ticino.
RED/A.P.
Swisskills, cerimonia
finale a Cevio
Oggi, alle 19, al Centro Coop di Tenero
(atrio principale al 1° piano) si terrà la
cerimonia di chiusura per i candidati e
le candidate ticinesi che hanno partecipato al primo campionato svizzero
delle professioni – SwissSkills Berna
2014 – lo scorso mese di settembre. In
questa occasione verrà consegnata a
Blerton Ahmeti, da parte di Debrunner Acifer Sa, l’auto Audi A1 vinta con
il titolo di “The Best of Best” – miglior
punteggio assoluto durante i campionati. L’auto sarà a disposizione di Blerton Ahmeti per un anno.
L’AGENDA
Sonogno, hockey benefico
A Sonogno hockey su ghiaccio e beneficenza vanno a braccetto. Il “Torneo di
mört”, previsto sabato 1° novembre, non
sarà infatti soltanto divertimento, ma
anche generosità. Questo grazie alla particolarità di abbinare dei padrinati ai gol
segnati. Il ricavato, su iniziativa di Tino
Fratessa, verrà devoluto all’Associazione
Kam For Sud. Spiega Adriano Pedrazzi,
della squadra “Wanted”: «L’edizione dello scorso anno aveva avuto un ottimo
successo. Anche quest’anno l’evento
sportivo in sé consiste in un torneo a 6
squadre (girone all’italiana), che si preannuncia particolarmente combattuto.
Poi c’è tutto il corollario: una griglia gestita dagli organizzatori, e cioè noi, con
prodotti nostrani; la buvette dell’Osteria
Sportiva da Lella e Calo; e l’intrattenimento musicale serale». Il torneo si svolgerà dalle 8 alle 22.30 circa. Quanto ai padrinati (1 gol segnato = 1 franco donato)
ai “Wanted” si sono aggiunti il Gruppo
Giovani Valle Verzasca, il Ristorante Alpino di Sonogno, l’Hockey Club Verzasca
e anche i giocatori della prima squadra
dello stesso sodalizio. Altri gruppi, enti,
associazioni e privati potranno imitarli:
basterà scrivere a [email protected]
‘Nel grembo del mulino’,
mostra di Semini a Muralto
Verzasca – Attività Sev
Sabato e domenica prossimi, serviranno volontari per lavori alla capanna Cognora. Annunciarsi a G. Berri,
076 679 54 85.
Z allo
ing
Leas
UDGDQRLFRQXQLQFUHGLELOHOHDVLQJDOOR'R'
2
2UDGDQRLFRQXQLQFUHGLELOHOHDVLQJDOOR'R'
su tutti
tut ti i modelli
modelli V
olkswagen!
su
Volkswagen!
1
L’of
va
dall’1.9
31.10.2014.
pre
.2014. Immatricolazione con pr
emio ffan:
L
’’offffer
ertta
aèv
alida dall’1.
9 al
a 31.10
an: veicoli nuovi ordinati
27.2.2015;
pron
Passat
Variant
a consegna 114.11.2014.
4.11.2014. Sono esclusi i modelli e
ontta
2
7.2.2015; veicoli in pr
e-up!, e-Golf, P
assat V
a
ariant
chet
tre
pro
e pr
omozioni fflot
lottta
a sostenute dal
con pacc
hettto
o Fleetline o altr
can
lea
pre
asing/pr
emio anniverssa
ario:
ffab
abbric
ante. Immatricolazio
z ne con le
va
Passat,
va
aP
assat, nuov
a
114.11.2014.
4.11.2014. Sono esclusi i mo
m delli e-up!, e-Golf, nuov
Da oggi giovedì e sino al 22 novembre,
al pianterreno della Banca del Sempione in Piazza Stazione a Muralto è possibile ammirare l’esposizione “Nel
grembo del Mulino” del fotografo Franco Semini.
Il tema trattato da Semini si rifà all’acqua che scorre nella ruota a pale del
mulino, che si trasforma in mille vortici, salta a pezzi, grida e infine, derubata
della sua forza, sgorga in zampilli, volge le spalle, s’abbraccia al vento e va
nuovamente alla deriva. Semini, nuo-
tatore e pallanuotista, conosce i segreti
dell’acqua e i prodotti del suo mulino
sono le fotografie. L’esposizione è organizzata dall’associazione Centro Pax,
che ringrazia l’Associazione Muralto
per tutti per la collaborazione. La
stampa delle fotografie è stata eseguita
da Foto Garbani.
La mostra resterà aperta dal lunedì al
giovedì dalle 16.30 alle 18.30; il venerdì
dalle 15 alle 18.30 e il sabato dalle 11 alle
16 (venerdì e sabato con la presenza
dell’autore).
%
miio oZ
o preersariio
v
anniiv
Touareg,
Phaeton
Passat
Variant
chet
tre
ariant
a
con pacc
T
ouareg, Pha
eton e P
assatt V
hettto
o Fleetline o altr
e
pro
nute
can
pre
la-pr
omozioni fflot
lottta
a sostenu
ute dal ffab
abbric
ante. Il pr
emio ffan
an è cumula
pre
lea
0.40%.
bile con il pr
emio anniverrssa
ario o con il le
asing allo 0
.40%. Il pre
premio
lea
allo
0.40%
tra
anniverssa
ario e il le
asing a
llo 0
.40% non sono però cumulabili tr
a lorro.
o.
Con
va
che
prez
C
on riserv
a di modific
he dei
d pr
ezzi.
zi
TOGNETTI
TOGNETTI AUTO
AUTO
Via
Via San Gottardo
Gottardo 139
9
Gordola
6596 Gor
dola
77HOb
HOb
Partner
Partner di vendita:
vendita:
*$5$*(%8==,1,9LD/RFDUQR$VFRQD
*$5$*(%8==,1,9LD/RFDUQR$VFRQD
$8720$77(,9LD&DQWRQDOH6RPHR
$8720$77(,9LD&DQWRQDOH6RPHR
Losone – Circo Scatola
Domani venerdì, con inizio alle 20.15, al
Centro La Torre si esibirà il Circo Scatola
con Luzia Bonilla e Mario Camani. Entrata 15 franchi, ragazze e ragazzi 8 franchi. Prenotazioni: [email protected]
o 091 825 77 82.
Locarno – Gita Utoe
Domenica 19 ottobre, gita finale a sorpresa, con pranzo al grotto. Facile gita
familiare, della durata massima di 3 ore,
per scoprire un angolino di Ticino molto
suggestivo, per poi chiudere la stagione
estiva con un buon pranzo e tanta allegria (naturalmente si può partecipare
anche solo al pranzo). Per informazioni
e prenotazioni telefonare a Tiziana Faraon, 079 400 05 04.
Verscio – Teatro
Domani venerdì, alle 20.30, al Teatro Dimitri si esibirà la Compagnia “Due” con
lo spettacolo “Senso unico”.
Brissago – Castagnata offerta
Oggi dalle 14, castagnata offerta presso
la pasticceria Zanzottera con degustazione di vini e musica con il duo Silvio e
Maurizio.