Programma annuale 2014 relazione

ISTITUTO COMPRENSIVO SANREMO LEVANTE
con annessi Centro Territoriale Permanente per l’Educazione degli adulti CTP
Sezione Carceraria presso la Casa Circondariale di Bussana
Corso Cavallotti, 92 - 18038 Sanremo / E-mail: [email protected]
C.F.: 90083290081
Tel 0184/541440 - Fax 0184/541006
PROGRAMMA ANNUALE
Esercizio Finanziario 2014
Presentazione dell’Istituto
Contesti urbani
L’Istituto Comprensivo Sanremo Levante si estende su di un vasto territorio che comprende
il levante cittadino, ovvero il quartiere di San Martino, le frazioni collinari di Verezzo, Poggio,
Bussana, il comune montano di Ceriana.
Si compone di 14 plessi, sette di scuola Primaria e cinque di scuola dell’Infanzia, tre di scuola
secondaria di primo grado, ubicati nel comune di Sanremo e di Ceriana.
Ciascun plesso presenta elementi di specificità che contribuiscono a differenziarlo e a
contraddistinguerlo in modo peculiare.
I Plessi di scuola dell’Infanzia “Villa Meglia”, “Casa dei bambini Montessori”, di scuola
Primaria “Dani Scaini” e “Montessori” , di SSIG “G. Pascoli” si trovano nel quartiere “San
Martino” della città di San Remo; quest’ultimo si snoda lungo un’arteria molto trafficata che si
innesta sulla statale Aurelia; è ben collegato al centro cittadino dalla rete dei trasporti
pubblici, al comune di Arma di Taggia tramite l’Aurelia Bis. E’ inoltre vicino alla stazione
ferroviaria, alla zona portuale. Il quartiere, un tempo residenziale, a partire dagli anni
settanta/ ottanta ha conosciuto un forte sviluppo dell’edilizia economico/popolare. Presenta
anche ampie aree verdi (parco di Villa Ormond, Villa del Sole), la passeggiata mare Trento
Trieste. La parrocchia di nostra Signora della Mercede è un centro di aggregazione, un luogo
di ritrovo per i bambini e i ragazzi del quartiere. E’ dotato di servizi e di strutture sportive: la
palestra di Villa Ormond, il campo da calcio Nike di Corso Cavallotti, i campi da calcio
viciniori allo stadio cittadino Rino Grammatica, la piscina comunale.
La
scuola primaria Gigi Ghirotti e la viciniore SSIG sono ospitate nella frazione di
Bussana assimilabile ad una piccola borgata. Geograficamente è posta in prossimità dello
sbocco della Valle Armea, a levante. Presenta numerosi insediamenti abitativi risalenti alla
ricostruzione del paese avvenuta a seguito del terremoto del 1897, nonché abitazioni più
recenti disseminate nel territorio circostante sia in collina che a ridosso del lungomare. La
frazione è sufficientemente collegata dai mezzi pubblici al centro cittadino ed è soggetta al
fenomeno del pendolarismo degli abitanti che si spostano verso Sanremo o Arma ove hanno
sede le loro attività lavorative.
A dominare lungo il lato ponente il tratto terminale della Valle Armea, si erge la frazione di
Poggio dove sono presenti sia la scuola dell’Infanzia che la scuola Primaria. La borgata
presenta un nucleo abitativo gravitante sul centro storico e costruzioni più recenti
disseminate nelle campagne circostanti. Il settore primario , tra le attività lavorative della
1
frazione, è prevalente; è diffusa soprattutto la floricoltura anche se a seguito della recente
crisi economica non rappresenta più l’esclusiva fonte di reddito.
L’edificio della scuola primaria e della scuola dell’Infanzia di Verezzo “P.R. Giordano”, è
immerso nel verde lungo il corso del torrente San Martino. L’ubicazione del plesso, conse
nte agli alunni un contatto diretto con l’ambiente naturale e permette uno studio più
coinvolgente e concreto. Data la caratteristica degli insediamenti abitativi, senza la presenza
di un centro che sia luogo e motivo di incontro, la scuola oltre ai primari obiettivi educativi e
didattici, assume una valenza sociale ed aggregante.
Il borgo di Ceriana è situato in Alta Valle Armea, tra boschi di castagni, uliveti e ampie
distese di verde ornamentale. Il borgo comprende un bel centro storico dove sorgono
pregevoli edifici. Il paese è molto legato alle tradizioni, custodite gelosamente. Esso ospita la
scuola Primaria e Secondaria di primo grado G. Natta, la scuola dell’Infanzia ubicata in uno
storico edificio di Corso Italia appartenente alla fondazione “Rubini”. Sono numerose le
presenze di cittadini extracomunitari o provenienti dall’Est europeo. Nel paese è presente
una struttura di pronta accoglienza destinata ad ospitare minori in attesa di affido familiare.
Sono annessi all’Istituto il Centro Territoriale Provinciale per l’Istruzione degli adulti
ospitato in un’ala dell’edificio delle SSIG “G. Pascoli” e la sezione carceraria ubicata presso
la casa circondariale di Valle Armea.
Il CTP intercetta e recepisce le domande formative dell’utenza adulta del territorio in
prospettiva di long live learning. Esso propone:
 Corsi di alfabetizzazione per l’acquisizione della lingua Italiana rivolti prevalentemente
a stranieri comunitari ed extracomunitari;
 Corsi
finalizzati al conseguimento del diploma conclusivo del Primo Ciclo
dell’Istruzione, frequentato prevalentemente da studenti stranieri o da minorenni
italiani non ancora in possesso del suddetto diploma;
 Corsi brevi per adulti di varia tipologia rispondenti ai bisogni formativi del territorio.
Contesto socio culturale
Gli alunni che frequentano le nostre scuole appartengono a nuclei familiari composti da più
persone (genitori e due o più figli) e in minore percentuale sono mononucleari.
I genitori sono impegnati, in prevalenza, in attività lavorative legate all’artigianato, al
commercio, alla libera professione, al terziario o al settore floricolo nelle zone rurali; molte le
madri casalinghe.
Considerando il titolo di studio pochi sono i laureati e pochi sono coloro con solo la licenza
elementare, mentre circa la metà è in possesso del diploma di scuola secondaria di primo e
di secondo grado; in alcuni plessi la scolarità delle madri è superiore a quella dei padri.
Su tale contesto di base si è innestata nell’ultimo decennio una immigrazione proveniente
dall’Albania, dai paesi dell’Est europeo e dal mondo arabo e cinese.
Pertanto le classi hanno assunto sempre più un carattere multietnico, richiedendo una
maggiore flessibilità da parte della scuola sia per quanto concerne i contenuti sia per le
modalità di intervento.
La scuola dell’Infanzia e la scuola Primaria di Ceriana sono frequentate da alunni
provenienti dalla casa di pronta accoglienza “Educare con amore”. Essi presentano spesso
bisogni educativo speciali connessi alle precarie condizioni familiari.
2
Utenza
Frequentano l’Istituto 1076 alunni così distribuiti:
Scuola dell’Infanzia: 224
Villa Meglia
Montessori
Poggio
Verezzo
Ceriana
70
54
45
25
30
Scuola primaria: 431
D. Scaini
Montessori
Bussana
Poggio
Verezzo
Ceriana
127
93
82
58
37
34
Scuola Secondaria primo Grado: 421
Pascoli
Bussana
Ceriana
346
46
29
Centro Territoriale Permanente: 161
Sez. A - Medie
Sez. B - Medie
Carcere - Medie
Alfabetizzazione
Carcere - Alfabetizzazione
21
23
11
94
12
IL PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA
Il Piano dell'Offerta Formativa (POF) è il documento rappresentativo dell’identità culturale e
progettuale di ogni Istituto scolastico.
Esso ha il compito di dichiarare in modo trasparente i connotati identificativi del servizio
formativo della scuola riguardanti la dimensione educativa, didattica, organizzativa,
gestionale, valutativa.
Consapevole dell’importanza di definire in modo chiaro e condiviso tale documento, il
collegio docenti ha elaborato il POF sulla base delle priorità e delle linee di indirizzo
individuate dal Consiglio di Istituto nella seduta del 27 giugno 2013 con delibera n° 57,
della analisi preliminare del contesto, delle risorse, dei bisogni e delle domande formative.
Inoltre in fase di stesura si sono valutati i dati acquisiti con la verifica del POF del precedente
anno scolastico, così come emersi nella seduta del collegio docenti del 13 giugno 2013
con delibera n° 26. Anche gli elementi assunti con gli strumenti del progetto
“Autovalutazione di istituto” sono stati vagliati in sede di stesura del POF.
3
Le priorità di cui alla delibera n° 57 della seduta del Consiglio di Istituto del 27 giugno 2013
sono le seguenti:
1. Promuovere il successo formativo attraverso azioni volte al recupero degli alunni
diversamente abili, DSA, BES, stranieri e facendo leva sulle NT, la didattica
laboratoriale, valorizzando l’orientamento, la valutazione formativa, promuovendo
percorsi personalizzati ed inclusivi.
2. Garantire l’unità dell’impianto curricolare, didattico, organizzativo dell’Istituto
Comprensivo attraverso la definizione di un curricolo verticale e la riflessione
autovalutativa;
3. Favorire iniziative a supporto delle dinamiche relazionali, della dimensione
comunicativa attraverso le NT, il sito dell'Istituto per garantire alla comunità
professionale un clima sociale positivo;
4. Sostenere la dematerializzazione dei flussi comunicativi e della documentazione.
Sulla base di tali priorità il collegio docenti con delibera n°8 nella seduta del 2 Settembre
2013 ha individuato le seguenti aree di intervento delle funzioni strumentali:
1. SUPPORTO AGLI ALUNNI BES (Discendente dalla Priorità 1);
2. NT, DIDATTICA LABORATORIALE, GESTIONE SITO (Discendente dalle priorità
1,3,4);
3. CONTINUITA’ E CURRICOLO ( discendente dalle priorità 1, 2);
4. ORIENTAMENTO( discendente dalle priorità 1);
5. COORDINAMENTO DEL CTP (Connessa alla presenza dell’annesso CTP).
Nella seduta del 12 settembre 2013 con delibera N° 18 il collegio ha individuato i progetti
portanti di Istituto rispondenti alle finalità sopraenunciate.
Si è prospettato la possibilità di avviare progetti di ampliamento dell’offerta formativa in orario
extrascolastico; con il CTP si promuove inoltre la finalità del long life learning.
Il POF è stato adottato dal Collegio dei docenti dell’I.C. Sanremo Levante nella seduta del 30
Ottobre 2013 con delibera n° 20.
Gli stessi progetti rispondono ad una serie di obiettivi così sottoarticolati in fase di
pianificazione:
1. obiettivi prioritari che traducono dal punto di vista tecnico
“l’imput
politico/programmatorio in risposta ad un bisogno del territorio, sviluppabile in arco di
tempo medio lungo;
2. obiettivi specifici connessi che esplicitano una finalità di breve periodo, e la
modalità con cui si ritiene di poter agire per conseguire gli obiettivi prioritari;
3. obiettivi operativi che rappresentano le modalità operative con cui il si perseguono
gli obiettivi specifici e a lungo termine.
Coerentemente con quanto deliberato in collegio docenti, si delineano i seguenti obiettivi
dell’offerta formativa, anno scolastico 2013/2014.
OBIETTIVO PRIORITARIO 1:
Promuovere il successo formativo
attraverso azioni volte al recupero degli
alunni diversamente abili, DSA, BES,
stranieri e facendo leva sulle NT, la didattica
laboratoriale, valorizzando l’orientamento, la
valutazione formativa, promuovendo percorsi
OBIETTIVI OPERATIVI CONSEGUENTI
1.
Stilare, monitorare, verificare il Piano
annuale dell’Integrazione ai sensi della
normativa vigente;
2.
Promuovere progetti inclusivi volti a
4
personalizzati ed inclusivi
intercettare situazioni di disagio,
bisogni educativi speciali e a predisporre
interventi compensativi , dispensativi,
riabilitativi, mirati, anche attraverso l’uso
delle strumentazioni informatiche (pc
netbook, L.I.M.);
OBIETTIVI SPECIFICI CONNESSI:
 Fornire agli alunni gli strumenti per
apprendere ad apprendere per con
sentire loro di sapersi
districare nei labirinti della
conoscenza, per porre le basi
dell’apprendimento permanente;
 Individualizzare,
personalizzare,
diversificare, e individualizzare i
percorsi" per garantire
la piena
attuazione del diritto allo studio, la
rimozione dei condizionamenti socioculturali, la crescita armonica della
persona;
 Valorizzare
l’informatica
ambiente di apprendimento;
3.
Programmare un percorso di studio
assistito per gli alunni DSA della SSIG
affinchè imparino a vicariare le proprie
difficoltà attraverso strumenti compensativi;
somministrare test agli alunni della Infanzia
e della Primaria per individuare
precocemente difficoltà
fonologiche/metafonologiche;
4.
Monitorare i casi di difficoltà di
apprendimento nell’istituto per
ridurre il numero degli alunni con
difficoltà scolastiche imputabili a BES (
alunni H, DSA, stranieri, con svantaggi
linguistici, culturali, sociali, connessi ai
processi evolutivi) ; limitare la consistenza
di dette difficoltà, promuovere attività di
laboratorio, di recupero per gli alunni,
anche attraverso l’utilizzo delle NT, il
coinvolgimento di personale specializzato.
Aumentare il numero degli insegnanti
impegnati in percorsi di autoformazione e
di ricerca/azione didattica e
metodologica;
5.
Documentare e diffondere buone
pratiche, materiali e strumenti utili,
attraverso l’uso delle moderne tecnologie
per consentire la riduzione delle difficoltà
degli alunni e il potenziamento di abilità e
competenze;
6.
Favorire per tutti gli alunni l’utilizzo
regolare dei laboratori informatici di
plesso per l’avvio dell’alfabetizzazione
informatica e le varie attività didattiche di
studio,
ricerca,
documentazione
e
comunicazione, recupero potenziamento
delle
competenze;
promuovere
l’innovazione
metodologico/didattica
attraverso l’utilizzo della LIM;
7.
Sensibilizzare la comunità scolastica
alla cultura della sicurezza, della salute,
della legalità;
8.
Pianificare azioni volte a sostenere
l’orientamento degli alunni
come
 Diffondere la cultura della legalità,
della solidarietà, della convivenza
democratica, della integrazione della
“diversità “.
 Sostenere la cultura della
valutazione e dell’orientamento come
leva strategica per avviare processi
migliorativi nel curricolo della Scuola
dell’Infanzia, nella Scuola Primaria,
nella scuola Secondaria di IG.
5
9.
Elaborare progetti di alternanza scuola
lavoro per gli alunni a rischio dispersione
scolastica;
10.
Monitorare l’efficacia e l’efficienza dei
processi di insegnamento/ apprendimento
attraverso la somministrazione di prove di
valutazione concordate a livello di Istituto;
tabulare e restituire le prove INVALSI.
A tali obiettivi concorrono i progetti dell’area A, D del POF.
OBIETTIVO PRIORITARIO 2:
Garantire l’unità dell’impianto curricolare,
didattico, organizzativo dell’Istituto
Comprensivo attraverso la definizione di
un curricolo verticale e la riflessione
autovalutativa
OBIETTIVI SPECIFICI CONNESSI:
 Promuovere la riflessione teorica tra i
docenti finalizzata alla Elaborazione
del il curricolo verticale di istituto
fondato su competenze verticali,
essenziali, trasversali;
 Favorire l’acquisizione degli alfabeti
base della cultura nella prospettiva di
un nuovo umanesimo per insegnare
a ricomporre i grandi oggetti della
conoscenza riconoscendone la
complessità per promuovere i saperi
trasversali;
 Intercettare e rispondere ai bisogni
rilevati dei portatori di interesse e
dell’utenza;
 Migliorare la qualità dell’offerta
formativa erogata in termini di
efficacia ed efficienza;
 Fornire agli alunni gli strumenti per
apprendere ad apprendere per con
sentire loro di sapersi
districare nei labirinti della
conoscenza, per porre le basi
dell’apprendimento permanente;
OBIETTIVI OPERATIVI CONSEGUENTI
1.
Pianificare, monitorare, verificare il
progetto “A scuola di competenze” per
promuovere cambiamenti nelle
rappresentazioni connesse all'apprendimento
e all'insegnamento, con particolare riferimento
ai contesti operativi di esperienza diretta,
sostenere la riflessione e analisi circa le
proprie pratiche didattiche in direzione
innovativa,
promuovere e potenziare lo sviluppo di
capacità ed abilità connesse all'elaborazione di
ipotesi di ricerca e realizzazione di percorsi
didattici innovativi riferiti all'approccio per
competenze;
2.
Aggiornare ed adeguare il POF:
individuare le priorità, le aree di intervento
delle FS, i progetti portanti di Istituto;
3.
Migliorare la qualità dell’offerta
formativa promuovendo iniziative di
formazione per il personale;
4.
Promuovere l’analisi autovalutativa
dell’ Istituto attraverso la somministrazione
di questionari alle diverse componenti della
comunità scolastica e conseguente
tabulazione dei dati emergenti;
5.
Valorizzare le iniziative di continuità
tra i vari ordini di scuola nell’ottica della
costruzione di un curricolo verticale garante
dell’unitarietà del percorso formativo degli
alunni;
6.
Promuovere le attività motorie sportive
come occasione per maturare esperienze
6
 Ampliare e differenziare l’offerta
formativa in base ai bisogni formativi
dell’utenza;
cognitive , sociali, culturali e affettive
improntate al benessere;
7.
Diffondere la cultura scientifico/
sperimentale attraverso il potenziamento
delle attrezzature scientifiche
e della
didattica laboratoriale”, la diffusione delle
buone prassi, l’adozione di metodologie
innovative ; educare all’ambiente , ai
valori aderendo alle varie iniziative
promosse dal territorio;
8.
Educare ai valori della cittadinanza
attiva, della convivenza democratica e
dell’Europeismo attraverso le azioni
previste dal progetto Comenius;
9.
Promuovere il piacere della lettura,
l’acquisizione delle abilità di studio e di
ricerca/uso competente dell’informazione
attraverso il progetto Biblioteca;
10.
Favorire l’acquisizione di competenze
proprie del metodo storiografico con il
progetto “La storia siamo noi”;
11.
Programmare iniziative volte
all’ampliamento dell’offerta formativa:
corsi di lingua
Francese
per il
conseguimento del titolo DELF/Livello A2
(SSIG);
 Accrescere, rinforzare, condividere la
cultura, i valori, le norme del sistema
organizzativo di Istituto;
 Favorire
l’apprendimento
organizzativo sostenendo modelli di
leadership diffusa.


corsi di potenziamento
Inglese; (SSIG);

iniziative teatrali, di animazione ed
arricchimento delle attività espressive e di
attivazione dei laboratori nei vari plessi
scolastici;
 Progettare corsi per il
dell’ECDL(SSIG);
della
Lingua
conseguimento
 Sostenere la cultura musicale ;
promuovere competenze nella pratica
strumentale e vocale attraverso attività
laboratoriali;
 Promuovere un servizio di scuola estiva, di
doposcuola, di mensa per il corso E della
SSIG all’interno dell’Istituto;
12.
Valorizzare la dimensione collegiale, il
7
confronto, lo scambio di esperienze, la
condivisione, la diffusione delle buone
pratiche nella elaborazione della
pianificazione didattica e nella definizione
del nuovo curricolo di Istituto;
13.
Definire il sistema d’organizzazione
collegiale di Istituto , promuovere le figure
di coordinamento individuando ruoli,
compiti; intervenire sul sistema premiante
tramite lo strumento della contrattazione di
Istituto e la valorizzazione del merito;
A tali obiettivi concorrono i progetti dell’area C del POF, le azioni connesse con il sistema
organizzativo (collaboratori DS, Fiduciariato, responsabili di progetto, FS)
OBIETTIVO PRIORITARIO 3:
OBIETTIVI OPERATIVI CONSEGUENTI
Favorire iniziative a supporto delle
dinamiche relazionali, della dimensione
1. Promuovere l’acquisizione di competenze
comunicativa attraverso le NT, il sito
informatiche relative all’uso delle moderne
dell'Istituto per garantire alla comunità
tecnologie nella didattica sempre più
professionale un clima sociale positivo;
avanzate nel personale;
Sostenere la
dematerializzazione dei
flussi
comunicativi
e
della
2. Procedere alla definizione della struttura del
documentazione.
sito dell’Istituto, aggiornandolo in base alle
disposizioni fornite dal D.Lgs. 33/2013;
OBIETTIVI SPECIFICI CONNESSI:
 Fornire il necessario sostegno ai
processi di cambiamento in atto nella
scuola;
 Garantire il miglioramento dell’offerta
formativa, la qualità dell'azione
didattica ed educativa attraverso l’uso
delle NT.
 Rendere la comunicazione
trasparente ed efficace migliorando le
strategie, velocizzando i flussi
comunicativi;
 Sostenere la cultura della legalità e
della trasparenza adeguando il sito
alle disposizioni del D.Lgs. 33/2013;
 Migliorare le relazioni tra le varie
componenti della comunità scolastica;
 Consentire la messa in atto dei
processi di dematerializzazione delle
P.A.;
3. Sostenere i processi di
dematerializzazione attraverso la
sperimentazione del registro digitale in
alcuni corsi della SSIG;
4. Promuovere l’utilizzo del sito per
dematerializzare, agevolare i flussi
comunicativi, la documentazione
inerente la didattica a gli atti amministrativi,
rendere trasparente e leggibile il servizio
scolastico ai genitori e alla comunità
garantendo una corretta informazione agli
utenti, sostenere la cultura della
trasparenza e della legalità;
5. Promuovere la documentazione di sistema
e di prodotto creando sul sito la sezione
“Amministrazione trasparente” e le sezione
connessa alla pubblicazione del POF;
6. Promuovere iniziative didattiche che
consentano agli alunni di acquisire le
competenze informatiche di base e di
accrescere le proprie competenze;
7. Favorire per tutti gli alunni l’utilizzo regolare
8
 Promuovere una efficace politica di
valorizzazione e sviluppo delle risorse
umane attraverso qualificate iniziative
differenziate ( formazione in servizio,
formazione tra pari,
autoaggiornamento, lavori di gruppo,
formazione a distanza, percorsi
blended).
dei laboratori informatici di plesso per
l’avvio dell’alfabetizzazione informatica e le
varie attività didattiche di studio, ricerca,
documentazione
e
comunicazione,
recupero
potenziamento
delle
competenze; promuovere l’innovazione
metodologico/didattica attraverso l’utilizzo
della LIM; educare all’uso corretto delle NT;
sostenere
il
progetto
didattica
laboratoriale comportante l’uso delle
NT(nebook, tablet, piattaforma, LIM) come
ambiente di apprendimento e il progetto
Giornalino Telematico;
 Diffondere e divulgare materiali e buone
prassi attraverso l’utilizzo del le NT.
Concorrono a tali obiettivi i progetti dell’area B del POF
OBIETTIVI CONNESSI ALLA
ISTRUZIONE DEGLI ADULTI E ALLA
GESTIONE DEL CTP
Arricchire e qualificare l’offerta formativa
dell’Istituto per rispondere alle domande
formative in evoluzione.
Promuovere il long live learning
intercettando e recependo i bisogni
educativi della popolazione adulta del
territorio.
OBIETTIVI SPECIFICI CONNESSI:
1. Favorire l’acquisizione degli alfabeti
base della cultura nella prospettiva di
un nuovo umanesimo per insegnare
a ricomporre i grandi oggetti della
conoscenza riconoscendone la
complessità per promuovere i saperi
trasversali;
OBIETTIVI OPERATIVI CONSEGUENTI
 Accrescere le conoscenze e le competenze
di base della popolazione adulta del
territorio attraverso i corsi di
alfabetizzazione in lingua Italiana, il
corso per il conseguimento del diploma
del primo ciclo di istruzione;
 Rispondere ai bisogni di formazione della
popolazione adulta del territorio attraverso
corsi
brevi
per
l’acquisizione
di
competenze
nelle
lingue
straniere,
nell’informatica e nei vari settori richiesti.
2. Consolidare l’attitudine a considerare
la formazione come processo che
abbraccia l’intero arco della vita.
Concorrono al raggiungimento di tali obiettivi i progetti dell’Area E.
Vengono precisati gli obiettivi dei progetti del POF deliberati nella seduta del collegio docenti
del 30 Ottobre 2013 ( delibera n° 20) e del consiglio di Istituto del 11 dicembre 2013 (
delibera n° 25).
AREA A: SUPPORTO AGLI ALUNNI BES/BENESSERE
9
Progetto
Alunni H
DSA:
Screening
infanzia e
Primaria
Studio
assistito SSIG
Svantaggio
Linguistico
Finalità e obiettivi
Favorire l’integrazione scolastica declinando i principi della politica
inclusiva dell’Istituto nel PAI.
Prevenire il disagio, la dispersione scolastica, promuovere il successo
formativo attraverso azioni volte al recupero degli alunni con DVA, portatori
di bisogni educativi speciali, stranieri e diversamente abili. Garantire la
piena integrazione nel gruppo di appartenenza e nel macro ambiente
scuola degli alunni DVA.
Creare una rete di supporto in collaborazione con il territorio per sostenere
il percorso formativo degli alunni in difficoltà di apprendimento.
Prevenire il disagio, la dispersione scolastica, promuovere il successo
formativo attraverso azioni volte al recupero degli alunni DSA;
supportare i processi di apprendimento attraverso la sottoscrizione di PDP;
Intercettare attraverso screening mirati e interventi specialistici possibili
difficoltà fonologico/metafonologiche;
Promuovere iniziative di studio assistito.
Favorire l’ approccio interculturale.
Supportare l’integrazione degli alunni stranieri anche in collaborazione con
l’Associazione “Il Mappamondo”.
Organizzare percorsi di alfabetizzazione linguistica per gli alunni di recente
immigrazione.
Favorire l’integrazione degli alunni BES programmando interventi di
rinforzo di abilità, conoscenze, competenze.
Difficoltà
cognitivo
limite/recupero
Ed salute
Promuovere stili di vita improntati al benessere dello studente.
Intercettare e rispondere ai bisogni degli studenti attraverso iniziative
mirate ( intervento del counselor, attivazione dello sportello con lo
psicologo, collaborazione con l’ASL).
Cittadinanza e Sostenere la cultura della legalità ed intraprendere iniziative volte a
Costituzione
sollecitare la cittadinanza attiva.
Sicurezza
Sviluppare e promuovere la cultura della sicurezza predisponendo itinerari
formativi, diffondendo informazioni di base, favorendo l’adozione di
comportamenti sicuri fuori e dentro la scuola, coinvolgendo tutti gli
operatori, avviando un confronto tra i soggetti competenti in materia di
sicurezza scolastica e cittadini, stimolando l’intelligenza del sistema
Gestire il sistema di sicurezza in modo dinamico e proattivo, sapendo
individuare strategie per risolvere, porre, anticipare, prevenire problemi in
una prospettiva di miglioramento continuo
AREA B NT DIDATTICA LABOREATORIALE SITO WEB
NT
DIDATTICA LAB
[email protected]
Promuovere l’acquisizione di competenze informatiche sempre più
avanzate nel personale e negli alunni.
Dematerializzare, agevolare i flussi comunicativi, la documentazione
inerente la didattica a gli atti amministrativi.
Ampliare le possibilità di accesso all’informazione, facilitare la
comunicazione, la condivisione e la collaborazione attraverso
l’alfabetizzazione alle NT
Sperimentare l’uso di una didattica innovativa supportata dalle moderne
tecnologie, creando ambienti di apprendimento stimolanti e tali da
potenziare conoscenze, competenze, abilità.
10
SITO WEB
Documentazione
di sistema edi
prodotto
Giornalino
telematico
Rendere trasparente e leggibile il servizio scolastico ai genitori e alla
comunità garantendo una corretta informazione agli utenti.
Promuovere la documentazione di sistema e di prodotto.
Favorire un approccio significativo alle NT attraverso la redazione del
giornalino telematico
AREA C CONTINUITA’ E CURRICOLO
Gruppo ricerca Avviare la riflessione teorica sulla didattica per competenze in prospettiva
azione curricolo della elaborazione del curricolo verticale di Istituto;
Coordinare le attività dei gruppi disciplinari verticali;
Curare la documentazione dei processi di ricerca azione.
Continuita’
Garantire un percorso formativo unitario e coerente agevolando il
passaggio degli alunni da grado a grado dell’istruzione scolastica.
Autovalutazione Monitorare l’efficacia e l’efficienza dell’impianto organizzativo, educativo,
didattico, amministrativo, la qualità dell’offerta formativa dell’istituendo
Comprensivo Sanremo Levante attraverso la riflessione autovalutativa;
Mettere in atto processi tendenti al miglioramento continuo.
Educazione
Sostenere la diffusione della cultura scientifica attraverso il
scientifica
potenziamento delle attività laboratoriali, delle metodologie attive , lo
scambio di buone prassi, la collaborazione con associazioni del territorio.
Comenius
Sviluppare la conoscenza e la comprensione della diversità culturale/
linguistica europea e del suo valore.
Promuovere il confronto e lo scambio tra parteners aderenti al progetto
per sostenere la disseminazione di buone prassi.
Sport:
Promuovere le attività motorie e sportive come occasione per maturare
Progetto uomo
esperienze cognitive, sociali, culturali e affettive improntate al benessere.
mare e natura
Progetto sci
Progetti sportivi
Infanzia e
primaria
Gruppo
sportivo
Biblioteca
Promuovere e sviluppare il ruolo della biblioteca scolastica quale
strumento per elaborare contenuti, costruire significati, acquisire
competenze cognitive e metacognitive per far fronte alla complessità del
quotidiano, sviluppare l’ immaginazione e il gusto per la lettura.
Formazione
La storia siamo
noi
Ampliamento
offerta
formativa
Sistema
organizzativo di
Istituto
Promuovere la formazione come leva strategica fondamentale per lo
sviluppo professionale del personale, per il necessario sostegno agli
obiettivi di cambiamento, per un’efficace politica di sviluppo delle risorse
umane.
Accrescere le competenze nel settore dell’indagine storiografica.
Articolare e qualificare l’offerta formativa a favore dell’utenza con progetti
in orario extracurricolare ( DELF , KET, ECDL, Progetto OrchesranDO,
corso di chitarra, prescuola, doposcuola, assisetnza mensa corso E
Pascoli, scuola estiva).
Accrescere, rinforzare, condividere la cultura, i valori, le norme del
sistema organizzativo di Istituto;
Favorire l’apprendimento organizzativo;
Sostenere modelli di leadership diffusa
11
AREA D ORIENTAMENTO
Orientamento
Alternanza
scuola lavoro
Valutazione
Individuare, valorizzare, promuovere attitudini, interessi, competenze degli
studenti.
Sostenere la valutazione formativa.
Prevenire la dispersione scolastica attraverso l’organizzazione di percorsi
alternanza scuola/lavoro.
Sostenere la cultura della valutazione come leva strategica per avviare
processi migliorativi nel curricolo della Scuola dell’Infanzia, della Scuola
Primaria, della scuola Secondaria di IG.
AREA E COOCRDINAMENTO CTP
Corsi di
Sostenere la formazione lungo tutto l’arco della vita promuovendo:
alfabetizzazione

Corsi di alfabetizzazione per alunni stranieri
Corsi brevi
adulti

Corsi volti al conseguimento del diploma conclusivo del primo ciclo
di Istruzione

Corsi brevi per adulti (corso di Francese, corso di Inglese, corso di
Russo, corso di Spagnolo, corso di Tedesco, corso di Arabo, corso di
chitarra, Corso di informatica, Corso inglese per detenuti…)

Corso di alfabetizzazione promosso dalla regione Liguria (Imparo
l’Italiano in Liguria 3).
Gli obiettivi indicati, pur espressi in aspetti specifici, sono logicamente organizzati in aree
progettuali:
P. 1 - AREA PROGETTUALE A: SUPPORTO AGLI ALUNNI BES
1. Integrazione alunni H
2. Integrazione alunni DSA
3. Studio assistito DSA
4. Integrazione alunni stranieri
5. Progetto di recupero
6. Educazione alla salute
7. Cittadinanza e Costituzione
8. CCR
9. Scuola sicura
P. 2 - AREA PROGETTUALE B: NT DIDATTICA LABOREATORIALE SITO WEB
1. NT
2. Didattica laboratoriale
3. [email protected]
4. Sito web di istituto
5. Documentazione di sistema e di prodotto
6. Giornalino telematico
P. 3 - AREA PROGETTUALE C - D: CONTINUITA’ E CURRICOLO - ORIENTAMENTO
1. Gruppo di ricerca azione per il curricolo: A scuola di competenza
2. Continuità
12
3. Progetto autovalutazione
4. Educazione scientifica
5. Comenius
6. Sport: Progetto uomo mare e natura, Progetto sci,
7. Progetti sportivi Infanzia e primaria
8. Gruppo sportivo
9. Biblioteca
10. Formazione
11. La storia siamo noi
12. Potenziamento lingua Inglese
13. DELF
14. ECDL
15. KET
16. Corale
17. Progetto orchestranDO
18. Progetti vari ampliamento offerta formativa (doposcuola, mensa, scuola estiva…)
19. Orientamento
20. Alternanza scuola lavoro
21. Progetto valutazione Infanzia
22. Progetto valutazione Primaria
23. Progetto valutazione Secondaria Primo Grado
P. 4 - AREA PROGETTUALE E: RAPPORTI CON ILTERRITORIO (CTP)
1. Impara l’ italiano in Liguria 2
2. Impara l’ italiano in Liguria 3
3. Corso di francese per adulti
4. Corso di inglese per adulti
5. Corso informatica per adulti
6. Corso breve di arabo
7. Corso breve di tedesco
8. Corso breve di russo
9. Corso breve di chitarra
10. Corso breve di spagnolo
11. Test lingua italiana per stranieri
12. Corso alfabetizzazione
13. Corsi vari CTP
Le aree di progetto concorrono a rendere unitario il P.O.F. e s’integrano con tutte le iniziative
avviate nell’ Istituto e nei singoli plessi scolastici.
Ogni obiettivo trova le condizioni di realizzazione, in una specifica scheda progetto, con
indicato il responsabile, la durata, le risorse umane ed i beni e servizi utilizzati. L’elenco dei
progetti, con l’impegno finanziario previsto, si trova nella sezione progetti ed attività.
I RISULTATI DELLA GESTIONE IN CORSO
Avanzo di amministrazione anno 2014
La situazione finanziaria al 31/12/2013 è descritta dal modello C in allegato.
L’avanzo d’amministrazione è di € 274.605,54 di cui non vincolato € 21.088,40 e vincolato
€ 253.517,14.
L’avanzo di amministrazione si ottiene dalla somma del fondo cassa al termine dell’anno
finanziario precedente che corrisponde ad € 110.777,53 e l’ammontare dei residui attivi
che è pari ad € 177.473,59 detratti i residui passivi pari ad € 13.645,58.
13
L’importo dei residui attivi risulta cospicuo in quanto comprende la somma dei residui attivi
dell’ ex Scuola Media “G. Pascoli” e dell’ ex 3° Circolo che sono confluiti nel nuovo Istituto
Comprensivo Sanremo Levante a decorrere dal 01/09/2012.
I residui passivi comprendono alcune fatture rimaste da pagare a fine esercizio
Il mod. D (Utilizzo avanzo di amministrazione presunto) allegato al Programma annuale
presenta una discordanza dovuta al fatto che nello stesso non vengono indicati gli importi
presenti nell’ “aggregato Z” (€ 125.778,12 relativi agli anni precedenti + € 32.662,38 relativi al
corrente anno = € 158.440,50) e nel fondo di riserva.
Nella tabella che segue vengono descritti gli importi dettagliatamente.
Aggr.
importo
vincolato
Importo
non
vincolato
Aggregato
Z
Fondo di
riserva
158.440,50
200,00
voce
A
A01
A02
A03
A04
P
P. 1
P. 2
P. 3
P. 4
Attività
Funzionamento amministrativo
generale
Funzionamento didattico
generale
Spese di personale
Spese di investimento
Progetti
Area progettuale A: supporto agli
alunni BES
Area progettuale B: NT didattica
laboreatoriale sito web
Area progettuale C-D: continuità
e cirricolo - orientamento
Area progettuale E: rapporti con
il territorio (CTP)
TOTALE
3.934,14
10.851,51
7.500,24
16.648,44
505,82
11.114,89
1.765,43
39.978,25
23.666,32
94.876,64
21.088,40
Finanziamento dello Stato - dotazione ordinaria
Come da nota MIUR prot. n. 9144 del 05/12/2013 la risorsa finanziaria, quale dotazione
ordinaria assegnata alla scuola ai sensi dell'art.2 comma 7 del D.I. n.44/01, per l’ anno 2014
è pari ad € 7.346,66 (rapportata agli 8/12- periodo gennaio/agosto 2014) ed è stata
determinata sulla base dei parametri dimensionali e di struttura previsti nel D.M. 21/2007
come segue:
- spese di funzionamento determinate sulla base della tabella 2 quadro A del DM 21/2007:
quota fissa per istituto
quota per sede aggiuntiva
quota per alunno
quota per alunno diversamente abile
733,33
800,00
5.621,33
192,00
14
Finanziamenti della Regione – altri finanziamenti vincolati
Si prevede un finanziamento pari ad € 20.350,00 quale contributo per il progetto “Imparo l’
Italiano in Liguria 3”.
Finanziamenti da Enti locali o altre istituzioni pubbliche – Comune vincolati
Si prevede un finanziamento pari ad € 7.500,00 quale contributo da parte del Comune di
Sanremo per le “Funzioni miste al personale ATA”.
Contributi da Privati
Si prevede un finanziamento totale pari ad € 36.000,00 quale contributo dei genitori degli
alunni relativi a: viaggi di istruzione (€ 4.000,00), quote assicurative (€ 9.000,00), progetti
didattici organizzati nell’ ambito del POF (€ 7.000,00), progetto doposcuola (€ 6.000,00),
progetto sci (€ 10.000,00).
Progetti ed attività
Sono di seguito elencati i progetti, con codice e titolo sintetico, che sono espressione ed
attuazione del POF. Per ogni progetto è stata predisposta una scheda descrittiva con
l’indicazione del responsabile, degli obiettivi, della durata, delle risorse umane e dei beni e
servizi; la scheda finanziaria (Modello B) riporta il totale delle entrate e delle spese della
macroarea.
codice
Descrizione
importo
P. 1
area progettuale A: supporto degli alunni BES
P. 2
area progettuale B: NT didattica laboratoriale sito web
P. 3
area progettuale C e D: continuità e curricolo - orientamento
P. 4
area progettuale E: rapporti con il territorio (CTP)
11.114,89
A01
A02
A03
A04
55.978,25
45.875,03
Totale progetti
Codice
3.112,09
Descrizione
116.080,26
importo
funzionamento amministrativo generale
funzionamento didattico generale
spese di personale
spese d'investimento
Totale attività
9.934,14
47.499,95
15.000,24
505,82
72.940,15
Fondo di riserva
Il calcolo è stato effettuato secondo quanto previsto dal Regolamento di Contabilità, vale a
dire fino ad un massimo del 5% della dotazione finanziaria ordinaria.
Da quanto tutti i finanziamenti erogati dallo Stato sono da considerarsi dotazione ordinaria
l’importo da indicare sarebbe molto elevato, quindi, nello spirito che detto importo è un puro
accantonamento da utilizzare solo nel caso in cui dovessero manifestarsi spese necessarie e
imprevedibili, e per non sottrarre importi rilevanti alle attività programmate, si stabilisce di
costituire il fondo di riserva con € 200,00, prelevato dall’avanzo d’amministrazione non
vincolato.Disponibilità finanziaria da programmare
La nota del MIUR prot. n. 8110 del 17.12.2012, rimandando alle note recanti indicazioni per
la predisposizione del Programma Annuale 2011 e 2012 le cui istruzioni circa le entrate, le
15
spese e la gestione finanziaria, stabilisce che una somma pari all' ammontare dei residui
attivi di competenza dello Stato venga opportunamente inserita nell' aggregato “Z”
disponibilità da riprogrammare.
L’ importo pari ad € 158,440,50 derivante dalla somma dei residui attivi della ex Scuola
Media “G. Pascoli” e della ex Direzione Didattica 3° Circolo viene collocata interamente nel
rigo Z.
Funzionamento amministrativo generale
Sono previste spese finalizzate al funzionamento delle attività amministrative necessarie alla
gestione dell’Istituto. L’ufficio di segreteria è il punto di riferimento e di supporto
organizzativo per tutte le esigenze dei plessi e si occupa della gestione del personale,
dell’acquisto del materiale necessario al funzionamento amministrativo. Cerca di sopperire
alle eventuali esigenze straordinarie di manutenzione e pulizia. Sono previste anche spese
per lo smaltimento dei rifiuti tossici provenienti dalle macchine fotocopiatrici e dalle stampanti
di tutti i plessi.
L’importo per il funzionamento amministrativo generale pari a € 9.934,14 è finanziato in parte
con l’avanzo d’amministrazione non vincolato (€ 3.934,14) e in parte con finanziamenti dello
Stato relativi al funzionamento (€ 6.000,00).
Funzionamento didattico generale
Sono previste spese per l’acquisto di materiale finalizzato alle attività curriculari ed
extracurriculari e accompagnamento al processo di dematerializzazione dei procedimenti
amministrativi. Sono comprese anche le spese riguardanti il supporto all’insegnamento come
gli abbonamenti a riviste specializzate, spese per viaggi di istruzione ecc...
L’importo pari a € 47.499,95 comprende l’avanzo di amministrazione vincolato pari ad €
10.851,51; l’avanzo d’amministrazione non vincolato pari ad (€ 16.648,44) e il contributo da
parte dei genitori degli alunni per i viaggi di istruzione (€ 4.000,00), assicurazione (€
9.000,00) e contributo per progetti didattici organizzati nell’ ambito del POF (€ 7.000,00).
Spese per il personale
Con queste risorse si intende organizzare un servizio di pre-accoglienza dislocato nei diversi
plessi di scuola dell’ infanzia e primaria in risposta alle esigenze avanzate dalle famiglie degli
alunni, migliorare la qualità del servizio erogato agli utenti, promuovere azioni a sostegno
della genitorialita’ realizzando servizi di supporto, avviare intese negoziali con l’Ente locale
nell’ottica del sistema formativo integrato.
L’importo complessivo previsto è di 15.000,24 ed è erogato con finanziamenti da parte del
Comune di Sanremo.
Spese d’investimento
Le spese d’investimento prevedono eventuali acquisti di modesta entità per il rinnovo di
alcune strumentazioni didattiche e dei laboratori considerato l’importo pari a € 505,82
finanziato dall’avanzo d’amministrazione non vincolato.
Approvato in consiglio di Istituto con delibera
n°36 del 27 gennaio 2014.
IL DIRETTORE dei S.G.A.
(Sig.a Fernanda CIPRIANI)
Firmato digitalmente da
IL DIRIGENTE SCOLASTICO
(Dott.ssa Anna Maria
AnnaFOGLIARINI)
Maria Fogliarini
T = Dirigente Scolastico
SerialNumber =
IT:FGLNMR65B61I138X
C = IT
16