close

Enter

Log in using OpenID

(Geas5_5-11:Pink societ\340.qxd)

embedDownload
PINK
BASKET
FOTO P. ZAMPIERI
Informazione sul Femminile Lombardo
5 novembre 2014
RISULTATI GIOVANILI
U19 ELITE: S. Gabriele Mi-Geas 51-79
U17 ELITE: S. Gabriele Mi-Geas 59-76
U15 REG.: Usmate-Geas 56-52
U15 ELITE: 1° turno il 22/11 (Geas-Carugate)
U14: 1° turno il 9/11 (Pioltello-Geas)
“STAVOLTA FESTEGGIAMO NOI”... - L’ulma volta, Torino era uscita a braccia alzate dal PalaNat. Ora la festa
è tua per un sontuoso Geas: bel gioco e dominio proprio nel giorno in cui sembrava più improbabile.
A2 Grande rivincita per un grande Geas
4°
turno
PADDY POWER GEAS
PARZIALI:
22-12, 47-28, 64-45
GEAS: Grassia, Arturi
18, Ranzini, Galli 6,
Picco, Mazzoleni 12, Berea 5, Barberis 12,
Giorgi 2, Laterza 23, Bonomi E. All. Zano.
TORINO: Riccardi 13,
O’Rourke 17, Quarta 17,
Coen 6, Domizi 7, Santuz
2, Salvini 3.
CIFRE NOTEVOLI:
Individuali: Laterza
8/13 da 2, 7/12 t.lib.,
22 rimb. (9 off.), valut.
41; Arturi 4/6 da 3, 6
rimb., 3 ass., valut. 20;
Barberis 4/8 al ro, 5
rimb., 4 ass.
Di squadra: 44% da 2
contro 25%; 50% da 3
contro 28%; 51 rimb.
contro 32; a sfavore 22
perse e 13 rec.
CLASSIFICA:
1) Genova*
2) Geas
2) Torino
4) Selargius
4) Broni
6) Milano
6) Carugate
8) Alghero*
6
6
6
4
4
2
2
0
CHI SALE E CHI SCENDE
Genova, con una parta in meno, è virtualmente prima, unica
imbauta. Ma nel
prossimo turno c’è
Torino-Genova. In
realtà, vista la formula che farà riparre tu da zero nella
seconda fase, più che
il primato interessa
prendere più distanza
possibile sul 5° posto
(in “Poule Promozione” andranno le
prime 4): in tale oca
gli scontri in arrivo
con Selargius e Broni
(quest’ulma sta risalendo) saranno ancora più importan
per il Paddy Power.
78 65
PIRAMIS TORINO
Cosa chiedere a un Geas che affronta la capolista imbauta senza Gambarini e Kacerik, due da quinteo, e con
altri acciacchi vari? Forse di limitare i danni in aesa di
tempi migliori... Invece il Paddy Power domina dall’inizio
alla fine, con una prova perfea per due quarti, e negli altri
due comunque solida nel respingere ogni rimonta.
CHE SQUADRA - “Standing ovation” meritata per le
ragazze di Cinzia Zanoi, capaci di azzerare il peso dei fattori sfavorevoli, esaltandone altri a proprio vantaggio. In
primo luogo il rendimento sopraffino dell’asse play-pivot:
un’Arturi vioriosa a mani basse nel confronto con l’americana O’Rourke (non tanto in fase realizzativa, dove peraltro ha tirato con percentuali assai migliori, quanto nella
gestione della squadra) e una monumentale Laterza che ha
fao il vuoto in area sui due lati del campo.
L’altra chiave è stata la determinazione del colleivo:
chi c’era ha fao anche la parte delle assenti; Barberis e
Mazzoleni in doppia cifra, Giorgi, Galli, Berea (più Picco
e Bonomi pur in pochi minuti) tue utili. Saporita rivincita
sui playoff della primavera scorsa, ma è una vioria che
conta anche per il presente: l’iniezione di fiducia è forte, il
Geas ora sa di poter loare nuovamente per il vertice.
GRANDINATA - Sono le triple (8/11 nel 1° tempo), unite
alla buona difesa e alla costanza di Laterza, a produrre la
doppia spallata con cui Sesto prende il largo: nel finale di 1°
quarto con Arturi (3 missili di fila), poi con Mazzoleni, Galli
e la stessa capitana prima dell’intervallo (anche +22). Nella
ripresa, Torino aumenta la fisicità in difesa e aacca più convinta il canestro, ma le rossonere trovano sempre il modo di
respingerla: unico mini-brivido sul +8 a -1’40”, ma Berea
chiude i conti, ovviamente dall’arco. Così c’è spazio anche
per gli esordi in A2 di Ranzini (‘97) e Grassia (‘98).
Protagoniste. A sinistra: Laterza sovrasta
Riccardi; Arturi spara
una delle sue 4 triple
a bersaglio. A destra:
Mazzoleni sguscia in
entrata; l’energia di
Barberis in un’incursione a canestro.
IL COMMENTO - “Tutte hanno dato di più”
COACH ZANOTTI: “Una vioria del gruppo, perché quando
manca qualcuno tue le altre sono chiamate a dare qualcosa
in più. Le ragazze hanno risposto alla grande, la squadra ha
fao esaamente quello che avevamo preparato e che avevo
chiesto in semana. A tra, è vero, soffriamo quando ci mettono le mani addosso: dobbiamo lavorare su questo, è un atteggiamento che deve nascere dall’allenamento. Non ci si fa
male se si difende duro durante la semana, ma si è poi pronte
ad affrontare questo genere di situazioni. Il coinvolgimento di
Laterza nei giochi? Certo è già omo, ma le giovani non avevano mai avuto un centro così importante, quindi persino in
una prestazione come questa abbiamo notato a video delle situazioni in cui potevamo servirla di più. Insomma, ci sono margini di crescita in questo come in tu gli altri aspe”.
5°
sabato 8 novembre, ore 18
S. SALVATORE SELARGIUS - GEAS
turno
Dopo l’esaltante prova con Torino, le geassine affrontano Selargius: trasferta sarda non certo
agevole per le ragazze di coach Zano, avan di soli 2 pun in classifica rispeo alle prossime
avversarie, che oltretuo sono solite trasformarsi in posivo nell’osca tensostruura di casa.
“Purtroppo affronteremo Selargius ancora orfane di Gambarini e
Kacerik - annuncia l’allenatrice sestese, che domenica era in tribuna
a osservare la sconfia delle ca-
3
gliaritane sul campo di Carugate ma la squadra ha saputo dare il
meglio di sé anche in emergenza:
contro Torino abbiamo dato prova
di essere un gruppo compao e
unito, sabato dovremo nuovamente impegnarci al massimo perché Selargius è una squadra con un
quinteo forte. Se manterremo
alta l’aenzione, potremo portare
a casa due pun molto importan
in prospeva”. Vincere, infa, significherebbe prendere un prezioso +4 sul 5° posto.
DOMANDE A... - Beatrice Barberis
1) Dominata Torino senza Gambarini e Kacerik: qual è stato il segreto, la voglia di rivincita sui playoff 2014 o altro?
“L’amarezza per la sconfia contro Torino dello scorso anno c’era e
sempre ci sarà, quindi vincere contro di loro dà soddisfazione in più.
Ma la forza per sopperire alle assenze ce l’ha data in primo ruolo coach
Zano, che ci ha spronato a trasformare il problema in uno smolo:
tue abbiamo dato qualcosa in più rispeo al solito, ma soprauo
abbiamo giocato insieme e come una squadra vera”.
2) L’anno scorso hai giocato poco per problemi fisici, ora invece hai
un ruolo importante: stai godendo il momento?
“In realtà non sento di aver dato ancora tuo: purtroppo un problema alla schiena mi ha un po’ limitata, ma sto recuperando e mi
sento pronssima a dare il
100%. Certo, sento di più la
responsabilità, ma sono serena e nessuno mi mee
troppa pressione”.
3) Per la prima volta (Arturi esclusa) giocate con un
pivot dominante, Laterza: è
difficile adaarsi?
“Nessuna difficoltà, anzi!
Una giocatrice dominante in
area come Maria è quello che ci è sempre mancato, anche negli anni
delle giovanili. Rispeo allo scorso anno penso che la squadra sia ancora più completa, riusciamo a girare meglio e anzi, col passare delle
parte riusciremo a sfruare ancora meglio la presenza in area di una
giocatrice importante come lei”.
GIULIA & MARIA IN QUINTETTO “PINK”
Hanno totalizzato 41 pun, 28 rimbalzi e 61 di valutazione: c’è una
coppia play-pivot più forte di Arturi e Laterza? L’italo-americana
ritocca i suoi record-carriera in A2 nelle tre voci stasche di cui
sopra, nonché nei ri liberi realizza e tenta. Doverosa l’inclusione
di entrambe nel quinteo ideale della semana di Pink Basket.
PINK
STARS
PINK BASKET
www.geasbasket.it
anche su Facebook e Twitter
U19 ELITE - Dilagano alla distanza
U17 ELITE - Fanno il bis col Sanga
S. GABRIELE MI - ARMANI JUNIOR GEAS 51-79 (28-35)
S. GABRIELE MI - ARMANI JUNIOR GEAS 59-76 (20-44)
GEAS: Mistò 4, Oggioni 6, Picco 22, Decortes 3, Meroni 7, Berea 15, Grassia 2,
Dio 9, Ranzini 4, Galiano, Oliva 7. All. Zano.
GEAS: Mistò 17, Oliva 3, Cipelli, Oggioni, Anzaghi 2, Decortes 12, Colombo ne,
Meroni 16, Leveraro 19, Grassia 5, Guerra, Bolognini 2. All. Rota.
Nel primo di due derby giovanili consecutivi al “PalaGiordani” di
Milano, il Geas U19 conquista la seconda vioria stagionale. Iniziando
un po’ molle e sootono, Sesto termina il 1° quarto in vantaggio di soli 2
punti (15-17). Difesa a uomo per entrambe le squadre ma, mentre il San
Gabriele loa con determinazione su tui i
palloni, le sestesi, per quanto superiori (+7 al
20’), appaiono senza una vera identità
difensiva. Ci vuole la strigliata di coach Zanoi
durante la pausa dell'intervallo lungo per
rivedere un Geas più pimpante e aggressivo nel
terzo quarto (45-58 al 30’), per poi dominare
l’ultimo con un 6-21, fruo di un aacco ora
fluido e puntuale. La partita termina con un +28
forse eccessivo in rapporto all’andamento.
Nel resto della seconda giornata, Biassono
travolge Cantù e rimane anch’essa a punteggio Carloa Picco miglior realizzatrice nel derby U19
pieno, come potrebbe fare Albino se bae
col S. Gabriele.
giovedì 6 Milano Stars.
Le U17 imitano le “sorelle maggiori” U19 e incamerano anch’esse il
derby col Sanga. Nel 1° quarto, che si chiude sul +4 (11-15), le rossonere
sono contrae, concedono qualcosa di troppo alle padrone di casa e in
aacco non concretizzano il buon volume di gioco prodoo. Il 2° quarto
è il più positivo del match (9-29), con una
difesa che si fa più intensa e puntuale,
permeendo alle ospiti di trovare quindi
maggior ritmo in aacco e buone conclusioni,
fino al + 24 dell'intervallo.
Il 3° periodo è invece da dimenticare, perso
dalle geassine di 11 lunghezze: il Sanga rientra
in campo determinato e volitivo, prende
fiducia con diversi contropiedi e 6 rimbalzi
offensivi concessi dalle sestesi solo in questa
frazione (15 totali). Il 4° periodo è vinto di
misura dalle rossonere, che non sembrano
La ‘99 Leveraro ha guidato
riuscire a ritrovare fino in fondo il giusto
le marcature per le U17.
aeggiamento. Ma l’esito non è in discussione.
U15 REG. - Stop
USMATE - ARMANI JUNIOR
GEAS 56-52 (39-27)
GEAS: Croce 11, Giacomelli 6, Dellavedova 3, Fossa, Colombo 10, Balduin 5,
Ghezzi 2, Maschio, Ferrari 7, Allario 2,
Fontana 4, Garu 2. All. Lanzi.
Al debuo nella categoria
superiore, le 2001 del Geas pagano
un inizio tremendo e non basta poi
un’oima rimonta. Il 1° quarto (24-4
per Usmate) è un susseguirsi di
errori difensivi che lasciano troppo
spazio al tiro e al contropiede.
Nel 2° periodo le geassine tirano
fuori l’orgoglio e fanno capire che
non ci stanno a farsi "schiacciare". La
fase offensiva diventa più
organizzata e quella difensiva più
aenta ed aggessiva: all’intervallo è
-12, che diventa -10 a fine 3° quarto.
L’arrembaggio conclusivo riduce
ancora di più le distanze ma non
viene coronato dall’aggancio. In vista
dei prossimi impegni le rossonere, che
intanto si preparano all’esordio anche
in U14 (domenica 9 a Pioltello)
dovranno far tesoro della lezione in
termini di approccio iniziale alla gara.
GIOVANILI
Quarta puntata: presentiamo le U13
IDENTIKIT DEL GRUPPO
COACH: Renata Salvestrini
CARATTERISTICHE: Ingresso nel basket agonisco vero e proprio per la squadra di coach
Salvestrini: “Quest’anno - spiega l’ex pivot azzurro - abbiamo una sola 2003, Toffali, in un
nutrito gruppo di 2002. Al nucleo storico si sono aggiunte 3 giocatrici provenien dal maschile, ovvero Biffi, Bellini e Di Marino, oltre ad Aleppo e Nichilo, la prima all’esordio col
basket e la seconda proveniente da Bruzzano. Il primo obievo sarà quello di portare le
giocatrici meno esperte al livello di quelle più pronte, poi penseremo a lavorare sulla crescita individuale di ognuna. Siamo ancora in aesa del calendario e delle avversarie, ma
per ora samo lavorando bene. Abbiamo giocato tre amichevoli, baendo neamente
BFM e Viuone, facando invece con Costa. Difficile dire ora che stagione sarà: diciamo
che a questo livello ogni anno ci sono sorprese, spesso e voleneri belle, come dimostra
la scorsa stagione delle Esordien che quest’anno compongono questa Under 13”.
Le Esordien dello scorso
anno, ora diventate (insieme
ad alcuni nuovi arrivi) le
Under 13.
PROFILI A CURA DELL’ALLENATRICE
BELOTTI Giorgia - la capitana, giocatrice ideale che sa
fare tuo molto bene.
PANISI Emilia – deve acquisire più fiducia, perché è
molto, molto brava.
POLLETTA Chiara – la nostra lunga, deve migliorare a
livello atletico, oimo impegno
MATTEUCCI Petra – grande volontà e capacità di stare
in campo.
WEINRICH Rebecca – sa fare tuo in campo, deve
avere più fiducia e convinzione.
FILIPPONE Sara – l’anno scorso ferma, sta recuperando
ma le manca un anno di preparazione.
GAYE Ndiaya – fisicamente mostruosa, corpo da cestista, deve impegnarsi di più mentalmente.
BELLINI Beatrice – “la” giocatrice, brava tecnicamente
e perfea in campo.
BIFFI Camilla - bravissima, la seconda giocatrice ideale
della squadra, non ha paura di essere “piccola”.
ALEPPO Maria – all’inizio, molto sveglia e vogliosa di
imparare. Già molto migliorata.
DI MARINO Elena – molto brava e grande personalità,
deve migliorare nella tecnica.
TENORE Carloa – manca in precisione nei fondamentali, ma sa stare in campo come poche.
NICHILO Micaela – simile a Tenore, deve crescere nei
fondamentali.
TOFFALI Laura – già importante, vera forza della natura. Non si vede il fao che sia un anno più piccola.
PINK BASKET: QUARTA STAGIONE - PARTECIPANO: B ‘92 Cantù - Carugate - Costamasnaga - Geas Sesto S.G. - Sanga Milano - ASD Usmate - Varese ‘95 con Nord Varese Vedano - Viuone
Hanno scrio su questo bolleno: Manuel Beck, Jacopo Caaneo - La produzione completa è su: pink-basket.blogspot.it - FOTOGRAFO UFFICIALE GEAS: Paolo Zampieri
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
343 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content