close

Вход

Log in using OpenID

Comune di Ostuni RASSEGNA STAMPA

embedDownload
Comune di Ostuni
Ufficio Stampa
RASSEGNA STAMPA
selezione di ritagli-stampa ad uso del destinatario - non riproducibili
sabato 22 novembre 2014
Sommario
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Centro “Madonna della Nova”, ok per il limite, ma le strisce non si vedono (Quotidiano)
“San Martino e il maialino”, il Lions in beneficenza (La Gazzetta del Mezzogiorno)
Tommaso Montini, Quattro chiacchiere con il pediatra in Biblioteca (La Gazzetta del Mezzogiorno)
Carrozzo, diritti umani e fenomeno migratorio (La Gazzetta del Mezzogiorno)
Da Emiliano appello per la pace tra PD e Socialisti (Quotidiano)
Città Bianca la Pall. 2000 contro il Leverano (la Gazzetta del Mezzogiorno)
Sport. Basket. Ostuni in ansia per Morena (La Gazzetta dello Sport)
Sport. Basket. Cisternino. Morena finisce in ospedale per una miocardite virale (Quotidiano)
Gioco d’azzardo e armi: oltre un secolo di carcere (Quotidiano)
Piano da un miliardo per mettere in sicurezza il territorio regionale (La Gazzetta del Mezzogiorno)
Vincolo idro-geologico in Puglia a forte rischio il 26% delle aree (Gazzetta del Mezzogiorno)
a cura di:
Natalino Santoro
Francesco Pecere
Emilio Guagliani
IA GAZZETTA DEL MEZZOGIOR.1~0
SABATO 22 NOVEMBRE 2014
G1li!JW LE SIJORE DEL CENTRO 11MADONNA DEllA NOVA» INVOCANO ANCORA UNA VOLTA SICUREZZA
«Ok per il limite di velocità
ma le strisce nonsi vedono»
«Grazie asindaco evigili per il segnale, ma nonbasta»
CZ-iUNt la strada sulla quale insiste l'ingresso del centro Madonna della Nova
o OSTUNI. «Grazie al sindaco, ma le
strisce pedonali ancora non sono visi·
bili».
Le suore del centro di spiritualità "Ma·
donna della Nova" tornano alla carica
nel sollecitare condizioni di sicurezza
stradale conformi allo stato dei luoghi
corrispondenti alla sede che le ospita.
«Con ordinanza dirigenziale n. 48 • si
legge in una nota - il dirigente dalla Polizia Municipale di Ostuni, Francesco
Lutrino, ha ridotto la velocità sulla strada provinciale che collega Ostuni a Ca·
rovigno nel tratto in cui ha la sede il
Centro di Spiritualità "Madonna della
Nova", dopo che le suore residenti nella
struttura dell'ex seminario, avevano
chiesto l'abbassamento del limite di velocità a 30 km/h e l'installazione di un
passaggio pedonale che collegasse la
struttura da un marciapiede all'altro».
Le religiose ringraziano il sindaco e la
Polizia Municipale per aver completato
la loro richiesta... a metà. Nella nota,
infatti, si legge: "Il grazie al sindaco per
l'interessamento ad abbassare il limite di
velocità sulla strada che costeggia il nostro Centro di Spiritualità. Ma le strisce
pedonali ancora non si vedono, nè tanto
meno viene segnalato il passaggio pedonale da un marciapiede all'altro». Da
qui, la riformulazione dell'appello rivo!-
La sede èsullastrada·per
!:istanza èstata presentata
più volte dalle religiose che Carovigno, all'ingresso deUa
ora chiedono un ulteriore cittadina, ediverse voltec'è.
sforzo alle istituzioni stato il rischiodi investimento
to alle istituzioni.
Come si ricorderà, le suore si rivolsero
al Comune lamentando, .appunto, una
grave situazione in ambito di sicurezza
stradale e in riferimento all'incolumità
delle decine di persone che frequentano
· l'edificio ecclesiale. La struttura è infatti
a ridosso di un lungo rettilineo che divide
il centro abitato dallo svincolo per raggiungere la strada statale 379 e i centri di
Carovigno, San Vito, Mesagnce Brindisi.
«E' estremamente pericolosa - avevano
scritto-i responsabili del centro- l'uscita
con i mezzi e soprattutto l'attraversamento pedonale, a causa dell'alta velocità
con la quale spesso i veicoli percorrono
questa arteria. Il centro è divenuto nel
tempo luogo di accoglienza di centinala
di persone che nell'arco dell'anno vi. soggiornano per varie iniziative spirituali,
culturali e di riposo: più volte anche di
recente, gruppi di fedeli o semplici turisti
hanno rischiato di essere investiti».
Le suore nelle istanze presentate hanno sempre sostenuto come una delle possibili soluzioni quella di apporre una segnaletica orizzontale e verticale del Passaggio pedonale ad oggi inesistente e abbassando il limite di velocità sulla suddetta strada>>.
Il lavoro, per metà, è stato fatto. Ora si
attende il completamento.
i
oo
INVISIBILI le strisce pedonali
IA GAZZElfA DEL MEZZOGIORNO
SABATO 22 NOVEMBRE 2014
.OSTUNI
«San Martino e il maialino», il lions
in favore di un progetto di beneficenza
OSTUNI- Nell'ambito delle iniziative del Lions Club Ostuni
«New Century», col presidente, ing. Giuseppe Cariulo, si
svolgerà oggi l'iniziativa benefica: «San Martino e il maialino».
Presso Masseria Refrigerio, la serata sarà l'occasione per
raccogliere fondi per contribuire all'iniziativa della «Scuola
Cani Guida Lions». Una cena che si attua ogni anno dove la
portata principale è un «maialino cotto» (in forno a legna per
24 ore) con degustazione di vino novello ed altri prodotti tipici.
Il presidente Giuseppe Cariulo ha detto: «Siamo
un'associazione di servizio e insieme dobbiamo destinare il
nostro tempo, la nostra passione e le nostre energie per il
raggiungimento degli obiettivi che ci prefiggiamo.
Camminiamo insieme come protagonisti della solidarietà e
testimoni della pace come rappresentanti di questo distintivo
di cui ci frègiamo; spillino che è il simbolo della comunione di
scopi, idee e risorse di un gruppo di persone e che ne
esprime la tradizione, il senso di appartenenza e l'orgoglio».
Insieme al vice presidente Ignazio Anglani; alla segretaria,
Angela Stella Prudenti no; ad Antonio Cattedra (Past.
presidente); Massimo Faggiano (tesoriere); Rita Tamborrino
(cerimoniere) e ai consiglieri: .Antonio Calamo, Vincenzo
Asciano e Giampiero Vitale, si trascorrerà una serata
all'insegna dell'amicizia, della convivialità unita al servizio ed
al dialogo tra i soci per la raccolta fondi per il servizio nazionale
«Cani GuidaperCiechi Onlus», fondato dai Lions italiani con la
finalità di dotare gratuitamente persone non veci enti di un
cane addestrato che li renda autonomi nelle attività
quotidiane.
L' ,. r·.t.·Ro
'
CHl.ACCHIERE
(ì
~< ;t;..\
COL PED./\TFi\
\'•
-,,.
.. -..·
AOOSTUll.!I
('-·
Tommaso
Montini presenta
il suo libro:
«Ouattro
chiacchiere con
il pediatra•
OSTUNI OGGI INCONTRO IN BIBLIOTECA COMUNALE
«Riscopriamo
le abitudini alimentari
che hanno fatto grandi
le nostre nonne»
ni,diquantosihadipiùcaro,ecioè
i nostri bambini e la loro salute.
Tommaso Montini è medico pediatra di grande esperienza che
parla come un buon amico dei figli
dando consigli su come affrontare
le malattie infettive, le vaccinazioni, le allergie, l'epistassi, le infezioni, lo svezzamento. .
ni.
L'incontro, con inizio alle 17.30,
«Montini consiglia di abbandopromosso · dall'Amministrazione nare pappe e 'pastrocchie' - si legge nella presentacomunale-assessorato alla Cultuzione del volumee di passare diretra sarà introdotta
l:AUTO~E
tamente dal 'latdal dott. Maurizio
Montini
presenta
te... al ragù". cuCafiero (ASL Napoli).
cina unica per
«Quattro
chiacchiere
Seguiranno,
tutti anche per il
con il pediatra»
dopo il saluto del
piccolino o la picSindaco, gli intercolina che assagventi dell'autore
gerà i manicarete dei pediatri ostunesi. Nell'ap- ti frullati o sminuzzati fino a quanpuntamento, aperto alla cittadi- do non sarà in grado di masticare
nanza che potrà proporre all'au- bene. Consig].j.a di stare attenti soltore e ai medici presenti delle do- tanto a una cosa: "gli alimenti spemande, si affronteranno le esigen- cifici per l'infanzia, prima, e gli
ze e necessità tipiche dei bambini e alimenti per bambini 11oi". I bamsoprattutto, su come devono vivere bini si svezzano da soli, decidono
con naturalezza e spensieratezza. loro quando, e più o meno dal sesto
Si parlerà dei problemi di salute, mese a "tavola con mamma e papà"
piccoli o grandi aiutando le mam- impareranno a mangiare tutto».
me e i papà a capire con parole
Il dr. Montini propone di ritorsemplici e comprensibili. Col sot- nare alle abitudini delle nonne
totitolo: «Una risposta a tutte le che: «abituavano il bambino al padomande che non avete osato fa- sto e alle pietanze preparate per il
re>>, il libro non è né un trattato né resto della famiglia e questa serve
un'enciclopedia medicama un «di- al bambino per la buona salute e il
vano» su cui sedersi per parlare, benessere».
senza fretta e senza semplificazio{A. G./
uattro
chiacchiere con il pediatra»
(ed.
Franco Angeli),
del medico naì'm!.etano Tommaso
Montini, è il libro che sarà presentato oggi, presso l'auditorium
della Biblioteca Comunale di Ostu-
<<
IA GAZZETfA DEL MEZZOGIOR.'10
SABATO 22 NOVEMBRE 2014
Carrozzo, diritti
umani e fenomeno-migratorio
Il fotoreporter ostuneseè a
Marmarised orasarà al
confine tra Turchia eSiria per
documentare i campi profughi
'
E
stato presentato presso il CuJ• .
turai Center (Kulturzentrum)
Gasteig di Monaco di Baviera, il
noto fotoreporter ostunese di im·
pegno sociale, Man:ello Carrozzo che,
nell'ultima settimana di gennaio 2015, sarà
artefice di una mostra fotografica dal titolo:
«Migranti alle porte dell'Europa. Respin·
gimento o accoglienza?».
Il lavoro di Carrozzo, sponsorizzato dalla
0.N.G. «Refugio-Munchen», sarà l'evento
principale presso questo prestigioso centro _
culturale che è sede anche di numerosi
incontri cruturali, nonché della Volksho·
chschule di Monaco (Centro educativo per
adulti), .la Biblioteca Comunale e il Ri·
chard-Strauss-Konservatorium.
Oltre a queste istituzioni di rilievo, ospita
anche molli degli mmli del Fìlmfest Miin·
chen. Costruito sull'area su cui sorgeva la
Biirgerbriiukeller. la famosa birreria in cui.
1'8 novembre del 1939, fu tentato l'attentato
a Adolf Hitler da parte di Georg Elser.
La bomba che avrebbe dovuto uccidere
Hitler esplose 9 minuti troppo tardi. La
birreria venne demolita negli anni settanta
e lo spazio venne utilizzato per la costruzione del nuovo edificio e centro cWturale.
Il Gasteig è completamente realizzato in
mattoni, vetro ed acciaio e copre una supertlcie di 23.000m' e sorge sulla riva destra
dell'Isar nel quartiere di Haidhausen dominando, come una fortezza, il panorama
circostante. Proprio questa sua azione sui
fronti più caldi del mondo, hanno spinto gli
organizzatori tedeschi ad invitare il fotoreporter ostunese a tenere una sua per·
sonale su un tema di grandissima attua·
lità.
Carrozzo arriva a Monaco dopo un reportage a Lampedusa con il supporto della
Guardia di Finanza, accreditato dal Comando Operativo Aeronavale di Pratica di
Mare (Roma) e dal Gruppo Aeronavale di
Manovra (GAN) della Finanza di Taranto e
qui, supportato dagli uomini dell'equipaggio del Guardacoste «Cavatorto» agli ordini
;.;;;".- fa~~~~·2~. .
DllUTl1 UMANICmnmo è e Mannaris e tra poco documenterà i campi profughi in Siria
de!ComandanteRoccoTrois~badocumen·
lato i barconi carichi di profughi alla deriva
nel Mediterraneo e con le navi italiane che
effettuavano i soccorsi.
In precedenza Il futoreporter aveva trascorso wi lungo periodo a bordo di unità
aeronavali nel Canale d'Otranto durante il
quale ha potuto documentare gli aspetti
umani dei finanzieri impegnati in operazioni di contrasto alle attività illecite legate
al traffico di sostanze stupefacenti, armi e
immigrazione clandestina.Nel mese dt giu·
gno scorzo gli è stato assegnato il premio
"Giornalista di Puglia 2014 - Michele Caro·
pione " per la fotografia nella Sezione cuJ.
tura che quest'anno ha bissato con una foto
contenuta nell'ultimo suo libro: "Il l't'SPU'O
dell'utopia" mentre ha terminato il semi·
nario di fotografia di reportage tenuto agli
studenti del Master in Giornalismo
dell'Università di Bari· AFG (Associazione
Formazione al Giornalismo e Ordine dei
Giornalisti della Pug\ia)e i corsi di forma· ·
:zione professionale tenuti a llari·Fog·
gia·1'aranto e Ostum.
Ed ora è a Marmaris prima di raggiungere ili confine tra Turchia e Siria a do-
eumentare I campi prof\Jghi
Il maestro Carrozzo ha sottolineato: «Da
più di 15 anni sono impegnato nella fo·
tografia sociale che è la branca più difficile,
più complessa dell'essere fotoreporter in
quanto ti obbliga ad entrare in contatto con
le persone che vivono ai margini della società, che vivono nascosti al buio del mondo
e lontani dal nostro mondo occidentale. Per
fare questo, la dilatazione del tempo è assolutamente necessaria perché è ovvio che,
per raccontare e documentare il dramma di
· persone, di un popolo, ci vuole veramente
molto ma molto più tempo e bisogna en·
trare in sintonia con queste persone di altre
culture. Bisogna abbattere le barriere di
diffidenza per poter poi far si che loro possono offiirsi e raccontarsi davanti all'obiet·
tivo. Il fotoreporter di impegno sociale è
quel fotografo che accende i riflettori su
storie distanti da noi e l'impegno successivo, quando si torna a casa, è far si che quei
riflettori non si spengano presto affinché
lutti quanli possano prendere coscienza degli accadimenti che succedano in giuro per
Il mondo».
[EG.J
Q~!?!~~~ano
SABATO 22 NOVEMBRE 2014
.
,OSTIJNI
laia: «Strada difficile da percorrere». Tanzarella: «Finora idee politiche troppo diverse,,
Da Emiliano appello per la pace tra Pd e socialisti
Ma un'alleanza al momento sembra ancora lontana
di Danilo SANTORO
soluzione condivisa sulla candi·
datura di Francesco Saponaro,
che stava coinvolgendo ed entu·
siasmando in tanti. Qui si è in·
terrotta, definitivamente, l'idea
di una linea chiara, condivisa,
partecipata di come deve essere
governata la città. A ciò si è an- 1
che aggiunta I' analisi post vo- .
to fatta da Domenico TanzareJ. 1
la · continua Iaia · ma la politi· '
«A Ostuni mi auguro che il
rappono ua il Partito Democra·
tico e i socialisti possa ricomporsi. Mi impegnerò in prima
persona affinché ciò avvenga>>.
Sul percorso comune interrotto
tra le varie anime del centrosi-
nistra ostunese interviene Mi·
chele Emiliano, candidato alle
Primarie per le regionali, giun·
to nella città bianca per una
convention organizzata dal par·
lito socialista. Un appello alla
riconciliazione tra i due schiera-
ca non. può essere un incontro
menti accollo con cauta mode ·
raziooe dalle partì. •Apprendo
con piacere che il segretario re·
gionale del Pd intenda dedicar·
si alla possibile ricomposizione
di un rapporto che ad oggi è
praticamente inesistente - di-
chiara Domenico Tanzarella .,
ho difficoltà però nell'ipotizzare quali possano essere i primi
passi. Fino a ques10 momenlo
ho visto scelte politiche che sono andate nella direzione opposta. Ad esempio - incalza il
rappresentante dell'area socialista • non posso non dare una
valutazione politica alla votazio"ne favorevole sul bilancio
del Pd cbe; di fatto, ha salvato
l'amministrazione di minoranza
guidata da Coppola. Questo depone male. Fino a questo momento solo per la nosua correttezza e la lealtà, che privilegiano gli interessi del centrosinistra, abbiamo evjtato manifesta-
Silvestro laia
al vertice, bensl deve vedere la
più ampia partecipazione possibile».
Il coordinatore cittadino dei
democratici definisce la sua
idea per . alleanze future: • A
Domenico Tanzarella Ostuni dobbiamo costruire uno
<ehieramcnto politico al di I~
zioni di dissenso più ampie. dei destini politici delle singole
La discriminante deve
persone.
Ma se il tentativo di Emiliano
dovesse tardare o essere vano essere programmatica e non le-gata
ai
de~tin i personali• . Intanil nostro atteggiamento cambieto la manifestazione, svolta nel·
rà e non sarà più propositivo»,
Anche la posizione del Pd la Città bianca alla presenza
dell'ex sindaco di Bari, potreb·
di Ostuni, sul possibile riavvici· be aprire le pone ad una candi·
namento con le altre forze loca- datura come consigliere regio·
li del centrosinisua, appare pru· nale dello stesso Tanzarella.
dente: «Capisco la volontà di • Apprendo con piacere che
Emiliano di ricomporre queste Emiliano auspichi una mia can·
divisioni . dichiara Silvestro Ja. didatura nella lista che rappre·
ia, segretario cittadino - ma è
senterà i sociaJisti o lista civiuna strada difficile su ·cui occor· ca. Valuterò opportunamente
re impegnarsi seriamente. Non condizioni e modalità per metteci può essere un nuovo incon- re al servizio della coalizione
tro se non _si capisce realmente
la mia esperienza politica da
perché l'unione di intenti tra amministratore•. Nel .Pd della
queste due forze si sia rona sìn città bianca già confermata, indalla fine della giunta Taozar. "ccc. la candidatura del cons1rella. n partito socialista, poi, ~ l ierc uscenlt..• Giovanni Epifasi è messo di traverso ad una
Città Bianca
la Pali. 2000
si• scontra
col Leverano
e Si disputa oggi al palaCeleste di:
Ostuni, la maratona di volley giallo-blu, dove si scambieranno simbolicamente il testimone le due squadre
della Pallavolo 20000stuni. Si comincerà alle 16, con il campionato di serie D, dove la Pallavolo Ostuni ospiterà la BCC Leverano, terza forza del
campionato che si contenderà l'intera posta in palio, con la giovane
squadra ostunese, guidata da Giacomo Viva e Roberto Bianchi, reduce da
un filotto di tre vittorie consecutive,
portandosi nella parte alta della classifica. Pastore e compagni consapevoli dei propri mezi e del buon livello
pallavolistico raggiunto, renderanno
la vita difficile agli avversari di turno e perchè no, cercare di trasformare il tris in un poker di vittorie.
Alle 18,30 sarà la volta della Pallavolo 2000 Ostuni, targata Orthogea,
che affronterà i baresi della Pallavolo
Gioia, in una gara tra due squadre
che faranno di tutto per ottenere i tre
punti e entusiasmare il pubblico.
Una sesta giornata di campionato
che servirà alla formazione di coach
Macelletti, per capire il potenziale di
questa squadra, sperando in una bella vittoria che possa essere di ben
auspicio per il prosequio del torneo.
SABATO 22 NOVEMBRE 2014
f·~ASKETI2·
····,· · ··· ·. ,.,
o·stuni ·iliansla ·pè.r Morena
• (f.pec.)'Mimmò Morena,. capitano della · · .
:cestistica: Ostuni, è· ricoverato da qualche giorno
·'.pressò il reparto di terapia intensiva ..... . : ·
.dell'Ospedale .«Perrino» di Brindisi pet·una ..
miocardite virale dovuta ad una complicazione
dell'influenza che lo aveva colpito da oltre una
settimana. Ancora incertezza sui. tempi di
recupero: Al giocatore stanno giungendo auguri
di pronta guarigione da tutta l'Italia del basket.
Q~~~diaiiò
SABATO 22 NOVEMBRE 2014
lt CASO ·
Morena finisce in ospedale
per una miocardite virale
tWt OSTUNI - Mimmo Morena, capitano della Cestistica Ostuni (serie C nazionale) è ricoverato da qualche giorno nel reparto di terapia intensiva del "Perrino" di Brindisi per una miocardite virale
dovuta ad una complicazione dell'influenza che lo aveva colpito
da oltre una settimana, A darne notizia è un comunicato stampa
della società ostunese che oltre alla diagnosi parla anche dei tempi
di recupero dell'ex giocatore di Varese e Napoli. «Ancora estrema
incertezza - recita il comunicato - sui tempi di recupero: la terapia
procede regolarmente, ma i medici che stanno seguendo le condizioni di salute del numero 7 gialloblù non si sono ancora pronunciati in merito al suo ritorno sul parquet». Al giocatore stanno
giungendo auguri di pronta guarigione da tutta l'Italia del basket.
F.Pec.
IA GAZZE1TA DEL MEZZOGIORNO
SABATO 22 NOVEMBRE 2014
MOLA AD ASCOLI SATRIANO EMOLFETTA AD OSTUNI PER VINCERE ESPAVENTARE LE PRIME DELLA CLASSE
Casarano-Francavilla, chi perde si tuffa sul mercato a caccia di Di Rito
AVieste un Hellas deluso e «spuntato», Nardò-Trani vale già un passaporto per i quartieri alti, derbissimo Altamura-Bitonto
I') In Eccellenza si parla di mercato. Uno dei calciatori
al Centro di trattative molto poco sotterranee è l'argentino NicholasDiRito,lascorsa stagione all'Andria,
ora in forza al Termoli. L'attaccante potrebbe far parte
della ricostruzione del Casarano dove il nuovo diesse
• Gianni Inguscio potrebbe smontare e rimontare l'organico. Intanto, i rossoblù ospitano al "Capozza" la
Vnius Francavilla, in una delle partite più importanti
dell'undicesima della Premier League di Puglia. Francavilla scosso dallo stop interno con la capolista Vieste e
in attesa di formalizzare l'approdo in finale (giovedì si
reca a Nardò dopo il 4-0 dell'andata), pensa al rilancio e a
un nuovo attaccante, magari il campano Volpicelli
(Gallipoli), per l'argentino Garat.
Il Gargano è il punto più alto della Puglia calcistica. Il
Vieste, senza Di Clausio, riceve l'Hellas Taranto che
non vince dal 19 ottobre e sfiderà i foggiani senza il
fromboliere De Tommaso, anch'egli squalificato. ·
Derby intrigante al "Tonino D'Angelo": Bitonto fa
visita all'Altamura: squadre in buona vena, senza grossi assilli di classifica. Ne può scaturire bel càlcio.
Tensione sportiva ed emozioni si attendono anche da
Nardò, dove il Trani, alla seconda trasferta di fila, è
chiamato ad un altro probante test.
Avversari di media caratura per Mola (ad Ascoli
Satriano) e Molfetta (a Ostuni). Le formazioni adriatiche giovedì, dopo il 3-2 di gara-1, si sfideranno giovedì
nella semifinale di ritorno di Coppa Italia. Completano
il programma Novoli-Sudest e Castellaneta-Galatina.
PROMOZIONE - A nord, attenzioni concentrate su
Gravina (la capolista ospita il Bisceglie, terza forza), e su
Corato, dove è dis cena il Bitritto di Mimmo Caricola.
Più a Sud, il bigmatch si gioca a Otranto: sfida tra gli
idruntini terzi e il Fragagnano capolista. La Salento
Leverano attende il San Vito.
[V. Prig.J
Quoti~iano
SABATO 22 NOVEMBRE 2014
•
•
lOC
o tre un secol
di Nicola QUARANTA
Processo "Calypso": l'accusa di associazione per delinquere di stam po mafioso (finalizzata al gioco d'azzardo, al contrabbando, alla detenzione di
armi oltre che al traffico di
droga) regge anche in appello
e la corte dispensa un secolo
abbondante di pene per Vicientino & co.
In dieci erano finiti alla
sbàrra sull'onda lunga dell'attività investigativa che nel settembre del 2010 consenti di
sgominare uno dei presunti
gruppi emergenti della Sacra
corona unita di Mesagne: quello capeggiato, appunto, da Daniele Vicientino (39 anni, di
Mesagne) e a suo tempo anche
da Ercole Penna (38 anni, di
anch'egli mesagnese, divenuto
dopo il suo arresto collaboratore di giustizia).
La Corte d'appello di Lecce, accogliendo in buona parte
le richieste del procuratore generale Claudio Oliva, ha inflitto la pena più pesante proprio
al 39enne boss mesagnese, confermando la condanna a 24 anni di carcere già sentenziata
dal Tribunale di Brindisi nel
maggio del 2013. E pena confermata (7 anni) anche a carico di suo cugino, Maurizio Vicientino (36enne).
A seguire, in parziale riforma del pronunciamento di pri-
in primo grado dal riconoscimento àella continuazione con
altre sentenze).
li collaboratore di giustizia
Ercole Penna (38enne,-di Mesagne) per le stesse accuse era
stato invece processato con rito abbreviato, incassando la
eanm:
carcere
condanna a otto anni di reclu-
Condannati in Appello il boss Vicientfno
e il re dei videopoker Albino Prudentino
'FF.n~====-:----=c,,----~~~--:-:-::~~~
LA RESA DEI CONTI
Daniele Vicientino e Albino Prudentino: il primo ha
avuto la conferma dei 24 anni d condanna, il
secondo uno sconto di un anno (12 anni di
carcere). Ne1le altre foto: l'a~la ounker a Lecce e
le forze dell'ordine durante l'allarme bomba
mo grado, le altre condanne:
13 anni e 6 mesi (rispetto ai
13 anni comminati in primo
grado, ma inclusivi delle pene
derivanti da altre sentenze passate in giudicato e unificate
con il vincolo della continuazione), per Tobia Parisi (3Jenne, mesagnese), 13 anni (rispetto ai 14 in primo grado) per
Giovanni Vicientino (60enne,
cugino e secondo l'accusa braccio destro del boss) e Gennaro
Solito (59enne, di Ceglie Mes-
• Falso allarme bomba, a precedere il verdetto. Momenti di
tensione si sono vissuti ieri nell'aula bunker del carcere di
Lecce, qualche ora prima che venissero emesse le sentenze a
carico dei presunti componenti l'associazione criminale
brindisina. La telefonata, che annunciava la presenza di un
ordigno, è arrivata al centralino della polizia penitenziaria e
ha determinato l'immediato intervento degli artificieri, della
polizia e dei carabinieri. La struttura - che fa parte del
complesso edilizio del penitenziario di Borgo San Nicola - era
gremita di avvocati, cancellieri e anche imputati - è stata
immediatamente sgomberata e sono state avviate le
procedure di bonifica. La segnalazione si è rivelata infondata.
sapica), 12 anni (rispetto a 13)
per Albino Prudentino (6lenne, cli Ostuni, il re dei videopoker, che all'epoca dell'arresto
stava per inaugurare un casinò
a Valona),12 anni (piuttosto
che 13) per Tiziano Maggio
(34enne, di Mesagne), 9 anni e
6 mesi (rispetto a 12 anni) per
Nicola Nigro 08enne, di Ceglie Messapica), 1 anno (rispet·
to a I anno e mezzo) per Bruno Bembi (50enne, di Oria, la
cui pena era stata già attutita
sione.
La sentenza è stata letta nella serata di ieri, al cui.mine di
una giornata a lungo catalizzata dalla discussione del collegio difensivo (composto dagli
avvocati Giancarlo Camassa,
Raffaele Missere .• Vito Felici,
Cosimo Deleonardis, Ladislao
Massari, Aldo Gianfreda, Pasquale Annicchiarico) e segnata dall'inquietante allarme bomba (segnalazione rivelatasi infondata) che ha costretto i giu,
dici a sospendere i lavori dell'
udienza, poi regolarmente ripresi nell'aula bunker del tribunale salentino.
L'indagine, partita nel 2006
e protrattasi fino al 2009, consentl di fare terra bruciata attorno al clan, grazie ai risultati di
una complessa attività investigativa. Sotto la lente di ingran·
diniento finirono personaggi
già da tempo noti alle forze
dell'ordine, ritenuti influenti
nell'ambito della malavita organizzata. E il più autorevole del
gruppo, fu individuato proprio
in Daniele Vicientino.
L'operazione Calypso, sotto
il profilo storico, ha fatto da
spartiacque per quanto attiene
la posizione di Ercole Penna,
che proprio a margine di quella retata iniziò a collaborare
con la Giustizia, rivelando ai
pm affari e struttura organizzativa della nuova Sacra corona
unita e favorendo così il blitz
successivo, quello del· 28 dicembre 2010, denominato .appunto Operazione Last Minute. Nçlla rete, in quel caso, finì
un altro gruppo egemone della
Scu, quello legato al mesagnese Francesco Campana e al capo storico della famiglia di Tuturano, Salvatore Buccare!Ja.
FES D
L'AMBIE
•
1ano a un miliardo
e mettere i sicurezza
temtorio regionale
e'è l'elenco dei progetti, ma le risorse non arrivano
di Alessandra LUPO
Falesie pericolanti e costoni
rocciosi a rischio. esondazioni
e reli idrogeologiche da ripristinare, Ma anche la messa in sicurezza delle aree a rischio geomorfologiçQ per la presenza
di cavità sotterranee o di gravine. Sono queste le priorità messe a fuoco dalla R,egione Puglia oella ricognizione complessiva che l'allora ministro Orlando avviò sul lcnitorio nazionale a gennaio 2014 e che en-
il 4 dicembre prossimo do-vranno entrare nel piano di intervento che ogni Regione consegnerà al governo. Nell'incontro dcli' altro ieri a Palazzo Chi-
tro
gi, cui era presente anche il
piesidente pugliese. Nichi Vendola. si è parlato <;0prauutto deg li int~rvcnli dc-!;l.Ìnatt alte città
metropolitane. Vt!ndola. che ha
rivendicalo l'ottima perfonnance pugliese in materia di spesa
e impegno (anche) in materici
di dissesto. ha recepito l'impegno del sottosegretario Delrio
a spiegare entro pochi giorni
da dove arriveranno le risorse,
posto che per i 4 interven1i del
Barese saranno impiegate risorse dcl piano nazionale, chies1c
alla Bei (Banca europea per
gli inveslimenti) e sostenuto
dalla garanzia dei 110 milioni
presenti nel DI Sblocca Italia,
per il resto degli interventi invece dovrebbe essere impiegata la prossima programmazione dei fondi destinati a Sviluppo e coesione. I tempi? Ancora non si conoscono ma le Regioni e i Ministeri dovrebbero
finnare a breve una serie di
protocolli d'intesa che fissano
il cronoprogramma sulla base
delle criticità evidenziate dal
fabbisogno idrogeologico di
ogni regione.
Nell'elenco pugliese compa- lendugno, ovvero le scogliere
iono 275 interventi complessi- mozzafiato di San Foca. Roca
vi, inviati al governo nel giu- e Sant' Andrea, molte delle quagno scorso, cui viene ricono- li vietate alla balneazione prosciuto un livello di urgenza cre- prio per il pericolo di nuovi
scente che va da bassa a molto crolli, vengono destinati dal
alta. La m~sima priorità. negli piano 6 milioni di euro. A Cumtcrvenu viene n conosc1uta - ttofiano, per esempio, uno dei
ohre che a zoae particolarmen- comuni a tradizione esuattiva
te a risch.io come i I Gargano - dcl tenitorio, la presenza di caai crolli che hanno interessalo ve e tunnel sotterranei ha dato
la falesia adriatica salentina. te vita al fenomeno diffuso delle
gravine della Murgia tarantina doline da crollo. Stessa ieal!à
ma anche e soprattutto )'ade- a Gallipoli. Oltre che naturalguamento idrogeologico dei
centri abitati, vere bombe a ~~~tl~e~~e ~~=~ car~~~ab:
orologeria alla mercè del me- Mottola, Laterza, ma anche
teo. Le esondazioni occupano Grottaglic con interventi molto
inf~ti misure di spesa impor- consistenti che vanno dai 4 mitanti, accompagnate dalla doppia A dell' urgenza. Come quel- 'Lì{ltìlO]'·"'
la che a dicembre 2013 colpl ·
la.città di Brindisi (che ha subito una ulteriore alluvione po- Gagliano del Capo
chi giorni fa) e per cui saranno
sistemati i canali Patri, Ponte
Grande e Cenito (un milione e
700mila euro). O Castellaneta,
dove nel marzo 2011 e a dicembre 2012 fu il fiume Lato
a~ ~ondare, allagando per
giorni le p~vinciali di collegamento con t comuni limitrofi.
Un intervento che costerà 4 milioni di euro. Mollo :1ha l': la
gna anche alle sistemazioni
Nel piano predisposto dalla Reidriche delle province di Bringione vi è una richiesta di fidisi, Taranto e Lecce. dove annawiamcoto
di 3 milioni di eudrà sistemata l'intera rete idri-~
ro per meuerc in sicurezza la
ca per evitare gli onnai consU&
costa alta nel canalone del Cioti allagamenti. Nel Salento jnlo, in territorio di Gagliano del
vece gli interventi considerati
Capo. E' una delle zone colpimolto urgenti riguardano sote dichiarate inagibili neUa
prattutto i crolli: alla messa in
scorsa primavera.
sicureu.a della falesia di Me-
I
tioni e mezzo di Cutrofiano e
Gallipoli ai 2 milioni rispettivi
di Massafra e Laterz:>.
Una priorità alta viene assegnata alla messa in sicurezza
deJ!a costa alta di Gagliano del
Capo, dove sorge il canalone
del Ciolo, la depressione naturale più profonda di Puglia,
con tracce di frequentazioni
preistoriche al recupero del
guale vengono assegnati 3milioni di euro. Mentre tra gli interventi più contenuti (si fa per
dire, visto che si lrana comunque di 700nùla curo) figura anche la sistemazione di un frantoio ipogeo nel centro storico
di Miggiano.
Melendugoo
RITARDI
La Puglia ha I
progetti per la
messa In
sicurezza del
tetritorio. Ma per
gli interventi
bisognerà
aspettare che
vengano
R~naJ::~
del Fondo
sviluppo.
ooesione della
programmazione
2014·2020
BrlndN
Per la costa alta del Ciolo Sei milioni per mitigare
Per il canale Patri
una soesa di 3 milioni
il rischio di crollo della falesia servono 1,7 milioni
Per mitigare il rischio di crollo
della falesia nel territorio di
Melendugno prevista una spesa di 6 milioni. Un progetto
per una spesa di 4 milioni riguarda la mitigazione del rischio falesia. Altri due milioni
di curo destinati a Tane del·!'Orso. Roca e San Foca.
=oCarmigna
una spesa di 4 milion
Per evitare le continue esonda~
zioni del canaJe Patri di Brindisi, la Regione ha previsto una
spesa di 1,7 milioni di curo.
Gli interventi dovrebbero riguardare oltre al canale Patri.
Ponte Grande e Cerrito. Una
esondazione del Patri si verifi-
Per mitigare il rischio idrc
co di località Casino Ca.1
gnano a Palagiano. in pro
eia di Taranto. la Regione
predisposto un progetto
prevede una spesa di 4 mii
cò nel dicembre 2013.
necessari 3.9 milioni.
~ce~~~ Pilir &~t~f~~~~\
La delibera passa ora in Comrnissione censii are per l'ok definitivo
Quotidiano
SABATO 22 NOVEMBRE 2014
C:J La Giunta regionale ha appro-
vato il regolamento per le aree
da sottoporre a vincolo idrogeologico. «Il vincolo idrogeologico è vincolo "conformativo" si legge nella relazione che l'assessore alle Politiche Agroalimentari, Fabrizio Nardoni, ha
presentato in Giunta -; infatti
l'articolo 42 della Costituzione
prevede che «la proprietà privata è riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i modi di acquisto, di godimento e i
limiti allo scopo di assicurarne
la funzione sociale e di renderla
accessibile a tutti». Uno studio
del 2008 condotto dal Ministero
dell'Ambiente individua, in Puglia, 200 Comuni su 258 ad alta
criticità idrogeologica; mentre
la superficie a più elevato potenziale di esposizione al rischio
comprende ben 5.108,52 krn2,
sottoposta al vincolo idrogeologico, pari al 26.43% del tenitorio regionale».
Nella relazione di Nardoni
anche il passaggio sulla "vacatio" regolamentare: «Considerata questa vacatio - ha detto Nardoni nella relazione -, il Servizio Foreste ha predisposto la
presente proposta, a fini di tute-
Regolamento per il vincolo idro-geologico
in Puglia aforte rischio il 26% delle aree
ha aggiunto: «Avevo sollecitato,
. come accaduto già altre volte in
precedenza, l'assessore alle Risorse agroalimentari, Fabrizio
Nardoni, affinché la proposta di
regolamento per disciplinare i
terreni sottoposti a vincolo idrogeologico potesse essere approvata in Giunta. Considero essenDa sinistra Fabrizio Nardoni ziale questo regolamento perché
e Giovanni Epifani nel dettare le norme per i terreni
sottoposti a vincolo idrogeologie la riduzione del dissesto idro- co non solo sposa a pieno ia tugeologico; la sistemazione idrau- tela dell'ambiente ma realizza anlico-agraria e idraulico-foresta- che un altro principio irnportanle, che individua nella stabilità ·te, quello di non non aggravadei versanti la prima condizione mento del procedimento. Tradotper prevenire più gravi dissesti to: semplificazione delle norme
nelle zone a valle, privilegiando attraverso una distinzione chiara
le sistemazioni idraulico-foresta- delle tipologie di interventi e
delle relative procedure amminili; i materiali di risulta, con la strative necessarie, dal rilascio
gestione delle terre e rocce da di autorizzazione più complesso
scavo, con evidenti richiami al- al parere alla. semplice comunila legge 98/2013».
cazione delle opere da realizzaSoddisfazione per l'approva- re». Dopo l'ok della Giunta, ora
zione del regolamento è stata il regolamento passa in Commisespressa dal consigliere regiona- sione consiliare per l'approvaziole del Pd, Giovanni Epifani, che ne definitiva.
«Un misura necessaria
emolto importante
per la tutela dell'ambiente»
la e di salvaguardia delle aree
sottoposte a vincolo idrogeologico, alla luce dei profondi e drastici cambiamenti che hanno alterato tali assetti negli ultimi 30
anni. Preme preliminarmente
evidenziare che il Regolamento
si fonda oltre che sul principio
di tutela del ten;torio e. dell'ambiente, anche sul principio di
non aggravamènto del procedimento. Sono infatti distinte le tipologie di interventi del procedimento amministrativo che vanno dal rilascio del più "complesso" parere alla "semplice" co-
municazione, secondo quanto indicato nei due allegati al Regolamento, che perseguono anche
la finalità di stabilire le procedure e di uniformare la documentazione da presentare a corredo
.delle istanze di parte». Per quanto attiene agli aspetti tecnici del
Regolamento è stato esaminato:
la regimazione delle acque, per
tombattere l'erosione mantenendo la fertilità del te!Teno e nel
contempo assicurare anche le altre fondamentali funzioni ambientali svolte dal suolo quali il
mantenimento della biodiversità
Quo~id.ianò
SABATO 22 NOVEMBRE 2014
I
OD
ICOLTIJRA
Xylella, dall'Europa
i.fondi per la ricerca
L'Ue destina 751 mila euro allo studio del batterio
di Maria Claudia MINERVA
La Commissione Europea si
~
impegnata a sosrenere con un
apposito finanziamento una cali
di ricerca sulla Xylella. Lo fanno sapere, in una nota congiun-
ta, gli europarlamentari del Pd
pugliese, Massimo Paolucci, Elena Gentile e Paolo De Castro.
«Mercoledì scorso con una delegazione del Pd di Lecce abbiamo incontralo a Rruxelles, per
discutere della drammatìca emergenza "Xylella fastidiosa'" che
sta gravemente danneggiando i
nostri uliveti, i dirigenti della direzione generale Sanità della
Commissione Europea e l'europarlamentare Giovanni La Via,
presidente della commissione
Ambiente e Samtà pubblica dcl
Parlamento europeo. I dirigenti
hanno assicurato il loro impegno
a sostenere di un apposito finanziamenlo per una cali di ricerca
al fine di capire e sconfiggere
un batterio che mai si era manifestato in queste forme e con
questa violenza verso Je piante
di ulivo».
Non solo. •Si è dato ulteriore impulso e sostegno alla richiesta di una variazione del bilancio 2015 dell'Europa di 751 mila
euro, per implementare un monitoraggio serio ed approfondilo
delle zone colpite dal bancrio spiegano gli europarlamentari -.
Con fatti concreti e non con inu-
La richiesta
Achiedere nuovi aiuti
aBruxelles sono stati
i deputati europei pugliesi
L'intervento
Anche Coldiretti ha awiato
una campagna informativa
sulle pratiche agronomiche
Gli es~ mondiafi
negh uliveti colpiti
dal batterio Xylella
tile polemiche prosegue ìl nosb·o
impegno al fianco di agricoltori
e produuori pugliesi».
«Sono panicolarrnente soddisfatto del risultato ottenuto suJla
Xylella fastidiosa dai parlamentari europei del Pd Elena Gentile,
Massimo Paolucci e Paolo De
Castro in accordo con l'assessore regionale allo Sviluppo economico Loredana Capone - ba commentato il segretario regionale
del Pd Puglia, Michele Emiliano, dopo la notizia della decisione presa dalla Commissione Ambiente e Sanità pubblica del Parlamento europeo di destinare
751mila euro alla ricerca multidisciplinare per implementare il
monitoraggio delle piante. nelle
zone colpile dal balleria.
«Si tratta di un primo obiettivo imponante - ha spiegato Enù-
Jiano - molto atteso dagli agricoltori pugliesi e dalle comunità locali, che dimosn-a come il nostro
pat1ito sia in grado di ascoltare
il tenitorio, elaborare una srrategja e trasformarla in realtà. La
~uglia nei_ prossimi anni dovrà
1mpegnars1 fortemente per sostenere gli agricoltori e la ricerca,
valorizzare i prodotti locali e i
Comuni che vorranno fare promozione e le reti di impresa per
i m~rcali esteri. Dobbiamo fare
in modo che i puglie.1.;i mangino
meglio e che il mondo mangi pugliese».
Intanto, pros~e l'attività d i
Coldiretti Lecce, che in questi
giorni ha diffuso centinaia di
opuscoli ed un filmato con le linee guida delle buone pratiche
agronomiche. «Abbiamo sentito
di approfondire e condividere la
necessità di applicare a fondo
ruui i dcnami della buone pratiche agronomiche previste dalla
Regione Puglia per fronteggiare
la diffusione del bat1erio che sta
attaccando e decimando la popolazione olivicola della provincia
di Lecce - ha sottolineato il direttore di Coldireui Lecce, Giampiero Marotta - un'in formazione
semplice ma molrn direna e rivolta alle attività da mettere in
campo per raUentare sensibilmente il problema, limitando
l'uso di prodotti chimici ma rifacendosi semplicemente ad alcune pratiche e tecniche di potatura».
Q~~!~~.Finò
SABATO 22 NOVEMBRE 2014
B1Ìlnuuv111
.Trivelle in mate, la Provfficia çli.Leeée
~hiama araccolta ì Parlamentàfl ·
.~· I parlamentari sorto ·tutti . .. . delle ·prospezioni ·di
invitati e anche i sindad del
idrocarburi liquidi e gassosi
nel Mediterraneo», scrive in .
territorio.salentin0-e i
rappresentanti delle Province · una nota fatta pervenire al
·di Brindisi e .Taranto, che
· presidente Antonio Gabellone.
lunedì prossimo prenderanno · · Nella stessa, Introna comunica
parte a Lecce, all'incontro
che non potrà essere present<.
sulle trivelle convocato dal
all'appuntamento salentino,
presidente della Provincia,
dal momento che per la stessa
Antonio Gabellone, dopo le
data e per lo stesso orario ho
da tempo .convocato, com'è .
istante di ricerca da parte
delle società petrolifere Global noto, un incontro con una ..
Med e Schumberger che
delegazione parlamentare del
riguardano 19 comuni dèlla
Movimento 5 Stelle, per una
riflessione comune sulla nuov-a
basso salento e altri 25 tra
legge elettorale regionale.
Taranto e Leuca. Non Ci sarà
invece la Regione, almeno
nella persona del presidente
· del Consiglio, Onofrio
Introna. Lunedì 24 novembre
è, infatti, fissato in Consiglio
regionale l' incontro chiesto
dai parlamentari 5 Stelle a
Bad sulla legge elettorale
pugliese e il presidente
Introna non potrà partecipare
alla riunione sulle trivelle alla
Provincia di Lecce.
«Apprendo di una ·
convocazione, lum~m 24
novembre, .alle 12, non
concordata in precedenza e
che non ho peraltro riçevutO, ·
per ~ma riunione sul tema
MOBILITATI /
la Provincia di 1
Lecce ha
svolgendo un
ruolo di
coordinamento
delle istanze del
Grande Salento
Author
Документ
Category
Без категории
Views
0
File Size
804 Кб
Tags
1/--pages
Пожаловаться на содержимое документа